Olivello spinoso: la pianta del futuro

, , ,
Olivello spinoso

L’olivello spinoso (Hippophae rhamnoides L., famiglia Elaeagnaceae) è un piccolo arbusto ricoperto da spine. Si può trovare naturalmente nell’Europa settentrionale e centrale, nel Caucaso e in Asia (Siberia, Cina e Tibet).

L’olivello spinoso è insuperabile, soprattutto per quanto riguarda i prodotti cosmetici e le cure naturali, i suoi frutti sono considerati il “frutto” più benefico per l’organismo e si dice che da solo potrebbe fornire abbastanza vitamina C per tutti gli abitanti della Terra.

Frutto sacro dell’Himalaya, si è giustamente guadagnato una serie di soprannomi famosi, come la pianta del futuro, l’albero dei limoni del nord, l’oro liquido o il frutto sacro dell’Himalaya. Nella medicina cinese e in quella tibetana è usato soprattutto come rivitalizzante; in caso di spossatezza o debolezza l’Olivello spinoso fresco è un buon stimolante.

Nei suoi frutti troviamo una combinazione unica di sostanze e ossidanti che forniscono al nostro corpo un aiuto molto potente nella lotta contro molti disturbi e afflizioni. Contiene vitamina A, alcune vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B6, B9), provitamina D, vitamine E, K, P e molte altre sostanze importanti come flavonoidi, carotenoidi, caroteni, acido folico, tannini, sali minerali (ferro, boro, manganese) o acidi organici.

E’ proprio questa grande varietà di nutrienti e fitocomplessi la responsabile delle principali proprietà dell’olivello spinoso. Più nel dettaglio, il succo che si ottiene dal frutto ha una spiccata azione antiossidante, tonica, antinfiammatoria e remineralizzanteL’olio invece, che perlopiù deriva da frutti e semi, viene utilizzato per via topica per le sue proprietà cicatrizzanti, riepitelizzanti e antinfiammatorie.

Ma non è finita qui: anche le foglie contengono fitocomplessi utili, principalmente tannini, e vengono utilizzare per la preparazione di tinture madre dall’azione astringente.

È anche considerato uno dei più grandi serbatoi naturali di acidi grassi insaturi, con omega 3, 6, 9 e i meno noti ma altrettanto importanti “sette”.

È chiamato anche  l’albero dei limoni del nord, perché ha un contenuto di vitamina C più di dieci volte superiore a quello degli agrumi. Una sola pallina di olivello spinoso fornisce abbastanza vitamina C per l’intera giornata!

In latino si chiama Hippophae rhamnoides, che significa cavallo splendente. Questo è il nome dato dagli antichi greci, che notarono che i cavalli nutriti con foglie di olivello spinoso avevano un manto molto più lucido, sembravano più sani ed erano più robusti degli altri cavalli. Non stupisce quindi che sia anche il cibo di Pegaso, il mitico cavallo alato.

L’olio è stato utilizzato come rimedio naturale molto potente per migliaia di anni. In Tibet, Cina e Mongolia è considerato un saluto curativo degli dei. È menzionato in testi tibetani del VII secolo e si dice che l’Ayurveda non ne facesse più uso dal VI millennio a.C.

Negli anni ’60 e ’70 i cosmonauti russi utilizzavano ampiamente l’olio di olivello spinoso come protezione dalle radiazioni nello spazio.

Fa anche molto bene all’ambiente! Infatti, combatte l’erosione del suolo, mantiene la terra intatta, contribuisce in modo significativo alla produzione di ossigeno e svolge un ruolo importante nell’intero ecosistema. Ha la capacità di ripristinare la quantità e la qualità di sali minerali nel terreno. Infatti, dopo la prima glaciazione terrestre, l’olivello spinoso è stata tra le prime piante a ripopolare la flora, accompagnando la ricomparsa di un gran numero di arbusti che da essa hanno tratto beneficio.

La capacità dell’olivello spinoso di adattarsi a terreni ostili e crescere con il minimo delle risorse si spiega grazie alla presenza di funghi simbiontici sulle sue radici. I funghi simbiontici trasformano l’azoto che la pianta assorbe dall’atmosfera in sostanze organiche che non solo permettono all’olivello spinoso stesso di svilupparsi in salute, ma fungono anche da nutrimento per il terreno. Questo processo infatti, permette di arricchire di nitriti – sostanze organiche derivate dall’azoto – il suolo circostante, rendendolo più fertile e accogliente anche per altre specie di piante.

OLIVELLO SPINOSO IN ERBORISTERIA

L’impiego principale è come fitoterapico in erboristeria: si usa principalmente sotto forma di succo o di olio, ma possiamo trovare anche integratori in capsule o compresse formulati con olivello spinoso. Il succo è un multivitaminico e un integratore multiminerale naturale: la sua assunzione permette di ridurre i sintomi di astenia, anemia e stanchezza legata ad un periodo di convalescenza.

Le vitamine C ed E, i carotenoidi e i polifenoli rendono il succo di olivello spinoso un trattamento preventivo da mettere in atto nei confronti delle malattie cardio-circolatorie, come il colesterolo alto e l’ipertensione.

APPLICAZIONI

  • Proprietà toniche e remineralizzanti. Il succo dell’olivello spinoso può essere considerato un multivitaminico e un integratore multiminerale naturale, ed è quindi un ottimo rimedio in caso di asteniastanchezza dovuta a convalescenza e anemia.
  • Azione antiossidante e vasoprotettiva. La ricchezza di vitamina C, polifenoli, carotenoidi e vitamina E fa del succo di olivello spinoso un buon trattamento preventivo contro problematiche del sistema cardiocircolatorio come ipertensione, colesterolo alto e aterosclerosi.
  • Azione cicatrizzante e antinfiammatoria. L’attività cicatrizzante dell’olivello spinoso si esplica sia esternamente che internamente l’organismo. L’olio infatti può essere utile nel trattamento di ulcere gastriche e infiammazioni gengivali, così come per lenire ustioniferitedermatitiscottature solaribruciori e rossori della pelle in generale.
  • Protezione di pelle e capelli. L’olio è particolarmente adatto per le pelli mature ed esigenti o in caso di capelli danneggiati, perché svolge un’azione riparativa e rigenerante sulle cellule.

Si consiglia di essere particolarmente attenti alle eventuali reazioni che l’olivello spinoso può causare al suo primo utilizzo. Chi non ha mai adoperato prodotti a base di tale pianta, non può sapere se potrebbe sviluppare particolari reazioni allergiche alle sue componenti. Per questo è consigliabile, soprattutto in occasione dei primi impieghi, di non eccedere con le dosi.

Inoltre, l’uso dell’olivello spinoso è sconsigliato:

  • Ai soggetti ipotesi, in quanto potrebbe agire provocando un leggero abbassamento della pressione arteriosa.
  • Se si stanno assumendo farmaci anticoagulanti, poichè potrebbe rallentare la coagulazione del sangue e causare sanguinamenti improvvisi o emorragie.
  • A chi deve sottoporsi ad un intervento chirurgico. In questo caso si consiglia di sospenderne l’assunzione almeno due settimane prima.
  • In caso di calcolosi renale, per l’elevato contenuto di vitamina C.
  • Per le donne in gravidanza o in allattamento è consigliabile chiedere parere al proprio medico prima di adoperare qualsiasi prodotto a base di olivello spinoso, nonostante di norma essi risultino innocui.

FONTI e BIBLIOGRAFIA:

  1. Olivello spinoso nelle diete a base vegetale. Un approccio analitico alla composizione dei frutti dell’olivello spinoso: valore nutrizionale, applicazioni e benefici per la salute
  2. Effetti dell’integrazione orale e dell’applicazione topica dell’olio di olivello spinoso estratto con CO2 supercritica sull’invecchiamento cutaneo di soggetti di sesso femminile
  3. Fitosteroli nelle bacche di olivello spinoso (Hippophaë rhamnoides L.): identificazione ed effetti delle diverse origini e tempi di raccolta
  4. Composizione carotenoide delle bacche e delle foglie di sei varietà di olivello spinoso rumeno (Hippophae rhamnoides L.)
  5. Perché l’olivello spinoso (Hippophae rhamnoides L.) è così eccezionale? Una recensione
  6. Effetti di diverse origini e tempi di raccolta su vitamina C, tocoferoli e tocotrienoli nelle bacche di olivello spinoso (Hippophaë rhamnoides)
  7. Relazioni struttura-efficienza antiossidante dei composti fenolici e loro contributo all’attività antiossidante del succo di olivello spinoso
  8. L’attività antitumorale dell’olivello spinoso [ Elaeagnus rhamnoides(L.) A. Nelson]
  9. Composizione in acidi grassi dei lipidi nelle bacche di olivello spinoso (Hippophaë rhamnoides L.) di diversa origine
  10. β-sitosterolo: estrazione supercritica di anidride carbonica dai semi di olivello spinoso ( Hippophae rhamnoides)
  11. L’invecchiamento cutaneo indotto dalle radiazioni UV nei topi glabri viene efficacemente prevenuto mediante l’assunzione orale di una miscela di frutti di olivello spinoso (Hippophae rhamnoides L.) per 6 settimane attraverso la soppressione delle MMP e l’aumento dell’attività SOD
  12. L’olio di bacche di olivello spinoso inibisce l’aggregazione piastrinica

Olivello spinoso

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.