Supporto oncologico-Micoterapia

La Micoterapia è rivolta a ristabilire la salute recuperando l’omeostasi, cioè equilibrio di diverse “economie” all’interno dell’organismo, dei minerali, microelementi, microorganismi, enzimi, ormoni, dell’acqua, degli elettroliti, delle cellule immunitarie. E’ possibile così comprendere gli effetti molteplici dei funghi sull’appetito, digestione, sulla psiche, colesterolo, diabete, angiopatie, allergie..

I Funghi Medicinali (Micoterapia) from Ivo Bianchi on Vimeo.

I funghi sono “medicinali” potenti e contengono moltissimi nutrienti; crescono in contatto con la terra ed hanno con essa un importante effetto di connessione.

Noi abbiamo perso la connessione con la terra e la sacralità del nutrimento inteso come dono della terra. I nostri antenati ringraziavano per il cibo che permetteva loro di sopravvivere. Riconoscevano uno spirito alle piante, ai funghi e agli animali ed erano consci della partecipazione a questo spirito quando si nutrivano con essi.

Quando assumiamo un fungo medicinale, entriamo in contatto con l’energia vitale della terra. Portiamo dentro di noi l’energia fortissima che aiuta le piante a crescere al di là degli ostacoli e spinge gli animali alla sopravvivenza. In altre parole, portiamo dentro di noi l’energia della vita.

Controllate sempre la provenienza dei funghi terapici. I funghi sono catalizzatori di tossine ed anticrittogamici. Perció i funghi di bosco o funghi che crescono spontanei sul territorio non possono essere utilizzati come terapici perché sono giá caricati con tossine dal fondo dove crescono e

Storia millenaria della medicina tradizionale orientale e studi scientifici

I funghi sono stati utilizzati in Medicina Tradizionale Cinese (MTC) per millenni sia come nutrizione che come fitoterapia, per benessere e longevità.

Per la medicina orientale i funghi hanno un ruolo essenziale nella pulizia di fegato e reni e per questo sono presenti nell’alimentazione giornaliera.

La prima notizia sull’uso dei funghi in MTC risale al trattato Shen Nong Ben Cao (Divine Farmer’s Materia Medica) scritto nel 250AC (ma la leggenda lo fa risalire al 28’ secolo AC) dove 4 funghi sono inseriti nella classe superiore che racchiude le “erbe dell’Imperatore” (Ganoderma lucidum, Polyporus umbellatus, Poria cocos e Cordyceps sinensis).

Negli ultimi 30 anni sono numerosissimi gli studi scientifici sia clinici che molecolari della medicina occidentale che si è orientata all’isolamento e utilizzo di composti farmacologici per dare una spiegazione agli effetti terapeutici evidenziati sperimentalmente.

Individuazione e trattamento della causa
La medicina allopatica convenzionale è orientata al trattamento del sintomo e perde di vista l’insieme della persona. La MTC rivolge invece la sua attenzione alla ricerca della causa dello squilibrio.
L’approccio orientale della micoterapia è orientato al trattamento della causa che ha provocato la malattia: la rimozione della causa porta alla riduzione e. con il tempo, alla scomparsa dai sintomi.
Poiché le cause che hanno portato all’esordio di una patologia sono generalmente personali e dipendono dalla costituzione del soggetto, anche i funghi vengono utilizzati in un’ottica personalizzata che guarda, oltre alla malattia, anche le predisposizioni patologiche della persona.

Ripristino dell’equilibrio con prodotti naturali senza effetti collaterali
I funghi sono “superalimenti” naturali, la loro azione è mirata al ripristino dell’ equilibrio dell’organismo: in quest’ottica sono considerati adattogeni, ossia sostanze che non provocano stress aggiuntivo all’organismo, e non causano la comparsa di effetti collaterali indesiderati. L’aumento delle malattie croniche che prevedono il costante utilizzo di farmaci con notevoli effetti collaterali che, a volte, perdono di efficacia (es. antinfiammatori). sta aumentando l’orientamento delle persone verso i metodi naturali.
I funghi contengono vitamine, minerali e molecole farmacologicamente bioattive, sono ricchi dal punto di vista nutrizionale, ma hanno un contenuto calorico basso: la ricchezza nutrizionale e “farmacologica” grazie alla naturale sinergia dei vari composti fa si che questi alimenti assunti in toto possano esprimere il loro straordinario potenziale.

Dalla tradizione un aiuto per la salute
Il nostro organismo è sottoposto a molteplici stress: inquinamento, sostanze chimiche ambientali, additivi alimentari, additivi chimici alimentari, stress psicofisico, farmaci, radiazioni, onde elettromagnetiche ecc.
L’incapacità di gestire uno stress eccessivo porta ad una diminuzione delle prestazioni dell’organismo, ad uno squilibrio del sistema immunitario e all’esordio di somatizzazioni e malattie con tendenza a cronicizzare: malattie cardiovascolari, malattie autoimmuni, malattie tumorali, depressione, problematiche digestive, allergie etc. I funghi terapeutici permettono di effettuare una migliore gestione dello stress, un riequilibrio generale dell’organismo, ripristinandone in questo modo il funzionamento. Sono dei ‘tonici”, i rimedi di base della medicina tradizionale e popolare orientale e rinforzano l’organismo.

Supporto biologico alle malattie tumorali
I funghi costituiscono un efficace supporto biologico nella terapia oncologica in quanto potenziano e supportano il sistema immunitario attivando la risposta dell’organismo contro la progressione di queste patologie. In corso di chemioterapia o radioterapia riducono gli effetti collaterali e proteggono i tessuti sani dai possibili danni. Studi scientifici hanno evidenziato per alcuni funghi un effetto di potenziamento dell’azione citotossica di alcuni farmaci chemioterapici. Studi epidemiologici hanno permesso di evidenziare una minore incidenza di alcune forme tumorali in aree di consumo costante di alcuni funghi (Agaricus brasiliensis, Shitake…) attribuendo loro un possibile effetto preventivo di malattia.

Modulazione del sistema immunitario
In molte malattie (allergie, malattie auto-immuni) si riscontra uno squilibrio del sistema immunitario. Studi scientifici hanno dimostrato che i funghi effettuano una modulazione del sistema immunitario riportandolo all’equilibrio con notevole riduzione della sintomatologia da squilibrio. Questo effetto si esplica grazie a particolari molecole (B-glucani) di cui i funghi sono ricchissimi che stimolano particolari cellule e attivano la produzione di molecole in grado di orientare la risposta immunitaria nella corretta direzione.

Malattie del benessere
L’attuale stile di vita porta allo sviluppo di “malattie del benessere” quali diabete, ipercolesterolemia, iperlipidemia, gotta, sovrappeso e obesità, ipertensione ecc. grazie alle loro caratteristiche i funghi forniscono anche in questo caso un ottimo contributo al riequilibrio metabolico.

Detossificazione
I funghi sono molto efficaci nella detossificazione di fegato e reni, ma sono in grado si sostenere anche le funzioni di stomaco, intestino, vie aeree e sistema linfatico. La tonificazione di questi tessuti e organi permette all’organismo di eliminare con maggiore efficacia le tossine accumulate, e di eliminare stanchezza e astenia spesso presenti in situazioni di carico tossinico elevato.

Fungo intero
Gli effetti benefici si ottengono soprattutto con l’utilizzo del fungo intero grazie alla sinergia di sostanze in esso presenti che lavorano insieme alle giuste concentrazioni e senza effetti collaterali.
Il nostro sistema immunitario è costituito da cellule di diverso tipo con funzioni diverse; il numero e l’attività di queste cellule sono importantissimi e devono essere in equilibrio per ottenere un buon funzionamento. Uno squilibrio o un indebolimento delle difese può portare all’ evoluzione di malattie anche degenerative e per questo la modulazione del sistema immunitario diventa particolarmente importante.

Come funzionano i funghi
Un organismo sovraccarico di tossine ambientali e alimentari, stressato e affaticato avrà un sistema immunitario più lento e meno efficace. Studi scientifici su pazienti oncologici hanno dimostrato che l’utilizzo del fungo intero permette la riattivazione cellulare e il potenziamento del sistema immunitario e stimola la reazione dell’organismo nei confronti della malattia. La modulazione del sistema immunitario da parte dei funghi avviene quando c’è squilibrio, mentre un sistema immunitario perfettamente funzionante non viene stimolato. L’attività del fungo e dei suoi componenti è quindi un’attività adattogena e di regolazione e non uno stimolo aspecifico. Le proprietà chelanti dei funghi permettono di legare le sostanze tossiche presenti nei tessuti e di eliminarle potenziando ulteriormente l’organismo e conseguentemente anche il sistema immunitario.

Errori nei singoli approcci
I funghi contengono numerosissime molecole bioattive; la scienza ne conosce solo una minima parte e tende ad isolarle e a studiarle separatamente. Se anche dal punto di vista scientifico questo tipo di approccio serve a spiegarne i meccanismi d’azione, si perde la sinergia di tutte le sostanze in essi contenute che si completano e si potenziano osi modulano reciprocamente.
Se anche gli estratti oi singoli composti isolati dal fungo sono risultati efficaci nel trattamento di alcune patologie e sono utilizzati in numerosi studi scientifici, il loro utilizzo ha spesso portato alla comparsa di effetti collaterali, cosa che non succede con l’utilizzo del fungo intero. L’utilizzo del fungo intero è sicuro: dosi fino a I5g per somministrazione non hanno evidenziato effetti collaterali.

L’azione adattogena e detossificante è ottenuta solo con l’utilizzo del fungo intero
Gli estratti contengono solo una piccola parte delle molteplici sostanze contenunte nel corpo fruttifero del fungo. Per questo motivo gli estratti non hanno un effetto adattogeno. Quando il nostro sistema immunitario è sbilanciato il fungo intero agisce riequilibrandolo. Lutilizzo degli estratti può in qualche caso aggravare lo squilibrio. Inoltre gli estratti, a differenza del fungo intero, non svolgono una vera e propria funzione detossificante e non prowedono. dunque, alla naturale eliminazione della tossicità.

Fungo intero e micelio contengono una diversa sinergia di sostanze bioattive
Nel micelio manca quella parte di sostanze nutritive che viene prodotta nelle lamelle del corpo fruttifero e che va a formare le spore, ossia tutta la parte rigenerativa del fungo. La parte rigenerativa in particolare del Reishi contiene la maggior parte delle sostanze antiinfiammatorie (triterpeni). Gli estratti e il micelio non contengono queste sostanze. D’altra parte il micelio contiene invece molti enzimi e sostanze antiossidanti e il suo utilizzo sarà diverso da quello del fungo intero. Inoltre la produzione del micelio viene effettuata su cereali per cui circa il 50% della polvere è costituita da cereali. Per questo motivo il dosaggio utilizzato per il micelio deve essere superiore a quello previsto per il fungo intero e la sua azione è relativamente più lenta.
Fungo intero e micelio sono in generale da preferire rispetto all’utilizzo degli estratti, ma la loro destinazione d’uso deve essere comunque diversa.

Come e su cosa agiscono i funghi medicinali
I funghi, per loro natura, hanno la capacità di “digerire” tramite complessi processi enzimatici quanto ricavano da sostanze in decomposizione assorbendo tali sostanze e rendendole nuovamente biodisponibili. Essi costituiscono una sorta di connessione tra il mondo minerale inanimato ed il mondo vivente. Ogni tipo di fungo serve a funzioni specifiche, però possiamo affermare che generalmente tutti intervengono su:

1) Metabolismo glucidico e lipidico;
2) Chelazione di metalli pesanti;
3) Riequilibrio del Sistema Immunitario;
4) Antagonizzazione delle spinte anomale di crescita cellulare;

boristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-fungo-terapiaCon le conoscenze attuali sui funghi, è possibile oggi fare moltissimo proprio in ambito di medicina preventiva.

Individuando lo specifico rischio di malattia del singolo individuo — che può essere legato a fattori ereditari, dietetici o di stile di vita — si può consigliare l’introduzione nella dieta di un opportuno fungo alimentare.

Viceversa, l’uso di grandi quantità di funghi sotto forma di polveri, compresse, estratti è riservata solo alle patologie conclamate e spesso gravi quali virosi, forme tumorali o malattie metaboliche complesse e avanzate.

La prescrizione dei funghi terapeutici, in queste modalità, deve essere riservata solo a un operatore sanitario, esperto ed educato sullo specifico argomento della micoterapia.

Anche se sono alimenti, i funghi non velenosi sono pertanto molto efficaci e possono essere di sicuro interesse come aiuto complementare alla Medicina Ufficiale.

boristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-fungo-sistema-immunitarioIl sistema immunitario riceve continuamente innumerevoli input ai quali risponde in modo sia specifico che aspecifico e sia con reazioni acute che croniche.
Tra le sue reazioni, spiccano però, per frequenza e importanza, le risposte TH1 e TH2 e quella infiammatoria.


RISPOSTA TH1 E TH2
Esistono due tipi di risposta immunitaria linfocitaria: la risposta TH1 e quella TH2.

La risposta TH1 è orientata in senso citotossico nei confronti di virus e batteri. È sostenuta dall’IFN-Gamma (che attiva la produzione di radicali liberi, NO soprattutto, da parte dei macrofagi e inibisce la risposta TH2) e dall’IL-12 (che stimola le cellule NK a produrre IFN-Gamma). È una risposta carente nei Paesi industrializzati ove prevale la risposta TH2.

boristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-fungo-malattieLa risposta TH2 è orientata in senso anticorpale ed è tipica delle malattie allergiche. È sostenuta dall’IL-4 (che attiva i linfociti B e la produzione di Ig E), dall’IL-5 (che recluta eosinofili in presenza di parassiti), dall’IL-13 e dall’IL-10 (che è una citochina antinfiammatoria, blocca l’IL-3, l’IL-5, l’IL-12, la produzione di IFN-Gamma e la risposta TH1, ma è proinfiammatoria nei confronti dei processi allergici).

La natura dell’antigene seleziona il tipo di risposta. In ogni caso non tutti i virus inducono una potente risposta TH1. Il virus dell’influenza e del morbillo, ad esempio, sopprimono la risposta TH1 e vaccinando contro il morbillo i bambini di pochi mesi, con sistema immunitario ancora immaturo, è possibile squilibrarli in senso TH2 con conseguente iperattività allergica.

I fattori che promuovono la polarizzazione tra TH1 a TH2 con conseguente squilibrio verso TH2 sono:

  • Alcune vaccinazioni
  • Esposizione a sostanze chimiche quali i pesticidi (insetticidi organo-forforici) che inibiscono la produzione IL-2 essenziale per l’attività TH1
  • Assunzione dei steroidi: il cortisolo induce la produzione di citochine TH2
  • Malattia neoplastica: molti fattori di rischio carcinogenetico (sostanze chimiche, fumo, ormoni) determinano infiammazione cronica e abbassamento dei livelli TH1 ? riduzione della capacità dell’organismo di riconoscere le cellule neoplastiche.

L’aumentata risposta TH2 (pro-infiammatoria) che ne deriva è responsabile, tra l’altro, della neo angiogenesi intorno ai tessuti danneggiati che favorisce la metastatizzazione delle cellule trasformate. La persistente attivazione di questo stato, oltre a predisporre alla trasformazione neoplastica, può attivare fenomeni allergici, infiammatori e autoimmuni.

boristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-fungo-virusLa risposta TH1 è orientata in senso citotossico nei confronti di virus e batteri.

La risposta TH2 è orientata in senso anticorpale ed è tipica delle malattie allergiche.

La bilancia imnunitaria si suddivide in una fase Yang reattiva positiva, determinata da una corretta risposta ad una infiammazione e una Yang negativa, la quale gestisce una risposta ancora reattiva, ma tendente all’autoimmunità. Queste due fasi rappresentano il Sistema Immunitario TH2 umorale.

La fase Yin rappresenta il blocco immunitario e quindi la cronicità nella sua parte positiva, e di degenerazione profonda nella sua parte negativa. Esse rappresentano il Sistema Immunitario TH i cellulo-mediato, il quale gestisce la citossicità (schema 1).

boristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-bilancia-immunitaria

Il processo infiammatorio può essere quindi evidenziato nella sua fase acuta, attraverso la bilancia immunitaria TH2, in fase Yang. Il blocco della risposta sistemica e la conseguenza eronicità dell’ infiammazione, è gestita da TH1 In fase Yin.

Analizzando il Sistema Immunitario come un processo dinamico, è possibile definire la guarigione come l’esito del rapporto fra immunità TH1 e TH2, il cui peno è l’immunità TH3, la quale rappresenta la memoria degli eventi e permette di respingere l’aggressore attraverso l’infiammazione acuta e l’ apoptosi.

boristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-patologie

Alcune patologie sulle quali i funghi hanno dato ottimi risultati sono il diabete, problemi circolatori, cancro, virosi di vario tipo, asma, allergie ed altre.

I funghi rientrano sicuramente in quella che viene definita immunonutrizione, che è la capacità di modulare l’attività del sistema immunitario attraverso l’utilizzo di specifici nutrienti.

L’immunonutrizione può essere utilizzata ogni volta che si ritenga necessario riequilibrare la risposta immune cellulare (TH1) ed umorale (TH2).

boristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-imunonutrizione

Quello che noi conosciamo come fungo, in realtà è solo il frutto, che è visibile sopra la superficie del terreno. Il frutto ha il compito di rilasciare le spore, che, un po’ come il polline per i fiori, vengono traportate dal vento e dall’acqua. Le spore, a contatto con un ambiente favorevole, si struttureranno in filamenti chiamati ife. Le ife, a loro volta, strutturandosi in una fitta rete compatta di filamenti daranno vita al micelio. Il frutto che noi conosciamo è la parte cresciuta al di fuori del terreno del micelio.

Le principale sostanze attive che producono effetti benefici per la salute dell’uomo sono l’elevata concentrazione di enzimi, metaboliti secondari, triterpeni, lectine, steroli, fibre alimentari, chitina e, non ultimi, i Beta glucani.

erboristeriarcobaleno animali benessere schio pets animals fungo

Chi crede nelle potenzialità dei funghi sostiene che questi, oltre a rinforzare il sistema immunitario, regolare glicemia e colesterolo, avere una precisa azione anti – infettiva, sarebbero in grado di inibire la crescita tumorale e di curare disturbi cardiocircolatori e neurologici. Si tratta sicuramente di una rivelazione sorprendente da considerare con cautela senza false illusioni, ma anche con molto interesse per le future scoperte. Non c’è dubbio, come ricorda anche il Ministero della Salute, che i funghi abbiamo un valore nutritivo importante dal punto di vista qualitativo per la presenza di amminoacidi essenziali, vitamine ed alcune sostanze minerali.

Il fungo ABM (Agaricus Blazei Murrill), per esempio, sembra essere il fungo che maggiormente combatte le formazioni tumorali. La sua riscoperta è stata avvicinata a quella della penicillina poiché gli anno attribuito azioni rivoluzionarie contro il cancro e l’AIDS. In attesa di conferme circa le potenzialità dei funghi per la cura di malattie tanto gravi, non vanno sottovalutate le capacità terapeutiche dei funghi per la cura di malattie piuttosto diffuse negli anziani. La Maitake (Grifola frondosa) ad esempio, da secoli apprezzata dai Giapponesi, si è dimostrata, infatti, efficace per l’abbassamento della pressione, per la cura del diabete senile e l’osteoporosi.

Anche se sono alimenti, i funghi non velenosi sono pertanto molto efficaci e possono essere di sicuro interesse come aiuto complementare alla Medicina Ufficiale. Alcune patologie sulle quali i funghi hanno dato ottimi risultati sono il diabete, problemi circolatori, cancro, virosi di vario tipo, asma, allergie ed altre. I funghi rientrano sicuramente in quella che viene definita immunonutrizione, che è la capacità di modulare l’attività del sistema immunitario attraverso l’utilizzo di specifici nutrienti. L’immunonutrizione può essere utilizzata ogni volta che si ritenga necessario riequilibrare la risposta immune cellulare (TH1) ed umorale (TH2).

FUNGHI MEDICINALI COME SORGENTE DI POLISACCARIDI IMMUNOMODULANTI E ANTITUMORALI.

p276_0_01_02Con il termine “fungo” si intende generalmente la definizione data da Chang e Miles nel 1992: “un macrofungo con un corpo fruttifero distinguibile che può essere sia epigeo che ipogeo, grande abbastanza da essere visto ad occhio nudo e da essere raccolto”.

Si stima che sulla Terra vi siano 140.000 specie di funghi di cui si conosce probabilmente solo il 10% (circa 14.000 specie identificate). I funghi forniscono una potente fonte di molecole farmacologiche potenti, utilizzate anche a livello farmaceutico.

In particolare, rappresentano una sorgente importante di polisaccaridi con attività immunostimolante e antitumorale. Molti Basidiomiceti, se non tutti, contengono polisaccaridi biologicamente attivi nel frutto intero, nel micelio e nel terreno di coltura. Dati scientifici sui polisaccaridi dei funghi sono stati ottenuti da 651 specie e da 182 generi di etero ed omobasidiomiceti. Questi polisaccaridi (B-glucani o glicoproteine) sono caratterizzati da diverse strutture chimiche, ed hanno quindi azione diverse e più o meno potenti. La maggior parte sono caratterizzati da legami B-(1-3) e ramificazioni B-(1-6) necessarie per l’azione antitumorale. I B-glucani ad alto peso molecolare sono più efficaci di quelli a basso peso molecolare. Inoltre più complessa è la struttura maggiore è la loro efficacia. La solubilità in acqua è un’altra caratteristica che ne potenzia l’attività immunomodulante e antitumorale.

Principali effetti di immunomodulazione dei polisaccaridi:
prevenzione dell’oncogenesi attraverso l’assunzione orale di funghi o di loro preparazioni
attività antitumorale diretta contro tumori allogenici o singenici
attività di immunopotenziamento contro i tumori in combinazione con la chemioterapia
preventive effect on tumor metastasis.

ertrrUn buon esempio degli effetti di prevenzione di queste sostanze immunomodulanti è dato da ricerche giapponesi su un popolare fungo commestibile e medicinale, l’ Hypsizygus marmoreus (Ikekawa 2001). Topi di un gruppo di controllo sono stati nutriti con una dieta contenente il 5% di frutto intero di Hypsizygus marmoreus. A tutti i topi è stata effettuata somministrazione intraperitoneale di un potente carcinogeno, il metilcolantrene, ed è stata studiata l’evoluzione carcinogenetica. Alla fine della 76° settimana di osservazione, 21 topi su 36 avevano sviluppato il tumore, ma solo 3 del gruppo trattato con il 5% di Hypsizygus marmoreus. Gli autori conclusero che il meccanismo di inibizione oncogenica e di prevenzione dello sviluppo di malattia era legato agli effetti di immunopotenziamento da parte del fungo (Ikekawa 2001).

Ricercatori dimostrarono che il tasso di mortalità per malattie tumorali in una popolazione di agricoltori che coltivavano Flammulina velutipes (un ben conosciuto fungo medicinale in Giappone) era significativamente più basso rispetto alla popolazione generale della regione (Ikekawa 1995, 2001). Un’altra osservazione epidemiologica simile è stata fatta tra gli abitanti di Piedade in Brasile che assumevano regolarmente un potente fungo medicinale che cresceva in quella zona, l’Agaricus Blazei.

Meccanismi di azione immunomodulante e antitumorale dei polisaccaridi dei funghi

p276_0_01_04I polisaccaridi dei funghi esercitano la loro azione antitumorale principalmente attraverso l’attivazione immunitaria dell’organismo ospite. Queste sostanze sono definite “Biological Response Modifiers” o BRM (modificatori di risposta biologica o anche adattogeni) secondo la definizione di Wasse e Weis nel 1999.

Caratteristiche dei BRM sono:
1. Non causano Danni nè stress addizionale all’organismo
2. Aiutano l’organismo ad adattarsi a stress ambientali e biologici
3. Esercitano sull’organismo un’azione non specifica, supportando alcuni dei principali sistemi tra cui il sistema nervoso, ormonale ed immunitario, così come sostengono le azione di regolazione (Breckman 1980).

Cosa sono i beta glucani?
I B-glucani (beta-glucani) sono polisaccaridi che si trovano nella crusca dei cereali in grano, nella parete cellulare dei lieviti nei funghi e nei batteri. I B-1,3-D glucani sono considerati dei Modificatori di risposta biologica (BRM Biological Response Modifier) per la loro capacità di attivare il sistema immunitario. Tuttavia, è importante notare che l’attività dei B-1,3-D glucani è diversa da quella degli agenti che stimolano il sistema immunitario.

Agenti che stimolano il sistema immunitario possono potenziare una iper-stimolazione e pertanto sono controindicati in caso di allergie e malattie autoimmuni. I B-1,3-D glucani modulano il sistema immunitario, ossia lo regolano perché possa funzionare meglio riducendone l’iperreattività. Questa azione è effettuata attraverso l’attivazione dei fagociti, cellule immunitarie la cui funzione è quella di intrappolare e distruggere sostanze estranee quali batteri, virus, funghi patogeni e parassiti. Oltre a potenziare l’attività dei fagociti, i B-1,3-D glucani contribuiscono a ridurre gli LDL (colesterolo cattivo) nel sangue, coadiuvano la riparazione delle ferite, aiutano a prevenire le infezioni, aumentano numero ed efficacia delle cellule Natural Killer e contribuiscono a prevenire e a trattare il cancro.

L’antrace è una malattia che non può essere studiata per ovvie ragioni. In uno studio condotto presso il Dipartimento della Difesa Canadese (Canadian Department of Defense) il Dr. Kournikakis ha dimostrato che l’assunzione orale di B-glucani con o senza antibiotici protegge i topi contro le infezioni da antrace. Una dose di antibiotico insieme a 2 mg per Kg di peso di B-glucani per bocca per 8 giorni prima dell’infezione con Bacillus antracis proteggeva il topo per i 10 giorni dopo l’esposizione (periodo test). I topi trattati solo con antibiotico non sopravvivevano. Un secondo esperimento condotto sui topi per valutare gli effetti dei B-glucani per via orale dopo esposizione a Bacillus antracis ha evidenziato risultati simili al precedente. Il tasso di sopravvivenza nei topi trattati con B-glucani era 80-90% contro il 30% del gruppo di controllo dopo 10 giorni. Questi dati fanno sperare di poter ottenere risultati simili anche nel caso dell’uomo.

L’azione immunomodulante dei polisaccaridi dei funghi è principalmente importante in prevenzione, come trattamento dolce e non invasivo e nella prevenzione della metastatizzazione.

qwtryI polisaccaridi dei funghi non attaccano direttamente le cellule tumorali, ma producono i loro effetti attivando determinate risposte immunitarie nell’ospite. Ciò è stato verificato in molti esperimenti, quali la perdita dell’effetto antitumorale in topi timectomizzati o dopo somministrazione di antisieri contro i linfociti (Ooi e Liu 1999). Tali risultati suggeriscono che l’azione antitumorale richiede una risposta T linfocitaria intatta e che tale attività è mediata da un meccanismo mediato dal timo. L’attività di alcuni polisaccaridi, quali ad esempio il Lentinan, è inibita dal pretrattamento con inibitori dei macrofagi quali la carragenina.

I polisaccaridi e i proteoglicani derivati dai funghi agiscono da immunomodulanti. La capacità di queste sostanze di aumentare o sopprimere la risposta immunitaria dipende da tutto un insieme di fattori tra cui il dosaggio, la modalità di somministrazione, l tempo e la frequenza di somministrazione, i meccanismi di azione e i siti di attività. È stato dimostrato che molti composti dei funghi sono in grado di potenziare l’attività del sistema immunitario aspecifico e altri di quello specifico, di attivare alcune cellule del sistema immunitario in grado di mantenere l’omeostasi, ad esempio attraverso l’attivazione dei macrofagi (macrofagi, cellule di presentazione dell’antigene, granulociti, cellule NK, cellule dendritiche) e l’induzione della sintesi di citochine (interleuchine, interferoni, fattori di stimolazione delle colonie) che orientano l’azione del sistema immunitario e inducono l’attivazione del sistema del complemento e delle proteine di fase acuta. Possono anche essere considerati come induttori di citochine, in grado di indurre l’espressione genica di varie citochine immunomodulatorie e di recettori per le citochine. Sono in grado di stimolare anche i linfociti B che regolano la risposta anticorpale e i linfociti T che mediano la risposta ciotossica.

PREVENZIONE
Cancer Research UK afferma: studi epidemiologici sull’uomo in Giappone e in Brasile hanno evidenziato che il consumo regolare, nel lungo periodo, di funghi medicinali è in grado di ridurre significativamente l’incidenza di sviluppo tumorale e dice anche che “ci sono prove sempre maggiori, attraverso esperimenti su modelli animali, del fatto che l’assunzione regolare di funghi medicinali o di loro estratti, può esercitare un effetto preventivo sia come elevata attività antitumorale sia come inibizione dell’incidenza di metastasi. Gli estratti di funghi medicinali possono essere utilizzati per migliorare la qualità della vita alleviando gli effetti collaterali di radio e chemioterapia, quali la stanchezza, la riduzione dell’appetito, la deplezione midollare e il rischio di infezioni opportunistiche.
Cancer Research UK afferma anche che, è stato dimostrato che queste sostanze sono sicure, non tossiche, anche quando assunte per lunghi periodi di trattamento e, quando assunte durante trattamenti di chemio e radioterapia, ne riducono in modo significativo gli effetti collaterali. Questi risultati sono in netto contrasto con i ben documentati effetti collaterali della maggior parte dei composti chemioterapici e, anche se in minor misura dei composti immunoterapici (es. anticorpi monoclonali) o alcune terapie biologiche per le quali sono stati dimostrati numerosi effetti collaterali quali febbre, brividi, rash cutanei, edemi, artralgie, ipotensione, insufficienza cardiaca congestizia o tossicità per il sistema nervoso centrale.

Molti composti estratti dai funghi sono stati classificati agenti anti-tumorali dal US National Cancer Institute.

Perché utilizzare una miscela di estratti?
I ricercatori ritengono che, per massimizzare la risposta immunitaria, la cosa migliore è utilizzare una miscela di polisaccaridi ottenuti da vari funghi. Questi diversi polisaccaridi potenziano il numero e l’attività dei NK e dei linfociti Killer. La combinazione di diverse specie di funghi medicinali è in grado di inviare stimoli multipli al sistema immunitario per risvegliare le difese immunitarie naturali.

s_1004883_lingzhiPerché è importante che i funghi siano coltivati biologicamente
I funghi sono dei potenti chelanti e possono quindi accumulare sostanze tossiche e metalli pesanti. In particolare, questo succederà se crescono nelle vicinanze di zone industrializzate dove aria e acqua sono potenzialmente inquinate, in quanto i funghi saranno in grado di concentrarle. Questa capacità di chelare sostanze tossiche diventa molto utile nell’organismo in quanto i funghi, se biologicamente coltivati, eserciteranno un’attività di detossificazione dell’organismo.

Le principale sostanze attive che producono effetti benefici per la salute dell’uomo sono l’elevata concentrazione di enzimi, metaboliti secondari, triterpeni, lectine, steroli, fibre alimentari, chitina e, non ultimi, i Beta glucani.

Elenco dei principali funghi medicinali (fonte: Ivo Bianchi, MICOTERAPIA, i funghi medicinali nella pratica clinica, Palermo, Nuova Ipsa Editore, 2008):

Si propone di seguito un elenco dei funghi medicinali e, a titolo puramente indicativo, le patologie più comuni per le quali essi vengono utilizzati, rimandando ad ogni lettore, ovviamente, l’approfondimento dovuto.
Lentinus Edodes – (SHIITAKE): ipercolesterolemia, iperuricemia, cachessia neoplastica, artrosi, affezioni virali, influenza, rinite, steatosi epatica, eczema, cancro polmonare e mammario, sarcoma;
Coprinus Comatus: diabete tipo I e II, stipsi, emorroidi, tossicosi epatica;
Polyporus umbellatus – (ZHU LING): edemi, ritenzione di liquidi, ipertensione, drenaggio linfatico, metastasi linfonodali, cancro, leucemia;
Hericium Erinaceus – (HOUTOU): gastrite, reflusso gastroesofageo, ulcera gastrica e duodenale, allergie ed intolleranze alimentari, rettocolite ulcerosa,
Auricularia auricula judae – (MU HER – KIKURAGE): Infiammazione delle mucose, tracheite, tosse secca, cancro cutaneo, carcinoma epidermoide, eccesso di radicali liberi, emorroidi, obesità;
Cordyceps sinensis Cordyceps militaris: Stanchezza, convalescenza, depressione, insonnia, impotenza, sterilità maschile e femminile, gastroenteriti infettive, irregolarità mestruali, glomerulonefrite cronica, insufficienza renale, asma, bronchite cronica;
Grifola frondosa – (MAITAKE): Carcinoma mammario, polmonare, gastrico, epatico, vescicale, prostatico, melanoma, glioblastoma, ottimo per controbattere gli effetti secondari della chemioterapia, cistiti ricorrenti, ipertrigliceridemia, deficit immunologico, stress, osteoporosi;
Ganoderma lucidum – (LING ZHI – REISHI): Insonnia, stanchezza, invecchiamento precoce, miotonia distrofica, problematiche cardiovascolari, aritmia, dispnea, precordialgie, allergie, eczemi, epatiti A,B,C, carcinoma nasofaringeo, artrite reumatoide, mononucleosi infettiva, leucopenia.
Agaricus brasiliensis – (COGUMELO DEL SOL): Deficit immunologico, patologie autoimmuni, frequenti ricadute infettive, allergia, asma, invecchiamento precoce, ipertensione arteriosa, intossicazioni, cirrosi epatica, epatite B, epatite tossica, sarcoma, melanoma, patologie neoplastiche.
Coriolus versicolor – (KAWARATAKE – YUN ZHI): azione antivirale, tumori ormono-dipendenti (mammari, prostatici), carcinoma polmonare, sarcoma, tumori cerebrali, linfoma, carcinoma esofageo, gastrico, nasofaringeo, polmonare, colo-rettale, ovarico, cervicale (HPV correlato), vescicale.

Attualmente l’evidenza degli effetti positivi dei funghi nel trattamento delle malattie degenerative trova sempre maggiori conferme anche da parte della medicina occidentale e sempre piú composti da essi isolati si dimostrano promettenti. In questo contesto si inserisce l’iniziativa di un gruppo di professionisti: medici, biologi, farmacisti e veterinari che hanno recentemente costituito l’Associazione Scientifica Internazionale senza fini di lucro chiamata International Mycotherapy Institute.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-tropismo

(L’immagine è tratta dal libro: Ivo Bianchi, MICOTERAPIA, i funghi medicinali nella pratica clinica, Palermo, Nuova Ipsa Editore, 2008)

PER AUMENTARE LA BIODISPONIBILITA’ NELL’ASSUNZIONE DEI FUNGHI SI SUGGERISCE DI ASSUMERE CONTEMPORANEAMENTE ASCORBATO DI POTASSIO ( MICO-COMPLEX)

Di solito, per l’uso terapeutico i medici prescrivono un dosaggio doppio o triplo rispetto a quello a scopo preventivo.

Quest’ultimo si aggira su 1 o 2 grammi al dì. E’ anche diverso considerare la polvere, il micelio, le spore, l’estratto, la cui scelta è in genere lasciata all’operatore esperto. Comunque, assumendo la polvere del fungo, a scopo alimentare non si sbaglia.

Trattandosi di alimenti, come definito dal Ministero della Salute, non di farmaci, anche dosaggi alimentari di polvere di fungo, di 5 o più grammi al giorno, non danno problemi, salvo intolleranze alimentari particolari per quel o quei funghi selezionati, individuali, peraltro piuttosto rare e facilmente reversibili sospendendo la somministrazione.

Dosi fino a 15 grammi di polvere al giorno, dei funghi descritti, in soggetti adulti in normale stato di salute, non hanno evidenziato alcuna sindrome o problema da sovradosaggio (Stefania Cazzavillan). Questa osservazione vale comunque per qualunque alimento. Tutti i funghi risentono dell’azione potenziante della vitamina C naturale, assunta con i cibi e/o con integratori, nello stesso giorno in cui si assume il fungo.

(fonte: http://www.ambrosinaturalmedicine.eu)

 

separatore_grigio

ahcc_amino

AHCC (composto collegato d’esosio attivo)

L’AHCC rappresenta un insieme di componenti attivi maggiormente identificati dagli alfa-glucani. Questi ultimi sono molecole bio-attive che, grazie al loro basso peso molecolare (circa 5.000 Dalton) vengono prontamente assorbiti dall’organismo diventando quindi immediatamente disponibili a livello cellulare. La loro funzione è quella di sostenere e coadiuvare il sistema immunitario in soggetti che per diverse ragioni ne hanno particolare necessità. L’AHCC è il più popolare stimolante immunitario conosciuto ed utilizzato in Giappone. Riteniamo comunque che può essere considerato come l’integratore più riconosciuto al mondo. Centinaia di migliaia di pazienti l’hanno usato da oltre 20 anni. Con AHCC sono stati sottoposti a numerosi test clinici animali e persone, sono stati fatti studi in vitro da oltre trenta Università e istituti di ricerca medica e da oltre 700 ospedali sia in Giappone che nel resto del mondo.

AHCC è prodotto esclusivamente in Giappone da dove è esportato dai maggiori produttori d’integratori alimentari.

E’ un estratto brevettato dai miceli dei funghi del genere “Basidiomiceti ibridi”. Contiene un gran numero di principi attivi inclusi i derivati di Alfa e Beta glucani. Nell’AHCC è stato anche modificato l’enzima per ridurre il peso molecolare fino a 5.000 Dalton (unità di massa atomica) e poter così facilitare la biodisponibilità e l’assorbimento orale.

In un corpo sano il sistema immunitario è in grado di rilevare ed eliminare le cellule tumorali, ma quando il sistema immunitario s’indebolisce le cellule tumorali proliferano e secernono fattori immunosoppressori. Con le convenzionali terapie antitumorali, tipo la chemioterapia e le radiazioni, le difese immunitarie sono ulteriormente indebolite, con AHCC si ha il ripristino delle loro normali funzioni.

Protegge il sistema immunitario, supporta le fasi della chemioterapia contrastando gli effetti collaterali. E’ di aiuto anche in caso di sindromi da stanchezza cronica, infiammazioni ed epatite.

Integratore Dietetico Riconosciuto A Livello Mondiale

Usato in più di 20 paesi da più di 20 anni.
Sicurezza scientificamente provata senza aver riportato effetti collaterali.
Ampia Ricerca Scientifica
Studiato da più di 70 istituzioni primarie mondiali.
Più di 30 pubblicazioni elencate in PubMed.
Miglioramento Della Risposta Immunitaria
Aumenta il numero di cellule immunitarie aiutando a prevenire i contagi e aumentando l’immunità intestinale.
Medicina integrativa e nutrizione clinica

Di efficace aiuto nel contrastare gli effetti collaterali della chemioterapia. Potrebbe migliorare le funzioni epatiche.

Sicurezza
AHCC è confermato essere un prodotto alimentare non tossico e sicuro da numerosi studi clinici in vitro e in vivo. La genotossicità è stata testata da test di mutazione inversa e test di micronucleosi, tossicità orale di singole dosi e tossicità orale di dosi ripetute a 90 giorni sono state esaminate su roditori e un test clinico di fase I è stato condotto in soggetti sani.
Inoltre, AHCC è un composto fatto con funghi con una storia di consumo umano. In più, molte centinaia di migliaia di persone hanno usato AHCC senza relazioni riguardo la sua tossicità o effetti collaterali dalla sua introduzione nel mercato nel 1989.

Gli specialisti del settore sanitario sostengono l’utilizzo dell’AHCC nel trattamento del cancro, dell’AIDS, dell’epatite C, ma anche del diabete, dell’ipertensione, delle malattie autoimmuni e di molte altre patologie. Un così ampio spettro di applicazioni sta portando sempre più medici e ricercatori ad adottare un punto di vista totalmente diverso riguardo a malattie croniche e mortali. Chissà, forse il cancro al polmone non è una malattia del polmone e forse l’epatite non è una malattia del fegato. Magari sono entrambi patologie del sistema immunitario. L’insufficienza o il deterioramento della funzione immunitaria potrebbe essere l’elemento che lega numerose patologie degenerative ai disturbi da invecchiamento, sebbene siano sempre stati considerati malattie distinte.

Da questa nuova prospettiva sulla natura e sull’origine delle malattie, si potrebbe concludere che i globuli bianchi del sistema immunitario hanno bisogno dell’AHCC come il sangue ha bisogno di ferro, le ossa hanno bisogno di calcio e i nervi di fosforo. Tale nutrimento diretto per i globuli bianchi è una delle ragioni per cui l’AHCC viene considerato un superalimento. Un’altra ragione è data dal suo basso peso molecolare che lo rende estremamente digeribile e assorbibile.

Non c’è alcun dubbio che l’AHCC sia un integratore alimentare utile non solo per il trattamento di varie patologie, ma anche per mantenere un ottimo stato di salute….

L’AHCC è un monosaccaride dal gusto leggermente dolce prodotto dal micelio di un ibrido di shiitake coltivato nell’estratto di crusca di riso. La crusca di riso stessa ha proprietà antivirali e di supporto al sistema immunitario. L’AHCC fu sviluppato nel 1987 presso la Facoltà di Scienze Farmaceutiche dell’Università di Tokyo dal Dr. Toshihiko Okamoto in collaborazione con i ricercatori dell’Amino Up Chemical Co. Ltd. L’AHCC viene estratto dai fili che formano il micelio della miscela di funghi coltivati in una vasca di precoltivazione.

Le colonie di funghi vengono poi coltivate nella vasca principale di coltura per altri quarantacinque giorni. L’AHCC si ottiene attraverso un processo brevettato di coltura, decomposizione enzimatica, sterilizzazione, concentrazione e crioessiccazione. Fra i principali componenti dell’AHCC c’è anche l’a-glucano parzialmente acetilato, il quale è noto per i suoi effetti benefici sul sistema immunitario. Uno dei vantaggi del processo di fermentazione è legato alla scissione dei nutrienti in una forma più facilmente assorbibile dall’organismo. L’AHCC ha un peso molecolare di soli 5.000 dalton. Il peso molecolare di gran parte degli estratti fungini è di centinaia di migliaia di dalton. Un peso molecolare così ridotto aumenta l’efficacia dei nutrienti che vengono, in tal modo, assorbiti e utilizzati, senza eliminarne nessuno.

Tutto ciò, inoltre, fa sì che i potenti nutrienti contenuti nell’AHCC vengano assimilati rapidamente dai globuli bianchi per essere immediatamente utilizzati per distruggere i tumori o per rafforzare le difese immunitarie. Ecco un altro motivo, in aggiunta alla sua funzione di rafforzamento immunitario, per il quale l’AHCC è considerato un superalimento. L’acronimo AHCC sta per Active Hexose (composto collegato d’esosio attivo)…..

L’AHCC è stato utilizzato con successo nel trattamento delle seguenti affezioni:
• Cancro: fegato, seno, prostata, gastrointestinale, mieloma multiplo
• Condizioni precancerose: displasia cervicale
• Virus dell’immunodeficienza umana (HIV)
• Epatite C e cirrosi epatica
• Infezioni croniche
• Diabete
• Stress
• Ipertensione, aritmia cardiaca
• Glaucoma.

SINTESI DEGLI EFFETTI DELL’AHCC SUL SISTEMA IMMUNITARIO
• Aumenta il numero di linfociti T fino al 200%
• Attiva le cellule immunitarie coinvolte nella “sorveglianza”: Cellule NK, LAK e macrofagi
• Aumenta la produzione di citochine:TNF-a, interferone gamma, IL-2 e IL-12
• Inibisce le citochine immunosoppressive come le TGF-b
• Migliora l’equilibrio tra Th I /Th2 (immunità cellulare vs immunità umorale)

SINTESI DELL’EFFICACIA DELL’AHCC NEL TRATTAMENTO DEL CANCRO
• L’AHCC ha avuto effetti benefici nel 60% dei malati di tumori
• L’AHCC riduce le dimensioni del tumore, a volte restringendolo del tutto
• L’AHCC può inibire le metastasi e le recidive del cancro
• Aumenta i tempi di sopravvivenza
• Migliora le condizioni del paziente senza effetti collaterali
• Mitiga o elimina gli effetti collaterali della chemioterapia
• Ripristina l’attività delle cellule NK soppresse dalla chemioterapia
• Associato alla chemioterapia, riduce i tumori primari del 20% rispetto alla chemioterapia da sola
• Particolarmente efficace contro i tumori a fegato, stomaco, colon, seno, tiroide, ovaie, testicoli, lingua, reni e pancreas

Prodotti aggiuntivi che possono essere associati con l’AHCC:

o GERMANIO ORGANICO GE-132
o REISHI
o MAITAKE
o SHIITAKE
o AGARICUS
o VITAMINA C
o NIKE RCK
o Linea ONCO CARE

p276_0_39_03

p276_0_39_04NKlife Plus 60 capsule da 680 mg
Alfa Glucano (AHCC) Wasabi Japonica
Prezzo: € 77,00

pulsante_acquista2

Integratore alimentare formulato in capsule a base di Lentinula Edodas, un fungo alimentare tradizionalmente utilizzato in Giappone come ingrediente utile per favorire le naturali difese dell’organismo (estratto secco titolato in Alfa Glucano), e di Wasabi Japonica, comunemente noto come Rafano, sempre utilizzato in Oriente per favorire la funzione digestiva.

separatore_bianco

Ingredienti: Shitake sporophrum (Lentinula Edodes), Rafano (Wasabi Japonica var.), Calcio Fosfato Bibasico e Silice ; Agenti di carica: Cellulosa microcristallina, Magnesio stearato.

Modalità d’uso
Si consiglia l’assunzione di due capsule al giorno lontano dai pasti con un bicchiere d’acqua.

Conservare il prodotto in luogo fresco ed asciutto (<25°C) e al riparo da fonti di luce e di calore. mIl termine minimo di conservazione si riferisce al prodotto correttamente conservato in confezione integra.

cnkahccattura

separatore_grigio

LINEA SPAGNOLA
Certificazioni

p276_0_02_04

Linea ricca di polisaccaridi ad alto peso molecolare, in particolare ß-glucani ß-(1,3) ß(1,6)-glucani e Triterpeni: Acido Lucidenico; Acido Ganodermico; Acido Genolucido.

I ß-glucani sono polisaccaridi idrosolubili che intervengono nella stimolazione del sistema immunitario. La molecola di base del ß-D-glucano è una struttura di D-glucose ripetute in catene lineari unite mediante legami ß(1-3) e (1-6) glucano. Questi legami sono responsabili dell’attività immunomodulatrice grazie alla reazione mediata dai ricettori di ß-glucani che si trovano nei neutrofili, nei macrofagi, nelle cellule NK e nei linfociti T e B.

Dose giornaliera consigliata
Prevenzione e mantenimento: 1 capsula al giorno
Trattamento coadiuvante: 2 capsule al giorno
Durata: minimo 2-3 mesi, sempre tenendo in considerazione l’opinione di un professionista.
Mantenimento: 6 mesi con una dose giornaliera consigliata di capsula/die.

Queste indicazioni dipendono dal criterio del professionista della salute. Si consiglia di ingerire le capsule a digiuno con agrumi (succo d’arancia, mandarino, pompelmo o limone) O MEGLIO CONTEMPORANEAMENTE AD ASCORBATO DI POTASSIO O ASKORBATO-K, questo perchè i ß-glucani sono polisaccaridi composti da catene ad alto peso molecolare che non sono facilmente assorbibili dall’intestino e per questo l’azione dell’ acido ascorbico sui legami 3 li trasforma in catene di peso minore e quindi più facilmente assimilabili.

I pazienti con problemi gastrointestinali intolleranti agli agrumi possono ingerirle con succo di mela arricchito con vitamina C.

Precauzioni:
Per il suo carattere immunomodulatore, non deve essere assunto da persone che hanno subito un trapianto di recente. Non somministrare durante la gravidanza e l’allattamento, ne a bambini di età inferiore ai 6 anni. Non somministrare a persone allergiche ai funghi in quanto si tratta di un estratto derivato da essi. Gli estratti MICOSALUD sonno prodotti al cento per cento naturali, che assunti in dosi normali non hanno effetti collaterali.

p276_0_02_06UTILIZZO: FASE ACUTA e MANTENIMENTO

FORMULAZIONE: ESTRATTO

Basandoci sui principi attivi di ognuna delle varietà che coltiviamo, abbiamo creato una serie di estratti, attenendoci alle concentrazioni ed alle dosi giornaliere consigliate necessarie affinché abbiano effetto sull’organismo e sulla memoria cellulare.

Tutti i funghi agiscono con una base comune a livello molecolare, i B-glucani, che sono modulatori dell’equilibrio cellulare, il che spiega perché molti di essi presentano applicazioni comuni. Allo stesso tempo sono presenti componenti specifici che dirigono l’attività di ogni fungo verso una patologia concreta. Grazie alla base comune tra essi si crea un’attività sinergica che ci consente di operare sommando sforzi tra le distinte specie.

Es.: nel caso di una prescrizione di 3 capsule/giorno si possono mescolare 1 capsula/giorno di 3 specie distinte per agire sui diversi segnali clinici e sintomi manifesti.
Nel caso di patologie concrete consigliamo la prescrizione della linea di capsule mono-specifiche, per il fatto che lavoriamo con concentrazioni atte ad ottenere risultati. Nel caso di stati di carenze generiche, consigliamo Mico-Mix, una miscela sinergica di Shitake, Maitake e Reishi, che aiuta a modulare l’attività del sistema immunitario.

La durata minima del trattamento a base di estratti è di 45-60 giorni per permettere alla cellula di incorporare nel suo sistema e nei cicli corrispondenti ciò che il fungo apporta e così stabilire risultati. il miglioramento può avvenire a partire dalla 2^3^ settimana di trattamento (in base alla reazione del paziente ed alla diagnosi), ma è fondamentale continuare il trattamento fino al completamento di un minimo di due mesi.

Il micelio del cogumelo do sol si comporta come una spugna, nel tratto intestinale assorbe elementi patogeni e cellule di scarto che elimina dal corpo per mezzo delle feci. Sul substrato di coltivo il fungo agisce come bioaccumulatore di tossine e di metalli pesanti, per questo è importante cercare la certificazione di produzione biologica come garanzia di purezza.

“L’Agaricus blazei Murill ha dimostrato di possedere un’attività antimutagenica, battericida e antiangiogenica, e di essere un potente stimolante del sistema immunitario nel promuovere i meccanismi di difesa per combattere un’ampia gamma di agenti contagiosi oltre al cancro” Dr. Takashi Mizuno.

p276_0_02_07

LINEA TEDESCA

p276_0_18_01UTILIZZO: FASE ACUTA e SUBACUTA

FORMULAZIONE: FUNGHI IN TOTO

Linea molto efficace, sicura e bilanciata (con effetto sinergico dovuto all´utilizzo di tutte le parti del fungo).
Per l´utilizzo delle formulazioni Mix si consiglia l´uso in abbinato ad altri funghi.

separatore_bianco

erboristeriarcobaleno allergie mico complementerboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-askorbato

ASKORBATO K- HdT

90 compresse
Prezzo: 22,00

pulsante_acquista2

p007_0_11_02

 

separatore_biancoAskorbato di Potassio Powered d’estratti d’Ulivo titolato in oleuropeina e Vite titolata in polifenoli e OPC

Ingredienti per 1cpr 400mg:
Acido ascorbico 180mg
Potassio bicarbonato 102mg
Olea europaea L. folia (Ulivo) tit 6% oleuropeina 55mg
Vitis vinifera L. (Semi d’acini d’Uva) estratto secco purificato tit 80% polifenoli e 55% OPC 40mg
Eccipienti: stearato di magnesio, gommalacca, glicerina e talco.
Produzione e lavorazione spagnola

L’ascorbato di potassio è il sale potassico dell’acido ascorbico, meglio conosciuto come Vitamina C. L’acido ascorbico, che deve essere giornalmente assunto con la dieta, in quanto il nostro organismo non è in grado di produrlo, è un importante antiossidante ed è indispensabile per la sintesi del collagene e dei tessuti connettivi.

Aumenta l’assorbimento del ferro, contribuisce all’accrescimento delle ossa, migliora la resistenza alle infezioni e potenzia il sistema immunitario. La sua carenza provoca lo scorbuto.

Il potassio funziona da normalizzatore cardiaco, e come regolatore del bilanciamento delle scorie del corpo, esercita azione alcalinizzante dei fluidi corporei e aiuta a ridurre la pressione sanguigna. Esso è considerato il catione guida dei processi metabolici intracellulari.

Un organismo sano si contraddistingue, tra le altre cose, anche per il corretto funzionamento della pompa di membrana sodio-potassio. La perdita di potassio intracellulare determina uno sbilanciamento elettrolitico a causa dell’alterato funzionamento della pompa sodiopotassio, con elevati livelli di sodio e ridotti livelli di potassio intracellulare; questa situazione è spesso riscontrabile nei processi degenerativi cellulari. Questo evento, che completa una catena di processi biochimico-fisici complessi, ha infatti un peso importante nel controllo della proliferazione cellulare. In questo contesto l’acido ascorbico si comporta come “veicolo trasportatore” per il potassio, e contribuisce a riportare la sua concentrazione intracellulare ai valori corretti.

erboristeriarcobaleno allergie potassio sodioL’ascorbato di potassio, grazie alla sua struttura molecolare ciclica, è in grado di ripristinare le corrette concentrazioni intracellulari di sodio e potassio e quindi un corretto funzionamento cellulare.

Già nel 1932 Moravel e Kishi misero in evidenza l’alta concentrazione di potassio nella cellula sana a differenza della cellula neoplastica, nella quale notarono valori drasticamente inferiori a seconda del livello di malignità (cellula sana 290 mg/100ml; tessuto neoplastico in via di sviluppo 50mg/100ml; tessuto neoplastico sviluppato 25mg/100ml; tessuto neoplastico in fase terminale 5mg/100ml).

Nel 1969 Dean Burk del National Cancer Institute (NCI) affermò: “il grande vantaggio che gli ascorbati possiedono come potenziali agenti antitumorali è che essi sono particolarmente non tossici per i normali tessuti del corpo e possono essere somministrati senza effetti collaterali degni di nota anche a dosi estremamente alte (fino a 5g/kg o più)”.

Il biochimico Gianfranco Valsè Pantellini della New York Academy of Science notò già negli anni ottanta l’attività dell’ascorbato di potassio nelle malattie degenerative.

L’Askorbato di Potassio Powered nasce dall’esigenza di creare un potente antiossidante da usare da solo o in sinergia con i funghi medicinali per aumentare la loro biodisponibilità.

E’ il primo prodotto della linea Mico-Complement, sigla che indicherà tutta una serie di composti studiati per divenire, tra le altre loro funzioni, anche complementari alla Micoterapia.

L’Askorbato di Potassio Powered, particolarmente ricco di Vitamina C e antiossidanti grazie agli OPC di Vitis vinifera ed all’oleuropeina, è essenziale con i funghi terapici in quanto la Vitamina C crea un processo di osmosi inversa nell’intestino liberando liquidi a livello intestinale ed aumentando così la viscosità dei beta-glucani (polisaccaridi idrosolubili) e il loro assorbimento. La sinergia tra Vitamina C, Potassio, OPC ed oleuropeina rende questo prodotto un importante antiossidante, anche a dosaggi minimi che assicura una elevata biodisponibilità dei polisaccaridi dei funghi.

Dosaggio consigliato
1-6 cps/die suddivise nella giornata corrispondente a 300-1800 mg di ascorbato di potassio
Controindicazioni
L’alto dosaggio di ascorbato di potassio può portare ad iperkaliemia, se si raggiungono i 18.000 mg al giorno.
Nota: l’utilizzo di questo prodotto non è da considerarsi una alternativa ai protocolli terapeutici convenzionali. Questo composto interviene sui meccanismi metabolici di base a livello cellulare, e pertanto non interagisce negativamente con i programmi terapeutici convenzionali.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-ashwagandha-depressioneASKORBATO K- HdT è indicato in tutti i casi in cui vi sia un elevato stress ossidativo dell’organismo, come ad esempio in presenza di:

  • vita o lavoro in ambienti inquinati
  • alimentazione non equilibrata e ricca di cibi raffinati
  • elevato consumo di alcool e caffè
  • abitudine al fumo
  • eccessiva esposizione a radiazioni solari
  • intensa pratica sportiva
  • intensa attività mentale
  • condizioni di stress psico-fisico

E’ inoltre indicato in tutti i casi in cui l’organismo presenti una diminuita capacità di inattivazione dei radicali liberi come, ad esempio, in corso di terapie farmacologiche o di situazioni infiammatorie croniche, oppure in caso di invecchiamento precoce.

L’Askorbato di Potassio Powered nasce dall’esigenza di creare un potente antiossidante da usare da solo o in sinergia con i funghi medicinali per aumentare la loro biodisponibilità. E’ il primo prodotto della linea Micocomplex, sigla che indicherà tutta una serie di composti studiati per divenire, tra le altre loro funzioni, anche complementari alla Micoterapia.

La sinergia tra Vitamina C, Potassio, OPC ed Oleuropeina rende questo prodotto un importante antiossidante, anche a dosaggi minimi che assicura una elevata biodisponibilità dei polisaccaridi dei funghi.

erboristeriarcobaleno allergie uvaL’estratto di Vitis vinifera (acini d’uva) è uno dei più potenti antiossidanti conosciuti grazie alla presenza di polifenoli e proantocianidine (OPC) tra cui il resveratrolo. L’attività antiossidante di queste molecole è notevolmente superiore a quella della vitamina C e della vitamina E; esse agiscono sull’inibizione dei radicali liberi dell’ossigeno e della perossidazione lipidica.

La sua azione è particolarmente importante a livello circolatorio: le OPC esercitano una potente azione vasoprotettiva attraverso la stabilizzazione della struttura (collagene ed elastina) dei vasi capillari ed una conseguente riduzione della permeabilità vasale. Studi scientifici hanno dimostrato, per questi composti, un’attività di protezione cardiovascolare ed effetti benefici nei confronti di insufficienza venosa periferica, retinopatia diabetica e degenerazione maculare della retina.

Le proantocianidine hanno mostrato in vitro di essere in grado di inibire la perossidazione lipidica e l’aggregazione piastrinica, e di influenzare vari sistemi enzimatici come la fosfolipasi A2, la cicloossigenasi e la lipossigenasi.

Grazie alla loro affinità con le proteine, i polifenoli e le proantocianidine si legano a molti enzimi, inibendoli.

L’inibizione della ciclossigenasi (COX) e della lipossigenasi (LOX) potrebbe essere alla base della loro attività antinfiammatoria. Altri enzimi per i quali è stata notata inibizione sono: la xantina ossidasi, la GMP ciclico fosfodiesterasi, I’AMP ciclico fosfodiesterasi e l’aromatasi.

La loro struttura li rende capaci di penetrare la membrana cellulare.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiossidanti-ulivoL’impiego tradizionale dell’Ulivo risale all’antichità d’Egitto e della Grecia ed è documentato nella Bibbia e nelle scritture sacre diffuse nell’area mediterranea. A differenza dei frutti dell’Ulivo, i quali offrono acidi grassi monoinsaturi e vitamine conosciute per il valore nutrizionale, le foglie d’Ulivo sono ricche di gommaresina e offrono sostanze antiossidanti che svolgono la funzione vitale di proteggere l’albero dagli attacchi fungini, batterici, parassitici e di molti insetti.

Le foglie d’Ulivo essiccate contengono oleuropeina, idrossitirosolo, tirosolo, tocoferolo, acido elenolico (circa 5%), acido caffeico, flavonoidi (apigenina, luteolina, diosmetina, rutina). Il principio attivo maggiore è l’oleuropeina, una sostanza amara di struttura b-glucosidica.

L’estratto di foglie d’Ulivo essiccate contenuto nell’Askorbato K è titolato al 6% (equivalente a 60mg/g) di oleuropeina. La sinergia delle componenti fitochimiche dell’estratto è più antiossidante e antimicrobico della vitamina E e della vitamina C.

In vitro e in vivo, l’estratto è stato dimostrato efficace contro infezioni fungine, batteriche, virali e il micoplasma (Knipping et al 2012; Omar 2010; Nash 1997).

Nell’estratto di foglie d’Ulivo, le azioni antinfettive e antiossidanti sono sinergistiche con quelle dell’ascorbato di potassio e dell’estratto di semi d’acini d’uva nel proteggere le mucose gastrointestinali da lesioni microbiche, incluse quelle causate da candidosi trascurate che colpiscono la maggioranza.

L’attività dell’estratto di foglie d’Ulivo è, dunque, antimicotica, antispasmodica, ipotensiva, ipoglicemica, ipouricemica e ipolipidemica e la letteratura scientifica è ricca di studi recenti in vitro e in vivo, i quali suggeriscono la sua utilità per abbassare la pressione sanguigna, il colesterolo totale e i glucidi, migliorando il funzionamento del metabolismo.

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-oleamax-ulivo-foglieIn vitro, il polifenolo principale, l’oleuropeina prolunga la sopravvivenza delle cellule beta pancreatiche, tramite il meccanismo che sopprime le caspasi 3-7, allungandone la capacità di secernere insulina e regolare la glicemia.

L’oleuropeina riduce il danno dei radicali liberi, induce l’espressione dell’enzima ossido nitrico sintetasi, aumenta la disponibilità di ossido nitrico (NO), fattore di protezione cardiovascolare.
La diminuzione di prodotti di glicosilazione avanzata abbassa l’infiammazione dei tessuti vasali e connettivi e offre effetti ipotensivi, elasticizzanti, radioprotettivi dei raggi UVB e antitumorali dermatologici.

Il complesso degli estratti di foglie d’Ulivo, ascorbato di potassio e semi d’acini d’uva favorisce la formazione del collagene, migliora la funzione respiratoria mitocondriale all’interno della cellula con effetti di rallentamento della degenerazione dei tessuti vasali, neurologici e connettivi osteoarticolari, muscolari e tegumentari, i quali sono considerati anti-ageing su tutto l’organismo umano.

PER AUMENTARE LA BIODISPONIBILITA’ NELL’ASSUNZIONE DEI FUNGHI SI SUGGERISCE DI ASSUMERE CONTEMPORANEAMENTE ASCORBATO DI POTASSIO

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiossidanti-micofive

Mico-Five immuno estratto
Confezione da 70 capsule
(ABM, Maitake, Shiitake, Cordyceps Sinensis, Coriolus Versicolors)

p007_0_11_02

Prezzo: 65,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco
Valori nutrizionali per capsula:
Valore energetico: 0,11 Kcal
Adenosina: 0,09% Polisaccaridi: 42,5% Manitolo: 3,6% dei quali B-glucani: 25,8% Proteine: 22,6% Triterpeni: 0,6 % Grassi: 2,2%
Ingredienti 1cps 495mg:
Agaricus brasiliensis L. 66mg estratto standardizzato
Grifola frondosa L. 66mg estratto standardizzato
Lentinula edodes L. 66mg estratto standardizzato
Cordyceps sinensis L. 66mg estratto standardizzato
Coriolus versicolor L. 66mg estratto standardizzato
Capsula di cellulosa vegetale.
Nato dopo anni di studio sulla Micoterapia è il perfetto mix dei 5 migliori funghi medicinali al mondo, per rinforzare il proprio organismo e proteggerlo dalle insidie dell´inverno.
E’ sufficente una capsula al giorno. Per soggetti particolarmente a rischio, immunodepressi, consigliamo l´abbinamento con Coriolus 100 caps Freeland, l´antivirale naturale per eccellenza.
Ricorda che i funghi vanno sempre abbinati ad Ascorbato di potassio

Mico-FiveIMMUNO, forte dei 5 funghi immunonutrizionali più potenti e studiati che lavorando in sinergia tra loro, scatena una quantità tale di polisaccaridi ed enzimi ad alto peso molecolare da diventare il miglior supporto immunonutrizionale. Ottimo supporto nei casi di deficit inmunitario e per il miglioramento della qualità della vita.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiossidanti-funghi-immunonutrizionaliI funghi sono coltivati su legni nobili di castagni e quercia sotto un bosco di castagni sulla costa Atlantica in Galizia (Spagna).
Questa formula nasce dall’esigenza di soddisfare la richiesta riguardo ai sempre più diffusi problemi legati al sistema immunitario seriamente compromesso. E’ ampiamente dimostrato che nel replicarsi giornaliero delle cellule del corpo umano (circa 100.000.000 al giorno) alcune iniziano a replicarsi con degli errori e mentre un sistema immunitario sano dovrebbe riconoscerli ed eliminarli, un sistema immunitario compromesso non agisce e questo scatena una serie di conseguenze che possono generare anche patologie Cronico degenerative.

Mico-FiveIMMUNO diventa insostituibile in tutti i casi di Deficit Immunologici e soprattutto dove risulta difficile capire la causa di un sistema immunitario compromesso essendo, grazie alla sua complessa formulazione sinergica dei 5 funghi, non una singola risposta ma più risposte in grado di ampliare il numero di possibilità di trovare la CAUSA corretta; infatti il vantaggio di questa azione multipla di stimolo è che può agire a vari livelli rispetto a quanto può fare un singolo polisaccaride, determinando un effetto sinergico nella prevenzione e nel trattamento di supporto delle malattie cronico deqenerative.

Mico-FiveIMMUNO riveste un ruolo di supporto determinante nei casi in cui la patologia è chiara se usato in abbinata al fungo monospecifico in modo da ampliararne l’effetto.

Nel caso di deficit immunologici importanti e di tutte le patologie Cronico Degenerative, consigliamo come supporto e rinforzo della base immunologica, il MicoFive o (per la potente azione sinergica dei 5 grandi estratti fungini con la più alta concentrazione di Polisaccaridi ed enzimi ad alto peso molecolare) più il monospecifico a seconda della patologia.

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-cioccolato-micomixMico-Mix (Shiitake, Maitake, Reishi)
Confezione da 70 capsule

p007_0_11_02

Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco

Valore energetico per 1cps: 0,11 KcaI- Proteine: 23,0%- Grassi: 2,1% – Fibre: 7,2% – Polisaccaridi: 32,0% dei quali ß-D-glucani: 20,6% Triterpeni: 1,5%

Ingredienti 1cps 395mg:
Lentinula edodes L. 99mg standardizzato
Grifola frondosa L. 99mg standardizzato
Ganoderma lucidum L. 99mg standardizzato
Capsula di cellulosa vegetale.

Coltivazione biologica, produzione e lavorazione spagnola.

Caratteristiche
Questa formula nasce dall’esigenza di soddisfare la richiesta per il problema più diffuso in occidente: la SINDROME METABOLICA.

Cause: forti stati di STRESS, alimentazione eccessivamente ricca di carboidrati raffinati, erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-shitakediminuzione dell’attività fisica.
Sintomi: Obesità addominale, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, ipertensione e iperglicemia.
Conseguenza: indebolimento del sistema immunitario con ulteriori predisposizioni a patologie cardiovascolari.

La Sindrome Metabolica o “sindrome X” sindrome da “resistenza insulinica” è un termine coniato dal Prof. Gerald Baven, Università di Standford nel 1987, e si riferisce ad un insieme di “SINTOMI”: obesità addominale, resistenza iusulinica ed iperinsulinemia compensatoria da questa evocata, dislipidemia aterogena, ipertensione, stato pro-infiammatorio, stato trombofilico. L’insieme dei fattori sopra elencati crea un importante rischio per patologie cardiovascolari, Secondo la WHO la Sindrome Metabolica è caratterizzata da presenza di: Diabete tipo 2, alterata glicemia a digiuno, alterata tolleranza glocidica e da uno o piè dei seguenti fattori: ipertensione, trigliceridi >150-HDL (colesterolo buono)<35 per uomo <39 per donna, BMI>30, Albuminuria>20 mcg/min.

Le cause della SINDROME METABOLICA sono i forti stati di STRESS, alimentazione eccessivamente ricca di carboidrati raffinati, diminuzione dell’attività fisica, alterazione del controllo ormoale dell’insulina, predisposizione ai fattori di rischio. La conseguenza dei problemi legati alla Sindrome Metabolica portano a un indebolimento del sistema immunitario con ulteriori predisposizioni ad altre patologie.

Caratteristiche e Componenti:
Mico-Mix è la formula che riesce a dare il migliur supporto a tutti i sintomi legati alla Sindrome Metabolica e problemi immunolugici, grazie alla sinergia dei tre tra i piè importanti fnnghi della storica Medicina Tradizionale Cinese.

erboristeriarcobaleno animali benessere schio pets animals fugo maitakeInfatti lo Shitake consente di ottenere ottimi risultati nel trattamento dell’ipercolesterolemia, riducendo la colesterolemia totale ed innalzando i valori di HDL, grazie alla presenza di colina e di eritroadenina che regola il livello di grassi nel sangue attraverso un miglioramento della circolazione sanguigna (aumenta la resistenza periferica, regola la frequenza e la potenza cardiaca).

Il Reishi, annoverato tra le 10 sostanze terapeutiche naturali più efficaci, ha forti proprietà antiinfiammatorie, grazie alla modulazione del sistema immunitario ed alla presenza di sostanze con azione cortisonica ed antistaminica. L’assunzione di Reishi determina un netto aumento della risposta immune in pazienti immunodepressi e lavora molto bene in prevenzione, in particolare, per le infezioni virali ed esercita una spiccata azione antiossidante proteggendo le struttore cellulari dai danni ossidativi.

Il Maitake determina una riduzione della pressione sistolica attraverso un’azione sul sistema renina-angiotensina.
Contrasta l’aumento di peso. Ha una spiccata attività antidiabetica (diabete 2 non insulino-dipendente) che si esplica attraverso un innalzamento della sensibilità dei recettori cellulari dell’insulina: favorisce anche un aumento del numero dei recettori per l’insulina aumentando la capacità dell’organismo di riconoscere e metabolizzare il glucosio.

N.B: Si consiglia l’uso di Mico-Mix da solo in prevenzione, ma sempre in abbinata al mono-specifico in patologie conclamate.

Precauzioni:
In caso di perdite di sangue non somministrare Mico-Mix poiché agisce come antiaggregante piastrinico.

Mico-mix è un prodotto al cento per cento naturale, che assunto in dosi normali non ha effetti collaterali.separatore_grigio

Agaricus blazei murrill – (COGUMELO DEL SOL)
Giappone Himematsutake; Brasile: Cogumelo del sol

Deficit immunologico, patologie autoimmuni, frequenti ricadute infettive, allergia, asma, invecchiamento precoce, ipertensione arteriosa, intossicazioni, cirrosi epatica, epatite B, epatite tossica, sarcoma, melanoma, patologie neoplastiche.

Dimensioni: 10-15cm; Saprofita secondario, cresce su materiale già predigerito da altri organismi.

p276_0_30_01

Non si trova quasi mai un fungo così come I’Agaricus biazei murrill efficace per il sistema immunitario. Questo fungo venne scoperto per la prima volta circa 30 anni fa nelle regioni montagnose di Piedade in Brasile dove era utilizzato dalla popolazione locale come alimentazione giornaliera.
Studi epidemiologici avevano evidenziato in quest’area una bassissima incidenza di tumori e malattie degenerative che fu attribuita al regolare consumo di questo fungo.

È il fungo più potente come capacità di modulazione del sistema immunitario, grazie alla sua elevatissima concentrazione di polisaccaridi, e diventa un utilissimo supporto nelle malattie neoplastiche. allergiche eautoimmuni.

È particolarmente efficace come supporto di tutte le neoplasie dell’area peritoneale (carcinoma colon-rettale, pancreatico) polmonare, epatico, delle vie biliari, ma anche tumore cerebrale e carcinoma mammario e prostatico non ormonodipendente. Migliora la qualità della vita dei pazienti in chemio o radioterapia in quanto ne riduce gli effetti collaterali e stimola l’eritropoiesi.

Studi scientifici ne hanno dimostrato l’efficacia anche nel trattamento delle fibromialgie, dei reumatismi, del morbo di Parkinson, del morbo di Alzheimer e della sclerosi multipla. È un ottimo supporto nelle malattie autoimmuni del pancreas (diabete di tipo I) e della tiroide.

Negli ultimi dieci anni, l’influenza benefica di Agaricus blazei Murill è stata valutata e documentata in numerosi studi scientifici e alcuni studi clinici. La maggior parte dei dati pubblicati in riviste peer-reviewed è emerso che ABM trasmette una serie di benefici per la salute a causa della sua modulazione del sistema immunitario quando viene utilizzato come integratore. Questa modulazione è in parte causata da un gruppo di estremamente efficienti di immuno-stimolanti chiamati glucani (Beta-1 ,3-D-glucani e Beta-1 ,6-D-glucani che sono quasi identici chimicamente e solo diversamente concatenati), che sono costituenti molto attivi di ABM. Ci sono anche altri immuno-modulanti sostanze come proteoglucani (che contiene anche proteine) e di estradiolo.

L’estratto di ABM migliora l’immunità innata delle cellule del sistema immunitario come i macrofagi, monociti, cellule dendritiche, leucociti polymononuclear (PMN) e NK (natural killer).

p276_0_30_02

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-cioccolato-micosolMico-Sol (ABM Agaricus Blazei Murrill)
Tropismo del fungo: Sistema immunitario, Sistema reticolo endoteliale, fegato.
Confezione da 70 capsule

p007_0_11_02

Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco

Confezione da 180 capsule
Prezzo: € 130,00 (su ordinazione) >> ORDINA PRODOTTOseparatore_bianco

Le capsule MicoSol ABM di MICOSALUD contengono 380mg di estratto standardizzato di Agaricus biazei Murrill.
Valore energetico per 1cps: 0,15 Kcal Polisaccaridi: 41,2% dei quali ß-D-glucani: 11,9% Proteine: 17 % Grassi: 2,8% Fibre: 7 %

Fungo proveniente dalle regioni montagnose della Mata Atlantica do sul dello stato di So Paulo, nella città di Piedade (Colauto et al., 2002). Negli anni 60, epidemiologi giapponesi studiando la popolazione nativa di Piedade, notarono che il tasso di malattie in questa regione era estremamente basso e lo correlarono al consumo regolare, nella dieta, di questo fungo identificato appunto nel 1972 come Agaricus blazei Murrill.

Esperimenti di seguito condotti in Giappone sul topo verificarono che questo fungo determinava una attivazione significativa del sistema immunitario superiore a quella attribuita a Shiitake, Maitake, Reishi ed altri funghi “medicinali”.

A questo fungo sono state attribuite attività di prevenzione delle malattie neoplastiche, diabete, iperlipidemia, aterosclerosi, epatite cronica, Diabete tipo 1 e 2.

boristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-agaricusAgaricus Blazei Murrill si comporta come una spugna, nel tratto intestinale assorbe elementi patogeni e cellule di scarto che elimina dal corpo per mezzo delle feci. Questo comportamento come specie di coltivazione biologica è di vitale importanza per l’alta capacità di agire come bioaccumulatore di tossine e di metalli pesanti e quindi diventa molto utile nelle terapie chelanti.

Componenti:
Gli enzimi in esso contenuti tra cui il superossidodismutasi (SOD), Glutatione per ossidasi e catalasi, contribuiscono ad aumentare l’energia, a combattere l’infiammazione e a potenziare l’effetto antiossidante. L’Agaricus Blazei Murrill ha dimostrato di possedere “un’attività antimutagenica, battericida e antiangiogenica, e di essere un potente stimolante del sistema immunitario nel promuovere i meccanfsmi di difesa naturale per combattere un’ampia gamma di agenti contagiosi” (Dr. Takashi Mizuno).

I ß-D-glucani, polisaccaridi idrosolubili, intervengono nella stimolazione del sistema immunitario.

Vitamine: è ricco di vitamine dei gruppi B; B1, B2 ed ergosterolo (provitamina D) che partecipano a numerosi processi metabolici, specialmente in quelli connessi al metabolismo dei carboidrati e dei grassi.
Amminoacidi liberi: presenta una grande quantità di glutammina, alanina, treonina, acido aspartico, valina, lisina ed arginina.
Acidi organici: possiede un’alta concentrazione di acido malico e concentrazioni minori di acido piroglutammico, acido fumalico e acido succinico.
Altri componenti: lectina ed enzimi (cellulosa, emicellulosa, chitina, amilasi, pectinasi, fenol ossidasi, lactasi, tirosinasi e perossidasi) dei quali si sfrutta il carattere ossidante con fini germicidi e battericidi.
Composti antiangiogenici (piroglutammato di sodio A-1 e A-2).

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Agaricus blazei Murrill, ABM-

  • Deficit immunoloqico
  • Autoimmunità
  • Supporto Oncoloqico per tumori solidi e Ascite
  • Diabeti di tipo l e ll
  • Invecchiamento prematuro o fisiologico
  • Intossicazioni da metalli pesanti
  • Allergia pollini
  • Danni cancerogeni e mutageni

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-micoterapia-linea-tedesca-agaricusABM (Agaricus Blazei Murril)
erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-arcobaleno-bimbi-certificazioni-bio
380 mg
100% fungo intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule

Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco

Fungo proveniente dalle regioni montagnose della Mata Atlantica do sul dello stato di So Paulo, nella città di Piedade (Colauto et al., 2002). Negli anni 60, epidemiologi giapponesi studiando la popolazione nativa di Piedade, notarono che il tasso di malattie in questa regione era estremamente basso e lo correlarono al consumo regolare, nella dieta, di questo fungo identificato appunto nel 1972 come Agaricus blazei Murrill.
Esperimenti di seguito condotti in Giappone sul topo verificarono che questo fungo determinava una attivazione significativa del sistema immunitario superiore a quella attribuita a Shiitake, Maitake, Reishi ed altri funghi “medicinali”.

boristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-agaricusA questo fungo sono state attribuite attività di prevenzione delle malattie neoplastiche, diabete, iperlipidemia, aterosclerosi, epatite cronica, Diabete tipo i e 2.

Agaricus Blazei Murrill si comporta come una spugna, nel tratto intestinale assorbe elementi patogeni e cellule di scarto che elimina dal corpo per mezzo delle feci. Questo comportamento come specie di coltivazione biologica è di vitale importanza per l’alta capacità di agire come bioaccumulatore di tossine e di metalli pesanti e quindi diventa molto utile nelle terapie chelanti.

Componenti:
Gli enzimi in esso contenuti tra cui il superossidodismutasi (SOD), Glutatione per ossidasi e catalasi, contribuiscono ad aumentare l’energia, a combattere l’infiammazione e a potenziare l’effetto antiossidante. L’Agaricus Blazei Murrill ha dimostrato di possedere “un’attività antimutagenica, battericida e antiangiogenica, e di essere un potente stimolante del sistema immunitario nel promuovere i meccanfsmi di difesa naturale per combattere un’ampia gamma di agenti contagiosi” (Dr. Takashi Mizuno).

I ß-D-glucani, polisaccaridi idrosolubili, intervengono nella stimolazione del sistema immunitario.

Vitamine: è ricco di vitamine dei gruppi B; B1, B2 ed ergosterolo (provitamina D) che partecipano a numerosi processi metabolici, specialmente in quelli connessi al metabolismo dei carboidrati e dei grassi.
Amminoacidi liberi: presenta una grande quantità di glutammina, alanina, treonina, acido aspartico, valina, lisina ed arginina.
Acidi organici: possiede un’alta concentrazione di acido malico e concentrazioni minori di acido piroglutammico, acido fumalico e acido succinico.
Altri componenti: lectina ed enzimi (cellulosa, emicellulosa, chitina, amilasi, pectinasi, fenol ossidasi, lactasi, tirosinasi e perossidasi) dei quali si sfrutta il carattere ossidante con fini germicidi e battericidi.
Composti antiangiogenici (piroglutammato di sodio A-1 e A-2).

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Agaricus blazei Murrill, ABM-

  • Deficit immunoloqico
  • Autoimmunità
  • Supporto Oncoloqico per tumori solidi e Ascite
  • Diabeti di tipo l e ll
  • Invecchiamento prematuro o fisiologico
  • Intossicazioni da metalli pesanti
  • Allergia pollini
  • Danni cancerogeni e mutageni

separatore_grigio

nblazeimurrilaaaaqqqwiva_-_copia_-_copiaABM (Agaricus Blazei Murril )
Confezione da 180 capsule 1cps 577 mg

Prezzo: € 65,00

pulsante_acquista2

Agaricus brasiliensis L. (fungo intero 460 mg 80%, estratto 20%)
Sinergia mico-complessa che mantiene l’equilibrio energetico naturale del frutto intero e il concentrato polisaccaridico dei ß-glucani.

separatore_bianco

Non si trova quasi mai un fungo così efficace per il sistema immunitario come l’’Agaricus biazei murrill. Questo fungo venne scoperto per la prima volta circa 30 anni fa nelle regioni montagnose di Piedade in Brasile dove era utilizzato dalla popolazione locale come alimentazione giornaliera.

Studi epidemiologici avevano evidenziato in quest’area una bassissima incidenza di tumori e malattie degenerative che fu attribuita al regolare consumo di questo fungo.

È il fungo più potente come capacità di modulazione del sistema immunitario, grazie alla sua elevatissima concentrazione di polisaccaridi, e diventa un utilissimo supporto nelle malattie neoplastiche, allergiche e autoimmuni.

È particolarmente efficace come supporto di tutte le neoplasie dell’area peritoneale (carcinoma colon-rettale, pancreatico) polmonare, epatico, delle vie biliari, ma anche tumore cerebrale e carcinoma mammario e prostatico non ormonodipendente.

Migliora la qualità della vita dei pazienti in chemio o radioterapia in quanto ne riduce gli effetti collaterali e stimola l’eritropoiesi.

p074_0_39_04Studi scientifici ne hanno dimostrato l’efficacia anche nel trattamento delle fibromialgie, dei reumatismi, del morbo di Parkinson, del morbo di Alzheimer e della sclerosi multipla. È un ottimo supporto nelle malattie autoimmuni del pancreas (diabete di tipo I) e della tiroide.

Negli ultimi dieci anni, l’influenza benefica di Agaricus blazei Murill è stata valutata e documentata in numerosi studi scientifici e alcuni studi clinici. La maggior parte dei dati pubblicati in riviste peer-reviewed è emerso che ABM trasmette una serie di benefici per la salute a causa della sua modulazione del sistema immunitario quando viene utilizzato come integratore. Questa modulazione è in parte causata da un gruppo di estremamente efficienti di immuno-stimolanti chiamati glucani (Beta-1 ,3-D-glucani e Beta-1 ,6-D-glucani che sono quasi identici chimicamente e solo diversamente concatenati), che sono costituenti molto attivi di ABM. Ci sono anche altri immuno-modulanti sostanze come proteoglucani (che contiene anche proteine) e di estradiolo.

ABM migliora l’immunità innata delle cellule del sistema immunitario come i macrofagi, monociti, cellule dendritiche, leucociti polymononuclear (PMN) e NK (natural killer).

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Agaricus blazei Murrill, ABM-
Deficit immunoloqico
Autoimmunità
Supporto Oncoloqico per tumori solidi e Ascite
Diabeti di tipo l e ll
Invecchiamento prematuro o fisiologico
Intossicazioni da metalli pesanti
Allergia pollini
Danni cancerogeni e mutageni

PER AUMENTARE LA BIODISPONIBILITA’ NELL’ASSUNZIONE DEI FUNGHI SI SUGGERISCE DI ASSUMERE CONTEMPORANEAMENTE ASCORBATO DI POTASSIO.

Gli effetti collaterali dei cortisonici sono noti a tutti ecco perché, le cure naturali, stanno prendendo sempre più piede. Per prevenire, curare e guarire le allergie primaverili, abbiamo in aiuto i funghi medicinali. Sappiamo che l’asma, ad esempio, è un disturbo che si manifesta per cause allergiche (ipersensibilità a pollini, polvere, acari, pelo di animale) e che, in piena crisi respiratoria, viene rilasciata l‘istamina ( un mediatore chimico dell’infiammazione).

L’istamina contrae il tessuto muscolare dei bronchi ed accentua, così, la crisi respiratoria, causando tosse e carenza di ossigeno. Le pareti bronchiali, poi, a causa della forte infiammazione, producono più muco, complicando ancora di più la respirazione. da non dimenticare poi, anche il fattore emotivo legato allo stress che produce questo disturbo.

Esistono, tra i funghi medicinali, tre tra i più potenti ritrovati naturali adatti alla cura delle allergie primaverili.

  • Reishi (ganoderma lucidum)
  • Cordyceps (cordyceps sinensis)
  • Shiitake (lentinula edodes)

Il Reishi, ha le proprietà importantissime di antinfiammatorio e antistaminico, oltre a fare da regolatore per l’ansia (che un attacco d’asma produce senza ombra di dubbio).

Il Cordyceps riossigena i polmoni e supporta Reishi nell’azione di correttore per l’ansia.

Lo Shiitake ripristina la flora batterica e cura l’intestino (aiutando l’espulsione dell’eccesso di muco).

Assunti normalmente in capsule, i funghi curativi hanno la grande qualità di essere adattogeni. Significa che, con la loro azione depurativa, ripristinano l’equilibrio dell’organismo e ne mantengono lo stato di salute. La raccomandazione, comunque, è sempre quella di assumerli dietro prescrizione medica e guidati nella scelta del fungo, da un terapeuta esperto.

separatore

Grifola frondosa – (MAITAKE)

p276_0_32_01

Carcinoma mammario, polmonare, gastrico, epatico, vescicale, prostatico, melanoma, glioblastoma, ottimo per controbattere gli effetti secondari della chemioterapia, cistiti ricorrenti, ipertrigliceridemia, deficit immunologico, stress, osteoporosi;

Parassita e saprofìta, Cresce prevalentemente in autunno ai piedi di castagni, faggi e querce. Il suo sviluppo è favorito da calore e umidità, spunta dopo i primi temporali in estate fino ad inizio autunno, cappella grigio-marrone forma cespugli tino 40 cm.

È un fungo molto utile in presenza di sindrome metabolica. Agisce in modo naturale nel trattamento del sovrappeso e dell’obesità.
In Asia viene servito come prelibatezza culinaria e aiuta a perdere peso in quanto abbassa la glicemia e riduce assorbimento e l’accumulo di grassi nel fegato e nei tessuti in generale.
Il controllo della glicernia esercitato da questo fungo è importante nel diabete di tipo Il. Aumenta la sensibilità delle cellule all’insulina e stimola un migliore utilizzo del glucosio da parte delle cellule.
L’assunzione regolare di Maitake permette di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue e di riequilibrare il profilo lipidico.
Il Maitake esplica anche un’azione di regolarizzazione della pressione arteriosa, quindi è utile nei casi di ipertensione.

È uno dei funghi scientificamente più studiati nel trattamento oncologico di supporto.
I ricercatori hanno estratto varie frazioni farmacologicamente attive da questo fungo. Si tratta in particolare di molecole denominate:
1. frazione D, rappresentata dal polisaccaride beta-1.6-glucano, ad azione specificatamente anti tumorale;
2. frazione SX, anch’essa un beta glucano, ad azione specificatamente anti diabetica o meglio di regolazione dei livelli glicemici;
3. frazione ES, ad azione anti ipertensiva.

Alcuni ricercatori americani si sono concentrati sullo studio degli effetti del Maitake sulla Sindrome Metabolica ed i risultati clinici sono ad oggi incoraggianti.

La Frazione D, un potente estratto polisaccaridico, stimola proliferazione e attivazione dei linfociti T e induce la produzione di IL-12. In vitro tale estratto blocca la crescita tumorale. Studi scientifici hanno dimostrato la sua efficacia nel carcinoma vescicale e in tutte le neoplasie con tendenza a metastatizzare. E infatti particolarmente efficace nell’inibizione dell’angiogenesi e nel rafforzamento del tessuto connettivo e ostacola quindi la migrazione delle cellule tumorali a tessuti o organi distali.

Studi in vivo hanno dimostrato la sua capacità di ridurre drasticamente gli effetti collaterali della chemioterapia quali nausea, vomito, dolore, leucopenia. perdita di capelli, perdita di appetito ecc.
Ha anche effetto antivirale che è stato studiato principalmente in pazienti affetti da HIV nei quali ha ridotto la carica virale e ha notevolmente migliorato la qualità della vita.

Il Maitake favorisce l’assimilazione del calcio rinforza i tessuti connettivi e le ossa e può essere utile nell’osteoporosi.

Approfondimento

p276_0_32_02

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-micomai

Mico-Mai (Maitake)
Tropismo del fungo: sistema immunitario

Confezione da 70 capsule

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-arcobaleno-bimbi-certificazioni-bio

Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2separatore_bianco

Valore energetico per 1cps: 0,15 Kcal Proteine: 29,8% Polisaccaridi: 32,0% Grassi: 2,1 % dei quali ß-D-glucani: 20,4% Fibre: 7%

1cps 380mg:
Grifola fondosa L. 270mg estratto standardizzato
Capsula di cellulosa vegetale.

Cresce su querce, castagni e faggi. Sviluppa una struttura porosa e ramificata con cappelle grigio bruno. È un fungo cosmopolita ma principalmente conosciuto ed utilizzato in Giappone. Secondo la TCM questo fungo agisce grazie alla chitina, che stimola la digestione e da un senzo di sazietá in modo naturale nel trattamento dell sovrappeso e dell’obesità, diventando un ottimo rimedio per il mantenimento di una dieta ipocalorica. Viene anche impiegato per riequilibrare la presione arteriosa.

Secondo la tradizione il nome, fungo danzante, deriva dal fatto che nei tempi antichi chi trovava questo fungo danzava allegramente perché poteva scambiarlo a peso d’oro.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiage-maitake-usiLa somministrazione dell’estratto di Maitake ha evidenziato effetti ipoglicemizzanti, correttivi dell’ipertensione e dell’ipertrighceridemia. E molto utile quindi nel trattamento della sindrome metabolica. Favorisce l’eliminazione degli acidi biliari e dei trigliceridi attraverso le feci. Agisce come regolatore naturale del metabolismo lipidico evitando l’accumulo di grassi a livello epatico, per cui é molto utile nel trattamento della steatosi epatica. Riduce l’ipercolesterolemia mantenendo costanti i valori di HDL. All’inizio dell’assunzione può essere notato un aumento di colesterolo e trigliceridi circolanti, effetto legato alla mobilizzazione di queste molecole. Determina una riduzione della pressione sistolica attraverso un’azione sul sistema renina-angiotensina.

Contrasta l’aumenta di peso. Ha una spiccata attività antidiabetica (diabete 2 non insulino-dipendente) che si esplica attraverso un innalzamento della sensibilità dei recettori cellulari dell’insulina; favorisce anche un aumento del numero dei recettori per l’insulina aumentando la capacità dell’organismo di riconoscere e metabolizzare il glucosio.

Conosciuto per i suoi effetti di immunostimolazione attribuiti alla frazione D-polisaccaridica, se somministrato oralmente aumenta l’attività macrofagica, il numero e l’efficacia delle cellule Natural Killer e dei linfociti T citotossici.

Componenti:
Interleuchina-1 e Anioni superossido. Lipidi (acido octadecanoico e acido octadecadienoico), Fosfolipidi (fosfatidiletanolamina, fosfatidilcolina, fosfatidilinositol, Fosfatidilsenna e acido fosfatidico). Vitamine; ricco di vitamine B1, B2 ed ergosterolo (provitamina D).
Amminoacidi liberi: glutammina, alanina, treonina, acido aspartico, valina, lisina ed arginina.
Acidi organici: Possiede un’alta concentrazione di acido malico e concentrazioni minori di acido piroglutammico, acido fumalico ed acido succinico.
Altri componenti: Lectina ed enzimi (cellulosa, emicellulosa, chitina, amilasi, pectinasi, fenol ossidasi, lactasi, tirosinasi e perossidasi) dei quali si sfrutta il carattere ossidante con fini germicidi e battericidi.

Importante: per patologie Cronico-degenerative utilizzare sempre come trattamento complementare al trattamento medico ospedaliero.

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Maitake, Grifola frondosa-

  • Sindrome metabolica
  • Diabete Tipo 2
  • Obesità
  • Ipertensione Arteriosa
  • Ipertrigliceridemia
  • Supporto Oncologico con Tendenza metastatica epatica ossea
  • Osteoporosi
  • Cistiti ricorrenti

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-approfondimenti-simbolo

 

Approfondimento

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-micoterapia-linea-tedesca-maitakeMaitake (Grifola frondosa)

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-arcobaleno-bimbi-certificazioni-bio

400 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato interamente
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco

Il Maitake o Grifola frondosa, è un fungo commestibile originario delle regioni settentrionali del Giappone e delle regioni orientali del Nord America.

E’ reperibile da agosto a novembre come parassita e saprofita, specialmente sul castagno e su alberi morti o morenti a legno duro, ma anche su altre latifoglie.
Può raggiungere la grandezza di una testa di lattuga.

Lo sviluppo di questo fungo è favorito da calore e umidità: spunta dopo i primi temporali in estate e fruttifica fino ad inizio autunno. Maitake corrisponde a due parole giapponesi: Mai, che significa danza, e Take, che significa fungo.

erboristeriarcobaleno animali benessere schio pets animals maitakeIl nome è forse riferito al particolare valore attribuito da sempre a questo fungo, che, anticamente in Giappone, veniva venduto a peso d’argento, per la sua prelibatezza e per le sue proprietà medicinali. Chi lo trovava, danzava di gioia. Un’altra spiegazione del nome è che i vari componenti del corpo fruttifero si interfacciano tra di loro come farfalle danzanti. A parte queste considerazioni sul nome, il Maitake è da sempre stato utilizzato nella medicina tradizionale giapponese ed è anche oggi ritenuto un prezioso ed efficace tonico ed adattogeno, utile per la sua azione a livello immunitario e metabolico in particolare.

Da circa venti anni, il Maitake è oggetto di attenti studi da parte della comunità scientifica. Il suo alto contenuto in beta glucani giustifica i suoi importanti effetti immunologici. Esso infatti è uno dei funghi più usati nella terapia delle neoplasie sia per le sue proprietà di stimolo diretto sulla funzione dei macrofagi, che per la sua azione citotossica specifica nei confronti delle cellule neoplastiche, oltre che per la straordinaria assorbibilità dei sui principi attivi.

Il fungo è ampiamente usato anche in funzione preventiva per il suo effetto anti metastatico ed esercita comunque una intensa attività antineoplastica legata tra l’altro, all’inibizione della glicosilazione, un enzima detossificante vitale per la cellula.

Il blocco di questo enzima porta all’accumulo di Metylglyoxal che agisce come tossico letale sulle cellule neoplastiche.

Il Maitake contiene:

– ergosterolo sotto forma di pro Vitamina D2;
– varie vitamine del gruppo B;
– magnesio;
– calcio;
– potassio;
– acidi grassi insaturi;
– fosfatidilserina;
– vari Fosfolipidi;
– aminoacidi;

Il Maitake non contiene Vitamina A e C.

Quest’ultima vitamina è utilmente associata nelle terapie a base di questo fungo, perché ne aumenta assorbibilità ed attività terapeutica.

I ricercatori hanno estratto varie frazioni farmacologicamente attive da questo fungo. Si tratta in particolare di molecole denominate:

1. frazione D, rappresentata dal polisaccaride beta-1.6-glucano, ad azione specificatamente anti tumorale;
2. frazione SX, anch’essa un beta glucano, ad azione specificatamente anti diabetica o meglio di regolazione dei livelli glicemici;
3. frazione ES, ad azione anti ipertensiva.

Alcuni ricercatori americani si sono concentrati sullo studio degli effetti del Maitake sulla Sindrome Metabolica ed i risultati clinici sono ad oggi incoraggianti.
Queste ricerche sono particolarmente importanti perché la Sindrome Metabolica, un’entità patologica da poco individuata, è oggetto attualmente di grande attenzione da parte della comunità scientifica.
Essa è presente in quasi la metà degli individui sopra i 55 anni ed inoltre dati recenti dimostrano che la prevalenza di tale situazione patologica sta aumentando e colpisce soggetti sempre più giovani.
Questa sindrome, nelle società più avanzate, rappresenta quindi già oggi una vera e propria emergenza sanitaria: essa è infatti la premessa delle più gravi patologie degenerative che colpiscono la nostra popolazione, dal diabete al cancro, dalla demenza all’aterosclerosi. Sinteticamente, la sindrome metabolica è caratterizzata da:

– dislipidemia;
– ipertensione arteriosa;
– insulinoresistenza/intolleranza al glucosio/iperglicemia;
– adiposità androide, viscerale;
– iperuricemia.

Questa situazione clinica, raramente si manifesta nella sua forma completa, ad esempio obesità ed ipeuricemia sono meno frequenti, rispetto agli altri aspetti della sindrome. Andrà quindi valutato il singolo paziente ed organizzata una strategia terapeutica articolata in relazione alle manifestazioni cliniche ed alle evidenze laboratoristiche. La diagnosi può essere confermata quando esista il superamento di almeno 3 di questi parametri:

– circonferenza vita: = 102 cm nei maschi, = 88 cm nelle femmine;
– glicemia a digiuno: >110 mg/dl;
– ipertensione arteriosa: = 130/85 mm Hg;
– ipertrigliceridemia: = 150 mg/dl;
– ridotto colesterolo HDL: = 40 mg/dl nei maschi; = 50 mg/dl nelle femmine.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiage-lipoic-pesoAZIONE IPOLIPEMIZZANTE ED ANTI OBESITA’
La somministrazione di Maitake, stando a recenti lavori scientifici soprattutto giapponesi e statunitensi, antagonizza l’incremento della lipemia in risposta agli eccessi dietetici e contrasta l’accumulo di lipidi a livello epatico in particolare e viscerale in generale.
L’effetto del fungo persiste a lungo e porta ad una stabilizzazione in particolare dei livelli di HDL che normalmente tendono a decrescere in caso di dieta ricca di grassi. Anche i livelli di trigliceridi vengono favorevolmente influenzati dall’assunzione del fungo. Gli studi sull’animale ma anche sui pazienti, attribuiscono al Maitake la capacità di contrastare l’aumento di peso e l’accumulo di grasso corporeo.

AZIONE SU LIVELLI GLICEMICI IN GENERALE E SUL DIABETE SENILE IN PARTICOLARE
Per quanto riguarda un altro degli aspetti della Sindrome Metabolica, almeno due importanti studi scientifici confermano anche l’uso già tradizionale del fungo Maitake nel diabete senile. Il meccanismo d’azione della frazione X del fungo è quello di attivare i recettori cellulari per l’insulina, contrastando quindi quella iposensibilità all’ormone pancreatico che condiziona l’espressione del diabete senile stesso.Sono recentemente emerse delle ulteriori interessanti proprietà del fungo che sembra utile anche in pazienti sofferenti di ipoglicemia e stanchezza. L’assunzione di Maitake è stata correla, in questi pazienti, con aumento di energia e diminuzione del desiderio di dolci. Il fungo ha quindi un effetto di stabilizzazione generale sul metabolismo glucidico.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiage-maitake-usiAZIONE ANTI IPERTENSIVA
Tutta una serie di studi sull’animale da esperimento suggeriscono un importante effetto anti ipertensivo da parte del Maitake, attribuibile alla sua frazione ES. In particolare una dieta supplementata con questo fungo ha effetto di prevenire lo sviluppo di ipertensione arteriosa nell’animale predisposto.
L’azione del fungo si manifesta anche nell’animale già affetto dalla patologia ed antagonizza gli effetti degenerativi, istologicamente documentabili, quali la necrosi della muscolatura vasale. Dati sperimentali parrebbero dimostrare un’influenza del fungo sul sistema Renina-Angiotensina.

CONCLUSIONI
Il Maitake o Grifola frondosa è indubbiamente uno dei più interessanti, studiati ed efficaci funghi terapeutici, tramandatoci dalla millenaria tradizione della medicina giapponese ma verificato, nella sua efficacia, con rigore e scientificità moderni. Si è molto, in questi anni, focalizzata l’attenzione sugli effetti anti neoplastici, anti metastatici ed anti virali, di questo fungo, forse non evidenziando sufficientemente le sue straordinarie proprietà in ambito metabolico. E’ ormai appurato che questo fungo terapeutico può favorevolmente influenzare almeno quattro parametri clinici importanti per la prevenzione cardiovascolare, tutti coinvolti anche nella genesi della correlata sindrome metabolica. Tali parametri sono: il livello glicemico, il tasso di colesterolo, il peso corporeo e la pressione sistolica.

La modalità di impiego più pratica ed efficace del fungo, nella sindrome metaboliche e nelle patologie ad essa correlate, è quella delle capsule contenenti la polvere del fungo intero, ovvero della sostanza naturale contenente tutte le frazioni biochimiche farmacologicamente attive. Il dosaggio usuale è di 300mg, ovvero 1 capsula, durante ognuno dei 3 pasti, nei casi di sindrome metabolica conclamata.

Per constatare effetti sui parametri laboratoristici, il fungo deve essere assunto per almeno tre mesi. La posologia deve essere almeno raddoppiata in caso di patologie neoplastiche e ridotta ad 1 capsula durante i pasti principali, nella prevenzione degli effetti di eccessi di libagioni (fonte: Dott. Ivo Bianchi in naturopatia.it).

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Maitake, Grifola frondosa-

  • Sindrome metabolica
  • Diabete Tipo 2
  • Obesità
  • Ipertensione Arteriosa
  • Ipertrigliceridemia
  • Supporto Oncologico con Tendenza metastatica epatica ossea
  • Osteoporosi
  • Cistiti ricorrenti

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiage-maitake-grifolaMAITAKE (Grifola frondosa)
Confezione da 180 capsule 1cps 547mg
Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-arcobaleno-bimbi-certificazioni-bio

separatore_biancoGrifola fondosa L. (fungo intero in polvere 80%, estratto 20%)
Sinergia mico-complessa che mantiene l’equilibrio energetico naturale del frutto intero e il concentrato polisaccaridico dei ß-glucani.

Maitake significa propriamente “fungo danzante” e si chiama così probabilmente per la sua forma. Maitake è il nome giapponese del fungo, che in Germania ha anche il nome di “gallinella dei boschi” o scientificamente grifola frondosa. I giapponesi apprezzano l’azione medicinale del Maitake da secoli.
La somministrazione dell’estratto di Maitake ha evidenziato effetti ipoglicemizzanti, correttivi dell’ipertensione e dell’ipertrighceridemia. E molto utile quindi nel trattamento della sindrome metabolica.

Favorisce l’eliminazione degli acidi biliari e dei trigliceridi attraverso le feci. Agisce come regolatore naturale del metabolismo lipidico evitando l’accumulo di grassi a livello epatico, per cui é molto utile nel trattamento della steatosi epatica. Riduce I ‘ipercolesterolemia mantenendo costanti i valori di HDL. All’inizio dell’assunzione può essere notato un aumento di colesterolo e trigliceridi circolanti, effetto legato alla mobilizzazione di queste molecole. Determina una riduzione della pressione sistolica attraverso un’azione sul sistema renina-angiotensina.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiage-maitake-usiContrasta l’aumenta di peso. Ha una spiccata attività antidiabetica (diabete 2 non insulino-dipendente) che si esplica attraverso un innalzamento della sensibilità dei recettori cellulari dell’insulina; favorisce anche un aumento del numero dei recettori per l’insulina aumentando la capacità dell’organismo di riconoscere e metabolizzare il glucosio.

Conosciuto per i suoi effetti di immunostimolazione attribuiti alla frazione D-polisaccaridica, se somministrato oralmente aumenta l’attività macrofagica, il numero e l’efficacia delle cellule Natural Killer e dei linfociti T citotossici.

Componenti:
Interleuchina-1 e Anioni superossido. Lipidi (acido octadecanoico e acido octadecadienoico), Fosfolipidi (fosfatidiletanolamina, fosfatidilcolina, fosfatidilinositol, Fosfatidilsenna e acido fosfatidico). Vitamine; ricco di vitamine B1, B2 ed ergosterolo (provitamina D).
Amminoacidi liberi: glutammina, alanina, treonina, acido aspartico, valina, lisina ed arginina.
Acidi organici: Possiede un’alta concentrazione di acido malico e concentrazioni minori di acido piroglutammico, acido fumalico ed acido succinico.
Altri componenti: Lectina ed enzimi (cellulosa, emicellulosa, chitina, amilasi, pectinasi, fenol ossidasi, lactasi, tirosinasi e perossidasi) dei quali si sfrutta il carattere ossidante con fini germicidi e battericidi.
Importante: per patologie Cronico-degenerative utilizzare sempre come trattamento complementare al trattamento medico ospedaliero.

erboristeriarcobaleno animali benessere schio pets animals fugo maitakeRIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Maitake, Grifola frondosa-

  • Sindrome metabolica
  • Diabete Tipo 2
  • Obesità
  • Ipertensione Arteriosa
  • Ipertrigliceridemia
  • Supporto Oncologico con Tendenza
    metastatica epatica ossea
  • Osteoporosi
  • Cistiti ricorrenti

separatore_grigio

Ganoderma lucidum – (LING ZHI – REISHI) Giappone: Reishi Cina Ling Zhi

Insonnia, stanchezza, invecchiamento precoce, miotonia distrofica, problematiche cardiovascolari, aritmia, dispnea, precordialgie, allergie, eczemi, epatiti A,B,C, carcinoma nasofaringeo, artrite reumatoide, mononucleosi infettiva, leucopenia.

Fungo parassita o saprofita. non commestibile per il suo sapore amaro e la consistenza legnosa. Cresce sohtario o in pochi esemplari dalla primavera all’autunno su ceppi di latifoglie, in particolare quercia e castagno. Inizialmente di colore giallo chiaro, crescendo assume una colorazione rosso- marrone brillante. E’ annoverato tra le 10 sostanze naturali più efficaci. In Cina e in Giappone considerato il fungo dell’immortalità.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiage-ganoderma

Reishi, chiamato in Oriente “fungo dell’immortalità” o “erba della potenza spirituale” o anche “Fungo dei 10.000anni”.

Esistono notizie sul suo impiego in Cina fin da vari secoli prima di Cristo, è considerato la miglior scelta per uno stimolo generale dell’organismo e come sostegno antisenescenza. In MTC è utilizzato come tonico e per aumentare la longevità, ma anche per modulare il sistema immunitario, per problemi cardiovascolari e per stimolare la funzionalità epatica.

E’ considerato un adattogeno. È molto utilizzato dagli scalatori per un maggiore adattamento all’altitudine e dagli atleti per migliorare la performance sportiva. Queste proprietà sono legate ad un migliore utilizzo dell’ossigeno grazie alla presenza di Germanio e allo stimolo del metabolismo energetico cellulare. Il miglioramento dell’ossigenazione porta anche ad un rinforzo della funzionalità cardiaca, riducendo le aritmie e le tachicardie sotto sforzo.p276_0_33_03

È un fungo ricchissimo di sostanze bioattive (triterpeni) che hanno numerosissime azioni tra cui azioni di riduzione del colesterolo, dell’ipertensione, riduzione del rilascio di istamina e azione antiinfiammatoria. L’effetto antinfiammatorio è legato alla presenza di sostanze con azione simile al cortisone, che agiscono però senza gli effetti collaterali del farmaco.

L’azione di regolazione della pressione sanguigna agisce con un meccanismo ACE inibitore, anche qui senza effetti collaterali.

E’ molto efficace nell’asma, nella bronchite cronica, nella tosse e nelle affezioni respiratorie in genere.
Calma la mente e tonifica il fisico: permette una migliore gestione dello stress, dell’ansia ed è utile nei casi di insonnia: aumenta l’energia dell’organismo, combatte l’astenia e migliora la concentrazione e la memoria. E’ un importante modulatore del sistema immunitario e previene l’insorgenza delle malattie stagionali e virali, sia croniche (come le epatiti) che acute.

p276_0_33_02

separatore_grigio

mico-rei

Mico-Rei (Reishi)
Tropismo del fungo: Tessuto connettivo, Sistema cardiovascolare, Sistema nervoso
Confezione da 70 capsule

p007_0_11_02

Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

Valore energetico per 1cps: 0,12 Kcal Proteine: 23,0% – Grassi: 2,1% – Polisaccaridi: 33,0% dei guali ß-D- glucani: 24,6% Fibre: 7,2%

1cps 488,90mg:
Ganoderma lucidum L. 390mg estratto standardizzato
Capsula di cellulosa vegetale.

Il supporto ideale a partire dai 30 anni, é chiamato in Oriente “fungo dell’immortalità”, è considerato la migliore scelta per uno stimolo generale dell’organismo soprattutto come sostegno anti-aging. In TCM è utilizato come tonico per aumentare la logevità, calma la mente e tonifica il fisico. Permette una migliore gestione dello stress, dell’ansia ed è utile nei casi di insonnia.

Prevenzione di allergie primaverile.

Reishi, (Ganoderma lucidum), è un fungo coltivato in modo biologico su legno. Da questo fungo si ottiene un estratto acquoso naturale mediante processi biotecnologici non snaturanti, che ne preservano le proprietà biologiche naturali.

erboristeriarcobaleno allergie micoIl Ganoderma lucidum è un fungo considerato non commestibile per il suo sapore amaro e la consistenza legnosa, di colore dal rosso al nero, dal caratteristico aspetto lucido, da cui il nome. Esistono notizie documentate del suo impiego in Cina vari secoli prima della nascita di Cristo.
E’ un fungo adattogeno in grado di esercitare uno stimolo generale dell’organismo ed un sostegno antisenescenza; è annoverato tra le 10 sostanze terapeutiche naturali più efficaci.

Componenti:
Ricchissimo di molecole bioattive: polisaccaridi, peptidoglicani ed eteropolisaccaridi Triterpeni (acidi ganoderici classificati dalla A-Z) con attività histamine-like (A, C e D), epatoprotettiva (R), antiipertensiva (B,D,F,N,K,S,Y), ipocolesterolemica (MF), ACE-inibitore (ganoderolo B) e antiaggregante (S).

Sali minerali Ferro, Zinco, Manganese, Magnesio, Potassio, Germanio, Calcio Vitamine del gruppo B (in particolare Vit. B9) 17 aminoacidi tra cui tutti gli essenziali. Steroli e sostanze cortison-like. Adenosina e guanosina con effetto antiaggregante piastrinico, miorilassante (muscolo scheletrico) e sedativo del SNC.

I triterpeni sono i principali responsabili delle proprietà adattogene del fungo, mentre il Germanio presente in elevata concentrazione nel Reishi esercita azione ossigenante, effetti antalgici e stimola la produzione di interferone.

erboristeriarcobaleno animali benessere schio pets animals reishi fungoMico-Rei ha una azione antiallergica, antistaminica ed antiinfiammatoria, antiaging. Data la sua azione di sedazione del SNC, il Mico-Rei sarà il fungo di prima scelta anche nei casi di ansia ed insonnia.

Il Reishi esercita unazione di tonificazione su cuore e sistema cardiovascolare. Direttamente come ritmogeno per il cuore e come effetto ACE inibitore sull’ipertensione; indirettamente agendo come antiaggregante piastrinico e ipncolesterolemizzante.

Questo fungo ha forti proprietà antiallergiche e antiinfiammatorie grazie alla modulazione del sistema inimunitario ed alla presenza di sostanze con azione cortisonica ed antistaminica.

L‘assunzione di Reishi determina un netto aumento della risposta immune in pazienti imnunodepressi e neoplastici e una migliore gestione degli effetti collaterali di chemio e radioterapia, lavora molto bene in prevenzione, in particolare per le infezioni virali ed esercita una spiccata azione antiossidante proteggendo le strutture cellulari dai danni ossidativi.

Effetti collaterali: inizialmente si può presentare uno scompenso nei livelli di glucosio, che generalmente si normalizza dopo una settimana (vedere precauzioni).

Precauzioni: quando è prescritto a pazienti con diabete, il medico dovrà controllare la glicemia per regolare, se necessario, la dosi di insulina o degli antidiabetici orali. In caso di perdite di sangue non soninninistrare Mico-Rei poichè agisce come antiaggregante piastrinico.

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Reishi, Ganoderma Iucidum 

  • Potente Sostegno Immunomodulante
  • Iperuricemia
  • Riequilibratore Organico
  • Affezioni respiratorie in genere
  • Bronchiti
  • Aritmie cardiache
  • Asma
  • Artrosi
  • Artrite reumatoide
  • Autoimmunità
  • Allergie
  • Tiroiditi
  • Supporto oncoloqico Carcinoma Prostatico -Polmonare – Leucemia mieloide
    acuta
  • Lupus eritametoso sistemico
  • Insonnia
  • Stanchezza
  • Invecchiamento prematuro
  • Mononucleosi infettiva
  • Vertigini
  • Epatite A,B
  • Fibromalgie

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-micoterapia-linea-tedesca-reishiReishi (Ganoderma lucidum)

400 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule

Prezzo: 65,00
pulsante_acquista2

p007_0_11_02

 

separatore_bianco

Lo splendido poliporo laccato (Ganoderma lucidum) cresce spontaneamente anche in Germania. In Cina è chiamato Ling Zhi e in Giappone Reishi. La storia di questo affascinante fungo risale a circa 4.000 anni fa!
Sono soprattutto 2 gruppi di sostanze presenti nel reishi che lo rendono così straordinariamente interessante. Si tratta di polisaccaridi, come il triterpene, per i quali sono stati riscontrati numerosissimi meccanismi d’effetto estremamente positivi. Inoltre, nel reishi vi è anche una densità di sostanze bioattive elevata e ottimale per l’organismo umano: calcio, zinco, manganese, ferro, rame e germanio sono presenti in abbondanti quantità!

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiage-pelleE’ considerato una tra le 10 sostanze dal punto di vista terapeutico tra le più efficaci, in oriente viene considerato il Fungo dell’immortalità, il suo uso è antichissimo in oriente, è un grande stimolante e valido antinvecchiamento.

Viene coltivato e poi utilizzato in polvere, in capsule, in estratti, decotti e agisce come regolatore dell’organismo, previene patologie epatiche, ipertensione, problemi vascolari, trombosi, allergie e molto altro.

Le proprietà curative del fungo sono collegate alla presenza di polisaccaridi e glicoproteine che hanno un’importante azione immunomodulante, ed alla prevenzione messa in atto da enzimi che combattono lo stress ossidativo e la detossicazione cellulare (SOD, laccasi).

Efficace, con risultati di guarigione in 2 settimane, sul 90 % di pazienti affetti da bronchite cronica. Risolve rapidamente sintomatologie allergiche grazie alla sua azione mediatrice sulla produzione di istamina ed alla modulazione del sistema immunitario.
Ha un’azione antiipertensiva grazie all’attivazione di un meccanismo ACE inibitore che, peraltro, non ha gli effetti collaterali dei farmaci chimici.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-allergie-reishiEsplica una fortissima attività epatoprotettrice che lo rende adatto ad associare la chemioterapia come supporto disintossicante.
La sua azione diviene importante per curare: Stanchezza, Invecchiamento precoce, Problemi cardiovascolari, Allergie, Problemi del sistema respiratorio, Statosi epatica, Tossicosi, ecc.

Proprietà medicinali:
Antiinfiammatoria, antitumorale, antivirale (es. anti-HIV), antibatterica, regolatore della pressione sanguigna, cardiotonico, immunomodulatore, antidiabetico, tonico per i reni, neurotonico, epatoprottettore, efficace nella cura della bronchite cronica e nell’insonnia.
Per secoli questo fungo è stato riportato da libri di medicina cinese e giapponese come fungo che rinvigorisce la salute e aumenta la longevità. Le guide dell’ Himalaia utilizzavano questo fungo per combattere la sindrome dell’ altitudine e gli indiani Maya preparavano gli infusi di corpo fruttifero di questo fungo per combattere le malattie infettive.

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Reishi, Ganoderma Iucidum

  • Potente Sostegno Immunomodulante
  • Iperuricemia
  • Riequilibratore Organico
  • Affezioni respiratorie in genere
  • Bronchiti
  • Aritmie cardiache
  • Asma
  • Artrosi
  • Artrite reumatoide
  • Autoimmunità
  • Allergie
  • Tiroiditi
  • Supporto oncoloqico Carcinoma Prostatico -Polmonare – Leucemia mieloide
    acuta
  • Lupus eritametoso sistemico
  • Insonnia
  • Stanchezza
  • Invecchiamento prematuro
  • Mononucleosi infettiva
  • Vertigini
  • Epatite A,B
  • Fibromalgie

separatore_grigio

p074_0_30_01GANODERMA 180 aaaaqqqwiva_-_copia_-_copia
Prezzo: € 65,00

pulsante_acquista2

Contenitore da 180cps di Ganoderma lucidum, di cui 20% di estratto standardizzato e 80% di fungo in toto, proveniente da coltivazione biologica esclusivamente europea. 625mg di fungo per capsula di cellulosa vegetale.

separatore_bianco

Il Reishi, anche conosciuto con il nome latino di Ganoderma lucidum, è un fungo parassita o saprofita appartenente alla famiglia delle Ganodermataceae, dell’ordine delle Polyporales. Cresce solitario o a gruppi su ceppi di latifoglie, in particolar modo predilige le querce e i castagni, alcune volte olivi, o su legno interrato, in zone settentrionali temperate. È un fungo molto raro e nell’antichità trovarlo era segno di buon auspicio, ma solo i grandi imperatori cinesi avevano la possibilità e il diritto di consumarlo; in primo luogo, il Reishi era molto raro e quindi pregiato e costoso e solo chi possedeva grandi ricchezze era in grado di acquistarlo. In secondo luogo, gli imperatori della Cina stabilirono che chiunque trovasse il fungo e non lo consegnasse loro era punibile dalla legge e per questi motivi venne soprannominato “fungo degli imperatori”.

p074_0_30_04La forma di questo fungo è molto particolare: il cappello è a forma di ostrica, o di rene, a mensola con creste concentriche sporgenti. La superficie è lucida-laccata e conferisce alla varietà rossa, l’akashiba, una colorazione particolare; sono molte le varietà di Reishi presenti, ma l’unica che può dare un qualche riscontro a livello fisiologico e solamente quest’ultima citata, ovvero l’akashiba rosso.

Secondo la tradizione orientale, la varietà rossa era considerata la più ricca di proprietà, anche perché nel colore rosso si pensava fosse concentrata l’energia vitale.

Coltivazione biologica, produzione e lavorazione spagnola.

Ingredienti per 1cps 625mg:
Ganoderma lucidum (400mg polvere (64%), 100mg estratto (16%))
Sinergia mico-complessa che mantiene l’equilibrio energetico naturale del frutto intero e il concentrato polisaccaridico dei ß-glucani.

Info nutrizionali per 2cps:
Valore energetico 0,38 Kcal / 1,59 KJ
Polisaccaridi 7,36% dei quali ß-glucani 4,18%
Proteine 9,74%
Triterpeni 1,40%
Grassi 1,00%

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antinfluenzali-elisirDR.REI ELISIR DI LUNGA VITA 250 ml 


PENSATO PER I BAMBINI 
INDICATISSIMO PER I PIU’ GRANDI
Per potenziare il nostro sistema naturale di difesa contro gli agenti patogeni: rafforzare il sistema immunitario.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-arcobaleno-bimbi-certificazioni-bio

Prezzo: € 27,00
pulsante_acquista2separatore_biancoIl dottor Rei è uno sciroppo a base di Ganoderma lucidum produzione Reishi organico arricchito con vitamina C (acido L-ascorbico) in polvere preparati in un gustoso sciroppo zuccherato sulla base di sucralosio.

La formula è stata progettata per essere somministrati ai bambini come prevenzione delle malattie tipicamente invernale: raffreddori, influenze, tonsilliti, otiti.



Si suggerisce la somministrazione di 1 un cucchiaino 3 volte al giorno.

Perché la vitamina C? Perchè i B-glucani, una delle molecole interessanti all’interno di questo fungo meraviglioso, sono strutture molto grandi e non sono in grado di passare attraverso la parete intestinale. Aggiungendo vitamina C, la struttura diventa più viscosa (solubile), in modo da poter passare attraverso la parete intestinale e quindi nella circolazione sanguigna, con un uso molto più elevato del principio attivo.

cos’è il sucralosio? Sucralosio è un derivato dello zucchero che non è assorbito dall’intestino, rendendolo il più adatto per essere utilizzato come dolcificante. L’ O.M.S. lo consiglia come dolcificante universale anche per i diabetici.


 Il consumo di Reishi fortifica il sistema immunitario non solo in preparazione alle malattie stagionali, ma anche per tutte le patologie che sono conseguenti all’attacco di agenti patogeni esterni: infezioni delle ferite o ulcere, infezioni intestinali, infezioni del sistema genito-urinario, ecc. E’ evidente che, in un organismo, un sistema immunitario attivo ed efficace è un fattore importante per la conservazione della salute.

erboristeriarcobaleno animali benessere schio pets animals reishi fungoReishi è chiamato in Oriente “fungo dell’immortalità” o “erba della potenza spirituale” o anche “Fungo dei 10.000anni”.

 Esistono notizie sul suo impiego in Cina fin da vari secoli prima di Cristo, è considerato la miglior scelta per uno stimolo generale dell’organismo e come sostegno antisenescenza. In MTC è utilizzato come tonico e per aumentare la longevità, ma anche per modulare il sistema immunitario, per problemi cardiovascolari e per stimolare la funzionalità epatica.

E’ considerato un adattogeno. 

È molto utilizzato dagli scalatori per un maggiore adattamento all’altitudine e dagli atleti per migliorare la performance sportiva. Queste proprietà sono legate ad un migliore utilizzo dell’ossigeno grazie alla presenza di Germanio e allo stimolo del metabolismo energetico cellulare. Il miglioramento dell’ossigenazione porta anche ad un rinforzo della funzionalità cardiaca, riducendo le aritmie e le tachicardie sotto sforzo.

Ha dimostrato il suo effetto emopoietico, aumento dal midollo osseo della produzione sia di globuli rossi sia di leucociti, dei quali beneficia tutto il corpo con una migliore ossigenazione, un aumento delle difese, una migliore nutrizione cellulare, in definitiva, una maggiore energia e vitalità.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-arcobaleno-bimbi-alga-klamath-energiaÈ un fungo ricchissimo di sostanze bioattive (triterpeni) che hanno numerosissime azioni tra cui azioni di riduzione del colesterolo, dell’ipertensione, riduzione del rilascio di istamina e azione antiinfiammatoria. L’effetto antinfiammatorio è legato alla presenza di sostanze con azione simile al cortisone, che agiscono però senza gli effetti collaterali del farmaco.

 L’azione di regolazione della pressione sanguigna agisce con un meccanismo ACE inibitore, anche qui senza effetti collaterali.

E’ molto efficace nell’asma, nella bronchite cronica, nella tosse e nelle affezioni respiratorie in genere.
 Calma la mente e tonifica il fisico: permette una migliore gestione dello stress, dell’ansia ed è utile nei casi di insonnia: aumenta l’energia dell’organismo, combatte l’astenia e migliora la concentrazione e la memoria. E’ un importante modulatore del sistema immunitario e previene l’insorgenza delle malattie stagionali e virali, sia croniche (come le epatiti) che acute.

separatore

Lentinus Edodes – (SHIITAKE)
Giappone: Shitake Cina: Hua Gu

ipercolesterolemia, iperuricemia, cachessia neoplastica, artrosi, affezioni virali, influenza, rinite, steatosi epatica, eczema, cancro polmonare e mammario, sarcoma;

Il suo colore va da chiaro a marrone scuro, ha un diametro da 5 a 12 cm, cresce su tronchi morti di querce, castagni e faggi ed è un fungo molto prelibato dal punto di vista culinario, Fungo dall’estremo Oriente, già diffuso nell’antica Cina prima ancora dello sviluppo della coltivazione del riso e da centinaia di anni parte integrante defla dieta in Giappone. li nome deriva dall’ unione delle due parole giapponesi “Shir querciaj e, “Take” (fungo), perché cresce spontaneamente sui tronchi di questi alberi.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-shitake

Chiamato in Oriente “Re dei funghi”, ha molteplici utilizzi, ed è stato uno deiprimi funghi utilizzati a scopo terapeutico. Usato da sempre in MTC per curare raffreddore, influenza, morbillo e bronchite: in Oriente viene estesamente impiegato per la prevenzione e cura di ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia e come potente tonico di fegato e reni.

In Oriente il Lentinano un polisaccaride estratto da questo fungo è utilizzato nel trattamento dei tumori. Riequilibra il profilo lipidico ottimizzando il rapporto tra colesterolo totale e HDL.

Assieme al Reishi è il fungo maggiormente attivo nella prevenzione dei depositi di colesterolo sulla parete dei vasi sanguigni e nell’inibizione della formazione della placca ateromasica. Ha quindi, indirettamente un effetto di prevenzione dell’aterosclerosi e delle patologie cardiovascolari. Svolge un’azione di regolarizzazione della pressione sanguigna ed è utile nell’iperuricemia e nella gotta. È un ottimo sostegno del sistema immunitario, rinforza le difese in caso di influenza e raffreddore. Si è dimostrato utile anche nei casi di emicranie, epatite B, reumatismi e tinnito ed ha evidenziato un effetto di regolazione del metabolismo della tiroide.

p276_0_36_02

mico_shii

Mico-Shii (Shiitake)
Tropismo del fungo: fegato,
sistema cardiovascolare
sistema immunitario e sistema cardiovascolare.
Confezione da 70 capsule

p007_0_11_02

Prezzo: 65,00
pulsante_acquista2

Ingredienti 1 cps 327mg:
Lentinula edodes L. 230mg estratto standardizzato
Capsula di cellulosa vegetale.

Valore energetico per 1cps: 0,07 Kcal – Polisaccaridi: 30,9% dei quali ß-D-glucani: 16,9 % – Proteine: 27,8% – Grassi: 2,0 % – Fibre: 7,20%

Shiitake proviene dall’Oriente, diffuso nell’antica Cina prima ancora delle coltivazioni di riso e da centinaia di anni è parte integrante dell’alimentazione Giapponese. Il suo nome deriva da Shii (quercia) e “Take” (fungo) perché cresce spontaneamente nei tronchi di questi alberi. E utilizzato in MTC per il trattamento di raffreddore, influenza, bronchite e morbillo, per la prevenzione ed il trattamento dell’ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia e come tonico di fegato e reni. Utile nei casi di emicrania e tinnito correlati ad alterazioni circolatorie.

MICOSALUD presenta Mico-Shii, capsule vegetali di estratto acquoso puro di Shitake biologico privo di maltodestrine.

Consente di ottenere ottimi risultati nel trattamento di supporto dell’ipercolesterolemia, riducendo la colesterolemia totale ed innalzando i valori di HDL, grazie alla presenza di colina e di eritadenina che regola il livello di grassi nel sangue e apportando un miglioramento della circolazione sanguigna (agisce sulla resistenza periferica, regola la frequenza e la potenza cardiaca).

Agisce nella prevenzione dell’aterosclerosi, contribuendo a ripulire le pareti dei vasi dai sedimenti concausa della formazione di placche ateromasiche. La vitamina D favorisce il metabolismo del calcio e contribuisce all’allontanamento di eventuali depositi di calcio dalle pareti arteriose.

eboristeria-arcobaleno-schio-benessere-allergie-shitakeHa effetto alcalinizzante ed è efficace nel trattamento dell’iperuricemia e nella gotta.

Il Lentinan, polisaccaride ad alto peso molecolare contenuto sia nel fungo che nel micelio, attiva i linfociti e i macrofagi ed aiuta l’organismo a produrre Interferoni.

È’ un immunomodulante utilizzato molto nei bambini e nei giovani in caso di indebolimento del sistema immunitario per malattie virali, allergie, infezioni ed infiammazioni bronchiali ed articolari.

Componenti:
ß-D-glucani, polisaccaridi idrosolubili.
Eritadenina, un polisaccaride che ha dimostrato di essere in grado di limitare l’aggregazione piastrinica e di regolare la pressione sanguigna.

Altri componenti: vitamine: ricco di B12, lipidi (acido linoleico), ergosterolo, amminoacidi (lisina, arginina, metionina, e fenilalanina), minerali ed elettroliti (potassio, calcio, magnesio, manganese, ferro, rame e zinco).

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Shiitake Lentinula edodes

  • Ipercolesterolemia
  • Gotta
  • Arteriosclerosi
  • Ipertensione
  • Artrosi
  • Carie dentali
  • Placca dentale
  • Eczema
  • Cancro (prevenzione e trattamento) – Polmonare, al seno, leucemia, prostata e sarcoma

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-micoterapia-linea-tedesca-shiitakep007_0_11_02Shitake (Lentinus edodes )

300 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato.
Confezione da 100 capsule
Prezzo: 65,00

pulsante_acquista2

separatore_bianco

Fungo dall’estremo Oriente, già diffuso nell’antica Cina
prima ancora dello sviluppo della coltivazione del riso e da centinaia di anni parte integrante defla dieta in Giappone. li nome deriva dall’ unione delle due parole giapponesi “Shir querciaj e, “Take” (fungo), perché cresce spontaneamente sui tronchi di questi alberi.

Ha un ottimo sapore ed è quindi un fungo prelibato nell’ alimentazione.Cresce su tronchi morti di querce, castagni e faggi. In oriente è detto “il re dei funghi”, è usato per prevenire e curare l’ipertensione arteriosa, per l’ipercolesterolemia, come tonico di fegato e reni e il polisaccaride lentinano è utilizzato come antitumorale.

Assieme al Reishi è il fungo maggiormente attivo nella prevenzione dei depositi di colesterolo sulla parete dei vasi sanguigni e nell’inibizione della formazione della placca ateromasica.

eboristeria-arcobaleno-schio-benessere-allergie-shitake-effettiHa quindi, indirettamente un effetto di prevenzione dell’aterosclerosi e delle patologie cardiovascolari. Svolge un’azione di regolarizzazione della pressione sanguigna ed è utile nell’iperuricemia e nella gotta. È un ottimo sostegno del sistema immunitario, rinforza le difese in caso di influenza e raffreddore. Si è dimostrato utile anche nei casi di emicranie, epatite B, reumatismi e tinnito ed ha evidenziato un effetto di regolazione del metabolismo della tiroide.

Consente di ottenere ottimi risultati nel trattamento di supporto dell’ipercolesterolemia, riducendo la colesterolemia totale ed innalzando i valori di HDL, grazie alla presenza di colina e di eritadenina che regola il livello di grassi nel sangue e apportando un miglioramento della circolazione sanguigna (agisce sulla resistenza periferica, regola la frequenza e la potenza cardiaca).
Agisce nella prevenzione dell’aterosclerosi, contribuendo a ripulire le pareti dei vasi dai sedimenti concausa della formazione di placche ateromasiche. La vitamina D favorisce il metabolismo del calcio e contribuisce all’allontanamento di eventuali depositi di calcio dalle pareti arteriose. Ha effetto alcalinizzante ed è efficace nel trattamento dell’iperuricemia e nella gotta.

Il Lentinan, polisaccaride ad alto peso molecolare contenuto sia nel fungo che nel micelio, attiva i linfociti e i macrofagi ed aiuta l’organismo a produrre Interferoni.

È’ un immunomodulante utilizzato molto nei bambini e nei giovani in caso di indebolimento del sistema immunitario per malattie virali, allergie, infezioni ed infiammazioni bronchiali ed articolari.

eboristeria-arcobaleno-schio-benessere-allergie-shitake-componentiComponenti:
ß-D-glucani, polisaccaridi idrosolubili.
Eritadenina, un polisaccaride che ha dimostrato di essere in grado di limitare l’aggregazione piastrinica e di regolare la pressione sanguigna.

Altri componenti: vitamine: ricco di B12, lipidi (acido linoleico), ergosterolo, amminoacidi (lisina, arginina, metionina, e fenilalanina), minerali ed elettroliti (potassio, calcio, magnesio, manganese, ferro, rame e zinco).

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Shiitake Lentinula edodes

  • Ipercolesterolemia
  • Gotta
  • Arteriosclerosi
  • Ipertensione
  • Artrosi
  • Carie dentali
  • Placca dentale
  • Eczema
  • Cancro (prevenzione e trattamento) – Polmonare, al seno, leucemia, prostata e sarcoma.

separatore_grigio

Coriolus versicolor – (KAWARATAKE – YUN ZHI)
Giappone: Kawaratake Cina: Yun Zhi

Azione antivirale, tumori ormono-dipendenti (mammari, prostatici), carcinoma polmonare, sarcoma, tumori cerebrali, linfoma, carcinoma esofageo, gastrico, nasofaringeo, polmonare, colo-rettale, ovarico, cervicale (HPV correlato), vescicale.

Fungo legnoso, non commestibile, cresce per tutto Fanno, su tronchi e ceppi morti o vivi. E’ molto comune in Europa e in tutto il resto del mondo. Sessile, coriaceo, solitamente raggruppato in vari individui a mensole sovrapposte. Il suo colore è variabile, e dipende dal substrato e dalla luce; è concentricamente zonato.

p276_0_18_01Coriolus versicolor ha un effetto di potenziamento del sistema immunitario. Stimola le difese dell’ospite soprattutto nei confronti di malattie oncologiche e infezioni virali. Questo fungo è un componente fondamentale dell’armamentario della medicina tradizionale asiatica. Negli anni 80 il governo Giapponese ha approvato l’uso di estratti di questo fungo (PSK e PSP) come supporto al trattamento di varie forme tumorali. Il PSK è attualmente uno dei “farmaci antineoplastici” più venduti in Giappone e viene utilizzato in associazionea chirurgia, chemio e radioterapia.

È particolarmente efficace nel supporto al trattamento di tumori ormono-dipendenti (carcinoma mammario e prostatico ormono-dipendente) e di tumori indotti da virus (carcinoma nasofaringeo, carcinoma della cervice uterina…). Molti studi scientifici ne hanno valutato l’azione su carcinomi dello stomaco, del fegato, in tumori cerebrali e leucemie. In tutti ha portato ad un aumento della sopravvivenza e ad un miglioramento della qualità della vita.

La sua assunzione permette una migliore gestione degli effetti collaterali di chemio e radioterapia. Esercita un importante effetto di protezione delle cellule sane dai danni da radiazioni, ma nel contempo ne aumenta l’efficacia nelle cellule malate. E’ stata osservata un’azione antibatterica e antimicotica soprattutto nei confronti di E.Coli, Streptococco e Candida.

Questo fungo esercita un potente effetto antivirale, e numerosi studi hanno dimostrato la sua efficacia nei confronti di molte patologie virali. Studi su pazienti HIV hanno evidenziato una notevole riduzione della carica virale ed un miglioramento della qualità della vita.

È efficace nel trattamento delle infezioni della cervice uterina da HPV, dell’Herpes zoster, del Citomegalovirus e dell’epatite virale.

Virus influenzali
“Ero soggetto a influenze virali anche 3-4 volte all’anno. Nulla sembrava aiutarmi fino a che non ho cominciato ad assumere coriolus. Da allora non mi sono più ammalato”. CB.

p276_0_08_02

PER AUMENTARE LA BIODISPONIBILITA’ NELL’ASSUNZIONE DEI FUNGHI SI SUGGERISCE DI ASSUMERE CONTEMPORANEAMENTE ASCORBATO DI POTASSIO (ASKORBATO-K)

Le dosi quotidiane dei funghi a scopo terapeutico, sono indicate nei testi menzionati sotto. Tuttavia, per l’uso alimentare e preventivo si possono seguire le indicazioni di etichetta di ogni prodotto scelto.

separatore_grigio

p204_0_09_01Mico-Corio 
Tropismo del fungo: sistema immunitario
Confezione da 70 capsule

p007_0_11_02

Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

Confezione da 70cps di estratto standardizzato di Ganoderma lucidum e Cordyceps sinensis di coltivazione biologica esclusivamente europea. 495mg di estratto per capsula di cellulosa vegetale.

Mico-Corio (Cordyceps & Reishi – HDT)

Integratore alimentare ad alta concentrazione (estratto 4:1) di Cordyceps sinensis e Ganoderma lucidum biologico coltivato su legno.

Cordyceps (Cordyceps sinensis)
Specie parassitaria dei lepidotteri originaria del Tibet, dove cresce a 5000 m di altitudine. Si tratta di un fungo molto apprezzato e in via di estinzione, perché, nella tradizione tibetana, è considerato un potente tonico dei reni (sede dell’energia vitale), un anti-fatica e un cibo afrodisiaco.

Reishi (Ganoderma lucidum)
Specie micologica di elevato interesse scientifico (tra le dieci sostanze terapeutiche naturali più efficaci). Il suo utilizzo, documentato già secoli prima della nascita di Cristo, è stato limitato alle classi dirigenti che gli hanno dato il nome di “fungo dell’immortalità” o “fungo dell’eterna giovinezza”.

Indicazioni: ottimo antiossidante, rimedio e supporto contro l’influenza.

Componenti bioattivi: polisaccaridi; triterpenoidi; acidi Ganodermici; Ganoderoli; acidi Ganilucidici; acidi e lanosteroli lucidenici; acido cordicepico; galattomannano; mannitolo; ergosterolo (precursore della vitamina D)

Dosaggio: si raccomanda l’assunzione giornaliera di 1-2 capsule a stomaco vuoto, preceduti da Askorbato K-HdT per ottimizzare la biodisponibilità dei beta-glucani dei funghi.

Composizione per capsula (620 mg / capsula): 495 mg di estratto puro biologico di Ganoderma lucidum e Cordyceps sinensis standardizzato, capsula vegetale.

Informazioni nutrizionali: a-glucani (10,20%) e ß-glucani (60,50%)

Ingredienti per 1cps 620mg: Ganoderma lucidum L. e Cordyceps sinensis L. 495mg estratto standardizzato. Capsula di cellulosa vegetale.

Info nutrizionali per 2cps:
Vitamina B12: 0.60 microgrammi
Vitamina D: 0.12 microgrammi
Zinco: 0.042 mg
Rame: 0.01 mg


Importante: per patologie Cronico-degenerative utilizzare sempre come trattamento complementare al trattamento medico ospedaliero.

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-micoterapia-linea-tedesca-coriolusCoriolus (Coriolus versicolor)

350 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-arcobaleno-bimbi-certificazioni-bio

separatore_bianco

Fungo legnoso, non commestibile, cresce per tutto Fanno, su tronchi e ceppi morti o vivi. E’ molto comune in Europa e in tutto il resto del mondo. Sessile, coriaceo, solitamente raggruppato in vari individui a mensole sovrapposte. Il suo colore è variabile, e dipende dal substrato e dalla luce; è concentricamente zonato.

Si consiglia l’assunzione di 1 capsula x 3/6 die.

Coadiuivante nella Chemioterapia, riduce moltissimo gli effetti collaterali da Chemio e Radioterapia, migliorando le funzioni dell’organismo e la qualità della vita.

boristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-coriolusCoriolus versicolor ha un effetto di potenziamento del sistema immunitario (aumenta le difese cellulari di 1° livello (Th1), che sono la linea difensiva più importante contro i batteri, composto da globuli bianchi, linfociti naturali killer, macrofagi; aumenta le difese anticorpali, di 2° livello (Th2), la linea difensiva che interviene, per potenziare l’azione immunitaria in generale o quando serve l’intervento degli anticorpi).

Stimola le difese dell’ospite soprattutto nei confronti di malattie oncologiche e infezioni virali. Questo fungo è un componente fondamentale dell’armamentario della medicina tradizionale asiatica. Negli anni 80 il governo Giapponese ha approvato l’uso di estratti di questo fungo (PSK e PSP) come supporto al trattamento di varie forme tumorali.

Il PSK è attualmente uno dei “farmaci antineoplastici” più venduti in Giappone e viene utilizzato in associazionea chirurgia, chemio e radioterapia.

È particolarmente efficace nel supporto al trattamento di tumori ormono-dipendenti (carcinoma mammario e prostatico ormono-dipendente) e di tumori indotti da virus (carcinoma nasofaringeo, carcinoma della cervice uterina…). Molti studi scientifici ne hanno valutato l’azione su carcinomi dello stomaco, del fegato, in tumori cerebrali e leucemie. In tutti ha portato ad un aumento della sopravvivenza e ad un miglioramento della qualità della vita.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-radioterapiaLa sua assunzione permette una migliore gestione degli effetti collaterali di chemio e radioterapia. Esercita un importante effetto di protezione delle cellule sane dai danni da radiazioni, ma nel contempo ne aumenta l’efficacia nelle cellule malate. E’ stata osservata un’azione antibatterica e antimicotica soprattutto nei confronti di E.Coli, Streptococco e Candida.

Questo fungo esercita un potente effetto antivirale, e numerosi studi hanno dimostrato la sua efficacia nei confronti di molte patologie virali. Studi su pazienti HIV hanno evidenziato una notevole riduzione della carica virale ed un miglioramento della qualità della vita.
È efficace nel trattamento delle infezioni della cervice uterina da HPV, dell’Herpes zoster, del Citomegalovirus e dell’epatite virale.

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi -Coriolus versicolor-

  • Infezioni virali
  • Influenza
  • Herpes
  • Epatite C
  • HIV
  • Patologie virali croniche
  • Sindrome da aftaticamento cronico
  • Candida
  • Toxoplasmosi
  • Patologie batteriche
  • Cirrosi biliare primaria
  • Supporto Oncologico: Carcinoma dell’esofago, gastrico, nasofaringeo, polmonare (no cellule piccole), della mammella ormone-dipendente, prostatico, colonrettale, ovarìco, cervicale, vescicolare, linfoma
  • Limita gli effetti collaterali della radioterapia.

separatore

Hericium Erinaceus – (HOUTOU)
Giappone: yamabushitake – Cina: Shan Fu

gastrite, reflusso gastroesofageo, ulcera gastrica e duodenale, allergie ed intolleranze alimentari, rettocolite ulcerosa;

Fungo raro e da considerarsi commestibile anche se risulta un po’ coriaceo. Compare in autunno nelle fenditure e spaccature di vecchi alberi di quercia ancora vivi, oppure su faggio, noce, platani e altre latifoglie. È un fungo parassita che cresce sul tronco ad una altezza di circa 3-4 metri e può raggiungere i 2 Kg di peso. L’ambiente preferito è prettamente mediterraneo.

p276_0_40_01

Il fungo riduce il bruciore di stomaco, il reflusso e diminuisce la gastrite. Utilizzato in Medicina Tradizionale Cinese per problematiche gastriche divario genere e per prevenire i tumori del tratto gastroenterico. Hericium rinforza le mucose dello stomaco e dell’intestino che rivestono un ruolo fondamentale nella difesa del nostro organismo. Risulta quindi particolarmente utile nelle gastriti, nel reflusso gastroesofageo, nell’acidità gastrica e nei bruciori di stomaco.

Il suo effetto di ricostruzione e rinforzo della mucosa risulta utile nel supporto terapeutico al trattamento dei tumori dell’ esofago, dello stomaco e dell’intestino, ma anche nelle ulcere gastriche e duodenali, nella colite ulcerosa e nel morbo di Chron.
In generale contribuisce al ripristino della flora intestinale, calma le infiammazioni del tratto gastroenterico e regolarizza la digestione. È molto utile per il riequilibrio intestinale dopo trattamenti antibiotici. La sua azione a livello gastrointestinale lo rende utile anche nel trattamento delle intolleranze alimentari e delle allergie soprattutto di natura alimentare, nelle dermatiti e neurodermatiti di origine principalmente alimentare.

Recenti studi scientifici hanno dimostrato che componenti di questo fungo stimolano la produzione dì Nerve Growth Factor e la resintesi di mielina da parte delle cellule del sistema nervoso. E stato utilizzato con risultati incoraggianti nel Morbo di Alzheimer nella Sclerosi Multipla. L’azione sul sistema nervoso è molto articolata e per questo il suo utilizzo risulta utile anche nell’ansia, nello stress, nei deficit mnemonici, nell’inquietudine e nell’insonnia.

“Chi soffre di bruciori di stomaco continui sa come mi sono sempre sentito. La continua assunzione di antiacidi e farmaci inibitori di pompa protonica mi aveva danneggiato lo stomaco. Ho cominciato ad assumere Hericium, Già dopo breve tempo di assunzione la mia acidità ed i miei bruciori erano notevolmente diminuiti, mi sentivo molto meglio. Attualmente i sintomi sono completamente scomparsi”. KB.

p276_0_40_03

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-cioccolato-micoleone

Mico-Leone (Hericium erinaceus)
Tropismo del fungo: Apparato Digerente,
Sistema Nervoso Centrale
Confezione da 70 capsule

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-arcobaleno-bimbi-certificazioni-bio

Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco

Valore energetico per 1cps: 0,10 Kcal. Polisaccaridi 22,2%: dei quali ß-D-glucani 13,3 %. Proteine:27,0 %. Grassi: 2,4 %. Fibre: 7%.

1cps 489,9 mg:
Hericium erinaceoous L. 390mg estratto standardizzato
Capsula di cellulosa vegetale

Fungo raro, considerato una prelibatezza, assomiglia alla testa di un leone. Si sviluppa preferibilmente su alberi di quercia ancora vivi, oppure su faggio, noce, platani ed altre latifoglie. Cresce sul tronco ad una altezza di circa 3-4 metri. Il corpo fruttifero assomiglia alla testa di un leone, per questo in Asia è chiamato testa di leone.

Utilizzato in TCM per problematiche gastriche di vario genere.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiage-hericiumerinaceusI suoi effetti si esplicano a livello di mucosa gastrica ed intestinale, in quanto ha un’azione di rigenerazione delle mucose, e può essere molto utile per la stitichezza, i bruciori di stomaco, ulcere gastriche e duodenali, anche conseguenti a chemio e radioterapia, coliti ulcerose e morbo di Chron. Utile nei deficit di memoria.

La presenza di una sostanza simile al NGF stimola la sintesi di mielina e la ricostruzione delle fibre nervose. I suoi effetti sul sistema nervoso sono multipli ed articolati; il suo utilizzo è utile nel trattamento dell’ansia, dello stress, dei deficit mnemonici e dell’insonnia.
Studi clinici hanno riscontrato risultati incoraggianti nel trattamento della sclerosi multipla e del morbo di Alzheimer.

La presenza di polisaccaridi immunomodulanti e il suo tropismo per gli epiteli e per il sistema nervoso, lo rende utile nel trattamento delle problematiche dermatologiche di derivazione psicosomatica, allergica o da intolleranza alimentare (dermatiti e neurodermatiti).

La capacità di questo fungo di rigenerare la mucosa intestinale e di ripristinare una corretta flora intestinale lo rendono utile nel trattamento delle disbiosi con conseguenti alterazioni infiammatorie della mucosa (Leaky Gut Syndrome).

Componenti:
Contiene numerosi minerali (Potassio, Zinco, Ferro, Germanio, Selenio, Fosforo), tutti gli aminoacidi essenziali, polisaccaridi immunomodulanti (ß-glucani) e ad effetto antitumorale (FIII – FIII2b), ericenoni, erinacine ed un fattore simile al Nerve Growth Factor (NGF).

È un fungo che lavora principalmente sui tessuti di derivazione ectodermica (mucose e sistema nervoso).

Possiede un gruppo di sostanze bio-attive, hericenon A,B,C,D,E, che inducono la produzione del fattore stimolante della crescità del tessuto nervoso (NGSF) composto capace di stimolare la rigenerazione dei neuroni cerebrali gravemente danneggiati ma ancora in vita.

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Hericium erinaceus –

  • Gastrite
  • Riflusso gastroesofageo
  • Difficoltà digestiva
  • Ulcera gastrica o duodenale
  • Colite ulcerosa
  • Malattia di Crohn
  • Intolleranze alimetari
  • Supporto Oncologico Stomaco colon-rettale esofago
  • Sclerosi Multipla
  • Malattia di Alzheimer, danni ai neuroni
  • Aumenta la memoria in pazienti con deficit di apprendimento.
  • Attività cito-tossica specialmente in zona polmonare (Borchers AT, et al 1999.
  • Mushroons, tumors, and immunity. Proc Soc Exp Biol Med 221 (4): 281 – 93).

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-micoterapia-linea-tedesca-hericiumHericium (Hericium erinaceus) 300 mg

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-arcobaleno-bimbi-certificazioni-bio
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato interamente
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco

Gastrite, reflusso gastroesofageo, ulcera gastrica e duodenale, allergie ed intolleranze alimentari, rettocolite ulcerosa;

Fungo raro e da considerarsi commestibile anche se risulta un po’ coriaceo. Compare in autunno nelle fenditure e spaccature di vecchi alberi di quercia ancora vivi, oppure su faggio, noce, platani e altre latifoglie.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiage-hericiumerinaceusÈ un fungo parassita che cresce sul tronco ad una altezza di circa 3-4 metri e può raggiungere i 2 Kg di peso. L’ambiente preferito è prettamente mediterraneo.

Si consiglia l’assunzione di 1 capsula x 3/6 die.

Il fungo riduce il bruciore di stomaco, il reflusso e diminuisce la gastrite. Utilizzato in Medicina Tradizionale Cinese per problematiche gastriche divario genere e per prevenire i tumori del tratto gastroenterico. Hericium rinforza le mucose dello stomaco e dell’intestino che rivestono un ruolo fondamentale nella difesa del nostro organismo. Risulta quindi particolarmente utile nelle gastriti, nel reflusso gastroesofageo, nell’acidità gastrica e nei bruciori di stomaco.

Il suo effetto di ricostruzione e rinforzo della mucosa risulta utile nel supporto terapeutico al trattamento dei tumori dell’ esofago, dello stomaco e dell’intestino, ma anche nelle ulcere gastriche e duodenali, nella colite ulcerosa e nel morbo di Chron.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterpaia-freeland-digestioneIn generale contribuisce al ripristino della flora intestinale, calma le infiammazioni del tratto gastroenterico e regolarizza la digestione. È molto utile per il riequilibrio intestinale dopo trattamenti antibiotici. La sua azione a livello gastrointestinale lo rende utile anche nel trattamento delle intolleranze alimentari e delle allergie soprattutto di natura alimentare, nelle dermatiti e neurodermatiti di origine principalmente alimentare.

Recenti studi scientifici hanno dimostrato che componenti di questo fungo stimolano la produzione di Nerve Growth Factor e la resintesi di mielina da parte delle cellule del sistema nervoso. E stato utilizzato con risultati incoraggianti nel Morbo di Alzheimer nella Sclerosi Multipla. L’azione sul sistema nervoso è molto articolata e per questo il suo utilizzo risulta utile anche nell’ansia, nello stress, nei deficit mnemonici, nell’inquietudine e nell’insonnia.

“Chi soffre di bruciori di stomaco continui sa come mi sono sempre sentito. La continua assunzione di antiacidi e farmaci inibitori di pompa protonica mi aveva danneggiato lo stomaco. Ho cominciato ad assumere Hericium, Già dopo breve tempo di assunzione la mia acidità ed i miei bruciori erano notevolmente diminuiti, mi sentivo molto meglio. Attualmente i sintomi sono completamente scomparsi”. KB.

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Hericium erinaceus –

  • Gastrite
  • Riflusso gastroesofageo
  • Difficoltà digestiva
  • Ulcera gastrica o duodenale
  • Colite ulcerosa
  • Malattia di Crohn
  • Intolleranze alimetari
  • Supporto Oncologico Stomaco colon-rettale esofago
  • Sclerosi Multipla
  • Malattia di Alzheimer, danni ai neuroni
  • Aumenta la memoria in pazienti con deficit di apprendimento.
  • Attività cito-tossica specialmente in zona polmonare (Borchers AT, et al 1999.
  • Mushroons, tumors, and immunity. Proc Soc Exp Biol Med 221 (4): 281 – 93).

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-benessere-schio-arcobaleno-bimbi-dottor-leonovitaDr. LEO (Hericium Erinaceus)  


Sciroppo per i bambini flacone 250ml

Prezzo: € 27,00
pulsante_acquista2

Hifas da Terra presenta Dr. Leo, uno sciroppo destinato ai bambini dai 3 ai 14 anni, che è stato specificatamente formulato per ottimizzare le proprietà terapeutiche del fungo Herìcium erinaceus e arricchito con sacralosio per dare la possibilità terapeutica anche a chi soffre di Diabete.

La funzione primaria del Dr. Leo è quella di sostenere la corretta evoluzione del sistema immunitario, agendo principalmente sulla generazione e protezione della mucosa intestinale.

 A livello del sistema nervoso centrale , la sua importanza risiede nel stimolare il processo di mielinizzazione delle cellnle che si verifica nei primi anni di vita.





Gli ingredienti attivi del Dr. Leo sono quelli del fungo Hericium erinaceus , di produzione biologica, arricchiti con 60mg di Vitamina C (acido L-ascorbico) per facilitare l’assorbimento dei B-glucani (polisaccaridi ad elevato peso molecolare di difficile assorbimento). 

Il Dr.leo (Hericium erinaceus), detto anche criniera di leone per la sua forma, è di particolare tropismo dell’apparato digerente e sistema nervoso centrale, quindi è particolarmente efficace nei bambini affetti da difficoltà cognitive, intolleranze alimentari, difficoltà cognitive, infiammazioni delle mucose in generale, disbiosi intestinale, reflusso gastroesofageo, ulcere gastriche o duodenali e dermatiti in genere.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiage-hericiumerinaceusHericium erinaceus agisce nella ricostruzione della mucosa gastrica duodenale grazie alla sua attività molto marcata di prebiotico dovuta alla grande quantità di fibre indigeribili che vengono metabolizzate dai microrganismi che risiedono nell’intestino, favorendo un corretto sviluppo della flora intestinale, senza la necessità di ceppi esogeni che possono non essere efficaci per il nostro corpo. Questo processo permette una corretta assimilazione dei nutrienti ed induce ad uno svilnppo efficiente di tolleranza verso la prevenzione delle malattie immunitarie antigene.



A livello di sistema nervoso centrale, Herìcium erinaceus stimola un corretto sviluppo delle cellule del cervelletto, mostrando un effetto modulatorio sul processo di genesi della mielina che contribuisce ad un corretto sviluppo psicomotorio durante i primi anni.

 La capacità di rigenerazione della mielina e dei nenroni è dovuto alle hericenonas, principali sostanze bioattive presenti nel Dr. Leo che hanno dimostrato la capacità di indurre la sintesi di NGF in vivo ed in vitro, ed hanno migliorato significativamente il livello di indipendenza Funzionale (FIM) in pazienti con demenzerboristeria-arcobaleno-schio-benessere-schio-arcobaleno-bimbi-digestionea.

Inoltre il Dr.leo è un potente antiossidante che protegge le strutture cellulari dal danno ossidativo e, come accade per gli altri funghi medicinali, contiene importanti polisaccaridi ad alto peso molecolare con azione immunomodulatoria e antimutagena.

Prevenzione e mantenimento: da 15 giorni a 1 mese (antunno e primavera).

Trattamento: 2 mesi
Dose giornaliera raccomandata: 0,5ml / Kg
La dose giornaliera raccomandata di Dr. Leo (15 ml) contiene 1.500 mg di polvere di Hericium erinaceus fungo di produzione biologica privo di maltodestrine, arricchito con 60 mg di acido L-Ascorbico (75% RDA) + Sucralosio (derivato della zucchero) + aqua + aroma naturale + Sorbato di potassio (eccipiente).

Attenzione per i pazienti allergici ai funghi.
Per maggiori informazioni su MICOTERAPIA visita le pagine dedicate

separatore_grigio

Polyporus umbellatus – (ZHU LING)
Giappone: Chorei; Cina: Zhu Ling

edemi, ritenzione di liquidi, ipertensione, drenaggio linfatico, metastasi linfonodali, cancro, leucemia;

Fungo commestibile che cresce in Europa ed Asia su terreni boschivi costituiti da querce e faggi. in ammassi anche di oltre 20 chili. Il colore è marrone chiaro, e le dimensioni del fungo singolo sono circa 2-5 cm

p276_0_42_01

In Medicina Tradizionale Cinese il Polyporus è molto utilizzato come diuretico naturale. Tali sue proprietà sono state confermate dalla ricerca medica moderna. In particolare stimola l’escrezione urinaria di sodio e cloro, senza però perdita di potassio. Viene utilizzato anche per l’acne e per altre malattie cutanee in quanto migliora e rinforza la pelle.

Grazie alla sua funzione drenante, migliora la stasi linfatica ed aumenta l’eliminazione dei liquidi attraverso le urine. In questo modo contribuisce anche a ridurre la pressione arteriosa. E’ molto utile nei casi di ritenzione idrica, in presenza di edemi, di gonfiori a livello articolare ed in generale nella detossificazione del sistema linfatico. Effettua un forte drenaggio linfatico anche della tossicità in corso di chemioterapia riducendone gli effetti collaterali. Aiuta il ripristino della circolazione linfatica in seguito a svuotamenti linfonodali dopo chirurgia.

Studi scientifici ne hanno dimostrato efficacia nella terapia di supporto dei tumori polmonari e vescicali e nelle malattie ematologiche quali linfomi e leucemie. Il rafforzamento cutaneo di Polyporus riduce la sintomatologia nelle dermatiti da contatto.

p276_0_42_02

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-cioccolato-micopolyporMico-Polypor (Polyporus umbellatus)
Tropismo del fungo: Sistema Genito-Urinario, Sistema immunitario, Sistema linfatico
Confezione da 70 capsule

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-arcobaleno-bimbi-certificazioni-bio

Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco

Valore energetico per 1cps: 0,16 Kcal Polisaccaridi: 26,2% dei quali ß-D-glucani: 15,8%. Proteine: 22,0%. Grassi: 1,6 %. Fibre: 7,2%.

1cps 495mg:
Polyporus umbellatus L. 396mg estratto standardizzato
Capsula di cellulosa vegetale.

Fungo commestibile che cresce in Europa e in Asia in “cespi” di dimensioni e peso anche notevoli. In MTC viene utilizzato per smuovere il ristagno di liquidi, quindi per gli edemi e come diuretico.

Molto utile per la cellulite.
Effettua un forte drenaggio linfatico di tutte le molecole tossiche.

La caratteristica principale del PoIyporus, a differenza di tutti gli altri diuretici, è che non rilascia il potassio, per cui viene tutelata la funzione neuro-muscolare.

In MTC viene utilizzato per smuovere il ristagno di liquidi, quindi per gli edemi e come diuretico, anche in caso di minzione dolorosa ed in generale in tutte le disfunzioni della vescica, dalle infezioni ai supporti oncologici e reni (nefriti).

Grazie alla sua funzione drenante migliora la stasi linfatica, di conseguenza contribuisce a ridurre la pressione arteriosa. E’ molto utile nei casi di ritenzione idrica, gonfiori a livello articolare ed effettua un forte drenaggio linfatico in seguito a chemioterapia e svuotamenti linfonodali dopo chirurgia. Nelle infezioni agisce come un antibiotico, mentre l’effetto antitumorale è legato all’inibizione della replicazione del DNA nelle cellule tumorali.

Componenti:
Contiene polisaccaridi, polipeptidi, minerali (Calcio, Potassio, Ferro, Manganese, Rame, Zinco) vitamine del gruppo B (in particolare Biotina), e metaboliti secondari (tra cui ergosterina e acido alfa idrossi tetracosanoico) glicoproteine, arabinoxilani, ergosteroli ed un’ampia gamma di 1,3 1,4y 1,6 ß-Glucani, Ergosterolo e biotina.

Descritto come rigeneratore polmonare, mucolitico, centra la sua azione sul polmone e sull’apparato urinario per migliorare la struttura della pelle e dei muscoli, oltre ad avere un’azione immunomodulatrice.

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Polyporus umbellatus-

  • Ritenzione dei Liquidi
  • Edemi
  • lpertensione arteriosa (minima alta da ristagno linfatico)
  • Polmoniti
  • Supporto oncologico polmonare-Leucemia-Linfoma
  • Drenaggio Chemioterapico per via Linfatica
  • Drenaggio Cortisonico per via Linfatica
  • Dermatiti da contatto
  • Calcoli Renali

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-micoterapia-linea-tedesca-polyporusPolyporus (Polyporus umbellatus)

350 mg 100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule

p007_0_11_02

Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco

Edemi, ritenzione di liquidi, ipertensione, drenaggio linfatico, metastasi linfonodali, cancro, leucemia;

Fungo commestibile che cresce in Europa ed Asia su terreni boschivi costituiti da querce e faggi. in ammassi anche di oltre 20 chili. Il colore è marrone chiaro, e le dimensioni del fungo singolo sono circa 2-5 cm

Si consiglia l’assunzione di 1 capsula x 3/6 die.

erboristeriarcobaleno animali benessere schio pets animals polyporusIn Medicina Tradizionale Cinese il Polyporus è molto utilizzato come diuretico naturale. Tali sue proprietà sono state confermate dalla ricerca medica moderna. In particolare stimola l’escrezione urinaria di sodio e cloro, senza però perdita di potassio. Viene utilizzato anche per l’acne e per altre malattie cutanee in quanto migliora e rinforza la pelle.

Grazie alla sua funzione drenante, migliora la stasi linfatica ed aumenta l’eliminazione dei liquidi attraverso le urine. In questo modo contribuisce anche a ridurre la pressione arteriosa. E’ molto utile nei casi di ritenzione idrica, in presenza di edemi, di gonfiori a livello articolare ed in generale nella detossificazione del sistema linfatico. Effettua un forte drenaggio linfatico anche della tossicità in corso di chemioterapia riducendone gli effetti collaterali.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-circolazioneAiuta il ripristino della circolazione linfatica in seguito a svuotamenti linfonodali dopo chirurgia.

Studi scientifici ne hanno dimostrato efficacia nella terapia di supporto dei tumori polmonari e vescicali e nelle malattie ematologiche quali linfomi e leucemie. Il rafforzamento cutaneo di Polyporus riduce la sintomatologia nelle dermatiti da contatto.

RIASSUNTO DELLE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi – Polyporus umbellatus-

  • Ritenzione dei Liquidi
  • Edemi
  • lpertensione arteriosa (minima alta da ristagno linfatico)
  • Polmoniti
  • Supporto oncologico polmonare-Leucemia-Linfoma
  • Drenaggio Chemioterapico per via Linfatica
  • Drenaggio Cortisonico per via Linfatica
  • Dermatiti da contatto
  • Calcoli Renali

separatore_grigio

Cordyceps sinensis – Cordyceps militaris;
Giappone:Tochukas; Cina: Dong Chong Xia Cao

Stanchezza, convalescenza, depressione, insonnia, impotenza, sterilità maschile e femminile, gastroenteriti infettive, irregolarità mestruali, glomerulonefrite cronica, insufficienza renale, asma, bronchite cronica;

Fungo parassita di un lepidottero, originario del Tibet, ove può crescere fino a 5000 metri di altezza. Dimensioni: 4-10 cm

p276_0_12_01

In Medicina Tradizionale Cinese è considerato un potente tonico dei reni, sede della nostra energia vitale. E ritenuto il fungo che per eccellenza tonifica il QI renale, dando calma all’animo e vigore al corpo. Cordyceps ha un effetto di stimolo delle funzioni sessuali, stimola e regolarizza la produzione ormonale. Agisce come un vero e proprio afrodisiaco naturale. Stimola il vigore fisico e mentale.

Ha un importante effetto immunomodulante: stimola la proliferazione delle cellule NK e la produzione di IL-2. È utile nel trattamento delle affezioni respiratorie e dell’asma. Migliora l’utilizzazione dell’ossigeno, aumenta la resistenza fisica e la prestazione sportiva. Ha azione cardiotonica e migliora il ritmo cardiaco.

Migliora le prestazioni aerobiche e l’eliminazione dell’acido lattico dopo sforzo. Ha azione antidepressiva che esercita a 2 livelli: come gestione dello stress modulando il rilascio ormonale delle ghiandole surrenali e come inibizione della Monoaminoossidasi (enzima che demolisce serotonina, dopamina e norepinefrina) a livello cerebrale. È utile nel trattamento dell’insonnia. Ha un’azione di regolazione del metabolismo: riduce il livello di glucosio ematico, ma ha anche funzione di riduzione del colesterolo e di riequilibrio del profilo lipidico.

Attiva il metabolismo epatico accelerando le funzioni delle cellule di Kupfer, il metabolismo energetico e la circolazione epatica.
Ha un tropismo di azione per il sistema genito-urinario: tonifica i reni, è efficace su impotenza e sterilità e regolarizza la produzione ormonale. Migliora la funzionalità renale aumentando la clearance della creatinina e diminuisce la proteinuria. Esercita un effetto di protezione renale.

Ha azione antiossidante e antiaging. Aumenta i livelli di SOD e glutatione perossidasi. Inibisce la perossidazione lipidica ed agisce quindi in prevenzione dell’aterosclerosi.
Approfondimento

p276_0_12_03

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-micocord

Mico-Cord (Cordyceps Sinensis)
Tropismo del fungo: Apparato cardio-respiratorio ed apparato uro-genitale
Confezione da 70 capsule

 erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-arcobaleno-bimbi-certificazioni-bio

Prezzo: 65,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco

Valore energetico per 1cps: 0,12 Kcal.Polisaccaridi: 33,2 % dei quali ß-D-glucani: 7,8%.Adenosina: 0,45 % .Manitolo:18,3%. Proteine:25,3 %. Fibre: 7,0 %. Grassi: 3,6 %.

1cps 544 mg:
Cordyceps sinensis L. 445mg estratto standardizzato
Capsula di cellulosa vegetale 99mg.

Fungo parassita di un lepidottero, originario del Tibet, dove cresce a 5000 mt. d’altezza. Nella tradizione Tibetana orientale è considerato un potente tonico dei reni, sede della nostra energia Vitale.

È ritenuto il fungo che per eccellenza tonifica il QI renale, dando calma all’animo e vigore al corpo.
Ottimo rimedio per aumentare la performance sportiva (no dopping) e sessuale.

eboristeria-arcobaleno-schio-benessere-allergie-cordycepsCordyceps aiuta a rigenerare l’organismo, in seguito a malattie, apportando energia a corpo e mente. Stimola il sistema immunitario attraverso la stimolazione delle placche di Peyer e l’attivazione dei macrofagi e delle NK. Contiene Cordicepina che ha effetto simile agli antibiotici, limita la crescita di Clostridìum perfringens e Costridium paraputricum (batteri patogeni anaerobici ed acidificanti che favoriscono la comparsa di patologie anche degenerative), ma non distrugge i bifidobacteri e i lattobacilli, preservando la corretta flora intestinale.

Ha una funzione stimolante sull’apparato sessuale, sulla produzione di ormoni sessuali e sul sistema neurologico coinvolto nella riproduzione e nella prestazione sessuale. Ha lo stesso effetto di un afrodisiaco.

Ha azione antidepressiva che esercita a 2 livelli: come gestione dello stress modulando il rilascio ormonale delle ghiandole surrenali e come inibizione della Monoaminoossidasi (enzima che demolisce serotonina, dopamina e norepinefrina) a livello cerebrale.
Quindi può essere utile nella depressione quando, accompagnata da mancanza di motivazione e di volontà, dà paura, ansia, sensazione di vuoto ed insonnia.

A livello renale protegge i glomeruli: ostacola la formazione di glomerulosclerosi (proliferazione cellulare del mesangio) legata ad aumento delle LDL.

eboristeria-arcobaleno-schio-benessere-allergie-cordyceps-componentiIndicato per sportivi e anziani. Aumenta il livello di corticosteroidi 1 ora dopo l’assunzione. E’ un fungo molto utilizzato per gli atleti per la sua capacità di tonificazione muscolare e di miglioramento della funzione cardiocircolatoria. Migliora la reattività e la potenza muscolare fino al 40%, migliora le prestazioni aerobiche e l’eliminazione dell’acido lattico dopo lo sforzo. Per gli anziani migliora la stanchezza ed altri sintomi legati all’invecchiamento quali: freddolosità, insonnia, ansia, riduzione delle funzioni sessuali, amnesia, depressione e sindrome metabolica.

Componenti:
Tra i componenti bioattivi di questo fungo vi sono: Polisaccaridi (tra cui il più importante l’acido cordicepico), Galattomannario, Mannitolo, Ergosterolo, Adenosina, Acido palmitico, Cordicepina. Il suo principale principio attivo è l’ adenina, responsabile, tra le altre cose, di trasferire l’energia sottoforma di ATP oltre a funzionare come neuromodulatore del sistema nervoso centrale. Grazie al Manitolo ha funzioni diuretiche, favorendo il funzionamento dei reni. Per quanto riguarda il suo contenuto di vitamine, è ricco di vitamine del gruppo B ed E, che giocano un ruolo fondamentale nel metabolismo di ossidazione di amminoacidi e lipidi e nella regolazione del sistema nervoso. Per quanto riguarda i minerali, è ricco di Manganese, Zinco, Selenio, Cromo, Fosforo e Potassio, necessari per lo sviluppo di alcune funzioni vitali.

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA “I funghi medicinali nella pratica clinica” del Dott. Ivo Bianchi -Cordyceps sinensis

  • Depressione
  • Insufficenza Renale
  • Stanchezza cronica
  • Miglioramento performance
    sportive
  • Convalescenza
  • Impotenza
  • Epatite b-c
  • Steatosi epatica
  • Irregolarità mestruali
  • Ricadute infettive
  • Sterilità maschile-femminile

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterpia-animali-freeland-cordysin

Cordy-sin (Cordyceps sinensis)

Confezione da 180 capsule
1cps 783 mg

Prezzo: 65,00

pulsante_acquista2

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-arcobaleno-bimbi-certificazioni-bio

separatore_bianco

Cordyceps sinensis (532 mg polvere, 133,2 mg estratto)
Sinergia mico-complessa che mantiene l’equilibrio energetico naturale del frutto intero e il concentrato polisaccaridico dei ß-glucani.

Stanchezza, convalescenza, depressione, insonnia, impotenza, sterilità maschile e femminile, gastroenteriti infettive, irregolarità mestruali, glomerulonefrite cronica, insufficienza renale, asma, bronchite cronica;
Fungo parassita di un lepidottero, originario del Tibet, ove può crescere fino a 5000 metri di altezza. Dimensioni: 4-10 cm

eboristeria-arcobaleno-schio-benessere-allergie-cordycepsSi consiglia l’assunzione di 1/2×3 capsule die.

In Medicina Tradizionale Cinese è considerato un potente tonico dei reni, sede della nostra energia vitale. E ritenuto il fungo che per eccellenza tonifica il QI renale, dando calma all’animo e vigore al corpo.

Cordyceps ha un effetto di stimolo delle funzioni sessuali, stimola e regolarizza la produzione ormonale. Agisce come un vero e proprio afrodisiaco naturale. Stimola il vigore fisico e mentale.

Ha un importante effetto immunomodulante: stimola la proliferazione delle cellule NK e la produzione di IL-2. È utile nel trattamento delle affezioni respiratorie e dell’asma. Migliora l’utilizzazione dell’ossigeno, aumenta la resistenza fisica e la prestazione sportiva. Ha azione cardiotonica e migliora il ritmo cardiaco. Migliora le prestazioni aerobiche e l’eliminazione dell’acido lattico dopo sforzo.

eboristeria-arcobaleno-schio-benessere-allergie-cordyceps-componentiHa azione antidepressiva che esercita a 2 livelli: come gestione dello stress modua lando il rilascio ormonale delle ghiandole surrenali e come inibizione della Monoaminoossidasi (enzima che demolisce serotonina, dopamina e norepinefrina) a livello cerebrale. È utile nel trattamento dell’insonnia.

Ha un’azione di regolazione del metabolismo: riduce il livello di glucosio ematico, ma ha anche funzione di riduzione del colesterolo e di riequilibrio del profilo lipidico.

Attiva il metabolismo epatico accelerando le funzioni delle cellule di Kupfer, il metabolismo energetico e la circolazione epatica.

Ha un tropismo di azione per il sistema genito-urinario: tonifica i reni, è efficace su impotenza e sterilità e regolarizza la produzione ormonale. Migliora la funzionalità renale aumentando la clearance della creatinina e diminuisce la proteinuria. Esercita un effetto di protezione renale.

Ha azione antiossidante e antiaging. Aumenta i livelli di SOD e glutatione perossidasi. Inibisce la perossidazione lipidica ed agisce quindi in prevenzione dell’aterosclerosi.

Coprinus Comatus: fungo dell’inchiostro
diabete tipo I e II, stipsi, emorroidi, tossicosi epatica;

Dimensioni. 3-6 cm, di forma ovale su un gambo alto e slanciato. Comune fungo commestibile che cresce a gruppi nei giardini, prati e boschi. Inizialmente bianco e successivamente più scuro:dal bordo si arrotola come una campana.

p276_0_16_01

È ricco in Vanadio, un minerale con effetto antidiabetico. L’effetto antidiabetico del fungo intero si esplica a più livelli: sensibilizzazione delle cellule all’azione dell’insulina, effetto ipoglicemizzante e protezione e rivitalizzazione delle cellule B-pancreatiche parte del corpo umano. Per questo motivo può essere utile sia nel diabete di tipo I che nel diabete di tipo Il.

xzhxgfjglAgisce come un vero e proprio antidiabetico orale, senza gli effetti collaterali degli ipoglicemizzanti farmacologici. In Medicina Tradizionale Cinese è stato ed è utilizzato per favorire la digestione e nel trattamento delle emorroidi. È utile anche nella stipsi e nel trattamento delle infezioni intestinali e nella gestione dello stress.

È ricco in vitamine e minerali, contiene tutti gli aminoacidi essenziali ed una elevata percentuale di proteine. Studi in vitro hanno evidenziato attività citotossica nei confronti di carcinomi e sarcomi.

separatore_bianco

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-micocoprinMico-Coprin
Tropismo del fungo: Pancreas, Sistema endocrino
Confezione da 93 capsule
Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco

MICO-COPRIN di MICOSALUD contiene per caps 450 mg:
86,81 mg Coprinus comatus estratto standardizzato libero da malto destrine
36,95 mg Grifola frondosa estratto standardizzato libero da malto destrine
49,50mg Coprinus comatus fungo intero in polvere!
37,31 mg Grifola frondosa fungo intero in polvero
36,95 mg Agaricus blazei Murrill fungo intero in polvere
49,50 mg Glucomannano
49,50 mg Nopal
0,01mg Cromo

Valore energetic oper 1cps: Polisaccaridi 20,12% ß-glucani 8,16% Proteine 18,71% Grassi 2,1% Glucomanno 14,14% Cromo 0,03%.

Miscela di estratti puri standardizzati di Coprinus comatus. Maitake privo di malto destrine, polvere in toto Coprinus comatus, Maitake e Agaricus blazei Murrill, Glucomannano, Nopal e Cromo.

MICOSALUD presenta MICO-COPRIN, miscela di estratti puri standardizzati di Coprinus comatus. Maitake di produzione biologica privo di malto destrine, polvere in toto Coprinus comatus, Maitake e Agaricus blazei Murrill di produzione controllata biologica Europea; la potente attività biologica di questa miscela è potenziata da fibra di Glucomannano, Nopal e Cromo.

Ouesta formula nasce dall’esigenza di soddisfare la richiesta medica e paramedica di tenere sotto controllo la predisposizione a sviluppare patologie noetaboliche quali Sovrappeso e Diabete, sempre piè diffuse, anche nella fascia pediatrica, nei paesi occidentali. L’ingrediente principale di questo prodotto è il Coprinus comatus, un fungo saprofita commestibile comune in tutto il mondo che, con l’invecchiamento assume un colore bluastro ed è per questo chiamato il “fungo dell’inchiostro”.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-micocoprin-pesoMICO-COPRIN è un ottimo complemento nel trattamento del Diabete di tipo I e II. Esso agisce come un vero ipoglicemizzante orale senza gli effetti collaterali tipici dei farmaci ipoglicemizzanti, risulta molto utile nel sovrappeso androide, quando c’è l’accumulo adiposo è localizzato all’area addominale, tale accumulo adiposo viscerale è associato ad alterazioni metaboliche (sindrome metabolica: ipertensione, iperlipidemia, ipercolesterolemia, ecc.) e ad un aumentato rischio di sviluppare patologie metaboliche (es. diabete, steatosi epatica) e cardiovascolari.

Il grasso viscerale ha caratteristiche diverse rispetto a quello sottocutaneo; esso influenza l’equilibrio endocrino-metaholico dell’organismo, si comporta come un vero e proprio organo endocrino rilasciando adipochine pro-infiammatorie, dotate di effetti locali, ma anche centrali e periferici (effetto endocrino). Il rilascio di adipochine da parte del tessuto adiposo influenza l’appetito, il bilancio energetico, la sensibilità periferica all’insulina, il metabolismo lipidico e sposta l’equilibrio del sistema immunitario attivando una fase di infiammazione cronica.

Il MICO-COPRIN esercita la sua azione regolando il rilascio di insulina, aumentandone la sensibilità periferica e modulando contestualmente il sistema immunitario, riducendo così l’infiammazione; in questo senso diventa un valido strumento nel controllo del peso, in associazione a MICO-MAI in presenza di sindrome metabolica o a MICO-POLYPOR in presenza di ristagno linfatico e ritenzione di liquidi.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-diabete-coprinusCoprinus comatus è un fungo ricco in vanadio (CCRV = Coprinus comatus ricco in Vanadio); studi su Coprinus e la sua azione sul metabolismo glucidico hanno evidenziato effetti positivi sui livelli glicemici, sulla regolazione della gliceinnia e sui livelli di emoglobina glicata. Studi sperimentali hanno dimostrato un effetto revitalizzante e rigenerativo sulle cellule B pancreatiche. La presenza del Vanadio spiega la sua azione insulino-mimetica, attraverso un meccanismo di inibizione di una tirosin-chinasi intracellulare responsabile della regolazione negativa della via di segnalazione che induce il fenomeno di resistenza periferica all’insulina.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-antiage-maitake-usiMaitake estratto è utile sia per la modulazione immunitaria sia per il controllo della sintomatologia legata all’evoluzione della sindrome metabolica.

Agaricus blazei Murrill effettua una modulazione importante del sistema immunitario, un’azione preventiva della degenerazione cellulare ed un controllo immunitario in particolare nel diabete di tipo I autoimmune. Studi scientifici hanno dimostrato la sua azione benefica nel controllo del metabolismo lipidico ed un’azione epatoprotettiva.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterpia-freeland-nopalNopal (Opuntia ficus indica) è correntemente utilizzato dalla popolazione messicana per il controllo di diabete, aterosclerosi e iperplasia prostatica benigna. Numerosi studi hanno dimostrato che gli estratti di Nopal possono migliorare del 17,8% la tolleranza al glucosio e diminuire i livelli glicemici del 18%.

La fibra di glucomannano ottenuta dalla pianta Amorphophallus Konjac, usata nella tradizione dietetica giapponese viene utilizzata nelle diete dimagranti per la sua caratteristica capacità di ridurre la fame attraverso la riduzione della produzione dell’ormone grelina; studi scientifici hanno dimostrato la sua capacità di diminuire i livelli sierici di colesterolo e di LDL attraverso l’aumento dell’escrezione fecale di steroli e acidi biliari. E stato dimostrato che è anche in grado di ridurre l’assorbimento intestinale degli zuccheri, sia per un transito accelerato del bolo alimentare che per un diminuito assorbimento da parte della mucosa intestinale. La sua assunzione porta infatti ad un netto appiattimento dei picchi glicemico e insulinemico postprandiali.

Il cromo è un oligoelemento indispensabile per la vita, coinvolto nel metabolismo degli zuccheri e dei grassi; è il componente essenziale del fattore di tolleranza al glucosio e quindi regolarizza i livelli glicemici e potenzia l’azione dell’insulina. Controlla i livelli ematici di grassi e contribuisce a riequilibrare il profilo lipidico. Favorisce l’azione anabolica dell’insulina e quindi la sintesi proteica e l’anabolismo muscolare favorendo l’entrata degli aminoacidi nelle cellule muscolari, riduce inoltre il senso di fame e la “voglia di dolci.
La supplementazione di cromo è essenziale in particolare per i diabetici che hanno alterato metabolismo del cromo.

Nota: per i trattamenti di conrollo del peso, si consiglia l’uso di MICO-COPRIN in combinazione con MICO MAI (per il controllo metabolico) o MlCO-POLYPOR (in caso di ritenzione di liquidi).

Importante: poiché i componenti di questa formulazione possono migliorare il metabolismo glucidico, il suo utilizzo in presenza di diabete conclamato in terapia convenzionale, prevede il regolare controllo dei livelli di glucosio nel sangue e il conseguente adattamento dei dosaggi di farmaci ipoglicemizzanti o di insulina.

 separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-micoterapia-linea-tedesca-coprinusCoprinus (Agaricus chiomato)

450 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2separatore_bianco

Dimensioni. 3-6 cm, di forma ovale su un gambo alto e slanciato. Comune fungo commestibile che cresce a gruppi nei giardini, prati e boschi. Inizialmente bianco e successivamente più scuro: dal bordo si arrotola come una campana.

Il diabete tipo 2 o dell’adulto: Coprinus è il rimedio naturale principale, che può ridurre la glicemia alta e stabilizzarla.

Si consiglia l’assunzione di 1 capsula x 3/6 die.

È ricco in Vanadio, un minerale con effetto antidiabetico. L’effetto antidiabetico del fungo intero si esplica a più livelli: sensibilizzazione delle cellule all’azione dell’insulina, effetto ipoglicemizzante e protezione e rivitalizzazione delle cellule B-pancreatiche parte del corpo umano. Per questo motivo può essere utile sia nel diabete di tipo I che nel diabete di tipo II.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-coprinusAgisce come un vero e proprio antidiabetico orale, senza gli effetti collaterali degli ipoglicemizzanti farmacologici. In Medicina Tradizionale Cinese è stato ed è utilizzato per favorire la digestione e nel trattamento delle emorroidi. È utile anche nella stipsi e nel trattamento delle infezioni intestinali e nella gestione dello stress.

È ricco in vitamine e minerali, contiene tutti gli aminoacidi essenziali ed una elevata percentuale di proteine. Studi in vitro hanno evidenziato attività citotossica nei confronti di carcinomi e sarcomi.

Nel diabete a insorgenza nell’adulto (di tipo 2, non insulino- dipendente) il problema non è la scarsità di insulina, ma l’incapacità delle cellule di rispondervi. Perciò viene chiamato anche diabete insulino-resistente.
In questo caso il problema sorge con la tendenza di molte persone, invecchiando, a ingrassare (comunque sia, se non si ingrassa con l’avanzare degli anni non si riscontra un accresciuto rischio di questo tipo di diabete).

Le cellule adipose diventano meno “ricettive” all’insulina, che cerca di favorire altro immagazzinamento di grasso, e assorbono meno glucosio.” Queste cellule stracolme possono persino rilasciare ormoni che spingono altre cellule adipose e i muscoli a diventare anch’essi resistenti all’insulina.

Il corpo si mette nei guai per via di tutto quel glucosio e di quegli acidi grassi in circolo che danneggiano i vasi sanguigni. Ancora una volta, la mobilitazione costante di glucosio e acidi grassi nel sangue aumenta l’aterosclerosi. Nel 1990, circa il 15% degli statunitensi sopra i sessantacinque anni aveva questo tipo di diabete, percentuale all’epoca considerata una catastrofe sanitaria. Un decennio dopo si è verificato un ulteriore aumento del 33%, anche tra gli adulti di mezza età.
Questa malattia che una volta non esisteva ora colpisce all’incirca 300 milioni di persone in tutto il mondo, e l’anno scorso ha ucciso 200.000 statunitensi.

separatore_grigio

Auricularia auricula judae – (MU HER – KIKURAGE);
Giappone: Kikuurage; Cina: Mu her

Infiammazione delle mucose, tracheite, tosse secca, cancro cutaneo, carcinoma epidermoide, eccesso di radicali liberi, emorroidi, obesità;

Dimensioni: 3-10cm. Comune fungo commestibile sessile, con gambo cortissimo, a forma di orecchio; cresce su arbusti morenti di sambuco. faggi e robinie. Colore rosso-brunastro, consistenza gelatinoso-elastica, cartilagineo. Disidratato, ritorna alla consistenza gelatinosa dopo l’idratazione. Sapore dolce e odore impercettibile.

boristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-auricularia

È un fungo con proprietà anticoagulanti. Auricularia aumenta la fluidità del sangue. Previene la formazione di emboli e trombi e
migliora la circolazione. Questo fungo può essere impiegato come anticoagulante naturale. Esercita un’azione di protezione cardiovascolare molto complessa e particolare: previene trombosi ed ostruzioni vasali con effetto ipolipemizzante ed antiaggregante piastrinico (Adenosina) senza indurre emorragie e soprattutto senza danneggiare il collagene. In questo modo esercita indirettamente un’azione terapeutica sull’aterosclerosi.

Auricularia agisce sull’insufficienza venosa periferica rinforzando i vasi sanguigni, inducendo vasodilatazione e stimolando la circolazione. Migliora in questi casi la sintomatologia dolorosa, prevenendo problematiche di occlusione dei vasi periferici. La sua azione di rinforzo del collagene vasale previene il rischio di emorragie interne. La sua azione sulla circolazione agisce positivamente anche su emicranie e tinnito.

È un fungo utilizzato in Medicina Tradizionale Cinese per le emorroidi, reccessivo sanguinamento uterino e come umettante delle mucose. Auricularia ha azione umettante e rinforzante delle mucose quindi è utile nel trattamento di: tosse secca, faringite. sinusite e colite cronica con stipsi. E’ utile anche nelle infiammazioni e nelle infezioni vescicali.

Ha proprietà antidiabetiche, ipocolesterolemizzanti e ipolipidemizzanti grazie alla riduzione dell’assorbimento enterico di grassi e zuccheri. Ha azione antiossidante che esercita attraverso l’attivazione del SOD (CU-Zn) a livello epaticoecerebrale.
Non ne è consigliabile l’utilizzo nella ricerca di una gravidanza in quanto ostacola l’impianto dell’embrione.

p276_0_22_02

separatore_grigio

erboristeria-arcobaleno-schio-micoterapia-linea-tedesca-auriculariaAuricularia (Auricularia polytricha)

500 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule

Prezzo: € 65,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco

Un importante ambito d’azione dell’Auricularia è quello della prevenzione e cura delle patologie cardiovascolari, sia perché i suoi componenti, in particolare l’adenosina, favoriscono la circolazione sanguigna e prevengono trombosi e ostruzioni vasali, sia perché il fungo agisce sul metabolismo, riducendo l’assorbimento enterico di grassi e zuccheri, permettendo di conseguenza un abbassamento dei livelli di glucosio, colesterolo e trigliceridi.

L’Auricularia è un antiaggregante piastrinico naturale, migliora la fluidità del sangue e quindi previene i progressi arteriosclerosi e trombosi, ma contemporaneamente non aggredisce la struttura delle pareti arteriose e venose e quini non induce nè emorragie né danni a carico del collagene vasale.

Il fungo ha anche un effetto vasodilatatore ed è indicato nell’insufficienza venosa peniferica, perché rinforza i canali samguigni e stimola la circolazione, migliorando la sintomatologia dolorosa.

boristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-auriculariaLa leggenda racconta che dall’albero a cui si impiccò Giuda Iscariota dopo aver tradito Cristo, cominciarono a sorgere questi strani organismi. Per questo il fungo viene chiamato orecchietta di Giuda o orer chio d’albero. È un fungo provvisto di un brevissimo gambo concavo, ha un cappello pendente, la cui superficie interna, rivolta verso il basso, è ricoperta dall’imenio, cioè la parte fertile.

È un fungo con proprietà anticoagulanti. Auricularia aumenta la fluidità del sangue. Previene la formazione di emboli e trombi e migliora la circolazione. Questo fungo può essere impiegato come anticoagulante naturale.

Esercita un’azione di protezione cardiovascolare molto complessa e particolare: previene trombosi ed ostruzioni vasali con effetto ipolipemizzante ed antiaggregante piastrinico (Adenosina) senza indurre emorragie e soprattutto senza danneggiare il collagene. In questo modo esercita indirettamente un’azione terapeutica sull’aterosclerosi.

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-micoterapia-insufficienza-venosaAuricularia agisce sull’insufficienza venosa periferica rinforzando i vasi sanguigni, inducendo vasodilatazione e stimolando la circolazione. Migliora in questi casi la sintomatologia dolorosa, prevenendo problematiche di occlusione dei vasi periferici.
La sua azione di rinforzo del collagene vasale previene il rischio di emorragie interne. La sua azione sulla circolazione agisce positivamente anche su emicranie e tinnito.

È un fungo utilizzato in Medicina Tradizionale Cinese per le emorroidi, reccessivo sanguinamento uterino e come umettante delle mucose. Auricularia ha azione umettante e rinforzante delle mucose quindi è utile nel trattamento di: tosse secca, faringite. sinusite e colite cronica con stipsi. E’ utile anche nelle infiammazioni e nelle infezioni vescicali.

Ha proprietà antidiabetiche, ipocolesterolemizzanti e ipolipidemizzanti grazie alla riduzione dell’assorbimento enterico di grassi e zuccheri.

Ha azione antiossidante che esercita attraverso l’attivazione del SOD (CU-Zn) a livello epaticoecerebrale.

Non ne è consigliabile l’utilizzo nella ricerca di una gravidanza in quanto ostacola l’impianto dell’embrione.

separatore

Le informazioni riportate in questa pagina sono solo a scopo informativo. L’unica finalità è quella di mantenere il valore e la natura della rete: la facile reperibilità di informazione.
Le informazioni sui principi attivi dei singoli componenti dei prodotti e sui prodotti stessi, desunte tutte da un’ampia sitografia presente in rete, e dai siti delle ditte fornitrici, non intendono trattare, curare alcuna malattia o patologia. Queste potrebbero, inoltre, riportare errori e/o omissioni. Pertanto ogni utilizzo improprio è a proprio rischio e pericolo. Si ricorda, altresì, che gli integratori alimentari non sono prodotti curativi e pertanto non possono vantare alcuna proprietà terapeutica. Le indicazioni, presenti sul sito, fanno riferimento all’impiego per il sostegno dell’organismo in periodi particolarmente difficili.

Tutte le informazioni sull’utilizzo dei funghi sono tratte dal libro del Dott. Ivo Bianchi, MICOTERAPIA, i funghi medicinali nella pratica clinica, Palermo, Nuova Ipsa Editore, 2008, e dal sito dell’ IMI (Istituto Micoterapico Internazionale), sia italiano che spagnolo: www.imispain.com

Il contenuto della sezione MICOTERAPIA, come pure tutti i contenuti presenti sul sito dell’erboristeria arcobaleno sono solo scopo informativo e non sono da utilizzare come mezzo per curare malattie. Sia l´editore che l´autore si astengono dal dispensare consigli medici, direttamente o indirettamente, nonchè dal prescrivere qualsiasi cura e non si assumono alcuna responsabilità nei confronti di coloro che scelgono di curarsi da soli senza il consenso del proprio medico.