La Medicina Ayurvedica (etimologicamente “scienza della vita“), praticata in India negli ultimi 5.000 anni, è un sistema diagnostico-terapeutico comprensivo di medicine che combinano le terapie naturali, con un approccio altamente personalizzato per il trattamento delle varie patologie, fondamentale per affrontare il terzo millennio. Questo tipo di medicina pone identica enfasi sul corpo, la mente e lo spirito, condizione indispensabile per la salute globale.
La chiave di volta della Medicina Ayurvedica è la costituzione individuale (Prakryti), e una volta identificata ci consente di stabilire dei profili personali, che includono la forza e la suscettibilità del singolo soggetto ad ammalarsi.

L’ayurveda si sviluppa in diversi argomenti strettamente legati tra loro, tanto da non poter scinderli tematicamente. In particolare, si compone di: Elementi fondamentali; Unicità dell’individuo; Alimentazione ayurvedica, Stile di vita auyrvedico; Cure ayurvediche e Rimedi ayurvedici. L’asse portante non sono tanto i rimedi – i quali, seppur fortemente enfatizzati in occidente per motivi commerciali, costituiscono se si vuole una parte marginale – quanto lo stile di vita, quindi la filosofia. Con un volo filosofico potremo dire che l’ayurveda e l’antroposofia*, pur essendo radicati uno in oriente e l’altro in occidente, hanno una base comune: sono stili di vita sia esteriori che interiori, e sono medicine complementari. Il successo dell’Ayurveda in occidente è quindi dovuto anche al suo porsi come medicina complementare; come tale si affianca alla medicina tecnologica senza sostituirla.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-dosha

* Antroposofia: medicina naturale-cosmica ad ampio spettro conoscitivo. La malattia è studiata nel suo evolversi corporeo fisico, eterico, astrale e spirituale, nell’arco di un destino che abbraccia più vite terrene.
La terapia comprende rimedi naturali, euritmia curativa, massaggio ritmico, balneoterapia, terapia artistica, pedagogia curativa (minori e handicap).

Tutti vogliono essere sani, in modo da avere le migliori probabilità di realizzare e godere appieno del proprio potenziale nella vita. Ma quello della “salute ottimale” sembra un tema talmente complesso che non sempre è facile sapere come raggiungere questo “sacro graal”.

Sebbene sulle prime possa apparire come un concetto estraneo al nostro modo di pensare, comprendere la propria costituzione fornisce un considerevole aiuto per ottenere la perfetta salute. Nell’Ayurveda, la costituzione individuale è nota come prakriti, che significa “natura” ed è legata alla propria tipologia genetica. L’Ayurveda ci insegna come scoprire qual è la nostra costituzione osservando noi stessi e le nostre sensazioni; una lezione, questa, molto semplice e preziosa in termini di arricchimento individuale.

Scoprendo qual è la nostra vera natura possiamo vivere un’esistenza davvero autentica,
una vita che ci soddisfi e ci permetta di godere di buona salute.

Una persona sana è un individuo in cui corpo, mente e spirito sono integrati tra loro come un tutt’uno unificato. Sebbene a livello linguistico siamo soliti fare una distinzione tra “corpo” e “mente”, in realtà tra i due non c’è alcuna differenza: ad esempio, il nostro corpo è colmo di neuroni che “pensano” e inviano messaggi, così come la nostra mente lavora in modo funzionale e “corporeo” digerendo, assorbendo ed eliminando le esperienze della vita. Questo concetto di “unicità” può espresso utilizzando il termine “corpo-mente”.

Per essere sani è necessario che il sistema ormonale, il sistema immunitario e il sistema nervoso siano integrati tra loro; essi devono funzionare in una sinergia equilibrata che non va né sovraccaricata né sottoalimentata.

Una persona sana ha atteggiamenti costruttivi e un approccio positivo dinanzi a opportunità e difficoltà; inoltre non cessa mai di sperimentare il mistero e le meraviglie dell’esistenza. Una persona sana vive in modo amorevole all’interno del proprio ambiente e nell’ambito della propria cultura, così da ottimizzare la vitalità e il potenziale del “tutto” di cui è parte integrante.

Ecco alcuni dei segnali che ci indicano una salute ottimale:

  • avere un sano appetito e desiderare il cibo in modo equilibrato, senza voglie smodate;
  • apprezzare il gusto degli alimenti e sentirsi appagati dopo aver mangiato;
  • digerire bene senza sintomi di disagio, eruttazioni, flatulenza o “borborigmi” (una parola meravigliosamente onomatopeica che significa “gorgoglii addominali”);
  • avere una voce chiara e limpida;
  • non avvertire dolori o disagio;
  • essere dotati di un corretto funzionamento dei sensi: udito, tatto, vista, gusto e olfatto attivi ed efficienti;
  • avere un incarnato chiaro;
  • eliminare regolarmente feci, urina e sudore;
  • dormire bene e a sufficienza;
  • sentirsi positivi al risveglio;
  • godere di una energia costante con buona resistenza e capacità di fare esercizio fisico;
  • provare entusiasmo e gioia di vivere;
  • essere giovanili e invecchiare lentamente;
  • mantenere l’equilibrio nelle emozioni: essere né troppo felici in caso di successo né troppo tristi in caso di difficoltà;
  • essere di norma compassionevoli, pacifici, amorevoli, generosi e tranquilli.

Secondo l’Ayurveda il corpo fisico è pervaso da tre dosha (energie vitali) in proporzioni diverse. Questi determinano tramite il loro stato di equilibrio o squilibrio rispetto alla costituzione individuale (prakriti) lo stato di benessere o malattia dell’individuo. Ogni dosha è composto da due elementi (panca-mahabhutani) ed ha determinate qualità (guna) che li caratterizzano.

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-tipo-vataIl tipo Vata

Composto da spazio (akasha) e aria (vayu), è il principio del movimento, legato a tutto ciò che è movimento nel corpo (sistema nervoso, respirazione, circolazione sanguigna..).

Le sue qualità sono: freddezza, secchezza, leggerezza, sottigliezza, mobilità, nitidezza, durezza, ruvidezza e fluidità. La sua sede principale è il colon ed i suoi 5 sub-dosha sono: Prana, Udana, Samana, Apana e Vyana.

Le caratteristiche primarie del Vata sono l’intercambiabilità, l’imprevedibilità, la variabilità nella forma, nella taglia, nel carattere e nell’azione. Il Vata tende ad essere slanciato con prominenze a livello delle articolazioni e delle vene, con una cute secca e fredda.

È caratteriale, entusiastico, immaginativo, impulsivo, ha molte idee, ma spesso, il vata è inconcludente. Il vata mangia e dorme in maniera molto nomade ed è molto predisposto all’ansia, l’insonnia, i disturbi premestruali (dismenorrea) e la costipazione, la sua energia è presente in modo irregolare, rendendo la sua esistenza variabile per eccellenza.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-esempioEsempio: il vata apana risiede nella colonna vertebrale, nel retto, nella vescica e nei genitali. Governa la minzione, la defecazione, le mestruazioni e il movimento del feto in uscita dall’utero. Secondo l’ayurveda, uno squilibrio di questo tipo di vata causa disturbi cono-rettali, urogenitali ed intestinali.

 

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-tipo-pittaIl tipo Pitta

Composto da fuoco (tejas) e acqua (jala), è il dosha legato alla trasformazione, alla digestione intesa sia a livello fisico (stomaco, fuoco digestivo detto anche agni) che mentale (elaborazione delle emozioni).

Le sue qualità sono: caldo, untuoso, leggerezza, sottigliezza, mobilità, nitidezza, morbidezza, levigatezza, chiarezza e fluidità. La sua sede principale è l’intestino tenue ed i suoi 5 sub-dosha sono: Pacaka, Ranjaka, Sadhaka, Alochaka e Bhrajaka.

Pitta è relativamente prevedibile, di media corporatura, forza e resistenza, ben proporzionato, con carnagione rubiconda.

Il pitta ha una intelligenza rapida, articolata, acuta e può essere molto critica o passionale con brevi ed esplosivi scatti d’ira. Il pitta è un mangiatore e un dormitore regolare, ama il sole ma soffre il caldo e di disturbi a livello gastro-duodenale.

Esempio: il pitta sadhaka risiede nel cuore e governa l’intelligenza, l’intelletto, la creatività, la memoria, l’autostima, l’abilità di ottenere risultati, e gli atteggiamenti romantici. Non si è ancora a conoscenza se questo pitta, che governa le funzioni mentali più che quelle fisiche, sia il cuore stesso o agisca per tutto il corpo. Uno squilibrio mina il buon funzionamento delle suddette funzioni.

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-tipo-kaphaIl tipo Kapha

Composto da acqua (jala) e terra (prithvi), è il dosha legato alla coesione, al tener unito, è proprio dei fluidi corporei, lubrifica e mantiene il corpo solido ed uniforme.
Le sue qualità sono: freddezza, umidità, pesantezza, grossolanità, stabilità, opacità, morbidezza, levigatezza e densità. I suoi cinque sub-dosha sono: Kledaka, Avalambaka, Bodhaka, Tarpaka e Slesaka.

Caratteristica fondamentale del Kapha è il rilassamento. Il kapha è solido, pesante, forte, con digestione lenta, capelli abbastanza grassi, cute fredda, plicabile e pallida. Tutti i kapha sono lenti nel digerire, nel mangiare e nell’agire, dormono a lungo e profondamente, tendono a procrastinare ed ad essere ostinati e sono predisposti a livelli alti di colesterolo, obesità, allergie. Molti individui presentano una costituzione in cui si evidenziano percentualmente due o tre dosha (es. vata-pitta o pitta-vata), più rara è l’evenienza in cui vi è solo un dosha.

Esempio: il tarpaka kapha risiede nel cervello, e ne mantiene la forza. Uno squilibrio provoca mal di testa, nausea, insonnia, vertigini, diarrea e disturbi mentali.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-equilibrio-dosha

Quando i dosha sono in equilibrio e in accordo con la costituzione, il risultato è una salute vibrante con preziosi livelli d’energia.

Ma quando questo delicato equilibrio è disturbato, il corpo diventa suscettibile agli “stressors” esterni, come virus, batteri, sovraccarico nel lavoro, scorretta alimentazione. Lo squilibrio nei dosha è il primo segno che lo spirito, la mente e il corpo non sono in perfetta coordinazione. Una scorretta alimentazione, provocherà un’alterazione di agni (il fuoco gastrico) e quindi la non corretta digestione del cibo con conseguente formazione di tossine (ama). L’accumulo di ama provocherà in seguito la malattia.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-medicina-ayurvedica

Secondo la Medicina Ayurvedica, l’alimentazione dovrà essere in accordo con la costituzione individuale (prakryti).
Per un soggetto vata benefico è un cibo dolce, aspro e salato, per pitta è adatto quello dolce, amaro e astringente, invece per gli individui kapha si dovrebbe scegliere un cibo dal gusto pungente, amaro e astringente.

Anche le stagioni ed il ritmo circadiano (nell’arco delle ventiquattro ore) sono presi in considerazione nell’ayurveda, così suggerimenti dietologici sono spesso prescritti con questa prospettiva ben chiara in mente.

La Medicina Ayurvedica considera primario il ripristino della salute, dopo aver compreso ed ovviamente, correttamente diagnosticato quali sono i disturbi dello squilibrio corporeo. Dopo la diagnosi, possono essere quattro i principali metodi per trattare una patologia dal punto di vista ayurvedico:
“L’equilibrio dei fattori che compongono gli esseri viventi genera la salute mentre il loro squilibrio è conosciuto come malattia. La salute è definita felicità, la malattia infelicità”. ( Charaka Samhita, Sutrasthana IX, 4).

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-dosha-saluteL’equilibrio dei dosha, causa della salute
Come descritto mirabilmente nei versi di Sushruta: “Chi ha i dosha in equilibrio, la digestione e i processi metabolici equilibrati, normali funzioni dei tessuti corporei e degli escreti, i sensi, la mente e la coscienza permeati di purezza, è chiamata persona sana (swastha)”.

La causa della salute è quindi l’equilibrio dei dosha che a sua volta dipende dall’uso equilibrato di:
• tempo (kala);
• contatto dei sensi con i loro oggetti (artha);
• azione (karma).

In pratica bisogna evitare di fare un uso eccessivo, carente o improprio di tempo, sensi e azione favorendo un uso equilibrato degli stessi e applicare il samayoga cioè unione (yoga) equilibrata (sama); questi fattori rappresentano nell’insieme la regola d’oro per mantenere la salute.
Mantenere l’equilibrio dei dosha significa mantenere l’equilibrio degli elementi che costituiscono il corpo (aria, fuoco, acqua, ecc.) rimanendo nella propria costituzione originale chiamata prakriti. La conoscenza della prakriti personale è un elemento fondamentale per poter scegliere la dieta, lo stile di vita e le attività adatte alla propria natura.

I tre pilastri della salute: cibo, sonno, vita sessuale regolata

I tre dosha con le loro funzioni di movimento (vata), metabolismo (pitta) e coesione (kapha) sono i tre pilastri (tri-stambha) su cui si regge il corpo.

A questi tre pilastri se ne aggiungono altri tre con un ruolo sussidiario altrettanto importante nel mantenimento della salute, chiamati tri-upastambha o tre pilastri accessori.
Essi sono:
cibo (ahara);
• sonno (nidra);
• vita sessuale regolata (brahmacharya).

separatore_grigio

L’orologio temporale dell’ayurveda

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-orologio-temporale

ULTERIORI LINEE GUIDA PER UNA VITA SANA SECONDO I PRINCIPI DELL’AYURVEDA

  • E’ preferibile esprimere per iscritto un sentimento od un pensiero particolare, piuttosto che reprimerlo
  • Non dormire supini o proni; per i centri di energia del corpo è meglio dormire su un fianco;
  • Non leggere a letto. Ciò danneggia la vista e riempie la mente di pensieri attivi nel momento in cui dovrebbe calmarsi.
  • Non cercare di coprire l’odore del corpo con deodoranti o altre sostanze; piuttosto risolvere la causa dell’odore.
  • Stare sdraiati supini sul pavimento, con dei libri tascabili sotto la testa, per 15 minuti al giorno. Questo allinea la schiena, il collo e la testa, e calma il corpo e la mente.
  • Evitare la masturbazione eccessiva, in quanto porta a squilibri di vata. Evitare di avere rapporti sessuali durante il ciclo mestruale, poiché anche questo porta a squilibri di vata.
  • Durante il ciclo si consiglia alle donne di evitare esercizi fisici estenuanti, comprese le posizioni yoga più difficili, quali la candela. Evitare il sesso orale e anale, considerato dall’Ayurveda non naturale ed antigienico.

separatore_grigio

CONTROINDICAZIONI DELLA MEDICINA AYURVEDICA
L’ayurveda raccomanda di usare solo rimedi e trattamenti naturali a base di erbe, che presentano poche controindicazioni. Molte di queste si basano sul buon senso (ad esempio le donne in gravidanza, i diabetici, i bambini piccoli e gli anziani non devono essere sottoposti a terapie purgative ed emetiche di panchakarma). E’ importante ricordare che le cure ayurvediche devono essere prescritte solo da medici qualificati e che il paziente non dovrà interrompere la terapia di farmaci prescritta senza prima consultare il proprio medico di base.

Bibliografia: appunti de corso di laurea in Scienze e Tecnologie dei prodotti dietetici e cosmetici, Università di Ferrara, prof. Alessandro Bruni

(fonti: ayurveda.com , ayurveda.htm, my-personaltrainer)


 

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-controindicazioni

IL MIRACOLOSO OIL PULLING – CHE COS’È?
(fonte: Marco Giai-Levra)

Dentista addio per sempre! Insieme a innumerevoli altre patologie!! Assolutamente un MUST!!!!

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-oil-pullingL’oil pulling è un’antica procedura ayurvedica, un semplice rimedio naturale conveniente ed economico che consiste in un risciacquo orale praticato con olio di girasole, il cui effetto finale dà immensi benefici alla salute orale e sistemica (le malattie sono dette sistemiche o autoimmuni quando sono diffuse a tutto il corpo).

Questa tecnica è menzionata nel testo ayurvedico Charaka Samhita dove è chiamata Kavala Gandusha o Kavala Graha: in questi testi si afferma che questa procedura è in grado di curare circa 30 malattie sistemiche che vanno dal mal di testa all’emicrania, al diabete e all’asma.

Si tratta di un formidabile e antico rimedio naturale in grado di ripristinare e di mantenere la salute in generale.

Il metodo per praticare l’oilpulling (risciacquo orale con olio) è estremamente semplice, eppure ci sono molte idee sbagliate su molti suoi aspetti. Con questo mio articolo spero di fornire tutte le informazioni necessarie in modo esauriente.
L’effetto di questo processo di guarigione si sviluppa dall’intenso movimento dell’olio nella cavità orale.

Molte malattie croniche con proliferazione di germi, o foci infiammati (il focus o focolaio è una parte o area di tessuto connettivo cronicamente alterato che contiene materiale organico e inorganico, e che sostiene malattie anche lontane dal focolaio stesso; nel caso dei denti si tratta di foci dentali), tendono ad attaccarsi alle radici dei denti. I denti e le loro radici si estendono molto all’interno dell’osso della mascella e nelle sue cavità. Queste cavità rappresentano e sono il sistema di difesa proprio del corpo umano.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-oil-pulling-microbiI microbi entrano dai colletti dentali, e in queste cavità trovano un ambiente umido, caldo e poco vascolarizzato, ossia le condizioni ideali al fine di stabilirsi e proliferare, condizioni causate dalla continua espulsione di tossine e muco, provocata da decenni di errate abitudini alimentari. Questo fenomeno sviluppa i cosiddetti “foci dentali”, che danneggiano il corpo con i loro prodotti metabolici. Quando il sistema immunitario è debole, il branco si moltiplica e prolifera.

Quando lesioni più grandi sono radiograficamente visibili, queste hanno per riflessologia degli effetti negativi sugli organi interni, anche a distanza; non solo tali lesioni danneggiano i denti ma attraversano e costipano il metabolismo e il sistema immunitario.

separatore_grigio

Ogni dente è riflessologicamente assegnato ai vari organi interni.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-denti-arcata-superiore

Il movimento dell’olio di girasole in bocca dovuto alla pratica del risciacquo orale, provoca un marcato irroramento della mucosa e dei tessuti. Vitamine e minerali dell’olio di girasole possono venire in parte assorbiti dalle membrane delle mucose (anche se la quantità sia contenuta, che assorbita è limitata), ma soprattutto e contemporaneamente i semi oleosi assorbono le tossine dai colli di denti e gengive e le rimuovono dal corpo.

L’oilpulling ripristina la microflora e le cellule, e quindi i tessuti e gli organi possono rigenerarsi.

L’oilpulling aiuta a lungo termine con:
le sindromi da debolezza immunitaria
gli stati fisici e psicologici di debolezza in genere e le malattie che possono derivare da essi.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-dentiSecondo il Dott. F. Karach con il metodo dell’oilpulling i report registrati trattando le seguenti malattie sono positivamente senza precedenti:

  • mal di testa
  • bronchiti
  • trombosi
  • malattie croniche del sangue
  • artrite e altre malattie reumatiche
  • eczemi, ulcere dello stomaco
  • malattie croniche intestinali
  • malattie cardiache
  • malattie ginecologich
  • malattie neurologiche
  • malattie del fegato

Preventivamente allo stesso tempo le degenerazioni dei tessuti tumorali che provocano un pericolo per la vita sono impedite. Le malattie tumorali in genere sono prevenute e impedite.

L’oilpulling trova le sue radici nella scienza dell’ Ayurveda che risale a circa 5.000-10.000 anni fa, ed è ampiamente considerato come la più antica forma di assistenza sanitaria in tutto il mondo. La conoscenza dell’Ayurveda si è diffusa dall’India e ha influenzato il sistema antico cinese, la medicina Unani, e la medicina umorale praticata da Ippocrate in Grecia. La medicina Unani è originaria greca ed è basata fondamentalmente sui principi promossi da Ippocrate e da Galeno. Nei secoli successivi pensatori arabi e persiani arricchirono le conoscenze e le metodologie della medicina Unani, tra questi spicca il nome di Avicenna. Il nome corretto e completo di questo sistema medico è “Unani Tibb”: Unani deriva da una parola araba che significa “greco o ionico” rivelando così già dal nome le origini di questa scienza, mentre Tibb significa appunto medicina.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-oilpullingPer capire come funziona l’oilpulling, abbiamo bisogno di capire come funziona l’Ayurveda e i suoi principi fondamentali. Il termine Ayurveda è composto da due parole in sanscrito, le cui radici sono: AYUS == VITA / LONGEVITÀ e VEDA == CONOSCENZA / SCIENZA.

Lo scopo di ciascuna pratica è quello di aiutare l’individuo a raggiungere la longevità, il ringiovanimento e l’auto-realizzazione, la meta finale di questa vita. Sia l’Ayurveda che lo Yoga servono come mezzo per armonizzare il corpo fisico in modo che i poteri della nostra Coscienza interiore possano entrare in azione attraverso di essa. Si tratta di una scienza senza tempo, in quanto si basa sulla saggezza eterna.

È la medicina della natura basata sulla filosofia Samkhya (SAT = verità, KHYA = conoscere).

separatore_grigio

I tre dosha

La costituzione di base di ogni individuo è chiamata prakriti o prakruti (natura, creatività o prima creazione). Essa è determinata al momento del concepimento secondo le diverse proporzioni e percentuali degli elementi Aria, Fuoco e Acqua all”interno del corpo umano.

Questa dipende da:

  • Karma / Azioni compiute nella vita precedente
  • Beeja dei genitori / semi (ovulo, sperma e geni)

Tale costituzione è l’equilibrio intrinseco dei tre Dosha, o energie sottili biologiche che regolano le funzioni del corpo, conosciuti come:

  • Vata (movimento-aria)
  • Pitta (metabolismo-bile)
  • Kapha (coesione-muco)

I dosha si formano nel corpo dal cibo introdotto e da altri processi fisiologici, e regolano migliaia di funzioni separate del sistema mente-corpo. L’equilibrio dei dosha (la loro quantità o proporzione, qualità, e funzione rispetto all’altro) è essenziale per la salute ottimale e la prevenzione di ogni malattia. La costituzione di un individuo e della personalità è determinata da una combinazione unica di questi tre Dosha. La costituzione determina che cosa causerà squilibrio e la suscettibilità specifica per ogni tipo di malattia.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-equilibrio-alimentazioneIl dosha rimane invariato per tutta la vita dell’individuo, simile ad un’impronta digitale / energetica. Ogni persona è unica, la diversa percentuale delle manifestazioni delle proprietà a livello fisico e mentale della Prakriti (natura di ogni essere umano) è di sette tipi: sia singolo dosha predominante, sia una combinazione di due o di tutti e tre i dosha abbinati. Quando il corpo interagisce con i fattori esterni del mondo, come ad esempio il tempo, l’ora del giorno, la dieta, stress / fattori emotivi, gli elementi subiscono un cambiamento pato-fisiologico in risposta, e vanno fuori equilibrio, fenomeno chiamato Vikriti o disarmonia.

Ogni persona ha una situazione unica e il fenomeno attraverso cui lui o lei risponde a questa situazione riguarda gli squilibri che si manifestano nel corpo e nella mente. L’Ayurveda porta questi squilibri fisiologici allo stato perfettamente bilanciato per la nostra costituzione originaria. A poco a poco vediamo i sintomi e le malattie che tornano sotto controllo e scompaiono.

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-letteratura-anticaLa Letteratura antica su cui si basa l’Ayurveda

La prassi attuale e la conoscenza dell’Ayurveda si basano su tre testi classici scritti in sanscrito, in primo luogo laCharaka Samhita (circa 1500 aC), che ha classificato oltre 200 malattie, 150 condizioni patologiche e difetti congeniti. Questo sistema di catalogazione è molto coerente con gli attuali criteri di classificazione delle malattie (“WHO disease classification criteria”, Mishra, Singh, Dagenais, 2001). La Sushruta Samhita (1500 aC), che descrive 1.120 malattie e 127 diversi tipi di strumenti chirurgici, e l’Ashtanga Hridayam (500 dC) sono gli altri due testi classici che si occupano rispettivamente di chirurgia e medicina interna.

Le forme che sono state incorporate e da noi datate come molto tarde (non prima dei primi secoli dopo Cristo) si erano adattate a scoperte come più recenti.

L’Ayurveda trova le fondamenta del suo processo di validazione scientifico enfatizzando il metodo delle “osservazioni ripetute” e la relativa accettazione dei dati racccolti, considerati affidabili solo se di consistenza uniforme e senza contraddizioni.

Le più antiche scritture ayurvediche di Athreya e Agnivesha sono ritenute perse. Ci sono tre principali riorganizzatori dell’Ayurveda, le cui opere esistono ancora e sono attualmente in uso. Queste opere sono state compilate nei testi chiamati Chakra, Sushruta e Vaghbata Samhita. L’oilpulling è stato citato per la prima volta nel Charaka Samhita e nell’Arthashastra di Sushruta, risalente a un periodo compreso tra il quarto e il secondo secolo avanti Cristo, dove era una procedura ampiamente raccomandata dall’Ayurveda denominata Kavala graha o Kavala gandoosha. Un tipo specifico di oilpulling chiamato “Roopana Gandoosha” è stato citato nell’Ashtanga Sangraha e dove si dice che abbia proprietà curative odontoiatriche. Nell’Ayurveda questo processo viene indicato per curare circa 30 malattie sistemiche come mal di testa, emicrania di ipertensione, diabete, asma, malattie cardiovascolari, ecc.

Fondamentalmente l’oilpulling rallenta il processo di invecchiamento ed è indicato anche come strumento per eliminare dal corpo le tossine, come l’arsenico ad esempio. L’arsenico è un elemento chimico naturale che si trova nella crosta terrestre. Quando combinato con altri elementi, si formano due tipi di arsenico: quello organico e quello inorganico. Le persone sono esposte a entrambe le forme di arsenico attraverso il cibo, l’acqua potabile e l’aria. L’arsenico organico non è considerato dannoso per l’organismo, mentre l’arsenico inorganico è tossico, soprattutto se assunto in dosi elevate.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-oil-pulling-effetti

separatore_grigio

Oil pulling, la pratica – istruzioni in sintesi

Ecco una breve sintesi della semplice ma formidabile procedura disintossicante, che vi permetterà di non vedere più il dentista, seccare le carie e risolvere innumerevoli sintomi di malattie e fastidi vari, donandovi un senso di benessere e annientando tutti gli stati di debolezza cronici.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-oil-pulling-istruzioniMateriale necessario: olio rigorosamente biologico e spremuto a freddo di girasole, cocco o sesamo. Hanno effetti diversi ma sono tutti e tre efficacissimi, si possono anche combinare o alternare. L’olio d’oliva non è indicato per questa operazione e non è molto efficace; tuttavia si può inizialmente utilizzare in mancanza degli altri, ma solo con l’idea di sostituirlo al più presto.
Cosa: l’oilpulling consiste in un risciacquo orale della durata di circa 20 minuti, effettuato con olio biologico e spremuto a freddo di girasole, sesamo o cocco.

STEP 1: Mettere in bocca da 1 a 2 cucchiai grossi di olio e iniziare a fare un risciacquo, tipo colluttorio, della durata di 20 minuti. Dopo questo tempo la soluzione in bocca diventa meno densa perchè diluita con la saliva, mentre il movimento e l’emulsione trasformeranno nel frattempo il liquido in un fluido biancastro.

STEP 2: Questo è il momento in cui diventa necessario sputare l’olio, possibilmente nel WC e tirando contemporaneamente l’acqua, in modo da non far sostare quel concentrato di tossicità nella nostra casa, ponendo attenzione nel non ingerirlo, in quanto carico di tossine raccolte dal corpo e fatte spurgare dalle gengive. Tuttavia se per errore ne venisse ingerito un minimo non preoccuparsi. Se la soluzione liquida non ha le caratteristiche di colore e densità indicate, ossia se risulta ancora giallastra e densa, allora significa che è necessario più tempo di risciacquo. In genere è meglio non sbordare troppo oltre i 20 minuti perchè può avvenire anche un fenomeno di “riassorbimento” del materiale divenuto ormai tossico.

STEP 3: Una volta sputato il fluido bisogna rimuovere dalla lingua la patina tossica che si è nel frattempo formata con l’ausilio di un raschietto da lingua o un cucchiaio.

STEP 4: Appena dopo è consigliato un veloce massaggio delle gengive praticato con il dito indice, seguito da un risciacquo di 10 secondi fatto con acqua e qualche granello di sale oppure con acqua e bicarbonato, unicamente a scopo disinfettante.

STEP 5: Opzionalmente si può concludere bevendo acqua o acqua calda per pulire. Oppure, avendo provocato l’aumento del fuoco gastrico (che significa aumento di vitalità, e digestione più forte e veloce del normale) è possibile adesso mangiare o bere.

Quando: il momento migliore è al mattino a digiuno, appena svegli. A parte “parlare” è possibile compiere una moltitudine di attività come lavarsi, vestirsi, fare ginnastica o yoga, preparare la colazione e molte altre; per questo motivo è una pratica di facile attuazione, comoda e non “ruba” tempo prezioso.

È possibile praticare l’oilpulling da uno a tre volte durante il giorno, a patto che ci si trovi in condizioni di stomaco vuoto e digestione precedente completata. Tempo necessario: circa 20 minuti.

approfondimentoApprofondimento


erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-innerlife

La cooperativa Ananda Assisi nasce con il marchio Inner Life nel 1993 grazie alla volontà di alcuni membri della Comunità Ananda di Assisi.

Ananda Assisi fa parte di una rete internazionale di centri e comunità fondati a partire dal 1968 da Nayaswami Kriyananda (J.Donald Walters), discepolo diretto del mistico indiano Paramhansa Yogananda(1883-1952), per promuovere gli insegnamenti del Kriya Yoga e della vita comunitaria realizzata con alti ideali applicati a una vita semplice.

L’opera di Ananda Assisi include una comunità spirituale (l’unica comunità Ananda in Europa) composta da circa ottanta residenti con svariate attività commerciali (tra cui una scuola e una casa editrice), un ritiro che offre programmi durante tutto l’anno, conferenze e seminari in diversi Paesi anche extraeuropei, gruppi di meditazione in Italia e all’estero, un coro riconosciuto a livello internazionale, programmi di yoga in Europa e India (realizzati con l’Ananda Yoga Academy) con attività di formazione per insegnanti yoga, attività spirituali per bambini, genitori e insegnanti.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-innerlife-marchioIl marchio Inner life viene creato per promuovere “prodotti per una nuova coscienza”, la coscienza che si sta diffondendo sempre di più in tutto il mondo, una coscienza che in questo contesto storico spinge ognuno di noi a compiere scelte importanti nel proprio microcosmo individuale, prediligendo uno stile di vita semplice legato alla natura, possibilmente coltivando il proprio cibo, scegliendo soluzioni energetiche alternative, ricercando la propria identità spirituale attraverso la ricerca interiore e di gruppo.

In India Inner life sostiene progetti equosolidali legati all’istruzione dei bambini delle caste più povere e delle minoranze non riconosciute, dando la possibilità a migliaia di famiglie indiane di sostentarsi producendo artigianato e tessuti fatti a mano, sotto la supervisione del governo.

Inner life dopo oltre 15 anni di attività nel mondo dello yoga e del naturale è oggi un punto di riferimento per chi sceglie un’alta qualità di vita legata alla semplicità e alla natura, alla spiritualità e allo yoga, alla ricerca interiore e alle medicine alternative, scegliendo un nuovo modello di vita che includa il benessere di tutti.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-innerlife-yogaInner life però distribuisce i suoi prodotti in Italia a oltre 1.600 negozianti (erboristerie, negozi alimenti bio, centri estetici e centri benessere, negozi etnici e librerie) attraverso una rete vendita con oltre 20 agenti e 2 distributori in tutta Italia.
Inner Life è inoltre importatore diretto da India, Pakistan, Cina, Brasile, Francia, Germania, Inghilterra, Austria ed esporta in molti paesi europei ed extraeuropei. E’ produttore di alcuni tra i più venduti accessori per lo yoga come tappeti e cuscini per la meditazione affermandosi come principale punto di riferimento nel mondo dell’alternativo e dello yoga.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-innerlife-integratori erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-innerlife-marchio

Integratori

I cibi ricchi e nutrienti sono alla base della buona salute ed è perciò fondamentale saper scegliere il meglio che la natura ci offre nella sua forma migliore. Purtroppo a causa degli stili di vita moderni e lo scarso valore nutrizionale del cibo, può essere difficoltoso fornire al nostro corpo tutto quello di cui ha bisogno per prosperare. Gli integratori hanno questa funzione, di andare quindi a integrare quelle sostanze che non si riesce a prendere dal cibo. Tutti i nostri integratori sono biologici e naturali, contengono materie prime come frutta, verdura, semi, radici, opportunamente selezionate e miscelate con diverse metodologie.

CONTROLLI DI QUALITÁ PER PORTARVI I MIGLIORI RIMEDI ERBORISTICI

L’impegno nella ricerca della qualità è fondamentale nel nostro lavoro. Abbiamo numerose procedure per assicurarci che le erbe che ci procuriamo siano della più alta qualità e della massima efficacia.

Good Manifacturing Practice (GMP) è un sistema che garantisce che i nostri rimedi siano sempre prodotti e controllati in modo da soddisfare gli alti standard di qualità, necessari all’utilizzo a cui sono destinati, cioè offrire rimedi sicuri ed efficaci per trattare i vostri pazienti. Se volete ottenere i migliori risultati dovete essere certi di usare i migliori ingredienti.

Le tecniche di coltivazione sono praticate in accordo con la certificazione Organic Standards (comitato che definisce gli standard biologici) così come la Good Agricolture e Collection Practices (GACP), organismi che regolamentano la coltivazione, la raccolta e la trasformazione di prodotti agricoli e così realizzate:

• Selezione della migliore qualità di semi e attrezzature agricole, selezionati da uno specialista qualificato.

• Giusti tempi di raccolta per massimizzare la qualità.

• Sostenibilità dei metodi di raccolta misurata e controllata.

• Corretti metodi di essiccamento praticati per ottimizzare la vitalità e concentrare i principi attivi.

• Identificazione botanica ufficiale delle specie da botanici autorizzati.

• Corretta identificazione di ogni specie erbacea, effettuata utilizzando le più rilevanti metodologie quali l’analisi macroscopica, l’analisi microscopica, test della cenere, contenuto di umidità, cromatografia degli strati sottili (TLC), cromatografia liquida ad alta prestazione (HPLC).

• Conformità con la farmacopea ayurvedica indiana.

• Conformità con gli standard della farmacopea europea

• Test organolettici effettuati dai nostri ricercatori esperti in ayurveda ed erboristi, per assicurarci che il gusto (Rasa) e l’azione (Vyria) corrispondano a quelli stabiliti, e che l’indagine “sensoriale” sia corretta; l’identificazione visiva, il colore, l’odore e la friabilità sono tutti indicatori della qualità della pianta.

• Le analisi microbiologiche corrispondono ai nostri standard di controllo qualità.

• Le analisi sui metalli pesanti e i pesticidi corrispondono ai nostri standard di controllo qualità.

• Ogni specie diventa un prodotto specifico che si deve conformare a questi standard su base sempre ripetibile.

SOLO QUANDO OGNI ERBA POSSIEDE QUESTI REQUISITI LA RENDIAMO DISPONIBILE PER VOI.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-innerlife-requisiti

separatore

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-ashwagandhaWithania Somnifera (Ginseng Indiano)
Confezione da 60 capsule
Prezzo: € 24,00
pulsante_acquista2

L’Ashwagandha viene usata nella scienza Ayurvedica per ridurre gli squilibri psicofisici dovuti a stati di stress e ansietà. Ingredienti per capsula: Radice di Ashwagandha* Withania Somnifera 400mg.(*certificata biologica).

La Withania somnifera, anche conosciuta con il nome di ginseng indiano, ciliegia d’inverno o ashwagandha, è una pianta appartenente alla famiglia delle Solanaceae, la stessa del pomodoro e della belladonna.
E’ un arbusto con fiori verde-giallo e bacche di colore variabile dal giallo-arancio al rosso a seconda dello stadio di maturazione; è diffusa in Asia orientale, India e Africa, ma anche nell’area del Mediterraneo (cresce spontanea in Sicilia e Sardegna).
I principi attivi sono concentrati soprattutto nelle radici (parte più utilizzata) e nelle bacche, ma anche nelle foglie e nel fusto e la loro concentrazione varia a seconda della parte della pianta da cui vengono estratti.

Nella medicina tradizionale è stata utilizzata come afrodisiaco, tonico per il fegato, antinfiammatorio, astringente e, più di recente, nel trattamento della bronchite, dell’asma, dell’ulcera, dell’insonnia e della demenza senile.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-withaniaLa Withania somnifera è chiamata ginseng indiano poiché viene utilizzata nella medicina ayurvedica pressapoco nello stesso modo in cui il ginseng è utilizzato nella medicina cinese.
Gli effetti biologici e farmacologici della Withania somnifera sono da attribuire a particolari sostanze chiamate witanolidi, che sembrerebbero esercitare un’attività immunostimolante e antimicrobica (correlata alla stimolazione dell’attività di cellule del sistema immunitario), antiinfiammatoria, anticonvulsivante (per azione su particolari siti nel sistema nervoso centrale) e “adattogena”, cioè in grado di inibire alcuni effetti indotti dallo stress a livello del sistema nervoso centrale aumentando la resistenza e la capacità di “adattamento” dell’organismo posto in condizioni sfavorevoli.
Altri effetti farmacologici osservati in laboratorio sono la riduzione della colesterolemia, aumento della frequenza e forza di contrazione del cuore e persino inibizione della proliferazione delle cellule tumorali e dei vasi sanguigni che le nutrono. La radice sembra avere effetti sedativi.
Nessuno degli effetti per i quali viene tradizionalmente impiegata tuttavia è stato confermato da studi clinici adeguati.
Attualmente la Withania somnifera è presente in molti prodotti proposti come tonici ed adattogeni per i momenti di stress o stanchezza psicofisica (ad esempio convalescenza, esami, prove sportive ecc..), in caso di esaurimento nervoso, depressione, perdita della memoria, impotenza causata dall’affaticamento e come antinfiammatorio per il trattamento di disturbi muscoloscheletrici (per es. artrite o reumatismi).

La radice di Withania somnifera è presente nell’elenco degli estratti vegetali ammessi dal Ministero della Salute negli integratori alimentari.
Non si conoscono restrizioni particolari nell’uso del ginseng indiano o dei suoi principi attivi in Italia, sebbene in un disegno di legge del 1996 (Norme in materia di erboristeria e di piante officinali) i semi di questa pianta siano inseriti in un elenco di prodotti non vendibili in erboristeria.

Dosaggi elevati di preparati a base di Withania somnifera possono causare disturbi gastrointestinali, vomito e diarrea e negli studi condotti negli animali da laboratorio hanno provocato una riduzione del riflesso della respirazione (depressione respiratoria) come conseguenza di un eccessivo effetto sedativo.
È stato riportato in letteratura il caso di una donna di 32 anni che, in seguito all’assunzione di Withania somnifera per il trattamento della sindrome da fatica cronica, ha manifestato i sintomi di un eccesso di ormoni tiroidei nell’organismo (tireotossicosi) risoltisi spontaneamente alla sospensione del trattamento.

In caso di trattamento farmacologico in corso, consultare sempre il medico o il farmacista per scongiurare possibili interazioni, soprattutto in considerazione del fatto che la Withania somnifera può avere un effetto sedativo e può interagire con l’alcol e moltissimi farmaci (ansiolitici, sonniferi, anticonvulsivanti, antidepressivi, antipsicotici).
E’ inoltre consigliabile sospenderne l’assunzione in prossimità di eventuali interventi chirurgici che prevedono l’anestesia generale.

L’uso in gravidanza è sconsigliato perchè può avere effetti abortivi.

separatore_grigio

Ashwaganda, pianta usata da secoli nella medicina ayurvedica (fonte: http://guide.supereva.it).

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-ashwagandha-pianta

L’Ashwagandha è una pianta dalle proprietà neuroprotettive, efficace contro il Parkinson, l’Alzheimer e con molte altre proprietà benefiche. Capita spesso di sentir decantare le proprietà eccezionali di varie piante e, prima di entusiasmarsi, è bene controllare con una sana dose di scetticismo. E’quello che ho fatto quando ho letto gli effetti attribuiti ad una pianta da secoli impiegata nella medicina ayurvedica, l’Ashwagandha (Withania somnifera). Un accurato controllo degli studi e delle ricerche effettuate su questa pianta mi ha tuttavia convinta che una buona parte delle lodi sembra in realtà giustificata.

Inoltre i benefici che si attribuiscono all’Ashwagandha (ed è soprattutto questa circostanza che mi ha indotta ad approfondire con cura l’argomento) riguardano proprio alcune delle malattie che affliggono maggiormente la società moderna, alle prese con i problemi legati all’invecchiamento della popolazione, e cioè il morbo di Parkinson e l’Alzheimer, come pure i problemi di nervosismo, depressione, insonnia ecc. Finché non si troveranno rimedi più efficaci contro questi problemi, potrebbe quindi valer la pena di provare anche con l’Ashwagandha (naturalmente solo dopo aver parlato con il proprio medico e semmai in aggiunta e non in sostituzione delle altre medicine). Nelle dosi giuste non fa male, come provato sia da studi su animali (6) sia dal fatto che è usata da secoli nella medicina ayurvedica (soprattutto come blando calmante, che agevola il sonno)

In casi d’ansietà e depressione, un’amministrazione controllata per cinque giorni di questa pianta ha dimostrato un’attività ansiolitica simile a quella ottenuta con il lorazepam (Benzodiazepine) ed effetti antidepressivi analoghi a quelli del preparato farmaceutico imipramina (Tofranil) (1).

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antistress-depressione-sintomiIn una sperimentazione su larga scala (2) sono stati studiati gli effetti di questa pianta sulle conseguenze negative dello stress (compreso l’aumento dell’ormone dello stress, il cortisone). I risultati sono stati impressionanti: riduzione del livello del cortisone del 26%, diminuzione del tasso di zucchero nel sangue al mattino a digiuno e miglioramenti nei profili lipidici.

Negli ultimi 5 anni l’Istituto di Medicina Naturale dell’Università giapponese di Toyama ha condotto ricerche approfondite sui benefici dell’Ashwagandha sul cervello, riscontrando una significativa rigenerazione degli assoni , dei dendriti e delle sinapsi delle cellule neuronali, traendone la conclusione che questa pianta costituisca un potenziale trattamento per malattie neurodegenerative come l’Alzheimer ed il Parkinson.(3)

Uno studio precedente (4) aveva dimostrato che l’Ashwagandha inibisce l’acetilcolinesterase, un enzima responsabile della degradazione di uno dei messaggeri chimici chiave nel cervello. Le medicine attualmente usate contro l’Alzheimer, come l’Aricept, agiscono appunto in base a questo meccanismo. In aggiunta a questi documentati effetti neuroprotettivi e rigenerativi, un recente studio effettuato per ora solo “in vitro” (cellule in condizioni di laboratorio), ha dimostrato che la withaferina A. contenuta nell’Ashwagandha, avrebbe proprietà di inibizione della crescita di cellule tumorali del seno e del colon ancora più forti di quelle di preparati a base di doxorubicina (Caelix, Myocet).(5)

I principi attivi contenuti nella pianta appartengono al gruppo degli alcaloidi e lattoni steroidei. I lattoni comprendono una categoria di costituenti chiamati withanolidi. Ad oggi sono stati identificati e studiati 35 withanolidi ed un buona parte delle proprietà benefiche della pianta è attribuita a due di questi, la withaferina A e il withanolide D.

Infine, come se ciò non bastasse, oltre ai benefici per problemi sopra citati sono state dimostrate forti proprietà antimicrobiche contro numerosi ceppi batterici, compresa la salmonella. E’ comunque una caratteristica delle piante, che contengono fitocomplessi dalle proprietà variegate, il poter agire contro una vasta serie di problemi, a differenza dei preparati farmaceutici di sintesi, che agiscono magari in modo più forte, ma in modo molto specifico contro una sola patologia.

erboristeriarcobaleno salute benessere antidolore bellezza schio (38)

Riferimenti

(1) Bhattacharya SK et al. “Anxioliytic-antidepressant activity of Withania somnifera glycowithanolides:an experimental study.” Phytomedicin,2000 Dec;7 (6):463-9

(2) Unpublished study, 2005.NutrGenesis,LLC

(3) Kuboyama T. et al. “Neuritic regeneration and synaptic reconstruction induced by withanolide A”, su Br J Pharmacol.2005 Apr;144(7):961-71

(4) Choudhary MI et al. “Cholinesterase inhibiting withanolides from Withania somnifera.”, su Chem Pharm Bull (Tokyo)2004 Nov;52(11):1358-61

(5) Owais M et al. “Antibacterial efficacy of Withania somnifera an indigenous medicinal plant against experimental murine salmonellosis”, in Phytomedicin 2005 Mar;12(3):229-35

(6) Aphale AA et al. “Subacute toxicity study of the combination of ginseng (Panax ginseng) and ashwaganda (Withania somnifera) in rats: a safety assessment.”, su Indian J Physiol Pharmacol. 1998 Apr; 42(2):299-302

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-tripahalaTRIPHALA FORMULA
Il leggendario detossificante aiurvedico

Confezione da 30 capsule
Prezzo: € 28,00
pulsante_acquista2

Triphala in sanscrito significa “tre frutti”, e sta a indicare i frutti di amalaki o amla, bibhitaki e haritaki di cui è composta.

Il Triphala è un leggendario detossificante intestinale aiurvedico presente in tutte le case del sotto continente indiano.

Il Triphala è una miscela in proporzione specifica di tre frutti: Harada (Terminalia chebula), Amla (Emblica officinalis) e Behada (Terminalia belerica) le cui proprietà astringenti tonificano dolcemente il colon e regolano il transito intestinale.

Il Triphala è la più popolare formula erbacea dell’India, è un efficace lassativo ma allo stesso tempo sostiene e tonifica il corpo grazie al suo elevato valore nutritivo.

Migliora la digestione, riduce il colesterolo, stimola la circolazione, esercita un effetto cardio-protettivo, può aiutare a ridurre la pressione e a migliorare le funzioni epatiche, ha provate proprietà antinfiammatorie ed anti-virali, è espettorante, ipotensivo e antiossidante. Dosha: VPK=

Il Triphala è sufficientemente potente e sicuro da poter essere utilizzato dai vegetariani i quali sono spesso più sensibili degli altri alle terapie di detossificazione. Questa formula notevole non crea nessuna dipendenza lassativa e permette di detossificare l’insieme del sistema digerente, migliorando sia l’assimilazione che l’eliminazione.
L’impiego quotidiano di Triphala normalizza per primo l’appetito e la digestione. Alla fine, permette di accrescere la densità di emoglobina e di aiutare ad eliminare i grassi in eccesso.

Di fatto, il Triphala aiuta a creare un’ ambiente biochimico favorevole nell’intestino, poi nell’insieme dell’organismo, sostenendo i meccanismi naturali di detossificazione.

Consigli d’uso: per favorire l’eliminazione, assumere due o tre capsule vegetali tre volte al giorno. Per facilitare il transito intestinale, assumere 3-8 capsule la sera. Triphala ha degli effetti diversi a seconda del dosaggio. Le dosi piu’alte sono piu’ lassative (6 tavolette la sera) e quelle piu’basse purificano la circolazione sanguigna (2 tavolette la sera). Triphala richiede un aggiustamento delle dosi alla costituzione individuale.


Gli ingredienti in Triphala

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-emblicaEmblica officinalis (Amalaki, uva spina indiana): Emblica officinalis, comunemente noto come uva spina indiana o di Amla, è un potente antiossidante.
La proprietà antiossidanti del frutto Emblica officinalis viene attribuito principalmente al suo alto contenuto di acido ascorbico. 100-gram Amla contiene circa 1.100 mg a 1.700 mg di acido ascorbico o vitamina C. Per proteggere il tratto gastrointestinale dai radicali liberi, i ricchi di antiossidanti di frutta Emblica officinalis potrebbe ridurre lo sviluppo di disturbi gastrointestinali a causa di stress ossidativo. Grazie alla sua attività antiossidante, in Ayruveda, Emblica officinalis è classificato come un Rasayana.

Nel sistema tradizionale medicina indiana, è consigliato per il mantenimento della salute del fegato e il tratto gastrointestinale. (Krishnaveni M, Mirunalini S. “Potenziale terapeutico di Phyllanthus Emblica (LRD). ayurvedico la meraviglia” di base J Clin Pharmacol Physiol. 2010; 21 (1) :93-105) .

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-terminalia-chebulaTerminalia chebula (Haritaki): tra i tre ingredienti di Triphala, Terminalia chebula è il composto antiossidante più potente.
(Hazra B, Sarkar R, S Biswas, Mandal N. “Studio comparativo di antiossidanti e le specie reattive dell’ossigeno scavenging proprietà negli estratti dei frutti della Terminalia chebula, Terminalia belerica e Emblica officinalis “BMC Altern Complement Med. 2010 Maggio 13;.. 10:20) .
Gli studi suggeriscono che Terminalia frutta chebula aiuta a mantenere l’equilibrio microbica nell’intestino. Inibisce la crescita dei batteri intestinali dannosi senza sopprimere la crescita di batteri benefici produttori di acido lattico (Kim HG, Cho JH, Jeong EY, Lim JH, Lee SH, HS Lee. “Crescita attività di inibizione della componente attivo isolato dal Terminalia frutti chebula contro i batteri intestinali.” . J alimentare Prot. set 2006, 69 (9) :2205-9) .

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-terminalia-bericaTerminalia belerica (bibhitaki): Terminalia belerica potrebbe proteggere il tratto gastrointestinale da microbi nocivi e tossine. Inibisce la crescita di ceppi di Salmonella. L’infezioni da Salmonella è una delle cause principali di malattie di origine alimentare in tutto il mondo.
(Madani A, SK Jain. “anti-Salmonella attività di Terminalia belerica: in vitro e in vivo.” Indian J Exp Biol . 2008 Dic, 46 (12) :817-21) .
Terminalia belerica potrebbe anche prevenire la disfunzione epatica da esposizione a sostanze tossiche.
(Anand KK, Singh B, Saxena AK, BK Chandan, Gupta VN, Bhardwaj V. “3,4,5-Trihydroxy acido benzoico (acido gallico), il principio epatoprotettivi nei frutti della Terminalia belerica-biologico attività guidate “Pharmacol Res ottobre 1997;.. 36 (4) :315-21) .


Quali sono i vantaggi di triphala sul nostro corpo?
Aiuta a regolarizzare l’eliminazione della materia fecale
Aiuta a pulire e disintossicare il corpo
Aiuta a migliorare la pulizia del corpo interno
Aiuta a purificare il sangue
Aiuta a disintossicare fegato
Molto utile nei disturbi degli occhi
Aiuta a migliorare la digestione e l’assimilazione
Aiuta a ridurre alti livelli di colesterolo
Utile come protettore cardiaco
Utile come un antivirale e anti batterico
Contribuisce a migliorare le funzioni del pancreas
Utile come funzioni anti infiammatori
Antispasmodico
Anti-allergiche
Anti-malarici
Antiossidante
Salute generale del corpo

approfondimentoLe meravigliose proprietà del TRIPHALA.pdf

separatore_grigio

erboristeriarcobaleno-valdagno-vicenza-schio-benessere_triphalaplusTriphala Plus
60 capsule vegetariane da 1300 mg
Prezzo: € 28,00
pulsante_acquista2

Triphala Plus è un delicato lassativo che purifica l’intestino stimolando e lubrificando il colon senza causare assuefazione. Ogni capsula contiene 663 mg di Triphala (amalaki, bibhitaki, haritaki) e una miscela (630 mg) di radice di rabarbaro, scorza di psyllium, radice di liquirizia e semi di finocchio. Questi elementi naturali esaltano le proprietà della Triphala e determinano l’efficacia di Triphala Plus. Contiene antrachinoni, polifenoli e tannini.

Dosaggio: 2 capsule – 1 o 2 volte al giorno prima dei pasti

Adatto ai vegetariani e vegani.
Realizzato senza prodotti lattiero-caseari, grano, zuccheri aggiunti e soia.
Realizzato senza organismi geneticamente modificati.

separatore

p248_0_11_02Pukka Clean Greens Powder 
Potente miscela di alimenti alcalinizzanti priva di bicabornati e citrati
Prezzo: € 35,00
pulsante_acquista2
separatore_bianco

Una miscela organica per l’uso quotidiano di 11 alimenti verdi super-ricchi, tra cui Kale germogli e erba di grano succo per aiutare a migliorare la digestione, la pelle e il benessere generale.

p248_0_11_04Pukka Clean Greens Powder è una miscela di super-ricchi alimenti verdi contenenti grano succo di erba, foglia, verdura, seme germogliato, verdure di mare, piante d’acqua dolce ed erbe digestive.
Realizzato con alcuni delle migliori erbe della natura, coltivate in terreni fertili organici, si coglie l’incredibile essenza della generosità della natura. In questo prodotoo “verde” si fondono naturalmente i principi attivi di 11 alimenti che supportano la capacità del corpo a far fronte al nostro ambiente inquinato e integrare la dieta.

La formula ad ampio spettro contiene la più alta qualità biologica, frutta sostenibile coltivate ed erbe, accuratamente selezionate per portarvi il pieno potenziale della bontà della natura.

Ingredienti
Erba di grano in polvere succo di 30: 1 25%, foglia di ortica freeze fresco essiccato 9: 1 20%, foglia di prezzemolo, Spirulina, Chlorella incrinato-cellule, Seagreens® Artico alghe fresche, cavoli seme germoglia freeze fresco asciugato 5%, semi di finocchio, menta piperita foglia, foglia di tè verde estratto acquoso, radice di zenzero.

Vantaggi
– Un incredibile mix di 11 super-ricchi di alimenti verdi che contengono antiossidanti, clorofilla, vitamine, oligoelementi e enzimi
– Ricco di proteine e polifenoli per nutrire e disintossicare
– Prodotto a basse temperature per garantire la massima potenza
– 100% formulazione organica senza erbicidi o pesticidi e con il più alto grado di erbe coltivate in modo sostenibile
– con l’uso regolare si dovrebbe notare miglioramenti nella vostra digestione, l’aspetto della pelle e il benessere generale

Mescolare 1 cucchiaino colmo (4G) di polvere Pukka Clean Greens Powder con un po’ d’acqua, al mattino e alla sera.

Non testato su animali. Cruelty free.

separatore_grigio

p248_0_11_05Pukka Tè – Clean verde Matcha 20 Bustine
Prezzo: € 6.00
pulsante_acquista2

Un tè organico profondamente purificante intera foglia verde contenente interi limoni siciliani e finocchio dolce con polvere Matcha aggiunto.

Primavera pulire il vostro spirito con Nature`s migliori erbe verdi puliti abbastanza in borsa. Lasciateli ballare nella vostra tazza per un po ‘per rilasciare il brio di interi limoni siciliani e la freschezza di radice di tarassaco. Un sorso e si `re pronto a brillare. Continua a splendere.

Questa miscela aggiornato integra la Suprema verde Matcha per presentare una serie di Matcha tè verde che forniscono una spinta pieno di antiossidanti.

Ingredienti 100% da agricoltura biologica:
tè Sencha verde (40%), semi di finocchio dolce, radice di tarassaco, radice di liquirizia, foglia di ortica, limone essenziale sapore dell’olio (6%), radice di curcuma, limone intero (4%), limone foglia di mirto, Matcha in polvere (Jejo fare Garucha) (2%). Il tè verde, curcuma: negoziate in conformità alle norme del commercio equo, totale 46%.

Istruzioni per l’uso
Portare queste erbe incredibili ar rivivere infondendo in acqua bollente per un massimo di 15 minuti.

p248_0_11_07

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-organismo-natura…le foreste forniscono i rimedi che ci guariscono,

le piante secernono delle sostanze che il nostro corpo riconosce,

le nostre cellule parlano la stessa lingua,

apparteniamo alla stessa famiglia…

 

Le erbe e il loro utilizzo ci accompagnano sin dall’antichità, questo utilizzo talvolta è legato più a racconti popolari che non da esperienze reali. Infatti sappiamo dai nostri nonni che ogni erba corrisponde ad un rimedio salutistico.

p296_0_12_01Fin dall’antichità è noto che ogni pianta ha delle proprietà benefiche e terapeutiche, in queste pagine vengono elencate le piante officinali, con le proprietà farmaceutiche e terapeutiche che queste presentano. Le pagine hanno puro scopo informativo.

Le piante medicinali o piante officinali sono entità biologiche, con aspetto, colore, profumo, ciclo vitale, caratteristiche che danno loro un significato che va oltre la composizione Biochimica.
Le erbe officinali son rimedi complessi, composte da diversi principi attivi che agiscono sui differenti sistemi corporei, aiutandoci a risolvere piccoli e grandi disturbi quotidiani.

C’è sempre una buona scusa per gustare una tisana calda e fumante: si possono creare da soli grazie a foglioline e fiori sfusi (due o tre cucchiaini per tazza), oppure si possono comprare in bustine monodose.

Ma cosa sono davvero le tisane e soprattuto a cosa servono?

Una tisana è formata dalla miscela di almeno due piante, una delle quali è detta principale, e a seconda di queste ha una certa caratteristica (ci sono tisane digestive, diuretiche, epatiche etc.). L’azione della pianta principale è integrata ed ampliata da una o più piante dette adiuvanti.??Spesso il gusto di queste tisane è particolarmente amaro. Ecco perché entra in gioco un terzo fattore, ovvero un’altra pianta che migliori il gusto: è il caso della liquirizia, una delle piante più usate per migliorare il sapore delle tisane. Questa pianta è dotata di buone proprietà depurative :secondo studi recenti la liquirizia sembra avere la proprietà di rendere maggiormente biodisponibili i principi attivi delle piante medicinali presenti nella tisana.

Le tisane più conosciute sono:
66

Camomilla: distensiva e calmante

Sambuco: rinforza le difese

Semi di Finocchio: depurativi, combattono i gonfiori di stomaco e intestino

Menta piperita, Liquerizia: aiutano la digestione

Tiglio: rilassante

Malva: ha effetto decongestionante, combatte la tosse

Eucalipto: espettorante

Come si preparano?
La preparazione della tisana può essere utilizzando sia con il metodo del decotto che con quello dell’infusione.
Parliamo di decotto quando le piante, radici o erbe vengono sottoposte ad una bollitura prolungata, per far sì che tutti i fitocomplessi vengano estratti. In genere si usano per il decotto le parti più dure della pianta, come le radici, la corteccia o i semi.

Ecco come preparare un decotto:
mettete le radici, cortecce o semi in acqua fredda e portate ad ebollizione e lasciate andare il bollore a fiamma bassa per circa 10-15 minuti, finché il liquido non si riduce di circa la metà. Una volta raffreddato il decotto, potete filtrare, cercando di spremere leggermente le erbe nel colino. Ricordate che ogni erba ha i propri tempi di decozione, quindi se siete alle prime armi chiedete consiglio. Parliamo di infusi quando si estraggono i principi attivi di fiori, piante e foglie con un procedimento più delicato rispetto al decotto, e che dunque non prevede una bollitura prolungata.

Ecco come preparare un infuso:
mettete a scaldate l’acqua fino alla bollitura, versate il liquido in un recipiente in cui avrete sistemato le vostre erbe e lasciate in infusione per 5-10 minuti. Infine, filtrate il composto aiutandovi sempre con un colino. Consumatelo in breve tempo, per non perdere l’efficacia medicinale del preparato.
Anche per questo procedimento ricordate che i tempi sono relativi alle singole erbe e dunque anche per gli infusi chiedete i tempi di infusione delle singole erbe.

p296_0_12_03

Le piante officinali hanno accompagnato l’uomo per tutto il corso della sua storia.

Le testimonianze non mancano: dal primo erbario cinese che viene attribuito all’imperatore Shen Nung e risale al lontano 3500 a.C. alle prescrizioni erboristiche nella tradizione indiana scritta dei Veda e risalenti al 4500 a.C., dai riferimenti che si possono trovare nella Bibbia alle indicazioni che si leggono nelle tavolette di argilla della biblioteca di Ninive, presso la società assiro-babilonese.

Di questa scienza erano sicuramente a conoscenza i sacerdoti egiziani, Ippocrate, il romano Dioscoride e Avicenna e Averroè, che nel 1000 d.C. introdussero molti rimedi fitoterapici in occidente, fino ad arrivare alla straordinaria personalità della monaca benedettina Ildegarda di Bingen, che scrisse alcune opere con indicazioni terapeutiche naturali.

La fitoterapia, la conoscenza di erbe e piante officinali, è un sapere antico quanto l’uomo e allo stesso tempo moderno e fruibile per chiunque, a cui ci si può avvicinare attraverso il sostegno di erboristi esperti e attraverso lo studio e la lettura dei principi attivi delle erbe che la natura mette a nostra disposizione.

p296_0_12_04L’uso di erbe singole e tisane composte per sfruttare le proprietà benefiche dei principi attivi presenti nei vegetali, è stata senza dubbio la prima forma di “medicina” degli antichi, e per anni esse sole hanno rappresentato la tradizione erboristica.

Oggi, a questa antica scienza si affianca la moderna fitoterapia che permette di sfruttare a pieno la forza delle piante tramite l’utilizzo delle tinture madri, degli oli essenziali o dei macerati di gemme.

Il Papiro di Ebers (1500 aC. JC)

Il termine Fitoterapia, ossia cura delle malattie per mezzo delle piante, fu coniato da Henrì Leclerc Medico francese (1870-1955).
Le erbe presenti nel nostro assortimento sono di ottima qualità, coltivate e selezionate dalle migliori aziende erboristiche italiane, provengono da coltivazioni biologiche e ogni lotto è fornito di analisi di purezza; sono garantite prive di inquinanti di qualunque tipo.

Per qualunque informazione o consiglio sul miglior utilizzo di queste piante vi invitiamo, se lo ritenete opportuno, a far uso della consulenza gratuita, che mettiamo a vostra disposizione senza nessun impegno.

Fiori, foglie, frutti, radici si trasformano in tisane dalle proprietà benefiche per il nostro organismo. Un piccolo rituale di benessere, un momento di relax per fare la pace con il mondo.

p296_0_12_05

p296_0_12_06After dinner, tisana 20 bustine da 2.0 g
Prezzo: € 6.00
pulsante_acquista2

Tisana naturalmente priva di caffeina con semi di finocchio, cicoria e semi di cardamomo. Una miscela digestiva dal sapore aromatico che contribuisce a regolare la digestione.

Ingredienti: radice di cicoria tostata (24%), anice, semi di finocchio (20%), radice di liquirizia, semi di cardamomo (8%), buccia d’arancia, radice di zenzero.
. CONTROLLI DI QUALITÁ PER PORTARVI I MIGLIORI RIMEDI ERBORISTICI

separatore_grigio

p296_0_12_09Black spiced Chai 20 bustine da 2,0 g
Prezzo: € 6.00
pulsante_acquista2

Il Chai è un dolce e caldo infuso speziato, progenitore di tutti i tè alle erbe indiani. Qui proposto come un tè nero speziato con erbe riscaldanti.

Forte antiossidante, contiene tonici come la corteccia di cannella e i semi di cardamomo.

separatore_grigio

p296_0_12_012Golden Chamomille
dolce e rilassante tisana alle erbe
Prezoz: € 6.00
pulsante_acquista2

Un delicato, rilassante tè alle erbe – 100% senza caffeina. I più bei fiori di camomilla biologici sono stati selezionati per creare questa bellissima tisana dolce, con un tocco sottile grazieal l’aggiunta di deliziosi baccelli di vaniglia dolce.

Ingredienti
Fiore di camomilla (70%), semi di finocchio, radice di liquirizia, baccello di vaniglia (4%). Usiamo bustine per proteggere l’elevato contenuto di olio essenziale delle nostre erbe biologiche incredibili per portare il sapore pieno.
separatore_grigio

p296_0_12_014Detox, tisana 20 bustine da 2,0 g
Prezzo: € 6.00
pulsante_acquista2

Contiene: semi di anice, semi di finocchio, semi di cardamomo, semi di coriandolo, liquirizia, semi di sedano. Una miscela disintossicante di semi deliziosi che contribuiscono a regolare la digestione, eliminare il muco, depurare il fegato, il sangue e il sistema linfatico.

separatore_grigio

p296_0_12_018Lemon, ginger & manuka honey
Profondamente rilassante!
Prezzo: € 6.00
pulsante_acquista2

Una miscela tradizionale di limone e zenzero piccante speziato con note dolci e nutrienti del miele di manuka. Questo tè è fatto con limoni biologici maturi, radice di zenzero seccata lentamente per catturarne tuta la prelibatezza. La gran quantità di frutta e spezie viene poi mescolati con miele di manuka per dare un calmante, finale dolce.

Ingredienti
Radice di zenzero (32%), radice di liquirizia, fiori di sambuco, semi di finocchio, foglie di verbena, radice di curcuma, olio essenziale di limone, limone mirto foglia, limone intero (4%), miele di Manuka sapore * (2%). (* Contiene 0.2% non antiossidante biologico: acido ascorbico). 32% di ingredienti FairWild certificati in peso secco
separatore_grigio

p296_0_12_020
Love, tisana 20 bustine da 1,2 g
Prezzo: € 6.00
pulsante_acquista2

Contiene: rosa rossa, camomilla, lavanda, fiori di lime, elderflowers, calendula, olio essenziale di rosa. La miscela “Love” dona calore al cuore: un infuso biologico perfetto per confortare e calmare.

Lascia che l’Amore fluisca dal cuore!

CONTROLLI DI QUALITÁ PER PORTARVI I MIGLIORI RIMEDI ERBORISTICI
separatore_grigio

p296_0_12_023Morning Time, tisana
Prezzo: € 6.00
pulsante_acquista2

TISANA BIOLOGICA STIMOLANTE CON ROOIBOSH, HONEYBUSH E GINSENG ROSSO. 30 g di tisana in 20 bustine confezionate singolarmente per preservarne la freschezza. Morning Time è una miscela naturalmente priva di caffeina, deliziosamente dolce e corposa, composta da erbe tonificanti e stimolanti, che può essere gustata con o senza latte per iniziare la giornata con brio.

Rooibos e Honeybush rinfrescano e tonificano in modo naturale. Il Red Ginseng e la radice di Maca tostata sono un perfetto e naturale stimolante.

Ingredienti: foglie di Rooibosh Superior da coltivazioni Fairtrade (70%), foglie di Honeybush (10%), radice di liquirizia, radice di Ginseng rosso (5%), radice di Maca nera tostata. Naturalmente privo di caffeina, da agricoltura biologica 100%, con 70% degli ingredienti certificati secondo gli standard Fairtrade.
separatore_grigio

p296_0_12_025Night Time
fiore di avena biologica, lavanda, limeflower e tè valeriana: per una notte di sonno tranquillo.
Prezzo: € 6,00
pulsante_acquista2

Night Time è una miscela unica di erbe rilassanti. Bere la sera per prepararsi per un sonno profondo e riposante e un risveglio più sereno.

Ingredienti
Fiore Avena (30%), radice di liquirizia, fiori di camomilla, fiori di lavanda (14%), fiore di calce (10%), radice di valeriana, foglie di tulsi. Usiamo bustine per proteggere l’elevato contenuto di olio essenziale delle nostre erbe biologiche incredibili per portare il sapore pieno.
separatore_grigio

p296_0_12_027Sambuco ed echinacea, tisana
Prezzo: € 6.00
pulsante_acquista2

Tisana super fruttata dal gusto rivitalizzante e piacevolmente pungente supera ogni aspettativa per il profumo e l’intensità del sapore conquistando così il gusto dei più esigenti.

Combinazione super efficace di 13 frutti ed erbe aromatiche che combattono il freddo, tra cui acerola , rosa canina e ribes nero

Certificazione FairWild: gli ingredienti provengono da coltivazioni sostenibili e dal commercio equo e solidale direttamente dalle comunità rurali che raccolgono queste erbe in natura.

separatore_grigio

p296_0_12_029Three fennel: finocchio dolce, organico, finocchio selvatico e finocchio foglia: per lenire e calmare
Prezzo: € 6,00
pulsante_acquista2

Tisana Finocchio come dovrebbe essere, deliziosamente dolce, aromatico e rilassante.

Tre varietà di finocchio sono stati utilizzati per creare una grande varietà di sapori che aiuta anche la calma e a sostenere la digestione.

Ingredienti Semi di finocchio dolce (50%), finocchio selvatico (finocchio amaro) le sementi (45%), foglie di finocchio (5%).

separatore_grigio

p296_0_12_031Three Tulsi – Tre Tulsi – Tisana Pukka
Prezzo: € 6,00
pulsante_acquista2

30 g di tisana in 20 bustine confezionate singolarmente per preservarne la freschezza.

La pianta del Tulsi (ocimum sanctum) viene spesso chiamato “l’erba sacra” o “basilico SANTO ” per la sua qualità principale di elevare lo spirito. Aiuta in caso nausee e dolori di stomaco. Abbiamo utilizzato le foglie di tre deliziose qualità di Tulsi per creare una miscela fresca, intrigante e gustosa.

Da agricoltura biologica 100% con ingredienti certificati secondo gli standard Fairtrade.

Ingredienti: Foglie di Tulsi verde “Rama” (45%), foglie di Tulsi porpora “Krishna” (45%), foglie di Tulsi limone “Vana” (10%)

separatore_grigio

p296_0_12_033Tisana Supreme Matcha Green
Pukka Biologica gr2x20 bustine
Prezzo: € 6,00
pulsante_acquista2

Ingredienti 100% biologici e selezionati in modo etico: tè verde Sencha (34%), il tè verde Oothu (32%), tè verde Suoi Gang (32%), polvere Matcha (Jejo do Garucha) (2%).

separatore

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-abanbABAN-B

Confezione da 60 compresse.
Prezzo: € 18,50
pulsante_acquista2

Aban-B agisce favorevolmente sulla funzione fisiologica espletata dal sistema cardiocircolatorio.
I principi attivi delle erbe di Aban-B aiutano a mantenere la gamma di funzioni basilari, la tonicità del muscolo cardiaco e la naturale omeostasi per una sensazione di benessere che deriva dal naturale funzionamento del cuore.
Contribuisce a controllare il livello dei lipidi ed a coadiuvare il mantenimento o ripristino della naturale consistenza di vene ed arterie.
Un uso costante di Aban-B aiuta a ripristinare i fisiologici regolari livelli del colesterolo e può tonificare tutto il sistema a protezione dello stesso.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-abanb-usoPuò proteggere e mantenere alto il livello dell’enzima SOD (superoxide dismutase) per una pronunciata azione antiossidante.

Modalità d’uso: si consiglia di assumere 2 compresse due volte al giorno, preferibilmente a stomaco vuoto, con acqua o una bevanda tiepida.

Precauzioni: come per molti altri prodotti, nei quali sono presenti componenti di origine vegetale, potrebbero proporsi manifestazioni allergiche assolutamente soggettive, al comparire delle quali è evidentemente necessario sospendere l’assunzione del prodotto.

Ingredienti: amido di mais, Guggul (Commiphora mukul Hookerj resina, Centella (Centella asiatica L.) foglia, fosfato bicalcico, Ashwagandha ( Withania somnifera Dunal) radice, Amalaki (Phyllantus emblica L.) frutto, Haritaki (Terminalia chebula Retz.) frutto, Yashti’Madhu (Glycyrrhiza glabra L.) radice, Shatavari (Asparagus rocemosus Willd.) radice, Bilwa (Aegle marmelos Conca) frutto, Tulasi (Ocimum sanctum L.) foglia, Jatamansi (Nardostachis jatamansi L.) radice, Pepe lungo (Piper longum I,) frutrto, zafferano (Crocus sativus L.) stigmi, cumino (Carum carvi L.) semi, zenzero (Zingiber officinale Roscoe) rizoma, tribolo (Tribulus terrestris L.) frutto, carbonato di calcio (Shanka bhsma e Mukta pishti), Cyperus (Cyperus rotundus L.) radice, biossido di silicio, chiodi di garofano (Syzygium aromaticum Merril et Perry) gemma, sandalo (Santalum album L.) corteccia, cardamomo (Elettaria Cardamomum Roxburgh) frutto, finocchio (Foeniculum vulgare Miller) semi, rosa (Rosa centifolia L.) fiore, cannella (Cinnamonum cassia L.) corteccia, magnesio stearato.

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-cystombiCYSTONBI

Confezione da 60 compresse.
Prezzo: € 19.50
pulsante_acquista2

Cystonbi è un alimento che può favorire il fisiologico benessere delle vie urinarie in virtù delle caratteristiche diuretiche e antinfiammatorie dei suoi ingredienti.
Le erbe presenti nella formula Cystonbi agiscono favorevolmente sulle funzioni del rene stimolando le naturali difese dell’organismo per la protezione e l’integrità dell’intero tratto urinario. I principi attivi apportati dalle piante di Cystonbi possono essere di aiuto per una risposta naturale ed efficace nella cura della cistite.

Una assunzione regolare di Cystonbi può risultare utile per mantenere protetta in modo naturale la fragile mucosa dell’apparato urinario in presenza di infiammazioni sia acute che croniche o stati infettivi del sistema stesso.

Gli ingredienti di Cystonbi possono favorire la predisposizione fisiologica a limitare l’adesione dei batteri alle pareti della vescica sostenendo l’organismo allo scopo di evitare recidive.

Cystonbi può aiutare la dissoluzione e l’espulsione i calcoli e limitarne la ricorrenza.

E’ consigliata l’assunzione di Cystonbi associata a Niruri per una azione più decisa.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-cystombi-usoModalità d’uso: si consiglia di assumere 2 compresse 2 volte al giorno, preferibilmente a stomaco vuoto, con una bevanda tiepida.

Precauzioni: come per molti altri prodotti, nei quali sono presenti componenti di origine vegetale, potrebbero proporsi manifestazioni allergiche assolutamente soggettive, al comparire delle quali è evidentemente necessario sospendere l’assunzione del prodotto.

Ingredienti: Spaccapietra (Ceterach officinarum), Tribulus terrestris, Phyllantus niruri, Terminalia chebula, Zingiber officinale, Apium graveolens, Asparagus officinalis, Capparis spinosa, Foeniculum vulgare, Ocimum sanctum, Equisetum arvense, Agropyrum repens, Raphanus sativus, amido di mais, fosfato bicalcico, biossido di silicio, magnesio stearato.

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-diacareDIACARE

Confezione da 60 compresse.
Prezzo: € 19.00
pulsante_acquista2

Per un controllo naturale del diabete di tipo alimentare sono indispensabili una corretta attività fisica ed una adeguata alimentazione.
Il prodotto Diacare aiuta a migliorare il metabolismo influendo positivamente sulla glicemia. Può agire come ipoglicemizzante intervenendo nei processi di ossidazione del metabolismo del glucosio e può rallentare la glicolisi.

La Gymnema slivestre, tradizionalmente conosciuta in India come “madhuvardhini” o “distruttrice dello zucchero”, aiuta a diminuire la bramosia di zucchero limitandone l’assunzione.
L’Eugenia jamboiana ha proprietà diuretiche ipoglicemizzanti e contribuisce a diminuire la quantità di zuccheri nelle urine.

Pterocarpus marsupium favorisce la funzione deile cellule Beta ed aiuta a regolare il livello di zucchero nel sangue.
Le erbe di questo composto svolgono un’azione protettiva su vene e capillari.
Diacare aiuta a controllare l’iperglicemia e protegge gli organi vitali senza alcun effetto collaterale.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-diacare-usoIstruzioni per l’uso: si consiglia di assumere 2 capsule due volte al giorno preferibilmente a stomaco vuoto.

Precauzioni: come per molti altri prodotti, nei quali sono presenti componenti di origine vegetale, potrebbero proporsi manifestazioni allergiche assolutamente soggettive, al comparire delle quali è evidentemente necessario sospendere l’assunzione del prodotto.

Ingredienti: Amalaki (Phyllantus emblica), gelatina alimentare, Eugenia (Eugenia chequen), Gimnema (Gymnema silvestre), Momordica charantia, gomma arabica (Acacia arabica), curcuma (Curcuma longa), Pterocarpus marsupium, fico (Ficus carica), Fieno greco (Trigoneiiafoenum-graecum).

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-tyroactiveTHYRO ACTIVE

Confezione da 50 compresse.
Prezzo: € 15.00
pulsante_acquista2

Thyro Active può essere utile come coadiuvante per ogni tipo di disturbo ghiandolare e lo si consiglia in particolar modo nei casi di problemi alla tiroide sia nell’iper che nell’ipotiroidismo.
Le erbe della formula di Thyro Active possono contribuire a bilanciare l’attività della produzione di tiroxina, incrementandola in caso di mancanza o diminuendone l’eccesso.
Può aiutare a ridurre l’ingrossamento del collo e del gozzo.
Può essere utile in caso di rigonfiamento dei linfonodi, adenite cervicale e scrofularia.
Può normalizzare la ghiandola mammaria; può essere di beneficio per limitare la sensazione di pesantezza e gonfiore al seno causato da sindrome premestruale o dall’assunzione di estroprogestinici. Può abbassare il livello della prolattina.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-tyroactive-usoThyro Active può avere un’azione decongestionante che aiuta l’eliminazione delle tossine ed elementi di rifiuto dal sistema linfatico.
Si può usare in caso di accumulo di Kapha nei tessuti, anche nei casi in cui Kapha sia particolarmente radicato.
Si consiglia l’assunzione di Thyro Active in associazione con Kishor guggul per una azione più decisa.
L’uso di Thyro Active è sconsigliato in gravidanza, durante l’allattamento e in caso di disidratazione corporea.
Modalità d’uso: si consiglia di assumere 2 compresse due volte al giorno preferibilmente a stomaco vuoto con acqua o una bevanda tiepida.
Precauzioni: come per molti altri prodotti, nei quali sono presenti componenti di origine vegetale, potrebbero proporsi manifestazioni allergiche assolutamente soggettive, al comparire delle quali è evidentemente necessario sospendere l’assunzione del prodotto.

Ingredienti: Guggul (Commiphora mukul), amido di mais, Amalaki (Phyllantus emblica), Haritaki (Terminalia chebula), Bibitaki (Terminalia belerica), talco, fosfato bicalcico, pepe nero (Piper nigrum), pepe lungo (Piper longum), Bilwa (Aegle marmelos), zenzero (Zingiber officinale), magnesio stearato, cannella (Cinnamomum zeylanicum).


separatore

 

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ayurveda-inverno

Il Benessere nella stagione invernale
La stagione invernale è alle porte e la fitoterapia ci offre un valido sostegno per la salute e il benessere del nostro corpo stimolando le difese naturali.

L’uso di curarsi attraverso la piante è antichissimo. Sin dalla preistoria, infatti, come ci raccontano le incisioni su pareti rocciose o su vasellame di terracotta, la fitoterapia è stata la principale fonte di rimedi contro le numerose malattie che hanno minacciato l’uomo nel corso del tempo.

In epoca moderna, con l’avvento della medicina scientifica, ci si è concentrati quasi esclusivamente sulla preparazione di medicinali di sintesi, dimenticando le innumerevoli proprietà curative delle piante.

Oggi però, gli effetti secondari dei farmaci di sintesi, hanno riportato l’attenzione su rimedi più naturali. La fitoterapia, ha così assunto un nuovo valore e la sua riscoperta non rappresenta un passo indietro, piuttosto un ritorno alla natura fondato su solide basi scientifiche.

Spesso, si tende a contrapporre la farmacologia classica alla fitoterapia, eppure hanno entrambe un ruolo complementare se consideriamo il benessere dell’organismo come il frutto di una più ampia visione della salute, influenzata anche da tutti quei fattori cui comunemente si fa riferimento per definire lo stile di vita di una persona: alimentazione, attività fisica, gestione dello stress, utilizzo di sostanze quali alcool e fumo.

Ecco perché è più opportuno affermare che l’approccio corretto per il mantenimento del benessere è quello olistico. L’integrazione alimentare è il frutto di una profonda e bilanciata azione di estratti di piante, vitamine e minerali, che svolgono un’azione di tipo salutistico sull’organismo. La natura ci ha donato ingredienti capaci di agire sul nostro organismo per stimolare e riequilibrare le sue funzionalità.

separatore

Le informazioni riportate in questa pagina sono solo a scopo informativo, tratte da un’ampia sitografia presente in internet. L’unica finalità è quella di mantenere il valore e la natura della rete: la facile reperibilità di informazione.
Le informazioni sui principi attivi dei singoli componenti dei prodotti e sui prodotti stessi, desunte tutte da un’ampia sitografia presente in rete, e dai siti delle ditte fornitrici, non intendono trattare, curare alcuna malattia o patologia. Queste potrebbero, inoltre, riportare errori e/o omissioni. Pertanto ogni utilizzo improprio è a proprio rischio e pericolo. Si ricorda, altresì, che gli integratori alimentari non sono prodotti curativi e pertanto non possono vantare alcuna proprietà terapeutica. Le indicazioni, presenti sul sito, fanno riferimento all’impiego per il sostegno dell’organismo in periodi particolarmente difficili.