Il componente principale del Crespino è rappresentato dalla berberina, un alcaloide del gruppo della protoberberina: un valido rimedio naturale per contrastare il colesterolo alto e molti altri disturbi.

La berberina è una sostanza naturale, un alcaloide che trova spazio come integratore nella prevenzione e nel trattamento di molteplici disturbi. Isolata a partire da differenti piante medicinali tra le quali l’idraste, il crespino, il phellodendron, il coptide, la maonia e l’albero della curcuma, può avere effetti benefici per il diabete, il colesterolo alto e le infezioni da parassiti. Inoltre, la berberina possiede alcune potenziali proprietà di interesse cosmetologico e antiaging. Tradizionalmente, è stata utilizzata per curare infiammazioni, infezioni, parassiti, ferite, ulcere alla pelle e allo stomaco, indigestioni, emorroidi e diarrea in più parti del mondo. La diffusione del diabete è relativamente recente nella storia dell’umanità, ecco perché nell’antichità non era tra le malattie considerate trattabili con questa sostanza.

La caratteristica più curiosa di Berberis vulgaris è certamente il giallo brillante che tinge le sue radici e la parte interna della corteccia: proprio per questa peculiare colorazione, gli Indiani definiscono “albero della Curcuma” la varietà asiatica di questa pianta. In Italia, invece, Crespino deve il suo nome al latino “acrispinum”, che significa “dalle spine acute”: i rami sono infatti coperti di aculei, coi quali l’arbusto si difende dagli erbivori e grazie ai quali è adatto a delimitare i confini delle proprietà. Le abbondanti punte acuminate, inoltre, circondano le bacche, rosse e acidule, rendendone difficoltosa la raccolta. Proprio per la presenza di spine e per il sapore pungente dei frutti, in alcune zone del Paese la pianta è nota col nome popolare di “spina acida”.
È una pianta molto resistente, che si adatta a tutti i tipi di terreno e di clima: è però più facile trovarlo nelle zone di montagna, dove cresce fino a 2.000 m di altitudine.

CURIOSITÀ E USI TRADIZIONALI

Crespino è apprezzato come detossificante, in particolare nell’Ayurveda e nella Medicina Cinese viene impiegato come rimedio per eliminare le tossine dal corpo.
Entrambe le tradizioni lo utilizzano soprattutto quando gli accumuli di scorie pregiudicano il benessere e la funzionalità del fegato, dal momento che le radici della pianta proteggono e riequilibrano quest’organo. Qualora lo stato di intossicazione si manifesti sulla pelle con pruriti e irritazioni, Crespino è impiegato anche come lenitivo, applicato esternamente in impacchi locali.
Infine, per la cultura indiana e cinese, il sapore amaro delle radici di questo arbusto tonifica la digestione, perché migliora l’attività dello stomaco: secondo le analogie orientali, alle funzioni gastriche è associato il colore giallo, proprio lo stesso del legno di questa pianta.

L’impiego terapeutico della berberina, proviene dalla medicina cinese, come rimedio per la diarrea e la dissenteria. L’effetto antidiarroico della berberina dipende essenzialmente dall’inibizione della secrezione intestinale, dalla modulazione della motilità intestinale e dall’effetto riparativo sulla barriera intestinale, oltre che da un’azione antimicrobica.
Successivamente si è scoperto che la berberina aveva anche un effetto ipolipemizzante ed ipoglicemizzante come confermato nel 2004 da uno studio scientifico pubblicato su Nature.
Tuttavia, l’azione ipolipemizzante della berberina (anti-colesterolo e anti-trigliceridi) è prodotta con un meccanismo totalmente diverso da quello delle statine che, come detto, inibiscono l’enzima HMG-CoA-reduttasi. Infatti, il trattamento con berberina, si associa ad una maggiore espressione in membrana di una proteina recettoriale in grado di internalizzare le LDL, meccanismo che non coinvolge l’enzima HMG-CoA reduttasi. In sostanza, la berberina, è in grado di aumentare l’espressione del recettore per le LDL ma probabilmente potrebbe ridurre la colesterolemia anche inibendo l‘assorbimento di colesterolo e aumentandone la sua escrezione.
In conclusione la berberina potrebbe esercitare un’azione ipolipemizzante nuova e soprattutto non statino-simile. Questo è molto importante in quanto molte patologie endocrine (ipotiroidismosindrome di Cushingdeficit di GH etc.) posso causare ipercolesteromia.

I vari studi sperimentali e l’esperienza clinica attribuiscono alla berberina proprietà:

  • Antisettiche;
  • Ipolipidemizzanti;
  • Antiobesigene;
  • Antinfiammatorie e Antiossidanti;
  • Antipertensive;

Recentemente, la ricerca di base ha dimostrato che la berberina può essere utilizzata per abbassare il livello di glucosio nel sangue, migliorare la resistenza all’insulina, migliorare l’iperlipidemia e prevenire un lieve deterioramento cognitivo (1,2,3,4).

Le ricerche effettuate in ambito molecolare hanno in parte chiarito i meccanismi d’azione di questo principio attivo.

NEL DETTAGLIO, ALLA BERBERINA VENGONO ATTRIBUITE LE CAPACITÀ DI:

  • Interagire direttamente con il DNA, regolando l’espressione di geni coinvolti nei meccanismi di proliferazione e differenziazione cellulare;
  • Regolare il ciclo cellulare, controllando sia i meccanismi proliferativi che quelli apoptotici di morte programmata;
  • Inibire l’espressione e l’attività di alcuni enzimi, come le ciclossigenasi, coinvolti nella sintesi di mediatori dell’infiammazione;
  • Controllare la sintesi di vitamine del gruppo B, in particolare dei folati;
  • Controllare l’attività delle telomerasi, enzimi coinvolti nella regolazione della longevitàcellulare;
  • Inibire l’attività di numerosi enzimi come le NOX, coinvolti nel danno ossidativo indotto dalle specie reattive dell’ossigeno;
  • Aumentare l’espressione dei recettori per le LDL, riducendo così il rischio cardiovascolare;
  • Migliorare il profilo glicemico ottimizzando il flusso energetico cellulare e l’attività ormonale dell’insulina;
  • Inibire l’attività di alcuni enzimi come le MAO, coinvolti nella degradazione di neurotrasmettitori.

DIABETE

La berberina sembra particolarmente efficace nell’abbassare la glicemia in persone diabetiche. In uno studio, la berberina (500mg, 3 volte al giorno per 3 mesi) ha esibito un’efficacia simile alla metformina (un farmaco per il diabete). Ha ridotto i livelli di emoglobina glicata, glicemia a digiuno, glicemia post-prandiale e i livelli di trigliceridi in 36 pazienti con diabete di tipo 2 (5). Nell’altra metà dello studio, 48 pazienti con diabete di tipo 2 trattati con berberina hanno ottenuto risultati simili e hanno anche ridotto i livelli di insulina plasmatica. Anche il colesterolo totale e quello cattivo (LDL) sono diminuiti.

Secondo un’ampia revisione di 14 studi, la berberina sarebbe efficace quanto i farmaci per il diabete orale, tra cui metformina, glipizide e rosiglitazone. Anche secondo un’altra meta-analisi di 46 studi RCT, la berberina riduce la glicemia a digiuno (-10 mg/dl) e 2 ore dopo i pasti (-27 mg/dl), e l’emoglobina glicata (-0,38%), con un’efficacia analoga a quella dei farmaci antidiabetici (7).

Si ritiene che gli effetti ipoglicemizzanti della berberina siano dovuti a numerosi meccanismi. In particolare, la berberina ridurrebbe la produzione di glucosio nel fegato e migliorerebbe la sensibilità all’insulina.

SUPPORTA LA PRODUZIONE DI INSULINA NEL PANCREAS

Uno studio del 2012 ha evidenziato la capacità della berberina di diminuire il glucosio e l’insulina nel sangue degli esseri umani e degli animali, e di rafforzare la sensibilità all’insulina (8). I ricercatori hanno spiegato uno dei meccanismi che stanno dietro a questi benefici: la regolazione e la riparazione delle isole pancreatiche. Le isole sono gruppi di cellule nel pancreas che producono gli ormoni. Uno di questi ormoni è l’insulina, che consente alle cellule di assorbire il glucosio e di usarlo per la produzione di energia. “Questi risultati indicano che la berberina può fornire una regolazione bidirezionale nelle isole pancreatiche. Nel classico diabete di tipo 2 con significativa resistenza all’insulina, la berberina ha abbassato i livelli di insulina nel sangue attraverso l’incremento della sensibilità all’insulina stessa.

Tuttavia, nel diabete di tipo 1 o nell’ultimo stadio del diabete di tipo 2 caratterizzato da una scarsa funzionalità delle cellule β, la berberina è stata in grado di incrementare la secrezione di insulina attraverso la riparazione delle isole danneggiate, cosa che potrebbe essere dovuta alle sue proprietà antiossidanti e di antiperossidante dei lipidi.”

CUORE E COLESTEROLO

La berberina può essere utilizzata come trattamento ipolipemizzante alternativo per i pazienti che non tollerano le statine (9). La berberina, infatti, riduce i livelli di trigliceridi e la pressione sanguigna, nonché il colesterolo totale e LDL (cattivo), contribuendo a ridurre il rischio di malattie cardiache (10).

Ad esempio, in uno studio su 32 pazienti con colesterolo alto, l’integrazione di berberina per 3 mesi ha ridotto notevolmente il colesterolo totale, i trigliceridi e il colesterolo LDL. È stato anche dimostrato che riduce l’apolipoproteina B del 13-15%, che è un fattore di rischio cardiovascolare molto importante .

In un altro studio su 40 soggetti con problemi di colesterolo moderati, sia la berberina da sola che un integratore multi-ingrediente (berberina, policosanoli, estratto di lievito rosso, acido folico e astaxantina), somministrati quotidianamente per 4 settimane, hanno ridotto il colesterolo totale, LDL e i trigliceridi e aumentato il colesterolo buono (HDL).

Secondo una meta-analisi di 41 studi RCT su un totale di 4.838 adulti con iperlipidemia, l’integrazione di berberina si è rivelata efficace nel ridurre il colesterolo totale (-12,1 mg/dl) e i trigliceridi (-17,4 mg/dl). La riduzione del colesterolo LDL (-9,3 mg/dl) è stata giudicata non statisticamente significativa.

Secondo un’ampia metanalisi della ricerca clinica, i supplementi di berberina in combinazione con la terapia convenzionale (amlodipina) riducono la pressione sistolica dopo 2 mesi (10) . La combinazione ridurrebbe la pressione massima di 5 mmHg e la pressione minima di 2 mmHg rispetto al solo trattamento farmacologico.

INVECCHIAMENTO E SALUTE DELLA PELLE

In alcuni studi, la berberina ha dimostrato di esibire potenti effetti antiossidanti e antinfiammatori, senz’altro positivi nel quadro della medicina antiaging. Infatti, il danno cumulativo al DNA causato dalle specie reattive dell’ossigeno (ROS) nei mitocondri è stato a lungo considerato la causa principale dell’invecchiamento.

L’uso di Berberina, soprattutto se associato ad altri principi attivi, potrebbe contrastare il danno ossidativo indotto dai ROS e dai raggi UV, proteggendo le strutture cellulari cutanee dalla degenerazione cellulare e dal tanto temuto photoaging . A tal proposito alcuni studi preliminari suggeriscono l’utilità della Berberina nel regolare la sintesi di melanina, rendendola pertanto un possibile rimedio anche in corso di discromatismi cutanei (11).

RIDUCE L’INTENSITÀ DELL’ACNE

Uno studio iraniano del 2012 su adolescenti con acne da moderata a grave ha abbassato il loro indice Michaelson di gravità dell’acne del 45% in media in quattro settimane, a confronto di un farmaco placebo. Agli adolescenti è stata somministrata una dose orale quotidiana da 600 mg di estratto di crespino.

ELIMINA BATTERI, VIRUS E FUNGHI

Molti studi scientifici rivelano la capacità della berberina di eliminare batteri, virus, funghi e parassiti. Uno studio del 2014 ha evidenziato la capacità della berberina di combattere lo sviluppo della candida, un’infezione fungina che inizia nel sistema digerente e può diffondersi in tutto il corpo (12).

Uno studio del 2011 su dei roditori ha ridotto la mortalità del virus dell’influenza dal 90% al 55%. Nel 2005 dei ricercatori hanno scoperto che la berberina aiutava determinati antibiotici a combattere il batterio mortale dello staphylococcus aureus (MRSA) resistente alla meticillina-resistenti in una relazione sinergica rispetto ai gruppi di controllo (13).

ALTRI BENEFICI

Alcune prove suggeriscono che la berberina può migliorare la salute:

  • nelle donne con PCOS (sindrome dell’ovaio policistico) e insulino-resistenza;
  • aiutando a combattere la depressione;
  • nei pazienti con “fegato grasso” (steatosi epatica non alcolica);
  • ostacolando le infezioni di microrganismi dannosi, inclusi batteri, virus, funghi e parassiti;
  • esercitando potenti effetti antiossidanti e antinfiammatori.

SILIMARINA

Per ottimizzare l’azione della berberina, si è pensato ad alcune sostanze che siano in grado di bloccare questi trasportatori ABC e di conseguenza di inibire la ri-espulsione della berberina.
Infatti, esistono degli inibitori naturali di questi trasportatori e, tra questi, il più importante è la silimarina, estratto dal cardo mariano. Altre sostanze (ginsenoidi, catechine gallate, naringenina) hanno un meccanismo simile ma la silimarina è il più conosciuto e studiato, oltre ad essere il più sicuro in quanto la sua azione si concentrerebbe quasi esclusivamente a livello intestinale.

ASSOCIAZIONE BERBERINA – SILIMARINA

Diversi studi hanno valutato e confermato l’efficacia dell’associazione berberina-silimarina come trattamento ipolipemizzante sia nel paziente naive, che nel paziente già in terapia con statine.
Nei pazienti non trattati, la somministrazione di berberina – silimarina riduce in modo significativo il colesterolo totale (-25%), il colesterolo LDL (-30%) ed i trigliceridi (-20%).
Una buona efficacia di tale associazione è stata confermata anche nei pazienti intolleranti ad alti dosaggi di statine. In alcuni casi di pazienti completamente intolleranti alle statine la somministrazione di berberina – silimarina è stata addirittura in grado di sostituire totalmente le statine.

DOSI ED EFFETTI COLLATERALI

Molti degli studi citati nell’articolo hanno utilizzato dosaggi nell’intervallo da 900 a 1500 mg al giorno. È comune assumere 500 mg di berberina 3 volte al giorno, prima dei pasti (per un totale di 1500 mg al giorno). Nel complesso, la berberina ha un ottimo profilo di sicurezza. Raramente sono stati osservati lievi effetti collaterali, come disagio addominale (nausea, crampi, diarrea). Il crespino da cui è estratta la berberina è considerato una pianta velenosa. La berberina infatti è un alcaloide (composto chimico presente nelle piante) che in dosi massicce può risultare pericoloso.

CONCLUSIONI

La berberina è una molecola di particolare interesse nel trattamento dell’ipecolesterolemia, nostante la sua bassa biodisponibilità orale. Poiché la sua biodisponibilità è strettamente legata al meccanismo farmaco-estrusore dei trasportatori ABC presente sulle cellule intestinali, il contemporaneo uso di un inibitore come la silimarina consente il miglioramento cinetico della berberina ed il potenziamento della sua azione clinica.
L’uso dell’associazione berberina – silimarina nel paziente ipercolesterolemico non trattato determina una riduzione della dislipidemia del 25-30%. Nel paziente in terapia con statine ma non a target, l’aggiunta dell’associazione consente un’ulteriore riduzione del 12-15%. L’associazione berberina – silimarina, inoltre, consente di migliorare la tollerabilità alle statine consentendo di ridurne la dose anche del 50%, senza perdere efficacia ipolipemizzante. Nei non responders, invece, può essere utile incrementare il dosaggio della berberina. (Dott. Massimiliano Andrioli
Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio)

Fonti: https://magazine.x115.it e https://www.endocrinologiaoggi.it/

BIBLIOGRAFIA:

  1. Effetti della berberina sulla glicemia in pazienti con diabete mellito di tipo 2: una revisione sistematica della letteratura e una meta-analisi (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30393248/)
  2. La berberina inibisce la risposta infiammatoria e migliora la resistenza all’insulina negli epatociti (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21110076/)
  3. Possibile ruolo della glicoproteina P nel meccanismo neuroprotettivo della berberina nella disfunzione cognitiva intracerebroventricolare indotta da streptozotocina (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26446867/)
  4. Analisi integrativa del metaboloma e del microbiota intestinale in ratti iperlipidemici indotti dalla dieta trattati con composti della berberina (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4975912/)
  5. Efficacia della berberina nei pazienti con diabete di tipo 2 (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2410097/)
  6. Berberina nel trattamento del diabete mellito di tipo 2: una revisione sistemica e una meta-analisi (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23118793/)
  7. L’effetto della berberina sui profili metabolici nei pazienti diabetici di tipo 2: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati e controllati (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8696197/)
  8. Yin J, Ye J, Jia W. Effects and mechanisms of berberine in diabetes treatment Acta Pharmaceutica Sinica B. 2012; 2(4): 327-334. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2211383512000871
  9. Il ruolo dei nutraceutici nei pazienti intolleranti alle statine (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29957236/)
  10. Meta-analisi dell’effetto e della sicurezza della berberina nel trattamento del diabete mellito di tipo 2, dell’iperlipemia e dell’ipertensione (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25498346/)
  11. Effetto inibitorio della berberina dal rizoma di Coptidissulla sintesi della melanina del melanoma maligno murino (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29724298/)
  12. Dhamgaye S, Devaux F, Vandeputte P, et al. Molecular Mechanisms of Action of Herbal Antifungal Alkaloid Berberine, in Candida albicans PLoS ONE. 2014; 9(8): e104554-. https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0104554
  13. Yu HH, Kim KJ, Cha JD, et al. Antimicrobial activity of berberine alone and in combination with ampicillin or oxacillin against methicillin-resistant Staphylococcus aureus. J Med Food. 2005; 8(4): 454-61. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16379555


 

-Il diabete tocca milioni di persone, un vero flagello mondiale. Succede quando il nostro corpo non gestisce l’insulina come dovrebbe, facendo salire il glucosio nel sangue. Senza la giusta attenzione, questa condizione può intaccare organi cruciali come cuore e reni, e persino la nostra vista. In questo contesto, non mancano rimedi naturali che, insieme alle cure classiche, promuovono un trattamento più completo e armonico del diabete, adattandosi bene a chi cerca un approccio più integrato alla propria salute.

La ricerca ci insegna un trucco o due su come tener testa al diabete. Prodotti naturali come il ginseng americano, il cromo, la cannella e i funghi terapici  sembrano promettenti per regolare lo zucchero nel sangue. Se mescoliamo questi aiuti naturali con una dieta sana e un po’ di attività motoria, potremmo migliorare la nostra reazione all’insulina e mantenere stabile il glucosio.

Con il diabete che non dà tregua, i rimedi naturali aprono una finestra di speranza. Non solo potenziano i trattamenti di routine, ma abbracciano la natura per dare al nostro organismo quel qualcosa in più. Ricorda, l’armonia è tutto. Collaborare strettamente con i professionisti della salute è il segreto per trovare il modo migliore di vivere bene con il diabete.

Ci sono due tipi principali: il tipo 1 e il tipo 2. Il primo scatta improvviso e richiede insulina da subito. Il secondo, più comune, spesso nasce da una dieta sbagliata e scarsa attività fisica.

Il DIABETE MELLITO TIPO 1 è caratterizzato dalla distruzione delle cellule del pancreas che producono insulina (Beta-cellule) ed è causato da una problematica autoimmune (produzione di autoanticorpi diretti contro le β-cellule) o idiopatica (causa sconosciuta). Poiché vi è carenza assoluta di insulina la terapia farmacologica prevede la somministrazione di insulina esogena associata ad una dieta sana ed esercizio fisico.

Il DIABETE TIPO 2 invece, risulta da una complessa interazione tra il profilo genetico dell’individuo e molteplici fattori ambientali (eziopatogenesi multifattoriale) quali incremento ponderale, diete incongrue (es. eccessivo contenuto di grassi nella dieta che porta ad alterazioni lipidiche plasmatiche), inattività fisica. La terapia è non farmacologica (modifica abitudini alimentari e dell’attività fisica) ma in alcuni casi è opportuno ricorrere alla terapia farmacologica.

In assenza di sintomi tipici la diagnosi di diabete viene posta sulla base del riscontro, confermato in almeno due diverse occasioni, di diversi parametri:
1) Glicemia a digiuno > o = 126 mg/dl (dosaggio eseguito al mattino, dopo almeno 8h di digiuno);
2) Glicemia > o = 200 mg/dl 2h dopo carico orale di glucosio (eseguito con 75 g di glucosio);
3) Emoglobina glicata (HbA1c) > o = 6,5% (> o = 47,5 mmol/mol).

Se non lo gestiamo bene, il diabete può fare danni gravi. Può rovinare i vasi sanguigni e causare malattie cardiovascolari, problemi ai reni, alla vista, e disturbi ai nervi. Questo lo rende una delle principali cause di disabilità e morte nel mondo.

Gestirlo correttamente è vitale. Serve un approccio olistico che va oltre la medicina. Va implementata una dieta sana, esercizio fisico regolare, e monitoraggio costante dei livelli di zucchero. È altrettanto importante educarsi sulla propria condizione.

Il diabete tocca milioni di persone, un vero flagello mondiale. Succede quando il nostro corpo non gestisce l’insulina come dovrebbe, facendo salire il glucosio nel sangue. Senza la giusta attenzione, questa condizione può intaccare organi cruciali come cuore e reni, e persino la nostra vista. In questo contesto, non mancano rimedi naturali che, insieme alle cure classiche, promuovono un trattamento più completo e armonico del diabete, adattandosi bene a chi cerca un approccio più integrato alla propria salute.

I RIMEDI NATURALI NEL TRATTAMENTO DEL DIABETE

Il ruolo dei rimedi naturali nel controllo del diabete è diventato un argomento di crescente interesse sia per chi vive con questa condizione sia per i professionisti del settore sanitario. La ricerca suggerisce che alcuni supplementi naturali possono fornire vantaggi supplementari se usati in aggiunta ai trattamenti tradizionali. È tuttavia essenziale consultare un medico prima di aggiungere nuovi rimedi al proprio regime terapeutico.

Ginsengmagnesiocannellaaloe vera, CBD, Coprinus, Maitake, Agaricus e Cordyceps abbassano la glicemia elevata e  sono quindi utili sia quando la glicemia è elevata, sia nel diabete, e altri hanno mostrato potenziali effetti positivi nel migliorare il controllo della glicemia. Questi non sono sostituti dei farmaci prescritti ma possono servire come complementi per ottimizzare la gestione del diabete. Ad esempio, il ginseng americano è noto per la sua capacità di aumentare la sensibilità all’insulina, contribuendo così a regolare i livelli di glucosio nel sangue.

È fondamentale evidenziare che, sebbene alcuni studi mostrino benefici, il settore dei rimedi naturali necessita di ulteriori indagini per verificare l’efficacia e la sicurezza di questi metodi. Le Dietary Guidelines for Americans consigliano l’assunzione giornaliera di 22 a 34 grammi di fibre, rimarcando l’importanza di una dieta bilanciata nel controllo del diabete.

Integrare la propria dieta con alimenti ricchi di nutrienti essenziali, unitamente a un’adeguata attività fisica, costituisce la base per una gestione efficace del diabete. Alcuni minerali come il cromo e il magnesio hanno dimostrato di svolgere un ruolo chiave nel metabolismo dei carboidrati e dei grassi, essenziali per la risposta cellulare all’insulina.

Nonostante l’attrattiva dei rimedi naturali, è importante ricordare che non esistono soluzioni miracolose. La gestione del diabete è un percorso complesso che richiede un approccio olistico, includendo la supervisione medica, modifiche dello stile di vita e, quando necessario, l’uso di farmaci. L’obiettivo è mantenere i livelli di zucchero nel sangue entro intervalli salutari, prevenendo le complicanze a lungo termine e migliorando la qualità della vita.

GINSENG: UN ALLEATO CONTRO IL DIABETE

Il Ginseng è considerato un prezioso alleato nella lotta contro il diabete, grazie alla sua capacità di migliorare la sensibilità all’insulina e regolare i livelli di glucosio nel sangue. Questa radice, usata da secoli nella medicina tradizionale, sta guadagnando interesse anche nella comunità scientifica moderna per i suoi potenziali benefici nel controllo del diabete.

Il ginseng, in particolare quello americano (Panax quinquefolius), si distingue per la sua capacità di agire sul metabolismo glucidico. Studi hanno mostrato che può migliorare significativamente il controllo della glicemia, specialmente quando utilizzato insieme ai trattamenti convenzionali per il diabete. Questo effetto è attribuito alla presenza di ginsenosidi, i principi attivi del ginseng, che sembrano incrementare l’efficienza dell’insulina nel corpo.

La modalità d’uso del ginseng americano può variare, ma comunemente viene assunto sotto forma di supplemento. Le capsule di estratto standardizzato sono tra le forme più studiate e raccomandate, poiché offrono una concentrazione controllata di ginsenosidi. È importante, tuttavia, consultare un medico prima di iniziare l’assunzione di ginseng, specialmente se si stanno già assumendo farmaci per il diabete, per evitare il rischio di ipoglicemia.

Per quanto riguarda il dosaggio, non esiste una quantità universale raccomandata, in quanto può variare in base alle esigenze individuali e al tipo di estratto utilizzato. Tuttavia, studi clinici hanno spesso impiegato dosi giornaliere nell’ordine dai 200 a 400 mg di estratto di ginseng americano, dimostrando miglioramenti nei livelli di glucosio a digiuno e nella tolleranza al glucosio.

CROMO E MAGNESIO: MINERALI PER L’EQUILIBRIO GLICEMICO

Il Cromo e il Magnesio sono due minerali essenziali che giocano un ruolo cruciale nel mantenimento dell’equilibrio glicemico e nel controllo della glicemia, fattori fondamentali nella gestione del diabete. La loro importanza per la salute metabolica emerge con forza dalla ricerca scientifica, che ne ha esplorato gli effetti e le modalità d’uso per supportare le persone con diabete.

Il CROMO è un elemento traccia che interviene nel metabolismo dei carboidrati, facilitando l’azione dell’insulina e migliorando il controllo del glucosio nel sangue. La sua assunzione è particolarmente indicata per chi vive con il diabete di tipo 2, poiché può aiutare a ridurre la resistenza all’insulina. Gli studiosi hanno osservato come supplementi di cromo possano portare a una modesta diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue in persone con diabete, suggerendo dosaggi che variano generalmente tra i 200 e i 600 microgrammi al giorno, a seconda delle esigenze individuali e della formulazione del supplemento.

Il MAGNESIO, d’altra parte, è coinvolto in più di 300 reazioni enzimatiche nel corpo, molte delle quali influenzano direttamente il metabolismo del glucosio e la sensibilità all’insulina. Un adeguato apporto di magnesio può contribuire a migliorare la funzione insulinica e a prevenire le fluttuazioni dei livelli di zucchero nel sangue. La ricerca indica che bassi livelli di magnesio sono spesso associati a un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, evidenziando l’importanza di questo minerale nella dieta quotidiana. Il magnesio si trova in alimenti come verdure a foglia verdenocisemi e cereali integrali, ma può essere anche assunto tramite integratori, con dosaggi consigliati che variano in base all’età, al sesso e alle condizioni di salute.

Integrare la dieta con cromo e magnesio, quindi, può essere una strategia utile per chi cerca di migliorare il controllo della glicemia attraverso metodi naturali. Tuttavia, è essenziale procedere sotto la guida di un professionista sanitario per evitare interazioni con altri farmaci e per assicurarsi che l’integrazione sia appropriata e sicura.

CANNELLA: PIÙ DI UNA SPEZIA

La cannella è riconosciuta non solo per il suo aroma distintivo ma anche per i suoi benefici nel supporto del controllo della glicemia, rendendola un complemento interessante per chi gestisce il diabete. Questa spezia millenaria, apprezzata in tutto il mondo per le sue proprietà culinarie, nasconde virtù che vanno oltre la cucina.

La ricerca ha evidenziato come la cannella possa influenzare positivamente la sensibilità all’insulina e aiutare a moderare i livelli di glucosio nel sangue. Questi effetti sono particolarmente rilevanti per le persone con diabete di tipo 2, dove il corpo lotta per utilizzare l’insulina in modo efficace.

L’inserimento della cannella nella dieta quotidiana è semplice. Può essere aggiunta a bevande calde, spolverata su frutta e cereali, o utilizzata in varie ricette per arricchirne il sapore senza aggiungere zuccheri. La flessibilità di utilizzo della cannella permette di sfruttarne i benefici senza grandi sforzi o cambiamenti radicali alla dieta.

Nonostante le sue promettenti proprietà, è cruciale usare la cannella con moderazione. Esistono diverse varietà di cannella, e alcune possono contenere livelli significativi di cumarina, un composto che può essere nocivo se assunto in grandi quantità. La varietà di Ceylon è spesso consigliata per un uso più sicuro a lungo termine, grazie ai suoi bassi livelli di cumarina.

ALOE VERA: BENEFICI OLTRE LA PELLE

L’Aloe Vera è rinomata non solo per i suoi effetti benefici sulla pelle ma anche per le sue proprietà salutari interne, particolarmente per il controllo del diabete. Questa pianta succulenta, usata da millenni nella medicina tradizionale, offre un tesoro di vantaggi che vanno ben oltre il trattamento di scottature e ferite cutanee.

Recenti studi hanno iniziato a rivelare il potenziale dell’aloe vera nel migliorare la sensibilità all’insulina e abbassare i livelli di zucchero nel sangue nelle persone affette da diabete di tipo 2. Questi effetti sono attribuiti ai fitochimici presenti nel gel di aloe vera, che aiutano a migliorare l’efficacia dell’insulina prodotta dal corpo e a ridurre la glicemia.

L’utilizzo dell’aloe vera per il controllo del diabete può avvenire in diverse forme. Alcuni preferiscono consumare il gel direttamente dalla foglia della pianta, mentre altri optano per succhi o integratori che contengono estratto di aloe vera. È importante, però, assicurarsi della qualità e della purezza del prodotto scelto, poiché la presenza di aloina, un composto trovato nella corteccia esterna della foglia, può causare effetti collaterali se assunto in grandi quantità.

La dose ottimale di aloe vera non è ancora stata definita chiaramente, e varia in base alla forma del prodotto e alle condizioni individuali. Tuttavia, la ricerca suggerisce che dosi moderate possono fornire benefici senza causare effetti indesiderati significativi.  L’aloe vera rappresenta un’opzione naturale promettente per coloro che cercano di migliorare la gestione del loro diabete. Con le giuste precauzioni e sotto la guida di un professionista della salute, l’integrazione di questo antico rimedio nel controllo del diabete può offrire un supporto prezioso nel percorso verso il benessere.

I BENEFICI del CBD per il diabete di tipo 2

Il CBD, un composto della cannabis che non produce effetti psicoattivi, ha mostrato un potenziale significativo in questo ambito. Basandoci sui risultati di questo studio, il CBD sembra essere molto prezioso nel trattamento del diabete e delle sue complicazioni, essendo capace di migliorare il funzionamento delle cellule del pancreas, ridurre l’infiammazione in quest’organo e potenziare la resistenza all’insulina. Il CBD non solo offre un’azione di prevenzione per le complicanze del diabete ma si dimostra anche terapeuticamente valido per le complicanze già manifestate, migliorando la funzionalità degli organi colpiti. Tuttavia, è necessario condurre ulteriori ricerche per confermare la sicurezza e l’efficacia del CBD. È importante riconoscere che l’applicazione clinica del CBD nel trattamento del diabete e delle sue complicanze necessita di ulteriori approfondimenti.

Un altro studio pilota, randomizzato, in doppio cieco, e controllato con placebo, ha esaminato gli effetti del CBD e del THCV (tetraidrocannabivarina: cannabinoide minore presente nella cannabis, che contrasta l’attività del recettore CB1 attivando allo stesso tempo il recettore CB2.) sui parametri glicemici e lipidici in pazienti con diabete di tipo 2 non trattati con insulina. Nello specifico, questo studio ha coinvolto 62 soggetti randomizzati in cinque gruppi di trattamento:

  1. CBD (100 mg due volte al giorno).
  2. THCV (5 mg due volte al giorno).
  3. rapporto 1:1 di CBD e THCV (5 mg/5 mg, due volte al giorno).
  4. rapporto 20:1 di CBD e THCV (100 mg/5 mg, due volte al giorno).
  5. un placebo abbinato per 13 settimane.

I risultati hanno mostrato che, rispetto al placebo, il THCV ha significativamente diminuito la glicemia a digiuno e migliorato la funzione delle cellule beta pancreatiche, oltre ad aumentare i livelli di adiponectina e apolipoproteina A, sebbene il colesterolo HDL non sia stato influenzato. Al contrario, il CBD ha ridotto i livelli di resistina e aumentato quelli del peptide insulinotropico dipendente dal glucosio rispetto alla linea di base, ma non rispetto al placebo. Sia il CBD che il THCV sono stati ben tollerati.

Questi risultati suggeriscono che il THCV potrebbe rappresentare un nuovo agente terapeutico nel controllo glicemico in soggetti con diabete di tipo 2. Tuttavia, è importante notare che la ricerca è ancora in una fase preliminare e che ulteriori studi sono necessari per confermare questi risultati e per comprendere meglio il potenziale del CBD e del THCV nel trattamento del diabete di tipo 2.

Per approfondimenti, puoi consultare lo studio pubblicato su Diabetes Care e su PubMed :

MICOTERAPIA e DIABETE

Nell’area metabolica per molti funghi è stata descritta un’azione terapeutica sul controllo della glicemia, dell’ipercolesterolemia, dell’ipertrigliceridemia, dell’ipertensione e del diabete 2. Tali effetti sono stati correlati alla presenza di fibre e polisaccaridi (beta-glucani), ma nel tempo gli studi scientifici hanno dimostrato un’azione ben più profonda e articolata orientata al recupero della salute effettuata da numerose altre molecole bioattive in essi contenute. Per molti funghi è stata infatti dimostrata azione antitumorale, antivirale, antitrombotica, anti-ipertensiva, di controllo della glicemia, di miglioramento della memoria e della concentrazione e anti-aging.

Tra i funghi più studiati per la sindrome metabolica e il diabete 2 vi sono la Grifola frondosa o Maitake e il Coprinus comatus, ma si sono dimostrati molto utili anche l’Agaricus blazei Murrill, il Ganoderma lucidum (Reishi), l’Auricularia auricula judae e il Cordyceps sinensis.

La GRIFOLA FRONDOSA (MAITAKE) è chiamato anche il fungo del metabolismo. Oltre all’elevata quantità di beta-glucani, ha dimostrata attività anti-amilasica e anti-glucosidasica, la più potente tra tutti i funghi ad oggi studiati, che permette un elevato controllo dell’iperglicemia. In pratica inibisce la funzione di enzimi, come l’alfa-glucosidasi, che sono deputati al processo di digestione e utilizzazione dei caboidrati nell’intestino, riducendo l’iperglicemia post-prandiale (9,10).

Inoltre sono ampiamente dimostrati in letteratura i suoi effetti di miglioramento della sensibilità insulinica e di riduzione della resistenza insulinica periferica, di regolazione dei livelli di glicemia, di emoglobina glicata, dei grassi nel sangue e di tutta una serie di parametri metabolici che possono risultare alterati in questa condizione clinica; conseguentemente contribuisce al controllo del peso e delle sintomatologie associate al diabete 2 quali ad esempio l’ipertensione (11-15).

Il COPRINUS COMATUS è un fungo ricco in vanadio che è stato studiato in modelli di diabete sia di tipo 1 che di tipo 2. Il vanadio ha infatti attività revitalizzante delle cellule beta del pancreas deputate alla produzione di insulina, quindi la sua assunzione può essere di aiuto anche in presenza di diabete 1 (autoimmune). In ogni caso è risultato molto efficace nella riduzione della glicemia e dell’emoglobina glicata anche nel diabete di tipo 2. Da questo fungo è stata isolata una sostanza chiamata “comatina” con effetti ipoglicemizzanti, in grado di inibire la glicosilazione non enzimatica e di migliorare la sensibilità periferica all’insulina (16-19).

Il GANODERMA LUCIDUM (Reishi) è un fungo con storia millenaria di utilizzo in Cina, ed è conosciuto anche come fungo della longevità o dell’immortalità. La sua somministrazione migliora la gestione della glicemia nel topo e i suoi effetti, oltre che alla riduzione dell’assorbimento degli zuccheri a livello intestinale, sono stati attribuiti anche alla sua importante azione anti-infiammatoria e anti-ossidante. È stato dimostrato che facilità il rilascio di insulina da parte delle cellule pancreatiche e che migliora significativamente la sensibilità periferica all’insulina e riduce la glicazione proteica. Tali effetti dipendono molto anche dalla sua capacità di migliorare la composizione e l’attività della flora microbica intestinale (microbiota e microbioma). Una peculiarità importante del Ganoderma lucidum nella gestione del diabete 2 è la sua importante protezione cardiovascolare, soprattutto in considerazione del fatto che il rischio cardiovascolare nei soggetti affetti da diabete 2 è di 10 volte superiore rispetto a soggetti sani (20-24).

L’AURICULARIA AURICULA-JUDAE è un fungo gelatinoso a forma di orecchio (chiamato anche orecchio di Giuda) e di colore rosso scuro a volte quasi nero. È molto popolare in Cina dove viene usato per ridurre il “calore” del corpo, ossia l’infiammazione. Ha effetto ipoglicemizzante grazie alla grande quantità di fibre e mucillagini che contiene; contiene un elevato livello di melanina e polifenoli che gli conferiscono attività anti-ossidante e anti-infiammatoria che contribuiscono a migliorare la resistenza insulinica. È un fungo molto interessante anche per la sua funzione di protezione epatica, di fluidificazione della bile e di miglioramento delle funzioni intestinali. Nel diabete 2 la funzione epato-biliare è in genere compromessa e condiziona la salute dell’intestino; per questo motivo il sostegno con Auricularia potrebbe risultare particolarmente efficace. Come il Ganoderma inoltre, esercita un effetto protettivo sul sistema cardiovascolare con riduzione del rischio di aterosclerosi e di infarto e ictus (25-30).

Il CORDYCEPS SINENSIS è un fungo che cresce nell’altopiano Tibetano, tra i 3600 e i 5000 metri, parassita di un insetto (Hepialis armoricanus) che ha una lunga storia di utilizzo nella medicina tibetana. È uno dei funghi più interessanti per le sue articolate proprietà sulla salute. La sua efficacia è stata dimostrata anche nella gestione della sindrome metabolica e del diabete di tipo 2 dove migliora la gestione della glicemia e riduce efficacemente la glicazione proteica. Uno degli effetti più interessanti del Cordyceps, probabilmente correlato alla sua azione di riequilibrio ormonale, è la sua capacità di migliorare il rapporto massa magra/massa grassa che corrisponde ad un miglioramento del metabolismo e della salute. Ha azione antiossidante e anti-infiammatoria che contribuiscono a migliorare la sensibilità periferica all’insulina e ha dimostrato effetti protettivi a livello cardiovascolare, renale e neurologico. La sua azione ossigenante e antiossidante permettono di migliorare il metabolismo a livello cellulare riducendo anche il rischio di degenerazione oncologica (31-38).

L’AGARICUS BLAZEI MURRILL (ABM) è molto studiato per la sua attività di potenziamento immunitario e antitumorale. La sua assunzione nell’uomo è stata associata a riduzione della massa grassa, in particolare viscerale, a miglioramento dei rapporti dei lipidi nel sangue (colesterolo, HDL, trigliceridi) e ad un miglioramento della gestione della glicemia. La sua associazione con il Corpinus comatus migliora la sintomatologia associata al diabete 1. In numerosi studi è stata dimostrata la sua attività anti-iperglicemica, ipocolesterolemica e antisclerotica evidenziando un’attività antidiabetica generale con miglioramento della resistenza insulinica. Interessante la sua capacità di aumentare la concentrazione di adiponectina (sostanza chiamata anche “bruciagrassi”) che favorisce la perdita del grasso accumulato nell’area viscerale.

La sua azione è stata studiata anche insieme a farmaci antidiabetici con miglioramento della funzione e riduzione degli effetti collaterali (39-41).

Questa generale panoramica dell’azione dei funghi sul metabolismo e sulla prevenzione e gestione del diabete 2 permette di comprendere come essi agiscano in modo profondo e articolato. Ognuno di essi ha peculiarità che possono influire sulla scelta di quale fungo utilizzare in particolari condizioni e sintomatologie. È anche molto interessante notare che il loro utilizzo può essere effettuato in concomitanza con i farmaci con i quali non interferiscono, anzi, ne ottimizzano la funzione riducendone gli effetti collaterali.
Poiché la sindrome metabolica e il diabete di tipo 2 sono in crescita esponenziale e condizionano in modo importante la salute e la qualità della vita delle persone affette, può essere molto utile considerare l’utilizzo di questi “super-alimenti funzionali” soprattutto in prevenzione, per ridurre il rischio di sviluppo di tali patologie.

“Il ruolo e gli evidenti benefici dei funghi e dei loro polisaccaridi, oltre ad essere usati da millenni dall’Arte Medica, ultimamente hanno anche avuto innumerevoli conferme dagli studi scientifici. Però, nonostante non ci siano dubbi sui numerosi benefici apportati dai funghi medicinali, siamo ancora molto lontani dalla validazione clinica di questi importanti serbatoi di nutrienti. Nonostante tutti i dati noti sulle potenzialità dei funghi, il loro consumo a scopo medicinale è ancora ristretto ad un piccolissimo numero di medici.
C’è sicuramente bisogno di sensibilizzare la Comunità medica e non medica sul fatto che i funghi medicinali devono essere:
-coltivati in ambienti esenti da inquinanti,
-controllati nella loro purezza chimico-fisica,
-prescritti da medici competenti,
-consumati per lunghi periodi di tempo…
al fine di sfruttare al massimo il potenziale preventivo e curativo di questa preziosa risorsa naturale” (Dr. Roberto Gava in https://www.robertogava.it/

Attenzione però ad un particolare

Bisogna però fare molta attenzione alla sicurezza dei funghi in generale e dei funghi medicinali in particolare, perché questa dipende dalla fonte dei funghi, dal metodo di estrazione e dalla purezza dei loro polisaccaridi.

Alcuni funghi possono contenere composti nocivi, come i metalli pesanti e alcune micotossine che, se i funghi vengono consumati in grandi quantità, possono causare disturbi gastrointestinali, mal di testa, affaticamento e crampi muscolari (42), specialmente in soggetti con una debole funzionalità epatica.

Comunque, se gli integratori di funghi medicinali sono prodotti da una ditta seria, sono sicuramente ben tollerati e svolgono un ruolo positivo nel mantenimento e nel ripristino della nostra salute globale, ma anche nell’aumentare le nostre difese antivirali e antiossidanti, che oggi sono particolarmente fragili nella maggior parte dei soggetti, specie i bambini, gli anziani e le persone affette da una o più patologie croniche.

Visita le pagine dedicate del sito: Glicemia e  Micoterapia

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONTATTACI:
ERBORISTERIA ARCOBALENO
Specialisti in MICOTERAPIA
Tel. 3200469843 / 0445-524576
info@erboristeriarcobaleno.com

Fonti: https://stefaniacazzavillan.it/ e https://crystalweed.it/

BIBLIOGRAFIA

  1. Helms S. Cancer prevention and therapeutics: Panax ginseng. Altern Med Rev 2004; 9:259–274.
  2. Reeds DN, Patterson BW, Okunade A, et al. Ginseng and ginsenoside Re do not improve beta-cell function or insulin sensitivity in overweight and obese subjects with impaired glucose tolerance or diabetes. Diabetes Care 2011; 34:1071–1076.
  3. Yin J, Zhang H, Ye J. Traditional chinese medicine in treatment of metabolic syndrome. Endocr Metab Immune Disord Drug Targets 2008; 8:99–111.
  4. About Herbs, Botanicals & Other Products | Memorial Sloan Kettering Cancer Center, New York, mskcc.org
  5. Asatiani MD, Wasser SP, Nevo E, Ruimi N, Mahajna JA, Reznick A. (2011): “The shaggy ink cap medicinal mushroom, Coprinus comatus (of mull.: fr.) pers.(Agaricomycetideae) substances interfere with h2o2 induction of the Nf-Κb pathway through inhibition of Iκbα phosphorylation in Mcf7 breast cancer cells.” International Journal Of Medicinal Mushrooms, 13(1): 19-25.
  6. Badalyan S, Sisakyan S. (2005): “Study of antiprotozoal activity and mitogenic effects within some medicinal mushrooms.” International Journal ofMedicinal Mushrooms, 7: 382-383.
  7. Bailey CJ, Turner SL, Jakeman KJ, Hayes WA. (1984): “Effect of Coprinus comatus on plasma glucose concentrations in mice.” Planta Med., 50 (6): 525-6.
  8. Lee KA, Lee JS, Yoon JD, Chung MW, Ha, HC, Lee JS. (2005): “Hepatoprotective effects of waxy brown rice cultured with Agrocybe cy- lindracea (DC.) Gillet.” International Journal of Medicinal Mushrooms, 7(3): 351-352.
  9. Su, Chun‐Han, et al. “Inhibitory potential of Grifola frondosa bioactive fractions on α‐amylase and α‐glucosidase for management of hyperglycemia.” Biotechnology and applied biochemistry 60.4 (2013): 446-452.
  10. Su, Chun-Han, Min-Nan Lai, and Lean-Teik Ng. “Inhibitory effects of medicinal mushrooms on α-amylase and α-glucosidase–enzymes related to hyperglycemia.” Food & function 4.4 (2013): 644-649.
  11. Kubo, Keiko, Hisao Aoki, and Hiroaki Nanba. “Anti-diabetic activity present in the fruit body of Grifola frondosa (Maitake). I.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 17.8 (1994): 1106-1110.
  12. Kubo, Keiko, and Hiroaki Nanba. “Anti-hyperliposis effect of maitake fruit body (Grifola frondosa). I.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 20.7 (1997): 781-785.
  13. Horio, Hiroyuki, and Masaru Ohtsuru. “Maitake (Grifola frondosa) improve glucose tolerance of experimental diabetic rats.” Journal of nutritional science and vitaminology 47.1 (2001): 57-63.
  14. Matsuura, Hideyuki, et al. “α-Glucosidase inhibitor from the seeds of balsam pear (Momordica charantia) and the fruit bodies of Grifola frondosa.” Bioscience, biotechnology, and biochemistry66.7 (2002): 1576-1578.
  15. Hong, Lei, Ma Xun, and Wu Wutong. “Anti‐diabetic effect of an α‐glucan from fruit body of maitake (Grifola frondosa) on KK‐Ay mice.” Journal of pharmacy and pharmacology 59.4 (2007): 575-582.
  16. Han C, Liu T. A comparison of hypoglycemic activity of three species of basidiomycetes rich in vanadium. Biol Trace Elem Res 2009; 127: 177–82
  17. Han, Chunchao, et al. “Hypoglycemic activity of fermented mushroom of Coprinus comatus rich in vanadium.” Journal of Trace Elements in Medicine and Biology 20.3 (2006): 191-196.
  18. Han, Chunchao, Bo Cui, and Yingzi Wang. “Vanadium uptake by biomass of Coprinus comatus and their effect on hyperglycemic mice.” Biological trace element research 124.1 (2008): 35-39.
  19. Ding, Zhongyang, et al. “Hypoglycaemic effect of comatin, an antidiabetic substance separated from Coprinus comatus broth, on alloxan-induced-diabetic rats.” Food chemistry 121.1 (2010): 39-43.
  20. Zhang HN, Lin ZB. Hypoglycemic effect of Ganoderma lucidum polysaccharides. Acta 
Pharmacol Sin 2004; 25: 191–
  21. Gao, Yihuai, et al. “A phase I/II study of Ling Zhi mushroom Ganoderma lucidum (W. Curt.: Fr.) Lloyd (Aphyllophoromycetideae) extract in patients with type II diabetes mellitus.” International Journal of Medicinal Mushrooms6.1 (2004).
  22. Jia, Jie, et al. “Evaluation of in vivo antioxidant activities of Ganoderma lucidum polysaccharides in STZ-diabetic rats.” Food Chemistry 115.1 (2009): 32-36.
  23. Seto, S. W., et al. “Novel hypoglycemic effects of Ganoderma lucidum water-extract in obese/diabetic (+ db/+ db) mice.” Phytomedicine 16.5 (2009): 426-436.
  24. Ma, Haou-Tzong, Jung-Feng Hsieh, and Shui-Tein Chen. “Anti-diabetic effects of Ganoderma lucidum.” Phytochemistry 114 (2015): 109-113.
  25. Yuan, Zuomin, et al. “Hypoglycemic effect of water-soluble polysaccharide from Auricularia auricula-judae Quel. on genetically diabetic KK-Ay mice.” Bioscience, biotechnology, and biochemistry 62.10 (1998): 1898-1903.
  26. Takeuchi, Hisanao, Puming He, and Lau Yan Mooi. “Reductive effect of hot-water extracts from woody ear (Auricularia auricula-judae Quel.) on food intake and blood glucose concentration in genetically diabetic KK-Ay mice.” Journal of nutritional science and vitaminology 50.4 (2004): 300-304.
  27. Kim, Sung Kyu, et al. “Antidiabetic effect of Auricularia auricula mycelia in streptozotocin-induced diabetic rats.” Natural Product Sciences 13.4 (2007): 390-393.
  28. Zhang, Hua, et al. “Purified Auricularia auricular-judae polysaccharide (AAP Ia) prevents oxidative stress in an ageing mouse model.” Carbohydrate polymers 84.1 (2011): 638-648.
  29. Yang, Byung-Keun, et al. “Hypolipidemic effect of an exo-biopolymer produced from submerged mycelial culture of Auricularia polytricha in rats.” Biotechnology Letters 24.16 (2002): 1319-1325.
  30. Chiu, Wan-Chun, et al. “Auricularia polytricha aqueous extract supplementation decreases hepatic lipid accumulation and improves antioxidative status in animal model of nonalcoholic fatty liver.” BioMedicine 4.2 (2014).
  31. Lo, Hui-Chen, et al. “The anti-hyperglycemic activity of the fruiting body of Cordyceps in diabetic rats induced by nicotinamide and streptozotocin.” Life sciences 74.23 (2004): 2897-2908.
  32. Lo, Hui-Chen, et al. “Anti-hyperglycemic activity of natural and fermented Cordyceps sinensis in rats with diabetes induced by nicotinamide and streptozotocin.” The American Journal of Chinese Medicine 34.05 (2006): 819-832.
  33. Li, S. P., et al. “Hypoglycemic activity of polysaccharide, with antioxidation, isolated from cultured Cordyceps mycelia.” Phytomedicine 13.6 (2006): 428-433.
  34. Kan, Wei-Chih, et al. “Effects of extract from solid-state fermented Cordyceps sinensis on type 2 diabetes mellitus.” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2012 (2012).
  35. Dong, Yuan, et al. “Studies on the antidiabetic activities of Cordyceps militaris extract in diet-streptozotocin-induced diabetic Sprague-Dawley rats.” BioMed research international 2014 (2014).
  36. Ma, Li, Song Zhang, and Mei Du. “Cordycepin from Cordyceps militaris prevents hyperglycemia in alloxan-induced diabetic mice.” Nutrition Research 35.5 (2015): 431-439.
  37. Kai, Zhao, et al. “Effect of Dongchongxiacao (Cordyceps) therapy on contrast-induced nephropathy in patients with type 2 diabetes and renal insufficiency undergoing coronary angiography.” Journal of Traditional Chinese Medicine 35.4 (2015): 422-427.
  38. Takakura, Kentaro, et al. “Cordyceps militaris improves the survival of Dahl salt-sensitive hypertensive rats possibly via influences of mitochondria and autophagy functions.” Heliyon3.11 (2017): e00462.
  39. Kim, Yea-Woon, et al. “Anti-diabetic activity of β-glucans and their enzymatically hydrolyzed oligosaccharides from Agaricus blazei.” Biotechnology letters 27.7 (2005): 483-487.
  40. Hsu, Chung-Hua, et al. “The mushroom Agaricus Blazei Murill in combination with metformin and gliclazide improves insulin resistance in type 2 diabetes: a randomized, double-blinded, and placebo-controlled clinical trial.” The Journal of Alternative and Complementary Medicine 13.1 (2007): 97-102.
  41. Hsu, Chung-Hua, et al. “The mushroom Agaricus Blazei Murill in combination with metformin and gliclazide improves insulin resistance in type 2 diabetes: a randomized, double-blinded, and placebo-controlled clinical trial.” The Journal of Alternative and Complementary Medicine 13.1 (2007): 97-102.
  42. Rizzo G, Goggi S, Giampieri F, Baroni L. A review of mushrooms in human nutrition and health. Trends Food Sci Technol. (2021) 117:60–73.

L’uso del Noni è particolarmente indicato per sostenere momenti particolarmente faticosi associati allo stress, migliorare la concentrazione e il tono dell’umore.

Il noni fa parte dei superfrutti. Si tratta di una pianta esotica, la Morinda citrifolia L. (Famiglia: Rubiaceae), anche nota come gelso indiano. È un piccolo albero sempreverde, ampiamente diffuso in tutto il Pacifico, e rappresenta una delle più importanti piante medicinali tradizionali polinesiane. La sua popolarità è dovuta al frutto dal quale si ottiene per spremitura un succo, a cui vengono ascritte numerose proprietà (1). Inoltre, nelle preparazioni della medicina tradizionale polinesiana, sono impiegati anche foglie, fiori, corteccia e radici (1).

Il Noni viene impiegato da diversi secoli per scopi alimentari. Le parti principalmente utilizzate in ambito culinario sono i frutti maturi (crudi e cotti), le foglie ed i semi arrostiti.

Cenni storici

Tradizionalmente nelle culture hawaiane e polinesiane la pianta era considerata sacra e veniva venerata perché fonte di vita. I guaritori indigeni kahuna, che utilizzavano erbe e piante autoctone, la chiamavano “albero della vita”, “pianta che uccide il dolore” e anche “albero del mal di testa”. Tutte le parti del Noni (corteccia, radici, foglie, fiori e frutti) sono state utilizzate in erboristeria per le loro proprietà medicinali.

La pianta del Noni è stata usata per più di 1.500 anni dagli indigeni Polinesiani come il più importante rimedio per la salute. Per più di 2000 anni i guaritori Polinesiani hanno fatto uso di foglie, radici, cortecce, fiori e frutti del Nonu in modo da poter preparare rimedi efficaci per le centinaia di malattie che minacciavano la salute. Il Nonu viene considerata la “pianta sacra“.

Tradizionalmente i guaritori indigeni della Polinesia preparavano un succo utilizzando i frutti maturi che venivano lasciati fermentare al sole per lunghi periodi. Ancora oggi le aziende che hanno avviato il business internazionale attorno al fenomeno Noni seguono l’antico e tradizionale metodo di fermentazione.

La Morinda Citrifolia, conosciuta nelle Isole del Sud Pacifico come Nonu e Nono, viene comunemente riferito come Noni. Il Nonu reca giovamento per la prevenzione e per l’autotutela del proprio benessere da un’ampia gamma di problemi riguardanti la salute.

I vantaggi diffusi del Nonu sono stati constatati per tutte le isole dei Caraibi e del Sud Pacifico e dappertutto in Cina. Durante la dinastia degli Han in Cina, duemila anni fa, esistevano documenti scritti per quanto riguarda i benefici del Nonu. La pianta del Nonu è stata usata per più di 1.500 anni dagli indigeni Polinesiani come il più importante rimedio per la salute.

Delle tantissime piante che crescono rigogliosamente in queste isole, la “madre” di tutte le piante curative è il Nonu, conosciuto come Noni in alcune delle altre isole. Sebbene il Nonu cresca dovunque nelle isole del Sud Pacifico, il Nonu di qualità superiore cresce meglio nella terra sommersa da cenere vulcanica altamente nutriente e che si trova nelle isole esotiche di Tonga, Figi, Tahiti, Marquesas, Cook, Salomone, Samoa e le Hawaii con il loro splendido clima lussureggiante ed acque incontaminate.

Per più di 2000 anni i guaritori Polinesiani hanno fatto uso di foglie, radici, cortecce, fiori e frutti del Nonu in modo da poter preparare rimedi efficaci per le centinaia di malattie che minacciavano la salute. Il Nonu viene considerata la “pianta sacra”. Dai secoli dei miracoli nel mondo naturale alle accurate indagini nei laboratori scientifici, il Nonu ha prodotto risultati incredibili. Il Nonu contiene vitamine, minerali, oligoelementi, enzimi, alcaloidi benefici, co-fattori e steroli di piante che si presentano ed appaiono in modo naturale. Inoltre, le foglie e le radici del Nonu contengono l’intero spettro degli aminoacidi rendendo tutti i prodotti che ne derivano una perfetta e completa fonte proteica.

PERCHÉ FUNZIONA TANTO BENE IL NONU?

Grazie al favorevole effetto sinergico di tutti questi potenti ingredienti naturali che lavorano insieme tra loro come una squadra od orchestra perfetta ed in armonia. Alcuni affermano che contiene l’alcaloide xeronina e il suo enzima necessario che è la proxeronase. Nessuno sa esattamente perché il Nonu offre tantissimi benefici in materia di salute. Il punto focale da ricordare è che il Nonu funziona. Ugualmente importante è l’approfondita ricerca scientifica che conferma l’efficacia e la sicurezza del Nonu.

I Kahunas o gli appassionati di medicina tradizionale usano questa pianta per una grande varietà di problemi di salute come il sollievo dal dolore, la sinusite, artrite, disturbi alla digestione, raffreddori, influenza, encefaliti (anche emicrania), infezioni varie, problemi mestruali, ferite, malattie cutanee, cardiopatia, diabete II e molte altri disfunzioni e malesseri.

L’albero del Nonu cresce dai 3 ai 6 metri in altezza. Le lucenti foglie venate sono verde scuro e ricche di clorofilla. I Kahunas spesso ammorbidivano le foglie sopra una fiamma all’aria aperta, le lasciavano raffreddare e le applicavano sulla pelle per curare i tumori o le infezioni.

I molteplici usi medicinali del Nonu divennero parte del folklore in quanto gli indigeni alludevano al Nonu come “l’albero della cefalea” e “l’albero antidolorifico”. I Kahunas erano talmente coronati dal successo nell’utilizzare questo dono della botanica che questa pianta era diventata la forma principale di medicina per i Polinesiani per più di 1.500 anni. Il Nonu era identificato e riconosciuto come “l’erba sacra” per il corpo rigenerante.

Questa saggezza curativa veniva trasportata di generazione in generazione. Nel diciannovesimo secolo, gli erboristi tradizionali delle isole del Sud Pacifico spesso facevano le loro ricerche insieme ad altri maestri e mentori per 15 o 20 anni di continuo. Per causa della lunga durata ed intensità di tirocinio e preparazione, il grado di preparazione medica ottenuto era considerato uguale a quello dei medici che provenivano da altre parti del mondo. Una volta completato il tirocinio e raggiunto un livello avanzato di competenza, veniva riconosciuto al “medico” il titolo di Kahuna, adottato generalmente per denominare i sacerdoti e professionisti. I medici Kahuna comprendevano erboristi (kahuna la’au lapa’au), chirurghi, ostetrici e massoterapisti.

Questi Kahunas conoscevano e rispettavano la natura ed “… erano esperti altamente specializzati con esperienza ed abilità considerevole nel campo della diagnosi fisica e della farmacologia”, secondo una relazione pubblicata nella Hawaii Medical Journal.

Comunque, non sono soltanto i maestri Kahuna che concordano circa il grande valore del Nonu. La Dottoressa Isabella Abbott, professore alla University of Hawaii affermava “… usatelo per il diabete, la pressione del sangue, i tumori e molte altre malattie”.

Il Nonu fa riserva di molteplici usi tradizionali che solamente adesso vengono confermati dalla scienza moderna.

Sono state condotte ricerche sul Nonu nelle istituzioni di primo piano in Francia, Paesi Bassi, Germania, Eire, Taiwan, Austria e Canada. Sono stati trascorse ore interminabili di sperimentazione alla University di Hawaii negli Stati Uniti. La ricerca sulla Morinda Citrifolia è stata anche eseguita nella prestigiosa National Academy of Sciences, il centro nazionale governativo per la ricerca nel campo delle scienze.

Le ricerche attuate nei paesi occidentali per quanto riguarda questa pianta straordinaria risalgono al 1950 quando la rivista scientifica Pacific Science ha osservato che il frutto del Nonu presentava delle proprietà antibatteriche contro M. Pirogeno, Ps. Aeruginosa e perfino il letale E. Coli.

Da quel momento la ricchezza d’informazione che sosteneva gli usi tradizionali ed i benefici salutari del Nonu è cresciuta tantissimo e tutto sembra confermare ciò di cui i Kahunas erano già a conoscenza da migliaia di anni.

Una sperimentazione approfondita ha mostrato le proprietà analgesiche (antidolorifiche) del Nonu. Ricerche ripetute da parte di esperti e documentate nella rivista Planta Medica (56(1990)430 4) ha reso manifesto che il Nonu reca tanto giovamento per i dolori.

La rivista Cancer Letter (73 (2-3) 1993, 161 6), aveva reso noto che la Keio University e la Institute of Biomedical Sciences in Giappone avevano rivendicato l’isolamento di un nuovo composto antrachinone da parte della Morinda Citrifolia chiamato damnacantale che provocava una morfologia normale ed una struttura citoscheletrica nelle cellule precancerose. In termini poveri, il Nonu ha invertito le cellule precancerose in normali cellule sane.

Ricerche significative sugli usi medicinali del Nonu sono state presentate durante l’ottantatreesimo, l’ottantaquattresimo e l’ottantacinquesimo convegno annuale della American Association for Cancer Research.

Una relazione di grande riferimento presentata nel 1992 all’ottantatreesimo convegno a San Diego in California e redatto nel “Proceeding of the American Association for Cancer Research” era la seguente: “L’Attività antitumorale della Morinda Citrifolia sul carcinoma polmonare di Lewis innestato per via intraperitoneale nei topi”. In questo studio, i topi da laboratorio sono stati impiantati con il carcinoma polmonare di Lewis, un tipo di tumore. Tutti i topi non curati sono morti entro 9/12 giorni a causa del tumore. I topi trattati con il Nonu vissero dal 105% al 123% più a lungo; circa il 40% di questi topi sono rimasti in vita per più di 50 giorni. Quest’indagine fu ripetuta per un numero illimitato di volte ed ogni volta il Nonu si manifestava a prolungare in modo significativo la vita dei topi malati contro quelli che non avevano avuto il Nonu.

Detto semplicemente, il Nonu può inibire la crescita tumorale.

I costituenti più importanti del Noni sono:

  • VITAMINE E MINERALI: il Noni è ricco di vitamina A e C, fondamentali per il nostro corpo, in quanto sono entrambe coinvolte in numerose attività biochimiche. In particolare, il succo è una buona fonte di vitamina C (o acido ascorbico), importante per il sistema immunitario e per l’azione antiossidante. Inoltre, il frutto di Noni contiene minerali come magnesio, ferro, potassio, selenio, zinco, calcio, sodio, rame e zolfo.
  • PROXERONINA E XERONINA: la proxeronina è un alcaloide e rappresenta un precursore della xeronina. Quest’ultima sostanza è implicata in un gran numero di processi biochimici e sembra prendere parte al metabolismo delle proteine. Inoltre, favorisce l’assorbimento a livello intestinale di minerali, aminoacidi e vitamine, assunti con l’alimentazione.
  • CUMARINE: sono sostanze naturali con funzioni anticoaugulanti, flebotoniche, antispasmodiche ed antibatteriche. La scopoletina è tra le principali cumarine presenti. Questa ha dimostrato di possedere un’attività epatoprotettiva ed un effetto adattogeno. La scopoletina protegge il sistema cardiocircolatorio, normalizza la pressione sanguigna, esercita un’azione antinfiammatoria ed antistaminica.
  • TERPENI E TERPENOIDI: i terpeni svolgono un’azione antiossidante contrastando i radicali liberi. Nel Noni sono presenti: l’eugenolo (antisettico e anestetico), il beta-carotene (precursore della vitamina A) e l’acido ursolico. I terpenoidi sono composti correlati ai terpeni e possiedono importanti proprietà antiossidanti.
  • POLISACCARIDI (ACIDO GLUCURONICO, ARABINOSIO, GALATTOSIO): sono polimeri costituiti da monosaccaridi che possono agire come immunostimolanti.
  • SEROTONINA: è un neurotrasmettitore che svolge a livello del sistema nervoso centrale un ruolo importante nella regolazione dell’umore, del ritmo sonno-veglia, dello stimolo della fame e della termoregolazione. La serotonina influenza la percezione del dolore e stimola la biosintesi della melatonina. Infine, l’effetto sinergico di scopoletina, serotonina e xeronina è in grado di stabilizzare anche i valori della glicemia.
  • DAMNACANTALE: è un alcaloide che incrementa le difese immunitarie stimolando la produzione di macrofagi e sembra avere un’azione inibitrice su alcune cellule pre-cancerogene.
  • ALTRE IMPORTANTI SOSTANZE FITOCHIMICHE CONTENUTE NEL NONI SONO: antiossidanti, acido deacetilasperulosidico, niacina (vitamina B3), caroteni, acido linoleico, acido caprilico e caproico, antrachinoni, flavonglicosidi, alcaloidi, beta-sitosterolo, flavonoidi, catechina, aminoacidi, proteine, carboidrati, fibre, fruttosio.

Tutti questi elementi aiutano a migliorare e potenziare le prestazioni del nostro sistema immunitario ed inoltre c’è da considerare che conferiscono molte altre proprietà come ad esempio di tipo analgesico, sedativo e antinfiammatorio.

Gli studi indicano che il Nonu è utile per una miriade di condizioni:

  • Produce effetti unici antidolorifici ed antinfiammatori.
  • Regola la funzione cellulare e la rigenerazione cellulare delle cellule danneggiate. Poiché il Nonu sembra operare a livello cellulare di base, è utile per una grande varietà di condizioni.
  • Elimina e lotta contro molti tipi di batteri, come E. Coli.Stimola la produzione delle cellule T nel sistema immunitario. (Le cellule T svolgono un ruolo chiave nello sconfiggere ed annientare le malattie).
  • Inibisce la crescita dei tumori cancerosi. Il damnacanthale, un composto trovato nella Morinda Citrifolia fu scoperto per inibire la funzione precancerosa.
  • Genera proprietà adattogeniche.
  • Stimola ed intensifica il sistema immunitario, compresi i macrofagi e componenti linfocitari vitali dei leucociti e dei meccanismi di difesa naturale del corpo.

Tutti possono avere benefici da questo frutto, che nelle isole del Pacifico viene utilizzato da secoli:

  • i bambini per crescere bene,
  • gli adolescenti per attenuare i problemi di una pelle sempre in eruzione e gli incontenibili sbalzi d’umore,
  • gli sportivi per avere prestazioni migliori,
  • la business class per eliminare lo stress,
  • le donne per essere piú vitali più toniche e più belle,
  • gli anziani per combattere tutti quei fenomeni tipici dell’invecchiamento.

NONI ED IL DOLORE

Il frutto del Nonu è stato adoperato per lungo tempo in modo efficace e sicuro per alleviare il dolore. Ricordate, due nomi tradizionali del Nonu erano “l’albero antidolorifico” e “l’albero della cefalea”.

In aggiunta alle migliaia e migliaia d’anni di uomini che usano con successo il Nonu per i dolori, la ricerca scientifica documenta gli effetti benefici del Nonu sul dolore. Nel 1990, i ricercatori hanno scoperto che “la somministrazione dell’estratto di Morinda Citrifolia mostrava una significativa attività analgesica centrale nei topi relativa al dosaggio (generalmente, più ne prendi, più forte gli effetti S.S.)”.

Un analgesico è una sostanza che riduce o elimina il dolore. I ricercatori proseguirono a sostenere che l’estratto di Nonu “non mostra alcun effetto tossico”. La Morinda Citrifolia cura dolori cronici intollerabili come le cefalee debilitanti, i dolori neuro-muscolari e delle articolazioni. In alcuni casi i risultati sono sorprendentemente veloci.

E’ importante ricordare che il Nonu agisce bene come ottimo analgesico e antinfiammatorio. Il Nonu contiene due dei migliori antiossidanti – la vitamina C ed il selenio oltre alle altre sostanze che agiscono contro i radicali liberi irritanti ed infiammatori nel corpo, riducono l’infiammazione e diminuiscono il dolore notevolmente.

Mitch Tate, fondatore del Center for Lifestyle Disease e di Nonu International, Inc., è riconosciuto come il “padre del Nonu moderno” ed è un educatore sulla salute. Secodo Mitch, migliaia di persone in tutto il mondo che utilizza il Nonu stanno ricevendo sollievo naturale per le loro “sfide” nel campo della salute. Il Nonu era virtualmente sconosciuto fuori dalle isole del Sud Pacifico ma tutto questo è cambiato quando Mitch e sua moglie Laura hanno trascorso una vacanza a Tahiti nell’agosto del 1994.

Mitch stesso ha sperimentato gli effetti della pianta quando si era ferito la spalla contro una scogliera corallina ed adoperò una foglia di Nonu schiacciata come “cerotto”. Incredibilmente, il dolore scomparve ed il taglio profondo si sanò velocemente senza infezione e senza lasciare cicatrice.

La tecnologia moderna ha confermato ciò che i guaritori Polinesiani sapevano da tempo. La Morinda Citrifolia è ricca di vitamine, minerali, oligoelementi, enzimi, alcaloidi benefici co-fattori e steroli di piante. Fornisce anche composti di rafforzamento della salute come gli antiossidanti, i fitonutrienti ed i bioflavonoidi.

E’ importante far rilevare che alcuni dei costituenti attivi del Nonu sono solubili quindi tendono ad essere eliminati tramite l’urina o la sudorazione. Uno studio ha mostrato che i costituenti del frutto del Nonu raggiungono la loro massima funzione curativa due ore dopo l’ingestione ed iniziano ad indebolirsi dopo quattro ore, eppure sono ancora attivi anche dopo 12 ore. Le implicazioni di questo studio suggeriscono che per ottenere i massimi benefici è consigliabile somministrare il Nonu (succo, capsule ecc.) parecchie volte a giorno in dosaggi scaglionati o divisi piuttosto che una o due volte al giorno. Ancora più importante, per ottenere risultati ottimali è meglio somministrare il Nonu, come altri tonici o erbe, continuamente e giornalmente come è sempre stato fatto tradizionalmente. A causa del suo sapore sgradevole, sarebbe difficile assumere il Noni al naturale, ma oggi è possibile reperirlo anche sotto forma di compresse.

DANNI DA FUMO

Diversi studi di intervento in doppio cieco e controllati con placebo hanno coinvolto i fumatori di sigarette, dimostrando la sostanziale attività antiossidante del succo di noni.

Uno studio di 30 giorni, ad esempio, ha studiato 285 volontari adulti che fumavano più di 20 sigarette al giorno (16). Mentre il placebo (succhi d’uva e mirtillo con un sapore di formaggio aggiunto per imitare il sapore del noni) non ha avuto alcun effetto, il succo di noni ha dimostrato una riduzione di circa il 30% dei radicali liberi.

Due studi clinici su fumatori hanno scoperto che bere 118 ml di succo di noni al giorno per 1 mese ha ridotto i livelli di sostanze chimiche cancerogene (addotti aromatici del DNA) di circa il 45% (17 e 18).

SALUTE DEL CUORE

Gli studi sui fumatori adulti hanno dimostrato l’effetto positivo del succo di noni sui lipidi nel sangue e sulla Proteina C Reattiva ad alta sensibilità (hs-PCR), che è un marcatore ematico dell’infiammazione.

Uno studio sui fumatori ha scoperto che bere fino a 188 ml di succo di noni al giorno per 1 mese ha ridotto significativamente il colesterolo totale, l’omocisteina (-23,9%), il colesterolo cattivo LDL (-12,1-36,4%) e la proteina C-reattiva (-15,2%) (19).

Parallelamente, si è osservato un aumento del colesterolo buono HDL (da 49 a 57 mg/dL).

In un altro studio umano su non fumatori sani, il succo di noni non ha ridotto il colesterolo. Gli Autori hanno suggerito che i suoi benefici ipocolesterolemizzanti potrebbero, quindi, essere limitati alle persone con colesterolo alto .

Negli studi sull’uomo e sugli animali, il frutto e l’estratto di noni hanno anche ridotto la pressione sanguigna (20 e 21)..

DIABETE

Diversi studi in vitro hanno indicato che il frutto del noni può essere utile nel controllo della formazione di prodotti finali di glicazione avanzata (AGE) e può successivamente ridurne gli effetti avversi.

Questi AGE si formano a causa degli alti livelli glicemici che caratterizzano il diabete e sono alla base delle sue complicanze.

Il potenziale antiglicativo del succo di noni è stato ulteriormente dimostrato in uno studio di intervento in aperto di 8 settimane e in uno studio trasversale (22).

Si ritiene che gli iridoidi siano gli attivi più importanti nel determinare tale effetto.

Attenzione, comunque, ai prodotti industriali a base di succo di noni, spesso ricchi di zuccheri aggiunti. Gli studi dimostrano che le bevande dolcificate con zucchero possono aumentare il rischio di malattie metaboliche, come la steatosi epatica (fegato grasso) e il diabete di tipo 2 (23 e 24).

Bibliografia e sitografia

  1. Current Opinion in Food Science. 2016;8:62-7.
  2. Compr Rev Food Sci Food Saf. 2019;18(4):883-909.
  3. Pac Trop Bot Gard Bull 1985;15:10–4.
  4. Front Pharmacol. 2022;13:993927.
  5. Journal of Functional Foods. 2023;101:105408.
  6. The EFSA Journal 2009;998:1-16.
  7. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12466051/
  8. https://scholar.google.com/scholar 
  9. https://scholar.google.com/scholar?hl=it&as_sdt=0%2C5&q
  10. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5920423/
  11. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17162334/
  12. https://scholar.google.com/scholar_lookup?journal=Chin.
  13. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20858541/
  14. https://scholar.google.com/scholar?hl=it&as_sdt=0%2C5&q
  15. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29641454/
  16. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19807926/
  17. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24804023/
  18. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19838937/
  19. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23097636/
  20. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/9731690/
  21. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5490519/
  22. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26904624/
  23. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29761318/
  24. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26199070/

 

Glicemia e funghi terapici

Glicemia e funghi terapici

Il 1 febbraio 2018 è stato pubblicato un allarmante articolo su ANSA: “Diabete, 3,7 milioni i malati ma 7 milioni a rischio di svilupparlo”. Dati decisamente preoccupanti, soprattutto per il fatto che molte persone affette da sovrappeso e alterazioni del metabolismo (sindrome metabolica) son sono coscienti del fatto che si tratta di sintomi che predispongono allo sviluppo del diabete 2.

Con la “civiltà del benessere” la sindrome metabolica e il diabete 2 sono in crescita continua. Tali condizioni predispongono all’aumento della mortalità per malattie cardiovascolari (infarto, inctus…), per problemi renali e aumentano il rischio di sviluppare malattie neurodegenerative e oncologiche. Esistono numerosi farmaci per la gestione del diabete efficaci nel controllo dell’iperglicemia, ma hanno numerosi effetti collaterali e nel tempo non riescono comunque a gestire le complicazioni associate alla malattia diabetica.

La combinazione di un’alimentazione adeguata, attività fisica e utilizzo di sostanze naturali tra cui i funghi medicinali, si è dimostrata efficace nella prevenzione e controllo sia del diabete 2 che delle sue complicazioni, ed è completamente priva di effetti collaterali.

Ci sono 2 tipi di diabete: diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2.

Il diabete di tipo 1 è una malattia caratterizzata dalla distruzione da parte del sistema immunitario delle cellule beta del pancreas adibite alla produzione di insulina con conseguente deficit di insulina che deve essere ripristinata dall’esterno. Per questo si chiama diabete insulino-dipendente. È spesso giovanile, anche se può comparire ad ogni età, e ha un’insorgenza “acuta”.

Il diabete di tipo 2 invece mantiene integra la funzione del pancreas, ma è caratterizzato da insulino-resistenza. È legato ad alterazioni del metabolismo e alla presenza di infiammazione cronica di basso grado. Comporta aumento di grasso di deposito nell’area viscerale (addominale) e l’alterazione di numerosi parametri come l’alterazione della glicemia, del profilo lipidico (colesterolo, HDL, trigliceridi) e la comparsa di sintomatologie quali ipertensione, obesità, aumentato rischio cardiovascolare, alterazioni della funzione renale e molte altre. Nei paesi sviluppati, con l’aumento della sedentarietà e la modifica delle abitudini alimentari, il diabete 2 è in aumento esponenziale. Tipicamente si sviluppa nell’adulto, ma si assiste recentemente a un aumento anche nella popolazione giovane anche in età scolastica.

I funghi possono essere definiti “cibi funzionali o nutraceutici ad azione adattogena”. Sono in effetti alimenti ricchi di sostanze nutrienti che permettono di regolare le funzioni immunitarie e neurologiche e di migliorare il metabolismo. Contengono minerali, aminoacidi, metaboliti secondari con azioni importanti sulla salute, polisaccaridi attivi nel sostegno del sistema immunitario, precursori della vitamina D e della vitamina E, e molto altro. Nella storia e nella tradizione medicinale antica sono stati selezionati alcuni funghi considerati particolarmente potenti per il mantenimento e il recupero della salute.

Nell’area metabolica per molti funghi è stata descritta un’azione terapeutica sul controllo della glicemia, dell’ipercolesterolemia, dell’ipertrigliceridemia, dell’ipertensione e del diabete 2. Tali effetti sono stati correlati alla presenza di fibre e polisaccaridi (beta-glucani), ma nel tempo gli studi scientifici hanno dimostrato un’azione ben più profonda e articolata orientata al recupero della salute effettuata da numerose altre molecole bioattive in essi contenute. Per molti funghi è stata infatti dimostrata azione antitumorale, antivirale, antitrombotica, anti-ipertensiva, di controllo della glicemia, di miglioramento della memoria e della concentrazione e anti-aging.

Tra i funghi più studiati per la sindrome metabolica e il diabete 2 vi sono la Grifola frondosa o Maitake e il Coprinus comatus, ma si sono dimostrati molto utili anche l’Agaricus blazei Murrill (ABM), il Ganoderma lucidum (Reishi), l’Auricularia auricula judae e il Cordyceps sinensis.

La Grifola frondosa (Maitake) è chiamato anche il fungo del metabolismo. Oltre all’elevata quantità di beta-glucani, ha dimostrata attività anti-amilasica e anti-glucosidasica, la più potente tra tutti i funghi ad oggi studiati, che permette un elevato controllo dell’iperglicemia. In pratica inibisce la funzione di enzimi, come l’alfa-glucosidasi, che sono deputati al processo di digestione e utilizzazione dei caboidrati nell’intestino, riducendo l’iperglicemia post-prandiale. (1,2)

Inoltre sono ampiamente dimostrati in letteratura i suoi effetti di miglioramento della sensibilità insulinica e di riduzione della resistenza insulinica periferica, di regolazione dei livelli di glicemia, di emoglobina glicata, dei grassi nel sangue e di tutta una serie di parametri metabolici che possono risultare alterati in questa condizione clinica; conseguentemente contribuisce al controllo del peso e delle sintomatologie associate al diabete 2 quali ad esempio l’ipertensione. (3-7)

Il Coprinus comatus è un fungo ricco in vanadio che è stato studiato in modelli di diabete sia di tipo 1 che di tipo 2. Il vanadio ha infatti attività revitalizzante delle cellule beta del pancreas deputate alla produzione di insulina, quindi la sua assunzione può essere di aiuto anche in presenza di diabete 1 (autoimmune). In ogni caso è risultato molto efficace nella riduzione della glicemia e dell’emoglobina glicata anche nel diabete di tipo 2. Da questo fungo è stata isolata una sostanza chiamata “comatina” con effetti ipoglicemizzanti, in grado di inibire la glicosilazione non enzimatica e di migliorare la sensibilità periferica all’insulina. (8-11)

Il Ganoderma lucidum (Reishi) è un fungo con storia millenaria di utilizzo in Cina, ed è conosciuto anche come fungo della longevità o dell’immortalità. La sua somministrazione migliora la gestione della glicemia nel topo e i suoi effetti, oltre che alla riduzione dell’assorbimento degli zuccheri a livello intestinale, sono stati attribuiti anche alla sua importante azione anti-infiammatoria e anti-ossidante. È stato dimostrato che facilità il rilascio di insulina da parte delle cellule pancreatiche e che migliora significativamente la sensibilità periferica all’insulina e riduce la glicazione proteica. Tali effetti dipendono molto anche dalla sua capacità di migliorare la composizione e l’attività della flora microbica intestinale (microbiota e microbioma). Una peculiarità importante del Ganoderma lucidum nella gestione del diabete 2 è la sua importante protezione cardiovascolare, soprattutto in considerazione del fatto che il rischio cardiovascolare nei soggetti affetti da diabete 2 è di 10 volte superiore rispetto a soggetti sani. (12-16)

L’Auricularia auricula-judae è un fungo gelatinoso a forma di orecchio (chiamato anche orecchio di Giuda) e di colore rosso scuro a volte quasi nero. È molto popolare in Cina dove viene usato per ridurre il “calore” del corpo, ossia l’infiammazione. Ha effetto ipoglicemizzante grazie alla grande quantità di fibre e mucillagini che contiene; contiene un elevato livello di melanina e polifenoli che gli conferiscono attività anti-ossidante e anti-infiammatoria che contribuiscono a migliorare la resistenza insulinica. È un fungo molto interessante anche per la sua funzione di protezione epatica, di fluidificazione della bile e di miglioramento delle funzioni intestinali. Nel diabete 2 la funzione epato-biliare è in genere compromessa e condiziona la salute dell’intestino; per questo motivo il sostegno con Auricularia potrebbe risultare particolarmente efficace. Come il Ganoderma inoltre, esercita un effetto protettivo sul sistema cardiovascolare con riduzione del rischio di aterosclerosi e di infarto e ictus. (17-22)

Il Cordyceps sinensis è un fungo che cresce nell’altopiano Tibetano, tra i 3600 e i 5000 metri, parassita di un insetto (Hepialis armoricanus) che ha una lunga storia di utilizzo nella medicina tibetana.

È uno dei funghi più interessanti per le sue articolate proprietà sulla salute. La sua efficacia è stata dimostrata anche nella gestione della sindrome metabolica e del diabete di tipo 2 dove migliora la gestione della glicemia e riduce efficacemente la glicazione proteica. Uno degli effetti più interessanti del Cordyceps, probabilmente correlato alla sua azione di riequilibrio ormonale, è la sua capacità di migliorare il rapporto massa magra/massa grassa che corrisponde ad un miglioramento del metabolismo e della salute. Ha azione antiossidante e anti-infiammatoria che contribuiscono a migliorare la sensibilità periferica all’insulina e ha dimostrato effetti protettivi a livello cardiovascolare, renale e neurologico. La sua azione ossigenante e antiossidante permettono di migliorare il metabolismo a livello cellulare riducendo anche il rischio di degenerazione oncologica. (23-30)

L’Agaricus blazei Murrill è molto studiato per la sua attività di potenziamento immunitario e antitumorale. La sua assunzione nell’uomo è stata associata a riduzione della massa grassa, in particolare viscerale, a miglioramento dei rapporti dei lipidi nel sangue (colesterolo, HDL, trigliceridi) e ad un miglioramento della gestione della glicemia. La sua associazione con il Corpinus comatus migliora la sintomatologia associata al diabete 1. In numerosi studi è stata dimostrata la sua attività anti-iperglicemica, ipocolesterolemica e antisclerotica evidenziando un’attività antidiabetica generale con miglioramento della resistenza insulinica. Interessante la sua capacità di aumentare la concentrazione di adiponectina (sostanza chiamata anche “bruciagrassi”) che favorisce la perdita del grasso accumulato nell’area viscerale.

La sua azione è stata studiata anche insieme a farmaci antidiabetici con miglioramento della funzione e riduzione degli effetti collaterali. (31-33)

Questa generale panoramica dell’azione dei funghi sul metabolismo e sulla prevenzione e gestione del diabete 2 permette di comprendere come essi agiscano in modo profondo e articolato. Ognuno di essi ha peculiarità che possono influire sulla scelta di quale fungo utilizzare in particolari condizioni e sintomatologie. È anche molto interessante notare che il loro utilizzo può essere effettuato in concomitanza con i farmaci con i quali non interferiscono, anzi, ne ottimizzano la funzione riducendone gli effetti collaterali.

Poiché la sindrome metabolica e il diabete di tipo 2 sono in crescita esponenziale e condizionano in modo importante la salute e la qualità della vita delle persone affette, può essere molto utile considerare l’utilizzo di questi “super-alimenti funzionali” soprattutto in prevenzione, per ridurre il rischio di sviluppo di tali patologie.

 

Bibliografia

  1. Su, Chun‐Han, et al. “Inhibitory potential of Grifola frondosa bioactive fractions on α‐amylase and α‐glucosidase for management of hyperglycemia.” Biotechnology and applied biochemistry 60.4 (2013): 446-452.
  2. Su, Chun-Han, Min-Nan Lai, and Lean-Teik Ng. “Inhibitory effects of medicinal mushrooms on α-amylase and α-glucosidase–enzymes related to hyperglycemia.” Food & function 4.4 (2013): 644-649.
  3. Kubo, Keiko, Hisao Aoki, and Hiroaki Nanba. “Anti-diabetic activity present in the fruit body of Grifola frondosa (Maitake). I.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 17.8 (1994): 1106-1110.
  4. Kubo, Keiko, and Hiroaki Nanba. “Anti-hyperliposis effect of maitake fruit body (Grifola frondosa). I.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 20.7 (1997): 781-785.
  5. Horio, Hiroyuki, and Masaru Ohtsuru. “Maitake (Grifola frondosa) improve glucose tolerance of experimental diabetic rats.” Journal of nutritional science and vitaminology 47.1 (2001): 57-63.
  6. Matsuura, Hideyuki, et al. “α-Glucosidase inhibitor from the seeds of balsam pear (Momordica charantia) and the fruit bodies of Grifola frondosa.” Bioscience, biotechnology, and biochemistry66.7 (2002): 1576-1578.
  7. Hong, Lei, Ma Xun, and Wu Wutong. “Anti‐diabetic effect of an α‐glucan from fruit body of maitake (Grifola frondosa) on KK‐Ay mice.” Journal of pharmacy and pharmacology 59.4 (2007): 575-582.
  8. Han C, Liu T. A comparison of hypoglycemic activity of three species of basidiomycetes rich in vanadium. Biol Trace Elem Res 2009; 127: 177–82
  9. Han, Chunchao, et al. “Hypoglycemic activity of fermented mushroom of Coprinus comatus rich in vanadium.” Journal of Trace Elements in Medicine and Biology 20.3 (2006): 191-196.
  10. Han, Chunchao, Bo Cui, and Yingzi Wang. “Vanadium uptake by biomass of Coprinus comatus and their effect on hyperglycemic mice.” Biological trace element research 124.1 (2008): 35-39.
  11. Ding, Zhongyang, et al. “Hypoglycaemic effect of comatin, an antidiabetic substance separated from Coprinus comatus broth, on alloxan-induced-diabetic rats.” Food chemistry 121.1 (2010): 39-43.
  12. Zhang HN, Lin ZB. Hypoglycemic effect of Ganoderma lucidum polysaccharides. Acta 
Pharmacol Sin 2004; 25: 191–5.
  13. Gao, Yihuai, et al. “A phase I/II study of Ling Zhi mushroom Ganoderma lucidum (W. Curt.: Fr.) Lloyd (Aphyllophoromycetideae) extract in patients with type II diabetes mellitus.” International Journal of Medicinal Mushrooms6.1 (2004).
  14. Jia, Jie, et al. “Evaluation of in vivo antioxidant activities of Ganoderma lucidum polysaccharides in STZ-diabetic rats.” Food Chemistry 115.1 (2009): 32-36.
  15. Seto, S. W., et al. “Novel hypoglycemic effects of Ganoderma lucidum water-extract in obese/diabetic (+ db/+ db) mice.” Phytomedicine 16.5 (2009): 426-436.
  16. Ma, Haou-Tzong, Jung-Feng Hsieh, and Shui-Tein Chen. “Anti-diabetic effects of Ganoderma lucidum.” Phytochemistry 114 (2015): 109-113.
  17. Yuan, Zuomin, et al. “Hypoglycemic effect of water-soluble polysaccharide from Auricularia auricula-judae Quel. on genetically diabetic KK-Ay mice.” Bioscience, biotechnology, and biochemistry 62.10 (1998): 1898-1903.
  18. Takeuchi, Hisanao, Puming He, and Lau Yan Mooi. “Reductive effect of hot-water extracts from woody ear (Auricularia auricula-judae Quel.) on food intake and blood glucose concentration in genetically diabetic KK-Ay mice.” Journal of nutritional science and vitaminology 50.4 (2004): 300-304.
  19. Kim, Sung Kyu, et al. “Antidiabetic effect of Auricularia auricula mycelia in streptozotocin-induced diabetic rats.” Natural Product Sciences 13.4 (2007): 390-393.
  20. Zhang, Hua, et al. “Purified Auricularia auricular-judae polysaccharide (AAP Ia) prevents oxidative stress in an ageing mouse model.” Carbohydrate polymers 84.1 (2011): 638-648.
  21. Yang, Byung-Keun, et al. “Hypolipidemic effect of an exo-biopolymer produced from submerged mycelial culture of Auricularia polytricha in rats.” Biotechnology Letters 24.16 (2002): 1319-1325.
  22. Chiu, Wan-Chun, et al. “Auricularia polytricha aqueous extract supplementation decreases hepatic lipid accumulation and improves antioxidative status in animal model of nonalcoholic fatty liver.” BioMedicine 4.2 (2014).
  23. Lo, Hui-Chen, et al. “The anti-hyperglycemic activity of the fruiting body of Cordyceps in diabetic rats induced by nicotinamide and streptozotocin.” Life sciences 74.23 (2004): 2897-2908.
  24. Lo, Hui-Chen, et al. “Anti-hyperglycemic activity of natural and fermented Cordyceps sinensis in rats with diabetes induced by nicotinamide and streptozotocin.” The American Journal of Chinese Medicine 34.05 (2006): 819-832.
  25. Li, S. P., et al. “Hypoglycemic activity of polysaccharide, with antioxidation, isolated from cultured Cordyceps mycelia.” Phytomedicine 13.6 (2006): 428-433.
  26. Kan, Wei-Chih, et al. “Effects of extract from solid-state fermented Cordyceps sinensis on type 2 diabetes mellitus.” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2012 (2012).
  27. Dong, Yuan, et al. “Studies on the antidiabetic activities of Cordyceps militaris extract in diet-streptozotocin-induced diabetic Sprague-Dawley rats.” BioMed research international 2014 (2014).
  28. Ma, Li, Song Zhang, and Mei Du. “Cordycepin from Cordyceps militaris prevents hyperglycemia in alloxan-induced diabetic mice.” Nutrition Research 35.5 (2015): 431-439.
  29. Kai, Zhao, et al. “Effect of Dongchongxiacao (Cordyceps) therapy on contrast-induced nephropathy in patients with type 2 diabetes and renal insufficiency undergoing coronary angiography.” Journal of Traditional Chinese Medicine 35.4 (2015): 422-427.
  30. Takakura, Kentaro, et al. “Cordyceps militaris improves the survival of Dahl salt-sensitive hypertensive rats possibly via influences of mitochondria and autophagy functions.” Heliyon3.11 (2017): e00462.
  31. Kim, Yea-Woon, et al. “Anti-diabetic activity of β-glucans and their enzymatically hydrolyzed oligosaccharides from Agaricus blazei.” Biotechnology letters 27.7 (2005): 483-487.
  32. Hsu, Chung-Hua, et al. “The mushroom Agaricus Blazei Murill in combination with metformin and gliclazide improves insulin resistance in type 2 diabetes: a randomized, double-blinded, and placebo-controlled clinical trial.” The Journal of Alternative and Complementary Medicine 13.1 (2007): 97-102.
  33. Hsu, Chung-Hua, et al. “The mushroom Agaricus Blazei Murill in combination with metformin and gliclazide improves insulin resistance in type 2 diabetes: a randomized, double-blinded, and placebo-controlled clinical trial.” The Journal of Alternative and Complementary Medicine 13.1 (2007): 97-102.

Fonte: Stefania Cazzavillan, biologa molecolare e ricercatrice. In: stefaniacazzavillan.it

Funghi terapici in estratto: QUI
Funghi terapici in toto: QUI

Sistema endocannabinoide
Che cos’è il sistema endocannabinoide?

Il sistema endocannabinoide è un regolatore omeostatico chiave del corpo, che svolge un ruolo in quasi tutti i sistemi fisiologici. Per un lungo periodo di tempo è stato trascurato come possibile obiettivo terapeutico, in particolare perché non si sapeva molto delle implicazioni sulla malattia sistematica. Tuttavia, con gli incredibili successi avuti con l’uso della cannabis terapeutica e dei prodotti a base di canapa, in particolare del cannabidiolo (CBD) e dell’acido cannabidiolico (CBDA), molti scienziati stanno spostando la loro attenzione sul sistema endocannabinoide.

Prove più evidenti stanno venendo alla luce, sostenendo la teoria della carenza endocannabinoide clinica sostenuta dal dott.Ethan Russo, in particolare per le malattie come l’emicrania, la fibromialgia e la sindrome dell’intestino irritabile. Dato l’alto numero di malattie che hanno mostrato anomalie nel sistema endocannabinoide come l’epilessia, il cancro e una vasta gamma di malattie neurodegenerative, questa è un’area che sarà senza dubbio esplorata ulteriormente in futuro.

Oltre ai composti derivati ​​dalla cannabis, recentemente è emerso che un’ampia gamma di composti naturali interagiscono con il sistema. Ciononostante, il CBD e il CBDA sono ancora considerati i composti chiave (o quelli che hanno dimostrato la maggiore efficacia fino ad oggi) e l’evidenza del loro valore terapeutico cresce ogni giorno. La ricerca sul CBD e il CBDA sta crescendo rapidamente, ed è stato rivelato un vasto numero di obiettivi farmacologici. Il preciso meccanismo d’azione per entrambi questi composti rimane ancora un mistero, ma le loro caratteristiche farmacologiche forniscono indizi interessanti sul loro funzionamento.

Cannabidiolo: come funziona?

L’azione farmacologica del CBD è molto interessante, in quanto ha un’azione molto limitata sui recettori CB1 e CB2. Tuttavia è in grado di bloccare le azioni dei composti che attivano questi recettori, come il THC. Questa proprietà del CBD è molto importante, in quanto può sopprimere quella psicoattiva del THC. Questo può risultare utile per coloro che usano il THC per il trattamento di condizioni come dolore e spasticità. Ridurre la psicoattività ridurrebbe gli “effetti collaterali” del THC e della cannabis terapeutica, e questo equilibrio può essere controllato somministrando il CBD insieme al THC.

L’enzima amide idrolasi degli acidi grassi (FAAH) è l’enzima responsabile della degradazione intracellulare dell’anandamide, e il CBD ha dimostrato di inibire questo enzima. In questo modo il CBD ripristina i livelli di anandamide (bloccando la sua rottura), ripristinando così la carenza endocannabinoide clinica osservata in molte malattie. Uno studio clinico eseguito con il CBD sulla schizofrenia ha dimostrato che questo composto ha causato un aumento significativo dei livelli sierici di anandamide, e si è pensato che questa fosse la causa dell’evidente miglioramento clinico.

 

Il cbd mostra affinità con i recettori non endocannabinoidi

Il CBD è un composto enantiomerico, e l’enantiomero (-) è risultato significativamente più potente dell’enantiomero (+) nell’inibizione della FAAH. Al contrario, l’enantiomero (+) ha mostrato più affinità per i recettori CB1 e CB2 rispetto all’enantiomero (-). Per questo motivo il (+) – CBD probabilmente servirà meglio se in combinazione con il THC, mentre (-) – CBD potrebbe essere sfruttato per trattare la carenza di endocannabinoidi. Gli studi hanno rivelato che il CBD ha affinità con alcuni Transient receptor potential channels (TRP channels), il che amplia la portata delle malattie che il CBD può guarire. Il CBD ha dimostrato di desensibilizzare (smorzare l’attività del recettore) i canali TRPV1, TRPV2, TRPV3, TRPV4 e TRPA1.

Questi recettori sono altamente attivi negli stati di dolore in una vasta gamma di malattie. Il CBD ha anche dimostrato di essere un antagonista del recettore TRPM8, che è un altro interessante bersaglio recettore per il trattamento del dolore – in particolare l’allodinia. Al di fuori del sistema endocannabinoide, il CBD si rivolge anche ai recettori di segnalazione neurale chiave come il 5-HT1a e il 5-HT3a. Sebbene non si sappia molto sulle implicazioni di questi recettori nella malattia, si ritiene che siano fortemente implicati in malattie come l’epilessia e in numerosi disturbi ansiosi.

Acido cannabidiolico (cbda): il precursore con un ruolo importante.

Il CBDA è il precursore acido del CBD. La conversione avviene convenzionalmente da una reazione attivata dal calore, che porta alla rimozione del gruppo carbossile dal CBD. Poiché l’interazione del CBDA con il sistema endocannabinoide è piuttosto limitata, è spesso trascurato come composto terapeutico. Tuttavia, ha una serie di interessanti recettori bersaglio che sono molto importanti per un certo numero di malattie. Proprio come il CBD, il CBDA desensibilizza i recettori TRPV1, TRPV3, TRPV4 e TRPA1.

Ciò suggerisce che potrebbe avere proprietà promettenti per il trattamento degli stati del dolore che derivano da una serie di malattie e che spesso stimolano l’attività in questi recettori. Il CBDA ha poca affinità con gli altri recettori del sistema endocannabinoide, ma inibisce i mediatori dell’infiammazione chiave come il COX-1 e COX-2. In particolare, è di una certa importanza la sua azione sul COX-1, in quanto recenti ricerche hanno suggerito che questo enzima può essere un obiettivo promettente per ridurre le convulsioni.

Il COX-2 invece è un enzima responsabile di una vasta gamma di processi infiammatori nel corpo, e l’inibizione di questo enzima può aiutare a trattare i sintomi di numerosissime malattie, dato che l’infiammazione è una costante comune nella maggior parte dei disturbi. Inibendo questi enzimi, potrebbe essere in grado di avere le stesse azioni di altri farmaci con meccanismo simile di azione, quali ad esempio l’acido acetilsalicilico (Aspirina), il naprossene, l’ibuprofene e la tolmetina.

Molecole di azione sinergica

Molte testimonianze hanno dimostrato che il CBD e il CBDA funzionano meglio se in combinazione, specialmente per malattie come l’epilessia. Sono necessarie azioni combinatorie di questi composti, perché le malattie sono spesso causate dalla errata regolazione di più sistemi fisiologici nel corpo. Gli scienziati che studiano la fisiopatologia di queste malattie possono imparare da questi risultati, chiarendo ulteriormente i meccanismi della malattia. Il CBD e il CBDA hanno incredibili proprietà terapeutiche, in particolare perché completano l’attività l’uno dell’altro.

Dati molto recenti hanno rivelato che gli acidi cannabinoidi (come il CBDA) possono aiutare l’assorbimento e il metabolismo del CBD o di altri fitocannabinoidi. Inoltre, la somministrazione di CBDA con il CBD diminuisce la quantità di CBD necessaria per raggiungere lo stesso livello di efficacia.

Fonte: https://www.endoca.com/it/tutto-sul-cbd/cosa-e-il-sistema-endocannabinoide

Per decenni i ricercatori hanno indagato gli effetti degli acidi grassi omega 3 sulla salute del cuore e l’influenza di questi nel ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

Gli Omega-3 sono parti importanti delle membrane cellulari del corpo e aiutano il funzionamento di cuore, polmoni, sistema immunitario e sistema ormonale.

Esistono tre tipi di acidi grassi omega-3:

– acido docosaesaenoico (DHA)

– acido eicosapentaenoico (EPA)

– acido alfa-linolenico (ALA)

I livelli di DHA sono particolarmente alti negli occhi, nel cervello e nelle cellule spermatiche.

L’EPA può avere alcuni benefici per ridurre l’infiammazione.

Il corpo scompone ALA in EPA e DHA, ma il tasso di conversione è basso.

Per questo motivo, le persone dovrebbero includere tutti e tre gli omega-3 nella loro dieta.

Uno studio pubblicato nel 2017 aveva dimostrato che un’alta dose di acido eicosapentaenoico (EPA) nei pazienti con elevato rischio di incorrere in malattie cardiache abbassava il rischio di tali patologie in maniera significativa – tanto che sia la Food and Drug Administration (FDA) che l’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) hanno approvato la prescrizione di integratori a base di EPA per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari in pazienti con livelli di trigliceridi alti.

Tuttavia, studi successivi sugli integratori a base di omega 3 che combinano l’EPA con l’acido docosaesaenoico (DHA) hanno dato risultati contrastanti.

I ricercatori del Brigham and Women’s Hospital (Boston) hanno condotto uno studio sui dati di 38 integratori di acidi grassi omega 3, alcuni EPA-monoterapici e altri con una preparazione mista contenente EPA e DHA, testandoli su 149.000 partecipanti; non sono stati testati integratori con la presenza del solo DHA.

La ricerca è stata pubblicata su Lancet (Eclinical Medicine) una delle 5 riviste scientifiche più importanti al mondo.

Hanno valutato l’insorgenza delle principali malattie cardiache, sia fatali che non fatali, e della fibrillazione atriale.

In questa revisione sistematica e meta-analisi, è stata notata una moderata certezza di prove a favore degli acidi grassi omega-3 per ridurre la mortalità cardiovascolare e gli esiti finali.

L’entità delle riduzioni relative era robusta negli studi EPA rispetto a quelli di EPA+DHA, suggerendo effetti differenziali di EPA e DHA nella riduzione del rischio cardiovascolare.

Questi risultati hanno anche importanti implicazioni per la pratica clinica e le linee guida terapeutiche.

Questa meta-analisi fornisce rassicurazioni sul ruolo degli acidi grassi omega-3, in particolare dell’EPA, nell’attuale quadro di trattamento della riduzione del rischio cardiovascolare e incoraggia i ricercatori a esplorare ulteriormente gli effetti cardiovascolari dell’EPA in diversi contesti clinici.

Fonte: https://www.thelancet.com/journals/eclinm/article/PIIS2589-5370(21)00277-7/fulltext

L’uso dei funghi medicinali come alimento o come integratore sta, negli ultimi decenni, diventando sempre più diffuso, sia da parte di medici, nutrizionisti e naturopati, sia da parte dei pazienti stessi che stanno apprendendo l’uso alimentare, tradizionale ed antico dei funghi medicinali che è quello di migliorare qualità e assimilabilità dei cibi.

 

Del resto, il loro uso terapeutico in oriente da centinaia di anni e le solide ed inconfutabili ricerche scientifiche moderne hanno suscitato l’interesse dei media e della stampa in particolare sulle possibilità terapeutiche offerte dai funghi medicinali edibili. Molta di questa eccitazione è stata generata da ricerche scientifiche prodotte in rapida successione in vari paesi del mondo: dal Giappone agli Usa, dalla Cina all’Inghilterra, dal Brasile alla Corea.

Da queste ricerche emergono dei dati univoci, ovvero che i funghi medicinali in toto, parti di essi od i loro estratti, hanno vari effetti benefici a livello organico. In particolare la maggior parte dei funghi medicinali agisce, ognuno in maniera specifica, ma tutti in generale su il metabolismo glucidico e lipidico, la chelazione di metalli pesanti, il riequilibrio del sistema immunitario e l’antagonizzazione delle spinte anomale di crescita cellulare.

E’ quindi ormai chiaro che i funghi medicinali possono sostanzialmente aiutare i pazienti in patologie per le quali la medicina ufficiale non ha proposte terapeutiche semplici o prive di effetti collaterali. Tra queste patologie possiamo includere:

diabete, ipercolesterolemia, aterosclerosi, cancro, virosi di vario tipo (epatite C, HPV, Herpes virus, Epstein virus … ), asma, allergie, etc …

I funghi medicinali hanno in comune le seguenti importanti funzioni più altre caratteristiche peculiari per ogni singola specie:

1) Stimolano le difese Immunitarie → Globuli bianchi, Anticorpi, Interferone

2) Aumentano la funzionalità depurativa del fegato in quanto contengono quasi tutti i 100-150 enzimi depurativi del fegato umano

3) Aumentano la forza del cuore e migliorano la circolazione: ↑ flusso arterie coronarie del cuore ↑ ossigenazione e nutrimento del cuore ↑ la fluidità del sangue, regolano la pressione

4) Aiutano a Dimagrire e a ridurre colesterolo grassi e glicemia in eccesso

5) Aumentano le energie Psico-Fisiche: – sono ottimi anti stress ed antifatica – ansiolitici ed antidepressivi, possono aiutare a ridurre o anche a sospendere gli psicofarmaci

6) Ripuliscono e rendono in salute il derma con vari effetti: – effetto cosmetico – antinfiammatorio efficace nelle dermatiti infiammatorie – antistaminico efficace nelle dermatiti allergiche

Visita anche la pagina MICOTERAPIA

Immunomicoterapia

E’ un supporto immunologico a base di funghi medicinali che sfrutta i componenti attivi per bilanciare e sostenere la funzione immunitaria, supportando lo stato nutrizionale del consumatore garantendo una migliore qualità di vita. 

 

Il vantaggio di usare i funghi medicinali deriva dal fatto che sono “Super-Alimenti” funzionali adattogeni che lavorano in contemporanea su i 4 grandi sistemi di regolazione:

  • SISTEMA PSICHICO
  • SISTEMA ENDOCRINO
  • SISTEMA NERVOSO
  • SISTEMA IMMUNITARIO

L’equilibrio PNEI ( PsicoNeuroEndocrinolmmunologia ) è una condizione fondamentale per il mantenimento di un perfetto stato di salute.

Il Sistema Immunitario

Il “Farmaco” più intelligente

Una risposta equilibrata del sistema immunitario è di fondamentale importanza per la prevenzione e la gestione di tutte le patologie.

Le cause di squilibri immunitari possono essere molteplici e di diversa natura e si verificano in seguito a: infiammazioni che con l’avanzare dell’età aumentano e cronicizzano, a trattamenti farmacologiciterapie chemioterapicheantibiotiche, a uno stile di vita non corretto (mal nutrizione, fumo, alcool, mancata attività fisica, stress, ritmi frenetici della vita quotidiana), oppure a carenze vitaminiche e mineraliche dovute a una dieta poco differenziata e povera di nutrienti.

Unico metodo che rende biodisponibile per via orale il più potente betaglucano in natura del fungo Shiitake, con minor costi e massima efficacia

ß-D-Glucani 
I Funghi Medicinali svolgono attivita` adattogena o di Modificazione della Risposta Biologica (BRM). Questo avviene grazie al contenuto di ß-glucani che compongono la parete cellulare dei funghi. I ß-glucani sono polimeri lineari costituiti da unita` monomeriche di glucosio unite da legame ß-(1-3) e da ramificazioni ß-(1-6), aventi dimensioni variabili e che sono in grado di modulare l’attivita` del sistema immunitario[1][2].

I numerosi studi e ettuati hanno dimostrato che la loro attivita` sembra dipendere dalla dimensione e dalla complessita` strutturale: la prerogativa principale affinche´ vi sia una funzionalita` a livello siologico e` la conformazione dello scheletro polisaccaridico, ma soprattutto dalla tripla elica con avvolgimento destrorso (e sostituenti idro lici localizzati sulla superficie esterna della stessa).

E` stata dimostrata la loro capacita` di modulare la risposta immunitaria non-specifica[3], stimolare la fagocitosi e la produzione di citochine specifiche[4][5].

L’azione protettiva dei ß-glucani e` dovuta alla loro capacita` di modulare la risposta immunitaria non-specifica, coinvolgendo diversi percorsi del sistema immunitario. D’altra parte, l’immunomodulazione specifica dei ß-glucani puo` attivare attraverso la via classica o alternativa il sistema del complemento, stimolare le cellule T e aumentare la produzione di anticorpi[6][7].

Questi percorsi includono l’attivazione dei macrofagi, la stimolazione del sistema reticoloendoteliale e l’attivazione delle cellule Natural Killer. I macrofagi sono il bersaglio principale per i ß-glucani che attivano queste cellule aumentandone dimensione e numero, stimolando la secrezione del fattore di necrosi tumorale (tNF) e aumentandone la fagocitosi degli antigeni. La stimolazione dei macrofagi avviene tramite il legame del ß-glucano con il recettore Toll-Like 2 (TRL2) e stimolazione della produzione di TNF-a per il percorso del Fattore Nucleare -kß (NF-kß)[6][7][10][11]. L’azione immunostimolante dei ß-glucani puo` anche essere associata alla loro capacita` di attivare i leucociti[8].

Il “Farmaco” più intelligente

Una risposta equilibrata del sistema immunitario è di fondamentale importanza per la prevenzione e la gestione di tutte le patologie.

Le cause di squilibri immunitari possono essere molteplici e di diversa natura e si verificano in seguito a: infiammazioni che con l’avanzare dell’età aumentano e cronicizzano, a trattamenti farmacologici, terapie chemioterapiche, antibiotiche, a uno stile di vita non corretto (mal nutrizione, fumo, alcool, mancata attività fisica, stress, ritmi frenetici della vita quotidiana), oppure a carenze vitaminiche e mineraliche dovute a una dieta poco differenziata e povera di nutrienti.

Utile in caso di

  • Mantenere un sistema immunitario in equilibrio
  • Stati di immunosoppressione, anche conseguenti a trattamenti farmacologici
  • Attivare i leucociti, stimolando la loro funzione fagocitica, antimicrobica e citotossica
  • Azione preventiva contro le infezioni virali e batteriche da Helicobacter pylori, Leishmania major e Leishmania donovani, Candida albicans, Toxoplasma gondii, Streptococcus suis, Plasmodium berghei, Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Mesocestoides corti, Trypanosoma cruzi, Eimeria vermiformis e Bacillus anthracis
  • Stati di affaticamento
  • Ansia
  • Stress
  • Insonnia
  • Attività sportiva
  • Miglioramento del performance status oncologico Prevenzione delle patologie infiammatorie cronico degenerative
  • Modulazione dei valori pressori

Bibliografia

 

Punti di Forza LENTINex®

Lentinex®, il β-glucano GlycaNova, ricavato con un processo particolare di fermentazione del micelio del fungo Lentinula Edodes (Shiitake), conserva la configurazione a tripla elica, un peso molecolare superiore a 104 Dalton.

Unicità di LENTINex®

La capacità di modulare l’immunità dipende strettamente dalla massa molecolare, dalla conformazione, dalla solubilità, dal grado e posizione delle sue ramificazioni.

1. Peso Molecolare

  • I β-glucani ad alto peso molecolare (prevalenti in natura) possono attivare direttamente i leucociti, stimolando la loro funzione fagocitica, antimicrobica, antivirale e citotossica[9].
  • I β-glucani di peso molecolare intermedio hanno un’attività biologica in vivo, ma gli effetti cellulari sono meno evidenti.
  • I β-glucani di basso peso molecolare sono generalmente considerati inattivi[9].

È importante considerare che un composto o un farmaco ad alto peso molecolare è difficilmente assorbibile; questo è dovuto all’ingombro sterico e ai numerosi gruppi funzionali che possono comporre la molecola e causare difficoltà nel superare il doppio foglietto fosfolipidico che compone la membrana plasmatica.

Il Lentinex ha un peso molecolare superiore a 104 Dalton.

2. Solubilità

Questo parametro è estremamente importante ed influenza attivamente la biodisponibilità di un determinato principio attivo.
Una bassa biodisponibilità si osserva comunemente con preparazioni orali poco idrosolubili che vengono assorbite troppo lentamente (per esempio compresse o capsule). Inoltre, un principio attivo polare o ionizzato non è in grado di superare efficacemente la membrana epiteliale.

Il Lentinex® è una soluzione acquosa di β-glucano (Lentinano β 1-3,1-6). La forma farmaceutica in fase liquida lo rende più assorbibile e gli consente di essere assunto per via sublinguale, saltando il sistema portale e il conseguente metabolismo epatico. Questo incide positivamente sulla biodisponibilità che risulta superiore rispetto a quanto si ottiene con altri prodotti a base di β-glucani in polvere.

3. Struttura a Tripla Elica

ll Lentinano è un β-glucano estratto dal micelio del fungo Shiitake che si è dimostrato essere la molecola attiva principale in grado di modulare efficacemente il sistema immunitario a basso dosaggio (low dose).

Questo β-glucano è composto da una catena glucosidica β-1,3 con ramificazioni β-1,6[13] ed è attiva se caratterizzata da una struttura a tripla elica in cui le singole catene si legano tra loro.

Uno studio ha dimostrato che il lentinano a tripla elica ha mostrato l’attività antitumorale più alta in vivo, con un rapporto di inibizione del 49,5%, simile a quello del 5-fluorouracile (50,5%)[14] senza effetti collaterali indotti dalla terapia farmacologica.

Il Lentinex® è l’unico brevetto costituito esclusivamente da β-glucano Lentinano β 1-3,1-6, solubile, con struttura a tripla elica ad alto peso molecolare.

Lentinex from Netron on Vimeo.

Integrazione con un B-glucano solubile esportato dal fungo medicinale Shiitake, Lentinus edodes

(Clicca qui per accedere all’articolo completo)

Questo studio ha esaminato l’effetto e la sicurezza del β-glucano da L.edodes micelio, in soggetti sani e anziani.

Un totale di quarantadue soggetti sani (sia maschi che femmine) di età pari o superiore a 65 anni hanno partecipato a uno studio randomizzato, in doppio cieco controllato con placebo e sono stati assegnati in modo casuale a due gruppi trattati con LENTINEX ® da 2,5 mg / die o con placebo in cellulosa per via orale per sei settimane. Quando è stato analizzato un sottogruppo con valori di pretrattamento al di sotto della mediana di gruppo all’ingresso, è stata osservata una differenza statisticamente significativa nella risposta nelle cellule B

L’ORO VERDE DELLA CALABRIA GRECA: IL BERGAMOTTO

Appartenenti alla stessa famiglia del colesterolo, i – fitosteroli -, a differenza del colesterolo che è presente solo negli alimenti di origine animale, sono presenti nelle piante e hanno effetto inverso. Pare infatti che possano ridurre l’assorbimento e quindi la concentrazione del colesterolo nel sangue.

Citrus Bergamia Risso è il bergamotto, un innesto casuale di cedri, mandarini, limoni e aranci che fruttifica solo nella costa meridionale dello Jonio, grazie alla particolarità del microclima e del terreno. Più specificamente è giusto sottolineare che, lungo i cento chilometri di litorale tra Villa San Giovanni e Stilo, questo agrume produce un’essenza così forte, da fissare la fragranza dei migliori profumi del mondo.

Pare che il nome derivi dalla combinazione delle parole “pergamena” e “motta”, ovvero “difesa della pergamena” ma non è esclusa l’associazione con il termine Bey Armudi, cioè “Pero del Principe”, in allusione alla somiglianza con la pera bergamotta, una varietà dalla polpa succosa, acidula e profumata.

La sua prima attestazione sembra si possa far risalire al 1536, quando, in occasione del banchetto offerto dal cardinal Campeggi, in onore di Carlo V, furono serviti, Bergamini Confetti. Un sorbetto composto da una crema aromatizzata con bergamotto fu inventato, poco dopo, a Firenze da Bernardo Buontalenti, per Cosimo dei Medici.

Rifacendosi ai contadini dello Stretto di Messina che, dalla buccia di questo frutto ricavavano un olio essenziale, aromatizzante, purificante e curativo, Procopio dé Coltelli creò una particolare “acqua di bergamotto” che introdusse alla corte di Luigi XIV di Francia. Versailles se ne innamorò fin da subito, dal momento che era un efficace palliativo ai cattivi odori dell’epoca. Contemporaneamente, un mercante novarese, Gian Paolo Feminis, aveva avuto modo di comprendere l’efficacia dell’olio dell’agrume per fissare tutte le altre fragranze, rivelandosi un efficiente ingrediente per la profumeria. Emigrato in Germania, confezionò nel 1680 un unguento, l’aqua admirabilis, da cui nel 1704 si brevettarono le acque aromatiche che presero il nome della città tedesca. Era nata l’acqua di Colonia.

Da allora il bergamotto resta uno dei grandi prodotti basilari per la realizzazione del profumo. Il suo consumo fu tale che, a partire dal 1750, la costa reggina vide ricoprirsi di bergamotteti, necessari per andare incontro alla crescente domanda, nell’Ottocento estesa anche al mercato alimentare. Nel 1830, la ditta inglese Twining lanciò il suo più famoso tè, l’Earl Grey Tea, aromatizzato al bergamotto, attribuendo ingannevolmente al prodotto origini cinesi. Poco dopo l’agrume calabrese fu impiegato anche per la realizzazione delle Caramelle di Nancy e così fecero molte case di liquori inglesi, statunitensi e francesi. L’industrializzazione del processo di estrazione dell’olio essenziale dalla buccia di bergamotto inizia nel 1844 con l’invenzione della macchina calabrese da parte del reggino Nicola Barillà.

Prima di allora l’essenza veniva estratta dalla scorza per pressione manuale, fatta assorbire da spugne naturali, collocate in appositi recipienti detti concoline.
Macchinari, processi di lavorazione antichi e moderni, insieme ad interessanti foto d’epoca sono esposti nel Museo del Bergamotto a Reggio Calabria, alle spalle del più noto Museo Archeologico Nazionale della Magna Grecia. Oggi sono 650 le aziende agricole coinvolte nel processo di produzione del bergamotto, 7.000 gli addetti e 1300 gli ettari ricoperti dall’agrume che nel 1999 ha ricevuto la denominazione D.O.P. Il suo impiego spazia dall’industria cosmetica a quella alimentare, dove il bergamotto viene utilizzato come aromatizzante di prodotti dolciari, di liquori e bevande dal gusto unico. Persino la buccia, rovesciata e trattata, è utilizzata per fare delle caratteristiche tabacchiere per il tabacco da pipa.

Recente è l’impiego nell’industria farmaceutica, derivante dalle proprietà dell’agrume nella cura di glicemia e colesterolo, grazie alla presenza di due flavonoidi, denominati brutieridina e melitidina. Somministrando una o più porzioni da 500 mg di estratto a individui con colesterolo alto, è stato infatti registrato l’aumento di colesterolo buono, di contro alla diminuzione di colesterolo cattivo.

Testo di Pasquale Faenza