Pier Mario Biava è un medico, ricercatore illustre dell’Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico Multimedica di Milano. Alla base del suo percorso, la critica verso il modello dominante nella medicina occidentale, medicina deumanizzata-cosificata in un riduzionismo che ha preso il sopravvento su ogni altro tipo di pensiero, che guarda agli organismi viventi come ad un insieme di meccanismi biochimici, in cui ciascuna cellula costituisce un’entità individuale, per cui può essere trattata indipendentemente dal contesto in cui si trova. Biava ha accolto invece la visione olistica nella quale il tutto caratterizza il contesto che determina il comportamento delle parti e questo lo conduce inevitabilmente ad un discorso filosofico sul cancro, interpretato come patologia della significazione, metafora di un’epoca, la nostra, in cui il male maggiore sembra proprio la perdita di senso, a tutti i livelli.

La riprogrammazione delle staminali è una linea di ricerca che si basa sulle prime ricerche realizzate da Pier Mario Biava circa 15 or sono.

Cosa ha scoperto Pier Mario Biava?

Nell’utilizzo di un modello animale da laboratorio, un pesce classificato come Brachydanio Rerio più comunemente conosciuto come Zebrafish, per le ricerche sulla nascita e sviluppo dei tumori, Pier Mario Biava si accorse che mentre i tumori impiantati nell’organismo di Zebrafish crescevano e proliferavano, impiantati nelle sue uova venivano in qualche modo contrastati fino a dissolversi del tutto. L’intuizione che seguì portò lo scienziato a cercare quali sostanze all’interno delle uova di Zebrafish avevano queste proprietà.
Dopo lunghe ricerche trovò che alcune sostanze proteiche all’interno delle uova svolgono proprio il ruolo di programmare le staminali affinchè compiano il giusto percorso di sviluppo. Così, ipotizzando che le cellule tumorali abbiano origine da cellule staminali alterate, capì che attraverso la somministrazione di queste sostanze a bassissime concentrazioni è possibile riprogrammare le cellule staminali tumorali.

Quando iniziò queste ricerche Pier Mario Biava si trovava pressochè solo, soprattutto in Italia; attualmente le ipotesi che stanno alla base delle sue ricerche sono state ampiamente accettate e tutti gli scienziati concordano nel dire che la lotta al cancro deve dirigersi verso le staminali tumorali, responsabili della malignità della malattia.

Gli estratti di Zebrafish, un pesciolino tropicale che ha circa l’80% dei geni in comune con l’uomo, sono già oggi utilizzati da diverse strutture ospedaliere e da diversi specialisti oncologici. Non trattandosi di terapie collocate nelle linee guida il loro utilizzo dipende dalla sensibilità e dalle conoscenze del singolo specialista che ha in carico il paziente.

Per quanto riguarda alcuni tumori, come l’epatocarcinoma, i risultati raggiunti indicano che il 36% dei pazienti risponde alle terapie, di cui la metà circa ottiene una risposta completa, nel senso che la malattia al successivo controllo radiologico non è più rintracciabile nel corpo del paziente.

Per eseguire queste terapie bisogna sospendere o rinunciare ad altre terapie “tradizionali”? No! Gli estratti di Zebrafish non antagonizzano alcun farmaco, anzi, in molti casi sinergizzano. Le terapie tradizionali non devono mai essere pregiudicate o sospese se non è lo specialista a indicarlo.

Gli estratti di Zebrafish possono dare disturbi di qualche tipo? No. Non sono mai state registrate tossicità a carico di alcun organo o dell’organismo nel suo insieme, anzi, nei casi di alcuni pazienti sofferenti a causa di terapie a base di chemioterapici hanno migliorato la qualità della vita.

Approfondimento in lingua inglese

(fonte: redonda.it)

p292_0_06_03

Gli estratti di Zebrafish sono già oggi utilizzati da diverse strutture ospedaliere e da diversi specialisti oncologici. Non trattandosi di terapie collocate nelle linee guida il loro utilizzo dipende dalla sensibilità e dalle conoscenze del singolo specialista che ha in carico il paziente.
Per quanto riguarda alcuni tumori, come l’epatocarcinoma, i risultati raggiunti indicano che il 36% dei pazienti risponde alle terapie, di cui la metà circa ottiene una risposta completa, nel senso che la malattia al successivo controllo radiologico non è più rintracciabile nel corpo del paziente.

L’intuizione di Biava risale agli anni ’80 e successivamente, dopo vari studi sperimentali, si è approdati alla immissione in commercio di un integratore le cui finalità sono duplici: da una parte migliorare la tolleranza alla chemioterapia e combattere la cachessia neoplastica , dall’altra controllare e stabilizzare la crescita neoplastica.
Partendo dal presupposto che nella vita fetale, durante la genesi degli organi, vari fattori nutrizionali contribuiscono alla differenziazione cellulare il prof. Biava ha sperimentato omogenati di tessuti embrionali di vari tipi di pesci dimostrando che questi rallentavano la crescita neoplastica.

La terapia nell’uomo consiste nella somministrazione di 30 gtt. 3 volte al giorno, assorbite sotto la lingua , di un integratore ottenuto da embrioni di Zebrafish raccolti ed emulsionati negli stadi di medio-blastula-gastrula. I risultati clinici riportati e pubblicati da Biava confermano in generale il miglioramento del Performane Status cioè delle condizioni generali del paziente ed in alcuni casi il rallentamento o la stabilizzazione del tumore.

Il Synchrolevels va assunto a digiuno prima dei tre pasti alla dose di 30 gtt. ed assorbito sotto la lingua ed anche per questo prodotto non vi sono controindicazioni in quanto è a tutti gli effetti un alimento naturale.

Fonte Centro di Medicina Biologica

RIPROGRAMMARE LE CELLULE TUMORALI

La riprogrammazione delle cellule staminali tumorali, che significa la possibilità di condizionare il destino delle cellule staminali tumorali, offre l’opportunità di trovare nuovi trattamenti, che agiscono in modo fisiologico, senza manipolazione genetica.

p292_0_06_03

drpier-mario-biavaE’ da poco in commercio una formula potenziata del Synchrolevels, ideato dal prof. Piermario Biava: si tratta del Cell Integrity reprogram, un integratore che aiuta a riaddestrare le cellule malate e costringerle o a morte o a riprogrammarsi in senso ‘sano’.
Si tratta di una modo naturale, non chimico, per riaddestrare le cellule cancerogene. In questo modo si può condizionare direttamente il destino delle cellule malate, in maniera fisiologica, senza manipolazioni genetiche.

Intervista al Dott. Biava

Fonte: www.reprogramcells.com

Synchro-levels®
Prezzo: € 33,00
pulsante_acquista2

Synchro-levels® è un rivitalizzzante naturale a base di peptidi di pesce, di vitamine (A, B1, B6), aminoacidi (L-metionina, L-cisteina) e di minerali (selenio, calcio, magnesio). Elettivo per contrastare gli stati di carenza e di astenia.

La sua azione è mirata al ripristino, sostegno e mantenimento dello stato di salute.

L’associazione a base di peptidi di pesce con vitamine esplica un‘azione rivitalizzante sull’organismo e può esssere utile per :

mantenere l’organismo in salute
stimolare i processi fisiologici vitali
rallentare il processo dell’invecchiamento


NUTRIENTI:
 Peptidi di pesce – Vitamine A – Vitamine B1 et B6 – Aminoacidi : L-cisteina, L-metionina – Acido linoleico coniugato – Selenio

Il modo d’uso indicato sulla confezione (facendo sempre riferimento ad una dose giornaliera di 3 ml) è il seguente: per ogni somministrazione, 5 spruzzi direttamente in bocca o sotto la lingua, mantenendolo per un minuto senza deglutire. Questa somministrazione va ripetuta tre volte al giorno. Periodo minimo 9 – 12 mesi di trattamento.

Utile e importante anche l’associazione con CELLFOOD

spazio

Cell Reprogram 
30 cps da sciogliere in bocca

Il nuovo integratore del prof. Biava

Prezzo: € 32,90

pulsante_acquista2

Integratore alimentare a base di Vitamine, estratti di Curcuma, Equiseto, Thé verde e polvere di Caviale.

Componenti 
che contribuiscono al funzionamento e mantenimento di: specializzazione delle cellule: Vitamina A; sistema nervoso e funzione psicologica: Vitamina C; sistema immunitario: Vitamina A; protezione delle cellule dallo stress ossidativo: Vitamina C; Vitamina E, Curcuma; attività antiossidante: The Verde;

Si consiglia di assumere 3 compresse al giorno da sciogliere lentamente in bocca ad intervalli regolari, non ha importanza se prima o dopo i pasti.
Utile e importante anche l’associazione con CELLFOOD .

Avvertenza: “In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato. Se si stanno assumendo farmaci è opportuno sentire il parere del medico.”

spazio

p292_0_06_013Cell Integrity Brain
40 Compresse da 1g da sciogliere in bocca
Prezzo: € 37,00
pulsante_acquista2

IL NUOVO INTEGRATORE DEL PROF. PIER MARIO BIAVA PER LA RIPROGRAMMAZIONE CELLULARE NEI PAZIENTI CON DISTURBI NEUROLOGICI.

Questo prodotto è stato progettato per aiutare a limitare gli effetti degenerativi di disturbi neurologici.

Questo integratore alimentare è fatto di composti che contribuiscono:
Funzione cognitive (Bacopa, Zinco)
Il normale funzionamento del sistema nervoso (Vit B1, Vit B6, Vit C)
Il normale funzionamento del sistema immunitario (Vit A, Vit B6, Vit C, Vit D, zinco) La protezione delle cellule dallo stress ossidativo (Vit.C, Vit E, Zinco).

Si consiglia di assumere 3 compresse al giorno da sciogliere lentamente in bocca ad intervalli regolari, non ha importanza se prima o dopo i pasti.


Avvertenza: “In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato. Se si stanno assumendo farmaci è opportuno sentire il parere del medico.”

spazio

Utile l’associazione con:

csamea

CELLFOOD SAM-e 30 ml
Prezzo: € 45,95
pulsante_acquista2

Integratore alimentare unico nella sua composizione, indicato nelle sindrome depressive e nelle disfunzioni epatiche, costituito dalla “formulazione base” con aggiunta di S-adenosilmetionina, indispensabile nel metabolismo dell’unità monocarboniosa.

INDICAZIONI/CARATTERISTICHE
Integratore alimentare di S-Adenosil-Metionina (SAM) con i nutrienti in traccia ossigenanti di CELLFOOD Formula Everett Storey. S-Adenosil-Metionina (SAM) Nucleoside solforato che svolge un ruolo determinante nel metabolismo della cosiddetta “unità monocarboniosa”, ovvero l’insieme di reazioni (almeno un centinaio) che consentono il trasferimento di gruppi funzionali costituiti da un solo atomo di carbonio (es. metile, formile, metenile etc.) da una molecola ad un’altra.

Esempi di tali reazioni sono, per esempio, la conversione dei nucleotidi uridilici in nucleotidi timidilici nell’ambito della biosintesi del DNA ovvero la trasformazione delle cefaline (fosfatidiletanolammina) in lecitine (fosfatidilcolina) nell’ambito del metabolismo dei fosfolipidi di membrana. Pertanto, SAMe è indispensabile nella sintesi delle membrane cellulari, rende possibile l’azione di molti ormoni e consente a determinati neurotrasmettitori (es. serotonina) di innalzare il tono dell’umore.

separatore_bianco
p292_0_06_018Inoltre, la SAM interviene nella sintesi del glutatione, importante antiossidante ma anche detossificante epatico. Non contiene metalli tossici o pesanti come: alluliminio, cadmio, cloro, mercurio, piombo e radio. Senza lievito e senza glutine.

MODALITA’ D’USO Agitare il flacone prima dell’uso e assumere da 4 a 8 gocce nel cavo orale, sotto la lingua, tre volte al giorno. Attendere circa 30 secondi prima di deglutire.

INGREDIENTI Acqua purificata; soluzione CELLFOOD (formulazione originale in soluzione colloidale contenente una miscela di sali minerali di origine marina ed altre sostanze naturali, PPM di oligoelementi, amminoacidi in tracce e aceto di riso); S-Adenosil Metionina.

S-adenosilmetionina: una nuova via per una vecchia molecola.
Dr Eugenio Luigi Iorio, MD, PhD

Il gruppo metile (–CH3), quantunque piccolissimo (appena 1 atomo di Carbonio e 3 atomi di Idrogeno), gioca un ruolo determinate nell’intero metabolismo cellulare. Così gli organismi viventi si sono evoluti in modo tale da generare molecole in grado di veicolare, all’occorrenza, questo “radicale” da una via metabolica all’altra. Tra queste molecole “carrier” c’è da annoverare soprattutto la S-Adenosil-Metionina (SAME) un particolare nucleoside in grado di donare il gruppo metilico della metionina, che esso incorpora, a varie altre molecole (acidi nucleici, amminoacidi, catecolammine, fosfolipidi, etc.). In questo modo, per esempio, dai precursori dell’RNA può essere sintetizzato, nel nucleo, il DNA, dai fosfolipidi a etanolammina (cefaline), nelle membrane cellulari, possono generarsi i fosfolipidi a colina (lecitine), dalla noradrenalina, nei neuroni, può ottenersi l’adrenalina e così via. Inoltre, la SAME è un precursore, nel fegato, del glutatione, un tripeptide noto per la sua potente azione detossicante ed antiossidante. Fino ad ora, la SAME era stata proposta in formulazione orale (compresse) od in soluzione iniettabile, con non pochi problemi di stabilità chimica.

Cell Integrity Age 40 compresse da 1 gr
Prezzo: € 39,00

pulsante_acquista2

Integratore alimentare a base di Vitamine, estratti di Curcuma, Resveratrolo, Ribes Nero, Mio Inositolo, Creatina, e polvere di Caviale.
Componenti che contribuiscono al funzionamento e mantenimento di:
funzione cognitiva: Vitamina E
sistema nervoso e funzione psicologica: Vitamine B1, B6, B12, C
sistema immunitario: Vitamine A, B6, B12, C, D
processo di divisione cellulare: Vitamina D, B12
protezione delle cellule dallo stress ossidativo: Vit. C, Vit. E, Curcuma
specializzazione delle cellule: Vitamina A
riduzione della stanchezza e dell’affaticamento fisico e mentale (Vit. B12, C; Rhodiola Rosea), con incremento delle prestazioni fisiche (Creatina).

Ingredienti: Agente di carica: Isomalto; Mio-inositol; Stabilizzanti: Idrossipropilcellulosa, Mono- e digliceridi degli acidi grassi; Agenti antiagglomeranti: Polivinilpolipirrolidone, Carbossimetilcellulosa sodica reticolata, Sali di magnesio degli acidi grassi; Biossido di silicio; Aromi; Creatina monoidrato; Resveratrolo e.s. (Polygonum cuspidatum Siebold et Zucc; radice); NAcetilcisteina, Rhodiola rosea e.s. (Rhodiola rosea L.; radice) tit. 1 % salidroside; Ribes nero e.s. (Ribes nigrum L.; foglie); Maltodestrine; Acidificante: Acido citrico; L-Acetilcarnitina cloridrato; Coenzima Q10 (Ubidecarenone); Vitamina C (Acido L-ascorbico); Curcuma e.s. (Curcuma longa L.; radice) tit. 93% in curcumina; Vitamina E (Acetato di DL-alfa-tocoferile); Edulcorante: Glicosidi dello steviolo; Vitamina B12 (Cianocobalamina); Polvere di caviale (prodotti a base di pesce); Vitamina A (Acetato di retinile); Vitamina B6 (Cloridrato di piridossina); Vitamina B1 (Mononitrato di tiamina); Vitamina D3 (DL-alfa tocoferolo); Folato (Acido pteroil-monoglutammico).

Si consiglia di assumere 3 compresse al giorno da sciogliere lentamente in bocca ad intervalli regolari, non ha importanza se prima o dopo i pasti.

Avvertenza:
 “In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato. Se si stanno assumendo farmaci è opportuno sentire il parere del medico.”

 

Dott. Pier Mario Biava su Cell Integrity Age:

“CELL INTEGRITY AGE pertanto contiene una composizione equilibrata di sostanze che hanno dimostrato di poter migliorare la qualità della vita, le funzioni del sistema cardio-vascolare, del sistema nervoso, del metabolismo muscolare, attivando anche le funzioni del sistema immunitario, riducendo invece l’infiammazione, la stanchezza e l’affaticamento fisico. Da qui il miglioranto delle condizioni metaboliche in generale che sono necessarie per la prevenzione delle malattie croniche degenerative e rallentare i fenomeni legati alla senescenza”

erboristeria-arcobaleno-valdagno-schio-sup_onc-fito-cornicetta

CITOZYM

Quando un danno genetico si affaccia, soprattutto a livello cellulare, si hanno delle trasformazioni che possono cambiare l’insieme delle sequenze ammino­acidiche e questi cambiamenti di solito hanno dei nomi e degli effetti spiacevoli: invecchiamento accelerato, insorgenza di condizioni che riducono le risposte immunitarie e vari altri fenomeni ascrivibili ad alcune classi di alterazioni.

Poiché ogni anomalia è la conseguenza di una caduta di energia in quel particolare settore, occorre intervenire fino a ridosso dei cromosomi mettendo a disposizione tutta una serie di amminoacidi e di precursori enzimatici che danno una spinta alla riattivazione e a quelle distonie biologiche casuali o ereditarie.

Nello stesso modo, quando una proteina di trasporto transmembrana perde la sua capacità di trasporto, occorre mettere a disposizione un patrimonio energetico e proteico che faciliti il riconoscimento dei peptidi prodotti dalla digestione di proteine estranee.

È necessario pertanto, per correggere un’anomalia, potenziare notevolmente le capacità di naturale riparazione o di modifica di una cellula da parte del sistema (lisosomi, macrofagi, istoni, ecc.). Solo così le necrosi, fibre di cellule ecc. potranno essere metabolizzate e recuperate nei suoi amminoacidi.
È lecito anche affermare che, in luogo di farmaci sintetici, occorrerebbe disporre di una combinazione di proteine in grado di interagire nei processi duplicativi delle cellule. Le cellule dovrebbero possedere una gamma di apo e co-enzimi in grado di modulare, partecipando in forma diretta, la sintesi delle proteine promosse sia nella replicazione del DNA sia nelle eventuali fasi di correzione degli errori di trascrizione.

Citozym detossifica, fornisce la giusta rotazione alla catena dei nutrienti e amminoacidi, codifica le proteine per il ripiegamento delle immunoglobuline e media i processi di riconoscimento cellula-cellula.

Citozym grazie alla sua memoria fornisce, inoltre, un patrimonio biochimico necessario alle proteine di controllo delle proteine di adesione non allontanate, per difetti al gruppo e-amminico dei residui di lisina, che non sono in grado di reagire con la proteina ubiquitina.

Citozym, come già detto in precedenza, è stato conformazionato dalla sequenza di enzimi simili a quelli presenti nei cicli metabolici delle cellule naturali (eucariote). Nell’evento catalitico gli enzimi hanno infatti donato al Citozym e a tutti i prodotti della linea Citozeatec l’informazione biologica delle proteine, dette enzimi. Citozym, quindi, è una sostanza energetica (esoergonica) munita di informazione a cascata degli enzimi impiegati nelle conversioni catalitiche.

La qualità del prodotto è determinata sia dai tempi di permanenza a contatto con l’enzima, sia dal numero di popolazione di enzimi immessi nei reattori biologici, differenti in ogni reattore, così da ottenere le giuste memorie ed essere riconosciuto dagli enzimi della cellula a pari dinamismo.

Una facile riprova che Citozym e tuttti i prodotti della sua specie sono ricchi di questa memoria specifica delle cellule si ha spalmando un po’ di prodotto sulle mani; con grande sorpresa si scopre l’aumento del sistema emodinamico (proteine, linfa, sangue ecc.).

Questo permette a Citozym di far collidere immediatamente le eventuali tossine in circolazione, opsonizzare i corpi estranei compresi gli antigeni e trasportarli verso i siti di eliminazione.

Le proprietà peculiari di Citozym sono altresì quelle di stimolare le difese immunitarie, attivando i meccanismi di eliminazione attraverso gli enzimi lisosomi, perossisomi, macrofagi ecc.

Per tale motivo durante l’assunzione del prodotto potrebbe verificarsi un aumento del meteorismo dovuto alla conversione delle tossine in stato gassoso ed acqua. In alcuni casi si può assistere a scariche diarroiche (senza per questo provocare disidratazione dei tessuti) che scompaiono dopo alcuni giorni con l’abbassamento della quantità delle tossine.


CITOZYMCITOZYM 500 ml
integratore alimentare a base di nutrienti e amminoacidi, ad azione detossificante.
Prezzo: € 55,00

pulsante_acquista2

Citozym Sciroppo è un integratore alimentare biodinamico ad azione energetica, composto da:
– fruttosio 11 g
– acido ascorbico 500 mg
– acido citrico 120 mg
– acido folico 3.3 mg
– acido pantotenico 56 mg
– polisaccaridi 8.59 g
– enzimi vegetali estratti dal fungo Aspergyllus

Il prodotto è utilizzato come coadiuvante per garantire un metabolismo efficiente, il che significa non solo potenziare le difese immunitarie, ma anche contribuire alla prevenzione di patologie gravi o particolari.

A cosa serve citozym
Citozym Sciroppo è un integratore che ha il potere di disintossicare e stimolare le difese immunitarie del nostro organismo, attivando i meccanismi di eliminazione tramite enzimi, lisosomi, macrofagi, perossisomi ed altri elementi. L’assunzione del prodotto può infatti provocare all’inizio della terapia, un aumento di meteorismo, dovuto proprio alla conversione delle tossine allo stato gassoso e in acqua. A volte può anche accadere che un danno genetico a livello cellulare inneschi un cambiamento nell’insieme delle sequenze amminoacidiche, il che si traduce in problemi come l’invecchiamento accelerato o condizioni fisiologiche con risposte immunitarie ridotte. In questi casi Citozym interviene favorendo la regolazione dei metabolismi energetici, il controllo dello stress ossidativo e l’eliminazione di tossine e corpi estranei (inclusi gli antigeni).

Citozym, integratore naturale biodinamico
Lo sciroppo Citozym è essenzialmente composto da prodotti agricoli non transgenici, coltivati su terreni controllati e riconosciuti come biochimicamente sani.

Questo è molto importante soprattutto perché gli enzimi escludono dal loro processo di lavorazione tutte quelle sostanze che sono modificate geneticamente. L’integratore è un perfetto mix di ingredienti che riescono ad interagire nei processi duplicativi delle cellule e a modulare nelle fasi di replicazione del DNA e di correzione degli errori di trascrizione.

Come assumere il Citozym
L’integratore può essere assunto indistintamente da qualunque persona, a qualunque età. Si suggerisce di assumere un cucchiaio al giorno ca. 7 ml (pari a 9 gr.) diluito in acqua. Per dosaggi diversi consultare sempre il proprio medico di fiducia.

Citozym controindicazioni ed effetti collaterali
Non sono stati segnalati particolari effetti collaterali, se non un aumento del meteorismo ed eventuali scariche diarroiche.

L’insorgere di queste ultime potrebbe presentarsi soprattutto nei primi giorni di assunzione del prodotto, ma generalmente tendono a scomparire in poco tempo, in corrispondenza della diminuzione di tossine.

In ogni caso, non è conveniente sospendere l’assunzione di Citozym in questo caso, ma si consiglia piuttosto di ridurne il dosaggio a metà, associare dei fermenti tipo il Saccaromicetes Boulardi, per poi riprendere con la dose indicata non appena passato il problema.

Citozym non è un medicinale, non vanta proprietà terapeutiche, in caso di patologie va sempre richiesto il consiglio del proprio medico.

Citozym è un integratore naturale che è stato studiato all’Università di Tor Vergata di Roma con risultati positivi in molte patologie degenerative.

Ascorbato di potassio per potenziare efficacemente la risposta immunitaria dell’organismo.

Nell’organismo umano, i processi metabolici di base a livello cellulare sono di tipo bio-chimico-fisico. Il corretto funzionamento cellulare è regolato da quattro cationi. Sodio, Calcio, Potassio e Magnesio, attraverso i processi di legami reversibili che influenzano le reazioni di ossido-riduzione.

erboristeria-arcobaleno-valdagno-schio-sup_oncologico-potassioIn particolare il Potassio è considerato il catione guida (cofattore) dei processi metabolici intracellulari l’organismo sano si contraddistingue per il corretto funzionamento della pompa Sodio-Potassio. L’acido ascorbico, che è un fortissimo antiossidante, si comporta come veicolo trasportatore per il Potassio, mantenendo o riportando la sua concentrazione intracellulare ai valori corretti. Infatti uno squilibrio di questo catione è il segnale che l’organismo è a rischio di processi degenerativi e porta come conseguenza lo sbilanciamento degli altri cationi.

separatore_bianco

erboristeria-arcobaleno-valdagno-schio-sup_oncologico-cellulaL’importanza del potassio per il metabolismo cellulare e la sua carenza nelle patologie degenerative è nota in letteratura fin dagli anni ’30. Durante la degenerazione, c’è una perdita di potassio intracellulare avantaggio del sodio (alterazione della pompa sodio/potassio), con conseguente sbilanciamento elettrolitico. Questo evento, che completa una catena di processi bio-chimico-fisici complessi, ha un peso decisivo nella proliferazione incontrollata delle cellule degenerate perchè il potassio è un elemento che gioca un ruolo decisivo nella regolazione dell’attività metabolica di enzimi e proteine.

La perdita di potassio è legata ad una degradazione di particolari strutture proteiche ed enzimatiche conosciute con il nome di anelli pirrolici e l’unico modo per reintegrare questa perdita è attraverso la somministrazione di ascorbato di potassio. L’acido ascorbico, oltre all’effetto antiossidante, si comporta da veicolo di trasferimento intracellulare per il potassio ed è in grado di sostituire le strutture pirroliche degradate.

Nell’esperienza del biochimico Dott. Gianfranco Valsè Pantellini questi fatti producono un arresto nel processo di proliferazione incontrollata, un riequilibrio degli elettroliti con ripristino del corretto metabolismo cellulare ed un ripristino del corretto funzionamento cellulare.

L’ascorbato di potassio non è una metodica alternativa perchè agisce sui meccanismi cellulari fondamentali e può essere considerata come una metodica biochimica di base. L’interesse per l’agente antiossidante ascorbato di potassio è legato appunto agli straordinari effetti contro le patologie degenerative, ed i tumori in particolare, perchè agisce per ripristinare il corretto equilibrio di potassio intracellulare, alterato dalla patologia intra cellulare.

Già nel 1932 Moravel e Kishi misero in evidenza l’alta concentrazione di POTASSIO all’interno della cellula sana in normale attività fisiologica; contemporaneamente notarono i seguenti valori di concentrazione di POTASSIO in vari tessuti neoplastici (tumorali).

separatore_bianco

Tessuto sano: 290 mg/100 ml
Tessuto neoplastico in via di sviluppo: 50 mg/100 ml
Tessuto neoplastico altamente sviluppato: 25/100 ml
Tessuto neoplastico sviluppato in fase terminale: 5 e 0 mg/100 ml

separatore_bianco

Dean Burk, del National Cancer Institute, dichiarò gia nel 1969: il grande vantaggio che gli ascorbati possiedono come POTENZIALI AGENTI ANTICANCRO è che essi sono partilcolarmente non tossici per i normali tessuti del corpo e possono essere somministrati senza effetti collaterali degni di nota anche a dosi estremamente alte (fino a 5 g/kg o più).

Il biochimico Gianfranco Valsè Pantellini della NEW YORK ACADEMY OF SCIENCE notava gia’ negli anni ottanta l’attività dell’ ASCORBATO DI POTASSIO nei confronti delle malattie degenerative ed in particolare nei confronti delle degenerazioni Tumorali.
Valsè Pantellini stabilì dosi e tempi di somministrazione di questo rimedio assolutamente non tossico e benissimo tollerato determinandone il valore di rimedio eminentemente preventivo oltre che curativo.

Nel 2004, rispetto alla formula originaria, l’Ascorbato di Potassio è stato integrato con il Ribosio.

Il ribosio svolge un ruolo importantissimo nel metabolismo cellulare ed e precursore fondamentale dell’RNA (Acido RiboNucleico) e dell’adenosina (componente di base per la produzione di ATP) la sua assunzione orale viene metabolizzata e non va ad interferire con la glicolisi. Si tratta di una novità assoluta in campo internazionale, poiché questa sostanza non è mai stata impiegata a livello terapeutico né preventivo verso patologie oncologiche e/o degenerative.
L’impiego del 2% di ribosio rispetto all’acido ascorbico, è legato alla sua potenziale attività catalitica per velocizzare il processo di assorbimento di potassio nel citoplasma cellulare, anche perché non segue il destino della vitamina C (dopo pochissime ore dall’assunzione si trasforma in acido ossalico e se ne va dall’organismo per via renale), ma si “consuma” in modo diverso.

Informazioni da: pantellini.org e associazionesaras.it

erboristeria-arcobaleno-valdagno-schio-sup_onc-fito-rckNike RCK
Ascorbato di Potassio con Ribosio
Integratore notificato al Ministero della Sanità ai sensi del D. Lgs del 27/01/92 n.111.
Brevetto europeo N.EP-945.075
Scatola da 100 dosi

Prezzo: € 49,50
pulsante_acquista2

Composizione: ogni dose è costituita da due bustine di cui una contiene 150 mg di acido l-ascorbico + 3 mg di D-Ribosio; l’altra bustina contiene 300 mg di Potassio Bicarbonato.

Posologia: 1 bustina di acio L-ascorbico e D-Ribosio + 1 bustina di bicarbonato di potassio sciolte insieme in 20 cc di acqua una volta al dì la mattina a digiuno o salvo diversa indicazione medica.

erboristeria-arcobaleno-valdagno-schio-sup_onc-fito-rck-insI componenti, già dosati, devono essere protetti dall’umidità e dalla luce, essendo igroscopici e fotosensibili (particolarmente l’acido ascorbico).
Inoltre l’acido ascorbico ed il ribosio devono essere mantenuti separati dal bicarbonato di potassio;

l’Ascorbato di Potassio con Ribosio si ottiene sciogliendo i componenti in 20 cc di acqua.

Per evitare possibili fenomeni di tipo ossidativo, si consiglia di non utilizzare cucchiaini metallici per miscelare la soluzione.

Il composto svolge una potente azione antiossidante specificatamente legata alla presenza dell’ascorbato di potassio; il suo utilizzo è indicato sia nei casi di ridotto apporto di acido ascorbico o ribosio sia in casi di stress psico-fisico, in quanto l’integrazione con acido ascorbico, per la sua forte azione antiossidante, è in grado di combattere e prevenire fenomeni di degenerazione cellulare, come dimostrato da gran parte della documentazione clinica esistente. il Ribosio in quanto precursore dell’ATP (adenosintrifosfato) è in grado di aumentare le riserve energetiche dell’organismo, favorendone al contempo l’azione energetica e/o il rapido recupero in caso di deficit. La sua valenza sta anche nella sua alta digeribilità, nella facilità con cui viene assimilato dalle cellule che lo immagazzinano nel citoplasma e nel basso dosaggio a cui è attivo; è inoltre l’unico principio attivo assimilabile per bocca in grado di sviluppare una produzione energetica vitale per l’attività muscolare (ATP). La funzione principale del Ribosio nel composto è legato alla sua azione catalizzatrice per “velocizzare” il trasporto di potassio nel citoplasma cellulare.

erboristeria-arcobaleno-valdagno-schio-sup_onc-fito-tabella

L’Ascorbato di Potassio con Ribosio interviene per riequilibrare i meccanismi che sono all’origine dei processi degenerativi ed agisce anche per potenziare la risposta immunitaria dell’organismo alle aggressioni di “agenti esterni”. La presenza del ribosio aumenta l’efficacia del composto in virtù della sua potenziale attività catalitica. Si capisce quindi l’importanza di una corretta prevenzione basata sull’impiego di Ascorbato di Potassio con Ribosio, la cui efficacia preventiva potrebbe essere indagala attraverso un’indagine epidemiologica adeguata. Per l’assenza di tossicità e di effetti collaterali (a meno di intolleranza alla vitamina C) l’assunzione del composto può essere protratta a tempo indeterminato.

Ricerca
La ricerca sull’Ascorbato di Potassio con Ribosio viene condotta dalla Fondazione Internazionale Valsè Pantellini insieme con il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Università di Parma e con l’Istituto di Mutagenesi e Differenziamento del C.N.R. di Pisa. Attualmente questa collaborazione ha permesso di presentare una relazione al Congresso Internazionale di Pisa sui meccanismi di antimutagenesi ed anticancerogenesi (Ottobre 2003) organizzato dal C.N.R., che ha messo in evidenzia le caratteristiche antiossidanti e non tossiche del composto. La stessa Fondazione Pantellini e stata invitata, nel Giugno 2003, a presentare una relazione negli Stati Uniti all’Università del Connecticut in occasione della Conferenza Internazionale NPA su tali sviluppi della ricerca.
Cos’è
L’Ascorbato di Potassio con Ribosio è un sale ottenuto dall’acido ascorbico, facilmente solubile in acqua, che si ottiene mettendo insieme acido L’ascorbico (vitaminaC), D-ribosio e bicarbonato di potassio in forma cristallizzata purissima. I componenti, già dosati, devono essere protetti dall’umidità e dalla luce, essendo igroscopici e fotosensibili (particolarmente l’acido ascorbico). Inoltre l’acido ascorbico ed il ribosio devono essere mantenuti separati dal bicarbonato di potassio; l’Ascorbato di Potassio con Ribosio si ottiene sciogliendo i componenti in 20 cc di acqua.

Questo prodotto non intende essere diagnosi, trattamento, cura, o prevenzione malattia.

 

Approfondimento 1
Approfondimento 2
Approfondimento 3
Approfondimento 4
Approfondimento 5
Approfondimento 6

RASSEGNA STAMPA:
PANTELLINI A VICENZA NOVEMBRE 1990

Ascorbato contro il cancro, Fondazione Pantellini:
“Mettetelo alla prova”

Metodo Pantellini: l’ascorbato di potassio in oncologia
L’efficacia del metodo Pantellini, ovvero l’utilizzo di ascorbato di potassio con ribosio, per la cura dei tumori e delle malattie degenerative

Alessandro Silva – 21/11/2012 in Scienza e salute (https://www.scienzaeconoscenza.it)

“Un cerchio si chiude” questo è stato il titolo del convegno internazionale promosso dalla Fondazione Valsè Pantellini dove vari esperti sono intervenuti per presentare gli studi più recenti e i traguardi raggiunti con l’applicazione della metodica messa a punto dal dottor Pantellini, ossia la somministrazione di ascorbato di potassio e ribosio, nel campo delle malattie degenerative, soprattutto in ambito oncologico.

L’ascorbato di potassio è un sale derivato dalla vitamina C non tossico e privo di effetti collaterali. È oggetto di studio il trattamento con ascorbato di potassio associato al D-ribosio, uno zucchero, per la protezione di cellule e tessuti dallo stress ossidativo e per limitare la riproduzione incontrollata tipica delle cellule tumorali maligne.

erboristeria-arcobaleno-valdagno-schio-sup_onc-fito-molecola

Il cancro: una malattia multifattoriale
Il cancro è una malattia antica visto che se ne trovano tracce in reperti fossili di dinosauri. Fin dalla loro nascita, le terapie curative sono state improntate all’uccisione della cellula tumorale, con il pesante effetto collaterale connesso all’abbattimento della qualità di vita per l’alta tossicità delle sostanze somministrate.

Come riporta il dottor Guido Paoli, “le mutazioni genetiche responsabili dell’insorgenza del cancro e di altre malattie degenerative sono una conseguenza indiretta di danni ossidativi che coinvolgono la membrana cellulare e i mitocondri”.

Questi danni sono interpretati dal “cervello” della cellula, il suo nucleo, come una spinta alla mutazione del proprio patrimonio genetico per adattarsi all’ambiente che sta mutando.

Inoltre, l’insorgenza del cancro è dovuta alla combinazione di più fattori scatenanti (inquinamento, stress, radiazioni, predisposizione genetica) ognuno dei quali non è correlato all’altro.

Per questo non esiste un’unica molecola che possa contrastare la proliferazione incontrollata delle cellule tumorali. In tale ottica si inserisce l’uso combinato dell’ascorbato di potassio ed il D-ribosio il quale, da una parte mantiene le corrette concentrazioni elettrolitiche nelle cellule sane e, dall’altra, limita o esaurisce le risorse energetiche delle cellule tumorali, favorendo l’eliminazione di glucosio, per creare un ambiente ostile.

Tumore, stress ossidativo e ascorbato di potassio
“Uno dei meccanismi coinvolti nello sviluppo di un tumore è lo stress ossidativo che genera delle specie reattive dell’ossigeno capaci di danneggiare sia il DNA che altre strutture cellulari” spiega il dott. Massimo Fantini, dell’Università degli studi Roma 2-Tor Vergata. Sono numerosi gli studi scientifici a riguardo che provano, in particolare, un danneggiamento della pompa sodio/potassio, una sorta di “canale” che attraversa la membrana cellulare da parte a parte. L’alterata attività di questa pompa provoca uno squilibrio nel trasporto del sodio e del potassio che, a sua volta, causa un aumentato ingresso di glucosio nella cellula con un incremento della respirazione cellulare e una proliferazione incontrollata.

erboristeria-arcobaleno-valdagno-schio-sup_onc-fito-parete_cell

Anche il ruolo dello ione potassio (K+) e del D-ribosio sono noti: il D-ribosio partecipa alla produzione di energia nella cellula oltre ad essere il precursore di alcuni amminoacidi mentre il potassio è coinvolto in molti processi tra i quali il mantenimento del potenziale di membrana.

Dai risultati preliminari di uno studio condotto per analizzare l’effetto antitumorale dell’ascorbato di potassio da solo o in combinazione con il ribosio su cellule di carcinomi mammari, il dott. Fantini ha evinto come “la somministrazione combinata con ascorbato di potassio da solo o in combinazione con D-ribosio è risultata più efficace dopo quattro giorni con una inibizione della crescita cellulare”.

Non solo, “l’ascorbato di potassio, in associazione con il ribosio, determina, dopo solo due giorni di somministrazione, un significativo aumento di cellule morte” conclude il dott. Fantini. La ricerca portata avanti dal dott. Luca Bruni e la dott.ssa Simonetta Croci, ricercatori dell’Università di Parma e INBB di Roma, ha dimostrato invece come l’utilizzo combinato di potassio e D-ribosio (K:D-Rib) su linee cellulari stabilizzate di carcinomi umani alla mammella produce non solo un rallentamento della proliferazione delle cellule, ma anche la riduzione della capacità di invadere un tessuto da parte di cellule di tumore mammario rispetto a cellule non tumorali di epitelio mammario.

“Questi dati sperimentali, unitamente ad una ricca bibliografia sui canali del potassio, ci hanno portato ad ipotizzare che una fine regolazione della concentrazione di K+ sta alla base di un corretto funzionamento delle cellule” spiegano il dott. Luca Bruni e la dott.ssa Simonetta Croci.

È nata dunque l’esigenza di capire se il potassio entrasse oppure no nelle cellule a seguito del trattamento con K:D-Rib. Attraverso un elegante esperimento teso a dimostrare, nella cellula, la formazione di una specifica macromolecola che avviene solo a idonee concentrazioni di K+, i due ricercatori hanno così concluso: “I dati preliminari mostrano che, a seguito della somministrazione di K:D-Rib una quantità di ione K+ entra nella cellula e che il D-Ribosio è implicato nel favorire questo ingresso, ristabilendo la concentrazione fisiologica di K+”.

Non meno importanti i risultati ottenuti dallo studio svolto nell’ambito di un progetto finanziato dall’Università di Siena che si è basato sul monitoraggio di markers di stress ossidativo di proteine, lipidi e DNA prima e dopo l’assunzione di ascorbato di potassio con ribosio (dopo approvazione di un comitato etico), da parte di pazienti affetti da patologie congenite del tessuto connettivo e patologie degenerative (morbo di Parkinson, Alzheimer, condizioni di invecchiamento precoce), valutando anche l’andamento clinico della malattia.

“Gli studi, eseguiti nell’arco di dieci anni” spiega la dott.ssa Cecilia Anichini “hanno dimostrato l’importanza della stress ossidativo nelle patologie considerate con un miglioramento sia del quadro clinico che dell’assetto dei biomarker, variabile sulla base dell’età, del quadro clinico e dei parametri da stress, senza evidenziare nessun tipo di effetto avverso”.

erboristeria-arcobaleno-valdagno-schio-sup_onc-fito-kd_rib

Oncologia veterinaria
L’ascorbato di potassio si è dimostrato efficace anche nella cura di varie patologie tumorali o non di animali domestici. Per ottenere una buona efficacia, è necessario “focalizzare il sistema immunitario dell’animale quanto più possibile sul tumore, diagnosticando e debellando con terapie adiuvanti (possibilmente naturali) e laddove sia possibile, le eventuali (e spesso più che probabili) infezioni. Solo così si ottiene la massima risposta del paziente all’ascorbato” specifica la dott.ssa Giulia Milesi, medico veterinario omeopata e naturopata.

Medicina integrata: dalla parte del paziente
Gli esperimenti condotti nell’università di Parma e Roma Tor Vergata hanno gettato le basi per dimostrate l’efficacia biologica dell’ascorbato di potassio con ribosio. La strada per la comprensione del meccanismo di azione e dei suoi limiti curativi è ancora lunga e passa attraverso l’osservazione di modelli animali e la raccolta di dati da pazienti.

Modestia e serietà hanno sempre contraddistinto il lavoro di Pantellini e sono queste qualità che i medici ed i ricercatori che collaborano con la fondazione si impegnano a mantenere. Il loro compito è, prima di tutto, quello di offrire una corretta informazione “che non vuole essere un’alternativa alle terapie convenzionali, con le quali si cerca l’integrazione, ma un intervento di base sull’equilibrio cellulare” come ha concluso il dottor Andrea Bolognesi. Ed è proprio su questa base che i medici ed i ricercatori cercano di uscire da meccanismi standardizzati e posizioni chiuse con l’unico scopo di tutelare la dignità e il diritto al rispetto della vita di tutte le persone che soffrono e si rivolgono alla fondazione per un consiglio.

Grazie al lavoro congiunto di competenze diverse, si spera di riuscire a intravedere, prima o poi una strada percorribile che faccia luce su questioni cruciali per la salute umana.

Fonte: Alessandro Silva – 21/11/2012 in Scienza e salute (https://www.scienzaeconoscenza.it)

ASKORBATOASKORBATO K- Time Release 30 compresse
Ascorbato di potassio, Oleuropeina e Proantocianidine
Prezzo: € 22,00

pulsante_acquista2

ASKORBATO KCPR Time Release è la nuova formula Freeland che nasce dall’esigenza di migliorare la precedente formulazione di Askorbato K-HdT POWERED per alcuni aspetti cruciali quali: aumentare la concentrazione di acido ascorbico per ogni compressa, rendere la formula farmaceutica ancora più stabile e più a lungo conservabile, permettendo l’assorbimento degli attivi esclusivamente a livello intestinale.

ASKORBATO KCPR Time Release è un integratore a base di acido ascorbico, sale di potassio (acido ascorbico e bicarbonato di potassio), estratto di semi di vite rossa (titolato al 95% in proantocianidine) ed estratto secco di foglie d’olivo (titolato al 6% in oleuropeina).

Il prodotto ASKORBATO KCPR Time Release assicura un’elevata biodisponibilità di antiossidanti e favorisce l’assorbimento dei betaglucani fungini.

* INSTANUTE DR®: sistema di filmatura unico disponibile sul mercato a base polimerica naturale. Praticamente insolubile a pH<3 e immediatamente solubilizzato a ph>5, conferendo gastroresistenza alla compressa che si disgrega a livello enterico.
UNICITÀ DI ASKORBATO KCPR Time Release:

Formulazione a rilascio ritardato. Compressa gastroresistente. Elevata concentrazioni di attivi. La nuova formulazione ASKORBATO KCPR Time Release migliora l’assorbimento di a- e ß-glucani: l’acido ascorbico modifica viscosità e osmolarità di a- e ß-glucani nel lume intestinale, favorendone l’assorbimento.

Si consiglia l’assunzione di 1-2 compresse al giorno, salvo parere diverso del proprio medico.

La Vitamina C (REGOLAMENTO (UE) N. 432/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 maggio 2012) contribuisce a:

 

  • alla normale funzione del sistema immunitario
  • alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo
  • al normale metabolismo energetico
  • alla normale formazione del collagene per la funzione dei vasi sanguigni, delle ossa e delle cartilagini
  • alla normale formazione del collagene per la funzione delle gengive e dei denti e per la normale funzione dei denti
  • alla normale funzione psicologica
  • alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento
  • Infine la Vitamina C accresce l’assorbimento del ferro


Il Potassio (REGOLAMENTO (UE) N. 432/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 maggio 2012) contribuisce a:

 

  • al mantenimento di una normale pressione sanguigna
  • alla normale funzione muscolare
  • al normale funzionamento del sistema nervoso


La formula è arricchita con Olea europaea L. folia (Ulivo) e Vitis vinifera L.

Come da Linee guida ministeriali di riferimento per gli effetti fisiologici, Allegato 1 al DM 10 agosto 2018 sulla disciplina dell’impiego negli integratori alimentari di Sostanze e preparati vegetali come aggiornato con Decreto 9 gennaio 2018 e da ultimo con Decreto 26 luglio 2019:

Olea europaea folia ha funzione antiossidante e di supporto al metabolismo dei carboidrati e dei lipidi. Contribuisce alla normale circolazione del sangue e alla regolarità della pressione arteriosa.
Vitis vinifera semen contribuisce alla funzionalità del microcircolo (pesantezza delle gambe). Ha funzione antiossidante e supporta la regolare funzionalità dell’apparato cardiovascolare.

Ingredienti per 1cpr da 1400 mg:

Acido ascorbico 500 mg
Olea europaea L. foglia (Ulivo) estratto tit 6% oleuropeina 152.80mg
Vitis vinifera L. (Vite rossa) estratto semi tit 95% proantocianidine 111.20 mg
Filmatura INSTANUTE DR®

Produzione e lavorazione spagnola

L’ascorbato di potassio è il sale potassico dell’acido ascorbico, meglio conosciuto come Vitamina C. L’acido ascorbico, che deve essere giornalmente assunto con la dieta, in quanto il nostro organismo non è in grado di produrlo, è un importante antiossidante ed è indispensabile per la sintesi del collagene e dei tessuti connettivi.

Aumenta l’assorbimento del ferro, contribuisce all’accrescimento delle ossa, migliora la resistenza alle infezioni e potenzia il sistema immunitario. La sua carenza provoca lo scorbuto.

Il potassio funziona da normalizzatore cardiaco, e come regolatore del bilanciamento delle scorie del corpo, esercita azione alcalinizzante dei fluidi corporei e aiuta a ridurre la pressione sanguigna. Esso è considerato il catione guida dei processi metabolici intracellulari.

Un organismo sano si contraddistingue, tra le altre cose, anche per il corretto funzionamento della pompa di membrana sodio-potassio. La perdita di potassio intracellulare determina uno sbilanciamento elettrolitico a causa dell’alterato funzionamento della pompa sodiopotassio, con elevati livelli di sodio e ridotti livelli di potassio intracellulare; questa situazione è spesso riscontrabile nei processi degenerativi cellulari. Questo evento, che completa una catena di processi biochimico-fisici complessi, ha infatti un peso importante nel controllo della proliferazione cellulare. In questo contesto l’acido ascorbico si comporta come “veicolo trasportatore” per il potassio, e contribuisce a riportare la sua concentrazione intracellulare ai valori corretti.

erboristeriarcobaleno allergie potassio sodioL’ascorbato di potassio, grazie alla sua struttura molecolare ciclica, è in grado di ripristinare le corrette concentrazioni intracellulari di sodio e potassio e quindi un corretto funzionamento cellulare.

Già nel 1932 Moravel e Kishi misero in evidenza l’alta concentrazione di potassio nella cellula sana a differenza della cellula neoplastica, nella quale notarono valori drasticamente inferiori a seconda del livello di malignità (cellula sana 290 mg/100ml; tessuto neoplastico in via di sviluppo 50mg/100ml; tessuto neoplastico sviluppato 25mg/100ml; tessuto neoplastico in fase terminale 5mg/100ml).

Nel 1969 Dean Burk del National Cancer Institute (NCI) affermò: “il grande vantaggio che gli ascorbati possiedono come potenziali agenti antitumorali è che essi sono particolarmente non tossici per i normali tessuti del corpo e possono essere somministrati senza effetti collaterali degni di nota anche a dosi estremamente alte (fino a 5g/kg o più)”.

Il biochimico Gianfranco Valsè Pantellini della New York Academy of Science notò già negli anni ottanta l’attività dell’ascorbato di potassio nelle malattie degenerative.

Mucuna – Mucuna pruriens
(fonte: https://www.my-personaltrainer.it/)

La Mucuna è un arbusto rampicante appartenente alla famiglia delle Fabaceae, proprio come i fagioli e gli altri legumi in genere. Mucuna pruriensIdentificata dal nome scientifico Mucuna pruriens L., cresce spontanea nelle regioni tropicali africane e dell’Asia meridionale, in particolare in India dalle pendici dell’Himalaya sino allo Sri-Lanka, e nelle zone caraibiche fino al Sud-America.

Per le importanti proprietà medicinali e le pressanti richieste industriali, Mucuna pruriens viene oggi estensivamente coltivata a fini commerciali.

Le parti maggiormente utilizzate a fini fitoterapici sono i semi di Mucuna pruriens, sebbene le foglie abbiano dimostrato interessanti proprietà antiossidanti.

I semi maturi della mucuna contengono l’amminoacido L-DoPA (L-3,4-diidrossifenilalanina) in concentrazioni pari al 3.1-6.1%; si registra inoltre la presenza di glutatione, lecitine, acido gallico, glicosidi, nicotina, serotonina, inibitori delle proteasi, sitosteroli, ed un olio viscoso di color marrone scuro. La generosa presenza dell’amminoacido catecolico L-DoPA ha attirato l’attenzione dei ricercatori, intenti da un lato ad utilizzare i semi di Mucuna pruriens per la produzione industriale di L-DoPA, e dall’altro a studiarne l’efficacia terapeutica come alternativa naturale ai tradizionali farmaci anti-parkinsoniani.

L-DoPA è precursore del neurotrasmettitore dopamina, che nell’organismo esercita un ruolo rilevante in numerosi processi fisiologici, regolando l’umore, i comportamenti sessuali, le pulsioni ed il movimento.

Per questo motivo, L-DoPA viene utilizzato dalla medicina ufficiale nel trattamento di malattie da carenza di dopamina, come il morbo di Parkinson e in minor misura gli stati depressivi.

Mucuna Pruriens viene consigliata dai testi aiurvedici e dalla medicina tradizionale per trattare la disfunzione erettile e lo scarso appetito sessuale di natura psicogena, il morso di serpenti velenosi, il diabete e i disturbi nervosi paragonabili alla malattia oggi conosciuta come morbo di Parkinson.

Gli integratori di Mucuna pruriens, non potendo per legge vantare proprietà terapeutiche nel trattamento del morbo di Parkinson, fanno leva commerciale sul ruolo della dopamina nell’organismo umano, attribuendo al prodotto proprietà afrodisiache, utili per aumentare la libido in caso di disfunzione erettile lieve di origine psicogena e scarso appetito sessuale un’effetto migliorativo della fertilità maschile un’azione di stimolo sulla fertilità e sulla secrezione dell’ormone della crescita.

Prove di efficacia
Le proprietà anti-parkinsoniane della Mucuna Pruriens sono state confermate da diversi studi clinici [1-4]. In uno di questi studi [4], l’effetto anti-parkinsoniano di due singole dosi da 15 e 30 grammi di estratti di semi di Mucuna Pruriens, standardizzati in L-DoPA (contenenti rispettivamente 500 e 1000 mg di L-DoPA, equivalenti a 100 e 200 mg di L-DoPA in presenza di un inibitore della decarbossilasi), sono state confrontate con una dose di 200/50 mg L-DoPA/Carbi-Dopa.

Gli autori giungono alla conclusione che la rapida insorgenza degli effetti terapeutici, la maggior durata d’azione e la significativa riduzione dell’effetto collaterale discinesia, suggeriscono come la Mucuna Pruriens possa addirittura offrire vantaggi terapeutici superiori rispetto ai tradizionali farmaci a base di L-dopa nella gestione a lungo termine del morbo di Parkinson.

Diversi studi [3, 8, 9] suggeriscono che la tollerabilità degli estratti di semi di Mucuna può essere migliore rispetto alle preparazioni farmacologiche a base di L-dopa, come testimoniato dall’assenza – o comunque dalla minore entità – del comune effetto collaterale chiamato discinesia.

Per quanto riguarda l’attività farmacologica della mucuna sull’aumento di libido, potenza sessuale e disfunzione erettile, si registrano alcuni studi su cavie animali [5-7]. Sebbene tali ricerche abbiano dato risultati incorragianti, anche nel trattamento della disfunzione erettile correlata al diabete, considerandone i limiti intrinseci, per confermare queste proprietà empiriche segnalate dalle medicine etniche tradizionali è necessario attendere i responsi di studi clinici più approfonditi. A sostegno di tali proprietà, ricordiamo comunque come l’ipersessualità rientri tra i comuni effetti collaterali degli agonisti dopaminergici.

Per quanto riguarda l’utilizzo di Mucuna Pruriens nel trattamento dell’infertilità maschile segnaliamo questo studio [10] che ha dimostrato come il trattamento abbia migliorato i livelli di testosterone, LH, dopamina, adrenalina e noradrenalina in uomini infertili, riducendo i livelli di FSH e prolattina, ed aumentando anche la conta spermatica e la motilità degli spermatozoi. Gli autori dello studio giungono alla conclusione che la mucuna regola la steroidogenesi e migliora la qualità dello sperma in uomini infertili.

Si utilizzano estratti secchi di semi titolati al 10-50% in L-DoPA con posologia di 1-2 capsule da 200-400 mg al giorno.
E’ importante sottolineare come tutti questi studi abbiano utilizzato estratti secchi titolati di semi di Mucuna pruriens in dosi particolarmente elevate rispetto a quelle comunemente consigliate dai produttori di integratori alimentari. Leggendo più attentamente gli studi, infatti, si scopre l’impiego di tali estratti in dosi variabili in base alla titolazione, ma in media equivalenti a 1500 mg di L-DoPA al giorno.

Controindicazioni, tossicità ed effetti collaterali
Mucuna pruriens è sconsigliata in presenza di gravi disturbi epatici, cardiopatie severe, gravidanza ed allattamento. Mucuna pruriens non figura nell’elenco di piante medicinali ammesse negli integratori alimentari, diffuso dal ministero della salute nel Dicembre 2011; compare invece nell’elenco delle piante non ammesse negli integratori alimentari aggiornato dal Ministero nel luglio 2009.
Anche per questo motivo, in Italia le importanti proprietà medicinali della Mucuna pruriens sono ancora poco note, sebbene risultino assai più promettenti e scientificamente fondate rispetto a quelle di altri integratori utilizzati per simili finalità salutistiche e terapeutiche.

Bibliografia

Chiedi ulteriori informazioni

p275_0_38_02ARTEMISIA ANNUA PURA
polvere 180 g

Prezzo: € 34,90
pulsante_acquista2

Polvere cosmetica indicata per maschere ed impacchi che sfrutta le proprietà condizionanti, antimicrobiche e anti-forfora dell’artemisia annua, utili per favorire e mantenere la bellezza della pelle e dei capelli.

Prodotto senza test su animali.

Ingredienti (TERMINI INCI): Maltodextrin (Maltodestrine da mais o riso), Artemisia annua leaf extract (titolato al 98% in artemisinina).

Consigli d’uso: si consiglia di utilizzare da 1 a 2 misurini rasi (3-6 g) per applicazione. Misurino incluso nella confezione.

Avvertenze: tenere fuori dalla portata dei bambini sotto i 3 anni. Cosmetico per uso esterno: non ingerire. Non contiene parabeni né altri conservanti, coloranti e profumazioni sintetiche o artificiali.

p275_0_38_05

Artemisia (Assenzio)
Un’antica ricetta del popolo cinese potrebbe essere la chiave per un trattamento anti-cancro non tossico.
Due biochimici dell’Università di Washington hanno scoperto nella medicina popolare cinese un rimedio potenzialmente molto promettente nel trattamento del cancro. Il Prof. Henry Lai e il suo assistente Prof. Narendra Singh hanno esaminato la straordinaria efficacia delle proprietà chimiche di un derivato dell’assenzio sulle cellule tumorali del seno. Uno studio menzionato nella nuova edizione del Life Sciences descrive come questa sostanza praticamente uccide entro 16 ore tutte le cellule tumorali del seno umano.
Il Prof. Lai dice: “si direbbe che non solo funzioni ma lo fa selettivamente”. E aggiunge: “E’ altamente tossico per le cellule tumorali del seno, ma a quelle normali ha solo un effetto negligente.”

La combinazione Artemisinin, non è niente di nuovo, a quanto pare veniva usata già migliaia d’anni fa, estraendola dalla pianta Artemisia annua L., comunemente conosciuto come Assenzio, in modo da combattere la malaria. Con il tempo questo trattamento è andato nel dimenticatoio.
Venne riportato alla luce negli anni settanta, ricercando antiche ricette contro la malaria, e attualmente il suo uso è diffuso in Asia e in Africa per combattere le malattie trasmesse dalle zanzare.

La combinazione aiuta a tenere sotto controllo la malaria, dato che reagisce con l’alto contenuto di ferro nei parassiti della malaria. Quando l’Artemisinin è a contatto con il ferro, avviene una reazione chimica, la quale libera delle particelle cariche, denominate “radicali liberi”. Questi attaccano la membrana delle cellule, distruggendola in modo che i singoli parassiti muoiono. E’ da circa sette anni che il Prof. Lai sostiene che questo procedimento dovrebbe funzionare anche con le cellule tumorali.

Il prof. Lai spiega: “le cellule cancerogene necessitano di tanto ferro per la riproduzione del DNA nella divisione cellulare”. Aggiunge: “ Per questo motivo, la concentrazione di ferro è più elevata nelle cellule tumorali che in quelle normali. Quando abbiamo iniziato a capire il funzionamento del Artemisinin, mi sono chiesto, se potevamo usare questa conoscenza per sconfiggere le cellule tumorali.” Lai ha sviluppato un metodo possibile e ha cercato degli sponsor. Alla fine è riuscito ad ottenere un sostegno finanziario dall’Associazione Cancro al Seno di San Francisco. Intanto, l’Università di Washington ha brevettato le sue idee.

Le idee secondo Lai e Singh consistono nel sovraccaricare le cellule tumorali con del ferro, in modo da poterle poi uccidere selettivamente con l’Artemisinin. Onde poter accumulare più ferro possibile, era necessario avere un gran numero di recettori di transferrina, i quali facilitano l’entrata di ferro nelle cellule. Le cellule tumorali del seno non fanno eccezione. Hanno 15 volte più recettori di transferrina che le cellule normali.

Nello studio preliminare, i ricercatori esponevano sia le colture delle cellule tumorali del seno che quelle normali, all’olotransferrina ( lega con i recettori di transferrina in modo da trasportare il ferro alle cellule), al diidroartemisinin (una variante dell’artemisinin idrosolubile), ed a una combinazione delle due.
Esposte a una sola sostanza, l’effetto era nullo, esposte a due sostanze l’effetto era leggero.
A quelle esposte prima all’olotransferrina e poi al diidroartemisinin, l’effetto era invece notevole. Solo il 25% delle cellule cancerogene erano rimaste dopo 8 ore. Invece, dopo 16 ore dall’esposizione, la maggioranza delle cellule cancerogene erano state eliminate.

Uno studio precedente inerente le cellule della leucemia ha ottenuto dei risultati ancora più sorprendenti. Entro 8 ore, la maggioranza delle cellule cancerogene erano state eliminate. Una possibile spiegazione potrebbe essere l’alta concentrazione di ferro nelle cellule della leucemia. “Hanno la più alta concentrazione di tutte le cellule cancerogene”, spiega Lai. “ Le cellule della leucemia possono contenere 1000 volte più ferro delle cellule normali.

Il prossimo passo sarà l’esperimento sugli animali. In misure minime, questi esami sono già stati eseguiti. In uno studio precedente, un cane con un cancro alle ossa, in una misura tale che impediva al cane di camminare, ha avuto una guarigione completa entro cinque giorni. Comunque, degli studi più profondi andrebbero eseguiti.

Se questo procedimento adempirà le aspettative, rivoluzionerà il trattamento di alcuni tipi di cancro, dice Lai. La meta sarebbe di arrivare ad un trattamento che si possa fare a casa e per via orale.
Lai dice: “Sarebbe molto facile e le nostre ricerche potrebbero consentirlo” .

Un altro vantaggio sarebbero i costi – un prezzo molto a buon mercato di $ 2 per dosaggio. E grazie alle migliaia di persone che hanno già provato l’Artemisinin per il trattamento contro la malaria, possiamo dire che abbiamo abbastanza prove per dimostrare che l’Artemisinin è senza effetti collaterali.” Qualunque cosa succeda, una parte della lode va ai naturopati sconosciuti di altri tempi . “ La cosa più straordinaria, è che i cinesi l’avevano adoperato già dai tempi remoti”, dice Lai. “ Noi gli abbiamo solo dato una nuova applicazione”.

Tratto da: https://www.drclarkinfocenter.com/ita/products_devices/vitamins/wormwood.php
Parte del libro di Bonifacio – 40 casi di guarigione
Visionate il libro di Giorgio Bogoni: “La verita’ che il tuo oncologo non puo’ dirti”

Bibliografia e letture consigliate per approfondire

ARTOI (Associazione Ricerca Terapie Oncologiche Integrate) Artemisinina, www.artoi.it/farmaci-naturali/artemisinina

Antimicrobial, antioxidative, and insect repellent effects of Artemisia absinthiumessential oil. Mihajilov-Krstev T, Jovanovic B, Jovic J, Ilic B, Miladinovic D, Matejic J, Rajkovic J, Dordevic L, Cvetkovic V, Zlatkovic B. Planta Med. 2014 Dec;80(18)

Effect of crude extracts of Moringa stenopetala and Artemisia absinthium on parasitaemia of mice infected with Trypanosoma congolense. Kifleyohannes T, Terefe G, Tolossa YH, Giday M, Kebede N. BMC Res Notes. 2014 Jun 24;7:390

Antiparasitic efficacy of Artemisia absinthium, toltrazuril and amprolium against intestinal coccidiosis in goats. Iqbal A, Tariq KA, Wazir VS, Singh R. J Parasit Dis. 2013 Apr;37(1):88-93

Antimicrobial Activity of Artemisia absinthium Against Surgical Wounds Infected by Staphylococcus aureus in a Rat Model. Moslemi HR, Hoseinzadeh H, Badouei MA, Kafshdouzan K, Fard RM. Indian J Microbiol. 2012 Dec;52(4):601-4.

[Artemisia absinthium L. in complex treatment of inflammatory periodontal disease]. Krechina EK, Belorukov VV. Stomatologiia (Mosk). 2012;91(4):22-4. Russian

Antimalarial activity of three Pakistani medicinal plants. Irshad S, Mannan A, Mirza B. Pak J Pharm Sci. 2011 Oct;24(4):589-91

Antiparasitic efficiency of Artemisia absinthium on Toxocara cati in naturally infected cats. Yildiz K, Basalan M, Duru O, Gökpinar S.

Turkiye Parazitol Derg. 2011;35(1):10-4.

ALOE dall’Africa: la pianta della salute

Le proprietà dell’aloe sono conosciute da molte centinaia di anni. Già nella bibbia (Giovanni 19,39), si cita il nome di Nicodemo, il quale tentò di salvare Gesù, dopo che fu deposto dalla croce, con una quantità incalcolabile di aloe. L’apostolo Tommaso fece venire l’aloe dall’India, pianta che in seguito rese famosa.

Si racconta che l’aloe ristabilisca l’equilibrio tra i tre Doshas (Kafa, Vata e Pitta). Grazie alla medicina ayurvedica, le preziose conoscenze sugli effetti dell’aloe sono arrivati fino a noi. Greci, Romani e Fenici hanno lasciato innumerevoli consigli sugli effetti preventivi e curativi di questa pianta. Marco Polo, durante i suoi viaggi in India e in Cina, trovò delle grandi distese di aloe vera e imparò ad usarle nella medicina orientale. L’aloe è considerato dagli indiani come un guaritore muto.

Gli Indiani ed altre tribù per fare i trattamenti con l’Aloe, si basano sui cicli lunari. Quando sperano di aumentarne l’effetto le regole da seguire sono: se il corpo è affaticato e privo di energia (quando mancano certe sostanze), il succo deve essere assunto giornalmente dalla luna nuova al plenilunio. Se si desidera eliminare certe sostanze dal corpo (ulcere o una cura depurativa), il succo deve essere preso dal plenilunio alla luna nuova. Si deve fare poi una pausa di due settimane.

 

Cristoforo Colombo al ritorno dai suoi viaggi descrivendola come una pianta dai grandi poteri curativi. Prodotto prezioso per ripristinare e regolare numerose funzioni vitali.

La chiave del potere dell’Aloe è costituito principalmente da tre grandi famiglie di principi attivi e nutrimenti:

Il primo vede la presenza di una tipologia particolare di zuccheri complessi chiamati MUCOPLOISACCARIDI (MPS). Gli MPS normalmente si trovano in ogni cellula del nostro corpo e siamo in grado di fabbricarli da soli esclusivamente nei primi 10 anni della nostra vita. Uno dei più importanti mucopolisaccaridi, isolato dai laboratori Carrinton USA è l’ACEMANNANO, il quale opera interagendo con il sistema immunitario.

separatore_bianco

erboristeriarcobaleno aloe MUCOPLOISACCARIDIE’ un potente stimolatore di macrofagi (globuli bianchi che distruggono i batteri, cellule tumorali, ecc.) per produrre agenti immunitari, quali l’interferone e l’interleuchina.

Agente antinfiammatorio: può ridurre il dolore ed il gonfiore, efficace contro le scottature solari, le piccole ustioni, contro le punture di insetto, contro l’acne. Agente rigenerante: favorisce la rigenerazione delle cellule; potente agente rigenerante per tutti i tipi di ferite. Essendo un naturale antibiotico e antibatterico, l’Aloe è in grado di intervenire su una vasta gamma di infezioni, comprese quelle di origine micotica. Agente idratante e coesivo: è adatto al trattamento delle pelli secche.

Agente anti-invecchiamento: L’Aloe ha la capacità di aumentare la produzione di fibroplasti umani 6/8 volte più rapidamente del normale. I fibroplasti sono cellule che si trovano nel derma e sono responsabili della produzione di collagene, una proteina di supporto della pelle che la rende soda ed elastica. L’esposizione al sole e il normale processo di invecchiamento fanno sì che i fibroplasti rallentino la produzione di collagene e le rughe si evidenzino. L’Aloe non soltanto migliora la struttura dei fibroplasti, ma accelera il processo di produzione del collagene producendo un sensibile ringiovanimento della pelle.

 

separatore_bianco

Il secondo grande insieme di principi attivi è costituito dagli ANTRACHINONI che hanno un’attività lassativa e riparatrice per l’intestino.

Il terzo è la ricchezza che l’Aloe vanta, in termini di vitamine, minerali ed alimenti nutrizionali in genere. Infatti questa pianta miracolosa possiede più di 150 componenti attivi. L’Aloe è dunque un’agente ristrutturante veramente efficace per la sua adattabilità.

E’ questa la proprietà più straordinaria, ossia la risposta adeguata ad ogni problema specifico.

ALOE: UN PRODIGIO DELLA NATURA

L’aloe è una vera e propria miniera di componenti nutrizionali: gli scienziati ne hanno identificati più di 75.
L’elenco delle VITAMINE, dei MINERALI, degli ENZIMI e degli AMMINOACIDI contenuti nell’Aloe Vera è talmente completo da far pensare ad un vero e proprio manuale della nutrizione.
I ricercatori continuamente studiano la pianta per svelarne tutti i segreti ma, a tutt’oggi si pensa che sia proprio il modo sinergico con cui agiscono tutti i componenti nutrizionali, a conferire all’Aloe Vera le sue proprietà “prodigiose”.
L’Aloe Vera è probabilmente la pianta curativa ed estetica più usata nella storia, essendo presente nella farmacopea di ogni cultura da oltre 5000 anni.
Si sta conducendo una ampia ricerca scientifica negli Stati Uniti ed in Russia per stabilire tutte le proprietà dell’Aloe Vera.
Se ancora non e’ possibile fare affermazioni definitive riguardo ai benefici effetti terapeutici dell’Aloe Vera, vi sono tuttavia numerosissimi riscontri clinici della sua efficacia ed un sempre crescente uso professionale in ospedali e centri anti ustioni, oltre all’utilizzo che, naturalmente, ne fanno medici, naturopati, dermatologi e cosmetologi per i loro pazienti.

separatore_bianco

L’uso regolare di Aloe Vera, aiuta ad alleviare PROBLEMI DIGESTIVI e facilita il RINNOVO DELLA MUCOSA GASTRICA ED INTESTINALE.

Se assunta regolarmentesotto forma di bevanda, agisce come PURIFICANTE E DISINTOSSICANTE dolce sviluppando la sua azione su tutto l’apparato digerente e penetrando direttamente nel tessuto cellulare: elimina cellule morte, aiuta a rigenerare la crescita di quelle nuove e favorisce la salute dei tessuti.

L’Aloe Vera è nutriente poiché contiene una vasta gamma di sostanze: vitamine E, C, B2, B3, B6, acido folico, A, B12, ferro, magnesio, calcio, zinco, potassio, manganese, rame, boro, zolfo, 18 Amminoacidi, enzimi, etc…

E’ adattogena il che significa che ha capacità di agire adeguatamente in risposta ad ogni problema specifico della persona che ne fa uso; per esempio una persona può scoprire che, prendendo l’ALOE, combatte asma o artrite o le gengive, smettono di sanguinare o la pelle migliora.

E’ immunostimolante alzando le nostre difese nei confronti di attacchi da agenti esterni di varia natura, aiutando a ristabilire l’equilibrio di linfociti T e B ed e’ anche stata riconosciuta la sua funzione protettiva della pelle contro le radiazioni ultraviolette.

Usata regolarmente ha effetto ANTI-AGING ovvero rallenta i processi di invecchiamento cellulare, favorendo l’eliminazione di radicali liberiseparatore_bianco

Per uso esterno, l’Aloe Arborescens ha effetto cicatrizzante; le foglie di Aloe arborescens vengono usate con successo per trattare le bruciature e le lesioni da raggi X, acne, emorroidi, psoriasi, dermatite seborroica.

 

Una valutazione critica degli studi clinici esistenti fino al Maggio 2007 ha valutato il ruolo del gel di aloe per via topica nel trattamento delle ferite cutanee. Sono stati reperiti 4 studi clinici di buona qualità, per un totale di 371 pazienti. I risultati indicano che il tempo medio di guarigione dei pazienti trattati col gel di aloe era di 8,79 giorni, significativamente più breve di quello dei soggetti trattati col placebo, che era di 10,4 giorni. Va peraltro detto che i prodotti usati in questi studi erano diversi tra di loro e anche i criteri di misurazione dei risultati non erano omogenei. Sarebbe dunque necessario eseguire uno studio clinico con un grosso numero di pazienti per poter affermare con certezza l’utilità del gel di aloe nelle ferite.

FONTE: Maenthaisong R. et al. L’efficacia del gel di aloe vera nella cicatrizzazione delle ferite. Burns. 2007 May 11.

CURIOSITA’:
l’Aloe, citata persino nella Bibbia, è presente in molteplici documenti storici che, via via, nel tempo ne hanno decantato le straordinarie proprietà medicinali.

Su una tavoletta di argilla sumerica risalente al 2100 a.C. viene riportato, ad esempio, l’uso farmacologico dell’Aloe così come nel noto papiro egiziano di Ebers (1550 circa a.C.) viene dato un resoconto dettagliato sui metodi e sull’utilizzo di questa pianta.
Sembra, peraltro, che Re Salomone la coltivasse per le sue proprietà terapeutiche e che le regine Nefertiti e Cleopatra ne facessero largo uso per esaltare la loro bellezza.

I Greci, poi, pare la conoscessero e la usassero sin dal IV secolo a.C. ed è noto, a tale proposito, che Alessandro il Grande seguendo i suggerimenti del suo maestro Aristotele decise di conquistare l’isola di Socotra, nell’Oceano Indiano, proprio perché l’Aloe veniva coltivata in grande quantità e si rivelava dunque preziosa per curare le ferite dei soldati.

Dioscoride, poi (I sec. d.C.), descrive in modo dettagliato, nel suo Erbario Greco, i metodi di utilizzo dell’Aloe per curare molteplici disturbi; così come fece ampiamente Plinio il Vecchio nella sua Storia Naturale.

La fama relativa alle straordinarie proprietà medicinali dell’Aloe rimase viva a lungo, nel tempo, tanto che Cristoforo Colombo annotò nel suo diario: “Todo està bien, hay Aloe a bordo” ed ancora: “Quattro vegetali sono indispensabili per la salute dell’uomo: il frumento, la vite, l’ulivo e l’aloe. Il primo lo nutre, il secondo ne rinfranca lo spirito, il terzo gli reca armonia, il quarto lo guarisce”.

Tra gli autorevoli personaggi che si pronunciarono in favore dell’Aloe merita ricordare F. Vincent Raspail il quale scrisse: “Vuoi vivere più a lungo di Noè? Prendi qualche pillola di Aloè'”.

Mahatma Gandhi, invece, disse: “Mi chiedi quali forze segrete mi sostenessero durante i miei lunghi digiuni? Ebbene,furono la mia incrollabile fede in Dio, il mio stile di vita semplice e frugale e l’aloe di cui scoprii i benefici alla fine del XIX secolo, al mio arrivo in Sud Africa.”

Dopo un periodo di silenzio che ne avvolse la fama e ne interruppe l’utilizzo, l’Aloe si riaffaccia oggi con prepotenza supportata da recenti ricerche scientifiche che ne hanno confermato ed avvalorato le innumerevoli proprietà terapeutiche.

E’ conosciuta anche secondo la nota ricetta di Padre Zago.

APPROFONDIMENTI

Aloe Arborescens-1000-ml-solimè

Aloe Arborescens Solimè 1000 ml

Prezzo: € 30,00
pulsante_acquista2

Aloe Arborescens Solimè è puro succo fresco ricavato dalla spremitura a freddo delle foglie di questa preziosa pianta, procedimento che permette di conservare integri i principi attivi e mantenere inalterate tutte le proprietà funzionali

separatore_bianco

INGREDIENTI
Succo fresco d’Aloe arborescens 99,38% min., Acidificante: Acido Ascorbico, Conservanti: Sodio Benzoato, Potassio Sorbato

ISTRUZIONI PER L’USO
Agitare il flacone prima dell’uso ed assumere un cucchiaio da tavola preferibilmente prima dei tre pasti.

Una monografia completa sull’Aloe Arborescens del Dott. Nacci

Delle circa 250 varietà note, particolare interesse scientifico ha di recente rivestito l’Aloe arborescens, ritenuta migliore rispetto alle altre varietà di pianta, fra cui l’Aloe vera. Rispetto a quest’ultima, infatti, l’Aloe arborescens presenta una concentrazione di principi attivi più elevata, pari ad almeno tre volte, e risulta inoltre più resistente ai nostri climi. I principi attivi contenuti sono circa un centinaio.

Delle sostanze note, accanto a quasi tutti gli aminoacidi essenziali, a molte vitamine, all’acido acetilsalicilico, alla Colina, e a diverse forme di lipidi, l’ Aloe contiene anche dei rari sali minerali: lo Zinco, il Manganese, il Ferro, il Germanio, il Cromo, il Magnesio, il Boro, il Selenio, con implicazioni importanti, quindi, per diverse patologie umane: tra queste, gran parte delle patologie degenerative, del ricambio, o da cause carenziali.

Per leggere tutta la monografia CLICCA QUI

erboristeriarcobaleno aloe aloeveraUNICA E DOPPIA: LA PRIMA LINEA AL MONDO CONCENTRATA 2 VOLTEerboristeriarcobaleno aloe aloe_3789 (2)

Zuccari, l’azienda trentina specialista dell’aloe in Italia dal 2001, raddoppia l’efficacia della materia prima nei prodotti funzionali e cosmetici lanciando una linea innovativa in&out (ovvero di succhi/integratori e cosmetici/creme) a base di aloe due volte concentrata [aloevera]² .

Fondata nel 1994 da Stefano Sala nell’area dei prodotti funzionali e per il benessere, a Zuccari si deve l’introduzione in Italia del mercato dell’aloe, con una tecnica di produzione innovativa: raccolta ed estrazione manuale del filetto, assenza di filtraggio a carboni, assenza di pastorizzazione, niente acqua aggiunta. Ora l’azienda innova ulteriormente aggiungendo aloe all’aloe attraverso il processo proprio ReversOsmose©, processo applicato per la prima volta all’Aloe vera. L’osmosi inversa è la filtrazione che permette di concentrare due volte la materia prima, togliendo parte dell’acqua in essa contenuta, senza alterarne la bio-attività.

L’Aloe vera, o Aloe barbadensis Miller, è una pianta perenne dalle foglie carnose che predilige climi caldi e secchi, con una straordinaria capacità di “autoconservazione”. Per adattarsi e crescere rigogliosa in ambienti ostili, questa pianta regola il suo bilancio idrico in modo da immagazzinare acqua sufficiente per garantirsi un significativo livello di idratazione. L’Aloe è un vero e proprio laboratorio chimico all’aperto, capace di sintetizzare un’infinita quantità di attivi quali: sali minerali, vitamine idro e liposolubili, proteine vegetali, aminoacidi essenziali, acidi organici, enzimi, polisaccaridi e composti antrachinonici — in un eccezionale mix bilanciato. Pensate che tutte queste attività si svolgono utilizzando soltanto acqua, sole e un terreno impoverito.

erboristeriarcobaleno aloe ReversOsmosePrima scelta solo Aloe vera da piantagioni certificate
Raccolta manuale selezione delle foglie più sane e carnose
Lavaggio manuale accurato per abbattere la carica batterica senza trattamenti chimici
Decorticazione manuale perchè perfino il processo industriale più rispettoso può danneggiare il prezioso filetto
Fluidificazione a freddo per non rischiare di comprometterne la bio-attività
No pastorizzazone un succo pulito e ben lavorato non necessita di essere pastorizzato
Reversosmose© per concentrare la materia prima attraverso una filtrazione meccanica rispettosa

ReversOsmose©: il processo esclusivo per una doppia concentrazione
L’osmosi inversa, conosciuta come iperfiltrazione, è un processo meccanico che non altera la bio-attività della materia prima. Una membrana costituisce un ostacolo che permette di separare l’acqua, concentrando così la materia prima ricca.
Un’aloe doppiamente concentrata, la prima al mondo con un’effiacia al quadrato: il doppio rispetto ai prodotti disponibili sul mercato!erboristeriarcobaleno aloe LINEA SUCCHI PURI

LINEA SUCCHI PURI
In un panorama che vede bevande all’AIoe e succhi con AIoe, ZUCCARI propone una linea con puro succo d’AIoe vera senza acqua aggiunta, non pastorizzato, non f iltrato a carboni, doppiamente concentrato attraverso il processo ReversOsmose©.
Le proprietà deII’Aloe concentrata due volte vengono declinate in un succo primitivo e in una referenza “star” in edizione limitata, con l’aggiunta di attivi particolarmente efficaci e coerenti con le esigenze della stagione in corso.

separatore_bianco

erboristeria-arcobaleno-schio-benessere-aloe-succo-puro

SUCCO PURO D’ALOE A DOPPIA CONCENTRAZIONE

Bottiglia da 1 litro
Prezzo: € 25,00

pulsante_acquista2

Massima salvaguardia delle componenti bio-attive!

Può svolgere un’azione emolliente e lenitiva del tratto gastrico e depurare l’organismo.

Solo Aloe vera non pastorizzata, non filtrata a carboni e senza acqua aggiunta, da oggi concentrata due volte attraverso il processo ReversOsmost©.

La qualità della materia prima è percepibile già dalla bottiglia trasparente, attraverso la quale si può vedere la ricca polpa.

Utile a tutti coloro che:
• vogliono lenire il tratto gastrico-digerente
• desiderano depurare l’organismo
• conoscono le proprietà dell’Aloe vera, ma cercano un’efficacia al quadrato
• non conoscono le proprietà dell’Aloe vera e si avvicinano alla categoria di prodotto per la prima volta.

360 BALANCE Curcuma 30 cpr

Prezzo: € 29,00

pulsante_acquista2

INTEGRATORE ALIMENTARE con CURINOX®


360 BALANCE CURCUMA è un integratore alimentare a base di CURINOX® (complesso naturale di Curcuma longa L. rizoma estratto secco e polvere). L’estratto di Curcuma ha azione antiossidante e sostiene la funzionalità articolare.

INGREDIENTI: CURINOX®: CURCUMA (Curcuma longa L.) RIZOMA E.S. E POLVERE; AGENTE DI CARICA: CELLULOSA MICROCRISTALLINA; AGENTI ANTIAGGLOMERANTI: BIOSSIDO DI SILICIO E SALI DI MAGNESIO DEGLI ACIDI GRASSI.
PRODOTTO SENZA GLUTINE – VEGAN

CONSIGLI PER L’USO: deglutire con un bicchiere d’acqua da una a due compresse al giorno. Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni. Gli integratori non vanno intesi quali sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita. Conservare in luogo fresco ed asciutto, al riparo dalla luce e da fonti di calore.

La curcumina, principio attivo dalle straordinarie proprietà, presenta normalmente scarsa biodisponibilità. Per superare questo limite è stato sviluppato uno speciale metodo di estrazione e produzione ottenendo una formulazione esclusiva ad elevata biodisponibilità di principi attivi. Questo approccio innovativo non impiega nè eccipienti di sintesi nè piperina che potrebbero causare danni a stomaco e intestino.

I punti di forza di questo brevetto sono:
– Altissima biodisponibilità (10 volte superiore rispetto alla curcumina standard)
– Azione intensa (grazie alla presenza dell’intero fitocomplesso)
– Ampia azione (grazie all’esclusiva associazione di estratto secco e polvere)
– Ricchezza formulativa (grazie all’elevata concentrazione di attivi per singola compressa 600 mg) – Qualità

AvvertenzaIn caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato. Se si stanno assumendo farmaci è opportuno sentire il parere del medico.”

 

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-eos-curcumaEos Curcuma

Integratore alimentare di Meriva® estratto ad alta biodisponibilità di curcuminoidi
Confezione 30 compresse
Prezzo: € 19,00

pulsante_acquista2separatore_bianco

Meriva® è un pregiato estratto di curcuminoidi ad altissima biodisponibilità.

INGREDIENTI
Meriva® ( Curcuma longa L. e.s. fosfolipidi di soia) rizoma e.s. titolato 20% in curcumina, Agenti di carica: calcio fosfato, cellulosa microcristallina, idrossipropilmetilcellulosa, Agenti antiagglomeranti: magnesio stearato, biossido di silicio, Pepe nero (Piper Nigrum L.) frutti e.s. tit 95% in piperina.

MODALITÀ D’USO
Per un uso adeguato consigliamo l’assunzione di 1 compressa ogni 12 ore per un ciclo di 30 giorni.

AvvertenzaIn caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato. Se si stanno assumendo farmaci è opportuno sentire il parere del medico.”

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-curcuma-dosi

separatore_bianco
nutriva-nutricurcumaNutricurcuma – 30 Compresse da 900 mg 
Un naturale antiossidante
Prezzo: € 29,00

pulsante_acquista2

Integratore alimentare a base di Curcuma. La Curcuma esplica una funzione antiossidante per l’organismo e contribuisce al mantenimento della funzionalità articolare.

MODALITA’ D’USO: 1 compressa al giorno presa con un pò d’acqua, preferibilmente al pasto principale. Conservare in luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce.

Ingredienti: Curcuma (Curcuma Longa L.) rizoma e.s. tit, 95% Curcumenoidi, Pepe Nero (Piper Nigrum L.) frutti e.s. tit. 95% Piperina.
Agente di carica: Cellulosa Microcristallina, Antiagglomeranti: Magnesio Stearato, Silice Colloidale.

ll prodotto è privo di zuccheri, sale, amido, glutine, lievito, soia, coloranti e aromi artificiali, OGM. Adatto a Vegetariani e Vegani.

AvvertenzaIn caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato. Se si stanno assumendo farmaci è opportuno sentire il parere del medico.”

separatore_bianco

Curcuma Actiplus ad elevata biodisponibilità 45 cps
Prezzo: € 25,00

pulsante_acquista2

Curcuma Actiplus è un integratore alimentare a base di un estratto secco di Curcuma a tripla titolazione in curcuminoidi (curcumina, dimetossicurcu-mina e bis-dimetossicurcumina) e titolato anche in polisaccaridi, reso altamente biodisponibile dalla presenza della Piperina, del flavonoide Quercetina e dell’esclusivo complesso micellare emulsionante Acacel®.

Dosaggio consigliato: si consiglia l’assunzione da 1 a 3 compresse a giorno, con un bicchiere d’acqua.

Ingredienti: estratto secco di Curcuma rizoma (Curcuma longa) titolato al 95% in curcuminoidi (di cui il 75% 1 di curcumina, il 20% di dimetossicurcumina e il 4.5% di bis-dimetossicurcumina), complesso micellare emulsionante Acacel® (E414), agente di carica: calcio fosfato E341; estratto secco di Curcuma rizoma (Curcuma longa) titolato al 27.5% in polisaccaridi, Bioflavonoidi da agrumi titolati al 60% in esperidina, estratto secco di Pepe lungo frutti (Piper longum) titolato al 90% in piperina, quercetina estratta da Sophora japonica, antiagglome- ranti: magnesio stearato E470b, biossido di silicio E551.

AvvertenzaIn caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato. Se si stanno assumendo farmaci è opportuno sentire il parere del medico.”

p224_0_21_020

citoyang_erboristeriarcobalenoCitoyang Curcuma Disturbi infiammatori cronici 
Flacone 50 ml
Prezzo: € 15,00

pulsante_acquista2

Rimedio di sblocco dell’infiammazione cronica a largo spettro, nel caso in cui diversi processi infiammatori o autoimmuni non rispondano ad una terapia strutturata.

Da sapere: Citoyang Curcuma gestisce il Sistema Immunitario, modulando a livello energetico la sua attività. Il suo principio attivo, la curcumina, ha dimostrato di svolgere differenti attività, tra le quali quella di supporto al sistema articolare e antiossidante. La sua proprietà antiossidante è 300 volte superiore a quella della vitamina E.

Come si assume: iniziare con 10 gocce mattina e sera diluite in un bicchiere d’acqua. Aumentare la somministrazione da 3 a 5 volte al dì, in base alle necessità terapeutiche.

AvvertenzaIn caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato. Se si stanno assumendo farmaci è opportuno sentire il parere del medico.”

separatore_bianco

 

 

DEPUR ESSIAC con AFA MAX® (200ml)

Prezzo: € 29.00
pulsante_acquista2

DEPURESSIAC E’ UN POTENTE DEPURATIVO E DETOSSINANTE GENERALE Dalla formula originale di Rene Caisse, potenziata con Afamax e Graviola 

AfaMax®, estratto brevettato da microalghe Klamath, le cui AFA-ficocianine anche recentemente hanno confermato di avere una significativa azione antiproliferativa; e che un recente studio ha dimostrato altresì poter aiutare l’organismo negli effetti collaterali delle forme di chemio (anche molto forti).

Graviola, un frutto sudamericano che, oltre a notevoli capacità di normalizzazione gastrointestinale, sembra possedere importanti azioni antiproliferative, antibatteriche, fungicide, e più generalmente depurative. 

Composizione
estratti acquosi concentrati di bardana (arctium lappa) radice, Rumex Acetosella foglie e fusto,Graviole(annona muricata) foglie, Olmo rosso (ulmus fulva)corteccia,Rabarbaro (rheum palmatum) rizoma, Liquirizia (glycyrrhiza glabra) radice, AfaMax® e.s. da microalghe Klamath (aphanizomenon flos aquae).


Modalità D’uso
un cucchiaino da caffè 2-3 volte al giorno lontano dai pasti in mezzo bicchiere d’acquaConsigliato:Il prodotto è considerato un utile supporto nutrizionale: Come coadiuvante nelle disfunzioni del sistema immunitario. Come coadiuvante nel trattamento delle affezioni degenerative. Come coadiuvante nelle terapie per il diabete. Come coadiuvante per diminuire gli effeti collaterali da terapie irradiative e chemioterapia. Come coadiuvante nella terapia antiparassitaria. Come coadiuvante nella terapia di drenaggio.

APPROFONDIMENTO

I radicali liberi sono molecole che si formano all’interno delle cellule del corpo quando l’ossigeno viene utilizzato nei processi metabolici per produrre energia (processo di ossidazione).

Queste molecole sono particolarmente instabili in quanto possiedono un solo elettrone anziché due; ciò le porta a ricercare un equilibrio appropriandosi dell’elettrone di altre molecole con le quali vengono a contatto, molecole che diventano instabili e che a loro volta ricercano un elettrone e così via, innescando un meccanismo di instabilità definito a “catena”.

L’azione distruttiva di queste molecole è indirizzata soprattutto alle cellule, in particolare sui lipidi che ne formano le membrane, sugli zuccheri, sui fosfati, sulle proteine e sugli enzimi.

L’azione persistente dell’elevato stress ossidativo è causa dell’insorgenza di svariate patologie croniche dovute ad un precoce invecchiamento cellulare.

separatore_bianco

Save:Strol CYPIBI Immune Support SaveStrol, 90 VegeCaps da 536mg
Prezzo: € 89,00

pulsante_acquista2

separatore_bianco

NUOVO: ora con più salvestroli-fitoalessine bio attivati.
NOVITA’: formulazione esclusiva del Dr. Jens Wurster.

EnergyBalance® Save:Strol™ è un complesso naturale di frutti e vegetali altamente concentrato e bio-attivato con un contenuto eccezionalmente alto di fitoalessine. Gli studi hanno evidenziato come l’enzima CYP1B1 possa trovarsi nelle cellule maligne e non in cellule sane. Le fiotalessine bio-attivate di Save:Strol™ raggiungono tutte le cellule del corpo e, quando raggiungono l’enzima CYP1B1 nelle cellule maligne, si forma uno specifico metabolita in grado di innescare un’autodistruzione selettiva (apoptosi) delle cellule maligne.

Anche in un corpo sano, ogni giorno, si formano cellule maligne o degenerate, che devono essere neutralizzate dal sistema immunitario.

Pertanto è importante assumere quotidianamente antiossidanti, polifenoli, antocianine e fitoalessine contenute in Save:Strol™ e per lo più attivate dai betaglucani nella stimolazione delle difese immunitarie.

Ogni capsula di Save:Strol™ contiene 2671 punti bio-attivati idro e lipoici. Save:Strol™ è un prodotto nato dalla collaborazione tra EnergyBalance® e il dottor Jens Wurster il quale – basandosi sulla sua pluriennale esperienza – ha accuratamente formulato gli ingredienti.
Contenuto: 90 VegeCaps à 536mg.

Uso: 2 capsule al dì divise su due pasti (1x); in caso di elevato bisogno 2 capsule x 3 volte.

Ingredienti
Organic certified acerola Malpighia emarginata extract *BR, Citrus sinensis extract *ES, Aronia melanocarpa extract *IT, Vaccinium myrtillus extract *IT, Olea europaea folium *AL, Saccharomyces cerevisiae Yestimun® *DE, cellulose (VegeCaps). * Country of origin

AVVERTENZE
Non superare le dosi consigliate se non sotto parere di un medico. Gli integratori alimentari non sostituiscono una dieta sana e variata. Per l’uso in gravidanza, durante l’allattamento o sotto i 12 anni si consiglia il parere di un medico. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni.
Conservare in un luogo fresco e asciutto.

COSA SONO I SALVESTROLI

I Salvestroli (Salvestrols) sono componenti derivanti dalle piante (fitonutrienti) che hanno una caratteristica unica, utile al corpo per auto-rigenerarsi e il mantenimento di cellule sane. Sono associati alla “famiglia degli antiossidanti” ma in realtà funzionano diversamente da un comune antiossidante.

I Salvestroli infatti reagiscono ad un enzima presente nelle cellule che per qualche motivo iniziano ad avere dei problemi attaccandole. Dal momento che questo enzima non si trova nelle cellule sane, queste non ne vengono influenzate. Questa è stata la scoperta di due ricercatori inglesi Gary Potter e Dan Burke*.

*LA SCOPERTA DEL SALVESTROL
Gli scienziati in Gran Bretagna che hanno scoperto i Salvestroli, guidati da Gerry Potter (Professor of Medicinal Chemistry) e Dan Burke (Emeritus Professor of Pharmaceutical Metabolism and former head of the School of Pharmacy), stavano facendo ricerche e studi farmacologici quando hanno scoperto con grande sorpresa le proprietà di questi componenti naturali presenti in tanti cibi. Da lì hanno sviluppato la loro scoperta e oggi ci sono diverse pubblicazioni e libri sull’argomento.

SALVESTROLI NELLA DIETA MODERNA
I Salvestroli non vengono prodotti dal corpo autonomamente per cui devono essere integrati con la dieta. E’ stato stimato però che oggi consumiamo il 10-20% dei Salvestroli che invece erano presenti nella dieta comune 100 anni fa. E’ molto difficile quindi oggi, anche mangiando molta frutta e verdura biologica, ottenere le quantità di Salvestroli utili al corpo.
Non è facile trovare cibi oggi che contengano buone quantità di Salvestroli. Alcuni come le fragole, le arance, l’uva e persino il cacao ne contengono in varie quantità.
Una ragione per cui i Salvestroli sono scomparsi dalla dieta moderna è che hanno un sapore amaro. La dieta moderna invece ha subito un trend che ha portato sempre di più verso sapori dolci per cui le piante amare contenti Salvestroli hanno avuto sempre meno spazio nelle nostre tavole.

PUNTI SALVESTROL
Per esprimere in modo semplice la quantità di Salvestroli da assumere giornalmente è stata fatta una tabella di conversione e una rappresentazione in punti. E’ stato studiato che il minimo fabbisogno giornaliero di Salvestroli è di 12mg che è stato fatto corrispondere a 100 punti. Il Salvestrol Shield ha 350 punti.

separatore_bianco

Fonti scientifiche su cui si basano le informazioni le basi scientifiche per la creazione di Salvestrol Shield :

Ruolo dei Salvestroli nella prevenzione del cancro – 2009 – Integrative Cancer Therapy – articolo originale in inglese

La prova che il CYP1B1 sia un Marker Tumorale – 2007 – Professor Dan Burke – articolo originale in inglese

Studi di casi trattati con Salvestroli – 2012 – aricolo originale in inglese

Amaro è meglio – 2009 – Dott.ssa Petra De Jong – articolo originale in inglese

separatore_bianco

ASTAXANTINA: miracolo antiossidante della natura

20 Volte Più forte dell’A. Sintetica
50 Volte Più forte della Carotina beta
60 Volte Più forte della Vitamina C
550 Volte Più forte della Vitamina E

E’ un antiossidante della famiglia dei carotenoidi (ne sono stati identificati più di 600) il più potente che la scienza abbia fino ad oggi scoperto, molto di più di quelli conosciuti normalmente: licopene, luteina, beta carotene etc. (la sua efficacia è il doppio del beta carotene e della zeaxantina e da 100 a 500 volte superiore all’attività promossa dalla Vitamina E, nel prevenire la perossidazione degli acidi grassi).

L’attività di “spazzino dei radicali liberi” dell’Astaxantina protegge i lipidi dalla perossidazione e riduce il danno ossidativo del colesterolo LDL (riducendo la formazione di placche nelle arterie), delle cellule, delle membrane cellulari e delle membrane mitocondriali. L’Astaxantina aumenta la forza e la resistenza, rinforza il sistema immunitario aumentando il numero di cellule che producono anticorpi, le cellule T e le cellule T-helper.

L’ASTAXANTINA naturale viene estratta dalla microscopica alga Haematococcus Algae che può contenere fino a 40gr. per kilo di alga secca. Questa alga fa parte della alimentazione di vari animali, tra cui pesci, granchi, aragoste e non solo, ed è la responsabile del loro colore rosso.

Le alghe producono e accumulano l’astaxantina, in grande quantità come reazione naturale a condizioni di stress dovute all’ambiente. Grazie alle funzioni protettive dell’astaxantina, l’haematococcus può cadere in letargo senza nutrimento e senza acqua per un periodo di oltre 40 anni. Solo quando le condizioni di vita tornano adatte, queste alghe si risvegliano e ritornano nella loro condizione verde e attiva. In questo modo hanno sfidato le condizioni ambientali avverse della nostra allora giovane terra. Sono sopravvissute anche alle ere glaciali grazie al loro scudo protettivo di astaxantina.

Le principali prerogative dell’Astaxantina rispetto gli altri carotenoidi sono:

Attraversare la barriera ematoencefalica, apportando così antiossidanti ed una protezione anti-infiammatoria al cervello ed al SNC.
• Attraversare la barriera ematoretinica, apportando antiossidanti ed una protezione anti-infiammatoria agli occhi.
Viaggia realmente attraverso tutto l’organismo, apportando una azione antiossidante ed anti-infiammatoria in tutti gli organi e tessuti.
• Potenzia la membrana cellulare
• Si lega al tessuto muscolare
• Funziona come un super-antiossidante, che rapidamente elimina i Radicali Liberi e neutralizza la riorganizzazione elettronica dell’ossigeno.

Un questionario svolto tra 247 persone, che assumono Astaxantina, ha dimostrato che “oltre l’80% di loro, che soffriva di mal di schiena, dall’osteoartrite all’artrite reumatoide, ha riportato un miglioramento. L’Astaxantina ha dimostrato di essere benefica, anche, nel migliorare i sintomi dell’asma e dell’ipertrofia prostatica. Tutte queste condizioni hanno l’infiammazione come componente, che è strettamente legata al danno ossidativo”. (Guerin, et al, 2002)

Tutti gli studi hanno dimostrato che solo quella naturale, estratto dall’alga Haematococcus, ha effetti benefici alla salute senza alcun effetto negativo.

Il Fitocomplesso è sempre vincente rispetto a qualsiasi molecola di sintesi. Nel fitocomplesso ritroviamo non solo il principio attivo, bensì un’orchestra di tanti altri principi che la natura intelligentemente ha custodito in quel fitocomplesso, armonizzandolo al meglio.

ASTAXANTINA NATURALE O DI SINTESI ?
La differenza chimica tra l’Astaxantina naturale e quella di sintesi è nell’orientazione stereochimica, cioè le proprietà spaziali delle molecole.

Queste molecole sono chiamate “enanziomeri”. L’Astaxantina ha tre forme enanziomeriche principali, denominate 3S-3’S, 3R-3’S e 3R-3’R, dipendendo dall’orientazione nello spazio dei gruppi idrossili (OH) in carbone chirale 3.

In poche parole, la differenziazione tra chiralità (chirale è una molecola che ammette una immagine speculare non sovrapponibile a sé) e stereo sono fattori cruciali nella attività biologica in natura. Ciò perché in natura, a livello molecolare, l’asimmetria domina i processi biologici, tipo quelli enzimatici e la maggior parte delle reazioni immunitarie.

La chiralità non è un prerequisito per la bioattività, ma nelle molecole bioattive, dove uno o più centri chirali sono presenti, vengono osservate grandi differenze nelle attività dei differenti enanziomeri. Questo è un fenomeno generale che si può applicare a molte sostanze bioattive, come i medicinali, aromatizzanti, additivi alimentari etc.

La struttura molecolare dell’Astaxantina naturale è 3S, 3’S, è quella di un fitocomplesso, irriproducibile da qualsiasi laboratorio. Tutti gli studi hanno dimostrato che solo quella naturale, estratto dall’alga Haematococcus, ha effetti benefici alla salute senza alcun effetto negativo.

Il Fitocomplesso è sempre vincente rispetto a qualsiasi molecola di sintesi. Nel fitocomplesso ritroviamo non solo il principio attivo, bensì un’orchestra di tanti altri principi che la natura intelligentemente ha custodito in quel fitocomplesso, armonizzandolo al meglio.

L’ASTAXANTINA esiste in natura in alghe e pesce come mono e di-esteri di acidi grassi. Nelle applicazioni nutriceutiche gli scienziati hanno provato che uno dei maggiori vantaggi degli esteri dell’Astaxantina naturale è che la forma esterizzata è inerentemente più stabile che la forma libera, come è quella di sintesi, provvedendo ad una stabilità della vita nel tempo senza essere ossidata.

separatore_bianco

p275_0_20_03ASTAXANTINA
La nuova frontiera…per la lotta anti-invecchiamento!
Di beneficio per occhi, fertilità maschile e sistema cardiovascolare.
Prezzo: € 30,00
pulsante_acquista2

Formulazione a base di Haematococcus pluvialis titolato in astaxantina. Haematococcus pluvialis è una microalga della famiglia delle Chlamydomonadeae, fonte naturale particolarmente concentrata di astaxantina. 

Haematococcus pluvialis è indicata come sostegno antiossidante e supporto per le cellule contro le alterazioni cellulari dovute ai radicali liberi ad esempio per contrastare lo stress ossidativo a livello oculare, cardiovascolare e cutaneo.

Modo d’utilizzo: deglutire 1 perla al giorno, con acqua, preferibilmente al pasto. Confezionato in bottigliette da 30 perle-softgels.

Attenzionenon superare la dose consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituto di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita.

p275_0_20_05p275_0_20_06

Gli antiossidanti sono sostanze che hanno elettroni in eccesso, e li cedono per ridurre l’effetto nocivo dei radicali liberi.

separatore_bianco

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-oligoOLIGO SEL PLUS Selenio contro i radicali liberi
Confezionato in bottigliette da 100 tavolette.
Prezzo: € 23,00

pulsante_acquista2

Il selenio è un oligoelemento essenziale, costituente di numerose selenoproteine (proteine contenenti selenio) che hanno ruoli enzimatici, strutturali, di trasporto e di stoccaggio per l’organismo. In OLIGO SEL PLUS il selenio è presente come selenometionina, una forma assorbita efficientemente a livello intestinale.

Il selenio contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo: è un costituente fondamentale degli enzimi antiossidanti glutatione perossidasi e tioredoxina reduttasi utilizzati fisiologicamente dal nostro organismo per contrastare l’azione dannosa dei radicali liberi.

Modo d’utilizzo: deglutire 1/2 tavoletta al giorno, con acqua, preferibilmente al pasto.

Attenzione: non superare la dose consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituto di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita.

Per la sua attività antiossidante protettiva al selenio viene riconosciuto un ruolo preventivo nei confronti del processo di invecchiamento.Contenuto in prevalenza nelle carni, nei funghi e nei cereali, contribuisce ad aumentare le difese immunitarie, aumentando la produzione di anticorpi e protegge tutte le cellule, i globuli rossi e le membrane cellulari dai radicali liberi.

separatore_bianco

Olimentovis Selenio Dr. Giorgini
Flacone 200 ml – *40 dosi unitarie da 5 ml
Prezzo: € 17,90 offerta € 16.00

pulsante_acquista2

Il selenio promuove il benessere di capelli e unghie, protegge le cellule dallo stress ossidativo, contribuisce alla normale funzione del sistema immunitario e coadiuva la funzione tiroidea. Inoltre, mantiene il benessere dell’apparato riproduttivo maschile. Si consiglia l’assunzione di 1 misurino (5 ml) diluito in poca acqua, da una a quattro volte al giorno in qualunque momento (da 5 a 20 ml al giorno). Si suggerisce di bere il prodotto a piccoli sorsi per promuovere l’assimilazione sublinguale. Misurino graduato incluso nella confezione.

Ingredienti: Glicerina vegetale bidistillata, acqua pura; tessuti meristematici freschi (1%): ribes nero (Ribes nigrum) gemme, ippocastano (Aesculus hippocastanum) gemme, pioppo nero (Populus nigra) gemme, quercia (Quercus peduncolata, sinonimo Quercus robur) gemme; ribosio, fruttosio 1,6-difosfato; correttore di acidità: acido citrico; inositolo, betaina citrato, colina tartrato; miscela di nucleotidi: AMP (adenosina monofosfato), CMP (citosina monofosfato), GMP (guanosina monofosfato), UMP (uridina monofosfato); glutatione; edulcorante di origine naturale: taumatina (E957); sodio selenito.

spazio

I benefici apportati dal selenio sono molti :

Preserva i tessuti dell’invecchiamento: Infatti mantiene la pelle elastica favorendo l’attività del collagene e il tessuto nervoso
Protegge il muscolo cardiaco e regola l’ipertensione arteriosa. Il Selenio ha effetto regolatore a carico di alcune prostaglandine specifiche.
Favorisce la chelatura (rimozione e metabolizzazione) dei metalli tossici come piombo, cadmio, mercurio, arsenico rilevabili nel mineralogramma.
In carenza di selenio gli spermatozoi diminuiscono la mobilità favorendo fenomeni di infertilità maschile. Può essere utilizzato con efficacia in integratori specifici i problemi di fertilità maschili. QUI trovate la recensione del PROfertil I maschi ne consumano di più delle donne
Antiossidante intracellulare. La sua più grande azione antiossidante è data da: SELENIO + GLUTATIONE si trasforma in GLUTATIONE PEROSSIDASI diviene un ‘enzima antiossidante INTRACELLULARE che impedisce il danneggiamento del DNA. (Utile in prevenzione per i fumatori..)

spazio

Glutatione (l-glutatione o gamma-glutamilcisteinilglicina) è il più potente ed importante fra gli antiossidanti prodotti dall’organismo.

Il glutatione è così potente da essere in grado di disintossicare l’organismo in modo naturale, di rafforzare il sistema immunitario e far tornare indietro le lancette del tempo grazie alle potentissime proprietà anti-invecchiamento.
Ci sono oltre 25 mila studi medici pubblicati.

Combatte l’invecchiamento attraverso 2 vie principali: l’intestino ed il sistema circolatorio.
Protegge le cellule, i tessuti e gli organi del corpo riuscendo a mantenerlo giovane.

Il tripeptide (combinazione di tre aminoacidi) glutatione è quasi “sconosciuto” alla medicina ufficiale, per lo meno non viene utilizzato per le sue eccezionali proprietà! Diverse le documentazioni inviate in visione alle commissioni mediche e ministeriali per prendere atto dell’importanza di utilizzare il glutatione nel trattamento di diverse malattie !

Il glutatione è una combinazione dei tre aminoacidi (tripeptide) cisteina, acido glutammico e glicina.

E’ un potente antiossidante, cioè un disattivatore di radicali liberi con una spiccata azione anti-invecchiamento.
Il glutatione insieme con il selenio, forma l’enzima glutatione perossidasi che ha sempre una funzione antiossidante, ma a livello intracellulare. Il glutatione ha inoltre una grande capacità disintossicante: grazie alla sua facoltà di chelare (chelaggio = capacità di un elemento di legarsi ad un’altro) i metalli pesanti e tossici quali piombo, cadmio, mercurio ed alluminio li trasporta via eliminandoli dal corpo.

In alcuni studi fatti sugli animali è stata dimostrata un’azione antitumorale del l-glutatione.

Il glutatione aiuta il fegato a disintossicarsi ed a prevenire possibili danni causati dall’eccessivo consumo di alcool.

E’ più efficace della vitamina C nel migliorare l’utilizzo e la biodisponibilità del ferro, neutralizzando gli effetti tossici di alcuni agenti esogeni come i nitriti, nitrati, clorati, derivati del benzolo, derivati del toluolo, anilina etc. Questi elementi danneggiano l’organismo con un meccanismo insidioso: producono un’ossidazione del ferro trasformandolo dalla sua naturale forma ferrica (Fe3+) nella forma ferrosa (Fe2+) rendendo così il sangue incapace di trasportare l’ossigeno, causando inoltre un’aumento della metaemoglobina (dal 1/2% fino ad un livello a volte mortale del 20/30%). Il processo di compromissione dell’emoglobina porta ad una sindrome ipossica che causa la morte di tutte le cellule per asfissia, compresi i linfociti T4 (vedi sindromi da immuno deficenza, AIDS, ect.).

Inoltre, il glutatione migliora l’utilizzo degli aminoacidi cisteina e cistina, ed infine inibisce in tutto o in parte i dannosi effetti collaterali dovuti ad un’esposizione ad alte dosi di radiazioni, chemioterapia e raggi X.

Elimina i radicali liberi che si formano dalla perossidazione dei lipidi che, causando la rottura di certe membrane, hanno un impatto negativo su DNA ed RNA e di conseguenza determinano distorsioni cellulari e disfunzioni biochimiche.

Il glutatione impedisce inoltre che i radicali liberi si leghino alle proteine fibrose del corpo, evitando così l’indurimento e il restringimento del collagene (e quindi rughe, mancanza di elasticità nelle arterie etc.). Per questo motivo il glutatione mantiene sano e “giovane” il sistema circolatorio.

Quanto al sistema immunitario, il glutatione è strettamente legato all’attività fagocitica di specifiche cellule polmonari.
Protegge dagli eventuali effetti dannosi del fumo, insieme ad altri antiossidanti.

Protegge il sistema immunitario: quando passano gli anni il livello del gluatione presente nel nostro organismo diminuisce. Aumentando il livello del glutatione possiamo ringiovanire il sistema immunitario.

Aiuta a bloccare la diffusione del virus dell’Aids: il glutatione ha un potere così forte che secondo diversi studiosi riesce a bloccare la diffusione del virus dell’Aids per circa 90% (American journal of clinical Nutrition).

Neutralizza i grassi pericolosi: Il glutatione riesce a purificare gli alimenti che sono ricchi di pericolosi grassi ossidati. (University of Louisiana-U.S.).

Inibisce i dannosi effetti collaterali dovuti ad un’esposizione ad alte dosi di radiazione, chemioterapia e raggi X.
Agisce positivamente sulla diabete. Previene la degenerazione maculare.

separatore_bianco
Y-Age® Glutatione 30 dispositivi
Prezzo: € 89,00

pulsante_acquista2

Il glutatione è un materiale che si trova naturalmente nel corpo umano.
Mano a mano che si invecchia, i livelli di glutatione iniziano a scendere, il che rende necessario l’utilizzo di un supplemento.
Il glutatione è l’antiossidante principale e svolge un ruolo importante nella nostra salute complessiva.
Mano a mano che invecchiamo, il nostro organismo può accumulare tossine; il glutatione protegge l’organismo da diverse tossine con le quali entriamo in contatto tutti i giorni.

Mano a mano che invecchiamo subiamo gli effetti di diversi metalli pesanti, nel cibo che mangiamo e nell’aria che respiriamo.

Durante l’esercizio fisico, il nostro organismo consuma le riserve di antiossidanti; il glutatione è noto per essere in grado di migliorare le prestazioni atletiche e aiutarci a resistere più a lungo.

Con l’invecchiamento, il nostro sistema immunitario si indebolisce; il glutatione è in grado di mantenere il sistema immunitario in condizioni ottimali.

Sul mercato esistono altri supplementi con glutatione, ma le ricerche cliniche dimostrano che le comuni pillole, polveri e bevande con glutatione sono in grado di innalzare il livello ematico di glutatione di poco più del 10% in 30 giorni.

I cerotti LifeWave sono stati ideati per adulti sani di almeno diciotto anni di età. Le linee guida su questo sito Web sono fornite solo a scopo educativo e informativo. Queste informazioni non vanno assolutamente intese come consigli medici. Rivolgersi ad un medico o altro operatore sanitario prima di iniziare qualsiasi nuovo programma dietetico, di esercizio fisico o nutrizionale, oppure nel caso di domande o dubbi riguardanti la propria salute. Le persone citate su questo sito Web hanno avuto risultati che potrebbero non essere tipici, pertanto i risultati non saranno identici per tutti. I cerotti LifeWave non sono destinati all’uso per curare, trattare o prevenire le malattie nell’uomo o negli animali.

separatore_bianco

L-Glutatione (GSH) 250 mg 30 capsule vegetali
Gradito al fegato ed al cuore… combattivo contro i metalli pesanti
Prezzo: € 39,60

pulsante_acquista2

Integratore alimentare contenente L-glutatione estratto da una fonte naturale di melassa. L-glutatione è un tripeptide naturale contenente zolfo, formato dagli aminoacidi Cisteina, Glicina ed Acido glutammico. L-glutatione è un cofattore della Glutatione Perossidasi (GSH-Px), uno dei principali enzimi antiossidanti del nostro organismo. La Glutatione perossidasi protegge il fegato dai danni da stress ossidativo provocati ad esempio dall’uso di alcool e dal fumo.

Modo d’utilizzo: deglutire 1 capsula vegetale al giorno, con acqua, preferibilmente lontano dai pasti.

Attenzione: non superare la dose consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituto di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita.

Certificato KOF-K di Solgar n.K-1250.

separatore_bianco

Patch LifeWave X39 ™ 
Confezione 30 dispositivi
Prezzo: € 160,00 

pulsante_acquista2

Un dispositivo fototerapico progettatoper elevare un peptide noto per attivare le cellule staminali per migliorare l’energia, il sonno e il benessere generale.

Uso: posiziona un cerotto LifeWave X39 ™ sul corpo, usando una le posizioni mostrate. Applicare il cerotto sulla pelle pulita e asciutta al mattino. I cerotti possono essere indossati fino a 12 ore prima dell’eliminazione. Mantieniti idratato durante l’utilizzo di questo prodotto.

I cerotti biofotonici Lifewave sono piccole macchie rotonde che vengono utilizzate nell’area dell’agopuntura del sistema dei meridiani.
Forniscono impulsi di vibrazione tramite la conduzione del calore della pelle alle nostre cellule.

I prodotti Lifewave sono utilizzati per:
 

 

  • il sollievo dal dolore
  • aumentare l’Energia tutto il giorno senza stimolanti
  • migliorare naturalmente la qualità e la durata del sonno
  • contro la degradazione dello stress cellulare
  • disintossicazione
  • Anti-Aging
  • il controllo dell’appetito
  • attivare le cellule staminali per migliorare l’energia, il sonno e il benessere generale.


Hanno un effetto non transdermico , il che significa che nulla penetra nella pelle. (vai alla pagina specifica
 >>>>>>>)

rhc-small-logoRBC Life Sciences è un’azienda che opera a livello globale nel campo della salute e del dolore. La sua linea di integratori alimentari è tra le più annoverate, come la qualità dei materiali utilizzati per la cura delle ferite e prodotti per la gestione del dolore, utilizzando le più recenti scoperte scientifiche e tecnologiche. La società ha inoltre una linea di prodotti medici gestita dalla MPM Medical, Inc. MPM offre in specifico soluzioni per la cura delle ferite e prodotti per la gestione del dolore che stanno ricevendo l’acclamazione della critica di tutto il mondo. In Italia è la Royal Coral Club srl l’Importatore ufficiale della linea di integratori per la salute e lo sport, della RBC Life Sciences, e tutti i prodotti venduti sono stati certificati dal ministero della salute italiano.

separatore_bianco

separatore_bianco

H-500 (60 caps) Prezzo: € 35,00 pulsante_acquista2

H-500 (120 caps) Prezzo: € 65,00 pulsante_acquista2

 

Integratore alimentare per chi pratica sport o svolge un’intensa attività fisica. Aumenta la resistenza, accelera il recupero muscolare, migliora il metabolismo, favorisce l’impiego dei grassi, svolge un’azione antiossidante. 

H-500 si aggiunge alla nostra linea di prodotti dalle proprietà antiossidanti.
Fornisce una ancor più esclusiva protezione dai radicali liberi, aiutando a ripristinare le normali prestazioni del corpo.
Il boro non viene sintetizzato dall’organismo umano e deve quindi essere assunto tramite la dieta; gli alimenti più ricchi di boro sono i cavolfiori, i datteri, i fagioli, i funghi, i legumi verdi, le mandorle, le pere, le prugne e l’uva.
Una dieta equilibrata dovrebbe contenere da 1,5 a 3 mg di boro al giorno.

p202_0_03_01

Il corallo è una sostanza unica al mondo, nella quale, nel corso di più di 500 milioni di anni, si è creata una grande armonia tra mondo animale, vegetale e minerale. Questa meravigliosa creatura della natura combina in sé diverse forme: il corallo è un organismo marino, ma ha una forma bizzarra che ricorda le piante esotiche; deve la sua esistenza ai sali e si nutre di microrganismi marini. Gli studiosi hanno inoltre scoperto che la composizione genetica del corallo assomiglia molto a quella umana.

Lo scheletro del corallo è composto da un complesso di sali minerali, che è ciò che assicura le sue caratteristiche esclusive e il suo effetto positivo sull’organismo. Si tratta principalmente di sali di calcio e magnesio. Nella composizione del corallo ci sono inoltre potassio, sodio, ferro, fosforo, zolfo, silicio, cromo, manganese, zinco ed altri componenti.

Questo ricco complesso di sali naturali è collaudato dal tempo; esso ha un’azione regolatrice sull’equilibrio minerale nell’organismo e quindi normalizza il funzionamento dei sistemi e organi vitali indispensabili.

separatore_bianco

p202_0_03_02CORAL-MINE 30 buste da 1 gr
Prezzo: € 30,00
pulsante_acquista2

Contiene corallo triturato, acido ascorbico e argento. Disponibile in polvere. Fonte di sali minerali e vitamine facilmente assimilabili. Coral Mine è prodotto in Giappone a base di corallo di alta profondità (sclerattinie), raccolto nel Mar del Giappone non lontano dalle isole Okinawa e Tokunoshima.
Raccomandazioni: concentrato minerale per arricchire l’acqua da bere

Una confezione di “CORAL-MINE” comprende 30 bustine sufficienti per un mese.


Cosa accade all’acqua trattata con il CORAL MINE?

  • L’acqua viene arricchita da calcio, magnesio, potassio e da un gran numero di altri oligoelementi essenziali,
  • L’alto contenuto di calcio contenuto nel Coral Mine rende l’acqua leggermente alcalina, (quasi tutti i fluidi del corpo umano sono leggermente alcalini).
  • L’acqua con il Coral Mine diventa simile ai nostri liquidi interni e per tale motivo viene facilmente assimilata dal nostro organismo.


COME VA BEVUTA L’ACQUA?
 
Al mattino appena svegli mezzo litro d’acqua tiepida 45-50 biologicamente trattato. (Cosa vuol dire?)

Preparare prima una bottiglia d’acqua di 1 litro e mezzo, dove abbiamo inserito una bustina di “Coral-Mine” (integratore alimentare 100% naturale) ed aspettare circa 3-4 minuti che faccia effetto.

Questo fantastico integratore alimentare riesce a portare sotto zero la tensione dell’acqua di circa -150 milivolt e rilascia dei minerali importantissimi come Potassio, sodio, ferro, fosforo, zolfo, silicio, zinco, magnesio e altri microelementi.

In questo modo il nostro organismo non deve consumare energia per trattare l’acqua ma lo mette subito in circolo (circa 15 min, anzichè 2 ore) portando l’ossigeno nel sangue e aiutando la circolazione.

E’ L’UNICO MOMENTO DELLA GIORNATA DOVE IL NOSTRO SANGUE RICEVE MAGGIORE OSSIGENO E IL NOSTRO CORPO CIRCA 75% DELL’ENERGIA QUOTIDIANA.

Perchè a digiuno e perchè tiepido? 
Al mattino il nostro stomaco e vuoto, perciò l’acqua raggiunge velocemente l’intestino crasso, dove di norma viene elaborata dal nostro organismo. Tiepida perchè il nostro organismo smonta le sostanze dopo i 38°, altro perchè entrando nello stomaco pulisce le pareti dalle rimanenze della sera prima e invita noi spesso ad andare in bagno. Così il problema della stitichezza molte volte è risolto, E NON è POCO per chi ne soffre.

Il litro d’acqua che è rimasto va bevuto in giornata, importante non bere mezz’ora prima dei pasti e circa tre (3) ore dopo avere mangiato. Come abbiamo spiegato prima, durante i pasti e dopo bere liquidi acidi che aiutano la digestione.

separatore_bianco

Germanio e FORZA VITALE!

C’è una precisa qualità che distingue le cose viventi da quelle non viventi.


Questa qualità, che può essere definita “forza vitale”, fluisce da organo ad organo nel nostro corpo integrandone le funzioni in un unico “vedere”, respirare, in una persona viva.
L’esistenza di una forza vitale è stata riconosciuta per secoli dalla medicina orientale e più recentemente in occidente attraverso il lavoro di coraggiosi pionieri come Nordenstrom e Becke.

La forza vitale è elettrica.

La forza vitale fluisce attraverso i nervi ma anche attraverso i vasi sanguigni e da cellula a cellula in ogni tessuto.
L’energia vitale mantiene l’ambiente elettronico che tutte le cellule vitali hanno bisogno di avere per funzionare in armonia. Inoltre, l’energia vitale è anche chimica. L’energia vitale procura l’energia chimica che guida le circa 100.000 reazioni chimiche che il metabolismo mette in opera.

L’ energia vitale è continuamente reintegrata di momento in momento dal processo di conversione elettrochimico.
Questo è il meccanismo attraverso il quale l’energia del cibo viene convertita in energia chimica della quale le cellule hanno bisogno per mantenersi vitali. E l’ossigeno che conduce questo processo di conversione elettrochimico.

L’ energia vitale viene generata dall’energia contenuta negli elettroni delle molecole del cibo.

Enzimi e coenzimi catalitici lavorano in stretta collaborazione per estrarre l’energia dalle coppie di elettroni derivati dalle molecole del cibo. Quando c’è un dispendio della loro energia gli elettroni sono collocati in combinazione con ioni idrogeno ed ossigeno a formare acqua. Il processo è accelerato o rallentato in base alla quantità di ossigeno disponibile per quest’ultima tappa. Più ossigeno è disponibile più è veloce la conversione dell’energia del cibo in energia vitale.

Il Germanio incrementa l’azione dell’ossigeno nel generare la forza vitale attraverso meccanismi che ancora non si comprendono.
La connessione tra l’ossigenazione dei tessuti e la salute tissutale sembra completamente diretta poiché il rifornimento di ossigeno è generalmente il fattore limitante nei confronti del funzionamento e della sopravvivenza tissutale.

Attraverso la spinta sull’efficienza dell’ossigeno nel collocare gli elettroni spesi è probabile che il Ge-132 abbia un profondo effetto energizzante potendo virtualmente rifornire energicamente (di combustibile) tutte le funzioni vitali del corpo.

Germanio Organico Ge-132 
La forma nutrizionale di Germanio più conosciuta è il Ge-132 il cui nome tecnico è Bis-Beta Carboxietil Germanio o 
Germanio Sesquiossido. Il Ge-132 è stato sintetizzato nel 1967 dal Dr. Asai e benché successivamente siano stati fatti tentativi di preparare altri composti organici, il sesquiossido resta attualmente il più utilizzato e sperimentato. Il Germanio nella forma organica di sesquiossido è arricchito da carbonio, idrogeno e ossigeno.
La forma cristallina del composto consiste in una struttura reticolare formata da un ponte 
—Ge—O—Ge in cui 3 atomi di Ossigeno sono attaccati a i atomo di Germanio.

Il Germanio sesquiossido si presenta in forma di polvere bianca, parzialmente solubile in acqua 
Negli ultimi anni si è diffuso rapidamente nella ricerca ed applicazione dei trattamenti medici, come energizzante e protettivo per la salute, come tonificante e regolatore. Nei paragrafi seguenti si espcrrà la farmacocineuca del Ge-132 riferendosi al composto liquido per via orale. Questa è infatti la forma di somministrazione più utilizzata, per i suoi ovvi vantaggi e non perché altre forme siano state considerate pericolose o non siano state provate.

Dai dati risulta che il Ge-132 agisce nell’organismo umano a tre livelli:

  • come attivatore della risposta immunitaria normale; probabilmente questa è la funzione fondamentale del Ge-132 e può risultare molto utile in malattie come il cancro e l’AIDS.
  • come trasportatore di molecole di all’interno di tessuti e cellule, in alternativa alla funzione svolta dall’emoglobina.
  • come accaparratore e depuratore di radicali liberi i quali sembra abbiano una funzione fondamentale nei processi di invecchiamento e nelle malattie autoimmuni.

separatore_bianco

erboristeriarcobaleno salute benessere antidolore bellezza schio (65)AIDE – 20 stick bevibili da 10 ml

Prezzo: € 34,50
pulsante_acquista2

AIDE® è in grado di arricchire l’alimentazione giornaliera della quota di germanio che, soprattutto per effetto della raffinazione dei cereali e dei prodotti da essi derivati, sovente è lontana dal valore ottimale di effettiva necessità individuale. AIDE è una esclusiva formula di Germanio Organico in acqua distillata così da assicurare un rapido ed efficace assorbimento da parte dell’organismo. Oggi ancora più efficace: con Ganoderma Lucidum.

MODO D’USO
 1 stick al giorno, anche in corrispondenza di uno dei pasti. 

separatore_bianco

p275_0_29_014GERMANIO PURO 100 g polvere
Germanium sesquioxide
Prezzo: € 60,00
pulsante_acquista2

Polvere cosmetica indicata per maschere ed impacchi che sfrutta le proprietà condizionanti del germanio sesquiossido utili per mantenere la naturale salute della pelle e dei capelli.

Ingredienti (TERMINI INCI): Maltodextrin (maltodestrine da mais o riso), propagermanium (Germanium sesquioxide, Ge-132) (5%).

Si consiglia di utilizzare da 1 a 3 misurini rasi (3-9 g) per applicazione giornaliera; sciogliere il prodotto insieme a 1-3 cucchiai di yogurt bianco, stendere il prodotto sulla cute e/o sui capelli e aspettare 10-15 minuti prima di risciacquare. Misurino incluso nella confezione.

p275_0_29_016

separatore_bianco

Secondo lo studio di Benavente-Garcia et aI. (1999), nelle foglie di olivo, sono presenti principalmente 5 gruppi di composti fenolici:

Oleuropeosidi (oleuropeina e verbascoside),
Flavoni ( luteolin-7-glucoside, apigenin-7-glucoside, diosmetin-7-glucoside, luteolina e diosmetina ),
Flavonoli (rutina),
Flavan-3-oli (catechina),
Fenoli sostituiti (tyrosolo, idrossityrosolo, vanillina, acido vanillico e acido caffeico),
oltre a l’elenolide, l’N-pentatriacontano, l’acido oleanolicoin, l’Omo-oleastranolo, un chinone, vitamina K2-simile, acidi malico, tartarico, glicolico, lattico,
Glucosidi: oleoside, steroleoside,
Enzimi: lipasi, perossidasi, emulsina, Colina, Tannino pirogallico, Glucosio, Saccarosio, Mannitolo, olio essenziale.

Il composto più abbondante è l’oleuropeina, seguita da idrossityrosolo, dai flavon-7 glucosidi di luteolina e apigenina e dal verbascoside ed esplicano un’azione antiossidante superiore a quella delle vitamine C ed E, grazie alla sinergia tra flavonoidi, oleuropeosidi e fenoli. Tra le molecole più importanti presenti nell’olivo c’è I’IDROSSITIROSOL, un polifenolo naturale che è il migliore antiossidante che agisce come radical scavenger coinvolto nell’inibizione dei processi di ossidazione collegati ai fenomeni di alterazione cellulare tipici delle malattie degenerative e dell’invecchiamento (aterosclerosi, artriti, problemi cardiovascolari). E’ ritenuto in grado di attivare la formazione di glutatione, un forte agente antiossidante prodotto dalle nostre cellule. L’idrossitirosolo viene estratto in forma “industriale” con processi molto laboriosi che richiedono l’uso di notevoli quantità di solventi organici nocivi e infiammabili e adeguate apparecchiature di estrazione e di purificazione, dalle olive, dall’olio di oliva e dalle acque di vegetazione.

Le foglie dell’olivo hanno azione ipotensiva, ipocolesterolemizzante, ipoglicemizzante.

separatore_bianco

OLEA MAX 500 ml
Ulivo fogliepapaya fermentata e melograna
Prezzo: € 35,00

pulsante_acquista2

Oleamax è l’innovativo integratore alimentare a base di foglie di ulivo, papaya e melograna, prodotto in Australia. Tutti gli ingredienti sono sottoposti a fermentazione particolare e ad un processo probiotico che impiega numerosi ceppi: lactobacillus acidophilus, plantarum bifidus, lactobacillus bulgaricus, saccharomyces boulardii e cerevisiae, per citare i principali.

È un prodotto unico nel suo genere, come uniche sono le sue proprietà benefiche.

INDICAZIONI:
circolazione sanguigna, detox, antiossidante.

INGREDIENTI:
ulivo foglie, papaya fermentata foglie e frutto, melograno frutto e semi, glicerina vegetale (dolcificante).

Oleamax Vividus è una fonte importante di oleuropein: 25 mg ogni 5 ml di prodotto.

CONSIGLI D’USO: 15ml al giorno preferibilmente 5 ml tre volte ai pasti; non usare in gravidanza, bambini sotto 3 anni.

NON CONTIENE: conservanti artificiali, coloranti, lattosio.

separatore_bianco

I processi omeostatici dell’organismo hanno luogo solo se il pH è leggermente alcalino

Nel connettivo, le più piccole variazioni dell’omeostasi possono portare a modificazioni strutturali nella sostanza fondamentale (proteine e percentuali di acqua in stato cristallino).

Molte di queste variazioni sono da correlare al deposito di residui acidi, provenienti dal catabolismo cellulare o da reazioni di tipo infiammatorio. In questi casi, viene modificato lo stato colloidale del distretto. Di conseguenza si altera la capacità di trasporto e di trasferimento di messaggi fisici e chimici tra il tessuto ed il resto dell’organismo, in particolare verso le strutture del SNC deputate alla regolazione dell’omeostasi (centri bulbari ed ipotalamici).

L’ambiente extra-cellulare, sensibile alle quantità di valenze acide immagazzinate durante i processi biologici, trasferisce a livello renale ed urinario queste informazioni, influenzando i valori del pH urinario.

La Matrice Extra-cellulare, costituisce un sistema di transito nel quale avvengono gli scambi fra le cellule metabolicamente attive ed il circolo. Come nei sistemi tampone respiratorio ed ematico, anche in questa sede, lo smaltimento dei cataboliti acidi è condizionato da un’adeguata presenza di bicarbonati. La nutrizione non sempre riesce a compensare il depauperamento delle riserve alcaline (sodio, potassio, magnesio e calcio). In questi casi si determina un’acidosi rilevabile dalle variazioni del pH dei liquidi organici (urine).La misurazione del pH urinario si effettua con strisce di pH-test (range 5,0 e 7,4) e costituisce un sistema di valutazione semplice e pratico. Per avere un quadro dinamico, le misurazioni del pH devono essere ripetute per alcuni giorni annotando l’ora e il dato. In questa maniera si ottiene una curva personale, veramente utile all’indagine diagnostica.

 

Un biochimico tedesco, il Dott. Otto Warburg, scoprì la “causa” del cancro e nel 1931 ricevette il premio nobel per questo. Egli dimostrò che la causa primaria del cancro era la sostituzione dell’ossigeno, nella chimica respiratoria delle cellule normali, con la fermentazione dello zucchero. La crescita delle cellule cancerose è dunque un processo di fermentazione, che può svilupparsi solo in condizioni di carenza d’ossigeno. Da tale scoperta, i ricercatori hanno tentato di arrestare il processo di fermentazione attraverso i farmaci, le radiazioni e la chirurgia.

Nel suo libro “Acid & Alcaline”, Herman Aihara afferma che:

Se la condizione dei fluidi extracellulari, specialmente nel sangue, diventa acida, la nostra condizione fisica sperimenterà in primo luogo spossatezza, predisposizione a prendere raffreddori, ecc.

Quando questi fluidi si fanno più acidi, si avvertiranno dolori e malesseri come emicrania, dolori al torace, allo stomaco, ecc. Secondo Keiichi Morishita, nel suo “Hidden truth of Cancer” (“La verità nascosta sul cancro”), se il sangue sviluppa una condizione di maggiore acidità, allora il nostro corpo depositerà queste sostanze acide in eccesso in una qualsiasi area del corpo al fine di mantenere il sangue in una condizione alcalina. Se persiste questa tendenza, in quelle aree aumenta l’acidità e alcune cellule muoiono; in seguito, queste cellule morte si convertono, a loro volta, in rifiuti acidi. Altre cellule, tuttavia, non muoiono e sono in grado di adattarsi a questo tipo di ambiente. In altre parole, invece di morire, come succede normalmente in un ambiente acido, queste cellule sopravvivono, convertendosi in cellule anormali, conosciute come cellule maligne.

Esse non sono connesse con il cervello, né con la memoria del codice genetico del nostro DNA. Pertanto le cellule maligne crescono in maniera indefinita e senza ordine. Questo è il cancro.

La causa di qualsiasi cancro è una mancanza di ossigeno provocata dall’acidificazione. Integrare la dieta aiuta a prevenire il cancro, e si pensa che possa essere d’aiuto nei primi stadi del cancro, sebbene probabilmente ci sia un punto di non ritorno. Tuttavia, poiché le cellule sane sono alcaline e quelle maligne acide, il consumo di alcalinizzanti non apporta alcun danno alle prime, mentre può distruggere le seconde. Vale la pensa provarci.

Alcuni minerali sono indispensabili per mantenerci in buona salute. Calcio, magnesio, boro e fosforo svolgono un ruolo importante nella calcificazione delle ossa e dei denti.

Il magnesio scioglie e rimuove un accumulo eccessivo di calcio nelle cartilagini e nei tessuti molli. Sodio, magnesio, potassio e cloruro sono elettroliti necessari per mantenere il corretto equilibrio acido/basico.

Ogni fluido e tessuto del nostro corpo ha un suo pH ottimale, e questi minerali aiutano a mantenerlo oppure a ristabilirne l’equilibrio. Calcio, magnesio, potassio e sodio sono necessari per mantenere la funzionalità di nervi e muscoli.

Ormoni ed enzimi contengono minerali: così come la fosfotranferasi necessita di magnesio, la xantina ossidasi non può formarsi se non in presenza di molibdeno. Il ferro è utile all’emoglobina come trasportatore di ossigeno e la vitamina B12 contiene cobalto, chiamata per questo anche cobalamina. Lo zinco aiuta a rimarginare le ferite ed è il minerale degli uomini, necessario per la salute della prostata.

Quando siamo carenti anche di uno solo di questi minerali, possiamo andare incontro a seri problemi di salute.

Per la maggior parte dei minerali, il reale fabbisogno dell’organismo è individuale. La quantità assunta con gli alimenti varia in funzione dei minerali presenti nei terreni agricoli. Alcuni minerali, cosiddetti elementi in traccia o oligoelementi, sono necessari soltanto in dosi minime.

Alkavital è una polvere di sali minerali naturali. La sua composizione si rifà all’acqua di mare del periodo precambriano con una salinità di circa il 10 per mille. La salinità, in questo caso, non si riferisce solamente al sodio ma anche agli altri minerali presenti nella miscela, cosa importante per far si che la giusta pressione osmotica si avvicini a quella dei fluidi del corpo umano.

Alkavital contiene minerali quali potassio, magnesio e sodio, gli elettroliti appunto, che sono importanti per il buon funzionamento dell’organismo a livello biochimico e bioenergetico.

Va da sè che oltre all’assunzione dell’Alkavital, è necessario mangiare sano e condurre una vita sana.

Verdura (non avvelenata), proteine di buona qualità, un pasto leggero prima di coricarsi e naturalmente esercizio fisico, Il caffè, lo zucchero bianco e il sale da tavola vengono considerati veleni per la circolazione se consumati in eccesso.

alkavital

Alkavital sali minerali di Claudi 250 gr

Prezzo: € 18,00

pulsante_acquista2

 

 

L’Alkavital va preso dopo i pasti. Secondo Claudi, il naturopata danese che ha ideato la formula, la dose giornaliera è da due a quattro volte al giorno. Infatti più frequentemente si prende, migliore e più veloce sarà l’effetto.

Si prende un cucchiaino raso sciolto in un bicchiere d’acqua cominciando per la prima settimana con una volta al giorno; la settimana seguente si passa a due volte al giorno, poi a tre e a quattro, fino a quando si avverte benessere, per poi tornare a due volte al giorno per il mantenimento.

Non c’è da sorprendersi se, appena si inizia a prendere l’Alkavital le feci possono avere un cattivo odore; ciò è dovuto all’eliminazione delle scorie dell’intestmo e cesserà dopo poco tempo.

Ingredienti: solfato di magnesio, bicarbonato di sodio, acido malico, cloruro di sodio, tartrato di sodio-potassio, solfato di zinco, lattato di ferro, solfato di manganese, e molibdato di sodio.

 

p248_0_16_04Alkadren 120 capsule da 500 mg
Prezzo: € 27,00

pulsante_acquista2

Quando il nostro sistema è sotto stress è utile un supporto dall’esterno per ritornare all’equilibrio acido-base.

Contiene: Magnesio 66 mg, Litotamnio 61 mg di cui calcio 20 mg, Sodio 11 mg, Ortica ES 50 mg di cui silice 1 mg, Equiseto ES 40 mg di cui silice 1 mg, Potassio carbonato 32 mg, Clorella 26 mg, Curcuma 20 mg di cui curcuminoidi 19 mg, Coriandolo ES 20 mg, Zinco 1 mg.

Alkadren grazie alla sua specifica formulazione e soprattutto grazie agli estratti di Coriadolo, Ortica e di Equiseto, favorisce l’azione chelante e l’allontanamento di tutte quelle sostanze biochimicamente “tossiche”, ovvero metaboliti di scarto, tossine, metalli pesanti, che potrebbero accumularsi a livello cellulare e con cui siamo costantemente in contatto, viste le condizioni ambientali in cui viviamo, ridonando il fisiologico trofismo cellulare.

La Chlorella riattiva i processi della difesa immunitaria e, insieme alla Curcuma e al Coriandolo protegge l’organismo dagli agenti ossidanti che danneggiano ed invecchiano il nostro sistema biologico.

Completano la formula i sali minerali che sinergicamente rimineralizzano i tessuti e i fluidi corporei aiutando a ristabilire il giusto ritmo metabolico. Alkadren non contiene coloranti, aromi, lattosio e glutine.

Come si assume: 6 al giorno lontano dai pasti.

Associazioni: Nidiur, Citoyang Cardis, OsteoMass Plus, Citoyang Equiseto

Avvertenze: Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Non superare le dosi giornaliere consigliate. Si sconsiglia l’uso del prodotto in gravidanza e durante l’allattamento. In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato. Se si stanno assumendo farmaci, è opportuno sentire il parere del medico. Non somministrare al di sotto dei 12 anni. Non usare per periodi prolungati senza sentire il parere del medico. Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita.

PROPRIETÀ  dell’ALGA KLAMATH

Le Klamath contengono lo spettro completo delle vitamine.

In particolare, oltre a fornire quasi il 100% del fabbisogno di vitamina A in appena 3 gr., le Klamath sono una eccellente fonte delle vitamine del gruppo B, essenziali per la salute del sistema cardiocircolatorio e nervoso, e garantiscono il 100% del fabbisogno di vitamina B12 assimilabile, in soli 3 grammi!

Inoltre, Klamath RW®max fornisce oltre il 100% del fabbisogno di vitamina K, essenziale non solo per la coagulazione del sangue, ma soprattutto per la salute delle ossa e dei denti.

I caroteni Klamath RW®max è ricca di numerosi pigmenti antiossidanti ed ha un elevato contenuto di caroteni pro-vitamina A.

Ma nel suo corredo di ben 15 carotenoidi ci sono anche quantità significative di importanti xantofille (come si vede nella tabella). Ad esempio, il contenuto di luteina su 3 grammi di RW®max è in grado di produrre da solo rilevanti effetti sulla vista; il che è tanto più vero quando si pensa che esso è in sinergia con una discreta quantità di zeaxantina ed altre xantofille (licopene, astaxantina).

La stessa dotazione di cantaxantina, il più potente antiossidante tra i carotenoidi (assieme all’astaxantina) è notevole:
in 3 g di Klamath RW®max ce n’è circa 1 mg, una dose attiva anche come abbronzante.
E’ anche per questo che molti consumatori di Klamath riportano di assorbire molto meglio la luce solare, con abbronzature profonde e durature!
Oltre 60 minerali e oligoelementi indispensabili alla nostra salute.

Oltre ad essere la massima fonte in assoluto di calcio, le Klamath contengono lo spettro completo di tutti i minerali traccia, essenziali alla salute e sempre più rari.

Klamath RW®max fornisce quantità LARN-rilevanti di ben 5 minerali essenziali: il ferro, fino all’85%, e non c’è bisogno di dire quanto importante sia il ferro per tutti, dai bambini fino agli anziani; il fluoro, essenziale per la salute di ossa e denti, di cui AFA RW®max fornisce oltre il 100% del LARN; il vanadio, rivelatosi essenziale per il metabolismo dell’insulina, e dunque importante come fattore nutrizionale per contrastare quella sindrome metabolica che è alla base di obesità, diabete, patologie cardiovascolari, etc.; si tratta di un minerale assai raro, di cui Klamath RW®max ci dà il 90% del LARN, e a cui si aggiunge una quantità utile di cromo, che ha simili proprietà insulino-mimetiche; il molibdeno, minerale che aiuta l’assimilazione del ferro, coopera con vanadio e cromo nel metabolismo degli zuccheri e dei grassi, ed è importante per la salute del fegato; e infine lo iodio, di cui Klamath RW®max ci dà circa il 33% del LARN, una quantità utile, e tuttavia sufficientemente ridotta per non causare problemi a chi soffra di ipertiroidismo.

Da non sottovalutare, poi, l’importanza dell’ampio spettro di oligoelementi per i quali non si ha ancora un LARN, ma che svolgono comunque funzioni spesso essenziali alla vita e alla salute.

Ad esempio l’arsenico, noto nella sua forma inorganica come potente veleno, nella sua forma organica, di cui Klamath RW®max è ricca, è un minerale talmente importante che significative carenze di arsenico sono state legate a problemi cardiovascolari, disturbi del sistema nervoso centrale e addirittura cancro, anche a causa del suo ruolo negli essenziali processi di metilazione.

Altri nutrienti

20 aminoacidi e il 65% di proteine complete

La Klamath è l’unico cibo che contiene tutti e venti gli aminoacidi. La proporzione dei suoi aminoacidi essenziali è tale da rendere le sue proteine notevolmente più assimilabili delle stesse proteine animali. Secondo diversi nutrizionisti, l’aggiunta di proteine di alta qualità ed assimilabilità alla dieta migliora l’assorbimento e utilizzazione delle proteine meno nobili ingerite (come quelle dei cereali).

Acidi grassi essenziali

La Klamath è un’ottima fonte in Omega 3. Spirulina, clorella, erbe di cereali, etc. contengono Omega 6, ma il loro contenuto di Omega 3 è in pratica nulla. Il 2,5% circa della Klamath è costituito invece da Omega 3. Si tratta di un dato importante, perché gli Omega 3 sono i grassi maggiormente carenti, quelli di cui abbiamo più bisogno per riequilibrare la nostra salute.

Clorofilla

La Klamath ha una delle più alte concentrazioni di clorofilla, fino al 1,5% (10-15 mg/g), contro lo 0,3% dei supercibi verdi (erbe di cereali, etc.). Una volta ingerita, la clorofilla naturale ha dimostrato di possedere delle elevate proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antitumorali.

Molecole nutriceutiche

La ricerca più recente ha evidenziato come la Klamath sia ricchissima di specifiche molecole, come AFA-ficocianine, feniletilammina, micosporine algali (MAAs), polifenoli, AFA-fitocromo e peptidi e polisaccaridi immunomodulanti, dotati d’elevate proprietà nutriterapiche.

separatore_bianco

Klamath® RW MAX AFA Fresh
tavolette o gocce

50 ml GOCCE – Prezzo: € 13.00
pulsante_acquista2

60 capsule – Prezzo: € 19.00
pulsante_acquista2

180 capsule -Prezzo: € 50,00

pulsante_acquista2

La microalga Klamath è nota per la sua straordinaria ricchezza nutrizionale e nutriceutica. Klamath RW®max della linea Nutrigea, grazie a nuovi e superiori metodi di lavorazione ed essiccazione, mantiene oltre 100 tra nutrienti e molecole nutriceutiche.

L’unico supercibo selvatico e supplemento nutrizionale completo e assimilabile dalla A allo Zirconio

Oltre 100 nutrienti +
12 vitamine e minerali LARN-rilevanti +
energia primordiale =
vitalita’, salute e bellezza naturale

La microalga Klamath è nota per la sua straordinaria ricchezza nutrizionale e nutraceutica.
Klamath RW®max della linea Nutrigea, grazie a nuovi e superiori metodi di lavorazione ed essiccazione, mantiene oltre 100 tra nutrienti (vitamine, minerali, aminoacidi, acidi grassi Omega3) e molecole nutriceutiche (ficocianine, polifenoli, caroteni, clorofilla, ecc.) ma migliora a tal punto la concentrazione da contenere ben 12 vitamine e minerali LARN-rilevanti, da coprire cioe’ in maniera signficativa il fabbisogno giornaliero.

Composizione Gocce:
Mela succo concentrato, Glicerina vegetale, Acqua purificata, Miele d’Acacia, microalghe Klamath RW® max (Aphanizomenon Flos Aquae), aroma naturale Fragola, Pompelmo (Citrus grandis – L. – Osbeck e/o Citrus x paradisi MacFayden) semi e/o frutto e.s., conservante: Potassio sorbato; acidificante: acido citrico. Modalità D’uso:20 gocce (1ml) disciolte in poca acqua o direttamente sotto la lingua, 2-3 volte al giorno.

Consigliato:
Per carenze nutrizionali in: Caso di alimentazione irregolare e inadeguata. Processi degenerativi legati alla dieta e vita moderna. Eccessivi livelli di ossidazione, infiammazione. Carenza di vitamina B12. Aumento dell’assimilazione e metabolismo proteico Dismetabolismi glicemici – eccesso omocisteina. Dismetabolismi lipidici. Rischio cardiovascolare. Stress, stanchezza, irritabilita’ Defedazione immunitaria, sostegno al sistema immunitario. Sostegno energetico. Potenziamento tono muscolare.

Composizione capsule:
Microalghe Klamath RW®max (Aphanizomenon Flos Aquae), Creamy (patata polvere)

NON CONTIENE GLUTINE 

NUTRIMAX

60 capsule Prezzo: € 29.00pulsante_acquista2

150 capsule Prezzo: € 65.00 pulsante_acquista2

Le qualita’ della Klamath RW®max arricchite con l’esclusivo estratto Klamin®, estratto brevettato da microalga KlamathRW® max, concentrato di feniletilammina, una molecola attiva neurorigenerante e che agisce in maniera efficace sul tono dell’umore.

Tutti i vantaggi nutrizionali e nutriterapici della Klamath RW®max grazie al suo contenuto di molecole attive, quali le AFA-ficocianine (antiossidanti, antinfiammatorie) e la feniletilammina (neurorigenerante, antidepressiva).
Pur non raggiungendo le concentrazioni di PEA e di AFA-ficocianine proprie dei prodotti più specifici a base di estratti indicati di seguito, NutriMax® si presenta come ottimo prodotto di mantenimento dopo cicli con i suddetti prodotti, e come alternativa potenziata rispetto all’uso della sola microalga Klamath.

Composizione:

Microalghe Klamath RW® max (Aphanizomenon flos aquae), Klamin® e.s. da microalghe Klamath (Aphanizomenon flos aquae), Cellulosa microcristallina, Aquamin (Lithothamnion calcareum), Creamy (Patata polvere). Modalità D’uso:2-3 capsule, 2 volte al giorno.Consigliato:In generale, come integratore alimentare completo, bilanciato e perfettamente assimilabile, con maggiore efficacia antiossidante, di prevenzione antinfiammatoria, di sostegno al tono dell’umore, dell’attenzione e dell’energia, della sola microalga Klamath RW®max.

Come prodotto di mantenimento, dopo cicli eseguiti con prodotti più specifici a base dell’estratto Klamin®. NON CONTIENE GLUTINE

Chlorella Pyrenoidosa

180 cpr

Prezzo: € 23.00
pulsante_acquista2

Clorella pyrenoidosa è una straordinaria fonte di sostanze vitali che permettono all’organismo di mantenersi giovane e tonico.

E’ ricca in clorofilla, ferro, aminoacidi, omega 6, fattori della crescita. Favorisce la produzione di cellule sane e di ormoni, risultando particolarmente utile per il ripristino del ciclo femminile (amenorrea) e attenuando i disagi nella menopausa.

Ha anche un elevato potere disintossicante, aiutando l’organismo ad eliminare i metalli pesanti e i pesticidi.

Viene frequentemente usata per preservare l’organismo da contaminazioni da metalli pesanti dopo la rimozione delle amalgame dentarie.

Chlorella è composta per il 60% di proteine nobili vegetali totalmente assimilabili e contiene tutti gli aminoacidi essenziali, il CGF (Fattori della Crescita) che aiutano ad aumentare la massa muscolare dello sportivo.

ISTRUZIONI: adulti da 3 a 6 compresse di Clorella al dì, in base al peso corporeo, da assumere alla mattina con acqua. Sportivi da 6 a 12 compresse di Clorella al dì, alla mattina con acqua.

Clorella contiene Vitamine e numerosi minerali come ferro, calcio, fosforo, e micronutrienti che hanno un’importante funzione nel meccanismo generale della nutrizione, favoriscono un rapido recupero energetico. Chlorella è un integratore per lo sport in grado di innalzare la resistenza fisica e le capacità di adattamento dell’organismo in situazioni ambientali di sovraccarico e sollecitazioni straordinarie, in modo da migliorare l’efficienza generale. Sostanze naturali in grado di soddisfare tutte le necessità dell’organismo, con un aumento della capacità di lavoro, un migliore rendimento a fronte di un minor affaticamento fisico e psichico, e un più rapido recupero dopo lo sforzo.

CONTROIndicazioni: non somministrare Chlorella a donne con cicli mestruali inferiori a 20 giorni o con mestruazioni significativamente abbondanti. Bambini al di sotto dei 12 anni.

Sito di coltivazione: Ishigaki, Giappone

La Clorella è conosciuta come il “gioiello d’oriente” per la sua alta concentrazione di vitamine, minerali, proteine ed enzimi.

CAPACITÀ DISINTOSSICANTE DELLA CLORELLA
Ricerche avanzate hanno dimostrato che le parti cellulose della clorella chelano i metalli pesanti dal nostro tratto digerente e li rimuovono dal corpo.

l’Alga Chlorella è una preziosa alleata per disintossicare l’organismo
(fonte: www.tantasalute.it)

Chlorella Pyrodeinosa, microalga verde unicellulare di acqua dolce, è ricchissima di clorofilla. La sua struttura genetica è invariata da più di due miliardi di anni, la forma della cellula è simile, per forma e per dimensioni a quella dei globuli rossi umani.

E’ proprio la clorofilla di cui l’alga è in assoluto il cibo più ricco (in quantità da 10 a 100 volte superiore di quanto riscontrato nei vegetali a foglia verde) ad agire profondamente nelle dinamiche di disintossicazione dell’organismo. Pulizia dell’intestino e risanamento della flora batterica, eliminazione di residui tossici (insetticidi, concimi chimici e metalli pesanti) dal fegato e dai tessuti, assorbiti da una membrana fibrosa (sporopolleine); depurazione ematica che costituisce la base per la formazione dell’emoglobina e garanzia di un’ importante fonte di linfa vitale.

Migliora inoltre le condizioni dei diabetici e degli asmatici, rivitalizza il sistema vascolare migliorando le vene varicose, favorisce la cicatrizzazione dei tessuti (ottima dunque anche in casi di ulcere o emorroidi), elimina gli odori del corpo,riduce il dolore da infiammmazione e permette l’assorbimento di calcio, ideale in menopausa.

Ma non è tutto. Quest’alga può vantare la presenza di acidi nucleici (DNA RNA), acidi grassi essenziali insaturi, sali, proteine di facile assimilazione ed amminoacidi. Molto ricca in ferro (consigliata nelle anemie e per regolarizzare le mestruazioni), zinco, zolfo, fosforo ed altri minerali come il magnesio ,efficace nel trattamento delle affezioni respiratorie: sinusite, rinite, influenza, mal di gola, tonsille infiammate.

L’apporto di vitamine antiossidanti quali Betacarotene (o Vitamina A), Vitamine del gruppo B (anche la B12 tanto difficile da reperire in natura) Vitamina C e Vitamina E la rende speciale per il rinforzo del sistema immmunitario.

Grazie al suo effetto tonico si sono riscontrati dei miglioramenti anche nel trattamento di stati depressivi, come moderatore del sistema nervoso e contro le insonnie.

Quali caratteristiche ha il vero Argento Colloidale ?

Nel VERO Argento Colloidale (True Silver Colloidal) la maggior parte di contenuto è in forma di particelle di argento. In genere devono contenere almeno più del 50% di particelle di argento, per essere considerati tali. In media in un range dal 50 al 80%. La restante parte percentuale (inferiore) sono ioni di argento. In realtà quando si parla di “argento colloidale” , il termine colloide significa particella.

Le due principali caratteristiche per determinare i veri “colloidi” sono:

– La percentuale di particelle di argento

– La superficie delle particelle

Fra tutti i prodotti commercializzati come prodotti colloidali solo i “VERI Colloidi” hanno la più alta misura di superficie della particella. E’ la superficie della particella di Argento che determina l’efficacia. Più è piccola la particella, più ampia è la superficie in senso inversamente proporzionale. Le particelle nanometriche (anzi nei migliori prodotti inferiori al nanometro) restano in sospensione senza la necessità di aggiungere proteine o altri addittivi. E’ la repulsione reciproca delle particelle create dalla carica “potenziale zeta” che mantiene le particelle uniformemente distribuite.

A causa dell’altissima concentrazione di particelle e della prevalenza rispetto ai semplici ioni (atomi privi di un elettrone) il VERO Argento Colloidale non è e può MAI essere trasparente come l’acqua.

Il VERO Argento colloidale con una sufficiente concentrazione (più del 50% rispetto alla percentuale ionica) non può trasparire come l’acqua, perchè le particelle di argento presenti anche se piccolissime bloccano il passaggio della luce e quindi rendono il liquido non trasparente ma ambrato , tendente al marrone (tipo il tè) o paglierino.

A causa della concentrazione inferiore di ioni di argento e data la prevalenza di particelle di argento di piccole dimensioni, il VERO Argento Colloidale non può causare l’argiria ed è il più sicuro ed efficace, spesso anche fino a 1000 volte degli altri prodotti di altro tipo e genere.

Come funziona l’argento colloidale? 

La pubblicità dell’argento ionico lo descrive come un composto dotato di elevata biodisponibilità. Niente è più lontano dalla verità. Infatti la biodisponibilità è data dalla quantità di farmaco “immodificato” che raggiunge la circolazione sistemica dopo essere stato ingerito. Anche gli ioni argento (Ag+) possiedono l’attività antibatterica dell’argento colloidale, tuttavia essi sono molto reattivi e nell’organismo formano rapidamente sali di argento, come il cloruro. L’Argento Colloidale è l’unico antibatterico conosciuto che elimina tutti i tipi di virus, funghi e batteri. L’Argento Colloidale è altresì totalmente innocuo per il corpo.

Mentre gli antibiotici danneggiano il fegato e i reni, l’Argento Colloidale attiva il processo di guarigione. L’argento colloidale è atossico per mammiferi, rettili e tutte le forme di vita che non siano monocellulari.

L’argento è invece tossico come i più potenti disinfettanti chimici per le forme di vita primitive come i microrganismi. Le forme di vita monocellulari utilizzano processi chimici diversi per il metabolismo dell’ossigeno.

La presenza di argento, specialmente nella forma di nano particelle del colloide, ne interrompe il ciclo metabolico enzimatico e ne provoca il soffocamento e la morte nell’arco di sei minuti; a quel punto il sistema immunitario, linfatico e depurativo si occuperanno della loro espulsione. L’azione dell’argento colloidale è così veloce che l’agente patogeno non ha il tempo di mutarsi in un ceppo resistente.

Tutti gli altri antibiotici di sintesi sono efficaci soltanto su cinque o sei tipi di germi, sempre che un particolare ceppo non sia diventato resistente. Ci sono casi di germi che hanno sviluppato resistenza a tutti gli altri antibiotici mentre, in sei minuti, l’Argento Colloidale debella qualsiasi germe monocellulare. Da quando si è in grado di fare questa valutazione non si conosce alcun agente patogeno che sia mutato in un ceppo resistente all’argento perché il tempo di replicazione dei batteri è molto superiore alla velocità d’azione battericida dell’argento.

L’argento colloidale non ha alcuna azione sugli enzimi del corpo umano, che sono molto diversi da quelli delle forme di vita monocellulari. Le particelle colloidali si diffondono gradualmente attraverso il sangue fornendo un’azione terapeutica prolungata nel tempo. Molte forme di batteri, funghi e virus utilizzano un enzima specifico per il loro metabolismo. L’argento agisce come catalizzatore disabilitando l’enzima. I microrganismi in questo modo soffocano.

INTERAZIONE CON ALTRI FARMACI O PIANTE MEDICINALI: Non si sono riscontrate interazioni di alcun genere tra l’argento e altri farmaci. Le reazioni alle attuali prescrizioni farmaceutiche della medicina allopatica con l’argento presente nel corpo non saranno superiori alle reazioni con le potentissime piante medicinali da cui derivano e che sono state utilizzate per migliaia di anni parallelamente all’argento. Non si sono riscontrate reazioni allergiche in migliaia di anni e non ne risultano nella storia dell’uso medico dell’argento. L’azione dell’Argento Colloidale interviene principalmente sulla velocità e/o sul manifestarsi della reazione metabolica dell’ossigeno di un germe, e blocca il funzionamento del polmone chimico utilizzato dagli agenti patogeni monocellulari nel metabolismo dell’ossigeno. Ma l’Argento Colloidale non attiva alcuna reazione chimica nel corpo.

COME FUNZIONA CONTRO I BATTERI: Gli organismi monocellulari chiamati batteri, per il metabolismo dell’ossigeno utilizzano un comune tipo di enzima, o polmone chimico. La presenza dell’Argento Colloidale disattiva l’enzima e causa il soffocamento. Tutti i batteri vengono eliminati entro sei minuti, senza alcun effetto sulle cellule tissutali circostanti. Nel suo libro il Dr. Becker aggiunge: “L’Argento positivo elimina tutti i tipi di batteri; un fatto entusiasmante in quanto non c’è altro antibiotico che agisca su tutti i tipi di batteri.

COME FUNZIONA CONTRO I FUNGHI: I funghi sono una serie di singole cellule collegate l’una all’altra da minuscoli condotti di materia cellulare. Ad espansione lineare o, alternativamente, con modalità riproduttiva simile ad un tessuto, i funghi presentano comunque le caratteristiche di qualsiasi batterio monocellulare – con quel particolare tipo di polmone – che viene immediatamente e permanentemente disattivato dalla presenza dell’Argento Colloidale. Qualsiasi tipo di fungo verrà eliminato entro sei minuti dal contatto con l’argento nel corpo. L’Argento Colloidale lo soffoca.

COME FUNZIONA CONTRO I VIRUS: Un singolo virus invade una cellula vivente o un tessuto corporeo, poi l’insidioso agente patogeno si impossessa del nucleo della cellula e ne altera il meccanismo produttivo/ riproduttivo per replicare se stesso piuttosto che l’enzima, l’ormone o l’altra sostanza chimica prodotta normalmente dal corpo in quella cellula. Successivamente il nuovo virus prodotto viene rilasciato nel circolo ematico da quella cellula. Ma c’è anche un altro evento interessante. Nel subire l’attacco del virus, quella cellula viva in parte reagisce ritornando ad una struttura cellulare e ad una chimica più primitiva. Subiscono una trasformazione anche gli enzimi di metabolizzazione dell’ossigeno, o polmone chimico, della cellula. Questa forma enzimatica più primitiva è vulnerabile all’effetto dell’Argento Colloidale. L’effetto catalizzante dell’Argento Colloidale, per la semplice vicinanza alla cellula disattiva in modo permanente gli enzimi: non potrà funzionare per portare ossigeno nella cellula e pertanto la cellula produttrice di virus morirà. Soffocherà nell’arco di sei minuti e il corpo la eliminerà proprio come elimina ogni giorno gli altri milioni di cellule che hanno concluso di svolgere il loro compito.
(fonte: Dr. Graziani in Scienza e conoscenza n.41, 2012)

separatore_bianco

Possibili Utilizzi

L’Argento Colloidale è utilizzato in modo preventivo contro virus, batteri e funghi e viene anche applicato direttamente sulle ferite aperte o sulle piaghe per eliminare le infezioni di superficie. E non fa male, né brucia! Altri antisettici applicati sulle ferite bruciano perché oltre ad eliminare i germi, distruggono anche le cellule del tessuto circostante. L’Argento Colloidale, invece, agisce sui germi topici entro sei minuti ma non danneggia il tessuto circostante.

Tagli e Abrasioni: applicare l’Argento Colloidale direttamente sulla ferita e sulle fasciature. L’Argento Colloidale può essere utilizzato da solo o con altre medicazioni.

Eczema o eruzioni cutanee: tamponare l’Argento Colloidale direttamente sulla zona, frizionando delicatamente. Ripetere spesso per mantenere umida la zona. Se preferite, bendare la zona mantenendo le bende umide di Argento Colloidale. Cambiare la fasciatura ogni giorno.

Verruche: coprire le verruche con un cerotto impregnato con alcune gocce di Argento Colloidale. Mantenere il cerotto umido. Le verruche dovrebbero sparire in qualche giorno. Eliminare le verruche più grandi potrebbe richiedere qualche giorno in più.

Depurazione dell’acqua: l’Argento Colloidale depura l’acqua in modo eccellente. Uno o due cucchiaini di Argento Colloidale per ogni 4 litri, manterrà l’acqua sicura e ne conserverà il gusto dolce per lunghi periodi. L’acqua contaminata da germi o sostanze chimiche non tossiche, diventerà bevibile con l’aggiunta di due o tre cucchiaini per ogni 4 litri.

Per evitare le malattie diffuse con l’acqua come la dissenteria, le compagnie aeree hanno messo in uso dei filtri per l’acqua che usano l’argento: British Airways, Swiss Air, Scandinavian Airlines, Lufthansa, Olympic, Air France, Canadian Pacific Airlines, Alitalia, KLM, Japan Airlines e Pan Am. Il Governo Svizzero ha approvato l’uso dei filtri per l’acqua che usano l’argento, ad uso domestico e commerciale. Inoltre, dopo aver testato ventitre diversi tipi di metodi di depurazione dell’acqua, la NASA, ha scelto per lo space shuttle il sistema che utilizza l’argento.

Cibi conservati fatti in casa: mezzo cucchiaino di Argento Colloidale per ogni litro nei barattoli preparati in casa, evita il fiorire di batteri, virus e funghi.

Consumando il cibo, la presenza dell’argento coadiuverà il processo digestivo, eviterà che gli amidi fermentino, che le proteine si decompongano o i grassi diventino rancidi nel tratto digerente. Inoltre, nell’intestino non si formeranno gas e il cibo non si decomporrà a causa di tossine andando a ridurre lo stato di benessere generale.

ATTENZIONE CODEX ALIMENTARIUS: sebbene la purezza certificata dei prodotti che rappresentiamo ne consentono l’assunzione per via orale, come avviene da molti anni in altri paesi, le leggi sanitarie italiane non ci consentono di consigliare la prescrizione per tale utilizzo. Il paese dell’Unione Europea più resistente al Codex Alimentarius è il Regno Unito.

Ai sensi del Regolamento Comunitario Europeo (L.1170/2009) che non include le sostanze argento e oro fra gli ingredienti inseribili nei prodotti “per uso interno” si informa che i prodotti colloidali proposti sono notificati al Ministero come “prodotti per uso esterno” 

spazio

ARGENTO COLLOIDALE ATOMICO
(particelle della dimensione di un Atomo)

Dopo 15 anni di ricerca e studi proponiamo il prodotto più performante in commercio che si differenzia da tutti gli altri per la miglior forma colloidale realizzata con particelle della dimensione di un ATOMO. Le particelle di questo prodotto sono Atomi di Argento purissimo 999,9.

Gli Atomi sono 50.000 più piccoli di una Nano-particella e nei colloidali vige una regola precisissima e indiscutibile PIU’ PICCOLA E’ LA PARTICELLA , MIGLIORE E’ LA SOLUZIONE COLLOIDALE.

Gli Atomi di argento della soluzione si legano con le molecole dell’Acqua formando una soluzione in sospensione Naturale, mai vista prima è senza eguali in commercio. Essendo atomi di argento, quindi notevolmente più piccoli di una nano-particella, possiamo aumentare i PPM del prodotto in assoluta e certificata Sicurezza – Naturale; ecco perchè le nostre composizioni uniche nel suo genere sono TRASPARENTI E’ CRISTALLINE COME L’ACQUA con potenzialità da 200 PPM A 5000 PPM .

Quali caratteristiche ha l’argento colloidale atomico: 
1 – Atomi di argento colloidale Purissimo 999,9 in acqua bi-distillata .
2 – La più piccola particella mai prodotta a Oggi.
3 – Ribalta tutti gli aspetti e le leggi-fisiche conosciute sino ad ora sui colloidali .
4 – La luce non dannegga il prodotto , in quanto L’atomo non riflette la luce.
5 – Gli sbalzi di temperatura non danneggiano il prodotto , anche con sbalzi di + 50 gradi e – 40 gradi
7 – L’Atomo riesce a penetrare tutti i Batteri esistenti al mondo , in quanto è più piccolo del più piccolo batterio esistente sul Pianeta.

E’ attualmente il più Sicuro, Efficace, Naturale, Affidabile  che puoi trovare in commercio. Da 200 PPM a 5000 PPM Atom

(dal sito del nostro fornitore FREE NATURE)

argento-erboristeriarcobalenoARGENTO 1000 PPM da 100 ml con contagocce 
Prezzo: € 79,00

pulsante_acquista2

ARGENTO 500 PPM da 200 ml con contagocce 
Prezzo: € 59,00

pulsante_acquista2

– I colloidi sono chiari come l’acqua.
– Da non confondere con ioni d’argento.
– Massimo supporto sistema immunitario.
– Produzione: no elettrolisi.
– Ingredienti: acqua bi-distillata e argento 999, metal minerale puro.

Le Particelle di dimensioni atomi sono tracce di minerali veri, il che significa meno argento necessario per ottenere il prodotto finito. Biodisponibilità 100%, Alta gradazione di ppm in particelle di dimensioni Atom significa una maggiore penetrazione Free Radical. Pensate a come un effetto di attacco in massa su tali virus e batteri. Dimensioni atomiche di minerali traccia: gli atomi sono stati segnalati per avere dimensioni che vanno da un minimo di 250.000 volte a più di 75 milioni di volte più piccoli di una nano particella è non riflettono la luce.

separatore_bianco

oro-rame-argento-erboristeriarcobalenoLong Life (OroRame-Argento) 1000 PPM
50 ml colloidali speciali Atom 
Prezzo: € 45,00

pulsante_acquista2

Oro, Rame e Argento in un’unica Soluzione Colloidale Atomica. Un prodotto veramente eccezionale, la forma colloidale più sicura, stabile ed efficace in commercio. 100 % Natural. Il Long Life migliora in maniera significativa le frequenze e la longevità del corpo, migliora lo stato di benessere e la progressione all’evoluzione del nostro organismo in maniera naturale è sicura.  ORO – RAME e ARGENTO sono le basi della Medicina Cinese di 5000 anni fà , e hanno un ruolo di primaria importanza nelle Medicina Naturale Ayurvedica Indiana. Durata oltre 5 Anni. La luce non danneggia il prodotto.

p152_0_38_023

logo1Le particelle dei colloidi Biomed sono tra le più fini presenti sul mercato e, sono prodotte con un particolare procedimento di elettrolisi brevettato.

Tutte le fasi di produzione e confezionamento avvengono in ambienti sterili e il prodotto non viene mai in contatto con macchinari o recipienti metallici per mantenerlo assolutamente puro. I flaconi, forniti con contagocce o con cappuccio spray, sono di PET farmaceutico scuro per evitare che vetro e luce ne alterino la struttura.

Ogni metallo colloidale Biomed è accompagnato da un certificato di analisi chimico-fisiche che ne attesta la purezza e l’effettiva quantità in ppm.

p152_0_38_027Nano Gocce d’argento Biomed – (20ppm – 150ml)
Flacone Blù Cobalto Pet Farmaceutico
Prezzo: € 29,00
pulsante_acquista2

Nano Gocce d’argento Biomed- (20ppm – 500ml)
Flacone Blù Cobalto Pet Farmaceutico
Prezzo: € 49,00
pulsante_acquista2

Nano Gocce d’argento Biomed- (30ppm – 200ml)
Flacone Blù Cobalto Pet Farmaceutico
Soluzione specifica per trattamento con apparecchi per AEROSOL
Soluzione colloidale ad alta concentrazione
Prezzo: € 44,00
pulsante_acquista2

separatore_bianco

 

Dall’ Articolo del Dr. Graziani pubblicato su Scienza e conoscenza, rivista trimestrale, n. 41 III Trimestre luglio-settembre 2012.

Il dottor Graziani Gabriele, 71 anni, proviene da una famiglia di farmacisti. Ha conseguito la laurea in Farmacia nel 1964 con 110/110 e lode e la Laurea in Scienze Biologiche con 108/110, entrambe presso l’università di Bologna. Ha poi intrapreso la carriera di ricercatore farmacologo prima presso l’università, poi nell’industria farmaceutica.
Dopo un lungo periodo di formazione in Inghilterra nel Centro ricerche Glaxo, ha fondato e diretto i laboratori di ricerca farmaco-tossicologica del centro di ricerche Glaxo di Verona, ancor oggi prestigioso centro di ricerche in Italia.
È autore di oltre 60 pubblicazioni scientifiche ed è stato membro di prestigiose Associazioni quali la New York Academy of Sciences.

Per 25 anni è stato titolare dell’omonima farmacia rurale in provincia di Como, ora gestita dalla figlia. La sua conoscenza dell’argento colloidale (AC) deriva dallo studio personale e dall’esperienza quotidiana di farmacista territoriale.

L’argento colloidale è un tema che in ambito sanitario oscilla dal fideismo totale dei cultori della medicina alternativa allo scetticismo convinto dei discepoli della medicina accademica, tuttavia la crescente minaccia dei sempre più numerosi batteri resistenti ai più moderni antibiotici è una buona ragione per ripensare all’uso dell’argento colloidale.

Un antibiotico può uccidere, più o meno, una dozzina di organismi nocivi, mentre l’argento ne uccide centinaia se non migliaia e non sviluppa resistenza. Inoltre l’argento è praticamente “atossico”.

L’argento colloidale è atossico per mammiferi, rettili e tutte le forme di vita che non siano monocellulari.

L’argento è invece tossico come i più potenti disinfettanti chimici per le forme di vita primitive come i microrganismi. Le forme di vita monocellulari utilizzano processi chimici diversi per il metabolismo dell’ossigeno. La presenza di argento, specialmente nella forma di nano particelle del colloide, ne interrompe il ciclo metabolico enzimatico e ne provoca il soffocamento e la morte nell’arco di sei minuti; a quel punto il sistema immunitario, linfatico e depurativo si occuperanno della loro espulsione. L’azione dell’argento colloidale è così veloce che l’agente patogeno non ha il tempo di mutarsi in un ceppo resistente

LEGGI TUTTO

separatore_bianco

Oro colloidale: metallo prezioso per la nostra salute

L’ oro è un metallo prezioso, anche per la nostra salute. In forma colloidale, ha delle proprietà terapeutiche incredibili. L’ oro colloidale è un rinnovatore dell’ energia vitale sia a livello chimico che bio energetico.

Innanzitutto bisogna chiarire la differenza tra Oro inorganico, quelli che tutti conosciamo è l’ Oro “organico” in forma colloidale, ossia utilizzabile dall’ organismo umano. L’oro colloidale è una sospensione colloidale di particelle d’oro di dimensione sub-micrometrica in un fluido. Il liquido ( tipicamente acqua )assume un intenso colore rosso (per particelle di dimensione inferiore a 100 nm), o un colore giallo sporco (per particelle di dimensioni maggiori).

L’ oro colloidale agisce a due livelli che si combinano tra di loro e ne giustificano l’ efficacia.

  • il piano fisico o cellulare, che tutti conosciamo. A livello cellulare, la sua presenza contribuisce a creare le condizioni ottimali affinché le cellule possano operare al meglio. In questo senso si comporta come un catalizzatore che facilita le fisiologiche funzioni. In caso di alterazione di questi processi, contribuisce a riequilibrare le funzioni. Comprensibile, quindi che sia utile in moltissime patologie, anche di tipo degenerativo.
  • Il piano energetico, Questo livello è sconosciuto ai più, tuttavia non se ne può ignorare ne l’ esistenza tantomeno l’ importanza come la stessa fisica quantistica ha dimostrato recentemente. L’ oro innalza la frequenza di risonanza propria delle cellule che lo ospitano. L’ acqua stessa energizzata in cui sono presenti le nano particelle di oro, hanno un effetto benefico su tutto il corpo e favorisce la distribuzione di una frequenza armonica che ottimizza la frequenza generale di risonanza armonica della cellula elevandola a livelli maggiori e più “sani”.

L’oro colloidale è uno dei maggiori rinnovatori della nostra forza vitale. Agisce in profondità sul DNA delle cellule creando l’ambiente ottimale affinché il corpo possa reagire ed invertire le condizioni degenerative.

L’oro può essere usato per combattere moltissime malattie e tuttora nuovi studi riescono a fare luce sulle sue molteplici proprietà. Può essere usato per curare l’ artrite, i reumatismi e la sifilide. Si è dimostrato utile contro la tubercolosi, la sclerosi multipla, disfunzioni sessuali, problemi spinali, lupus discoide, incoordinazione ghiandolare e nervosa, asma bronchiale. Nell’ Alzheimer in vitro si è visto che la combinazione di irradiazione a microonde e oro colloidale può distruggere le fibre e placche beta-amiloidi . L’oro colloidale ha un effetto diretto sulle cellule in particolar modo su quelle del cervello e nervose, ha proprietà sedative che tuttavia non intaccano la trasmissione degli impulsi nervosi.

L’ oro colloidale ed il Cancro
Il dott. Edward H. Ochsner, medico chirurgico ad Augustana, negli USA, ha scritto che l’oro colloidale può avere un effetto inibitorio sulla crescita dei tumori. Le sue ricerche hanno dimostrato che può contribuire a ridurre le dimensioni dei tumori, alleviare il dolore, migliorare l’appetito e la digestione, e aumentare il peso e la forza fisica”. È insapore, non è tossico e viene preparato senza additivi, trasportatori né coloranti, con lo stesso processo con cui produciamo il nostro “argento colloidale originale”.

L’oro colloidale originale è noto per le sue proprietà antiinfiammatorie.
Pare che sia efficace per alleviare il dolore e il gonfiore causato da artrite, reumatismi, borsite e tendinite. In passato veniva usato per placare il bisogno di assumere alcol, per disturbi digestivi, problemi circolatori, depressione, obesità e ustioni. Si ritiene che sia molto efficace per ringiovanire le ghiandole, nel prolungare la vita e migliorare le funzioni cerebrali.

Umore ed instabilità emotiva.
L’ instabilità emotiva, ansia paura angoscia e depressione trovano nell’ oro colloidale un valido nemico. Il suo effetto è di bilanciare ed armonizzare l’ equilibrio mentale, senza contare il suo effetto positivo sull’a attività del cuore (migliora la circolazione sanguigna).

L’oro ha effetti benefici sugli organi pigri, in particolare sul sistema digestivo e il cervello. È stato usato in casi di incoordinazione ghiandolare e nervosa, poiché contribuisce a ringiovanire le ghiandole, stimolare il sistema nervoso e alleviare la pressione nervosa. Il meccanismo di riscaldamento del corpo può trarre beneficio dall’oro, in particolare per i colpi di freddo, le vampate di calore, e il sudore notturno. Usato quotidianamente con l’argento colloidale, l’oro colloidale originale può coadiuvare il sistema di difesa naturale del nostro organismo, combattere le malattie e favorire una rinnovata vitalità e longevità.

Gli usi dell’ oro in medicina e per la salute
L’ oro è stato utilizzato per secoli in svariati campi. In medicina per alcuni strumenti chirurgici e nella medicina tradizionale cinese per aghi usati in agopuntura. l’oro colloidale viene anche usato utilizzato in un particolare tipo di elettroforesi ed in odontoiatria (ponti).
In sospensione colloidale può essere utilizzato anche in creme e balsami per aumentare l’ efficacia della formulazione.

Fonti: Uso Terapeutico dell’Argento Colloidale – Prezioso Antibiotico naturale -Colloidal Sillver the hidde truths Alessandro di Coste www.naturopataonline.org

FORMULA ORIGINALE DELL’ORO COLLOIDALELa formula originale dell’oro colloidale unisce le qualità benefiche naturali dell’elemento oro in tracce ai più recenti ritrovati della tecnologia colloidale per sostenere la capacità naturale del corpo a raggiungere uno stato di salute e di benessere. L’oro colloidale originale è anche un integratore alimentare nelle diete a basso contenuto calorico, in quelle ad alto contenuto di fibre, e nell’esercizio fisico quotidiano.
L’oro colloidale originale può aiutarvi ad avere una salute perfetta nel mondo stressante di oggi. L’oro è stato usato nei secoli per le sue qualità ricostituenti e perché favorisce il benessere generale. È di giovamento in molte affezioni gravi. La presenza dell’oro nell’acqua non ne altera il colore. Impurità saline ed altri elementi contaminanti sono dovuti alle tecniche di produzione imperfette di alcuni prodotti che si trovano sul mercato. Oggi il progresso delle ricerche e delle tecniche di produzione garantiscono che il nostro oro colloidale originale è il più puro e di più alta qualità che si possa trovare sul mercato.

Per uso topico, usare un vaporizzatore più volte al giorno per ridurre il dolore e favorire la guarigione.

Non deve essere utilizzato da chi è allergico al metallo. Le reazioni allergiche all’oro sono poco comuni. Se qualcuno manifesta reazioni allergiche all’oro non sopporta i gioielli d’oro o oggetti d’oro senza che questo gli causi una reazione. Chi avesse dei dubbi e volesse accertarsi della propria eventuale allergia è sufficiente che applichi poche gocce di oro colloidale sul dorso della mano per verificare la propria reazione. Se non si ha alcuna reazione entro 30 minuti si può affermare che non c’è allergia al metallo.

spazio

BOOSTER DEL DNA, RINNOVATORE DELL’ENERGIE DELLA FORZA VITALE

L’energia vitale è compromessa dall’esposizione ad elementi tossici, sia materiali che emotivi. L’oro colloidale originale è uno dei maggiori rinnovatori della nostra forza vitale, poiché agisce in profondità sul DNA delle cellule creando l’ambiente interno necessario per aiutare il corpo ad invertire le condizioni degenerative.
Favorisce inoltre la produzione di una frequenza armonica specifica che ottimizza il funzionamento del DNA e aiuta il corpo a correggere stati degenerativi quali il cancro, l’artrite, ed altri tipi di squilibri autoimmuni. Contribuisce inoltre ad alzare la frequenza generale di risonanza armonica della cellula. Gli elementi naturali dell’acqua energizzata contenuti in questa formula sono noti per il loro ruolo nella produzione di energia nel corpo, poiché consentono di mantenere e stabilizzare le frequenze elettromagnetiche ed i modelli specifici dell’oro colloidale.

Quando il DNA della cellula vibra alla sua frequenza ottimale, si crea una “danza alla quale nessuna malattia può prendere parte” e il corpo rimane in uno stato di equilibrio e di salute ottimale. Molte altre informazioni sono disponibili su Internet. Sta al lettore decidere sulla veridicità di tali informazioni. Nella mia esperienza personale con i colloidali, posso dire di aver raggiunto molti risultati positivi per me stesso, la mia famiglia,i miei amici,gli animali e di aver avuto lo stesso tipo di messaggio da molte altre parti del mondo.

Max Heindel ha affermato che l’oro simboleggia lo spirito universale nella sua perfetta purezza. Perciò, purifica il corpo fisico, che è denso. (Max Heindel, “Rosicrucian Christianity Lectures”, Oceanside, California, 1972, pagina 272).

Alice Bailey ha scritto che l’oro simboleggia i nostri desideri in vari campi. (Alice Bailey, “Esoteric Astrology”, Lucis Publishing Co., New York, 1979, pagine 378-379).

Cayce ha detto che l’oro ricostruisce il sistema nervoso e fa bene per la sclerosi multipla (“Medicines for the New Age”, Virginia Beach: Va: Heritage Publications, 1977, pagine 27-28).

Steiner afferma che tutto l’oro un tempo faceva parte dell’etere solare (Rudolf Steiner, “At the Gates of Spiritual Science”, Londra, Rudolf Steiner Press, 1976, pagina 146).

L’oro è ampiamente usato nella medicina antroposofica.
Migliora la circolazione e la respirazione e aumenta il calore. Può essere indicato per colpi di freddo, febbre, vampate di calore, e sudore notturno. È in grado di favorire la digestione ed è un buon unguento per il lupus.

L’oro può influire sul senso di responsabilità e la coscienza. Può essere necessario nei conflitti dell’ego, per il senso di frustrazione, e se si è sovraccarichi di responsabilità. È utile anche per coloro che sono depressi che tendono a rimproverarsi troppo e hanno tendenze suicide. Può far bene anche alle persone maniacali che tendono alla megalomania, o che sono eccitabili e colleriche. È ottimo da somministrare alla fine di una psicoterapia. L’oro è stato usato anche per il cancro cutaneo, specie se dovuto ad eccessiva esposizione alle radiazioni.

In omeopatia, l’oro è indicato per le depressioni gravi e le tendenze al suicidio. Il paziente potrebbe sentirsi insicuro, accusare un senso di inferiorità, di ipersensività sessuale, accusare nevralgie o mancanza di esposizione ai raggi solari, specie durante le lunghe notti invernali. Possono insorgere anemie, problemi alla vista, mal di testa, incubi notturni, paralisi, polmonite, sifilide o malattie vascolari.

Nella medicina occidentale, da tempo l’oro è considerato utile per diversi disturbi, come artrite, reumatismi e sifilide.

È stato utilizzato anche per la tubercolosi, malattie cardiache, atassia locomotoria, disfunzioni sessuali, affezioni cutanee come la lebbra e il lupus, problemi spinali, o per stimolare il cervello e la digestione.

Altri hanno usato l’oro per innesti ossei, strumenti chirurgici e aghi da agopuntura.

Si dice che le origini dell’oro risalgano ad Atlantide, dove i maestri guaritori ne ammiravano le proprietà terapeutiche. Era usato essenzialmente per sviluppare il chakra del cuore, ma anche per la sua capacità di amplificare il pensiero: la purezza dell’oro conserva i pensieri più elevati rendendoli accessibili per il futuro.

Essendo un buon conduttore di elettricità e di forme di pensiero, era un metallo molto costoso e veniva utilizzato nelle poche procedure chirurgiche praticate in quella società. L’oro veniva usato anche per aprire il terzo occhio (v. tradizioni vediche). La sua resistenza agli acidi e al deterioramento rendeva l’oro un metallo perfetto da usare per impiantare vari talismani direttamente sul corpo fisico. La resistenza dell’oro al calore e a forme di vita estranee consentivano questi impianti nel corpo. Tali impianti sono stati trovati nei resti mummificati di diverse civiltà: cinese, egizia, inca, maya e persino in Europa. Le proprietà terapeutiche dell’oro sono sempre state perseguite e ben documentate in tutte le grandi culture. Naturalmente l’oro è stato spesso l’unità standard con cui vari sistemi monetari misuravano il proprio valore. La colorazione dell’oro favorisce la guarigione e lavora in profondità nell’inconscio collettivo dell’umanità a livello sia genetico che telepatico. L’oro è diventato un simbolo universale dominante nella coscienza di tutti gli uomini e le donne.

L’oro è il grande bilanciatore del chakra del cuore, che è forse il chakra più potente. Spesso si ritiene erroneamente che i chakra superiori siano i più importanti. Il chakra del cuore ha bisogno del metallo più puro che agisca da grande bilanciere. Per questo l’oro è sempre stato il grande legame alchemico con l’uomo. Non a caso il campo energetico che avvolge ogni essere vivente si chiama campo AURICO, che deriva dall’oro. Si racconta che a Gesù vennero offerti oro, incenso e mirra.

Naturalmente il cuore è fondamentale per i flussi circolatori del corpo fisico. Solo questo basterebbe a renderlo un maestro guaritore. L’oro tuttavia è anche collegato al timo. Grazie a questa proprietà aggiuntiva, riteniamo che l’oro abbia proprietà benefiche per l’intera forma fisica.
Le attività del cuore e del timo sono intese a bilanciare la struttura psicofisica durante i primi sette anni di vita e possono penetrare nell’intero sistema endocrino e ringiovanirlo. Tutto ciò avviene grazie a questo elisir colloidale o in presenza di un supplemento di oro fisico nella dieta quotidiana.

L’oro si trova nei seguenti vegetali: tuberi, camomilla, tarassaco, fuco, alghe, nel grano, specie se coltivato su terreno con tracce d’oro. L’elisir d’oro facilita l’assorbimento di oro, magnesio, ossigeno, fosforo, argento, e vitamine A, B, D e E.

La carenza d’oro nell’organismo è una delle cause principali della sclerosi multipla e di molti disturbi neurologici. La carenza d’oro tende infatti a sconvolgere la capacità di assimilare minerali e vitamine, specie da parte dei tessuti muscolari e del sistema nervoso. Ingerendo oro attraverso il cibo o usando l’oro colloidale si può rigenerare il corpo.

Approfondimento

Ai sensi del Regolamento Comunitario Europeo (L.1170/2009) che non include le sostanze argento e oro fra gli ingredienti inseribili nei prodotti “per uso interno” si informa la clientela che i nostri prodotti colloidali sono notificati al Ministero come “prodotti per uso esterno”.

separatore_bianco

oro colloidaleOro colloidale Atomico 2000 ppm 50 ml 
Prezzo: € 75,00

pulsante_acquista2

L’Oro rappresenta il Sole sotto forma di materia, agisce come stimolatore delle funzioni celebrali e cellulari, migliora ed esalta le facoltà mentali, quali memoria, percezioni, autostima, intelletto, coordinazione di movimento, utilissimo nelle fasi di meditazione, fa bene al cuore è anti stress, stimolante del corretto funzionamento di ghiandole e organi. L’Oro Colloidale Atomico è un prodotto straordinario la miglior forma colloidale disponibile sul Pianeta.

Durata oltre 6 anni, la luce non danneggia il prodotto.

sante-colloidale-goldOro Colloidale Nano Cristal Gold 10 ppm
Flacone 200 ml Blu Cobalto Pet Farmaceutico
Prezzo: € 45,00
pulsante_acquista2

Prodotto nella Comunità Europea.
Concentrazione Totale 10 ppm – 0,01 mg/mL
Flacone con chiusura inviolabile contagocce e pipetta contagocce acclusa nell’astuccio
Qualitativamente il primo al Mondo. Nuovo confezionamento con chiusura inviolabile.
separatore_bianco

p253_0_08_010Nano Gocce d’Oro Biomed   
(20ppm – 150ml)
Prezzo: € 39,00
pulsante_acquista2
Nano Gocce d’Oro Biomed 
(20ppm – 500ml)
Prezzo: € 94,00
pulsante_acquista2

I minerali colloidali sono dei preziosi elementi nutritivi fondamentali per il benessere fisico e mentale che permettono un ottimo funzionamento degli enzimi, delle vitamine e degli altri nutrienti all’interno del nostro corpo. Sono necessari al 95% delle funzioni quotidiane e garantiscono la vitalità.

Una volta lo si otteneva naturalmente da terreni organici per mezzo della frutta, delle verdure, noci, grano e legumi.

Oggi invece, la maggior parte delle piante cresce su terreni impoveriti e fertilizzati chimicamente quindi molti dei minerali importanti come ferro, zinco, rame, magnesio e cromo e minerali-traccia come l’argento e l’oro non sono più disponibili per la nostra alimentazione.

zinco-erboristeriarcobaleno1Nano Gocce di Zinco Biomed
(Zinco Colloidale – 20ppm – 150ml)
Prezzo: € 29,00

pulsante_acquista2

Potente e naturale antiossidante, migliora le performance maschili. Lo zinco colloidale puro Biomed è tra i più efficaci nel mercato, merito di una tecnologia che permette la riduzione delle particelle di zinco in dimensioni microscopiche e di un innovativo processo di elettrolisi brevettato, che garantisce l’alta stabilità della soluzione.

Lo zinco è un minerale essenziale per la vita degli esseri umani: viene utilizzato dal nostro organismo nei processi metabolici, è implicato nel funzionamento della vista, del tatto, dell’olfatto e della memoria. Lo sperma e la prostata degli uomini contengono quantità significative di questo minerale. Si suggerisce almeno 2 spruzzi 2 volte al giorno in assunzione sublinguale. La dose quotidiana suggerita è di 30-90 mg.

rame-erboristeriarcobaleno (1)Nano Gocce di Rame Biomed
(Rame Colloidale – 20ppm – 500ml)

pulsante_acquista2

Prezzo: € 49,00

Il rame colloidale puro Biomed è tra i più efficaci nel mercato, merito di una tecnologia che permette la riduzione delle particelle di rame in dimensioni microscopiche e di un innovativo processo di elettrolisi brevettato, che garantisce l’alta stabilità della soluzione. È un prodotto naturale e sicuro, senza effetti dannosi sull’organismo in quanto composto da soli atomi di rame metallico neutro in acqua bi-distillata.

Il rame è un minerale fondamentale per il corretto funzionamento del nostro organismo e la salute in quanto è presente in tutti i tessuti ed è richiesto per la formazione di ossa, pelle e tendini e per il buon funzionamento del sistema nervoso. In un organismo adulto sono presenti circa 100 mg di rame, concentrati in fegato, cervello, reni e cuore. I ricercatori affermano che tra le tante proprietà del Rame vi siano le sue capacità antimicrobiche in particolare nei confronti di lieviti e funghi.

La quantità di rame assunto con la dieta è generalmente sufficiente a coprire il fabbisogno giornaliero, stimato per l’adulto tra gli 1.5 e i 3 mg. 

Gli alimenti più ricchi di rame sono il fegato, i cereali integrali, le mandorle, le verdure a foglia verde, i molluschi, i crostacei, i rognoni, le noci, le melasse, il cavolfiore, gli avocado, le interiora, le uova, il pollame e i legumi secchi (in particolare la soia).

p277_0_06_017Platino Colloidale BIOMED 20ppm – 150ml 
Prezzo: € 39,00
pulsante_acquista2

Il platino nano colloidale è utilizzato principalmente nei settori cosmetici e medici, perché ha una azione dermatologica molto forte.

Il platino può aiutare a rigenerare il tessuto cardiaco, il timo e l’intero sistema endocrino.

Il platino può essere di aiuto in caso di stato depressivo. Può essere di aiuto per migliorare la memoria, specie nel caso di perdita di memoria dovuta a choc, ansia o simili.

Il platino mantiene alto il livello energetico migliorando i risultati e il raggiungimento dei propri obiettivi.

Il platino è stato usato nei secoli per le sue qualità ricostituenti e perché favorisce il benessere generale. È di giovamento in molte affezioni gravi.

Curiosità sul Platino Colloidale 
Pare che l’elemento platino colloidale abbia una spiccata capacità di aprire e riequilibrare tutti i cinque chakra, i meridiani e i nadi vengono attivati riuscendo così anche a risvegliare facoltà paranormali quali telepatia e chiaroveggenza grazie all’amplificazione generale del pensiero.

Il platino è la “pietra” di cui parlò Archimede, quando era alla ricerca di una situazione che “centrasse”, riequilibrasse. Credeva che questa “pietra” fornisse le capacità che consentissero di “muovere la terra”.

Poco conosciuto e anche un po’ sottovalutato il platino colloidale è in realtà un rimedio senza pari che gode di straordinarie virtu’. Ma innanzituttoche cosa si intende per platino colloidale? Ebbene trattasi di una soluzione a base acquosa, acqua bidistillata per la precisione, contenente ioni e nanoparticelle di questo prezioso elemento.

La linea cellfood integratori riesce naturalmente ad inserire nel nostro organismo tutto quel range di sostanze che, normalmente, per cattive abitudini alimentari o per mancanza di tempo non riusciamo a integarare con il cibo ma che, con cellfood integratori entra naturalmente a far parte della nostra normale alimentazione.

I prodotti che fanno parte della linea cellfood integratori inoltre, grazie al loro effetto antiossidante, riescono con naturalezza a portare alle nostre cellule il giusto quantitativo di ossigeno che necessitano, tenendoci sempre giovani perchè prevengano la propagazione di radicali liberi, che favoriscono l’invecchiamento fisico e la nascita di molteplici patologie.

I PRODOTTI CELLFOOD IN GOCCE VANNO ASSUNTI DILUITI IN ACQUA CON RESIDUO FISSO a 180° INFERIORE A 50-100 mg/L, preferibilmente a pH neutro.

p275_0_10_02CELLFOOD® Formulazione BASE
Integratore dietetico antiossidante di amminoacidi, minerali ed enzimi in tracce. Senza lievito e senza glutine.
Flaconcino da 30 ml.

Prezzo: € 39,95
pulsante_acquista2

 

 

Fornisce un’insuperabile fonte di ossigeno, idrogeno ed un sistema di trasporto nutrizionale a tutte le cellule, pulendo e tonificando i sistemi del nostro corpo per tutta la durata del suo impiego:
Ossigena le cellule del corpo
Aumenta l’energia
Potenzia il sistema immunitario
Detossifica il corpo Incrementa la respirazione cellulare
Equilibra il metabolismo del corpo
Trasporta i nutrienti in forma ionica
Elimina i radicali liberi in eccesso
Aumenta la biodisponibilita di altri nutrienti

CELLFOOD® gocce va diluito in un bicchiere di acqua oligominerale
(residuo fisso a 180° <50-100 mg/L), preferibilmente a pH neutro. Sorseggiare lentamente.

Si suggerisce di assumere CELLFOOD® almeno 20-30 minuti prima dei pasti. Il prodotto, tuttavia, può essere assunto anche lontano da questi, ogni qual volta ci si sente astenici o stressati.
Immediatamente dopo un pasto copioso, CELLFOOD®, per la sua ricca componente enzimatica favorisce i processi digestivi.
Per conoscere tutti i prodotti CELLFOOD disponibili

IL LAPACHO – L’albero della Vita

Gli indigeni sudamericani raccolgono da migliaia d’anni la parte interna della corteccia di un albero chiamato appunto Lapacho (Tabebuia Avellanadae). Questo albero che cresce nelle foreste amazzoniche e nelle montagne di Paraguay, Argentina e Brasile ha la particolarità che la sua corteccia appena tolta ricresce molto velocemente senza arrecare alcun danno alla pianta stessa.
Recenti ricerche hanno dimostrato che il Lapacho è efficace nella riduzione di infiammazioni, dolori ed impurità, nella funzione antimicrobica, antiparassitaria ed antifungine, stimola il sistema auto-immunitario, ha un’azione antiossidante con un utilizzo simile a quello dell’Echinacea e del Ginseng e non contiene caffeina.

Il Lapacho è una delle piante migliori per la purificazione dell’organismo, senza richiedere un grosso dispendio di energia; esso infatti aiuta a ristabilizzare le difese del proprio corpo rafforzando il sistema immunitario. E’ per il fegato e il sistema linfatico la pianta migliore. Contiene anche una speciale combinazione e concentrazione di sali minerali abbastanza rari o elementi in tracce: calcio, magnesio, fosforo, zinco, cromo, silicio, manganese, molibdeno, rame, ferro, potassio, sodio, cobalto, boro, oro, argento, stronzio, bario, nichel. Il Lapacho, secondo gli studi sino ad oggi effettuati, non ha alcuna controindicazione. Un sovradosaggio può provocare senso di nausea.

Mentre non ci sono dubbi che il Lapacho sia altamente tossico per molti vari tipi di virus, batteri, funghi, parassiti e altri tipi di organismi, questa sostanza sembra non possedere alcun tipo di tossicità significativa per le cellule umane sane.

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-lapacho-tintura-madreLapacho® Di Leo 30ml
Tintura madre spagirica
Prezzo: € 33,00

pulsante_acquista2

Lapacho® Di Leo 50ml
Tintura madre spagirica
Prezzo: € 49,00

pulsante_acquista2

Caratteristiche:

Antiossidante. Utile per contrastare i processi di invecchiamento cellulare e gli effetti dannosi sulle strutture cellulari cutanee indotti dai radicali liberi.

E’ adatto a tutti coloro che sono interessati ad aumentare la protezione degli antiossidanti per difendersi dal danno provocato dai radicali liberi causato da stress, alcolici, esposizione al sole (radiazioni UV) o zone altamente inquinate.

Composizione: Acqua, alcol, estratto di Tabebuja Impetiginosa corteccia 15%
( Lapacho).

Consigli d’uso: per almeno sei mesi: 21 gocce in acqua tre volte al dì, prima dei pasti.
Mantenimento: 7 gocce in acqua tre volte al dì, prima dei pasti.

Approfondimento 1
Approfondimento 2

 

8e01f9f24a138c3e221fde7ae22acc21Preparato alla Calendula 100 ml
Prezzo: € 28,00
pulsante_acquista2

Composizione: estratto fluido di Agave salmiana, estratto acquoso di Calendula arvensis, estratto di propoli.
Caratteristiche: sciroppo ottenuto da pianta fresca spontanea selvatica preparato secondo il metodo di P.V.Baroni.

Coadiuvante in caso di: problematiche dell’apparato gastro-enterico quali gastrite, ulcera peptica e duodenale, gastro-duodenite. colite, rettocolite, proctosigmatite, rettocolite ulcerosa, colite ulcerosa, proctosigmatite ulcerosa, morbo di crohn.

Consigli d’uso: 1 cucchiaio 2 volte al giorno 1 ora prima dei pasti a scelta, oppure la mattina al risveglio e la sera prima di coricarsi.

PRODOTTO FRESCO MANTENERE SEMPRE IN FRIGO

I principali componenti della calendula sono: olio essenziale, flavonoidi (narcissina e rutina), resina, mucillagine, carotenoidi, triterpenoidi e saponine. La colorazione tipica del fiore è costituita da un pigmento avente come componenti principali betacarotene, licopene e vilaxantina.

Sono state isolate sei saponine (glicosidi A-D, D; e F), le cui strutture sono state determinate, ed hanno quale unità base l’acido oleanoico 3-0-3-D-glucoronide; i triterpenoidi elinatriolo C e F, ursadiolo, 12-ursene-3,16,21-triolo; faradolo, breina, amidiolo, ertrodiolo, calenduladiolo, longispoinogenina; calendulosidi A, B, C, D, G e H; a- e -amirina, taraxasterolo, T-taraxasterolo e lupeolo; flavonoidi quali narcissina e rutina; tracce di olio essenziale; acido clorogenico (GLASBY WREN); polisaccaridi, tra cui un ramnoa-rabinogalattano e arabinogalattani;3 il pigmento giallo dei fiori è costituito da una miscela di beta-carotene, licopene, violaxantina e altre xantofìlle (CSIR II).
Le proprietà terapeutiche della calendula sono molteplici ed in particolare, una delle sue caratteristiche per l’uso interno è quella di avere un valido effetto antispasmodico, mentre, sottoforma di decotto, è molto utile in caso di ulcera gastrica; ha inoltre proprietà antinfiammatorie e calmanti dei dolori mestruali e presenta benefici al fine di regolare il flusso.

Gli acidi grassi Omega 3 sono considerati acidi grassi e poiché non possono essere prodotti dal corpo, devono essere ottenuti da risorse esterne.

Riducono i livelli di colesterolo e trigliceridi ematici.

Prevengono l’insorgenza dell’aterosclerosi ostacolando la formazione di coaguli e l’aggregazione delle piastrine

Aiutano a diminuire la pressione arteriosa.Utili in caso di malattie infiammatorie ed allergiche (psoriasi, eczema) ed autoimmuni (artrite reumatoide).

Sono essenziali per lo sviluppo ed il buon mantenimento del sistema nervoso centrale (il DHA).

Il cervello è composto per il 60% di grassi. Gli acidi grassi Omega 3, infatti, sono altamente concentrati nel cervello e pare essere importante per il sistema cognitivo (prestazioni cerebrali e della memoria) e per le funzioni comportamentali. I neonati che non assumono abbastanza acidi grassi Omega 3 dalla loro madre rischiano problemi allo sviluppo visivo e nervoso.

Alcuni antropologi nutrizionisti ritengono che il cervello umano non si sarebbe sviluppato come ha fatto senza avere accesso a livelli elevati di DHA presente nel pesce e selvaggina. Basterebbero solo due generazioni alimentate con una dieta a basso contenuto di omega-6 e omega-3 per portare a profondi cambiamenti nelle dimensioni del cervello e nella sue regolari funzioni.

 

Gli acidi grassi fanno parte della grande famiglia dei lipidi, anzi sono gli ingredienti costitutivi di quasi tutti i lipidi vegetali e animali. Nell’organismo ricoprono funzioni fondamentali. Sono presenti per il 90% in forma di trigliceridi, la fonte principale di energia che, a causa delle abitudini alimentari scorrette, nel mondo occidentale hanno finito per assumere un ruolo negativo. Essi sono metabolizzati a livello epatico in seguito ad un’eccessiva introduzione con la dieta di acidi grassi saturi.

La famiglia di acidi grassi più importante è quella dei polinsaturi caratterizzati da una struttura chimica più instabile e che quindi si presentano in forma liquida. Sono fondamentali nella formazione delle membrane cellulari e del sistema nervoso, ma portano alla produzione anche degli “elcosanoidi”, dei modulatori di diverse funzioni cellulari.

Questi acidi sono i PUFA (PolyUnsatured Fatty Acid) fanno parte della famiglia degli OMEGA3, si chiamano EPA e DHA e si ricavano dall’introduzione dell’acido linolenico, un acido grasso essenziale, cioè non ottenibile da metabolismo di altri acidi grassi ma da assumere obbligatoriamente con la dieta. E’ definito capostipite, perché da esso il nostro organismo ricava grazie al corredo enzimatico, tutti gli altri acidi grassi utili. Altro acido grasso capostipite è il linoleico della serie OMEGA6 che in larga misura si trasforma in acido arachidonico. Poiché EPA e acido arachidonico sono metabolizzati dallo stesso enzima, sono in competizione, ma se da ARA si formano sostanze ormonali di tipo pro-infiammatorio e vasocostrittore, da EPA derivano quelle di tipo vasodilatatore e anti-infiammatorio. E’ quindi importante che omega3 e omega6 siano introdotti in quantità bilanciata per non provocare effetti negativi.

Gli omega3 sono contenuti nei pesci quali i salmoni, merluzzi, sgombri, aringhe e sardine che vivono allo stato selvaggio nei mari freddi e che si cibano di fitoplancton, vero produttore di EPA e DHA. Nel mondo vegetale sono presenti nei legumi e nella frutta secca, nella soia, nella colza, nel lino e nel ravizzone. Ma l’organismo umano non metabolizza l’ALA vegetale in modo efficiente ottenendo così scarse quantità di EPA e DHA.

L’acido linoleico omega 6 è presente nella maggior parte degli oli vegetali quali soia, mais, girasole, ma in particolar modo nel lino e nella canapa. Buone fonti sono anche le noci.

Caso a parte rappresentano la borragine, l’enotera e il ribes nigrum che contengono dosi elevate di un particolare derivato dell’acido linoleico: l’acido gamma-linoleico, che vedremo poi avere un ruolo anomalo. Il fabbisogno giornaliero stimato di acidi grassi polinsaturi per un corretto funzionamento metabolico in un adulto è l’1-2% delle calorie totali giornaliere di omega6 e dello 0,2-0,5% di omega3 e quindi in rapporto circa di 4-5 a 1.

Nella storia grazie al cambio di abitudini alimentari, col crescente impiego di oli ricchi di omega 6 in cucine e nei cibi industriali, al diminuito consumo di pesce azzurro, si è arrivati ad uno squilibrio nutrizionale Omega 6/Omega 3. Nella Tabella 1 è riassunto il cambiamento dell’alimentazione dal paleolitico ad oggi; nella Tabella 2 invece i rapporti omega6/omega3 nella storia e nelle diverse aree geografiche.

 

Le evidenze epidemiologiche (basso incidenza di malattie cardiovascolari sulle popolazioni nordiche) e i successivi studi cliniici, hanno portato a collegare un’alimentazione ricca di cibi contenenti EPA, ad una attività di protezione e salvaguardia del sistema cardio-circolatorio grazie alle sue attività biologiche (antiterogena, antinfiammatoria, antitrombotica). Una carenza di EPA comporta una maggiore produzione di acido arachidonico e di conseguenza, aumento di aggregazione piastrinica, formazione di trombossani, aumento di LDL, VLDL, trigliceridi e viscosità ematica.

Il DHA ha prevalentemente una funzione strutturale: è presente nei fosfolipidi cerebrali (circa il 60% del sistema nervoso è costituito da acidi grassi) nella retina e nei fosfolipidi di membrana. Ha quindi un ruolo importantissimo nello sviluppo e nella maturazione cerebrale, dell’apparato riproduttivo e del tessuto retinico.

Gli omega6 hanno anch’essi sia un ruolo strutturale e funzionale. L’acido arachidonico è il rappresentante più abbondante della famiglia ed è importante, bilanciato col DHA nello sviluppo embrionale e nell’accrescimento del bambino. Produce però le prostaglandine della serie 2 ad azione aggregante e pro-infiammatoria. Va quindi evitata l’integrazione se non per manifeste carenze che comportano steatosi epatica e ritardi nella crescita in età evolutiva.

Molto interessante è l’acido gamma-linoleico che pur essendo della serie 6, si comporta come un omega3 agendo in competizione con l’acido arachidonico e producendo prostaglandine della serie 1 e 3 e quindi antinfiammatorie e antiaggreganti. Il suo ambito d’azione più importante è a livello della cute, e cioè nelle lesioni e nelle dermatiti specie se allergiche.

Una carenza comporta appunto lesioni cutanee, ritardata cicatrizzazione delle ferite, maggiore suscettibilità alle infezioni. Da rilevare il fatto che ci sono una serie di fattori che inibiscono il metabolismo dei PUFA, causando possibili carenze. Essi sono l’abbondante presenza nella dieta di grassi saturi e idrogenati, l’iperglicemia, l’alcool, l’invecchiamento, l’adrenalina e i glucocorticoidi, una dieta ipoproteica, virus oncogeni. E’ evidente come sia necessaria una maggiore attenzione alimentare o se questo non è possibile una correzione dei rapporti quantitativi ditali sostanze tramite integrazione.

L’attività dell’acido EPA è particolarmente evidente a beneficio del sistema cardiocircolatorio.
• A livello di endotelio, leucociti e piastrine genera fattori anti-infiammatori e anti-aggreganti.
• Influenza l’assetto lipidico ed in particolare ha dimostrato una cospicua riduzione della trigliceridemia dopo sperimentazione mediamente attestata intorno al 30%. L’effetto è dose dipendente.
• Gli omega-3 favoriscono un aumento metabolico con conseguente dispersione calorica e un inferiore immagazzinamento lipidico.
• Gli acidi grassi omega-3 sono in grado di ridurre la pressione arteriosa anche in pazienti affetti da ipertensione.
• Osservazioni epidemiologiche hanno mostrato che i PUFA hanno effetto anti-infiammatorio arrecando miglioramento in malattie come morbo di Crohn, psoriasi, dermatite atopica, asma bronchiale.
• Alcuni studi da confermare hanno dimostrato un netto miglioramento dei pazienti affetti da depressione.

L’acido docoesaenoico (DHA)
• L’ Unione Europea dopo aver finanziato due progetti di studio :«Perinatal Lipid Nutrition Group» e «Early Nutrition Programming» , raccomanda l’integrazione di 200 mg/die di DHA alle madri occidentali in attesa o allattamento, poiché un livello adeguato nel sangue, porta a una riduzione di parti prematuri, un maggior peso del neonato, e a un migliore sviluppo neurologico/cognitivo e della vista.
• Studi osservazionali sui sintomi hanno messo in relazione l’eziologia e il mantenimento del Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (ADHD) e una carenza di DHA.
• I figli di donne affette da atopie, sottoposte a somministrazione di DHA hanno mostrato una risposta allergica inferiore fino al 35% in caso di eczema atopico.
• Un adeguato apporto di acidi grassi omega-3 durante la gravidanza sembra ridurre sensibilmente il rischio di obesità infantile.
• Studi prospettici hanno dimostrato come un’integrazione di DHA sia in grado di contrastare il declino delle funzioni cognitive e di diversi quadri di demenza anche in forme moderate di Alzheimer.

Ha dimostrato proprietà anti-infiammatorie specialmente a livello di cute. Si sono registrati notevoli miglioramenti su pazienti affetti da dermatite ed eczema atopico e dermatite seborroica sottoposti a 4-6 settimane di somministrazione di GLA
Si è notata l’attività dell’acido y-linoleico nel reprimere la reattività e la produzione di anticorpi nelle malattie autoimmuni e infiammatorie, in particolare l’artrite reumatoide.

Non si sono rilevati ne effetti collaterali ne controindicazioni se non in caso di sovradosaggio. I PUFA non vanno comunque assunti in concomitanza a terapie anticoagulanti. Il GLA non deve essere assunto assieme a farmaci anticonvulsivanti, mentre non comporta alcuna alterazione in gravidanza e nei neonati.

 

Per un’integrazione corretta di PUFA bisogna considerare alcuni parametri fondamentali quali la concentrazione di EPA e DHA, l’assenza di inquinanti ambientali e i livelli di ossidazione che devono essere bassi. Infine importante per la qualità dell’integratore è la biodisponibilità dei nutrienti offerta cioè il livello di assorbimento.

In natura EPA e DHA sono presenti sotto forma di oli. Alcuni vegetali come lino o canapa, contengono quantità ridotte di omega 3, ma esse sono scarsamente assimilabili dall’organismo umano.

In natura EPA e DHA sono presenti sotto forma di oli. Alcuni vegetali come lino o canapa, contengono quantità ridotte di omega 3, ma esse sono scarsamente assimilabili dall’organismo umano.

La dieta, al giorno d’oggi, predilige l’assunzione di alimenti ricchi di omega-6 e carente di prodotti ricchi in omega-3 (EPA+DHA) come il pesce, con conseguente squilibrio dietetico di acidi grassi a favore degli omega-6 e sbilanciamento del rapporto omega-6/omega-3 che può predisporre a una serie di patologie tra cui il cancro e disturbi di natura infiammatoria e autoimmune.

La correzione di questo squilibrio nella dieta tra omega-6 e omega-3 può essere raggiunta con la supplementazione di olio di pesce in capsule (ad alta titolazione di EPA+DHA) e con una dieta a basso contenuto di grassi omega-6 e ad alto contenuto di omega-3.

spazio
Forme disponibili

EPA e DHA possono essere assunte sottoforma di integratori omega 3 olio di pesce in capsule.

Una capsula da 1 grammo di integratori omega 3 olio di pesce equivale a mangiare una porzione di pesce….. così in effetti le capsule sono molto più economiche.

Semi di lino, olio di semi di lino pesce e krill devono essere conservati nel frigorifero.

Accertarsi di acquistare acidi grassi intergratori Omega 3 da una compagnia ben consolidata come Jamieson che certifica che i suoi prodotti non contengono metalli pesanti come mercurio, piombo e cadmio.

Perché prenderli
Come macronutrienti, i grassi non hanno un apporto dietetico di riferimento. C’è un livello di assunzione accettabile che nel caso degli integratori Omega 3 è:

– 1,6 grammi al giorno per gli uomini,
– 1,1 grammi al giorno per le donne.

Bambini
Non c’è una dose stabilita per i bambini e dovrebbero essere assunti da loro solo dopo aver consultato il medico. I bambini dovrebbero evitare di mangiare il pesce che potrebbe avere più alte quantità di mercurio e di altri contaminanti come i pesci più grandi ( squalo, pesce spada, ecc….).

Adulti
Gli adulti non dovrebbero consumare più di 3 grammi di integratori Omega 3 al giorno a meno che il medico non consigli diversamente, perché quantità maggiori possono causare emorragie.

– Per gli adulti sani senza rischi di malattie cardiovascolari: American Heart Association (AHA)consiglia di mangiare pesce almeno 2 volte alla settimana.
– Per gli adulti con malattie cardiache coronariche AHA raccomanda 1 grammo di integratori Omega 3 EPA e DHA, ma sempre sotto il controllo medico. Non aspettatevi dei beneficiarne prima di 2-3 settimane.
– Per gli adulti con livelli di colesterolo alti AHA raccomanda 2-4 grammi al giorno di integratori Omega 3 EPA e DHA ma sotto stretto controllo medico.
– Per gli adulti con la pressione sanguigna alta gli scienziati raccomandano 3-4 grammi di integratori Omega 3 al giorno, sotto stretto controllo medico.

Approfondimento: IL MONDO DEGLI OMEGA 3

spazio

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-eos-omegafishOmega Fish Qualitysilver®
confezione da 90 perle
Prezzo: € 32.00
pulsante_acquista2

Integratore alimentare di Olio di pesce 40/20 EPA e DHA TG con tocoferoli e estratto di rosmarino. Omega Fish è un olio di pesce selezionato in forma trigliceride, la stessa in cui naturalmente gli acidi grassi sono presenti nell’organismo umano. Ciò garantisce una biodisponibilità elevata di EPA e DHA. Inoltre è contrassegnato dal marchio Qualitysilver® che ne certifica la qualità e la stabilità, preservando i principi attivi da ossidazione.

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-eos
erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-solgar-omegaD3

p152_0_15_07ADVANCED OMEGA D3
120 softgel
Prezzo: € 49,00
pulsante_acquista2

OLIO DI SALMONE SELVATICO D’ALASKA
Integratore alimentare a base di salmone selvatico dell’Alaska, ricco di acidi grassi polinsaturi, pescato in modo sostenibile ed arricchito in vitamina D3 e astaxantina.

Offre un alto rapporto omega-3 / omega-6 (15:1) utile per bilanciare la quota di omega-6 introdotti con la dieta. L´assunzione di EPA e DHA contribuisce alla normale funzione cardiaca**, al mantenimento della normale funzione cerebrale e della normale capacità visiva***. L’integrazione con omega-3 e vitamina D può essere un coadiuvante nell’ambito di un’alimentazione con obiettivo desensibilizzante in persone tendenzialmente allergiche.

Sottoposto ad un processo di purificazione brevettato che assicura l´eliminazione dei metalli pesanti, incluso il mercurio, PCB (policlorobifenili) e altri inquinanti ambientali, questo olio rispetta le specifiche di qualità richieste dalla monografia GOED (Global Organization for EPA and DHA Omega-3)

** L’effetto benefico si osserva con assunzione giornaliera di almeno 250 mg di EPA e DHA
*** L’effetto benefico si osserva con assunzione giornaliera di almeno 250 mg di DHA

ADVANCED OMEGA D3 fornisce anche Vitamina D3, una vitamina importante in molti distretti e Astaxantina da Haematococcus pluvialis, alga antiossidante.

COMPOSIZIONE Olio di salmone selvatico d’Alaska (Oncorhynchus nerka, Oncorhynchus tshawytscha, Oncorhynchtus kisutch, Oncorhynchus gorbusch). Gelatina alimentare. Agente di resistenza: Glicerolo. Antiossidanti: miscela di tocoferoli. Aromi: estratto di foglie di Rosmarino (Rosmarinus officinalis L.), Olio essenziale di parti aeree e foglie di erba moscatella (Salvia sclarea L.), Olio essenziale di pianta fiorita di Timo (Thymus vulgaris L.). Astaxantina. Vitamina D3 (300 UI). Contiene pesce.

Modo d’utilizzo: deglutire 3 perle al giorno, con acqua, preferibilmente ai pasti.

spazio

L’olio di pesce che Jamieson impiega per i propri prodotti viene estratto da pesci di piccole dimensioni (sardine ed acciughe). Quest’ultimi contengono una quantità molto più ridotta di contaminanti rispetto ai pesci di stazza grande. L’olio di pesce di Jamieson viene purificato attraverso un processo di distillazione molecolare così da rimuovere ogni traccia di mercurio metalli pesanti ed altri micro contaminanti.

I prodotti a base di omega-3 di Jamieson sono tutti arricchiti con vitamina E di origine naturale, antiossidante, la quale preserva la freschezza dell’olio di pesce. Nella categoria di prodotti contenenti gli omega-3, Jamieson propone anche l’olio di lino. Quest’olio è una fonte ricca di acido alfa-linolenico (ALA), un acido grasso, essenziale della serie omega-3 di origine vegetale. L’olio di lino di Jamieson è ottenuto da spremitura a freddo di semi di lino di altissima qualità coltivati biologicamente.

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-jamieson-superkrill

Omega 3 Super Krill
100 softgel

Prezzo: € 69,00
pulsante_acquista2

Omega Red Super Krill di Jamieson è un integratore di Omega 3 di ultima generazione: contiene puro Olio di Krill antartico.

Il krill antartico (Euphausia superba) è un microscopico crostaceo marino che vive nelle profonde e fredde acque dell’Antartico. Da esso si ricava un olio particolarmente pregiato, ricco di omega 3 (EPA e DHA) nella forma di fosfolipidi altamente biodisponibili per l’organismo.

Infatti, in questa forma, l’EPA e il DHA sono prontamente impiegati dalle cellule per la costruzione delle loro membrane.

Il krill contiene anche il più potente antiossidante naturale ad oggi conosciuto, l’astaxantina in grado di proteggere cellule, tessuti ed organi dai danni indotti dai radicali liberi.

NON CONTIENE: sale (cloruro di sodio), zucchero, amido, glutine, lattosio, coloranti, aromi e conservanti.

MODO D’USO: 2 perle al giorno a stomaco pieno.

Poiché il Krill è al 100% biodisponibile per l’organismo umano, viene assorbito prontamente nelle nostre cellule e il contenuto di antiossidanti naturalmente presenti nel Krill impedisce all’olio irrancidirsi ed assicura la protezione cellulare verso i danni dai radicali liberi.

separatore_bianco

Omega 3 EXTRAOmega 3 Extra 100 perle
Prezzo: € 40,00

pulsante_acquista2

Omega 3 EXTRA di Jamieson è la formulazione con la più concentrazione di acidi grassi essenziali omega 3 (EPA e DHA). Può essere di aiuto per contrastare i livelli di colesterolo, per favorire il normale funzionamento del sistema immunitario e per il benessere circolatorio.

Omega 3 EXTRA di Jamieson contiene olio di pesce in forma etil estere, in particolare acido eicosopentanoico (EPA) e acido docosoesanoico (DHA) ad elevata concentrazione. Gli omega 3, oltre ad avere una funzione energizzante, contribuiscono alla normale funzione cardiaca.

Omega 3 EXTRA contiene olio estratto da pesci di piccole dimensioni, come acciughe e sardine, contenenti una quantità più ridotta di contaminanti rispetto ai pesci di stazza grande. L’olio di pesce viene purificato attraverso un processo di distillazione molecolare così da rimuovere eventuali tracce di mercurio ed altri micro contaminanti.

MODALITA’ D’USO: assumere 2 perle al giorno durante i pasti principali o prima di coricarsi.

separatore_bianco

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-jamieson-omega3-gummies
OMEGA 3 GUMMIES BIMBI

60 caramelle

Prezzo: € 20,00
pulsante_acquista2

Omega 3 gummies sono un prodotto nuovo della Jamieson utile per fornire gli omega 3 sotto forma di gustose caramelle gommose.

Gli acidi grassi essenziali servono alla struttura e alla costruzione delle membrane cellulari.

Gli omega 3 ed in particolare i DHA si trovano abbondantemente nel sistema nervoso centrale perchè fanno parte delle membrane cellulari, nel cervello e nei nervi.

NON CONTIENE: sale (cloruro di sodio), glutine, lattosio
MODO D’USO: 2 caramelle gommose al giorno

spazio
erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-jamieson-omega3-salmonoilSalmon Oil Omega 3
 – 90 perle

Prezzo: € 19,00
pulsante_acquista2

L’olio di salmone è una importante fonte di acidi grassi essenziali della serie omega 3 (EPA, DHA) dell’Alaska.

Omega 3 Salmon oil di Jamieson contiene olio di salmone dei mari freddi dell’Alaska; è farmaceuticamente testato per garantire la piena efficacia e la totale purezza.

L’olio di pesce viene purificato attraverso un processo di distillazione molecolare così da rimuovere ogni traccia di mercurio ed altri microcontaminanti ed è certificato privo di PCB (polychlorinated biphenyl, contaminante tossico), DDT e metalli pesanti (piombo, mercurio, cadmio).

NON CONTIENE: zucchero, amido, glutine, sale (cloruro di sodio), lattosio.

MODO D’USO:
 2 perle al giorno durante i pasti principali, o prima di coricarsi.

PESO NETTO: 151,2 g

spazio

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-jamieson-omega3-selectOmega-3 select – 150 perle
Prezzo: € 36,00
pulsante_acquista2

Omega 3 Select di Jamieson è una confezione risparmio contenente 150 perle (da 1500mg cad.) ad alta concentrazione di EPA e DHA; ogni perla apporta 300 mg di EPA e 200 mg di DHA.

L’olio viene estratto da pesci di piccola taglia come acciughe e sardine e purificato attraverso un processo di distillazione molecolare.

EPA e DHA contribuiscono alla normale funzione del cuore.

NON CONTIENEamido, glutine, sale, lattosio.

MODO D’USO: 2 perle al giorno durante i pasti principali, o prima di coricarsi.

PESO NETTO: 232 g FORMATO: 150 PERLE 

Approfondimento

spazio

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-jamieson-omega3-completeOmega 3 Complete 80 Perle
Prezzo: € 29,00
pulsante_acquista2
Omega 3 Complete è una particolare formulazione contenente una concentrazione di Omega 3 (EPA e DHA) fra le più elevate sul mercato internazionale.

EPA e DHA contribuiscono alla normale funzione del cuore.

L’olio viene estratto da pesci di piccole taglie e purificato attraverso un processo di distillazione molecolare, per mezzo del quale si eliminano eventuali tracce di mercurio ed altre micro tossine.

NON CONTIENE: zucchero, amido, lattosio, glutine, sale (cloruro di sodio).

MODO D’USO: 2 perle al giorno durante i pasti principali o prima?di coricarsi.

PESO NETTO: 124,50 g FORMATO: 80 PERLE 

spazio

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-jamieson-omega3-6-9Omega Protect™ 3-6-9  80 PERLE
Prezzo: € 30,00
pulsante_acquista2

La catena completa dei tre Omega: 3, 6 e 9.

Omega 3-6-9 di Jamieson è un prodotto completo che racchiude la catena degli acidi grassi essenziali non sottoposti al calore nella lavorazione.

Omega 3-6-9 di Jamieson contiene oli ottenuti da spremitura a freddo di semi di lino e di borragine, e da pesci di acque profonde.

NON CONTIENEzucchero, amido, glutine, sale (cloruro di sodio), lattosio.

MODO D’USO2 perle al giorno durante i pasti principali, o prima di coricarsi.

PESO NETTO137,50 g FORMATO: 80 PERLE 

Approfondimento

AlgOmega® NUOVA FORMULA
supporto neurologico, cardiocicolatorio e pediatrico utile anche in gravidanza
€ 29.00 (60 gellule)

pulsante_acquista2

 

Gli Omega 3 di origine vegetale arricchiti con la straordinaria potenza del Klamin®. E’ un integratore di acidi grassi Omega 3 da fonte microalgale e Klamin®, estratto da microalghe Klamath, in grado di favorire la funzione cerebrale e il normale tono dell’umore, oltre a promovere la regolare funzionalita’ dell’apparato cardiovascolare.

Composizione: Olio algale life’s DHA (TM) S35-O100 derivato dalla microalga Schizochytrium sp.ricca di DHA (acido docosaesaenoico) (contiene lecitina di Soia), Klamin® e.s. da microalghe Klamath (Aphanizomenon flos aquae), Capsula vegetale (Idrossipropilmetilcellulosa, coloranti:Titanio biossido, Ossido di Ferro), Olio vegetale di Palma, addensanti: Cera d’api bianca , Silicio biossido; emulsionante: Lecitina di Soia arricchita con Fosfatidilcolina.

Può essere utile: come supporto nutrizionale nelle patologie cardiovascolari; per la riduzione dei trigliceridi, in presenza di placche aterosclerotiche; nell’ipertensione, nelle aritmie; per tutti i tipi di dislipidemie; durante la gravidanza e l’allattamento al seno; nei processi degenerativi a carico del sistema nervoso; nella degenerazione maculare, nella retinite pigmentosa.

Modalità d’uso2-3 capsule al giorno, lontano dai pasti. In presenza di situazioni la dose può essere aumentatas a 2-3 capsule al giorno.

La presenza all’interno di AlgOmega dell’estratto Klamin®, grazie alle AFA-ficocianine che hanno dimostrato di essere i più potenti antiossidanti conosciuti, protegge l’olio algale dall’ossidazione sia durante il tragitto che durante la sua metabolizzazione. A livello neurocerebrale la feniletilammina contenuta nell’estratto Klamin®, agisce in sinergia con gli Omega 3.

Avvertenze: Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata. Conservare in luogo fresco ed asciutto. NON CONTIENE GLUTINE

Alla base di gran parte delle patologie tipiche dell’epoca attuale c’è l’enorme aumento da un lato dei processi infiammatori dall’altro di quelli neurodegenerativi. In entrambi i casi gli acidi grassi Omega 3 hanno dimostrato di poter svolgere un ruolo fondamentale. Il rapporto tra Omega 6 (acido linoleico – LA) e Omega 3 (acido alfa-linolenico – ALA), la cui proporzione ideale si situa tra 4:1 e 2:1, è attualmente così squilibrata che uno studio dell’FDA statunitense parla di un rapporto medio nella comune alimentazione di ben 25:1; e in Europa siamo comunque attorno al 15:1.
Questo squilibrio è la principale causa dell’eccesso di produzione delle principali molecole infiammatorie (prostaglandine e leucotrieni infiammatori). Esso può essere contrastato sia correggendo l’utilizzo dei grassi nella alimentazione, soprattutto introducendo fonti di acido alfa-linolenico quali olio di lino e microalghe Klamath; sia introducendo nella dieta fonti di Omega 3 direttamente utilizzabili dal corpo.
 

 

Green Magma: combustibile per la vita e la salute

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-green-magma

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-green-magma-hagiwaraGreen Magma è stato sviluppato da uno dei ricercatori scienziati e innovatori farmaceutici più importanti del Giappone, il Dr. Yoshihide Hagiwara, per aiutare il nostro organismo a munirsi con i numerosi nutrienti importanti, che spesso mancano nelle nostre diete giornaliere, ma dei quali il nostro corpo ha bisogno per mantenere la salute ed una performance ottimale. Con questo prodotto il Dr. Hagiwara nel 1982 ha vinto il “Pharmaceutical Meritorios Service Award”.

Grazie al procedimento di estrazione e alla tecnica per la stabilizzazione di vitamine, minerali ed enzimi attivi, è stato premiato nel 1987 dal direttore generale della Science and Tecnology Agency, creata dal Ministero della Scienza e della Tecnologia del Giappone. Nel 1995 è stato premiato dal governo Brasiliano per aver contribuito a migliorare la salute della popolazione mondiale.

Green Magma è una polvere verde ricca di clorofilla e nutrienti, che contiene il succo polverizzato di foglie d’orzo di coltivazione biologica certificata. È processato in modo da stabilizzare le eccellenti proprietà nutritive e l’attività degli enzimi delle foglie d’orzo.

  • E’ ricco di elementi nutrizionali come minerali, vitamine, aminoacidi ( tutti gli essenziali), enzimi, oligoelementi, antiossidanti naturali (tra cui il superossido dismutase e flavoniodi).
  • E’ un potente disintossicante, perché la clorofilla e enzimi impediscono l’accumulo e favoriscono l’eliminazione delle sostanze inquinanti e delle tossine, quali i metalli pesanti.
  • Inoltre, Green Magma contiene la maltodestrina (un carboidrato complesso che agisce come stabilizzatore dei nutrienti) e la polvere di riso integrale (per fornire addizionali vitamine B e per migliorare la consistenza della polvere).

Uno dei primi segni riscontrabili dell’azione del Green Magma è un’accelerata crescita dei capelli e delle unghie a causa dell’alta concentrazione di enzimi vivi, proteine vegetali, e degli effetti alcalini del Green Magma. Ristabilisce infatti il bilanciamento acido-alcalino, essendo principalmente costituito dalla clorofilla che esercita un potente effetto alcalinizzante sull’organismo. La maggior parte delle persone soffre infatti per un pH fisiologico troppo acido, dovuto principalmente ad una’alimentazione sbagliata. La clorofilla inoltre ha potere antinfiammatorio e germicida, impedendo l’accumulo di metalli pesanti e di sostanze inquinanti nell’organismo.

Green Magma contiene numerosi fitonutrienti che favoriscono la produzione di ATP, la fonte di energia per l’organismo. Contrariamente alla caffeina e agli altri stimolanti, che diminuiscono le scorte d’energia, il Green Magma incrementa l’abilità delle cellule di produrre energia e non interferisce con il sonno ed il rilassamento.

Green Magma fornisce soltanto 20 calorie per porzione e un’abbondanza di nutrienti quali vitamine, minerali, amminoacidi, enzimi e proteine: ottimo integratore durante un programma dimagrante.

Il Green Magma è eccellente per chi si allena in palestra: ha un alto contenuto nutrizionale, ma pochissime calorie, è estremamente ricco di antiossidanti, molto importanti per gli sportivi, perché l’esercizio fisico genera più radicali liberi del normale, essendo utilizzata una maggiore quantità di ossigeno.

Green Magma non ha controindicazioni per le persone diabetiche o che hanno uno sbilanciamento degli zuccheri nel sangue: la Maltodestrina in esso contenuta è un carboidrato complesso, non uno zucchero semplice, che rilascia energia lentamente e non aumenta i livelli di zucchero nel sangue. Come in qualsiasi patologia accertata, si suggerisce comunque di consultare il medico curante.

Green Magma è sicuro per le persone intolleranti al glutine: il succo polverizzato proviene dalle foglie d’orzo e non dal chicco d’orzo. Le foglie, diversamente dal chicco, non contengono glutine.

Green Magma è utilizzabile anche durante la gravidanza ed è indicato anche per i bambini: una porzione di Green Magma fornisce un ricco bilanciamento di nutrienti essenziali ed è l’equivalente nutrizionale di un’insalata verde. E’ un integratore sicuro, naturale e nutriente.

Green Magma è un prodotto completamente naturale e vegetale, da coltivazione biologica certificata. Come tale, non ha nessun effetto collaterale e non dà origine a nessuna interazione con farmaci o altre sostanze. Si può quindi assumere con la massima tranquillità, anche contemporaneamente ad altre cure o trattamenti specifici.

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-green-magma-vitamine

Ulteriori informazioni

green magma polvereGreen Magma Polvere
Confezione da 150 grammi
Prezzo: € 44.00

pulsante_acquista2

separatore_bianco

Ingredienti: Estratto in polvere di giovani foglie d’orzo provenienti da coltivazioni organiche, maltodestrina (un carboidrato complesso), riso integrale. Coltivazioni organiche certificate e trattate in conformità con il California Organic Foods Act del 1990. Non contiene supplementi di zucchero, sale, conservanti chimici, coloranti o additivi. Privo di prodotti animali, glutine, soia, grano e lievito.

Indicazioni Dietetiche:

  • Disintossicante
  • Antiossidante
  • Migliora la digestione e l’assimilazione
  • Previene le insufficienze enzimatiche
  • Riequilibria il PH naturale
  • Previene la stipsi
  • Riduce i sintomi dell’artrite

Suggerimenti per il consumo:
Sciogliere 2 cucchiaini da tè di polvere in 160 ml d’acqua per una rinfrescante bevanda. Consumare due volte al giorno lontano dai pasti.
Dopo l’uso, chiudere accuratamente il barattolo e conservarlo in luogo fresco e asciutto.

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-green-magma-compresseGreen Magma Compresse
Flacone da 136 compresse
Prezzo: € 18.50

pulsante_acquista2

Ingredienti: Estratto in polvere di foglie d’orzo biologico, maltodestrina biologica, riso integrale biologico.
La coltivazione, totalmente biologica, è certificata USDA e UE. Tra la raccolta delle piante d’orzo ed il confezionamento intercorrono meno di 6 ore. Non contiene supplementi di zucchero, sale, conservanti chimici, coloranti o additivi. Privo di prodotti animali, glutine, soia, grano e lievito. La coltivazione, totalmente biologica, è certificata USDA e UE.
Consigli d’uso: Assumere da 6 a 8 tavolette con acqua 20 minuti prima dei pasti, due volte al giorno. Tenere il barattolo ben chiuso conservarlo in luogo fresco e asciutto. Assumere preferibilmente a stomaco vuoto (20 min prima dei pasti o 2 ore dopo i pasti).

GREEN MAGMA: UN OTTIMO ALLEATO PER GLI SPORTIVI

 

Green Magma, ricavato dalle foglie di Erba d’Orzo Verde (Barley Green), è un ottimo alleato per chi pratica sport, anche a livello agonistico, come atleti body builder e maratoneti: sono numerosi i benefici che l’assunzione di questo integratore naturale apporta all’organismo, prima, durante e dopo una prestazione fisica.

 

BENEFICI

Aumento dell’Energia
Il contrario dell’energia è la fatica. Green Magma fornisce i nutrienti naturali per favorire la produzione di energia e ridurre la fatica dell’allenamento.
È risaputo che una bevanda che combina i carboidrati con gli elettroliti può contribuire con forza alla riduzione della fatica.
Il Green Magma è naturalmente alcalino, e quando viene miscelato con acqua o succo di frutta diventa una bevanda sportiva naturale, ricca di vitamine, minerali ed elettroliti, che fornisce oltre 50 minerali inclusi il calcio, magnesio, potassio, sodio e ferro. Il magnesio, che è lo ione di metallo centrale nella clorofilla, è molto importante per la forza.
L’assunzione del Green Magma ogni giorno per una settimana o più, garantisce un concreto aumento d’energia a lunga durata senza interferire con il sonno e senza provocare ansia e agitazione, come spesso succede con gli stimolanti.

Idratazione
L’idratazione è essenziale durante gli esercizi di resistenza come ad esempio per la maratona, perché il giusto equilibrio dei liquidi mantiene il volume del sangue necessario per la funzione cardiovascolare, la regolazione della temperatura e l’azione muscolare. Come gli altri vegetali verdi, il Green Magna contiene grandi quantità di carotenoidi, vitamina C, vitamina E, gli elettroliti magnesio, calcio, ferro, potassio, e minerali traccia come il rame e lo zinco. Bere il Green Magma prima, durante e dopo una corsa o un esercizio fisico, aiuta a rifornire i liquidi e i nutrienti che normalmente vengono perduti attraverso la sudorazione, prevenendo così i crampi, la fatica e possibili ferite.

Resistenza e Recupero
Durante gli esercizi, i muscoli consumano il glicogeno, producendo l’acido lattico e l’acido piruvico, che rendono i muscoli e il sangue più acidi. Il colore verde scuro del Green Magma indica la sua alta concentrazione di clorofilla, un agente antinfiammatorio ben noto, che stimola la guarigione e la rigenerazione dei tessuti. È anche un battericida ed un agente disintossicante. Quest’ultimo attributo può aiutare a prevenire l’accumulo di guanidina (una sostanza rilasciata dal tessuto muscolare durante la fatica o un trauma e che causa la distruzione del tessuto muscolare), come risultato dell’azione denaturante della guanidina sulle proteine.

Attività Antinfiammatoria
Il Green Magma possiede molti agenti antinfiammatori che sono stati ben documentati. Questi sono la clorofilla, il SOD, il 2”-O-GIV, le vitamine antiossidanti C ed E, e due frazioni di glicoproteine isolate dalle foglie d’orzo che presentano un’azione antinfiammatoria sugli animali.

Disintossicazione
Il nostro corpo produce ed assume ogni giorno una grande varietà di sostanze tossiche. Queste vengono eliminate attraverso diversi percorsi ma possono comunque accumularsi ed abbassare i livelli d’energia o causare malattie. La clorofilla ed altri elementi contenuti nel Green Magma aiutano a neutralizzare le tossine, a trasportarle fuori dal nostro corpo, e a promuovere il naturale sistema di disintossicazione del nostro corpo, risparmiando tessuti e cellule e migliorando il loro funzionamento.

CONCLUSIONE
Una bevanda fatta con il Green Magma disciolto in acqua o succo di frutta fresca (non di arancio) presa prima, durante o dopo una vigorosa attività fisica, aiuterà ad aumentare la produzione d’energia, rallentare la fatica, prevenire i dolori, i gonfiori e le ferite, e rifornire il corpo dei liquidi e nutrienti necessari per una performance ottimale ed un veloce recupero.

Ed infine, la miriade di antiossidanti che si trovano in abbondanza nel Green Magma aiuta a proteggere il corpo dagli effetti immediati e a lungo termine, delle malattie del tessuto, danneggiato a causa della formazione dei radicali liberi durante lo sforzo fisico.

erboristeriarcobaleno-benessere-salute-antiossidanti-schio-clorofilla-liquidaClorofilla liquida® Di Leo
Confezione: Flacone 50 ml
Prezzo: € 22,60

pulsante_acquista2
Coadiuvante in caso di: anemie iposideremiche; scarso rendimento sportivo e di relazione; convalescenza dopo malattie debilitanti e lunghe degenze a letto, influenze ecc.; necessità di migliorare l’apporto di ferro e magnesio; metabolismo lento.
separatore_bianco

Consigli d’uso: 30 gocce in acqua prima di colazione e 30 gocce prima di pranzo
Composizione: Acqua, alcol, clorofilla 14% (ottenuta da festuca pratensis Huds.)
Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e un sano stile di vita. Tenere il prodotto lontano dalla portata dei bambini piccoli.

Informazioni dal Web (www.riza.it):

Il consumo di clorofilla, la linfa delle piante, fa molto bene al nostro organismo: depura gli organi e ne favorisce le funzioni.

La sua composizione chimica richiama quella dell’emoglobina, una proteina presente nei globuli rossi, necessaria al trasporto di ossigeno. Nel caso della clorofilla, l’atomo centrale di ferro presente nell’emoglobina, è sostituito dal magnesio. La clorofilla può essere assunta attraverso l’alimentazione o sotto forma di integratore.

Può essere utile dopo una influenza o dopo aver assunto antibiotici per ripristinate le difese immunitarie o come ricostituente in caso di anemia.

LA CLOROFILLA AUMENTANDO IL METABOLISMO CELLULARE, RALLENTA IL PROCESSO DI INVECCHIAMENTO E ACCELLERA LE REAZIONI CHIMICHE ALL’INTERNO DELLE CELLULE, QUINDI ASSOCIATA AD ALTRI RIMEDI NE AUMENTA L’EFFICACIA (CATALIZZATORE).

Nel corpo umano la clorofilla è necessaria per molte sue attività tra cui:

E` un potente supplemento anabolico naturale: alcuni studi hanno infatti dimostrato che l`assunzione di clorofilla da parte di sportivi permetteva di ottenere una maggiore produzione naturale di ormoni coinvolti nella produzione di massa muscolare
E` un tonico ricostituente sia a livello fisico che mentale
Aumenta l`ossigenazione delle cellule e quindi accresce il contenuto di ossigeno nel sangue permettendo una maggiore resistenza allo sforzo fisico
Migliora la resistenza del corpo umano nei confronti di patologie degenerative e rallenta il processo di invecchiamento
E` antianemica
Normalizza la flora intestinale batterica disintossicando ed eliminando le tossine dal corpo
Agisce contro i radicali liberi
Protegge il muscolo da eccessivi danni durante la contrazione muscolare (indolenzimento muscolare) e accelera i tempi di recupero
Aumenta i globuli rossi, porta ferro agli organi e migliora le condizioni anemiche
Aiuta a purificare il fegato e porta miglioramento nel caso di epatite;
Regolarizza le mestruazioni;
Porta miglioramento ai diabetici e nei casi di asma;
Migliora il drenaggio nasale e diminuisce il gocciolamento del naso;
Utile per i tessuti ulcerosi e le emorroidi;
Rivitalizza il sistema vascolare nelle gambe e migliora le vene varicose;
Migliora la depressione per il suo effetto tonico;
Favorisce l’assorbimento del calcio;
Porta sollievo in caso di colite, gastrite, ulcera
Migliora l`azione del cuore riducendo in modo significativo l`alta pressione sanguigna e migliora lo stato di salute generale.

Tra i numerosi effetti benefici della clorofilla ve ne è anche uno che riduce gli effetti delle radiazioni sull’organismo.
– Scrive il Dr. Hagiwara: “La clorofilla aumenta la resistenza dell’organismo contro le radiazioni”.
– Studi condotti dall’esercito degli Stati Uniti nel 1959 hanno mostrato che la clorofilla è in grado di ridurre del 50% gli effetti delle radiazioni. I complessi della clorofilla sono una possibilità interessante nell’ambito dei trattamenti in caso di “stress radioattivo”.
– La Signora Schlabitz del circolo lavorativo ricerche Seins bio-energetici ASB (Arbeitskreis Seinsforschung Bioenergetik ASB) definisce la clorofilla come “l’antimateria alla radioattività!”

Alcune proprietà specifiche del NONI

Il Noni è stata ed è tuttora una pianta molto richiesta e utilizzata dalla medicina tradizionale polinesiana per curare innumerevoli disturbi: ipertensione, dolori, cefalee debilitanti, mialgie, dolori articolari e dolori scheletrici, infezioni batteriche e virali (raffreddori, influenza, sinusite), fratture ossee e distorsioni, ferite cutanee profonde, contusioni, irregolarità mestruali, cardiovasculopatie come l’aterosclerosi, tumori, ulcere gastriche, depressione, sindrome da affaticamento cronico, senilità, problemi digestivi ed asma.

Utilizzo del succo di NONI
Gli studi sperimentali sinora disponibili sembrano confermare i molteplici usi tradizionali del Noni ed i suoi benefici sulla salute umana.

Attività immunostimolante del Noni
L’estratto di Noni stimola il rilascio di varie citochine, fondamentali per una corretta ed efficiente risposta del sistema immunitario. Il succo del frutto favorisce anche la proliferazione delle cellule del timo, ghiandola importante coinvolta sia nei processi di invecchiamento dell’organismo sia nei processi di maturazione dei linfociti T. Aumentando il numero di linfociti T, riduce il rischio di contrarre malattie infettive e migliora le funzioni immunitarie. Dal succo di Noni è stata isolata una frazione ricca in polisaccaridi denominata Noni-ppt che rappresenta circa il 13% del succo. Il Noni-ppt cha mostrato un’attività antitumorale sul carcinoma polmonare di Lewis, confermando la possibile applicazione come integratore terapeutico antitumorale.

Attività antimicrobica del Noni
Alcuni dei principi attivi presenti nel frutto di Noni possiedono una spiccata attività antibatterica contro vari ceppi batterici responsabili di infezioni cutanee, respiratorie e gastrointestinali. Inibisce anche la crescita di Helicobacter pilori e quindi può risultare molto utile per curare le ulcere gastriche dovute a questo microrganismo.

Attività analgesica del Noni
L’estratto acquoso delle radici liofilizzate ed il succo di Noni hanno dimostrato una riduzione significativa del dolore dose-dipendente entro 15 minuti dalla somministrazione. Lenisce i dolori di vario tipo: muscolari, mestruali, artritici, borsiti, tendinite, cefalee.
La stimolazione indiretta della xeronina, contenuta nel succo di Noni, sull’organismo per la produzione di endorfine è fondamentale per placare il dolore. La xeronina agisce direttamente sulle proteine presenti nelle cellule implicate nella diffusione del dolore. Come abbiamo visto, la potenza analgesica della Morinda citrifolia ad altissimo dosaggio è al 75% di quella della morfina, a differenza di quest’ultima però non arreca danni all’organismo. E efficace contro cefalee debilìtanti, mialgie, dolori articolari, neuro-muscolari e scheletrici. Test effettuati nel 1990, dimostrano che migliora significativamente la resistenza al dolore. I ricercatorì sono convinti che il Noni non mostri alcun effetto tossico. Ad oggi sembra che il Noni rafforzi decisamente l’organismo contro il dolore.

Attività antiossidante del Noni
E’ ormai noto che il danno ossidativi indotto nella cellula dai radicali liberi altamente reattivi è implicato nella patogenesi di molti disturbi, tra cui le malattie cardiovascolari (aterosclerosi, ischemia cardiaca, ipertensione) e respiratorie (enfisemi, asma), nonché nel favorire l’invecchiamento precoce dell’organismo. Il Noni contiene anche due tra i migliori antiossidanti: vitamina C e Selenio.

Attività Ipotensiva del Noni
La scopoletina presente nel Noni agisce da vasodilatatore e da diuretico, normalizzando la pressione e determinando di conseguenza una minore sollecitazione cardiaca.

Attività disintossicante da fumo
Il Noni può essere usato per combattere molte dipendenze: sicuramente agisce contro la dipendenza da fumo.
La sostanza dalla quale si origina la dipendenza dal fumo è la nicotina. La nicotina è un alcaloide, come lo è la cocaina e la maggior parte delle sostanze che provocano assuefazione. La nicotina agisce sui centri nervosi del piacere sollecitandoti: una volta terminato il suo effetto l’organismo reagisce richiedendo di nuovo lo stesso stimolo, e di qui la sindrome astinenziale. Il Noni apporta la xeronina che è anch’essa un alcaloide. La xeronina si aggancia a quei recettori che hanno un’alta affinità per la nicotina modulandone l’attività. Per questo la xeronina è un buon coadiuvante nel processo di disintossicazione.

Attività NEUROTROFICA
Il Noni grazie al suo altissimo contenuto in scopolamina, è un utile neurotrofico.
La scopolamina è infatti anche un componente che può favorire l’attività di rigenerazione dei neuroni con danni ischemici. Per verificare tale ipotesi è stato somministrato per sette giorni il succo di Noni a soggetti con gravi lesioni al cervello determinate da ischemia; si è rilevato un recupero parziale del danno neurologico. Si può dunque ritenere che il succo di Noni abbia un effetto positivo contro lo stress dell’ischemia cerebrale.

Attività energizzante
I Kahuna denominavano il Noni come “l’erba sacra” rigenerante per il corpo. A tutti capita di sentirsi stanchi in particolar modo la sera dopo una giornata di lavoro o di intenso studio. A ciò sì aggiunge lo stress cronico di cui tanti di noi sono “vittime”.
Molti possono essere i fattori scatenanti: problemi cardiovascolari, epatiti, ipotiroidismo intestino irritabile, mononucleosi e anemia. Per lunghi mesi il nostro corpo sembra non riprendersi dal senso di spossatezza e tutto ciò può portare a spiacevoli situazioni di depressione, debolezza corporea, sonnolenza, ansia, difficoltà a dormire e nervosismi. Il Noni anche in questo caso può correre in soccorso stimolando il corpo a produrre xeronina e ossido nitrico. Il Noni influenza i mitocondri e le altre parti vitali delle cellule. Il risultato è che grazie al Noni il nostro corpo viene abituato ad ottimizzare l’energia cheha a disposizione e ad usarla in maniera più efficiente.

La molecola dell’umore
Il Noni si è rivelato in grado di agire anche su disturbi di tipo emozionale, convertendo alcune proteine cerebrali in recettori attivi delle endorfine note come “ormoni del benessere”.

Attività antitumorale del Noni
Il Noni presenta attività antitumorale sia stimolando il sistema immunitario sia come antiossidante.

Ricerche scientifiche

Numerose ricerche scientifiche ad ampio raggio hanno evidenziato che qui si tratta molto probabilmente della scoperta più importante degli ultimi decenni nel campo dell‘alimentazione naturale. Perché il frutto contiene una concentrazione straordinariamente alta di principi attivi utili alla produzione del super-enzima, ovvero la xeronina, già insita nel corpo umano. Si tratta di un enzima scoperto trent‘anni fa e che secondo i dati scientifici dovrebbe essere un elemento decisivo nei processi di sintesi delle proteine, del metabolismo in generale e della scissione delle cellule.

Risale a poco tempo fa un test eseguito con questo succo di un frutto esotico, dove lo si è fatto provare a un gruppo di oltre 8000 persone. Il risultato emerso è che bere il succo di NONI ha un effetto benefico e spesso è stato effettivamente di aiuto: le persone che hanno avuto un miglioramento del loro stato di salute (a volte addirittura mali gravi) vanno dal 60% al 90%. Questa ricerca è stata condotta dal Prof. Dr. Solomon, molto noto negli USA nella qualità di esperto della salute umana. Tra l’altro è una delle firme più famose sul “New York Times”, collabora come esperto alla CNN-TV, scrive commenti sul “L.A. Times”, e.a.

La seguente tabella mostra i dati statistici che riguardano sia le applicazioni principali che secondarie. Detti dati sono il risultato di uno studio effettuato presso più di 50 medici ed altri professionisti che hammo preso o prescritto del noni a più di 10000 pazienti. Detta tabella rappresenta: il numero di persone affette da 23 patologie differenti che hanno bevuto il succo di noni, la percentuale di riuscita ed il componente attivo principale (PAC). Rimango convinto che i benefici dovuti al noni provengono dall’insiene di tutti gli ingredienti e non unicamente dal PAC.

RALPH HEINICKE PH.D.
Il dottore Heinicke è il riferimento in materia di Noni.

Diplomato in biochimica all’Università del Minnesota, ha fatto anche degli studi d’ingegneria (elettricità) all’Università del Kentucky (Lexington). È vissuto ad Hawaii dal 1950 al 1986, dove lavorava all’Università di Hawaii e faceva delle ricerche sugli ananas per la Società Dole.
“Sono stato il primo a ricercare i componenti attivi del Noni Morinda citrifolia (della famiglia delle rubiace). Volevo sapere quali erano i principi curativi contenuti in questo frutto che i polinesiani consumano da secoli.

Nel 1957, ho scoperto nelle cellule umane un alcaloide che ho chiamato Xeronina, poco dopo ho riscontrato che una quantità troppo debole di Xeronina nelle celule poteva portare a problemi di salute importanti. Il Noni ne contiene poca, ma, contiene molta pro-xeronina precursore della xeronina. La trasformazione di pro-xeronina in xeronina incomincia appena dopo l’assunzione di Noni.

Il Noni contiene anche la forma inattiva dell’enzima necessario a questa trasformazione. Per fare sì che gli effetti del Noni siano completi questo proenzima deve essere attivato; ecco perchè il Noni deve essere assunto a stomaco vuoto.

In queste condizioni questo proenzima è capace di resistere alla digestione per passare così nell’intestino. A questo punto diviene attivo e può essere utilizzato dall’organismo.

Molti organi del corpo umano contengono delle proteine capaci di utilizzare la xeronina. Essa può alleviare i sintomi di gran parte delle malattie (nel caso in qui la malattia è dovuta ad una carenza di xeronina).

Lavori di A. Hirazumi dimostrano che il Noni allunga la speranza di vita dei topi da laboratorio colpiti da cancro dei polmoni. Sembra he il Noni agisca indirettamente sul sistema immunitario. È anche molto efficace nel trattamento delle ustioni.

La xeronina attiva un enzima specifico che accellera il rinnovamento dei tessuti bruciati. Il noni ha anche un effetto sulla salute psichica.

La xeronina trasforma certe proiteine del cervello in ricettori attivi dell’endorfina o “ormone del benessere”.

La xeronina rende possibile il passaggio di molecole più larghe attraverso le membrane cellulari. Ne consegue perciò un miglioramento della digestione. Altri problemi di salute possono essere migliorati grazie al Noni: ipertensione, dolori mestruali, atrite, ulcera dello stomaco, distorzioni, depressioni nervose, senilità precoce, problemi digestivi, dipendenza alle droghe”.
(Ref Health News, Volume 4, Numero 2 triple R Publishing, Inc.)

La xeronina è un elemento fondamentale per le funzioni del corpo umano. Una debole presenza di zeronina nell’organismo è funesta per la nostra salute. In quantità sufficiente essa permette di restare in piena forma.

NEIL SALOMON MD, PH. D.
Cronista specializzato sui problemi della salute per il LA Times, giornalista medico per CNN, Primo Segretario Alla Salute e All’Igiene Mentale del Maryland, John Hopkins trained Physician, Best Seller nella classifica del New York Times.

AZIONE SULL’IPERTENSIONE
Ho interrogato un medico newyorkese, il dottore Scott Gerson, che ha effettuato uno studio in doppio ceco (i pazienti non erano al corrente di ciò che veniva loro somministrato) per valutare l’influenza del Noni sull’ipertensione.

Durante 14 settimane il dottore Gerson ha condotto le sue ricerche su 9 pazienti (6 uomini e 3 donne). Questi affetti da ipertensione sono stati selezionati casualmente e non sapevano di consumare del Noni. Hanno conservato lo stesso regime alimentare , la stessa attività fisica che avevano prima di comminciare il trattamento. 8 dei 9 pazienti hanno manifestato una diminuzione significativa della loro pressione arteriosa, la loro tenzione sistolica (numero alto) è diminuito del 7,5 % ( in media ) e la tensione diastolica (numero basso) è diminuita del 4 % (in media ugualmente).

Il dottore Gerson è stato il primo a dimostrare questo attraverso questo piccolo studio clinico; in seguito queste cifre si sono verificate presso la maggior parte dei consumatori di Noni. Nessun medico ha potuto constatare che la pressione arteriosa poteva scendere sotto la norma e tutti hanno segnalato che gli effetti secondari erano insignificanti e praticamente inesistenti.
La maggior parte dei pazienti hanno constatato un ritorno all’ipertensione dopo l’interruzione del trattamento, poi un abbassamento della loro tensione fino alla normale dopo avere ripreso del Noni.

Gli effetti della xeronina sull’ipertensione sono innegabili. Altri studi in più grande scala sono stati da allora realizzati e confermano i lavori del dottore Gerson.

AZIONE SUL DOLORE
È riconosciuto che una delle principali azioni del Noni è la capacità di alleviare gran parte dei dolori.
Eminenti medici d’Occidente , d’Asia del Sud Est, d’Hawaii o ricercatori contemporanei come Ralph HEINICKE o clinici naturopati tali il dottore Steve Schechter ribadiscono che il Noni permette al corpo di guarire da solo e di sopprimere il dolore.

Per quanto mi riguarda ritengo che queste due teorie sono complementari. Devono esistere altre sostanze sconosciute nel Noni che contribuiscono in modo sinergico al sollievo del dolore. (Ref: Liquid Island NONI-The tropical fruit with 101 medicinal uses, 1998, Woodland Publishing)

La Xeronina riduce, ed in alcuni casi fa scomparire una grande parte dei dolori.

Dr. HALTON DELBERT D.C.
Diplomato in Chiropratica al College di Chiropratica di Palmer. Diplomato in biologia.

Da quaranta anni circa, avevo un dolore insistente nel basso della schiena. Questo mi impediva di fare qualsiasi attività casalinga normale. Dopo 6 settimane durante le quali ho preso del Noni, il dolore è rapidamente scomparso. Allora ho incominciato a raccomandare il Noni ai miei pazienti. Da allora non ho avuto che dei successi.

La situazione la più incredibile di cui sono stato testimone è quella di una donna affetta dall’Aids. Dopo avere preso del Noni la sua quantità unitaria di cellule T è passata da 169 a 400 ed i suoi sintomi si sono stabilizzati.

Ho conosciuto una storia simile con un paziente colpito da un cancro del polmone, i suoi tumori hanno incominciato a riassorbirsi da quando ha incominciato a prendere del Noni.

Qualche anno fa, uno dei mei pazienti ha subito importanti traumatismi a causa di un incidente stradale: si è fratturato diverse costole, una spalla ed un ginocchio. Da allora ha molti problemi di artrite ed in modo particolare al ginocchio. Quando ha incominciato a prendere del Noni il dolore al ginocchio è sparito immediatamente e progressivamente anche i dolori della spalla e delle costole. Oggi quest’o uomo vive felice senza alcun dolore.

Un altro dei mei pazienti si era fratturato un osso della caviglia, questo dolore era insistente e la ferita è rimasta gonfia per più di un anno e mezzo. Solo 10 giorni dopo avere cominciato a consumare del Noni, dolori e gonfiori sono spariti completamente.

Attribuisco tutte queste guarigioni alla proprietà che il Noni ha di aprire le pareti cellulari, ciò permette di assimilare una quantità maggiore di nutrimenti e di eliminare tutto ciò che può essere all’origine di malattie. Ho visto dei risultati incredibili fra i mei pazienti o altre persone consumatori di Noni. Lo raccomando a tutte le persone che hanno problemi di salute.
(Ref: HEALTH-NEWS, Volume 4, Numero 2, TRIPLE R PUBLISHING, Inc.)

Gli effetti della xeronina contenuta nel Noni sono spettacolari e ciò su malattie le più varie.

  • Il noni è uno dei poli di ricerca più importanti dell’inizio del terzo millennio.
  • Nei prossimi 15 anni, applicazioni farmaceutiche sempre più specifiche ne dovranno derivare.
  • Il Noni è una delle grandi speranze della ricerca del ventunesimo secolo.

RICERCA SPERIMENTALE
Da una ricerca condotta dal Prof. Dr. Solomon su 8000 persone che hanno assunto il succo di Noni è emerso che dal 60% al 90% dei casi c’è stato un miglioramento della salute.

Un giusto impiego del Noni per il corpo…e per lo spirito

Quando consumiamo del succo di frutta, siamo abituati a misurare le quantità in termini di grandi bicchieri, che consumiamo anche più volte nel corso di una giornata. Al contrario, con il Noni l’unità di misura sono i cucchiai da tavola ed è il corpo stesso a richiedere le quantità di cui necessita.

La dose giornaliera consigliata del succo di Noni varia molto a seconda della persona che intende assumerla e del tipo di effetti che ci si aspetta: si tratta di una terapia di mantenimento o si cerca sollievo da qualche patologia? Ciascuno di noi è diverso e il metabolismo di ognuno varia secondo innumerevoli parametri (stile di vita, alimentazione ecc). Quello che si può fare è tenersi sotto stretto controllo nel periodo in cui si inizia ad assumere il Noni. E’ necessario prestare attenzione a come il corpo reagisce e a come ci si sente. In alcuni casi di sovraddosaggio, per la forte attività detossinante del Noni, si sono avuti casi di feci molli o molto abbondanti, ecc. Se è il vostro caso, o se si è particolarmente sensibile bisogna ridurre la dose giornaliera fino a trovare la soluzione ottimale.

La cosa migliore sarebbe essere seguiti da un nedico esperto nell’uso del Noni, che possa studiare le dosi e le terapia del caso. Non bisogna dimenticare che in linea di principio l’uomo può essere allergico a qualsiasi cosa, sebbene i casi di reazione allergica al Noni siano limitatissimi. Chi sappia, ad esempio, già per esperienza di essere allergico alla frutta tropicale (come il mango, la papaya, il kumquat o il litchi) stia particolarmente attento, soprattutto nei primi giorni di assunzione e cominci con piccole dosi. In questi casi sarebbe opportuno essere seguiti da uno specialista, che può facilmente determinarese l’eventuale reazione allergica sia dovuta al Noni o a qualche altra sostanza. Prima che la proxeronina raggiunga l’intestino, dove viene assorbita per essere ridistribuita a tutto l’organismo, deve superare una serie di difficili ostacoli. Durante il processo digestivo, infatti vengono liberati nello stomaco l’acido cloridrico e il pepsinogeno. Da quest’ultimo si sintetizza la pepsina che avvia il processo di idrolisi, ossia la disgregazione delle macromolecole mediante aggiunta di molecole di acqua. Quando la proxeronina si dissocia nelle sue componenti semplici non è più in grado di liberare la xeronina. Ecco perché sarebbe preferibile assumere il Noni a stomaco vuoto, cioè almeno 2-3 ore dall’ultimo pasto.

Si consiglia di mangiare di nuovo almeno 30 minuti dopo aver bevuto il succo: questo è il tempo che ci mette mediamente a raggiungere l’intestino. Per questo motivo è necessario non berlo assieme al latte che rallenta il deflusso dallo stomaco al duodeno, nè diluirlo, in modo da non iniziarne la digestione.

Per un corretto consumo del Noni si raccomanda l’assunzione di 25 ml (pari a circa due cucchiai da tavola) due volte al giorno, mattina e sera, preferibilmente a stomaco non pieno. Si consiglia di trattenere in bocca ogni sorso per 10-20 secondi prima di deglutire e dopo bere un bicchiere d’acqua per accelerare il raggiungimento del succo all’intestino. Non bisogna esagerare con i succhi addizionali: la proxeronina è delicata e dovrebbe giungere all’intestino senza passare per uno stomaco in piena fase digestiva.
Il Noni può essere assunto anche diluito in acqua o con succo di frutta. E preferibile aspettare circa 30 minuti prima di prendere tè, caffè, alcool, tabacco.

Essendo assorbito anche dalle mucose buccali, come abbiamo già avuto modo di dire, si dovrebbero aspettare almeno 15 minuti prima di lavarsi i denti, dopo averlo assunto. E se Io avete preso senza aggiungervi zucchero e prima della colazione mattutina, procedete a lavarli con lo spazzolino dopo aver finito di mangiare ma evitate il colluttorio.

Il corretto utilizzo del prodotto è variabile a seconda dell’età di chi lo assume. Per chiarezza ci teniamo a precisare che i valori forniti sono da considerarsi puramente indicativi. Per determinare la reazione nei confronti del Noni, sarebbe opportuno cominciare con una razione di “rodaggio” di 5 millilitri (un cucchiaino) due volte al giorno per 3-7 giorni.

Nel caso di bambini e ragazzi sotto i 16 anni questa dose dovrebbe essere ridotta della metà. Questa fase di prova, a dosaggio molto ridotto è necessaria qualora si abbiano fondate ragioni per temere una risposta allergica. Nel caso non si avesse alcuna reazione di questo tipo si può tranquillamente procedere ad aumentare la dose in un intervallo di tempo da 3 a 6 settimane, fino ad arrivare a 25 ml (un bicchierino) al giorno per gli adulti e 15 ml (circa due cucchiai) per i ragazzi. A partire da qui se si nota che è ben tollerato e non si manifesta alcuno degli effetti menzionati sopra, si può aumentare ancora nei mesi successivi fino ad arrivare a due bicchierini, uno prima di pranzo e un altro prima di cena. Per i piccoli, le dosi saranno un bicchierino prima di pranzo e 2 cucchiai prima di cena. Si possono protrarre questi quantitativi fino al termine della cura. Le dosi variano molto anche in relazione al peso corporeo: le persone che pesano molto devono tenerlo presente se vogliono che il trattamento sia efficace. In particolare coloro che pesano più di 120 kg dovrebbe aggiungere alle dosi sopradette 15 ml di Noni ogni 25 kg di sovrappeso. Sono riportati casi di gravi infermità che, al fine di ottenere una soddisfacente risposta terapeutica, spinsero ad aumentare la dose di Noni fino a 0,5-1 l al giorno. Si tratta ovviamente di casi limite.

Esistono tre diverse possibilità per cui gli effetti benefici del Noni si manifestano più o meno rapidamente o più o meno diffusamente.

 

1) Assumere il succo di Noni a piccoli sorsi, trattenerlo in bocca per 10-20 secondi prima di inghiottirlo. Farlo muovere un po’ all’interno della bocca. Questo procedimento permette alle migliaia di terminazioni nervose della bocca, lingua e palato di preparare gli organi digestivi alla ricezione del Noni. In questo modo tutto il corpo si disporrà in maniera ottimale per ricevere il succo. Per di più alcune delle sostanze benefiche contenute nel Noni vengono assorbite direttamente tramite la bocca nella circolazione sanguigna attraverso i vasi sublinguali.

2) Se si volesse assumere una dose extra di Noni nel corso della giornata, ma non si ha abbastanza tempo (prima o dopo i pasti), si può provare a fare così: bere a piccoli sorsi muovendolo il succo da un lato all’altro della bocca, per il più a lungo possibile come per il precedente, le sostanze attive verranno assorbite nella bocca. In questo caso, però non si tratta più di avvertire l’apparato digerente dell’arrivo del Noni, quanto piuttosto di assorbirne la maggior quantità possibile direttamente dalla bocca. È in questo caso inutile assumerne grandi quantità, piuttosto è utile ripetere l’operazione di frequente. Potrebbe rappresentare anche un valido aiuto per chi cerca di smettere di fumare. Durante la disintossicazione è molto utile poter sostituire all’atto compulsivo (accendere la sigaretta, la sensazione di avere qualcosa in bocca) un surrogato: masticare chewing-gum o, appunto, centellinare il Noni. Al suo potere detossificante (di cui abbiamo parlato estesamente nel capitolo) si aggiungerebbe anche quello di essere un’utile terapia comportamentale.

3) E’ possibile migliorare ancora le capacità del Noni, compiendo una piccola cura con olio, prima di assumere il Noni. Occorre prendere un cucchiaio di Olio di semi di girasole (che provenga da coltivazioni biologiche certificate), che deve essere tenuto in frigo almeno per un’ora. Tenere in bocca per un quarto d’ora, muovendolo contro i denti, passando- lo bene in ogni punto della bocca. Sputarlo. In nessun caso deve essere inghiottito. Per tutto questo tempo, infatti l’olio si è caricato delle tossine e dei residui metabolici del sangue e della ghiandola Imfatica, estraendoli attraverso la mucosa della bocca. Sciacquare più volte con acqua corrente, ma senza usare collutori e senza lavare i denti. Attendere ancora 5-10 minuti, quindi bere il Noni nella dose che si è stabilita. Questo tipo di procedimento è molto intenso e lo si raccomanda soprattutto nel caso di cure intensive.

È doveroso ricordare che nel caso in cui si sappia con certezza che il proprio corpo è molto sensibile agli integratori alimentari è consigliabile assumere il Noni a giorni alterni, si aiuterà il corpo ad abituarsi al prodotto e pian piano procedere ad un utilizzo quotidiano.

Abbiate pazienza. E’ risaputo che di norma i prodotti naturali hanno tempi più lunghi di quelli chimici per fare effetto.

Una percentuale molto bassa di persone hanno sentito effetti di disintossicazione come per esempio mal di testa, nausea, diarrea, dermatiti o stanchezza, dopo aver cominciato a bere il succo Noni. Ciò è assolutamente normale, e mediamente i disturbi scompaiono da soli entro un breve lasso di tempo (al massimo una settimana). E’ un indizio che il vostro corpo si sta purificando, vale a dire espellendo le tossine. NON ABBANDONATE IL SUCCO, è meglio ridurre eventualmente la dose che smettere del tutto! Se vi risulta difficile tollerare il fastidio, dimezzate il dosaggio o cercate di aumentarlo per accelerare il già avviato processo di disintossicazione.

APPROFONDIMENTO: il segreto del NONI

APPROFONDIMENTO: Noni, il miracolo della natura

APPROFONDIMENTO: Il superenzima del NONI

APPROFONDIMENTO: Noni e fibromilagia

APPROFONDIMENTO: Il NONI

Domande e Risposte

Il succo del Noni, nonostante le molteplici proprietà benefiche per l’organismo, a tutt’oggi risulta ancora semi-sconosciuto ai più, e sono molti i dubbi sollevati dai “neofiti” che si avvicinano a questo prodotto per la prima volta.
Abbiamo raccolto le domande e risposte che vengono poste più frequentemente sul succo di Noni, al fine di fornire una guida pratica e veloce e chiarire definitivamente ogni perplessità in materia.

Perché bere il succo di Noni?
Il succo puro di Noni, pur non essendo un medicinale, è un’ottima terapia per il proprio corpo. Aiuta a sentirsi meglio e a lenire il dolore. Solo il succo puro di Noni, senza conservanti, mantiene integre le sue componenti e quindi non ne compromette l’efficacia.

Il succo di Noni guarisce tutte le malattie?
Come più volte è stato ribadito nel libro, il Noni non deve essere assunto come sostituto di medicine. Ha indubbiamente effetti analgesici, immunostimolanti, antipertensivi ma non può essere preso pensando che abbia effetti miracolosi. Vero è che il Noni sia di grande aiuto nella maggior parte dei casi, elargendo i suoi doni nella misura in cui si è fisicamente e mentalmente in grado di riceverli. Provare per un paio di mesi non ha certo mai danneggiato nessuno.

Agisce molto rapidamente?
Non è facile dare in questo caso una risposta univoca perché essa varia dalle caratteristiche fisiche e psicologiche dell’individuo che ne fa uso. Potremmo però dire che sulla base di alcune osservazioni è stato riscontrato che dopo circa sei settimane dal primo utilizzo (ricordiamo che il Noni deve essere assunto regolarmente secondo le indicazioni precedentemente fornite), i risultati sono stati esaltanti: il corpo acquisisce maggior energia, si percepiscono grandi miglioramenti e l’individuo che lo assume psicologicamente si sente più attivo.

Si può bere il succo di Noni per tutta la vita?
Certamente sì, ed è anche consigliabile se si vuole trascorrere una vita in piena forma e con lo spirito giusto. Non c’è quindi un limite di tempo per la sua assunzione. Con certezza possiamo aggiungere che fino ad ora non sono stati registrati casi di soggetti che pur prendendo il Noni per anni abbiano avuti effetti indesiderati.

Durante la gravidanza le donne possono bere il succo di Noni?
Certamente. Anzi è perfino auspicabile che lo facciano. Il Noni è una garnde fonte di nutrimento, ottimizza l’assorbimento delle sostanze vitali e migliora il rendimento generale dell’organismo. Per di più in questo periodo altamente stressante per ogni donna, il Noni rappresenta un valido sostegno psicologico. È dimostrato che migliora e stabilizza l’umore cosa che sarà di grande aiuto non solo per le mamme, ma anche per i futuri papà.

I diabetici possono assumerlo?
La quantità di idrati di carbonio contenuta in un cucchiaio (25ml) è molto ridotta, ma i diabetici devono tenerla in debita considerazione. In generale molti sono i benefici che il Noni può apportare ai diabetici: i Kahuna lo utilizzano da secoli per curare proprio questo male.

I bambini possono prenderlo?
I principi attivi del Noni sono di grande aiuto per i bambini di tutte le età. Anzi un momento delicato come la crescita dovrebbe essere particolarmente seguito e curato sotto l’aspetto nutrizionale: abbiamo visto come il Noni migliori l’assorbimento degli alimenti e la funzionalità delle proteine: sarebbe un gran bene che anche i piccoli potessero giovarsi di queste sue caratteristiche. Secondo le testimonianze non solo gli adolescenti che ne fanno uso abituale hanno meno problemi di acne dei loro compagni, ma sono anche più equilibrati e sereni.

È possibile sovradosarlo?
Si, ma non è necessario. Il Noni non è una medicina, ma un alimento molto naturale e salutare, che dà una tonificante stimolazione al nostro organismo.

Sono possibili reazioni allergiche in seguito all’ingestione di Noni?
Normalmente no. Teoricamente qualsiasi tipo di sostanza è potenzialmente in grado di scatenare reazioni allergiche. Molte persone sono allergiche a diversi alimenti senza nemmeno saperlo o senza nemmeno essere a conoscenza dell’alimento specifico che arreca loro disturbi.
L’allergia è infatti una reazione di eccessiva difesa dell’organismo di fronte a qualcosa che di suo, non è affatto pericoloso.
Le persone che hanno manifestato allergia nei confronti della frutta esotica o degli agrumi, non devono necessariamente sviluppare reazioni allergiche nei confronti del Noni.
Uno studio su vasta scala, condotto negli Stati Uniti ha dimostrato che, fra i consumatori di Noni la percentuale di persone risultate allergiche è intorno allo 0.

Quali sono gli effetti secondari dell’assunzione di Noni?
La FDA (Food & Drugs Administration) degli Stati Uniti ha classificato il Noni come GRAS (Generally Regarded As Safe), confermando in tal modo che il frutto non è tossico. Considerate che nel novero degli alimenti GRAS non rientrano sostanze come la nicotina né l’aspirina. Possono eventualmente comparire effetti secondari all’accelerato processo di purificazione. Questo comporta per esempio che transitoriamente il nostro sudore e le nostre secrezioni corporee abbiano un odore differente, disgraziatamente più acre e acuto. Consoli il fatto che si tratta di sostanze che altrimenti sarebbero rimaste all’interno dell’organismo intossicandoci. Lo stesso dicasi per le impurità della pelle che a volte, in un primo momento aumentano, per ridursi poi fino a scomparire. Se le tossine rimangono all’interno del nostro organismo rallentano e intralciano i processi biologici, fino a determinare vere e proprie patologie.

Il Noni influisce sulla capacità di guidare?
Nella sola misura in cui stimola l’attenzione e rende più reattivi e pronti. In nessun caso dà sonnolenza o intorpidimento.

Può dare dipendenza?
Assolutamente no. Al contrario come abbiamo ripetuto già più volte, è un utile coadiuvante in ogni terapia disintossicante da sostanze che danno dipendenza come la nicotina, la cocaina, la caffeina ecc. Secondo il dottor Heinicke, non c’è nessun tipo di dipendenza che non possa essere debitamente trattata con l’aiuto del Noni. Consiglia una vera e propria terapia d’urto, assumendo grandi dosi di succo per tre giorni, in modo tale da avere a disposizione una buona quantità di xeronina all’interno del proprio corpo per “darsi una bella ripulita” da tossine e impurità.

La raccolta del frutto può danneggiare l’albero o l’ambiente?
Il Noni, come abbiamo visto, matura costantemente durante tutto l’arco dell’anno. Questo permette di evitare sia all’ambiente che alla coltivazione lo stress di una raccolta intensiva.

Il succo di Noni può essere affiancato all’assunzione di farmaci?
Decisamente sì, ma sarebbe preferibile prendere il succo e i farmaci in momenti diversi della giornata.

Il succo di Noni può essere assunto nei periodi di degenza?
Per tutti coloro che hanno affrontato un intervento chirurgico, nel periodo post-operatorio possono assumere il Noni. Sarà per loro un toccasana in quanto donerà energia e vitalità ed accelererà il decorso della convalescenza.


Approfondimenti:

Dalla Polinesia il miracolo della natura

Articoli sul NONI

NONI miracolo della natura

 

 

NONI CAPSULE Promopharma 50 caps
Prezzo: € 14,00

pulsante_acquista2

Il monoconcentrato di Noni contiene Morinda citrifolia L., succo liofilizzato, che risulta utile per l’effetto antiossidante e tonico in caso di stanchezza fisica e mentale. La somministrazione in capsule evita la “sofferenza” dell’ingerire un succo dal sapore sgradevole che può essere difficoltoso per i palati più delicati.

La dose consigliata è di 2 capsule al giorno preferibilmente alla mattina prima della colazione. Gli effetti rispetto al succo sono leggermente più ritardati in quanto ci vuole più tempo per far si che tutti i principi attivi del Noni vengano sprigionati all’interno del nostro organismo.

Il damnacanthale, un composto trovato nella Morinda Citrifolia genera proprietà adattogeniche. Stimola ed intensifica il sistema immunitario, compresi i macrofagi e componenti linfocitari vitali dei leucociti e dei meccanismi di difesa naturale del corpo.

INGREDIENTI Noni (Morinda citrifolia L., succo liofilizzato) polv., addensanti: cellulosa microcristallina, amido di mais, antiagglomeranti: biossido di silicio, magnesio stearato, costituente della capsula: gelatina vegetale (idrossipropilmetilcellulosa).

PAPAYA VIVIDUS FERMENTATA 500 ml
Prezzo: € 39.00

pulsante_acquista2

L’impegno Vividus di «selezionare e controllare direttamente l’intera filiera produttiva» dà i suoi frutti (di qualità). Infatti, Papaya Vividus fermentata è naturale al 100%, tutti i suoi ingredienti sono OGM free e non contiene conservanti, coloranti e additivi chimici.

La Papaya Vividus proviene da una coltivazione biologica, certificata in Australia, e le altre piante sono coltivate, sempre in Australia, senza uso di erbicidi, pesticidi o fertilizzanti chimici.

A differenza di prodotti simili, Papaya Vividus termentata utilizza “Mature Green Papaya”, cioè frutti maturi ma ancora verdi, perché è in questo stadio di maturazione che la papaya sviluppa il massimo contenuto di principi attivi e di enzimi. Un’ulteriore differenza è rappresentata dagli ingredienti. Infatti Papaya Vividus fermentata è a base di “Mature Green Papaya” intera (frutto, semi e foglie) 46,6% e Tè Verde 0,04%

Fornisce elementi importanti per l’organismo: la Papaina, insieme alla Chimopapaina ai Lisozymi e alla Lipasi, enzimi che migliorano notevolmente la digestione delle proteine e dei lipidi, in qualsiasi ambiente di pH.

Le informazioni riportate in questa pagina sono solo a scopo informativo, tratte da un’ampia sitografia presente in internet. L’unica finalità è quella di mantenere il valore e la natura della rete: la facile reperibilità di informazione.
Le informazioni sui principi attivi dei singoli componenti dei prodotti e sui prodotti stessi, desunte tutte da un’ampia sitografia presente in rete, e dai siti delle ditte fornitrici, non intendono trattare, curare alcuna malattia o patologia. Queste potrebbero, inoltre, riportare errori e/o omissioni. Pertanto ogni utilizzo improprio è a proprio rischio e pericolo. Si ricorda, altresì, che gli integratori alimentari non sono prodotti curativi e pertanto non possono vantare alcuna proprietà terapeutica. Le indicazioni, presenti sul sito, fanno riferimento all’impiego per il sostegno dell’organismo in periodi particolarmente difficili.