IN BOTANICA

la Papaya è definita Papaya Carica e appartiene al genere delle Caricaceae. Il suo nome è di origine aruaca e caraibica, anche se questo frutto, una via di mezzo fra un melone e una pera, è diffuso in tutte le zone tropicali del pianeta. Dove viene chiamato in svariati modi: a Cuba “fruta bomba”, in Brasile “mamao” e in Australia “paw paw”.

L’ORIGINE DELLA PAPAYA
Gli aborigeni australiani conoscevano da secoli i poteri curativi della Papaya, che costituiva un alimento chiave della loro dieta per la sua ricchezza di sostanze nutritive. Grandi esploratori come Cristoforo Colombo, Marco Polo, Vasco da Gama e Magellano, al ritorno dalle loro spedizioni, riferirono dell’uso della papaya presso le popolazioni che avevano conosciuto. In particolar modo, Colombo annotò nei suoi appunti l’uso della papaya dopo i pasti per prevenire i problemi digestivi e Marco Polo verificò la sua efficacia contro lo scorbuto.

PAPAYA VIVIDUS FERMENTATA

Grazie agli studi e alla sperimentazione in Australia, è stata sviluppata una formulazione esclusiva che si basa sulla fermentazione della papaya con il Tè verde. Ed è questa la caratteristica che rende unica la Papaya Vividus fermentata. Un alimento speciale perché contiene “Mature Green Papaya”, cioè frutti maturi ma ancora verdi, perché è in questo stadio di maturazione che la papaya sviluppa il massimo contenuto di principi attivi e di enzimi. Papaya Vividus fermentata contiene “Mature Green Papaya” intera (polpa, buccia, semi e foglie) e Tè Verde. Ingredienti da sempre noti per le loro benefiche proprietà.

La pianta della Papaya è originaria delle zone tropicali del centro America e le prime notizie su di essa risalgono al 1519, poiché viene citata da Hernan Cortés nei suoi resoconti di viaggio, quando descrive l’accoglienza ricevuta da parte degli Aztechi. Essi, credendo di avere a che fare con delle divinità, offrirono a Cortés e al suo seguito abbondanza di cibo e, alla fine del banchetto, li invitarono a mangiare uno strano frutto che somigliava ad un melone, con la buccia dorata e la polpa morbida, che li aiutò a “smaltire” il troppo cibo ingerito. Gli Spagnoli chiesero quindi il nome di quel frutto prodigioso e gli indigeni risposero con un suono simile alla parola “Ababai”, da cui venne coniato il nome spagnolo “Papaya”, che è giunto fino ai nostri giorni.

Nonostante somigli ad un melone (in lingua caraibica infatti Ababai significa “albero del melone”), la Papaya, il cui nome botanico è Carica papaya, non appartiene alla famiglia dei meloni, le Cucurbitaceae, ma a quella delle Caricaceae. In Nuova Zelanda e in Australia viene tuttora usato il nome Pawpaw , ma i nomi con cui le varie popolazioni nel mondo indicano questo frutto sono numerosi, ad esempio a Cuba è definito “fruta bomba” per la sua forma globosa, in Brasile “Mamao”.

Dalla sua terra d’origine la Papaya si è propagata in tutte le regioni tropicali e subtropicali; oggi viene coltivata ed è molto più diffusa al di fuori dell’America Latina. Attualmente in tutto il mondo se ne coltivano 50 varietà diverse.

Gli aborigeni australiani conoscevano da secoli i benefici effetti della Papaya sull’organismo, ed essa costituiva un alimento chiave della loro dieta per la sua ricchezza di sostanze nutritive.

Grandi esploratori come Cristoforo Colombo, Marco Polo, Vasco de Gama e Magellano, al ritorno dalle loro spedizioni riferirono dell’uso della Papaya presso le popolazioni che avevano conosciuto. In particolare Colombo annotò nei suoi appunti l’uso della Papaya dopo i pasti per prevenire i problemi digestivi, mentre Marco Polo verificò la sua efficacia contro lo scorbuto (malattia causata dalla carenza di Vitamina C, anticamente diffusa fra i naviganti che stavano in mare moltissimo tempo senza potersi approvvigionare di cibi freschi).

Oggi sappiamo che queste azioni benefiche sono dovute al fatto che la Papaya contiene un enzima, la papaina, che ha un’azione proteolitica quindi è molto utile per migliorare la digestione; inoltre è ricchissima di Vitamina C (più dei kiwi e delle carote!) la cui carenza, come abbiamo detto, provoca lo scorbuto. La Papaya contiene anche in gran quantità antiossidanti come selenio, flavonoidi, carotene e provitamina A, che l’organismo trasforma in Vitamina A; infatti questo frutto contiene più carotenoidi del pompelmo, dell’avocado, delle arance, del kiwi, delle banane, dei limoni e persino delle carote.
I carotenoidi principali sono il licopene e la B-criptoxantina, che insieme agli altri antiossidanti proteggono le cellule dai radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare, e dalle patologie legate alla degenerazione cellulare indotta appunto dai radicali liberi.
I flavonoidi regolano la permeabilità dei vasi sanguigni, quindi sono importanti per il microcircolo e per la circolazione del sangue in generale.

La Papaya, inoltre, è ricca di minerali, in particolare potassio, magnesio e calcio, in forma naturale biologica, assimilabile, utili per le ossa, soprattutto durante la menopausa per prevenire l’osteoporosi, e di enzimi, sostanze importantissime senza le quali la vita sarebbe impossibile, poiché essi entrano a far parte di tutte le reazioni chimiche che avvengono nell’organismo, rendendole compatibili con la vita. Essi sono definiti infatti “biocatalizzatori” perché attivano e favoriscono i processi fondamentali della vita stessa. La parola enzima deriva dal greco “zumé”, che significa “lievito”. Nel 1897 Eduard Buschner isolò il primo enzima dal lievito di birra e lo chiamò “Zimase”: vinse il premio Nobel.

Il frutto acerbo della Papaya contiene molti più enzimi del frutto maturo; i principali sono la papaina, la chimopapaina e la papaialisozima. Le vitamine, i minerali e gli oligoelementi di cui la Papaya è ricca, svolgono la cosiddetta funzione di “coenzimi”.
La moderna alimentazione spesso non ci fornisce un’adeguata quantità di enzimi, poiché la cottura e la conservazione impoveriscono i nostri alimenti di queste importantissime sostanze, mentre la Papaya, che ne è ricchissima, può fornircene in abbondanza.

Se vogliamo purificare il nostro organismo la Papaya ci aiuta perché stimola l’eliminazione e lo smaltimento delle sostanze di scarto e purifica il sangue, effettua anche una sorta di pulizia dell’intestino, stimola gli organi emuntori, aiuta anche a ridurre il sovrappeso stimolando il metabolismo e aiutando a scomporre più velocemente le proteine, con beneficio per la digestione e con minor formazione di sostanze di scarto che l’organismo deve eliminare, perché tossiche.

Si ritiene anche che la Papaya abbia una sorta di azione “ringiovanente” per l’organismo, perché il suo effetto depurativo non si limita al canale alimentare, ma si estende anche alle altre cellule. Da alcuni studi effettuati recentemente si è notato, infatti, che l’uso della Papaya riduce l’incidenza di alcune malattie degenerative.

La Papaya, sia acerba che matura, aiuta a ristabilire nell’organismo l’equilibrio acido-base spesso compromesso e squilibrato verso l’iperacidità da diversi fattori, come un’alimentazione squilibrata, povera di frutta fresca e verdura, lo stress, il poco riposo, un’insufficiente attività fisica che aiuta ad espellere con la traspirazione e il sudore le sostanze acide di scarto dal corpo. Una delle conseguenze dell’iperacidità è un aumento della formazione di radicali liberi, che danneggiano le strutture cellulari. Le vitamine, i minerali e le sostanze vitali presenti negli alimenti non vengono utilizzate correttamente, e ciò si traduce in sintomi legati alla loro carenza.

I batteri benèfici che vivono abitualmente nel nostro intestino, che costituiscono la cosiddetta flora batterica intestinale, muoiono e di conseguenza il nostro sistema immunitario si indebolisce, e ciò può portare all’insorgere di malattie. La Papaya invece ci aiuta a ristabilire l’equilibrio acido-base, facendolo virare verso l’alcalinità, per l’effetto alcalinizzante dell’enzima papaina. L’effetto alcalinizzante della Papaya è uguagliato solo da alghe e Spirulina (che è sempre un’alga, ma di acqua dolce e non contiene iodio come le alghe di mare).

Una particolare forma di assunzione della Papaya è la Papaya fermentata, che potenzia le caratteristiche benefiche di questo frutto e ci aiuta ancora di più a mantenerci in forma, combattendo l’invecchiamento cellulare indotto dai radicali liberi. La Papaya fermentata contiene, infatti, frutti maturi ma ancora verdi, perché è in questo stadio di maturazione che la Papaya sviluppa il massimo di principi attivi e di enzimi, ed è preparata utilizzando la polpa, i semi, la buccia e le foglie, per avere la totalità dei principi attivi della pianta. La fermentazione avviene in presenza di Tè verde, succo di limone fresco e un particolare lievito, la Kombucha; si ottiene così un arricchimento di sostanze benefiche e si rende il composto totalmente assimilabile, per via della fermentazione che è quasi una pre-digestione, e lo rende utile a tutti e a tutte le età.

È UNA FORMULAZIONE INNOVATIVA

A differenza di prodotti simili, Papaya Vividus fermentata contiene “Mature Green Papaya”_ intera (frutto e semi 30%), Foglie di Papaya (16,6%), Tè Verde (0,04%). Tutte le parti della Papaya sono fermentate con il Tè Verde.

OFFRE TUTTI I VANTAGGI DEGLI ALIMENTI FERMENTATI

Quelli fermentati sono alimenti VIVI perché ricchi di enzimi (molto spesso carenti nella dieta moderna). Inoltre sono di immediato assorbimento perché il processo di fermentazione è, in pratica, una predigestione. Ma la fermentazione presenta altri due ottimi vantaggi:

– tutti i principi attivi degli ingredienti vengono totalmente preservati;
– permette di evitare l’uso di conservanti per mantenimento del prodotto.

FORNISCE ELEMENTI ESSENZIALI PER L’ORGANISMO

La Papaina, insieme alla Chimopapaina ai Lisozymi e alla Lipasi, sono enzimi che migliorano notevolmente la digestione delle proteine e degli acidi grassi. Papaya Vividus fermentata contiene inoltre Acido Folico ed è ricca di sali minerali e vitamine (C, E, A, e B).

MIGLIORA LA CAPACITÀ DIGESTIVA AD OGNI ETÀ
La digestione è la chiave del nostro benessere. Infatti l’apparato gastrointestinale è il luogo dove il cibo viene trasformato e assorbito. Se la digestione è perfetta, tutto l’organismo ne beneficia (difese comprese). Purtoppo l’alimentazione moderna tende a compromettere questa funzione e con l’età la produzione di enzimi digestivi cala enormemente (addirittura del 45% nella terza età). L’apporto di enzimi, fornito da Papaya Vividus fermentata, è quindi consigliato a tutti e ad ogni età.

È UN PRODOTTO GENUINO E GARANTITO

Vividus ha selezionato il fior fiore della produzione mondiale di papaya, visitando personalmente le aziende produttrici candidate. Infine ha scelto il fornitore che offriva le migliori garanzie di qualità. Infatti Papaya Vividus fermentata è naturale al 100%, tutti i suoi ingredienti sono OGM free e non contiene conservanti, coloranti e additivi chimici. La papaya proviene da una coltivazione biologica, certificata in Australia, e le altre piante sono coltivate, sempre in Australia, senza uso di erbicidi, pesticidi o fertilizzanti chimici.

Cos’è Papaya Vividus?
Papaya Vividus è una bevanda superconcentrata di foglie, semi e frutto di papaya matura, ma verde (Mature Green Papaya), il tutto viene fermentato con Tè verde. Questo prodotto è un alimento vivo ricco di enzimi e di antiossidanti.

Cosa farebbe Papaya Vividus per me?
Gli enzimi contenuti in Papaya Vividus sono di grande beneficio per il tratto gastrointestinale. Aiutano a disintossicare l’organismo, bilanciano il Ph e migliorano nettamente la digestione. Papaya Vividus è utile in caso di problemi intestinali, feci maleodoranti, disturbi al fegato, disturbi metabolici generali, reumatismi e artrite, difese immunitarie carenti.

Chi dovrebbe consumare Papaya Vividus?
Tutti. Giovani e anziani, sani e malati. Papaya Vividus è d’aiuto in presenza di malattie degenerative. Gli enzimi contenuti in grande quantità possono servire per contrastare le malattie e aiutare l’organismo a guarire se stesso.

Quando è meglio consumare Papaya Vividus?
Prima dei pasti per il miglior assorbimento ma può essere assunta in ogni momento della giornata. Si può diluirla con un po’ di acqua.

È possibile aumentare il dosaggio?
Quando si assumono grandi quantità di Papaya velocemente l’organismo potrebbe reagire. Questo non è segno di pericolo, ma è un segnale che l’organismo sta facendo il suo lavoro, espellendo le tossine. Il fenomeno si chiama “”crisi” da guarigione. Se si manifesta è saggio interrompere la cura fino alla scomparsa dei sintomi e ricominciare con basso dosaggio.

Si può consumare il sedimento della bottiglia?
Il sedimento contiene nutrimenti di alto valore e può essere consumato con il prodotto agitando gentilmente la bottiglia.
Com’è il gusto della Papaya Vividus?
Il sapore è lievemente acidulo essendo un alimento fermentato. Il sapore può variare leggermente da un lotto all’altro essendo un prodotto completamente naturale.

Come si conserva Papaya Vividus?
Essendo un alimento fermentato con alto contenuto di benefici enzimi, che fungono da conservanti, non è obbligatorio, ma è consigliabile, tenere la bottiglia in frigo. L’unica raccomandazione è di proteggere la bottiglia dalle fonti dirette di calore e dalla luce del sole.

La Papaya Fermentata Vividus è la soluzione ideale per contrastare la digestione lenta, soprattutto delle proteine, ed è considerata “un alimento ringiovanente” in virtù della sua ricchezza di sostanze antiossidanti. Attraverso il processo della fermentazione, che permette la concentrazione dei principi attivi e la conservazione del prodotto senza aggiunta di conservanti, la papaya si arricchisce di sostanze benefiche. L’utilizzo della “Mature Green Papaya”, cioè dei frutti maturi ma ancora verdi, nella Papaya Vividus assicura il massimo contenuto di principi attivi.

PAPAYA VIVIDUS FERMENTATA 500 ml
Prezzo: € 39.00

pulsante_acquista2

L’impegno Vividus di «selezionare e controllare direttamente l’intera filiera produttiva» dà i suoi frutti (di qualità). Infatti, Papaya Vividus fermentata è naturale al 100%, tutti i suoi ingredienti sono OGM free e non contiene conservanti, coloranti e additivi chimici.

La Papaya Vividus proviene da una coltivazione biologica, certificata in Australia, e le altre piante sono coltivate, sempre in Australia, senza uso di erbicidi, pesticidi o fertilizzanti chimici.

A differenza di prodotti simili, Papaya Vividus termentata utilizza “Mature Green Papaya”, cioè frutti maturi ma ancora verdi, perché è in questo stadio di maturazione che la papaya sviluppa il massimo contenuto di principi attivi e di enzimi. Un’ulteriore differenza è rappresentata dagli ingredienti. Infatti Papaya Vividus fermentata è a base di “Mature Green Papaya” intera (frutto, semi e foglie) 46,6% e Tè Verde 0,04%

Fornisce elementi importanti per l’organismo: la Papaina, insieme alla Chimopapaina ai Lisozymi e alla Lipasi, enzimi che migliorano notevolmente la digestione delle proteine e dei lipidi, in qualsiasi ambiente di pH.

Le informazioni riportate in questa pagina sono solo a scopo informativo, tratte da un’ampia sitografia presente in internet. L’unica finalità è quella di mantenere il valore e la natura della rete: la facile reperibilità di informazione.
Le informazioni sui principi attivi dei singoli componenti dei prodotti e sui prodotti stessi, desunte tutte da un’ampia sitografia presente in rete, e dai siti delle ditte fornitrici, non intendono trattare, curare alcuna malattia o patologia. Queste potrebbero, inoltre, riportare errori e/o omissioni. Pertanto ogni utilizzo improprio è a proprio rischio e pericolo. Si ricorda, altresì, che gli integratori alimentari non sono prodotti curativi e pertanto non possono vantare alcuna proprietà terapeutica. Le indicazioni, presenti sul sito, fanno riferimento all’impiego per il sostegno dell’organismo in periodi particolarmente difficili.