salsapariglia indiana

La salsapariglia indiana (Hemidesmus indicus), è usata da secoli sia in India che dalle popolazioni indigene del Centro e del Sud America. Secondo uno studio premiato dalla Società Italiana di Farmacologia e da Farmindustria è l’unico prodotto di origine naturale in grado di provocare la “morte cellulare immunogenica”.

Sariva, anche conosciuta sarsaparilla indiana è una specie di pianta che si trova in Asia meridionale. Il nome botanico di Sariva è “Hemidesmus indicus”. È un arbusto slanciato, latifero, avventato, talvolta prostrato o semi-eretto. Le radici sono legnose, sottili e aromatiche. Le radici hanno un odore simile alla canfora, quindi la pianta è anche conosciuta come Kapoor. Sariva è anche chiamato “Anantmoola” in sanscrito: radice senza fine.

Hemidesmus indicus ha svolto un ruolo importante nella medicina tradizionale indiana (inclusa l’Ayurveda) e anche nella medicina europea. Le principali proprietà farmacologiche dell’H. indicus includono proprietà epatoprotettive, antitumorali, antidiabetiche, antiossidanti, neuroprotettive, antiofidiane, cardioprotettive, nefroprotettive, antiulcerogene, antinfiammatorie e antimicrobiche. Valutazioni fitochimiche della radice hanno rivelato la presenza di aldeidi aromatiche e loro derivati, fenoli, triterpenoidi e molti altri composti, alcuni dei quali sono stati attribuiti alla sua bioattività (2,3).

Salsapariglia indiana, utilizzata da secoli nella medicina tradizionale in Asia e in Sud America, potrebbe rivelarsi un alleato prezioso nella lotta contro i tumori. In un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Oncotarget (1), un gruppo di ricercatori ha mostrato come l’estratto di salsapariglia indiana (Hemidesmus indicus) sia in grado di uccidere le cellule tumorali attivando al tempo stesso i meccanismi di difesa del sistema immunitario: una particolare capacità antitumorale nota come “morte cellulare immunogenica” che non era mai stata osservata prima in un prodotto di origine naturale.

La scoperta, che potrebbe portare alla nascita di nuovi farmaci per la lotta contro il cancro, è valsa ad Elena Catanzaro – assegnista di ricerca dell’Università di Bologna che ha condotto lo studio – uno dei premi annuali consegnati della Società Italiana di Farmacologia e da Farmindustria.

MEDICINA TRADIZIONALE E PROPRIETÀ ANTITUMORALI
La salsapariglia indiana è usata nella medicina ayurvedica in India e dalle popolazioni indigene del Centro e del Sud America per curare diversi tipi di disturbi. “La medicina tradizionale ne consiglia l’uso sotto forma di decotto della sua radice”, conferma Elena Catanzaro. “Si tratta di un rimedio utilizzato da secoli in diverse parti del mondo e per questo abbiamo voluto analizzarne le caratteristiche in modo scientifico, utilizzando gli strumenti avanzati a nostra disposizione”. Un’indagine che ha subito prodotto risultati promettenti.

“Le prime scoperte interessanti su questa pianta sono arrivate già negli scorsi anni: con una serie di articoli abbiamo mostrato che Hemidesmus indicus è in grado di proteggere il DNA delle cellule da lesioni potenzialmente cancerogene”, conferma la ricercatrice. Il nuovo studio fa però un importante passo avanti. “Con questa nuova ricerca, per la prima volta, abbiamo messo in luce come la salsapariglia indiana abbia anche la capacità di combattere attivamente i tumori”.

MORTE CELLULARE IMMUNOGENETICA
Uno dei problemi principali della lotta contro il cancro è che il sistema immunitario non è in grado di riconoscere ed eliminare le cellule tumorali, cosa che finisce per limitare l’efficacia delle terapie farmacologiche tradizionali. Per superare questo ostacolo, la ricerca si è allora concentrata su una serie di trattamenti in grado di risvegliare la risposta immunitaria, che però a loro volta non colpiscono direttamente le cellule tumorali. Due diverse direzioni terapeutiche che con Hemidesmus indicus potrebbero ricongiungersi su un terreno comune.

“L’estratto di Hemidesmus indicus – spiega Elena Catanzaro – ha un duplice effetto antitumorale: da una parte è in grado di uccidere le cellule tumorali e dall’altra fa sì che le cellule morenti siano riconosciute dal sistema immunitario, provocando così la naturale attivazione dei meccanismi di difesa dell’organismo. Si tratta di un fenomeno noto come morte cellulare immunogenica, e la salsapariglia indiana è l’unico prodotto di origine naturale capace di provocarlo”.

A differenza di altre sostanze di origine naturale con proprietà antitumorali, pensate solitamente per diminuire gli effetti tossici dei farmaci tradizionali, l’estratto di Hemidesmus indicus permetterebbe quindi anche di stimolare il sistema immunitario, sostenendo così la risposta dell’organismo nel combattere la malattia. I ricercatori ne hanno testato l’efficacia con successo su cellule di tumore del colon e del retto.

UNA NUOVA SPERANZA PER LA LOTTA CONTRO IL CANCRO?

Elena Catanzaro è cauta ma ottimista. “Questi risultati sono solo un primo passo verso la realizzazione di un vero e proprio farmaco”, precisa la ricercatrice. “Ma i dati che abbiamo ottenuto sono particolarmente promettenti: crediamo molto nelle proprietà di questa pianta”.

I PROTAGONISTI DELLO STUDIO
La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Oncotarget con il titolo “Hemidesmus indicus induces immunogenic death in human colorectal cancer cells”. Gli autori sono: Eleonora Turrini, Elena Catanzaro, Manuele G. Muraro, Valeria Governa, Emanuele Trella, Valentina Mele, Cinzia Calcabrini, Fabiana Morroni, Giulia Sita, Patrizia Hrelia, Massimo Tacchini e Carmela Fimognari.

Lo studio è stato realizzato da un gruppo di ricerca del Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita coordinato dalla professoressa Carmela Fimognari, attivo al Campus di Rimini dell’Università di Bologna, in collaborazione con ricercatori dell’Università di Basilea (Svizzera).

LO STUDIO (5,6,7,8,9)

La resistenza alla morte cellulare e la capacità di superare la sorveglianza immunologica sono due delle strategie più insidiose dell’arsenale di difesa delle cellule tumorali. Di conseguenza, una strategia che potrebbe rivelarsi di altissimo valore terapeutico è quella che associa la completa ed estensiva eradicazione delle cellule tumorali all’attivazione del sistema immunitario, promuovendo la cosiddetta morte cellulare immunogenica (MCI).

La capacità di un composto di indurre MCI risiede nella contestuale induzione di stress ossidativo e del reticolo endoplasmatico (RE). Questi eventi attivano una via di segnalazione del pericolo che promuove la mobilizzazione degli effettori di questo processo, i DAMP (damage associated molecular patterns).

I DAMP sono molecole endogene, come calreticulina (CLR), proteine da shock termico (HSP) e ATP, che acquisiscono proprietà immunostimolanti se esposte sulla membrana cellulare o rilasciate nella matrice extracellulare. Quando mobilizzati, i DAMP agiscono sia da segnali di pericolo che come adiuvanti per il sistema immunitario innato. Se la capacità di indurre MCI da parte di diversi farmaci antitumorali è stata caratterizzata ampiamente, evidenze simili sui botanical drugs, costituiti da miscele complesse di più molecole attive, scarseggiano.

Lo scopo dello studio è stato quello di valutare la capacità del decotto di Hemidesmus indicus (Hi) di indurre MCI su una linea cellulare umana di carcinoma del colon (Dld-1). Il decotto di Hi è stato preparato secondo le linee guida della Farmacopea Ayurvedica Indiana. La pianta (voucher #MAPL/20/178) è stata raccolta dal Ram Bagh in Rajastan, India e autenticata dal Dott. MR Uniyal, Maharishi, Ayurveda Product Ltd (Noida, India). Il potenziale citotossico di Hi è stato valutato da solo o in presenza di N-acetilcisteina o di un inibitore dello stress del RE (acido tauroursodeossicolico). La vitalità cellulare è stata misurata usando il 4-metilumbelliferil etanoato e avvalendosi del lettore di piastra Victor X3 (Perkin Elmer). L’espressione di specifiche proteine è stata valutata per via citofluorimetrica [FACScalibur (Becton Dickinson); Guava EasyCyte 6-2L (Merck)] mediante anticorpi monoclonali marcati. Per misurare i livelli di ATP extracellulari, è stato utilizzato il kit ATPLite 1 step (Perkin Elmer).

Al fine di valutare la maturazione delle cellule dendritiche (CD) umane, CD immature (iCD) sono state co-coltivate con le Dld1 (1: 4) e trattate con Hi. L’espressione di specifici cluster di differenziamento sulle CD è stata analizzata mediante citometria a flusso. Hi induce una diminuzione della vitalità cellulare dose-dipendente e induce stress ossidativo e del RE.

Come conseguenza di questi eventi, Hi modula positivamente l’espressione e la mobilizzazione dei DAMP più caratteristici, inclusi CLR, HSP70 e ATP. Spinti da queste osservazioni, è stata studiata la capacità di Hi di promuovere l’attivazione delle iCD.

I risultati hanno mostrato che le cellule tumorali trattate con Hi promuovono il passaggio da uno stato immaturo a uno maturo delle cellule presentanti l’antigene generate in vitro.

In conclusione, è stata dimostrata per la prima volta la capacità di un botanical drug di innescare tutti gli eventi caratterizzanti la MCI. Infatti, il decotto di Hi è in grado di indurre un tipo immunogenico di morte cellulare, come indicato dalla sua capacità di indurre stress ossidativo e del RE, di attivare la mobilizzazione degli effettori di questo processo e di promuovere la maturazione delle iCD. Nel complesso, il profilo antitumorale di Hi che emerge da questo studio fornisce le basi per la progettazione di esperimenti in vivo al fine di valutare il reale potenziale di “vaccino endogeno” delle cellule tumorali trattate con Hi.

Nella foto: Elena Catanzaro, assegnista di ricerca dell’Università di Bologna che ha condotto lo studio

Fonti:

Bibliografia:

  1. L’Hemidesmus indicusinduce la morte immunogenica nelle cellule umane di cancro del colon-retto (https://www.oncotarget.com/article/25325/)
  2. Sarsaparilla indiana (Hemidesmus indicus): recenti progressi nella ricerca su etnobotanica, fitochimica e farmacologia (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32007632/)
  3. Studio in vitro del profilo citotossico, citostatico e antigenotossico di Hemidesmus indicus (L.) R.Br. (Apocynaceae) Estratto di droga grezza su cellule T linfoblastiche (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29415441/)
  4. Il potenziale bioattivo e terapeutico dell’Hemidesmus indicus R. Br. (Sarsaparilla indiana) radice (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22887725/)
  5. Catanzaro E.1, Turrini E.1, Muraro M.2,Trella E.3,Governa V.3, Mele V.3, Fimognari C.1
  6. Scienze per la qualità della vita, Università di Bologna, Rimini, Italia
  7. Oncology surgery, department of biomedicine, University hospital of Basel and University of Bas, Basilea, Svizzera
  8. Cancer immunotherapy, department of biomedicine, University hospital of Basel and University of Bas, Basilea, Svizzera
  9. https://congresso-sitox-2020.s3.eu-central-1.amazonaws.com/allegati/comunicazioni_orali/pdf/083_19308.pdf
  10. Uno studio a lungo termine sul potenziale anti-epatocarcinogenico di un medicinale indigeno composto da Nigella sativa, Hemidesmus indicus e Smilax glabra (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1475831/)

Microalga Aphanizomenon flos-aquae

Questo articolo esamina la microalga Aphanizomenon flos-aquae (AFA) dal lago Klamath dell’Oregon, sottolineandone la ricchezza nutrizionale e i benefici per la salute.

Prosperando in un ecosistema vulcanico unico, questo cianobatterio raccolto in natura è un concentrato di sostanze nutritive, che lo rendono un punto focale nel campo degli integratori salutari. L’articolo evidenzia il profilo nutrizionale completo dell’AFA, ricco di proteine, aminoacidi essenziali, vitamine, minerali e composti bioattivi.

Particolare attenzione è riservata ad AphaMax® e Klamin®, due estratti AFA dal notevole potenziale nutraceutico. AphaMax®, ricco di AFA- ficocianine , mostra forti proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, cicatrizzanti e antitumorali. Klamin®, contenente β-feniletilammina (PEA), è noto per i suoi benefici sulla salute mentale, in particolare nell’alleviare la depressione e l’ansia, e si dimostra promettente nel trattamento dell’ADHD e nella gestione delle malattie neurodegenerative. In sostanza, il capitolo sottolinea l’importanza degli AFA del lago Klamath come risorsa naturale chiave nel settore degli integratori alimentari, grazie anche ai suoi potenti estratti benefici per la salute.

 I CIANOBATTERI, comunemente noti anche come alghe blu-verdi, costituiscono un gruppo eterogeneo di antichi procarioti fotoautotrofi (1). Queste forme di vita fotosintetiche hanno svolto un ruolo fondamentale nella storia evolutiva della Terra durante la rivoluzione dell’ossigeno circa 2,5 miliardi di anni fa, contribuendo in modo significativo al rilascio di ossigeno nell’atmosfera (2). Mostrando una notevole diversità di forme morfologiche, i cianobatteri spaziano da entità unicellulari, come Synechococcus sp., a filamenti intricati, esemplificati da Anabaena sp., e strutture coloniali, rinvenute in Microcystis sp. (3). Inoltre, questi microrganismi si sono adattati a una vasta gamma di habitat , dai corpi d’acqua dolce, come Planktothrix sp., agli oceani, come Trichodesmium sp., a quelli terrestri e desertici, come osservato con Chroococcidiopsis sp (3).

Al di là del loro significato ecologico, i cianobatteri sono stati studiati per varie applicazioni, come per la produzione di biocarburanti o per il trattamento delle acque reflue (4, 5). Tuttavia, è nel campo degli integratori alimentari e nutraceutici che i cianobatteri brillano davvero. Arthrospira sp., colloquialmente conosciuta come Spirulina , ha guadagnato importanza come potenza nutrizionale ed è diventata un punto fermo nel settore degli integratori salutari (6).

La sua densità nutrizionale e la capacità di essere coltivato in stagni aperti/fotobioreattori lo rendono una scelta attraente per coloro che cercano miglioramenti nella dieta (6). Oltre la Spirulina, un singolare ceppo Aphanizomenon flos-aquae (AFA), Klamath AFA, si è ritagliato una nicchia nel settore degli integratori, grazie ai suoi benefici nutrizionali e nutraceutici superiori, e viene raccolto direttamente allo stato selvatico dall’Upper Klamath Lake (UKL), in Oregon, USA (7).

Klamath AFA è un fototrofo obbligato che fissa l’azoto composto da cellule cilindriche che si autoassemblano in filamenti (Fig. 1)(7). Trova la sua collocazione tassonomica all’interno dell’ordine dei Nostocales ed è l’unico ceppo di Nostocales, insieme ad alcuni Nostoc sp., come N. commune e N. flaggeliforme, da consumare regolarmente come integratore alimentare (8, 9). L’AFA è ben noto per la sua capacità di formare fascicoli, filamenti che si autoaggregano insieme in strutture simili a foglie che possono essere osservate ad occhio nudo (7). Inoltre, a differenza della Spirulina, l’AFA è dotata di cellule vegetative specializzate, dette eterocisti, che ospitano l’enzima attivo nitrogenasi responsabile della conversione dell’azoto atmosferico (N2) in ammoniaca (10).

Inoltre, l’AFA forma akineti, cellule dormienti che fungono da strutture simili a spore, consentendo al cianobatterio di resistere a condizioni sfavorevoli e di germinare in nuove cellule vegetative quando le condizioni ambientali diventano nuovamente favorevoli (11).

L’AFA prospera in laghi o stagni ricchi di sostanze nutritive, il che contribuisce alla sua capacità di formare fioriture, densi tappeti di biomassa che ricoprono la superficie dei laghi. Particolarmente rinomate sono le fioriture Klamath AFA che abbelliscono UKL in Oregon, USA (7). È questa biomassa che viene poi raccolta, lavorata e distribuita come integratore nutrizionale in tutto il pianeta. L’UKL è l’unico lago al mondo ad essere raccolto per l’AFA e l’AFA è l’unico integratore cianobatterico distribuito in commercio ad essere raccolto in natura su scala industriale (12).

L’AFA vanta un profilo nutrizionale completo: è ricco di proteine, fino al 70% della biomassa totale, contenente elevate quantità di tutti gli aminoacidi essenziali (9). Contiene tutte le vitamine, molte delle quali ad alta concentrazione. È una buona fonte di acidi grassi polinsaturi (PUFA), circa il 75% dei quali sono costituiti da Omega-3 antiinfiammatori (13). Infine, grazie alla ricchezza minerale dei sedimenti del lago Klamath, l’AFA fornisce 73 minerali biodisponibili, compreso lo spettro completo di oligoelementi (12).

Il distinto profilo biochimico di questa sostanza è caratterizzato dalla presenza di molecole bioattive. Questi includono uno spettro di carotenoidi, tra cui le principali xantofille, e un’abbondante concentrazione di clorofilla (12). Inoltre, contiene una forma unica di AFA – ficocianine , note per le loro potenti proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antitumorali, nonché per la loro efficacia nel promuovere la guarigione delle ferite (14).

Inoltre, questa composizione comprende la feniletilammina, un composto riconosciuto per il suo ruolo di neuromodulatore e la sua capacità di modulare il sistema immunitario (15). Due importanti estratti AFA , conosciuti rispettivamente come AphaMax® e Klamin®, concentrano tali molecole e hanno dimostrato, in numerosi studi clinici, di produrre effetti benefici su numerose malattie.

IMPORTANZA INDUSTRIALE

A livello globale sono stati confermati circa 120 ceppi AFA distinti (12). Tuttavia, la varietà consumata come integratore alimentare prospera a Klamath Lake, Oregon, USA. Questo particolare ceppo è identificato dal suo nome specifico, Aphanizomenon flos-aquae Ralfs ex Born. & Flah. Var. flos aquae (7).

Gli integratori alimentari Klamath AFA sono emersi come attori di spicco nel settore degli integratori sanitari negli ultimi 35 anni (7). Da allora, si stima che il mercato degli integratori alimentari AFA abbia raggiunto un valore complessivo di circa 100 milioni di dollari all’anno, indicando un forte interesse dei consumatori per i vantaggi unici dell’AFA (12). Inoltre, mentre la maggior parte del mercato di Klamath AFA è prevalentemente limitata al suo utilizzo come integratore alimentare, ora si sta espandendo anche in nuovi settori, come l’ industria dei cosmetici e della bellezza. Man mano che il settore degli AFA cresce e la disponibilità della sua biomassa diventa più semplice, si prevede che i prodotti a base di AFA entreranno anche in numerosi altri mercati, come quelli dei mangimi per animali, dell’acquacoltura e dei biofertilizzanti (12). Quest’ultimo è particolarmente promettente perché l’AFA è l’unica microalga o cianobatterio raccolto su larga scala con la capacità unica di fissazione dell’azoto.

RACCOLTA E LAVORAZIONE

Klamath AFA avviene nel lago Klamath, Oregon, USA, e sfrutta le condizioni ecologiche uniche di questo habitat naturale (Fig. 2) (7). In genere vengono raccolte 500-1000 t all’anno (12). Il processo di raccolta viene strategicamente condotto durante il periodo di fioritura dell’AFA , che avviene tipicamente all’inizio dell’estate, in particolare tra la fine di giugno e l’inizio di luglio, e poi di nuovo a fine estate e all’inizio dell’autunno, tra settembre e novembre, quando fattori ambientali come la temperatura e la disponibilità dei nutrienti sono ottimali (12). La raccolta inizia con l’identificazione di aree specifiche all’interno del lago dove le concentrazioni di AFA sono elevate. Le concentrazioni desiderate variano tra il 5-7% di solidi. I raccoglitori utilizzano tipicamente imbarcazioni specializzate dotate di reti a maglia fine o altri sistemi di filtraggio non invasivi per raccogliere delicatamente l’ AFA dalla superficie del lago (7).

Una volta raccolta, la biomassa AFA viene trasportata agli impianti di lavorazione vicino al lago. Nella fase di lavorazione, gli AFA raccolti vengono sottoposti a meticolosi processi di pulizia per rimuovere eventuali impurità o detriti, garantendo la purezza del prodotto finale. Successivamente, l’ AFA viene disidratato in un processo in due fasi: in primo luogo, la maggior parte dell’acqua viene rimossa tramite un processo di centrifugazione non specifico e, successivamente, viene accuratamente essiccato, spesso utilizzando metodi come l’essiccazione all’aria o l’essiccazione a bassa temperatura per preservare il suo profilo nutrizionale (7). È in questo momento che si concentrano i composti AFA-ficocianina e feniletilammina di alto valore.

La ficocianina di alta qualità viene concentrata attraverso un processo di centrifugazione e filtraggio a base d’acqua (brevetto: EP2032122A2); mentre la PEA e le molecole sinergiche, come le micosporine aminoacidi-simili (MAAs), vengono concentrati tramite ultrafiltrazione dell’acqua (Brevetto: EP2046354B1). La biomassa e gli estratti AFA ottenuti vengono poi comunemente trasformati in varie forme di facile consumo, come polveri, capsule o compresse, rendendoli adatti all’uso come integratore alimentare (12).

PROPRIETÀ DELLA CRESCITA SELVATICA

L’AFA mostra una crescita e una fioritura prolifiche nel lago Klamath grazie a una combinazione di fattori ecologici specifici che creano un ambiente ottimale per la sua fiorente popolazione. Il lago Klamath misura circa 52 x 12 km con una superficie di circa 250 km 2 (16). Tuttavia, è un lago abbastanza poco profondo, con una profondità media di 2,4 m. Situato ad un’altitudine di 1300 m, il Lago Klamath è delimitato dalle Cascade Mountains a ovest e si trova adiacente ad un’area desertica, il Great Basin, a est (7, 16).

 Inoltre, le acque incontaminate del lago Klamath ospitano numerose specie animali diverse, dai comuni pesci ventosa ai pellicani e alle aquile calve. Attualmente, il bacino di Klamath funge da principale destinazione di svernamento per il più consistente raduno di aquile calve nei 48 stati contigui. Inoltre, funge da più grande area di sosta per gli uccelli acquatici lungo la rotta del Pacifico (7).

Il lago Klamath è costantemente testimone ogni anno di numerose fioriture di AFA, attribuite principalmente alle sue origini geologiche come bacino vulcanico (17). La storia geologica del lago risale a 7.700 anni fa, all’eruzione del monte Mazama, che lasciò notevoli sedimenti minerali sul fondo del lago. In seguito all’esplosione, si è formato il cratere del Monte Mazama, ora noto come Crater Lake, che continua a fornire acqua al Lago Klamath (7). La composizione ricca di minerali del lago Klamath, inclusi elementi come ferro, magnesio, manganese, molibdeno, boro e zinco, è un fattore fondamentale che contribuisce alla formazione delle fioriture di AFA (18).

Questi minerali svolgono un ruolo vitale nel supportare le attività biologiche dell’AFA; ad esempio, il molibdeno è fondamentale per lo sviluppo e il funzionamento dell’enzima nitrogenasi specifico delle eterocisti, essenziale per la capacità di fissazione dell’azoto degli AFA (19).

I tre nutrienti più importanti per la crescita dell’AFA , tuttavia, sono le fonti di carbonio, azoto e fosforo (18). Il primo è fornito dal lago stesso a causa della presenza di sorgenti di metano attraverso il lago e, ovviamente, della materia organica in decomposizione. Si prevede che il carbonio costituisca circa il 50% della biomassa totale dell’AFA (20).

Il consumo di CO2 disciolta da parte dell’AFA si riflette anche nell’aumento del pH del lago da circa 7,5 all’inizio della fioritura a circa 9-10 verso la fine (18). È noto che la CO2 + acqua forma acido carbonico, abbassando così il pH complessivo. La sua rimozione, quindi, porta al contrario. La disponibilità di azoto, invece, non è un vero problema quando si tratta della formazione di fioriture di AFA poiché il cianobatterio possiede la capacità di fissare l’azoto direttamente dall’aria e convertirlo in forme biodisponibili, come nitrati o nitriti (21). Questa capacità ne favorisce la crescita rispetto ad altri organismi, che non possono (vedi sotto), permettendogli di dominare completamente il lago in condizioni di basso azoto (22).

Tuttavia, la fissazione dell’azoto è costosa, da un punto di vista energetico, e la biodisponibilità di nitrati/nitriti/ammoniaca ne aumenta sicuramente il tasso di crescita complessivo (23). Quest’ultimo nutriente, il fosforo, è molto probabilmente il fattore determinante alla base della quantità e della frequenza delle fioriture di AFA , poiché senza di esso non sarebbe in grado di crescere. Non sorprende che si verifichi un aumento dei livelli di azoto e fosforo in primavera, subito prima che l’AFA inizi a fiorire (17, 18).

Un’altra ragione fondamentale per la formazione delle fioriture AFA è che il lago Klamath riceve 300 giorni di sole all’anno, un fattore chiave per la crescita di un organismo fotosintetico (7). Gli AFA possiedono effettivamente la capacità di controllare la propria galleggiabilità e l’altezza all’interno della colonna d’acqua generando vescicole gorgoglianti che gli permettono di galleggiare su e giù (24). La conseguenza è che ogni cella è in grado di ottimizzare la quantità di luce necessaria.

Inoltre, il lago Klamath offre anche temperature ottimali per la crescita e il ciclo di vita dell’AFA. Durante la fioritura, la temperatura dell’acqua varia dai 18 ai 25 ° C (18). Studi di laboratorio hanno rilevato che le temperature ottimali di crescita dell’AFA variano tra 20-28 ° C , con un tasso di crescita più rapido osservato tra 25-28 ° C (25). Inoltre, gli akiniti dell’AFA sono in grado di sopravvivere nei sedimenti del lago durante l’inverno, che può vedere il lago Upper Klamath congelarsi (26).

CONTAMINAZIONE E TOSSICITÀ

La presenza di M. aeruginosa all’interno del lago ha avuto un forte impatto sull’attività di raccolta dell’AFA Klamath , soprattutto dopo che il governo dell’Oregon ha introdotto il limite di 1 μg di microcistine per grammo di cianobatteri (7).

Le microcistine sono potenti peptidi ciclici che, se consumati in quantità elevate, interrompono la sintesi proteica all’interno delle cellule epatiche, portando alla morte cellulare e, potenzialmente, all’insufficienza d’organo (27). Di conseguenza, le epidemie di microcistina del lago Klamath hanno innescato avvisi di sanità pubblica, mettendo in guardia contro il contatto e il consumo di acqua.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha stabilito un valore guida suggerito per l’acqua potabile pari a 1 μg/L (28). Allo stesso modo, a causa della possibile contaminazione di queste tossine all’interno delle fioriture di AFA, il governo dell’Oregon ha imposto un limite incredibilmente severo di 1 μg/g di microcistine negli integratori Klamath AFA (29).

Di conseguenza, il controllo di qualità delle fioriture di AFA per la presenza di microcistina è diventato una preoccupazione importante. Ciò non solo ha indotto le aziende di raccolta a rinunciare a qualsiasi raccolto di AFA durante la presenza di M. aeruginosa, ma ha anche portato a testare la biomassa AFA con microcistina durante tutte le fasi di raccolta e lavorazione. Ciò ha aumentato i costi complessivi e qualsiasi test sulla biomassa superiore a 1 μg/g è, per la maggior parte, inutilizzabile (12).

Inoltre, la contaminazione da microcistina e la preoccupazione pubblica ad essa associata hanno avuto un impatto anche sulla reputazione dei prodotti a base di AFA . Diversi studi hanno infatti messo in dubbio la sicurezza degli integratori alimentari AFA, sulla base di questo requisito di 1 μg/g (30, 31). Tuttavia, esistono numerosi dati che dimostrano che la soglia imposta è sbagliata e dovrebbe essere rivista.

Il governo dell’Oregon ha deciso questo limite traducendo direttamente il limite dell’OMS (1 μg/L) di microcistina nell’acqua potabile nella biomassa Klamath AFA. Come sottolineato in un recente articolo, ci sono profondi difetti sia in questa decisione, sia nello standard dell’OMS (29). In primo luogo, il limite dell’OMS è troppo severo in quanto si basa sullo studio di Fawell et al. che ha esaminato la tossicità (danno epatico) delle microcistine purificate nei topi tramite somministrazione mediante sonda gastrica (32). La metodologia impiegata non è rappresentativa dell’esposizione umana nel mondo reale a queste cianotossine.

Inoltre, le microcistine purificate non si trovano in natura. Inoltre, il modello della sonda gastrica aggira la complessa interazione tra le microcistine e le barriere protettive del sistema digestivo (29). Mentre la sonda gastrica trasporta la tossina direttamente al tratto gastrointestinale, bypassa la disgregazione enzimatica e acida iniziale nello stomaco, sovrastimando potenzialmente la biodisponibilità e la successiva epatotossicità osservata in scenari reali, come quello delle fioriture naturali di cianobatteri (29).

Gli acidi dello stomaco e gli enzimi intestinali inattivano le tossine, riducendone quasi completamente la potenza (33). Sfortunatamente, la maggior parte degli studi sugli animali sulla tossicità della microcistina sono stati condotti attraverso la sonda gastrica o l’iniezione intraperitoneale e pochissimi studi riproducono la normale ingestione orale. Gli studi che confrontano la somministrazione orale e intraperitoneale di microcistine mostrano differenze sostanziali nella tossicità (32, 33).

Ad esempio, gli altri due studi presi in considerazione dal panel dell’OMS, entrambi condotti tramite normale ingestione, hanno generato, per un essere umano di 60 kg, un limite cronico di sicurezza rispettivamente di 45 μg /giorno e 8,4 μg/giorno (34 , 35). L’EPA, infatti, raccomanda, per il consumo di acqua, un limite di sicurezza di 8 μg/L (36).

Ciò richiede un’interpretazione cauta della ricerca correlata alla microcistina. Esagerare i rischi epatotossici basandosi esclusivamente su studi per via endovenosa potrebbe creare inutili paure nel pubblico e potenzialmente indirizzare in modo errato risorse preziose. È anche importante notare che è stato condotto un solo studio sugli animali per indagare la potenziale tossicità delle microcistine nella biomassa AFA Klamath: ai topi è stata somministrata una dieta di biomassa di cellule intere AFA contenente 333 μg/g di microcistine per una durata di sei mesi.

Valutazioni successive hanno rivelato condizioni di salute ottimali, compresa la salute del fegato. I ricercatori, dopo aver implementato tutte le soglie di sicurezza pertinenti, hanno dedotto che un’assunzione giornaliera di 10 μg/g di microcistine provenienti da integratori di cianobatteri AFA sarebbe considerata sicura per un individuo di peso di 60 kg (28). Infine , cosa importante, non è mai stata segnalata alcuna tossicità umana, anche se questa biomassa è stata consumata per decenni.

PROPRIETÀ NUTRACEUTICHE

In virtù del suo ambiente ecologico unico, la Klamath AFA raccolta in natura emerge come una fonte di cibo eccezionalmente densa di nutrienti, superando molti altri alimenti e supercibi in termini di assoluta ricchezza nutrizionale (12).

Il suo straordinario profilo nutrizionale comprende tutte le 14 vitamine essenziali, con elevate concentrazioni di caroteni pro-vitamina A, livelli sostanziali di vitamine del gruppo B, cruciali per la regolazione dell’omocisteina, e vitamina K, fondamentale per la salute delle ossa, il benessere dentale e la coagulazione del sangue (12 , 13). Klamath AFA si distingue per un contenuto minerale di 73 minerali e oligoelementi, tra cui notevoli quantità di ferro, fluoro naturale e vanadio, essenziali per il metabolismo dell’insulina e per contrastare la sindrome metabolica (12). Inoltre, costituisce una notevole fonte di acidi grassi Omega-3, con un’elevata quantità di acido alfa-linoleico (13). Vanta una vasta gamma di carotenoidi, tra cui importanti xantofille come luteina, cantaxantina e licopene (12). Recenti rivelazioni evidenziano la ricchezza di polifenoli di Klamath AFA, caratterizzato da un vasto e potente assortimento di molecole nutraceutiche, tra cui un’elevata quantità di clorofilla (12, 13, 37).

C-FICOCIANINA E FICOERITROCIANINA

Le eccezionali proprietà antinfiammatorie e antiossidanti associate agli integratori a base di AFA e cianobatteri derivano prevalentemente dalla complessa composizione di pigmenti, in particolare clorofilla, C-ficocianina (C-PC) e ficoeritrocianina (PEC) (38). Nonostante costituisca circa il 4% della biomassa totale dell’AFA e ne influenzi il gusto, la clorofilla si rivela utile nel ridurre l’infiammazione, favorire la perdita di peso e prevenire il cancro (12, 39). Nel regno dei cianobatteri, l’AFA , proprio come la Spirulina, comprende sia la C-ficocianina (C-PC) che l’alloficocianina (AP).

Sebbene uno studio del 2004 suggerisca che il contenuto di ficocianina degli AFA sia pari al 15% della biomassa totale, stime recenti propongono un intervallo compreso tra il 6 e il 10% (14). L’efficacia terapeutica delle C-PC è attribuita al loro cromoforo bioattivo, le ficocianobiline (PCB) (40) . Studi sugli animali dimostrano l’efficacia del C- PC nel ridurre l’edema in vivo indotto da fattori ossidanti e nell’inibire l’ossidazione dei lipidi epatici causata da sostanze chimiche epatotossiche (41). Essendo potenti agenti antinfiammatori, i C-PC inibiscono molecole come NO e, in particolare, COX-2, fungendo da inibitori selettivi della COX-2 senza gli effetti collaterali osservati nei comuni FANS (12, 42).

Il loro antagonismo reversibile sulle piastrine preserva la sopravvivenza delle piastrine (43). Inoltre, approfonditi studi in vitro convalidano il potenziale del C-PC nell’inibire la proliferazione delle cellule tumorali attraverso varie linee cellulari tumorali (44). Una revisione completa afferma il loro ruolo nel trattamento del cancro, influenzando l’arresto del ciclo cellulare, attivando percorsi apoptotici e modulando le molecole che promuovono e combattono il cancro (45, 46). I diversi effetti del C-PC si estendono al miglioramento cardiovascolare, alla guarigione delle ferite e al potenziamento immunitario, inclusa la normalizzazione dei livelli di colesterolo, l’inibizione dell’aggregazione piastrinica, i ruoli cardioprotettivi, l’attività fibrinolitica, la stimolazione del rilascio di fibroblasti per la guarigione delle ferite e il supporto del sistema immunitario (Fig. 7) (12, 43).

L’AFA, a differenza della Spirulina, esprime anche il pigmento ficoeritrocianina (PEC) che raccoglie la luce all’interno del suo ficobilisoma. PEC mostra un attacco cromoforico unico rispetto a C-PC, un cromoforo di ficoviolobilina (colore viola) invece di una ficocianobilina (colore blu) (47, 48). Più specificamente, sia C-PC che PEC sono entrambe proteine eterodimeriche costituite da monomeri costituiti da due subunità distinte, α e β. Ciascun monomero αβ lega tipicamente tre cromofori.

Nel caso di C-PC ogni monomero αβ lega tre ficocianobiline, mentre per PEC lega due ficocianobiline e una ficoviolobilina (47-49). È importante sottolineare che le esatte proprietà nutraceutiche della ficoviolobilina devono ancora essere studiate. Fondamentalmente, l’estratto di ficocianina Klamath AFA, noto come AphaMax®, combina sia C-PC che PEC, poiché la metodologia di estrazione industriale utilizzata non può distinguere tra i due a causa della loro somiglianza generale (42). Recenti ricerche hanno dimostrato che l’estratto di AFA-ficocianina, AphaMax®, mostra risposte antiossidanti e antinfiammatorie superiori rispetto ai C-PC della Spirulina, suggerendo potenzialmente che l’attività dell’AFA C-PC è potenziata dalla PEC (12, 14). Ad esempio, studi approfonditi in vitro sull’ossidazione dei lipidi mostrano la capacità di AphaMax® di ottenere un’inibizione del 50% della malonildialdeide (MDA), un sottoprodotto tardivo della perossidazione lipidica, con un dosaggio 75 volte inferiore rispetto ai PC della Spirulina (0,14 nM contro 11,35 μM ) e un’inibizione del 90% 200 volte inferiore (1 μM contro 200 μM) (14). In termini di infiammazione, uno studio in vitro inedito sull’attività dell’enzima COX- 2 inibizione, rivela che, ai dosaggi di assunzione umana (250 mg), AphaMax® inibisce l’attività della COX-2 del 65%, mentre la Spirulina C-PC del 40%. Nel complesso, esiste una chiara necessità di studiare le proprietà nutraceutiche della PEC per valutare meglio il potenziale impatto nutraceutico di AphaMax®.

Numerosi altri studi hanno inoltre evidenziato le proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e antitumorali di AphaMax® . AphaMax® ha il valore più alto di capacità di assorbimento dei radicali dell’ossigeno (ORAC) tra tutte le molecole purificate, circa 300 volte superiore anche a quello della quercetina e dell’epigallocatechina (14, 43).

Studi comparativi mostrano che mentre la quercetina, a 10 μM, riduce il danno eritrocitario causato dall’acido benzoico del 25%, AphaMax® a 100 nM produce una riduzione del 95% contro il cloruro di rame , un blando agente ossidante come l’acido benzoico (50). Inoltre, va notato che i test ORAC hanno una capacità limitata di valutare l’intero spettro degli antiossidanti. Tuttavia, uno studio in vivo sull’uomo ha dimostrato che la somministrazione di AphaMax® a lungo termine riduce significativamente i livelli di MDA, con una riduzione media del 37% entro 1-2 mesi (43).

In termini di cancro, uno studio che ha testato l’efficacia di AphaMax® nell’inibire le cellule tumorali della prostata e della tiroide, ha dimostrato la capacità dell’estratto AFA PC & PEC di inibire il 95% della crescita delle cellule tumorali con soli 100 nM (51). In confronto, la quercetina e l’acido gallico hanno inibito la proliferazione delle cellule di cancro al seno umano MCF-7 solo del 66% circa ad una concentrazione di 500 μM , una concentrazione circa 5000 volte superiore a quella di AphaMax® (52).

Allo stesso modo, alla stessa concentrazione di AFA (100nM), il cannabinoide JWH-33, noto per le sue potenti proprietà antitumorali, ha inibito la proliferazione delle cellule tumorali del polmone di circa il 75%, rispetto all’inibizione fino al 98% ottenuta da AphaMax®. Questa distinzione è significativa, poiché raggiungere livelli di inibizione più elevati è particolarmente impegnativo: JWH-33 raggiunge un tasso di inibizione paragonabile al 95-98% degli AFA-PC, ma richiede una concentrazione 1000 volte superiore – 100 μM (53). In termini di infiammazione, uno studio del 2006 ha studiato gli effetti di AphaMax® nei topi.

Nell’esperimento, un gruppo di topi ha ricevuto un’iniezione di capsaicina direttamente nello stomaco, provocando un marcato aumento dell’infiammazione, misurato mediante stravaso di Evans Blue. In un secondo gruppo, il pretrattamento con estratto di AFA-PC ha inibito significativamente l’infiammazione, con una riduzione di circa il 95%. Un ulteriore test che prevedeva l’iniezione di capsaicina nel tratto urinario ha prodotto un’inibizione superiore al 100% dell’infiammazione urinaria (54) (Fig. 3). Questo risultato dimostra non solo le potenti proprietà antinfiammatorie di AphaMax® ma anche la loro efficacia a livello sistemico dopo aver attraversato il tratto gastrointestinale (54).

AphaMax® ha dimostrato anche l’efficacia come agente terapeutico dermatologico in uno studio clinico condotto su soggetti umani (55). Questo studio ha incluso 10 pazienti con diagnosi di psoriasi a vari stadi, che in precedenza non avevano mostrato alcun miglioramento con trattamenti standard o biologici. Ai partecipanti sono state somministrate tre dosi di un prodotto AphaMax® al giorno per un periodo di tre mesi.

 La valutazione post-trattamento ha rivelato una remissione sostanziale nel 90% dei partecipanti (9 su 10), mentre il restante individuo ha mostrato un significativo miglioramento sintomatico (55). Inoltre, l’impatto farmacologico di AphaMax® è stato valutato in un modello sperimentale di colite indotta dall’acido 2,4-dinitrobenzensolfonico (DNBS) nei ratti (56). Sono stati somministrati dosaggi diversi di AphaMax® (20, 50 o 100 mg/kg/giorno). I risultati hanno indicato una notevole riduzione del danno istologico al colon .

Inoltre, si è verificata una diminuzione dell’attività della mieloperossidasi, un’inibizione dell’attivazione di NF-kB e una ridotta espressione dell’ossido nitrico sintasi inducibile e della COX-2. Questi cambiamenti suggeriscono un miglioramento della risposta immunitaria aberrante associata all’infiammazione del colon. Inoltre, il trattamento ha portato a una diminuzione dell’espressione delle interleuchine infiammatorie IL-1β e IL-6. Infine, AphaMax® ha mostrato proprietà antiossidanti, evidenziate da livelli ridotti di specie reattive dell’ossigeno (ROS) e nitriti (56).

β-FENILETALAMMINA

Una caratteristica distintiva dell’AFA è la sua capacità di produrre il composto fenolico endogeno β-feniletalammina (PEA), distinguendolo da altre microalghe e cianobatteri. La PEA si distingue per il suo ruolo nella neurotrasmissione, unito a proprietà energizzanti, ansiolitiche, antidepressive e soppressori della fame (12).

Questo composto fenolico viene prodotto in particolare durante l’esercizio e le esperienze di “amore”. È un agonista di un recettore ampiamente diffuso nell’organismo, noto come recettore associato alle ammine in tracce (hTAAR) (57). Questo si trova nell’intestino, sulle cellule immunitarie e nelle sinapsi neuronali. La sua attivazione nel cervello, ad esempio, è associata al rilascio e all’inibizione della ricaptazione di amine biogene come norepinefrina, dopamina e serotonina.

Il conseguente aumento delle concentrazioni di catecolamine può portare a livelli elevati di endorfine, rendendo la PEA un antidolorifico naturale indiretto, e ad un aumento del testosterone, contribuendo ad aumentare la libido. In particolare, la PEA mostra effetti rapidi e profondi sulla chiarezza mentale e sulla prontezza senza effetti collaterali o tolleranza (57).

Tuttavia, la sfida sta nella rapida degradazione del PEA purificato una volta ingerito: è risaputo che le monoammine vengono rapidamente degradate dagli enzimi MAO-B già nell’intestino. Per questo motivo è stato sviluppato un estratto che concentra la PEA insieme a inibitori selettivi delle MAO-B, vale a dire AFA- ficocianine , aminoacidi simili alle micosporine (MAA) e fitocromo C.

Questo estratto è noto come Klamin® (58). Le tre molecole sono le più potenti tra tutte le sostanze naturali e soprattutto sono inibitori reversibili, bloccando l’attività MAO-B solo temporaneamente, senza quindi produrre effetti collaterali. Questa combinazione facilita l’assorbimento di una porzione significativa di PEA attraverso l’intestino e la barriera ematoencefalica (15).

La caratteristica cruciale della PEA risiede nella promozione della rigenerazione del tessuto cerebrale , poiché è in grado di stimolare la produzione di eritropoietina (EPO) e del suo recettore (EPOR). L’eritropoietina endogena (EPO) nel cervello agisce come un regolatore fondamentale delle cellule staminali neurali, che sono totipotenti e fondamentali per la generazione di tutti i tessuti neurali e dei neurotrasmettitori (59) .

Ciò posiziona l’EPO come un fattore cruciale nella potenziale riparazione e rigenerazione dei tessuti del cervello e del sistema nervoso. In particolare, i cambiamenti osservati si estendono oltre le semplici alterazioni funzionali nella dinamica dell’EPO. Esistono prove di cambiamenti strutturali del cervello, in particolare un aumento dei recettori dell’EPO (59). Questo aumento suggerisce non solo una modificazione funzionale ma anche una trasformazione fisica e una rigenerazione degli stessi tessuti cerebrali.

Tali risultati hanno implicazioni significative per una serie di condizioni neurodegenerative, tra cui la sclerosi multipla e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA). L’aumento dell’attività dell’EPO e dell’espressione dei recettori potrebbero potenzialmente offrire nuove strade per interventi terapeutici volti a mitigare la progressione di queste malattie, sottolineando il ruolo dell’EPO nei meccanismi di riparazione e rigenerazione neurale (12).

Uno studio ha esaminato specificamente gli effetti di Klamin® sui livelli cerebrali di EPO (58). Due gruppi di topi, uno affetto da senescenza accelerata (AS) e uno no (A), sono stati valutati sulla capacità di apprendimento tramite il Morris Test. Dopo la somministrazione di Klamin® (100 mg/kg di peso corporeo), i topi AS sono stati in grado di completare il test 15 s più velocemente del normale, da 25 s a 10 s. Il gruppo normale di topi (A), invece, ha ridotto il tempo per completare il test di 4 s, da 9 s a soli 5 secondi (58). Successivamente è stato analizzato il cervello dei topi e sono stati riscontrati i seguenti risultati: a) una forte diminuzione dell’ossidazione cerebrale (meno MDA) e un aumento degli antiossidanti cerebrali (tioli); b) un forte aumento dell’eritropoietina cerebrale (EPO) (+500%), nonché dei recettori dell’EPO (+300%) (58) . Questa capacità di moderare e mobilizzare le cellule staminali è stata già riscontrata in uno studio di Jensen et al., dove è stato dimostrato che un estratto di AFA aumenta il rilascio di cellule staminali dal midollo osseo, innescando la mobilitazione delle cellule CD34+ CD133+ e CD34+ CD133− in vivo, associato alla riparazione del sistema nervoso centrale, del cuore e di altri tessuti (60).

L’estratto AFA PEA, grazie alla sua capacità di aumentare i livelli di catecolamine cerebrali, è stato studiato anche per il suo impatto sulla salute mentale, tra cui depressione, ansia, ADHD e autismo. La ricerca indica miglioramenti significativi nella depressione, nell’ansia, nell’autostima e nel benessere generale negli individui depressi, inclusa la post-menopausa e la depressione indotta dal cancro (12).

In uno studio condotto dal Dipartimento di Ginecologia dell’Ospedale Universitario di Modena in Italia, è stato condotto uno studio che ha coinvolto 40 donne in menopausa, divise in due gruppi: 20 hanno ricevuto Klamin® e 20 in un gruppo di controllo con placebo. Questi partecipanti sono stati selezionati in base alla manifestazione dei tipici sintomi psicosomatici associati alla menopausa (61). Al gruppo di intervento è stata somministrata una dose giornaliera di 1 grammo di Klamin® per una durata di due mesi. La valutazione post-trattamento utilizzando specifiche scale psichiatriche, vale a dire la scala Kellner-Sheffield e la scala di autovalutazione Zung, ha rivelato un miglioramento statisticamente significativo nei livelli di depressione, ansia e autostima tra le donne che hanno ricevuto Klamin® (61, 62).

Inoltre, Klamin® ha dimostrato di avere importanti effetti benefici sull’umore e sul benessere dei pazienti malati terminali. Presso il Centro Oncologico di Ovada (Italia), 18 malati terminali di cancro, in cura solo con cure palliative, hanno assunto circa 1 g di Klamin® per 2 mesi (63). Miglioramenti statisticamente significativi sono stati osservati nelle aree di ansia, stanchezza e depressione, confermando che Klamin® è in grado di riequilibrare anche stati apparentemente conflittuali come ansia e depressione e di sostenere la capacità dell’organismo di produrre energia (63).

Allo stesso modo Klamin® ha avuto un effetto positivo anche sui bambini con ADHD. Uno studio recente ha esaminato 30 bambini con diagnosi di ADHD e l’impatto associato della somministrazione di Klamin® a dosaggi compresi tra 0,25 e 1,20 g (a seconda del peso). I miglioramenti osservati sono stati notevoli e le aree interessate sono state le seguenti: 1) le condizioni generali del bambino; 2) i livelli di attenzione e iperattività; 3) nelle funzioni esecutive; 4) nella rapidità e precisione (64). I ricercatori hanno anche riscontrato miglioramenti significativi nel 25% dei bambini che presentavano anche sintomi autistici (63).

Inoltre, è stato dimostrato che Klamin® ha un impatto positivo sulle malattie neurodegenerative, molto probabilmente a causa del suo effetto sui livelli cerebrali di EPO (12). L’omeostasi della proliferazione delle cellule staminali neurali ha implicazioni per il miglioramento della memoria e la riduzione delle placche di beta-amiloide associate a malattie neurodegenerative , come l’Alzheimer. Un recente studio sull’Alzheimer di Nuzzo et al. ha dimostrato la capacità del Klamin® di prevenire l’accumulo della sostanza beta-amiloide, inattivandone la tossicità (65). In questo studio, abbiamo somministrato l’agente ossidante tert-butil idroperossido (TBH) nei mitocondri delle cellule neuronali vive.

Questo intervento ha comportato un marcato aumento della produzione di specie reattive dell’ossigeno (ROS) all’interno delle cellule, rispetto al gruppo di controllo. Tuttavia, l’introduzione simultanea di 0,8 μg di Klamin® insieme a TBH ha inibito efficacemente la sovrapproduzione di ROS indotta da TBH nei mitocondri (65). Inoltre, lo studio ha esplorato le implicazioni di Klamin® nel contesto della malattia di Alzheimer, in particolare la sua interazione con la beta-amiloide, una sostanza strettamente associata alla patogenesi della malattia. Le colture neuronali umane sono state stimolate a produrre beta-amiloide ed è stato osservato l’effetto dell’aggiunta di Klamin®.

Sorprendentemente, la presenza di Klamin® ha portato ad una riduzione del 63% nella produzione di beta-amiloide rispetto al gruppo di controllo (65). Inoltre, gli aggregati di beta-amiloide che si formavano ancora in presenza di Klamin® erano di dimensioni significativamente più piccole e presentavano una sostanziale perdita di tossicità. Questo risultato è particolarmente significativo dato il ruolo degli aggregati beta-amiloide nella progressione della malattia di Alzheimer (65).

Il Klamin® é stato testato anche sull’obesità e sugli squilibri metabolici ad essa associati, che sono stati collegati a condizioni neurodegenerative, compreso il morbo di Alzheimer. Per indagare su questo collegamento, è stato condotto uno studio sui topi utilizzando KlamExtra ®, un nuovo prodotto che combina gli estratti Klamin® e AphaMax® (66). I topi sono stati divisi in tre gruppi: un gruppo è stato alimentato con una dieta standard (gruppo magro), un altro ha ricevuto una dieta ricca di grassi (HFD) e il terzo gruppo ha ricevuto una dieta ricca di grassi integrata con il prodotto AFA (HFD + AFA) per una durata di 28 settimane.

Lo studio si è concentrato su diversi aspetti chiave: parametri metabolici, resistenza all’insulina cerebrale, espressione di biomarcatori di apoptosi (morte cellulare), modulazione degli astrociti e marcatori di attivazione della microglia (componenti chiave dell’infiammazione cerebrale) e accumulo di placche di beta-amiloide, che sono caratteristici della malattia di Alzheimer (Fig. 6) (66). Questi fattori sono stati analizzati e confrontati nei cervelli dei diversi gruppi di topi. I risultati hanno indicato che il prodotto AFA, KlamExtra ®, ha mitigato gli effetti neurodegenerativi indotti dalla dieta ricca di grassi. Ciò includeva una riduzione della resistenza all’insulina e una diminuzione della perdita neuronale. Inoltre, è stato scoperto che l’integrazione di AFA migliora l’espressione delle proteine sinaptiche e riduce significativamente l’attivazione degli astrociti e della microglia, una risposta tipica allo stress indotto da una dieta ricca di grassi. Inoltre, anche l’accumulo di placche di beta-amiloide, spesso associato al morbo di Alzheimer, era ridotto nei topi trattati con l’integratore di AFA (66). Questi risultati suggeriscono che KlamExtra ® ha potenziali effetti terapeutici nell’affrontare la neurodegenerazione legata all’obesità e alle disfunzioni metaboliche.

Infine, verso l’inizio del secolo, fu dimostrato che la PEA possiede proprietà di potenziamento immunitario. nel loro studio del 2000, Jensen et al. hanno scoperto che il consumo di 1,5 g di biomassa AFA porta ad un ampio miglioramento della sorveglianza immunitaria, senza stimolare direttamente il sistema immunitario (67). Questo miglioramento è caratterizzato da un rapido aumento del movimento delle cellule immunitarie, come monociti e linfociti, dai tessuti corporei al flusso sanguigno.

Nello specifico, vi è una notevole mobilitazione di cellule T CD3+, CD4+, CD8+ e cellule B CD19+. In particolare, gli individui che consumano regolarmente biomassa AFA mostrano un aumento del 40% nel reclutamento delle cellule natural killer (NK) entro 4-6 ore dall’ingestione (67). Lo studio attribuisce questa modulazione immunitaria a vari composti a basso peso molecolare presenti nei cianobatteri AFA, tra cui probabilmente la PEA è un contributore chiave.

La PEA agisce come un agonista del TAAR, che si trova sui monociti, sulle cellule B, sulle cellule T e sulle cellule NK. Si ritiene che la stimolazione di queste cellule da parte della PEA sia un fattore cruciale nella loro mobilizzazione e nel conseguente miglioramento della sorveglianza immunitaria osservato in seguito all’ingestione di biomassa AFA (68).

CONCLUSIONE

Microalga Aphanizomenon flos-aquae, proveniente da Klamath Lake, Oregon, è un esempio di eccellenza nutrizionale e rilevanza industriale nel settore degli integratori sanitari. Questo cianobatterio raccolto in natura, che prospera nell’esclusivo ecosistema vulcanico del lago, vanta un ricco profilo nutrizionale, che va da un alto contenuto proteico, fino al 70%, a un’elevata concentrazione di PUFA Omega-3. Il valore nutraceutico dell’AFA è sintetizzato dai suoi estratti specializzati , AphaMax® e Klamin®. AphaMax® è arricchito con C-PC e PEC e conferisce notevoli benefici antinfiammatori, grazie alla sua capacità di inibire in modo reversibile l’enzima infiammatorio COX-2, oltre ad avere importanti proprietà antiossidanti, antitumorali e dermatologiche.

D’altra parte, Klamin®, contenente β-feniletilammina (PEA), ha mostrato un potenziale significativo nel miglioramento della salute mentale. È particolarmente efficace nell’alleviare i sintomi della depressione e dell’ansia, come dimostrato nelle donne in post-menopausa e nei pazienti affetti da cancro, grazie alla capacità della PEA di aumentare le concentrazioni di catecolamine cerebrali. Inoltre, i suoi risultati promettenti nella gestione dell’ADHD e il suo potenziale nel trattamento di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer sottolineano ulteriormente la sua versatilità terapeutica. In conclusione, l’AFA di Klamath Lake emerge come un concentrato di benefici per la salute, soprattutto attraverso i suoi estratti AphaMax® e Klamin®. Il suo impressionante profilo nutrizionale e le proprietà benefiche dei suoi estratti consolidano la sua posizione come componente inestimabile nel regno degli integratori alimentari.

Articolo redatto da:  Stefano Scoglio 1 & Gabriel Dylan Scoglio,  Centro di Ricerche Nutriterapiche, Urbino, Italia, 61029. Dipartimento di Biologia Strutturale e Molecolare, University College London, Gower Street, Londra, Regno Unito, WC1E 6BT.

Riferimenti: clicca qui

L’uso del Noni è particolarmente indicato per sostenere momenti particolarmente faticosi associati allo stress, migliorare la concentrazione e il tono dell’umore.

Il noni fa parte dei superfrutti. Si tratta di una pianta esotica, la Morinda citrifolia L. (Famiglia: Rubiaceae), anche nota come gelso indiano. È un piccolo albero sempreverde, ampiamente diffuso in tutto il Pacifico, e rappresenta una delle più importanti piante medicinali tradizionali polinesiane. La sua popolarità è dovuta al frutto dal quale si ottiene per spremitura un succo, a cui vengono ascritte numerose proprietà (1). Inoltre, nelle preparazioni della medicina tradizionale polinesiana, sono impiegati anche foglie, fiori, corteccia e radici (1).

Il Noni viene impiegato da diversi secoli per scopi alimentari. Le parti principalmente utilizzate in ambito culinario sono i frutti maturi (crudi e cotti), le foglie ed i semi arrostiti.

Cenni storici

Tradizionalmente nelle culture hawaiane e polinesiane la pianta era considerata sacra e veniva venerata perché fonte di vita. I guaritori indigeni kahuna, che utilizzavano erbe e piante autoctone, la chiamavano “albero della vita”, “pianta che uccide il dolore” e anche “albero del mal di testa”. Tutte le parti del Noni (corteccia, radici, foglie, fiori e frutti) sono state utilizzate in erboristeria per le loro proprietà medicinali.

La pianta del Noni è stata usata per più di 1.500 anni dagli indigeni Polinesiani come il più importante rimedio per la salute. Per più di 2000 anni i guaritori Polinesiani hanno fatto uso di foglie, radici, cortecce, fiori e frutti del Nonu in modo da poter preparare rimedi efficaci per le centinaia di malattie che minacciavano la salute. Il Nonu viene considerata la “pianta sacra“.

Tradizionalmente i guaritori indigeni della Polinesia preparavano un succo utilizzando i frutti maturi che venivano lasciati fermentare al sole per lunghi periodi. Ancora oggi le aziende che hanno avviato il business internazionale attorno al fenomeno Noni seguono l’antico e tradizionale metodo di fermentazione.

La Morinda Citrifolia, conosciuta nelle Isole del Sud Pacifico come Nonu e Nono, viene comunemente riferito come Noni. Il Nonu reca giovamento per la prevenzione e per l’autotutela del proprio benessere da un’ampia gamma di problemi riguardanti la salute.

I vantaggi diffusi del Nonu sono stati constatati per tutte le isole dei Caraibi e del Sud Pacifico e dappertutto in Cina. Durante la dinastia degli Han in Cina, duemila anni fa, esistevano documenti scritti per quanto riguarda i benefici del Nonu. La pianta del Nonu è stata usata per più di 1.500 anni dagli indigeni Polinesiani come il più importante rimedio per la salute.

Delle tantissime piante che crescono rigogliosamente in queste isole, la “madre” di tutte le piante curative è il Nonu, conosciuto come Noni in alcune delle altre isole. Sebbene il Nonu cresca dovunque nelle isole del Sud Pacifico, il Nonu di qualità superiore cresce meglio nella terra sommersa da cenere vulcanica altamente nutriente e che si trova nelle isole esotiche di Tonga, Figi, Tahiti, Marquesas, Cook, Salomone, Samoa e le Hawaii con il loro splendido clima lussureggiante ed acque incontaminate.

Per più di 2000 anni i guaritori Polinesiani hanno fatto uso di foglie, radici, cortecce, fiori e frutti del Nonu in modo da poter preparare rimedi efficaci per le centinaia di malattie che minacciavano la salute. Il Nonu viene considerata la “pianta sacra”. Dai secoli dei miracoli nel mondo naturale alle accurate indagini nei laboratori scientifici, il Nonu ha prodotto risultati incredibili. Il Nonu contiene vitamine, minerali, oligoelementi, enzimi, alcaloidi benefici, co-fattori e steroli di piante che si presentano ed appaiono in modo naturale. Inoltre, le foglie e le radici del Nonu contengono l’intero spettro degli aminoacidi rendendo tutti i prodotti che ne derivano una perfetta e completa fonte proteica.

PERCHÉ FUNZIONA TANTO BENE IL NONU?

Grazie al favorevole effetto sinergico di tutti questi potenti ingredienti naturali che lavorano insieme tra loro come una squadra od orchestra perfetta ed in armonia. Alcuni affermano che contiene l’alcaloide xeronina e il suo enzima necessario che è la proxeronase. Nessuno sa esattamente perché il Nonu offre tantissimi benefici in materia di salute. Il punto focale da ricordare è che il Nonu funziona. Ugualmente importante è l’approfondita ricerca scientifica che conferma l’efficacia e la sicurezza del Nonu.

I Kahunas o gli appassionati di medicina tradizionale usano questa pianta per una grande varietà di problemi di salute come il sollievo dal dolore, la sinusite, artrite, disturbi alla digestione, raffreddori, influenza, encefaliti (anche emicrania), infezioni varie, problemi mestruali, ferite, malattie cutanee, cardiopatia, diabete II e molte altri disfunzioni e malesseri.

L’albero del Nonu cresce dai 3 ai 6 metri in altezza. Le lucenti foglie venate sono verde scuro e ricche di clorofilla. I Kahunas spesso ammorbidivano le foglie sopra una fiamma all’aria aperta, le lasciavano raffreddare e le applicavano sulla pelle per curare i tumori o le infezioni.

I molteplici usi medicinali del Nonu divennero parte del folklore in quanto gli indigeni alludevano al Nonu come “l’albero della cefalea” e “l’albero antidolorifico”. I Kahunas erano talmente coronati dal successo nell’utilizzare questo dono della botanica che questa pianta era diventata la forma principale di medicina per i Polinesiani per più di 1.500 anni. Il Nonu era identificato e riconosciuto come “l’erba sacra” per il corpo rigenerante.

Questa saggezza curativa veniva trasportata di generazione in generazione. Nel diciannovesimo secolo, gli erboristi tradizionali delle isole del Sud Pacifico spesso facevano le loro ricerche insieme ad altri maestri e mentori per 15 o 20 anni di continuo. Per causa della lunga durata ed intensità di tirocinio e preparazione, il grado di preparazione medica ottenuto era considerato uguale a quello dei medici che provenivano da altre parti del mondo. Una volta completato il tirocinio e raggiunto un livello avanzato di competenza, veniva riconosciuto al “medico” il titolo di Kahuna, adottato generalmente per denominare i sacerdoti e professionisti. I medici Kahuna comprendevano erboristi (kahuna la’au lapa’au), chirurghi, ostetrici e massoterapisti.

Questi Kahunas conoscevano e rispettavano la natura ed “… erano esperti altamente specializzati con esperienza ed abilità considerevole nel campo della diagnosi fisica e della farmacologia”, secondo una relazione pubblicata nella Hawaii Medical Journal.

Comunque, non sono soltanto i maestri Kahuna che concordano circa il grande valore del Nonu. La Dottoressa Isabella Abbott, professore alla University of Hawaii affermava “… usatelo per il diabete, la pressione del sangue, i tumori e molte altre malattie”.

Il Nonu fa riserva di molteplici usi tradizionali che solamente adesso vengono confermati dalla scienza moderna.

Sono state condotte ricerche sul Nonu nelle istituzioni di primo piano in Francia, Paesi Bassi, Germania, Eire, Taiwan, Austria e Canada. Sono stati trascorse ore interminabili di sperimentazione alla University di Hawaii negli Stati Uniti. La ricerca sulla Morinda Citrifolia è stata anche eseguita nella prestigiosa National Academy of Sciences, il centro nazionale governativo per la ricerca nel campo delle scienze.

Le ricerche attuate nei paesi occidentali per quanto riguarda questa pianta straordinaria risalgono al 1950 quando la rivista scientifica Pacific Science ha osservato che il frutto del Nonu presentava delle proprietà antibatteriche contro M. Pirogeno, Ps. Aeruginosa e perfino il letale E. Coli.

Da quel momento la ricchezza d’informazione che sosteneva gli usi tradizionali ed i benefici salutari del Nonu è cresciuta tantissimo e tutto sembra confermare ciò di cui i Kahunas erano già a conoscenza da migliaia di anni.

Una sperimentazione approfondita ha mostrato le proprietà analgesiche (antidolorifiche) del Nonu. Ricerche ripetute da parte di esperti e documentate nella rivista Planta Medica (56(1990)430 4) ha reso manifesto che il Nonu reca tanto giovamento per i dolori.

La rivista Cancer Letter (73 (2-3) 1993, 161 6), aveva reso noto che la Keio University e la Institute of Biomedical Sciences in Giappone avevano rivendicato l’isolamento di un nuovo composto antrachinone da parte della Morinda Citrifolia chiamato damnacantale che provocava una morfologia normale ed una struttura citoscheletrica nelle cellule precancerose. In termini poveri, il Nonu ha invertito le cellule precancerose in normali cellule sane.

Ricerche significative sugli usi medicinali del Nonu sono state presentate durante l’ottantatreesimo, l’ottantaquattresimo e l’ottantacinquesimo convegno annuale della American Association for Cancer Research.

Una relazione di grande riferimento presentata nel 1992 all’ottantatreesimo convegno a San Diego in California e redatto nel “Proceeding of the American Association for Cancer Research” era la seguente: “L’Attività antitumorale della Morinda Citrifolia sul carcinoma polmonare di Lewis innestato per via intraperitoneale nei topi”. In questo studio, i topi da laboratorio sono stati impiantati con il carcinoma polmonare di Lewis, un tipo di tumore. Tutti i topi non curati sono morti entro 9/12 giorni a causa del tumore. I topi trattati con il Nonu vissero dal 105% al 123% più a lungo; circa il 40% di questi topi sono rimasti in vita per più di 50 giorni. Quest’indagine fu ripetuta per un numero illimitato di volte ed ogni volta il Nonu si manifestava a prolungare in modo significativo la vita dei topi malati contro quelli che non avevano avuto il Nonu.

Detto semplicemente, il Nonu può inibire la crescita tumorale.

I costituenti più importanti del Noni sono:

  • VITAMINE E MINERALI: il Noni è ricco di vitamina A e C, fondamentali per il nostro corpo, in quanto sono entrambe coinvolte in numerose attività biochimiche. In particolare, il succo è una buona fonte di vitamina C (o acido ascorbico), importante per il sistema immunitario e per l’azione antiossidante. Inoltre, il frutto di Noni contiene minerali come magnesio, ferro, potassio, selenio, zinco, calcio, sodio, rame e zolfo.
  • PROXERONINA E XERONINA: la proxeronina è un alcaloide e rappresenta un precursore della xeronina. Quest’ultima sostanza è implicata in un gran numero di processi biochimici e sembra prendere parte al metabolismo delle proteine. Inoltre, favorisce l’assorbimento a livello intestinale di minerali, aminoacidi e vitamine, assunti con l’alimentazione.
  • CUMARINE: sono sostanze naturali con funzioni anticoaugulanti, flebotoniche, antispasmodiche ed antibatteriche. La scopoletina è tra le principali cumarine presenti. Questa ha dimostrato di possedere un’attività epatoprotettiva ed un effetto adattogeno. La scopoletina protegge il sistema cardiocircolatorio, normalizza la pressione sanguigna, esercita un’azione antinfiammatoria ed antistaminica.
  • TERPENI E TERPENOIDI: i terpeni svolgono un’azione antiossidante contrastando i radicali liberi. Nel Noni sono presenti: l’eugenolo (antisettico e anestetico), il beta-carotene (precursore della vitamina A) e l’acido ursolico. I terpenoidi sono composti correlati ai terpeni e possiedono importanti proprietà antiossidanti.
  • POLISACCARIDI (ACIDO GLUCURONICO, ARABINOSIO, GALATTOSIO): sono polimeri costituiti da monosaccaridi che possono agire come immunostimolanti.
  • SEROTONINA: è un neurotrasmettitore che svolge a livello del sistema nervoso centrale un ruolo importante nella regolazione dell’umore, del ritmo sonno-veglia, dello stimolo della fame e della termoregolazione. La serotonina influenza la percezione del dolore e stimola la biosintesi della melatonina. Infine, l’effetto sinergico di scopoletina, serotonina e xeronina è in grado di stabilizzare anche i valori della glicemia.
  • DAMNACANTALE: è un alcaloide che incrementa le difese immunitarie stimolando la produzione di macrofagi e sembra avere un’azione inibitrice su alcune cellule pre-cancerogene.
  • ALTRE IMPORTANTI SOSTANZE FITOCHIMICHE CONTENUTE NEL NONI SONO: antiossidanti, acido deacetilasperulosidico, niacina (vitamina B3), caroteni, acido linoleico, acido caprilico e caproico, antrachinoni, flavonglicosidi, alcaloidi, beta-sitosterolo, flavonoidi, catechina, aminoacidi, proteine, carboidrati, fibre, fruttosio.

Tutti questi elementi aiutano a migliorare e potenziare le prestazioni del nostro sistema immunitario ed inoltre c’è da considerare che conferiscono molte altre proprietà come ad esempio di tipo analgesico, sedativo e antinfiammatorio.

Gli studi indicano che il Nonu è utile per una miriade di condizioni:

  • Produce effetti unici antidolorifici ed antinfiammatori.
  • Regola la funzione cellulare e la rigenerazione cellulare delle cellule danneggiate. Poiché il Nonu sembra operare a livello cellulare di base, è utile per una grande varietà di condizioni.
  • Elimina e lotta contro molti tipi di batteri, come E. Coli.Stimola la produzione delle cellule T nel sistema immunitario. (Le cellule T svolgono un ruolo chiave nello sconfiggere ed annientare le malattie).
  • Inibisce la crescita dei tumori cancerosi. Il damnacanthale, un composto trovato nella Morinda Citrifolia fu scoperto per inibire la funzione precancerosa.
  • Genera proprietà adattogeniche.
  • Stimola ed intensifica il sistema immunitario, compresi i macrofagi e componenti linfocitari vitali dei leucociti e dei meccanismi di difesa naturale del corpo.

Tutti possono avere benefici da questo frutto, che nelle isole del Pacifico viene utilizzato da secoli:

  • i bambini per crescere bene,
  • gli adolescenti per attenuare i problemi di una pelle sempre in eruzione e gli incontenibili sbalzi d’umore,
  • gli sportivi per avere prestazioni migliori,
  • la business class per eliminare lo stress,
  • le donne per essere piú vitali più toniche e più belle,
  • gli anziani per combattere tutti quei fenomeni tipici dell’invecchiamento.

NONI ED IL DOLORE

Il frutto del Nonu è stato adoperato per lungo tempo in modo efficace e sicuro per alleviare il dolore. Ricordate, due nomi tradizionali del Nonu erano “l’albero antidolorifico” e “l’albero della cefalea”.

In aggiunta alle migliaia e migliaia d’anni di uomini che usano con successo il Nonu per i dolori, la ricerca scientifica documenta gli effetti benefici del Nonu sul dolore. Nel 1990, i ricercatori hanno scoperto che “la somministrazione dell’estratto di Morinda Citrifolia mostrava una significativa attività analgesica centrale nei topi relativa al dosaggio (generalmente, più ne prendi, più forte gli effetti S.S.)”.

Un analgesico è una sostanza che riduce o elimina il dolore. I ricercatori proseguirono a sostenere che l’estratto di Nonu “non mostra alcun effetto tossico”. La Morinda Citrifolia cura dolori cronici intollerabili come le cefalee debilitanti, i dolori neuro-muscolari e delle articolazioni. In alcuni casi i risultati sono sorprendentemente veloci.

E’ importante ricordare che il Nonu agisce bene come ottimo analgesico e antinfiammatorio. Il Nonu contiene due dei migliori antiossidanti – la vitamina C ed il selenio oltre alle altre sostanze che agiscono contro i radicali liberi irritanti ed infiammatori nel corpo, riducono l’infiammazione e diminuiscono il dolore notevolmente.

Mitch Tate, fondatore del Center for Lifestyle Disease e di Nonu International, Inc., è riconosciuto come il “padre del Nonu moderno” ed è un educatore sulla salute. Secodo Mitch, migliaia di persone in tutto il mondo che utilizza il Nonu stanno ricevendo sollievo naturale per le loro “sfide” nel campo della salute. Il Nonu era virtualmente sconosciuto fuori dalle isole del Sud Pacifico ma tutto questo è cambiato quando Mitch e sua moglie Laura hanno trascorso una vacanza a Tahiti nell’agosto del 1994.

Mitch stesso ha sperimentato gli effetti della pianta quando si era ferito la spalla contro una scogliera corallina ed adoperò una foglia di Nonu schiacciata come “cerotto”. Incredibilmente, il dolore scomparve ed il taglio profondo si sanò velocemente senza infezione e senza lasciare cicatrice.

La tecnologia moderna ha confermato ciò che i guaritori Polinesiani sapevano da tempo. La Morinda Citrifolia è ricca di vitamine, minerali, oligoelementi, enzimi, alcaloidi benefici co-fattori e steroli di piante. Fornisce anche composti di rafforzamento della salute come gli antiossidanti, i fitonutrienti ed i bioflavonoidi.

E’ importante far rilevare che alcuni dei costituenti attivi del Nonu sono solubili quindi tendono ad essere eliminati tramite l’urina o la sudorazione. Uno studio ha mostrato che i costituenti del frutto del Nonu raggiungono la loro massima funzione curativa due ore dopo l’ingestione ed iniziano ad indebolirsi dopo quattro ore, eppure sono ancora attivi anche dopo 12 ore. Le implicazioni di questo studio suggeriscono che per ottenere i massimi benefici è consigliabile somministrare il Nonu (succo, capsule ecc.) parecchie volte a giorno in dosaggi scaglionati o divisi piuttosto che una o due volte al giorno. Ancora più importante, per ottenere risultati ottimali è meglio somministrare il Nonu, come altri tonici o erbe, continuamente e giornalmente come è sempre stato fatto tradizionalmente. A causa del suo sapore sgradevole, sarebbe difficile assumere il Noni al naturale, ma oggi è possibile reperirlo anche sotto forma di compresse.

DANNI DA FUMO

Diversi studi di intervento in doppio cieco e controllati con placebo hanno coinvolto i fumatori di sigarette, dimostrando la sostanziale attività antiossidante del succo di noni.

Uno studio di 30 giorni, ad esempio, ha studiato 285 volontari adulti che fumavano più di 20 sigarette al giorno (16). Mentre il placebo (succhi d’uva e mirtillo con un sapore di formaggio aggiunto per imitare il sapore del noni) non ha avuto alcun effetto, il succo di noni ha dimostrato una riduzione di circa il 30% dei radicali liberi.

Due studi clinici su fumatori hanno scoperto che bere 118 ml di succo di noni al giorno per 1 mese ha ridotto i livelli di sostanze chimiche cancerogene (addotti aromatici del DNA) di circa il 45% (17 e 18).

SALUTE DEL CUORE

Gli studi sui fumatori adulti hanno dimostrato l’effetto positivo del succo di noni sui lipidi nel sangue e sulla Proteina C Reattiva ad alta sensibilità (hs-PCR), che è un marcatore ematico dell’infiammazione.

Uno studio sui fumatori ha scoperto che bere fino a 188 ml di succo di noni al giorno per 1 mese ha ridotto significativamente il colesterolo totale, l’omocisteina (-23,9%), il colesterolo cattivo LDL (-12,1-36,4%) e la proteina C-reattiva (-15,2%) (19).

Parallelamente, si è osservato un aumento del colesterolo buono HDL (da 49 a 57 mg/dL).

In un altro studio umano su non fumatori sani, il succo di noni non ha ridotto il colesterolo. Gli Autori hanno suggerito che i suoi benefici ipocolesterolemizzanti potrebbero, quindi, essere limitati alle persone con colesterolo alto .

Negli studi sull’uomo e sugli animali, il frutto e l’estratto di noni hanno anche ridotto la pressione sanguigna (20 e 21)..

DIABETE

Diversi studi in vitro hanno indicato che il frutto del noni può essere utile nel controllo della formazione di prodotti finali di glicazione avanzata (AGE) e può successivamente ridurne gli effetti avversi.

Questi AGE si formano a causa degli alti livelli glicemici che caratterizzano il diabete e sono alla base delle sue complicanze.

Il potenziale antiglicativo del succo di noni è stato ulteriormente dimostrato in uno studio di intervento in aperto di 8 settimane e in uno studio trasversale (22).

Si ritiene che gli iridoidi siano gli attivi più importanti nel determinare tale effetto.

Attenzione, comunque, ai prodotti industriali a base di succo di noni, spesso ricchi di zuccheri aggiunti. Gli studi dimostrano che le bevande dolcificate con zucchero possono aumentare il rischio di malattie metaboliche, come la steatosi epatica (fegato grasso) e il diabete di tipo 2 (23 e 24).

Bibliografia e sitografia

  1. Current Opinion in Food Science. 2016;8:62-7.
  2. Compr Rev Food Sci Food Saf. 2019;18(4):883-909.
  3. Pac Trop Bot Gard Bull 1985;15:10–4.
  4. Front Pharmacol. 2022;13:993927.
  5. Journal of Functional Foods. 2023;101:105408.
  6. The EFSA Journal 2009;998:1-16.
  7. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12466051/
  8. https://scholar.google.com/scholar 
  9. https://scholar.google.com/scholar?hl=it&as_sdt=0%2C5&q
  10. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5920423/
  11. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17162334/
  12. https://scholar.google.com/scholar_lookup?journal=Chin.
  13. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20858541/
  14. https://scholar.google.com/scholar?hl=it&as_sdt=0%2C5&q
  15. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29641454/
  16. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19807926/
  17. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24804023/
  18. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19838937/
  19. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23097636/
  20. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/9731690/
  21. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5490519/
  22. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26904624/
  23. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29761318/
  24. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26199070/

 

Micoterapia

Ganoderma lucidum (Reishi) contiene principalmente proteine, grassi, carboidrati e fibre. La varietà coltivata artificialmente ha lo stesso contenuto di componenti nutrizionali di quelli che crescono liberi in natura, anzi utilizzando un metodo di coltivazione che rispetti le norme GMP (norme di buona fabbricazione) e gli standard di prodotto biologico europeo si otterrà un prodotto più sicuro, privo di contaminanti e ricco di elementi nutrizionali.

L’estrazione, poi, aumenta in modo significativo la quantità di proteine grezze (soprattutto i peptidi che svolgono una forte azione sull’organismo), polisaccaridi e riduce la quantità di fibre vegetali grezze. Mizuno ha riportato la composizione dell’estratto di Ganoderma lucidum (in % rispetto al peso secco), che consisteva in: folati (68,9%), glucosio (11,1%), proteine (7,3%), e metalli organici (10,2%) (K, Mg e Ca sono i principali componenti assieme a Ge, avendo la quinta più alta concentrazione di metalli a 489 microg/g).

Questi risultati generalmente concordano con quelli riportati da altri autori; tuttavia, ci sono differenze qualitative e quantitative nella composizione chimica dei prodotti di questo fungo a seconda del ceppo, l’origine, il processo di estrazione e delle condizioni di coltura. Come già detto prima, per ottenere un fungo che abbia una specifica azione a livello fisiologico bisogna che sia coltivato correttamente e lavorato rispettando le norme di buona fabbricazione, garantendo la qualità e l’efficacia del prodotto.

Le Principali Componenti Bioattive

Oltre 300 studi sono stati pubblicati in merito ai costituenti chimici del Ganoderma lucidum e delle specie affini. Il corpo fruttifero, il micelio e le spore contengono circa 400 diversi composti bioattivi, che includono prevalentemente triterpenoidi, polisaccaridi, nucleotidi, steroli, steroidi, acidi grassi, proteine/peptidi e oligoelementi.

1. Componenti terpenoidi: Triterpeni

Almeno 140 diversi triterpeni sono stati identificati nel Ganoderma lucidum. La maggior parte sono di sapore amaro e sono presenti sottoforma di acido Ganodermico. Un nuovo triterpene, chiamato acido Ganosporerico A, è stato recentemente isolato dalla frazione solubile in etere delle spore. In uno studio è stato riportato l’isolamento di sei nuovi triterpeni (lanostane) e anche dalle spore (acidi ganoderici gamma, delta, epsilon, zeta, eta, theta). Studi preliminari indicano che le spore contengono concentrazioni più elevate di acidi ganoderici rispetto ad altre parti del fungo e che la composizione triterpenica del corpo fruttifero varia a seconda della zona in cui viene coltivato. Le spore contengono anche lattoni triterpenici e questi triterpenoidi sono stati suddivisi in 10 gruppi in base alle analogie strutturali e alle proprietà biologiche e medicinali.

2. Carboidrati: Polisaccaridi

Più di 100 tipi di polisaccaridi sono stati isolati dal corpo fruttifero, spore e miceli, o separato dal brodo di coltura liquida sommersa di Ganoderma lucidum. La maggior parte hanno un peso molecolare compreso tra 4×105 a 1×106 nella struttura primaria. I suoi polisaccaridi come beta-D-glucani, eteropolisaccaridi, e glicoproteine sono stati isolati e caratterizzati e sono considerati i maggiori contribuenti della bioattività del fungo. I beta-D-glucani sono costituiti da una spina dorsale lineare di beta-(1à3) legante gruppi D-glucopiranosile con vari gradi di ramificazione dalla posizione C6. Oltre ai beta-D-glucani idrosolubili, ne esistono anche con catene eteropolisaccaride di xilosio, mannosio, galattosio, acido uronico e complessi proteici di beta-D-glucani che sono presenti al 10-50% del Ganoderma lucidum secco. Sono stati isolati  alcuni polisaccaridi legati a proteine e a fucosio, contenente glicoproteine, con bioattività sull’organismo.

3. Proteine

Sono numerose le proteine con particolare bioattività che sono state isolate dal Ganoderma lucidum. La LZ-8 è una proteina isolata da questo fungo che è stato dimostrato, da studi di sequenziamento, essere simile alla regione variabile della catena pesante dell’immunoglobulina nella sua sequenza e nella sua struttura secondaria. Non sono stati inibiti dagli zuccheri monomerici o dimerici esaminati, indicando che LZ-8 non è una lectina di per sé. Non ha agglutinato i globuli rossi umani, ma potrebbe funzionare come un potente soppressore dell’albumina di siero bovino e indurre anafilassi nei topi CFW in vitro. Esso sembra essere correlato ad una proteina ancestrale della superfamiglia delle immunoglobuline.

4. Composti azotati: Nucleotidi e nucleosidi

I Nucleosidi includono adenosina e 5-deoxy-5’methylsulfinylad-nosine.

5. Altri componenti

Il Reishi contiene anche steroli, amminoacidi, proteine ??solubili, acido oleico, ciclo-octasulfur, un perossido ergosterolo (5,8-epidioxy-ergosta-6,22E-dien-3-olo), e le cerebrosidi (4E0,8E) – ND-20-hydroxystearoyl-1-Ob-D-glucopiranosil-9-metil-4-8 sphingadienine, e (4E, 8E) ND-20-hydroxypamitoyl-1-OBD-glucopiranosil-9-metil-4-8- sphingadienine.

Per quanto riguarda gli ioni inorganici, il fungo contiene Mg, Ca, Zn, Mn, Fe, Cu, e Ge. Le spore contengono colina, betaina, acido tetracosanoico, acido stearico, acido palmitico, ergosta-7, 22-dien-3-olo, acido nonadecanoico, acido behenico, tetracosane, hentriacontane, ergosterolo, e b-sitosterolo. Uno dei lipidi isolati da Ganoderma lucidum è l’acido pirofosfatidico.

BIBLIOGRAFIA

1. Wasson, R.G. Soma: Divine Mushroom of Immortality; Harcourt Brace Jovanovich, Inc.: Los Angeles, CA, USA, 1968; 80–92.

2. Moncalvo, J.-M.; Ryvarden, L. A Nomenclatural study of the Ganodermataceae Donk; Synopsis Fungorum 11; Fungiflora: Oslo, Norway, 1997; 114.

3. Wasser, S.P.; Weis, A.L. Medicinal Mushrooms. Ganoderma lucidum, (Curtis: Fr.), P. Karst; Nevo, E., Eds.; Peledfus Publ House: Haifa, Israel, 1997; 39.

4. Chen, A.W. Cultivation of the medicinal mushroom Ganoderma lucidum (Curtis: Fr.), P. Karst (Reishi) in North America. Int. J. Med. Mushrooms 1999; 1 (3), 263–282.

5. Stamets, P. Growing Gourmet and Medicinal Mushrooms, 3rd Ed.; Ten Speed Press: CA, USA, 2000.

6. Chang, S.T.; Buswell, J.A. Ganoderma lucidum (Curt.: Fr.) P. Karst. (Aphyllophoromycetideae)— a mushrooming medicinal mushroom. Int. J. Med. Mushrooms 1999, 1 (2), 139–146.

7. Zhou, Sh.; Gao, Y. The immunomodulating effects of Ganoderma lucidum (Curt.: Fr.) P. Karst. (Ling Zhi, reishi mushroom) (Aphyllophoromycetideae). Int. J. Med. Mushrooms 2002, 4 (1), 1–11.

8. Ying, J.; Mao, X.; Ma, Q.; Zong, Z.; Wen, H. Icons of Medicinal Fungi from China; Yuehan, X., Ed.; Science Press: Beijing, 1987. Translated.

9. Jong, S.C.; Birmingham, J.M. Medicinal benefits of the mushroom Ganoderma. Adv. Appl. Microbiol. 1992, 37, 101–134. Translated. 10. Hobbs, Ch. Medicinal Mushrooms: An Exploration of Tradition, Healing, and Culture, 2nd Ed.; Botanica Press, Inc.: Santa Cruz, CA, USA, 1995.

11. McKenna, D.J; Jones, K.; Hughes, K. Reishi Botanical Medicines. The Desk reference for Major Herbal Supplements, 2nd Ed.; The Haworth Herbal Press: New York, London, Oxford, 2002; 825–855.

12. Hikino, H. Traditional remedies and modern assessment: the case of ginseng. In The Medicinal Plant Industry; Wijesekera, R.O.B., Ed.; CRC Press: Boca Raton, FL, USA; 149–166.

13. Liu, G.T. Recent advances in research of pharmacology and clinical applications of Ganoderma P. Karst. species (Aphyllophoromycetideae) in China. Int. J. Med. Mushrooms 1999, 1 (1), 63–68.

14. Zhou, Sh.; Kestell, P.; Baguley, B.C.; Paxton, J.W. 5,6-Dimethylxanthenone-4-acetic acid: a novel biological response modifier for cancer therapy. Invest. New Drugs 2002, 20, 281–295.

15. Zhou, Sh.; Gao, Y.; Chen, G.; Dai, X.; Ye, J.; Gao, H. A phase I=II study of a Ganoderma lucidum (Curt.: Fr.) P. Karst. (Ling Zhi, reishi mushroom) extract in patients with chronic epatiti B. Int. J. Med. Mushrooms 2002, 4 (4), 321–328.

16. Gao, Y.; Zhou, Sh.; Chen, G.; Dai, X.; Ye, J. A phase I=II study of a Ganoderma lucidum (Curt.: Fr.) P. Karst. extract (ganopoly) in patients with advanced cancer. Int. J. Med. Mushrooms 2002, 4 (3), 207–214.

17. Gao, Y.; Zhou, Sh.; Huang, M.; Xu, A. Antibacterial and antiviral value of the genus Ganoderma P. Karst. species (Aphyllophoromycetideae): a review. Int. J. Med. Mushrooms 2003, 5 (3), 235–246.

18. Gao, Y.; Lan, J.; Dai, X.; Ye, J.; Zhou, Sh. A phase I=II study of Ling Zhi mushroom Ganoderma lucidum. (W. Curt.: Fr.) Lloyd (Aphyllophoromycetideae) extract in patients with type II diabetes mellitus. Int. J. Med. Mushrooms 2004, 6 (1).

19. Hsu, H.Y., Chen, Y.P., Shen, S.J., Hsu, C.S., Chen, C.C., Chang, H.C., Eds.; Oriental Materia Medica: A Concise Guide, Oriental Healing Arts Institute: Long Beach, CA, USA, 1985; 640–641.

20. Mizuno, T. Reishi, Ganoderma lucidum and Ganoderma tsugae: bioactive substances and medicinal effects. Food Rev. Int. 1995, 11 (1), 151–166.

21. Kim, H.W.; Kim, B.K. Biomedical triterpenoids of Ganoderma lucidum (Curt.: Fr.) P. Karst. (Aphyllophoromycetideae). Int. J. Med. Mushrooms 1999, 1 (2), 121–138.

22. Min, B.S.; Nakamura, N.; Miyashiro, H.; Bae, K.W.; Hattori, M. Triterpens from the spores of Ganoderma lucidum and their inhibitory activity against HIV-1 protease. Chem. Pharm. Bull. 1999, 46, 1607–1612.

23. Min, B.S.; Gao, J.J.; Nakamura, N.; Hattori, M. Triterpenes from the spores of Ganoderma lucidum and their cytotoxicity against meth-A and LLC tumor cells. Chem. Pharm. Bull. 2000, 48, 1026–1033.

24. Chen, J.H.; Zhou, J.P.; Zhang, L.N.; Nakumura, Y.; Norisuye, T. Chemical structure of the water-insoluble polysaccharide isolated from the fruiting body of Ganoderma lucidum. Poly. J. 1998, 30, 838–842.

25. Wasser, S.P.; Weis, A.L. Medicinal properties of substances occurring in higher Basidiomycetes mushrooms: current perspectives (review). Int. J. Med. Mushrooms 1999, 1 (1), 31–62.

26. Cheong, J.; Jung, W.; Park, W. Characterization of an alkali-extracted peptidoglycan from Korean Ganoderma lucidum. Arch. Pharm. Res. 1999, 22, 515–519.

27. Ooi, V.E.C.; Liu, F. Immunomodulation and anti-cancer activity of polysaccharide–protein complexes. Curr. Med. Chem. 2000, 7, 715–729.

28. Wang, Y.Y.; Khoo, K.H.; Chen, S.T.; Lin, C.C.; Wong, C.H.; Lin, C.H. Studies on the immunomodulating and antitumor activities of Ganoderma lucidum (Reishi) polysaccharides: functional and proteomic analyses of a fucosecontaining glycoprotein fraction responsible for the activities. Bioorg. Med. Chem. 2002, 10, 1057–1062.

29. Kawagishi, H.; Mitsunaga, S.; Yamawaki, M.; Ido, M.; Shimada, A.; Kinoshita, T.; Murata, T.; Usui, T.; Kimura, A.; Chiba, S. A lectin from mycelia of the fungus Ganoderma lucidum. Phytochemistry 1997, 44, 7–10.

30. Wasser, S.P. Medicinal mushrooms as a source of antitumor and immunomodulating polysaccharides. Appl. Microbiol. Biotechnol. 2002, 60, 258–274.
Per maggiori informazioni visita anche la pagina MICOTERAPIA o QUI

Antiossidanti e sistema immunitario

Il sistema immunitario è particolarmente sensibile allo stress ossidativo. Le cellule immunitarie fanno molto affidamento sulla comunicazione cellula-cellula, in particolare tramite i recettori di membrana, per funzionare in modo efficace.

Le membrane cellulari sono ricche di acidi grassi polinsaturi che, se perossidati, possono portare a una perdita di integrità della membrana, alterazione della fluidità e provocare alterazioni nella segnalazione intracellulare e nella funzione cellulare.

È stato dimostrato che l’esposizione a ROS può condurre a una riduzione dell’espressione dei recettore di membrana. Inoltre, la produzione di ROS da parte delle cellule immunitarie fagocitiche può danneggiare le cellule stesse, se non sufficientemente protette dagli antiossidanti.

Una condizione di stress ossidativo è stata a lungo associata ad una maggiore suscettibilità alle malattie infettive: si ritiene che l’aumento della gravità e la suscettibilità alle malattie infettive sia il risultato di una ridotta risposta immunitaria conseguente a un cattivo bilancio tra ROS e antiossidanti, inducendo una meno efficace capacità di gestione della malattia infettiva.

Immaginando l’equilibrio tra specie radicaliche e antiossidanti come una bilancia a due piatti, con ROS da una parte e antiossidanti dall’altra, si ritiene che “ribaltare” l’equilibrio a favore del “piatto ROS” sia uno dei principali fattori che contribuiscono alla patogenesi di numerosi disturbi degenerativi come il cancro, malattie autoimmuni, cardiovascolari e al processo di invecchiamento in generale.

 

Notevoli miglioramenti della funzione immunitaria sono stati osservati in soggetti anziani a seguito di integrazione con nutrienti antiossidanti, ma esistono prove crescenti che tali effetti possono essere osservati anche in soggetti giovani sani.

L’associazione tra diete ricche di nutrienti antiossidanti e una ridotta incidenza di cancro sono state osservate in numerosi studi epidemiologici ed è stato suggerito che un’attivazione del sistema immunitario da parte degli antiossidanti potrebbe, almeno in parte, giustificare tale evidenza.

Ragion per cui può risultare cruciale mantenere l’equilibrio tra specie radicaliche e ROS tramite l’impiego di antiossidanti, al fine di rallentare, se non prevenire, l’insorgenza di molti disturbi legati all’età.

Un sistema immunitario “vigile” e “ben regolato” è determinante per salvaguardare la salute dell’organismo e prevenire la patogenesi di malattie cronico-degenerative, infezioni virali e batteriche.

ACIDO ASCORBICO (VITAMINA C)

L’acido ascorbico (noto anche come vitamina C) è un micronutriente essenziale per l’uomo, con funzioni pleiotropiche legate alla sua capacità di donare elettroni. È un potente antiossidante e cofattore di una famiglia di enzimi biosintetici e regolatori genici della monossigenasi e della diossigenasi: sono coinvolti nella sintesi di collagene, carnitina, catecolamine (adrenalina e noradrenalina) e ormoni peptidici (vasopressina), oltre a svolgere un ruolo di rilievo nella trascrizione genica e nella regolazione epigenetica.

La vitamina C contribuisce alla difesa immunitaria supportando varie funzioni cellulari del sistema immunitario innato e adattivo, regolando l’attivazione sia della risposta cellulare che umorale, sostiene la funzione della barriera epiteliale contro i patogeni e promuove l’attività scavenger della pelle, proteggendo quindi potenzialmente dallo stress ossidativo ambientale.

La vitamina C si accumula nelle cellule fagocitiche, come i neutrofili, e può migliorare la chemiotassi, la fagocitosi, la generazione di specie reattive dell’ossigeno (ROS) e infine l’uccisione microbica. È anche necessaria per l’apoptosi e l’eliminazione dei neutrofili esauriti dai siti di infezione da parte dei macrofagi, riducendo così la necrosi/NETosi e il potenziale danno tissutale. Il ruolo della vitamina C nei linfociti è meno chiaro, ma è stato dimostrato che migliora la differenziazione e la proliferazione delle cellule B e T, probabilmente grazie ai suoi effetti sulla regolazione genica.

La carenza di vitamina C provoca un’immunità compromessa e una maggiore suscettibilità alle infezioni.

A loro volta le infezioni hanno un impatto significativo sui livelli di vitamina C per l’aumento dell’infiammazione e del fabbisogno metabolico. L’integrazione con vitamina C favorisce la prevenzione e la cura delle infezioni respiratorie e sistemiche. La prevenzione profilattica dell’infezione richiede assunzioni dietetiche di vitamina C che forniscano livelli plasmatici almeno adeguati, se non saturi (cioè, 100-200 mg/die), che ottimizzano i livelli di cellule e tessuti.

PROANTOCIANIDINE (OPC)

Le proantocianidine oligomeriche, anche note come OPC, sono sostanze antiossidanti appartenenti al gruppo dei flavonoidi, ovvero polifenoli metaboliti secondari delle piante. Alcuni flavonoidi sono in grado di inibire la lipoossigenasi altri, come la luteolina e la galangina, sono in grado di inibire la cicloossigenasi. Si ha in questo modo una doppia inibizione sulla cascata dell’acido arachidonico (antinfiammatorio e antiaggregante).

Esplicano importante attività antiossidante di cui sono ipotizzati due meccanismi: chelazione di metalli di transizione (in particolare ferro e rame) e inattivazione dei radicali liberi. In sinergia con la vitamina C, gli OPC funzionano come antiossidanti per l’acido ascorbico, probabilmente perché chelano il rame ed altri metalli, ritardando così la sua conversione a deidroascorbato; agiscono come accettori di radicali liberi, poiché quest’ultimi sono responsabili dell’ossidazione dell’ascorbato; aumentano l’assorbimento intestinale dell’acido ascorbico.

OLEUROPEINA DELL’OLEA EUROPAEA

Le proprietà farmacologiche dell’olio d’oliva, del frutto dell’olivo e delle sue foglie sono state riconosciute come componenti importanti della medicina e una dieta sana grazie al contenuto fenolico. Tra i composti fenolici che si trovano in tutte le parti della pianta di olivo il più importante è indubbiamente l’oleuropeina. Essa, come tutte le fitoalessine, ha diverse proprietà farmacologiche:
antiossidante
– antinfiammatora
– anti-aterogenica
– anti-cancro
– antimicrobici
– antivirali

Inoltre, l’oleuropeina ha dimostrato di essere cardioprotettiva[41] e ha dimostrato di esibire attività anti-ischemiche e ipolipidemizzante[42]. Azione antinfettiva. L’oleuropeina ha dimostrato possedere una forte attività antimicrobica nei confronti di batteri Gram-negativi, Gram-positivi e micoplasma. Strutture fenoliche simili all’oleuropeina sembrano produrre questo effetto antibatterico danneggiando la membrana batterica e/o degradando i peptidoglicani cellulari.

L’attività antinfettiva si esplica anche nei confronti dei virus: gli studi hanno evidenziato potenti attività antivirali contro Epstein-Barr Virus (EBV), virus dell’epatite, rotavirus, rinovirus, parvovirus canino e virus della leucemia felina. Gli studi hanno anche dimostrato che l’oleuropeina mostra una significativa attività antivirale contro il virus respiratorio sinciziale e il virus para-influenza.

Azione antiossidante

L’oleuropeina riduce i livelli intracellulari di specie reattive dell’ossigeno (ROS) e la quantità di proteine ossidate. È importante sottolineare che le colture cellulari trattate con oleuropeina presentano un ritardo nella comparsa della morfologia della senescenza.

Azione Ipoglicemizzante

L’azione antidiabetica dell’oleuropeina è supportata da recenti ricerche sperimentali e da studi clinici: la somministrazione giornaliera di circa 50 mg del polifenolo per 12 settimane a un gruppo di soggetti di mezza età, sovrappeso e, pertanto a rischio per lo sviluppo del diabete di tipo 2, ha ridotto la glicemia e migliorato sia la secrezione che la sensibilità all’insulina. A livello dei tessuti periferici, l’effetto sulla riduzione della resistenza all’attività insulinica appare essere basato su meccanismi comuni a quelli ipotizzati per la metformina.

Azione neuroprotettiva

Gli effetti anti-neurodegenerativi sono stati oggetto di una serie di studi effettuati sia su cellule neuronali in coltura che su animali modello, in situazione cerebrale simile a quella presente nel morbo di Alzheimer, la principale forma di demenza associata all’invecchiamento nell’uomo. Questi effetti, che mostrano una chiara dose-dipendenza, almeno in parte, essere ricondotti alla mobilizzazione del calcio dai depositi intracellulari con la conseguente attivazione di segnali che risultano nell’attivazione dell’autofagia.

Fonti bibliografiche

  1. Anderson R (1982) Effects of ascorbate on normal and abnormal leucocyte functions. International Journal for Vitamin and Nutrition Research 23, Suppl., 23-34.
  2. Roy M, Kiremidjian-Schumacher L, Wishe HI, Cohen MW & Stotzky G (1994) Supplementation with selenium and human immune functions. I. Effect on lymphocyte proliferation and interleukin-2 receptor expression. Biological Trace Elements Research 41, 103-1 14.
  3. Beck MA. Antioxidants and viral infections: host immune response and viral pathogenicity. J Am Coll Nutr. 2001 Oct;20(5 Suppl):384S-388S; discussion 396S-397S.
  4. Beck MA (1998) The influence of antioxidant nutrients on viral infection. Nutrition Reviews 56, S 140-S 146.
  5. Anderson R, Smith MJ, Joone GK & Van Straden AM (1990) Vitamin C and cellular immune functions. Protection against hypochlorous acid-mediated inactivation of glyceraldehyde-3 phosphate dehydrogenase and ATP generation in human leukocytes as a possible mechanism of ascorbate-mediated immunostimulation. Annals of the New York Academy of Scieiices 587,3443.
  6. Parkin J., Cohen B. An overview of the immune system. Lancet. 2001;357:1777–1789. doi: 10.1016/S0140-6736(00)04904-7.
  7. Maggini S., Wintergerst E.S., Beveridge S., Hornig D.H. Selected vitamins and trace elements support immune function by strengthening epithelial barriers and cellular and humoral immune responses. Br. J. Nutr. 2007;98:S29–S35. doi: 10.1017/S0007114507832971.
  8. Webb A.L., Villamor E. Update: Effects of antioxidant and non-antioxidant vitamin supplementation on immune function. Nutr. Rev. 2007;65:181. doi: 10.1111/j.1753- 4887.2007.tb00298.x.
  9. Burns J.J. Missing step in man, monkey and guinea pig required for the biosynthesis of lascorbic acid. Nature. 1957;180:553. doi: 10.1038/180553a0.
  10. Nishikimi M., Fukuyama R., Minoshima S., Shimizu N., Yagi K. Cloning and chromosomal mapping of the human nonfunctional gene for l-gulono-gamma-lactone oxidase, the enzyme for l-ascorbic acid biosynthesis missing in man. J. Biol. Chem. 1994;269:13685– 13688.
  11. Sauberlich H.E. A history of scurvy and vitamin C. In: Packer L., Fuchs J., editors. Vitamin C in Health and Disease. Marcel Dekker; New York, NY, USA: 1997. pp. 1–24.
  12. 7. Hemila H. Vitamin C and Infections. Nutrients. 2017;9:339. doi: 10.3390/nu9040339.
  13. Bagchi D, Swaroop A, Preuss HG, Bagchi M. Free radical scavenging, antioxidant and cancer chemoprevention by grape seed proanthocyanidin: an overview. Mutat Res. 2014;768:69– 73.
  14. Ozeki Y, Nagamura Y, Ito H, Unemi F, Kimura Y, Igawa T, Kambayashi Ji, Takahashi Y, Yoshimoto T. An anti-platelet agent, OPC-29030, inhibits translocation of 12-lipoxygenase and 12-hydroxyeicosatetraenoic acid production in human platelets. Br J Pharmacol. 1999 Dec;128(8):1699-704.
  15. Visioli F, Galli C, Galli G, Caruso D. Biological activities and metabolic fate of olive oil phenols. Eur J Lipid Sci Technol. 2002;104:677–684. doi:10.1002/1438- 9312(200210)104:9/10<677::AID-EJLT677>3.0.CO;2-M.
  16. Visioli F, Bogani P, Galli C. In: Healthful properties of olive oil minor components, in Olive Oil, Chemistry and Technology. Boskou D, editor. AOCS Press; Champaign, IL: 2006. pp. 173–190.
  17. De la Puerta R, Dominguez MEM, Ruiz-Guttierrez V, Flavill JA, Hoult JRS. Effects of olive oil phenolics on scavenging of reactive nitrogen species and upon nitrergic neurotransmission. Life Sci. 2001;69:1213–1222. doi:10.1016/S0024-3205(01)01218-8.
  18. De la Puerta R, Guttierrez VR, Hoult JRS. Inhibition of leukocyte 5-lipoxygenase by phenolics from virgin olive oil. Biochem Pharmacol. 1999;57:445–449. doi:10.1016/S0006- 2952(98)00320-7.
  19. Visioli F, Galli C. Antiatherogenic components of olive oil. Curr Atheroscler Rep. 2001;3:64– 67. doi:10.1007/s11883-001-0012-0.
  20. Hamdi HK, Castellon R. Oleuropein, a non-toxic olive iridoid, is an anti-tumor agent and cytoskeleton disruptor. Biochem Biophys Res Commun. 2005;334:769–778. doi:10.1016/j.bbrc.2005.06.161.
  21. Han J, Talorete TP, Yamada P, Isoda H. Anti-proliferative and apoptotic effects of oleuropein and hydroxytyrosol on human breast cancer MCF-7 cells. Cytotechnology. 2009;59:45–53.
  22. Bisignano G, Tomaino A, Lo Cascio R, Crisafi G, Uccella N, Saija A. On the in-vitro antimicrobial activity of oleuropein and hydroxytyrosol. J Pharm Pharmacol. 1999;51:971– 974. doi:10.1211/0022357991773258.
  23. Aziz NH, Farag SF, Mousa LA, Abo-Zaid MA. Comparative antibacterial and antifungal effects of some phenolic compounds. Microbios. 1998;93:43–54. PMid:9670554.
  24. Fleming HP, Walter WM, Jr, Etchells L. Antimicrobial properties of oleuropein and products of its hydrolysis from green olives. Appl Microbiol. 1973;26:777–782. PMid:4762397.
  25. Ma SC, He ZD, Deng XL, But PP, Ooi VE, Xu HX, Lee SH, Lee SF. In vitro evaluation of secoiridoid glucosides from the fruits of Ligustrum lucidum as antiviral agents. Chem Pharm Bull. 2001;49:1471–1473. doi:10.1248/cpb.49.1471.
  26. Lee-Huang S, Zhang L, Chang YY, Huang PL. Anti-HIV activity of olive leaf extract (OLE) and modulation of host cell gene expression by HIV-1 infection and OLE treatment. Biochem Biophys Res Commun. 2003;307:1029–1037. doi:10.1016/S0006-291X(03)01292-0.

 
Per maggiori informazioni visita anche la pagina MICOTERAPIA

Micoterapia

Il termine “Funghi” non identifica una categoria tassonomica. Questo termine dovrebbe indicare, secondo la definizione di Chang e Miles, “un macrofungo con un corpo fruttifero distintivo che può essere sia ipogeo o epigeo, grande abbastanza per essere visto ad occhio nudo ed essere raccolto con le mani”(1).

I funghi costituiscono almeno 14.000 specie conosciute, numero che può arrivare forse fino a 22.000.

Il numero di specie di funghi sulla terra è stimato essere approssimativamente intorno a 140.000, il che suggerisce che solo il 10% sono noti. Supponendo che la percentuale di funghi utili tra i funghi sconosciuti e non esaminate sarà solo il 5%, ciò implica che 7.000 specie ancora sconosciute potrebbero essere benefiche per l’umanità(2).

Anche tra le specie note la percentuale di funghi saggiate è molto bassa.

L’utilizzo dei funghi per il benessere dell’organismo, ha iniziato a prendere sempre più piede anche nel sistema occidentale; molte cose devono essere ancora scoperte, molte ricerche devono ancora essere effettuate, ma ciò che sappiamo sul loro conto e sul benessere che possono apportare alla nostra salute è di certo di buon auspicio.

 

I funghi più studiati in questo campo, ad oggi, sono:

– Agaricus blazei Murrill

– Cordyceps sinensis

– Coriolus versicolor

– Ganoderma lucidum

– Grifola frondosa

– Lentinula edodes

I loro composti bioattivi, soprattutto i polisaccaridi, i beta-glucani e i triterpeni, sono molto studiati e sembrano possedere importanti attività antibatterica e antivirale.

AZIONE ANTIBATTERICA

I funghi necessitano di composti antibatterici e antimicotici per sopravvivere nel loro ambiente naturale; non sorprende quindi che composti antimicrobici, con attività più o meno forte ed efficace, potrebbero essere isolati da diversi funghi che potrebbero essere di beneficio per l’uomo(3). Ad esempio, l’acido ossalico è l’agente responsabile dell’effetto antimicrobico svolto dalla Lentinula edodes contro lo Staphylococcus aureus e altri batteri(4). Gli estratti etanolici di questo fungo possiedono attività antiprotozoaria contro il Paramecium caudatum(5).

AZIONE ANTIVIRALE

Diversi triterpeni estratti da Ganoderma lucidum (cioè Ganoderiol F(6), Ganodermanontriol(7), acido Ganodermico B(8)) sono agenti antivirali attivi contro il virus dell’immunodeficienza umana di tipo 1 (HIV-1). È stato calcolato che la concentrazione minima di Ganoderiol F e Ganodermanontriol, per completa l’inibizione dell’infezione da HIV-1 ad effetto citopatico in cellule MT-4, è di 7,8 microgrammi/ml.
È stata segnalata un’attività anti-HIV del terreno di coltura del micelio di Lentinula edodes (Shiitake) e della lignina idrosolubile di questo fungo(9,10). Il Lentinano solfato, estratto dallo Shiitake, ha completamente impedito l’effetto citopatico HIV-indotto(11). I polisaccaridi legati alle proteine PSK e PSP isolate da Coriolus versicolor (o Trametes versicolor) è stato trovato possedere un effetto antivirale in vitro sul virus dell’HIV e il citomegalovirus(12). Oltre l’efficace immunostimolazione operata da questi composti che caratterizzano il fungo, altri effetti svolti dai complessi polisaccaride-proteina contribuiscono all’attività antivirale, ad esempio all’inibizione del legame della glicoproteina 120 (gp120) dell’HIV-1 al recettore CD4 immobilizzato e all’inibizione dell’attività della trascrittasi inversa del virus(13). Inoltre, la Frazione D (MD-fraction) estratta dalla Grifola frondosa (Maitake) è stata testata in un trial a lungo termine in 35 pazienti affetti da HIV. L’85% di questi, dopo somministrazione della frazione estratta, ha segnalato un maggiore senso di benessere per quanto riguarda i vari sintomi e le malattie secondarie opportunistiche causate dall’HIV. Venti pazienti hanno mostrato un aumento della conta delle cellule CD4+ di 1,4-1,8 volte e otto pazienti una diminuzione di 0,8-0,5 volte(14).
Questo dimostra la possibile azione che i vari funghi possono avere in questo campo. Ovviamente bisogna sempre avere il parere di uno specialista medico e non eseguire mai di proprio conto un possibile piano di cura, questo peggiorerà solamente il decorso della malattia. È importante, inoltre, informarsi sull’origine, la coltivazione e i metodi di produzione dei funghi e dei loro estratti: funghi non biologici e non lavorati con le metodiche opportune possono causare gravi intossicazioni, reazioni allergiche anche gravi e provocare un peggioramento nella patologia.

Sono stati valutati vari funghi ad azione antivirale, in particolare:

– Inonotus obliquus (Chaga)
Contrasta lo stress ossidativo aberrante derivante dall’attività immunitaria conseguente a infezione virale acuta.
– Agaricus blazei Murrill (AbM)
La somministrazione di ABM ha portato alla negativizzazione degli indici di attività virale in pazienti con epatite B cronicizzata.
– Lentinus edodes (Shiitake)
Agisce antagonizzando le replicazione sia di RNA-virus che DNAvirus, in particolare: herpes, encefalite, poliovirus, morbillo, parotite, HIV.
– Grifola frondosa (Maitake)
Ha un effetto antivirale nei confronti del virus dell’epatite B. E’ utile nel trattamento dell’HIV perché protegge i linfociti T dalla distruzione, ritardando il progredire della malattia.
– Ganoderma lucidum (Reishi)
E’ utile per il suo effetto di stimolo immunologico che si esplica soprattutto in soggetti che si ammalano spesso per virosi in relazione ad uno stato di deficit immunologico fisiologico (età) o iatrogeno. L’azione antivirale diretta si esplica nei confronti di RNA-virus: due terpenoidi specifici hanno evidenziato la capacità di interagire con la neuraminidasi e inibire l’attività di rilascio della struttura virale neoformata.

 

FONTI BIBLIOGRAFICHE

  1. Chang ST, Miles PG. Mushrooms biology—a new discipline. Mycologist. 1992;6:64–5.
  2. Hawksworth DL. Mushrooms: the extent of the unexplored potential. Int J Med Mushrooms. 2001;3:333–7.
  3. Lindequist U, Teuscher E, Narbe G. Neue Wirkstoffe aus Basidiomyceten. Z Phytother. 1990;11:139–49. (in German)
  4. Bender S, Dumitrache CN, Backhaus J, Christie G, Cross RF, Lonergan GT, et al. A case for caution in assessing the antibiotic activity of extracts of culinary-medicinal Shiitake mushroom [Lentinus edodes (Berk.)Singer] (Agaricomycetidae) Int J Med Mushrooms. 2003;5:31–5.
  5. Badalyan SM. Antiprotozoal activity and mitogenic effect of mycelium of culinary-medicinal shiitake mushroom Lentinus edodes (Berk.) Singer (Agaricomycetidae) Int J Med Mushrooms. 2004;6:131–8.
  6. Stamets P. Growing Gourmet and Medicinal Mushrooms. Berkely: Ten Speed Press; 2000.
  7. Zjawiony J. Biologically active compounds from Aphyllophorales (Polypore) fungi. J Nat Prod. 2004;67:300–10.
  8. Chang ST. Mushroom research and development—equality and mutual benefit. In: Royse DJ, editor. Proceedings of the 2nd International Conference on Mushroom Biology and Mushroom Products. Pennsylvania State University; 1996. pp. 1–10.
  9. Tochikura TS, Nakashima H, Ohashi Y, Yamamoto N. Inhibition (in vitro) of replication and of the cytopathic effect of human immunodeficiency virus by an extract of the culture medium of Lentinus edodes mycelia. Med Microbiol Immunol. 1988;177:235–44.
  10. Suzuki H, Okubo A, Yamazaki S, Suzuki K, Mitsuya H, Toda S. Inhibition of the infectivity and cytopathic effect of human immunodeficiency virus by water-soluble lignin in an extract of the culture medium of Lentinus edodes mycelia (LEM) Biochem Biophys Res Commun. 1989;160:367–73.
  11. Yoshida O, Nakashima H, Yoshida T, Kaneko Y, Yamamoto I, Matsuzaki K, et al. Sulfation of the immunomodulating polysaccharide lentinan: a novel strategy for antivirals to human immunodeficiency virus (HIV) Biochem Pharmacol. 1988;37:2887–91.
  12. Tochikura TS, Nakashima H, Hirose K, Yamamoto N. A biological response modifier, PSK, inhibits human immunodeficiency virus infection in vitro. Biochem Biophys Res Commun. 1987;148:726–33.
  13. Colins RA, Ng TB. Polysaccharopeptide from Coriolus versicolor has potential for use against human immunodeficiency virus type 1 infection. Life Sci. 1997;60:PL383–7.
  14. Nanba H, Kodama N, Schar D, Turner D. Effects of maitake (Grifola frondosa) glucan in HIV-infected patients. Mycoscience. 2000;41:293–5.

Ulteriori fonti:

Adams, Elizabeth L (2008). “Differential High-Affinity Interaction of Dectin-1 with Natural or Synthetic Glucans Is Dependent upon Primary Structure and Is Influenced by Polymer Chain Length and Side-Chain Branching”. The Journal of Pharmocology and Experimental Therapeutics.
Chang ST. Mushroom research and development—equality and mutual benefit. In: Royse DJ, editor. Proceedings of the 2nd International Conference on Mushroom Biology and Mushroom Products. Pennsylvania State University; 1996. pp. 1–10.
Ma XL, Meng M, Han LR, Li Z, Cao XH, Wang CL. Immunomodulatory activity of macromolecular polysaccharide isolated from Grifola frondosa. Chin J Nat Med. 2015 Dec;13(12):906-14. doi: 10.1016/S1875-5364(15)30096-0.
Markova N, Michailova L, Kussovski V, Jourdanova M, Radoucheva T. Intranasal application of lentinan enhances bactericidal activity of rat alveolar macrophages against Mycobacterium tuberculosis. Pharmazie. 2005 Jan;60(1):42-8.
Mizuno TK. Agaricus blazei Murrill medicinal and dietary effects. Food Rev Int. 1995;11:167– 72.
Nanba H, Kodama N, Schar D, Turner D. Effects of maitake (Grifola frondosa) glucan in HIVinfected patients. Mycoscience. 2000;41:293–5.

n vivo and in vitro anti-inflammatory and anti-nociceptive effects of the methanol extract of Inonotus obliquus. J Ethnopharmacol. 2005 Oct 3; 101(1-3):120-8.
Suzuki H, Okubo A, Yamazaki S, Suzuki K, Mitsuya H, Toda S. Inhibition of the infectivity and cytopathic effect of human immunodeficiency virus by water-soluble lignin in an extract of the
culture medium of Lentinus edodes mycelia (LEM) Biochem Biophys Res Commun. 1989;160:367–73.
Førland DT, Johnson E, Saetre L, Lyberg T, Lygren I, Hetland G. Effect of an extract based on the medicinal mushroom Agaricus blazei Murill on expression of cytokines and calprotectin in patients with ulcerative colitis and Crohn’s disease. Scand J Immunol. 2011 Jan;73(1):66-75. doi: 10.1111/j.1365-3083.2010.02477.x.
Cai Z, Wong CK, Dong J, Jiao D, Chu M, Leung PC, Lau CB, Lau CP, Tam LS, Lam CW. Antiinflammatory activities of Ganoderma lucidum (Lingzhi) and San-Miao-San supplements in MRL/lpr mice for the treatment of systemic lupus erythematosus. Chin Med. 2016 Apr 29;11:23. doi: 10.1186/s13020-016-0093-x. eCollection 2016.
Giorgio Macchi, Malattie del Sistema Nervoso, 2ª ed., Piccin, 2005, ISBN 978-88-299-1739-6.
Li W, Zhou W, Cha JY, Kwon SU, Baek KH, Shim SH, Lee YM, Kim YH. Sterols from Hericium erinaceum and their inhibition of TNF-α and NO production in lipopolysaccharide-induced RAW 264.7 cells. Phytochemistry. 2015 Jul;115:231-8. doi: 10.1016/j.phytochem.2015.02.021. Epub 2015 Mar 18.
Chang HC, Yang HL, Pan JH, Korivi M, Pan JY, Hsieh MC, Chao PM, Huang PJ, Tsai CT, Hseu YC. Hericium erinaceus Inhibits TNF-α-Induced Angiogenesis and ROS Generation through Suppression of MMP-9/NF-κB Signaling and Activation of Nrf2-Mediated Antioxidant Genes in Human EA.hy926 Endothelial Cells. Oxid Med Cell Longev. 2016;2016:8257238. doi: 10.1155/2016/8257238. Epub 2015 Dec 28.
Kim SK, Son CG, Yun CH, Han SH. Hericium erinaceum induces maturation of dendritic cells derived from human peripheral blood monocytes. Phytother Res. 2010 Jan;24(1):14-9. Doi: 10.1002/ptr.2849.

 

Per maggiori informazioni visita anche la pagina MICOTERAPIA o QUI

Le Proteine di canapa in polvere sono un supplemento proteico utilizzabile sia da vegetariani che da onnivori, per aumentare l’introito proteico giornaliero.

Grazie alla loro elevata digeribilità, le proteine della canapa costituiscono una fonte superiore rispetto alle classiche proteine in polvere. Inoltre, le speciali proprietà della pianta si riflettono su un generale miglioramento del sistema immunitario e del fegato, oltre a una migliore resistenza alla fatica.

La canapa è la varietà di cannabis quasi totalmente, se non completamente, priva di THC: il famoso principio attivo responsabile degli effetti psicotropi derivanti da un suo consumo.

La canapa è, per tale ragione, la più indicata ad essere impiegata sia per scopi alimentari che per scopi medici.

I semi della canapa, a partire dai quali si ottengono le omonime proteine in polvere, sono composti per il 45% da olio, per il 35% da proteine e per il 10% da carboidrati.

Ci sono, oltre a tutto ciò, anche molti benefici nutrizionali, sostenuti da numerose pubblicazioni . Oltre al semplice contenuto proteico, le proteine in polvere della canapa spesso includono altri due componenti che favoriscono una buona salute.

Fibre

La canapa contiene sia fibre solubili che insolubili e la maggior parte dei suoi prodotti proteici contiene circa 10 grammi per porzione.

La fibra solubile nella proteina della canapa è una fonte di batteri intestinali utili che hanno dimostrato di aiutare a regolare lo zucchero nel sangue. La fibra insolubile aiuta il corpo a far transitare i rifiuti attraverso il tratto intestinale.

E’ anche riempitiva, rendendo le proteine della canapa una scelta eccellente per sostituire un pasto con uno shaker. A tal proposito, possono essere una scelta migliore delle proteine del siero di latte, che non contengono praticamente alcuna fibra.

Grassi buoni

Le proteine della canapa presentano generalmente tre grammi di grassi per porzione, derivanti da acidi grassi omega-3 e omega-6, che sono stati riconosciuti per sostenere la salute del cuore.

Gli omega-3 sono difficili da trovare in fonti non ittiche, e l’alto contenuto di acido stearidonico della canapa (un tipo di omega-3) le rende una buona alternativa per coloro che non mangiano pesce.

I semi della canapa contengono il bilancio ideale (3:1) di Omega 3 e Omega 6, molecole lipidiche che contribuiscono a migliorare il sistema cardiovascolare.

Più nello specifico, le proteine in polvere della canapa contengono acido linoleico (omega 3) che come è stato dimostrato da alcuni studi [1] , aiuta a prevenire cardiopatica coronarica.

Altra importante caratteristica, sempre per merito delle fibre, sono i ridotti livelli di colesterolo LDL e la migliore gestione dei grassi che tendono ad essere utilizzati per scopi energetici a breve termine che ad accumularsi.

Altri benefici

Secondo uno studio annuale pubblicato nel 2008 [2], le proteine dei semi di canapa possono avere effetti benefici contro la sensazione di fatica e migliorare il sistema immunitario.

In uno studio controllato, dei topi ai quali sono state somministrate delle proteine della canapa in polvere, hanno mostrato miglioramenti nella durata della loro capacità di nuoto e nella concentrazione di acido lattico nei muscoli (che diminuiva, consentendo uno sforzo prolungato).

Un altro studio, pubblicato nel 2011 in “Molecular Nutrition & Food Research” ha scoperto che una dieta affiancata dall’assunzione di proteine della canapa e di soia (nell’esperimento sono citate anche quest’ultime) è capace di migliorare le funzioni del fegato e di abbassare l’ipertrofia cardiaca.

I semi e l’ olio di semi di Canapa sono considerati, inoltre, un ottimo alleato nella riparazione del DNA:

-hanno il perfetto rapporto 3: 1 di acidi grassi ,Omega 6 e Omega 3, necessari per il corpo umano,

-dispongono di vitamina A, B1, B2, B3, B6, C, D ed E. ;

-contengono antiossidanti, proteine, carotene, fitosteroli, fosfolipidi, così come un certo numero di minerali tra cui calcio, magnesio, zolfo, potassio, ferro, zinco e fosforo.

Tutti questi nutrienti,se assunti giornalmente nella propria dieta alimentare, giocano un ruolo importantissimo nel mantenere il nostro organismo in salute e senza squilibri di alcun genere, ma quello che più di tutti può fare la differenza nella riparazione del DNA, è la proteina.

I semi di Canapa hanno un alto contenuto di proteine, di cui il 65% di Edestina e 35% Albumina.

Questo contenuto eccezionalmente alto di Edestina combinato con l’Albumina, rende immediatamente disponibili tutti gli amminoacidi presenti, in una proporzione perfetta per assicurare al nostro corpo i mattoni necessari alla costruzione delle immunoglobine, gli anticorpi, il cui compito è di respingere le infezioni prima che si presentino i sintomi di una malattia.

Come usare gli integratori proteici a base di canapa

Un individuo sedentario necessita circa di 0.8 g di proteine per Kg di peso corporeo al giorno. La percentuale è più elevata nel caso si pratichi un’attività fisica regolarmente, fino ad arrivare anche a 1,5-1,7 g/kg  giornalieri. Inoltre, per vegetariani e vegani, può risultare più difficile raggiungere il proprio fabbisogno proteico rispetto a chi segue una dieta onnivora.

Uno dei motivi principali è che le proteine vegetali sono meno digeribili rispetto a quelle animali.

La quantità da assumere, dipende dalle vostre personali esigenze ma le dosi consigliate sono di 1-2 misurini, da 25-30 g l’uno, al giorno.

Le proteine in polvere della canapa non presentano particolari limitazioni e sono utilizzabili come qualsiasi altro integratore proteico in commercio.

I modi per assumerle sono molteplici, a cominciare dai famosi shaker proteici fino ad arrivare a gustosi frullati e yogurt a base di canapa.

Ricordo che il giusto non incide molto, quasi tutte le proteine in polvere sono abbastanza neutre e ciò consente una certa manipolazione e versatilità d’uso.

Fonti

  1. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4153275/
  2. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18589601

 

“Nessun alimento vegetale può essere paragonato ai semi di canapa per quanto riguarda il valore nutritivo. Mezzo chilo di semi di canapa, fornisce tutte le proteine, gli acidi grassi essenziali e la fibra necessari alla vita umana per due settimane”. Dott. Uso Erasmus

Vedi anche la pagina CANAPA

La Graviola è conosciuta per le sue proprietà contro il cancro, ma di fatto non è questo il motivo per cui viene usata da secoli dagli uomini della medicina del Sud America ma per curare uno strabiliante numero di indisposizioni. La sua “vocazione” anticancro  e relativamente recente rispetto al suo uso classico millenario.

La graviola è un frutto tropicale ottenuto dalla pianta dell’Annona Muricata, una specie originaria dalle Antille e che cresce in molte regioni tropicali del Sud America. Proprio grazie agli alti contenuti di antiossidanti e vitamine, la graviola è considerata un superfood a tutti gli effetti

I frutti dell’Annona Muricata si presentano a forma di cuore e posseggono una consistenza fibrosa e ricca di succo. Infatti della graviola non si butta mai quasi nulla e dalle radici, alle foglie vengono utilizzate quasi tutte le parti della pianta.

Attenzione i dosaggi che vengono consigliati (nelle preparazioni con foglie e steli) usati prevalentemente come “aiuto” nei tumori sono spesso molto elevati e non devono essere usati per gli utilizzi “classici” della pianta ma in un dosaggio differente. Nel dubbio consultate un esperto Naturopata o un medico naturale o informatevi dal distributore.

Se Usate direttamente la foglie e rametti in tisana o altro non eccedete nel dosaggio o nell’uso giornaliero è una pianta molto potente!

20 Benefici della graviola

Grazie agli alti contenuti di vitamine e minerali, la graviola se consumata in moderazione può essere molto utile per la salute, grazie alle sue proprietà antivirali particolarmente efficaci ad esempio contro l’ herpes simplex.

Tra le sue annoverate proprietà vi è spesso confusione a causa delle larghe quantità di informazioni spesso contraddicenti tra gli esiti di diverse ricerche condotte sulla Annona Muricata, ma fondamentale il segreto per sfruttare al meglio la graviola è rispettare i limiti consigliati sul consumo.

Rafforza il sistema immunitario

La graviola contiene sostanze che aiutano le difese del nostro corpo e stimola la produzione di globuli bianchi, mentre gli antiossidanti contribuiscono nella lotta ad i radicali liberi. Questo frutto inoltre possiede una capacità antifebbrifica riconosciuta dalla FDA per il supporto della risposta immunitaria dell’organismo (Wu FE various J Nat Prod 1995 June).

Tra i contenuti presenti nella graviola indichiamo: acido gentistico, acido linoleico e muricarpentocina, acetogenine, anncatacina, annocatalina, annonacina, annohexocina, annomuricina, anomurina e anonolo.

Aiuta a dormire più facilmente

Nella graviola possiamo trovare anche il triptofano, una sostanza che promuove il sonno e facilita il rilassamento. Per tale ragione l’annona muricata è indicata contro l’insonnia, tra l’altro le sue foglie vengono utilizzata anche in aromaterapia per infusioni contro il sonno.

Analgesico naturale efficace nel sedare il dolore

I nativi nei paesi del Sud America hanno utilizzato le foglie dell’annona muricata da tempo immemore per trattare piccole ferite e ridurre la sensazione del dolore. La tradizione vuole che masticare le foglie e bere il succo di graviola aiutasse a guarire più in fretta. Gli aspetti sedativi e antiinfiammatori di questo imponente frutto tropicale lo rendono una soluzione ideale per tutti i tipi di dolore al corpo, sia all’interno che all’esterno.

Protegge gli occhi ed è ricco di antiossidanti indispensabili

Molti dei benefici per la salute della graviola sono considerati come derivati ​​dalle sue proprietà antiossidanti. Diversi studi dimostrano come i fitonutrienti presenti nella graviola posseggono livelli elevati di composti antiossidanti, tra cui alcaloidi, saponini, terpenoidi, flavonoidi, coumarini, lattoni, antrachinoni, tannini, glicosidi cardiaci, fenoli e fitosteroli . Ulteriori ricerche hanno evidenziato che gli antiossidanti possono aiutare contro diverse malattie agli occhi in particolare legale all’avanzare dell’età. Una ricerca condotta dal National Eye Institute, ha trovato gli antiossidanti particolarmente efficaci, specialmente se consumati in combinazione con vitamina C, vitamina E, beta-carotene e zinco. I risultati sono stati impressionati, con un 25% di miglioramento in coloro che erano già effetti da simili disturbi.

Utile per eliminare tosse e muco

Se stai lottando contro tosse grassa o ti senti intasato, la graviola può esserti d’aiuto, infatti è in grado di decongestionare e liberare le vie aree. Ma non solo perché il succo di graviola ad esempio possiede in parte una funzione espettorante, in grado di liberare il muco e ridurre anche l’infiammazione di cavità nasali e tratti respiratori.

Efficace contro parassiti

La graviola è utilizzata nell’America Latina come rimedio popolare contro i parassiti data la sua efficacia nel combattere e la Schistosomiasi, una parassitosi causata da Platelminti del genere Schistosoma.

Si rivela anche particolarmente utile per la maggior parti delle infezioni parassitare più comuni, sotto forma di infuso con foglie di Annona Muricata è possibile realizzare una bevanda per pulire il tratto gastrointestinale. Inoltre la riboflavina può aiutare nell’inibire i parassiti all’interno del corpo.

Facilita la prevenzione delle infezioni del tratto urinario

Sotto forma di succo, la graviola può donare benefici anche nella prevenzione delle infezioni delle vie urinarie, in particolare dell’uretrite e dell’ematuria.

Vitamine B1 e B2 aiutano il cuore e migliorano il metabolismo

La vitamina B1 accelera il metabolismo, facilita la circolazione del sangue e previene i disturbi nervosi. Inoltre la graviola contiene la vitamina B2, che è vitale per il corretto funzionamento del nostro organismo e include effetti sul del sistema nervoso e la manutenzione del muscolo cardiaco.

Trattamento delle ulcere della bocca

Se hai una pustola in bocca che proprio ti dà fastidio, sbuccia una graviola e appoggiaci un pezzo di frutta sopra. Questo gradualmente diminuirà le dimensioni delle ulcere e ridurrà il senso di irritazione

È un rimedio naturale per l’artrite

L’Applicazione topica di una infusione di foglie di graviola è nota per alleviare il dolore causato da artrite e reumatismi. Potete immergere un panno pulito nell’infuso ancora caldo e applicarlo sulla zona interessata, per massimo due volte al giorno.

Antivirale ed antisettico efficace contro le infezioni

La Graviola è spesso usato per trattare le infezioni causate da batteri e parassiti, inclusa la leishmaniosi. È anche usato per trattare l’herpes, tosse e vomito. Le infezioni batteriche e virali possono causare tosse, starnuti, febbre e altri sintomi e, sebbene questi sintomi possono essere frustranti, sono efficaci dal momento che fanno parte del metodo che il corpo usa per far scattare il sistema immunitario per Corpo di qualsiasi infezione.

Antidepressivo naturale efficace nel sedare lo stress

Il succo di graviola è stato utilizzato come rimedio naturale contro lo stress per secoli. Del frutto dell’Annona Muricata spicca una ricerca che illustra la possibile capacità della graviola nello stimolare i I recettori serotoninergici (o della serotonina) indispensabili poiché modulano dei neurotrasmettitori ed influenzando diversi processi neurologici e biologici come aggressività, ansia e appetito. (Roman G; Curr. Op. Neurology 1998; 11:539) e (Bourne RR. West Indian Med J 1979 28:2).

Rallenta l’invecchiamento ed è potente frutto antiaging

La graviola è una ricca fonte di vitamina C ed acido ascorbico ma anche di preziosi antiossidanti che svolgono un ruolo importante nella lotta contro i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento della pelle. Eliminando i radicali liberi, si può letteralmente ridurre i segni più evidenti dell’invecchiamento come le rughe.

Aiuta le ferite a cicatrizzare più in fretta

La parte carnosa del frutto può essere applicata su una piccola ferita per almeno 3 giorni. Ciò non solo accelererà il processo di guarigione ma anche impedisce le infezioni batteriche. Una decozione di foglie dell’annona muricata è utile per il trattamento dell’infiammazione e dei piedi gonfi.

Elimina i pidocchi

I pidocchi sono uno di quei parassiti che si moltiplicano rapidamente, e che possono danneggiare i capelli. Un decotto fatto preparato con le foglie di graviola può essere applicato al tuo cuoio capelluto per liberarsi dei pidocchi.

Bolle della pelle? Nessun problema

Le bolle sono un disturbo della pelle che si caratterizza per il dolore immenso e persino ha il rischio di catturare l’infezione. Queste possono verificarsi sul corpo o sul viso, quindi interferiscono con la salute e la bellezza della pelle. Le foglie di graviola o anche il succo possono essere un rimedio naturale per eliminarle.

Aiuta contro l’eczema

È possibile macinare alcune foglie di graviola e applicarle regolarmente sulle zone colpite due volte al giorno. Questo aiuterà a alleviare il dolore causato dall’eczema oltre a diminuirne gli effetti visibili.Un composto di foglie di graviola e acqua di rose può essere applicata sulla pelle per prevenire la comparsa di punti neri e di altri problemi cutanei.

La Graviola è utilizzata dalla medicina popolare da secoli per:

  • ipertensione
  • influenza
  • sfoghi
  • nevralgia
  • artrite
  • reumatismi
  • diarrea
  • nausea
  • dispepsia
  • ulcera
  • tricofizie
  • scorbuto
  • malaria
  • dissenteria
  • palpitazioni
  • nervosismo
  • insonnia
  • febbre
  • bolle
  • spasmi muscolari

AVVISO IMPORTANTE

Graviola è diventata famosa per alcuni ingredienti attivi contenuti principalmente nelle foglie e negli steli della pianta, le Annonacee acetogenine. ATTENZIONE ALL’ETICHETTA: Gli studi sulle acetogenine sono stati condotti usando estratti delle foglie e degli steli. Sebbene questi composti siano contenuti anche nei semi del frutto di graviola, tuttavia se ne sconsiglia l’utilizzo poiché alcune ricerche hanno documentato possibili effetti neurotossici dei semi del frutto in caso di assunzione prolungata. Allo stato attuale, si consiglia l’assunzione di integratori contenenti prevelentemente foglie e steli di graviola.

La Graviola è una sostanza completamente naturale senza effetti collaterali a parte una possibile lieve scombussolamento gastrointestinale se preso a stomaco pieno ad alti dosaggi (superiore a 5 gr)

——————————————————————

  1. Unpublished data, National Cancer Institute. Anon: Nat Cancer 1st Central Files–(1976) from Napralert Files, University of Illinois, 1995
  1. Bioorg Med Chem 8(1):285-90, 2000
  2. J Nat Prod 59(2):100-108, 1996
  3. Phytochemistry 49(2):565-71, 1998
  4. J. Nat Prod 58(6):902-908, 1995

Vedi anche la pagina SUPPORTO ONCOLOGICO

Micoterapia

La Micoterapia è la scienza che studia e utilizza i Funghi per migliorare la salute dell’uomo e degli animali.

Agisce sia sulle cause che sui sintomi, riportando le funzioni dell’organismo ad un miglior funzionamento.

 

La natura in tutte le sue manifestazioni è depositaria di poteri che le popolazioni antiche  sapevano riconoscere e interpretare;  molto spesso gli elementi naturali erano venerati e considerati divini. Ogni essere vivente interagisce con l’ambiente attraverso codici energetici che tendono alla condizione di equilibrio; qualsiasi intervento che non rispetti tale equilibrio provoca una rottura dell’omeostasi che inevitabilmente ricade a cascata su tutti gli organismi.

La natura nel suo complesso non è altro che la prima più importante farmacopea conosciuta sin dai tempi antichi ed in particolare alcuni funghi sono da secoli utilizzati come rimedi naturali nelle medicine tradizionali.

A partire dagli anni sessanta istituti di ricerca in Giappone si sono interessati alle proprietà di alcune specie e hanno cominciato a studiarle per verificare se le valenze empiriche potessero avere un fondamento scientifico.

Gli studi successivi hanno stabilito che in alcune specie fungine sono contenuti numerosi composti dei quali si sono verificate le proprietà benefiche.

La micoterapia e i funghi medicinali favoriscono un riequilibrio generale dell’organismo, migliorandone il funzionamento senza causare effetti collaterali e per questi motivi sono definiti adattogeni. Hanno azione aspecifica indipendente dallo stato di salute con effetto lento e progressivo. La combinazione mirata di più funghi, spesso produce un maggiore effetto benefico grazie all’azione sinergica dei diversi composti attivi.

Tutti i funghi medicamentosi hanno la proprietà più o meno marcata di stimolare il sistema immunitario spesso alterato da molteplici stress che riducono le funzionalità dell’organismo e provocano stati di infiammazione cronica con la possibile insorgenza di patologie degenerative. Inoltre l’assunzione quotidiana del fungo associata ad una corretta alimentazione e a uno stile di vita equilibrato, favorisce il recupero o il mantenimento dell’omeostasi, apporta vitalità, tonifica la funzionalità organica e  protegge il metabolismo cellulare.

Consigliata inoltre l’assunzione del fungo in associazione alla vitamina C per favorirne l’assimilazione

Per maggiori informazioni visita anche la pagina sui FUNGHI o QUI

colostro di capra

Il colostro di capra è la prima secrezione delle ghiandole mammarie durante la gravidanza o dopo il parto. È costituito da acqua, grassi, carboidrati, immunoglobuline e fattori di crescita. Il colostro è il mezzo mediante il quale la madre trasmette al neonato le proprie difese immunitarie ed è molto importante per proteggerne la salute intestinale.

 

Nel colostro, oltre agli anticorpi (immunoglobuline secretorie IgA), alle cellule immunitarie (macrofagi, neutrofili, linfociti ecc.) e agli importantissimi fattori di crescita epiteliale, sono presenti le prostaglandine (PG) che hanno una importante funzione protettiva dell’apparato digerente ed intervengono nella liberazione degli enzimi e nella regolazione dell’acidità. Il colostro di capra contiene inoltre vitamine – in particolare A, E, B12, ma anche D e pro vitamina A (betacarotene). Per quanto riguarda i minerali è invece ricco di zolfo – importante per la riparazione dei tessuti e la sintesi con il collagene – e il ferro contenuto risulta particolarmente assorbitile grazie alla lattoferrina: una proteina antivirale, antibatterica e antinfiammatoria. La lattoferrina rilascia ferro nei globuli rossi aumentando così l’ossigenazione dei tessuti e ne priva i batteri che lo utilizzano per la replicazione.

La capra è in assoluto l’animale con le difese immunitarie più alte presente in natura. Essa riesce infatti  a sopravvivere ai veleni degli animali più letali (ragni, serpenti ecc.) senza bisogno di alcun aiuto esterno. Secondo gli studi effettuati, è proprio grazie al colostro che questo patrimonio immunitario viene trasmesso alle nuove generazioni.

L’assunzione di colostro può essere di aiuto:

  • nei casi di disbiosi intestinale ed intolleranze alimentari
  • per rinforzare il sistema immunitario
  • per l’attività sportiva
  • per combatte l’invecchiamento precoce
  • per facilitare la riparazione dei tessuti
  • per stimolare la produzione di particolari enzimi